Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Sociologia del cinema fantastico

 | 
Alberto Trobia

6. Il pubblico del Ritorno del Re in Italia: risultati dell’indagine campionaria

Alberto Trobia, Serena Scianna, Sonia Mendola et Marco Panzica

Note de l’auteur

Alberto Trobia ha scritto la Premessa e i paragrafi 6.2, 6.3, 6.5; Serena Scianna ha scritto il paragrafo 6.1; Marco Panzica e Sonia Mendola hanno scritto il paragrafo 6.4.

Texte intégral

Premessa

  • 1 I Paesi coinvolti nella ricerca sono stati venti, e precisamente: Australia, Austria, Belgio, Canad (...)

1In questo capitolo, vengono presentati i risultati italiani dell’indagine effettuata a livello mondiale1 sull’audience del film Il Ritorno del Re (d’ora in poi, RDR) (cfr. Barker, infra).

  • 2 Ciò vuol dire che le percentuali riportate in queste pagine non sono in alcun modo generalizzabili (...)
  • 3 Non è certo la dimensione di un campione che decide della sua qualità. Tuttavia, poiché lo scopo de (...)

2Il campione, di tipo non probabilistico2, è risultato – alla fine della rilevazione – composto da 460 casi (il campione mondiale, invece, ha raggiunto la considerevole quota di 24.282 unità3). Si tratta di un campione autoselezionato, formato da persone che hanno volontariamente risposto o ad un’intervista strutturata disponibile online o ad un’intervista somministrata all’uscita dai cinema. La maggior parte degli intervistati italiani ha risposto alla prima (328 casi, pari al 71,4%), le rimanenti interviste sono state somministrate fuori dai cinema da alcuni studenti in Scienze della comunicazione delle Università di Palermo (89 questionari, pari al 19,3%), Catania e Messina (43 questionari, pari al 9,3%).

  • 4 Inglese, olandese, francese, tedesco, spagnolo, italiano, sloveno, greco, turco, cinese, lingua gal (...)

3L’intervista, riportata in appendice al volume, è stata elaborata da M. Barker, che ha coordinato la ricerca, e dai suoi collaboratori presso l’Università di Aberystwyth nel Galles. Essa era uguale in tutti i Paesi. Durante la rilevazione, è stata pubblicizzata su Internet, attraverso motori di ricerca, forum, fanzine ecc., e soprattutto sul sito www.lordoftheringsresearch.net, dove è stata pubblicata in diverse lingue e diversi set di caratteri4.

6.1 I dati descrittivi

  • 5 L’elaborazione dei dati presentati in questo paragrafo è stata effettuata da Alberto Trobia e Seren (...)
  • 6 La domanda non prevedeva la modalità “disoccupato”. Molte persone, tuttavia, hanno voluto specifica (...)

4Le caratteristiche sociografiche dei rispondenti sono riportate nelle Tabb. 1-35. Il campione presenta una prevalenza di maschi (65,2%); di ragazzi d’età compresa fra i 16 e i 25 anni (60,2%); e di studenti (55%). Questo dato è ovviamente spiegato dal fatto che le persone che frequentano maggiormente i cinema e hanno una maggiore confidenza con Internet sono i giovani studenti (cfr. l’Appendice 1 alla fine del volume). Nella Tab. 3, che riporta la professione degli intervistati, la categoria “altro” è formata soprattutto da disoccupati6.

Tab. 1 - Il sesso degli intervistati

v.a.

%

Maschi

300

65,2

Femmine

160

34,8

460

100

 

Tab. 2 - L’età degli intervistati

v.a.

%

<16

37

8,0

da 16 a 25

277

60,2

da 26 a 35

111

24,2

da 36 a 45

24

5,2

da 46 a 55

9

2,0

da 56 a 65

1

0,2

>65

1

0,2

460

100

 

Tab. 3 – La professione degli intervistati

v.a.

%

Dipendente della PA/Impiegato/Insegnante

31

6,7

Dirigente/Libero professionista/Creativo

52

11,3

Casalinga/Pensionato

4

0,9

Commerciante

12

2,6

Operaio

8

1,7

Studente

253

55

Altro

100

21,8

460

100

 

5La prima domanda dell’intervista riguardava il gradimento generale del film. Come si vede dalla Tab. 4, il 68,5% degli intervistati ha giudicato il film “estremamente” o “molto” divertente. Questo dato si spiega con la forte presenza di appassionati del genere fantasy e lettori del libro di Tolkien nel campione che si è autoselezionato. Gran parte dei rispondenti ha risposto all’intervista online, infatti, a cui è arrivata attraverso motori di ricerca, siti specializzati ecc.; in ogni caso, partendo da un preesistente interesse personale. Ciò va tenuto costantemente presente nella lettura dei dati che seguono.

 

Tab. 4 - Cosa pensi del film?

v.a.

%

Estremamente divertente

164

35,7

Molto divertente

151

32,8

Sufficientemente divertente

92

20,0

Raramente divertente

36

7,8

Per niente divertente

14

3,0

n.a.

3

0,7

460

6Il gradimento generale del film viene confermato dalla post-codifica delle risposte aperte alla domanda: “Puoi riassumere un’opinione personale sul film?”. Quasi il 90% degli intervistati lo ha gradito (cfr. la Tab. 5), mentre solo l’1,7% dice di non avere un’opinione precisa sul RDR.

7Se passiamo ad esaminare le ragioni di tale gradimento, vediamo che il 60% circa degli intervistati ha apprezzato il film nella sua globalità. Nettamente staccati seguono: l’adattamento del libro (15,8%), che – come vedremo – è un tema sul quale i fan si sono divisi, e vari aspetti legati alla messa in scena (effetti speciali, ambienti, scenografie, costumi) (15,1%).

 

Tab. 5 - Puoi riassumere, con parole tue, un’opinione personale sui film?

v.a.

%

Mi è piaciuto

411

89,3

Non mi è piaciuto

41

9

Non saprei rispondere

8

1,7

460

 

Cosa ti è piaciuto?

v.a.

%

Tutto

246

59,9

La traduzione del romanzo nel film

65

15,8

Effetti speciali, ambienti, scenografie, costumi

62

15,1

Storia, trama, dialoghi

28

6,8

Soundtrack

10

2,4

411

8La Tab. 6 mostra le risposte ad una domanda che aveva l’intento di esplorare la dimensione dell’attesa del film in varie direzioni, che vengono poi esplorate con una successiva domanda a risposta aperta (cfr. la Tab. 7): “Quanto è stato importante per te vedere il film?”. Per il 46% circa dei rispondenti è stato “estremamente” importante vedere il RDR. Per il 32%, “molto”.

 

Tab. 6 - Quanto è stato importante per te vedere il film?

v.a.

%

Estremamente

211

45,9

Molto

151

32,8

Sufficientemente

74

16,1

Poco

14

3,0

Per niente

7

1,5

n.r.

3

0,7

460

 

9Un dato costante emerso dalla ricerca, tuttavia, è costituito dalle critiche rivolte alla produzione del film, dalla distanza tra le logiche dei veri produttori e quelle dello spettatore che per un attimo immagina di trovarsi nei loro panni. Sono così emersi alcuni elementi interessanti rispetto alla messa in scena del film, in questo caso determinati anche da una pre-competenza rappresentata dalla lettura del libro di Tolkien (cfr. la Tab. 7). Gli intervistati hanno, infatti, considerato fondamentale, in primo luogo, la sceneggiatura e la sua fedeltà al libro (66,7%), insieme alla curiosità di veder concludere la trilogia dopo la lunga attesa (65,2%). Essi hanno mostrato di apprezzare particolarmente la tecnica di Peter Jackson. Volevano un regista che avesse, per usare le parole di un intervistato, “una patente di riconoscimento”; il che non significa un nome importante, bensì una cifra stilistica forte. Ricordo che Peter Jackson viene da un mercato di nicchia, qual è quello dell’horror splatter. La presenza o meno di un regista campione d’incassi non sembra interessare molto il nostro “spettatore-produttore”, così come non pare essenziale un cast d’attori noti; piuttosto, la preoccupazione è che questi ultimi assomiglino il più possibile ai personaggi fantasticati leggendo il libro.

 

Tab. 7 - Quali sono state le ragioni principali per cui hai voluto vederlo?

v.a.

%

Ho letto il libro

307

66,7

La passione per Tolkien

Per confrontare la trasposizione cinematografica con il libro e/o la mia immaginazione

Concludere la trilogia avendo visto gli altri due film

300

65,2

La lunga attesa

Mi piace il genere fantasy

153

33,3

Curiosità

128

27,8

Gli effetti speciali, le ambientazioni, le scene e/o le tecniche di ripresa, le battaglie rappresentate

70

15,2

Gli attori e/o i personaggi

55

12,0

La fama, le critiche e la pubblicità

44

9,6

Mi hanno spinto amici / familiari

42

9,1

La storia appassionante

40

8,7

Amo il buon cinema

27

5,9

Il regista P. Jackson

24

5,2

La passione per i giochi di ruolo

10

2,2

Lavoro /studio

7

1,5

Altro

186

40,4

NB. Le modalità di risposta sono il risultato di una post-codifica effettuata sulle risposte aperte. La somma delle percentuali non è pari a 100, perché la domanda prevedeva più risposte.

 

10Le risposte alla domanda sul tipo di storia rappresentata dal RDR (cfr. la Tab. 8) sono oggetto di una riflessione approfondita nel capitolo successivo (cfr. Milia, infra). Già Martin Barker, d’altra parte, ha segnalato la particolarità di questa domanda, nel suo capitolo di presentazione della ricerca internazionale. Qui mi limito a segnalare come l’elemento epico della storia sia stato il più scelto dagli intervistati (62%); e come la categoria “fantasy”, che addirittura definisce il genere del Signore degli Anelli, compaia curiosamente al terzo posto della graduatoria (43,3%). Quest’ultima modalità di risposta è stata effettivamente anch’essa molto scelta, ma associata ad altre che hanno finito col prevalere. L’analisi di Veronica Milia, nel capitolo successivo, cercherà di gettar luce proprio su tali associazioni multiple.

 

Tab. 8 - Quale delle seguenti espressioni, secondo te, descrive meglio la storia?

v.a.

%

Epica

285

62,0

Mito/leggenda

218

47,4

Fantasy

199

43,3

Avventura

173

37,6

Buoni vs cattivi

86

18,7

Film con effetti speciali

77

16,7

Viaggi spirituali

73

15,9

Allegoria

56

12,2

Favola

52

11,3

Storie di guerra

42

9,1

Game world

17

3,7

Catastrofico

5

1,1

NB. La somma delle percentuali non è pari a 100, perché la domanda prevedeva più risposte

 

11Come dimostrano le riflessioni di molti studiosi [cfr., ad esempio, Nepoti, 2004, pp. 125-133; Metz, 1977] e le opere di molti registi, esistono notevoli affinità tra cinema e attività onirica. Nel corso della visione d’un film, lo spettatore entra in un “regime di credenza” simile alla condizione di chi sogna. Egli ha l’illusione d’essere proprio lui a girare il film, come in un sogno. Lo stesso territorio in cui si svolge il discorso cinematografico è fatto d’illusioni, utopie e miraggi. Lo stretto legame tra cinema e sogno, messo in evidenza anche in alcuni contributi di questo volume, spiega un dato piuttosto interessante emerso dalla ricerca. Alla domanda: “Dove e quando è per te la Terra di Mezzo?”, infatti, gli spettatori intervistati hanno spesso dato una loro interpretazione fantastica, cambiando, e in alcuni casi stravolgendo, il luogo in cui è effettivamente ambientato il RDR: la Nuova Zelanda.

 

Tab. 9 - Dove è per te la Terra di Mezzo?

Dove

v.a.

%

Europa

38

9,9

Inghilterra

33

8,6

Scozia

11

2,9

Irlanda

20

5,2

(TOTALE GB = 16,8)

Scandinavia/Finlandia (1)

13

3,4

Germania

5

1,3

Grecia

3

0,8

Sicilia/Nella provincia di Enna (1)

3

0,8

Abruzzo

1

0,3

Toscana

1

0,3

(TOTALE ITALIA = 1,3)

0,0

Francia

1

0,3

Europa dell’Est

1

0,3

TOTALE EUROPA

34,0

Nuova Zelanda / Australia

20

5,2

Oriente / Asia /Mongolia-Tibet / Mesopotamia

4

1,0

USA

2

0,5

Da nessuna parte

68

17,8

Non so

20

5,2

POSTI FANTASTICI

27,0

Universo parallelo

53

13,9

Dentro di me/Nel mio cuore

19

5,0

La Terra di Mezzo/La contea (3)/Il fosso di Helm (1)

15

3,9

Nei sogni

5

1,3

Atlantide

3

0,8

Dove vorrei vivere

2

0,5

Nei videogiochi

3

0,8

Nei cartoni animati

1

0,3

Gli ideali

1

0,3

Il Paradiso cristiano

1

0,3

POSTI REALI/NATURALI

9,2

La Terra

14

3,7

Boschi e foreste (che conosco)

5

1,3

La campagna

3

0,8

Casa mia

2

0,5

Un libro

2

0,5

Altro (la scuola, il WC, l’oceano, un cielo stellato, la TV, uno stato totalitario, dove c’è la guerra, una persona che ho conosciuto, ovunque)

9

2,4

TOTALE RISPOSTE

382

N.B. Le modalità di risposta sono il risultato di una post-codifica effettuata sulle risposte aperte. La somma delle percentuali non è pari a 100, perché la domanda prevedeva più risposte.

 

12La maggior parte degli intervistati immagina l’Europa come possibile Terra di Mezzo (34%); ma il dato più sorprendente è che il 27% trasforma un luogo reale (la Terra di Mezzo/Nuova Zelanda) in un “posto fantastico” (“un universo parallelo”, “dentro di me/nel mio cuore”, “nei sogni”, “dove vorrei vivere”, “gli ideali”, “il Paradiso cristiano”). Il 9,2% degli spettatori immagina dei posti reali/naturali (il pianeta Terra, la campagna, i boschi o le foreste, la propria casa, la scuola, dove c’è la guerra). Pensando alla Terra di Mezzo, solo il 5,2% degli spettatori si riferisce al luogo reale delle riprese, rispondendo: “Nuova Zelanda” (cfr. la Tab. 9).

13Altrettanto interessanti sono le risposte che riguardano il periodo storico in cui, secondo gli intervistati, è ambientato il film (cfr. la Tab. 10). In questo caso, la maggior parte degli spettatori ha pensato al Medioevo (44,9%), mentre il 17,8% ha risposto “in nessun tempo”. Alcuni preferiscono immaginare un tempo che non c’è, un “universo parallelo” (13,8%). Il 6,8% si riferisce ad un generico passato; il 3,1% riporta il film ai nostri giorni; infine, l’1,8% fa coincidere la Terra di Mezzo con una fase della propria vita: l’infanzia, l’adolescenza, o la vita intera.

 

Tab. 10 - In che periodo si trova per te la Terra di Mezzo?

Quando

v.a.

%

Nel Medioevo

172

44,9

In nessun tempo

68

17,8

In un universo parallelo

53

13,8

Non so

20

5,2

Ai nostri giorni

12

3,1

Sempre

4

1,0

Passato remotoi

11

2,9

Preistoria

11

2,9

All’origine del mondo

4

1,0

TOTALE TEMPI REMOTI

6,8

Rinascimento

4

1.0

II Guerra Mondiale

4

1.0

Rivoluzione industriale

3

0.8

Nella mitologia

3

0.8

Inizio del secolo (2)/Tra le due guerre

2

0,5

Età dell’oro (Grecia) / Antica Roma

2

0,5

Guerra fredda

1

03

Le rivoluzioni nella storia

1

0,3

Al tempo dei Saraceni

1

0,3

TOTALE ALTRE RISPOSTE

5,5

Adolescenza

3

0,8

Infanzia

2

0,5

Un periodo della mia vita

1

0,3

La vita intera

1

0,3

TOTALE CORSO DI VITA

1,8

TOTALE RISPOSTE

383

N.B. Le modalità di risposta sono il risultato di una post-codifica effettuata sulle risposte aperte. La somma delle percentuali non è pari a 100, perché la domanda prevedeva più risposte.

 

14Attraverso i dati emersi dalla ricerca, possiamo tentare di affrontare il tema dell’identificazione dello spettatore cinematografico. Come annotava il regista Nelo Risi [cit. in Senatore, 2004]: «Il cinema è una tecnica dell’immaginario che ha per fondamento la finzione; tra lo spettatore e lo schermo si stabilisce un rapporto d’identificazione con l’immagine; nel buio della sala noi ci specchiamo nello schermo, stabiliamo con lo schermo una relazione ma non ci specchiamo come nello specchio perché lo schermo non può rispecchiare lo spettatore; proietta invece persone, oggetti e paesaggi nei quali ci identifichiamo. Siamo dunque in una dimensione simbolica. Noi stiamo a guardare, al buio, un sogno cinematografico […]. Quel sogno, è qui il dato singolare, coinvolgente, richiede la nostra attenzione cosciente. Abbiamo rivissuto un vissuto, e rivisitato un sogno che non ci apparteneva, e che abbiamo fatto nostro». Le condizioni della visione (l’oscurità della sala, l’inibizione motoria, la passività, l’allentamento della censura) rinforzano lo stato d’identificazione dello spettatore cinematografico, consentendogli di “entrare” nel film, adottando una prospettiva ed un ruolo. «Il cinema, esperienza culturale ammessa e legittimata, esclude per sua natura ogni relazione d’oggetto e relativi rischi, sostituendola con un’identificazione nel significante immaginario del film, effigie priva di oggettualità; così ritualizza socialmente il desiderio di regressione (l’identificazione è uno stato di regressione narcisistica che si instaura su uno stato di mancanza) dello spettatore, offrendogli un piacere compensativo a partire da uno stato di mancanza e di solitudine» [Nepoti, 2004, p. 146]. È proprio a questo punto che lo spettatore può partecipare effettivamente alla vicenda, investire in essa il proprio interesse e farsene coinvolgere fino a sostituirsi, simbolicamente, ai personaggi dello schermo (cambiando, ad esempio, il luogo del film), identificandosi parzialmente con essi e proiettando su di essi, una parte anche cospicua di sé.

15Ecco, allora, che i personaggi preferiti possono rappresentare un indicatore complesso del contratto comunicativo che si è venuto a stabilire tra il film e lo spettatore. La Tab. 11, che mostra la graduatoria dei personaggi più amati, vede il personaggio di Frodo collocato sorprendentemente al quinto posto della graduatoria, con il 6,3% delle preferenze. Il personaggio preferito in assoluto è Aragorn, scelto dal 20% circa degli intervistati. Sono comunque i “buoni” ad occupare i posti più alti della lista. Sottolineerei, infine, anche il fatto che sia Tolkien sia l’anello sono stati considerati dei “personaggi” del film.

 

Tab. 11 - Chi è il tuo personaggio preferito?

v.a.

%

Aragorn (Grampasso)

91

19,6

Sam

78

17,0

Gandalf

70

15,2

Legolas

70

15,2

Frodo

31

6,7

Gimli

24

5,2

Gollum

22

4,8

Eowyn

13

2,8

Faramir

12

2,6

Boromir

12

2,6

Galadriel

8

1,7

Sauron

8

1,7

Re Theoden

7

1,5

Arwen

4

0,9

Pipino

4

0,9

L’anello

3

0,7

Tolkien

3

0,7

Barbalbero

2

0,4

Eomer

2

0,4

Merry

2

0,4

Cavalieri neri

1

0,2

Tutti

11

2,4

Nessuno

16

3,5

Non so

3

0,7

TOTALE RISPOSTE

460

NB. La somma delle percentuali non è pari a 100, perché la domanda prevedeva più risposte

 

16Che cosa ha spinto gli intervistati ad andare a vedere il RDR? La maggior parte di essi (il 56,7%) afferma che la lettura del libro è stata decisiva (cfr. la Tab. 12). Una percentuale altrettanto elevata (il 28,5%) dichiara di averlo scelto perché aveva visto gli episodi precedenti. Il regista e gli attori sono stati citati solo da pochissimi intervistati. Come è stato osservato, nel quadro internazionale delle regole dello star system, i rapporti tra star e film si stanno stravolgendo: «l’attore non è più il veicolo promozionale più importante per il film, ma è il film stesso a promuovere l’immagine dell’attore su altri media» [Casetti, Mariotti, Pilati e Silva, 1998, p. 62]. Questo dato confermerebbe una visione del cinema in termini antropologici o culturali, secondo la quale esso assolverebbe principalmente alla funzione di “narratore di storie”. Svuotato della funzione informativa e documentaria (ormai quasi completamente assorbita da altri media: tv, pay tv, Internet etc.), ricoperta fino agli anni Cinquanta, il cinema ha comunque conservato per sé la funzione di cantastorie.

 

Tab. 12 - Quale elemento è stato per te più importante, nel decidere di andare a vedere il film?

v.a.

%

I libri

261

56,7

Le prime due parti del film

131

28,5

Il regista

17

3,7

Qualcosa nella realtà

9

2,0

Uno degli attori

8

1,7

Un altro libro o film

5

1,1

Un videogame

1

0,2

Altro

6

1,3

Niente in particolare

22

4,8

460

 

Tab. 13 - Qual è per te la singola cosa più importante del film?

v.a.

%

La storia

153

33,3

L’anello

41

8,9

L’amicizia

41

8,9

I personaggi

31

6,7

Gli effetti speciali

23

5,0

I valori

15

3,3

La distruzione dell’anello

14

3,0

La sconfitta del male/Sauron

11

2,4

L’epica

10

2,2

La guerra

10

2,2

Il regista Peter Jackson

10

2,2

Il libro

9

2,0

Il coraggio

9

2,0

La fantasia e la magia

9

2,0

Il messaggio

9

2,0

La scenografia

9

2,0

La lotta fra il bene e il male

8

1,7

La colonna sonora

6

1,3

Il finale

5

1,1

L’amore

2

0,4

Tolkien

2

0,4

La saggezza

1

0,2

Non risponde

32

7,0

460

 

17Ciò emerge ulteriormente quando si chiede agli spettatori qual è la cosa più importante del film: il 33% risponde, ancora, “la storia” (cfr. la Tab. 13). È qui probabilmente che va rintracciato il successo di film come il RDR. La lotta fra il bene e il male, caratterizzata da tremende battaglie, e l’avventura di una “compagnia” capeggiata da un giovane ragazzo che deve portare a termine la sua missione per salvare il mondo degli uomini, sono sicuramente delle valide premesse per un’avvincente storia fantastica.

 

Tab. 14 - Quali sono state le tue principali fonti d’informazione sul film prima di vederlo? (n=460)

v.a.

%

Internet (in generale)

299

65,0

Forum

14

3,0

Newsgroup

2

0,4

Usenet

2

0,4

Mailing-list/e-mail

2

0,4

319

69,3

Amici

263

57,2

Trailer (anche scaricati da internet)

199

43,3

TV

157

34,1

Manifesti

54

11,7

Libro

31

6,7

Pubblicità

18

3,9

Giornali/quotidiani

56

12,2

Riviste

140

30,4

196

42,6

Fratello/sorella – Cugino

6

1,3

Fidanzato/a

2

0,4

Recensioni

2

0,4

Fiera del fumetto

1

0,2

Cartoni animati

1

0,2

DVD

1

0,2

Tutto

2

0,4

Non risponde

3

0,7

N.B. La somma delle percentuali non è pari a 100, perché la domanda prevedeva più risposte

 

18Passando ad esaminare le fonti d’informazione degli spettatori intervistati (cfr. la Tab. 14), vediamo che questi ultimi si orientano prevalentemente sul “fai da te”, fuori dalle piste codificate dalla critica. Il 69,3% dei casi ha attinto informazioni da Internet (forum, newsgroup, usenet, mailing-list/e-mail). Tuttavia, questo è un dato che va preso con estrema cautela: la stima è sicuramente distorta dal fatto che la maggior parte degli intervistati ha risposto ad una intervista online. Hanno poi avuto molta importanza, sia come strumento di informazione sia nell’influenzare la scelta di vedere il film, gli amici (57,2%). Altrettanto significativa è l’informazione che proviene dai quotidiani, e soprattutto dalle riviste (nel complesso il 42,6%), e dai trailer (43,3%). È interessante osservare come tra le fonti che incidono meno vi siano i manifesti (11,7%).

19Abbiamo avuto già modo di commentare la Tab. 13, a proposito del ruolo decisivo che ha svolto la storia nel conferire importanza al film. La tabella, tuttavia, ci suggerisce due ulteriori chiavi di lettura. Il film è stato importante anche per la presenza di valori forti (ad esempio, l’amicizia, l’amore, la saggezza, la lotta tra Bene e Male, la sconfitta di quest’ultimo, il “messaggio”) e la possibilità di immergersi in una spettacolarità, caratterizzata dagli effetti speciali (5%), dalla fantasia e dalla magia (2%), dalle scenografie (2%), da una coinvolgente colonna sonora (1,3%).

 

Tab. 15 - C’è qualcosa che disapprovi particolarmente nel film?

v.a.

%

No

102

21,9

L’infedeltà rispetto al libro

81

17,4

I tagli/il montaggio (alcune scene andrebbero tolte) (1)

48

10,3

I personaggi

36

7,7

Troppo lungo

35

7,5

La storia

30

6,5

Il regista

30

6,5

Le guerre (troppe scene)

15

3,2

Il finale (scontato o lungo o noioso)

11

2,4

La promozione del film/la sala in cui l’ho visto

8

1,7

Le scene d’amore

7

1,5

Gli effetti speciali

5

1,1

È un’americanata

5

1,1

Troppo breve

4

0,9

Le esagerazioni

4

0,9

Il doppiaggio

2

0,4

È vuoto di contenuti

2

0,4

N.R.

35

7,5

460

98,9

 

20Il pubblico che ha risposto alle nostre interviste si dimostra, come peraltro è stato notato anche per lo spettatore cinematografico più in generale [cfr., per limitarci alla sola letteratura italiana, Fanchi, 2005 e Casetti, 2006], piuttosto competente. Quando ha avuto l’occasione di indicare quali fossero, a suo avviso, gli aspetti più negativi del film, si è fondamentalmente soffermato sull’adattamento del libro e sul montaggio (cfr. la Tab. 15).

21Un’altra linea critica si è rivolta agli aspetti più commerciali del film e al gigantismo della produzione. Le Tabb. 16 e 17 confermano come i nostri intervistati appartengano ad una particolare nicchia di spettatori, che ama il cinema fantasy, avendo visto e rivisto i due precedenti film della trilogia di Jackson, e ha letto i libri di Tolkien (in complesso, il 65,3% dei casi).

 

Tab. 16 - Hai letto i libri?

v.a.

%

Ho letto tutti e tre i libri una volta

118

25,7

Ho letto tutti e tre i libri più di una volta

182

39,6

Ho letto qualcuno dei libri

21

4,6

Lo sto leggendo

37

8,0

Non ho letto nessun libro

102

22,2

460

 

Tab. 17- Quante volte hai visto le prime due parti del film?

La compagnia dell’anello

v.a.

%

Una volta

67

14,6

Più di una volta

388

84,3

Non l’ho ancora visto

5

1,1

460

 

Le due torri

v.a.

%

Una volta

105

22,8

Più di una volta

343

74,6

Non l’ho ancora visto

12

2,6

460

 

22Lo spettatore cinematografico contemporaneo, il suo rapporto con il cinema e con il film sono molto cambiati. Una delle prime conclusioni generali a cui si giunge, osservando i dati della ricerca, è che viene ridimensionata la capacità del cinema di imporre, come avevano teorizzato i film studies negli anni Settanta, un determinato punto di vista allo spettatore. Quest’ultimo, invece, riceve dal film solo degli stimoli, dei “suggerimenti”, delle chiavi di interpretazione, che lo aiutano a ricostruire ciò che avviene sullo schermo, spesso seguendo percorsi del tutto personali. Insomma, siamo davanti a uno spettatore “attivo” e “sociale”. Egli è al centro dell’attività di produzione simbolica riferita al cinema; una produzione simbolica che viene continuamente negoziata con gli altri [Sorlin, 1977, pp. 118-120]: sia con gli spettatori in sala, sia con la cerchia di conoscenze.

23Vanno tuttavia ricordati i limiti di generalizzabilità di queste conclusioni, che – come detto più volte – si riferiscono solo ad un certo tipo di spettatori: perlopiù, i fan del Signore degli Anelli che usano Internet e le nuove tecnologie.

6.2 La segmentazione dell’audience: tipi ideali di spettatore7

  • 7 Gran parte dei risultati qui presentati e discussi sono stati già riportati in Trobia [2005, pp. 49 (...)
  • 8 Si tratta di una tecnica d’analisi multivariata, generalmente di tipo esplorativo, per la soluzione (...)
  • 9 Tale procedura prevede che il ricercatore determini a priori il numero dei cluster. Ciascun caso vi (...)

24Allo scopo d’identificare i tipi ideali di spettatore che hanno risposto all’intervista, è stata effettuata una cluster analysis8, i cui risultati sono illustrati nella Fig. 1. La procedura adottata è quella delle k-medie, applicata a cinque variabili ordinali9: il giudizio complessivo sul film, l’importanza attribuita allo stesso, la visione dei due film precedenti, la lettura dei libri di Tolkien.

  • 10 La scelta del numero iniziale di gruppi è avvenuta seguendo il criterio proposto da Biorcio [ibid., (...)

25Alla fine dell’analisi, sono stati individuati quattro cluster10. L’ispezione delle medie di ciascun cluster per ogni item, riportate nella Fig. 1, suggerisce una tipologia di spettatori composta dal critico lettore (cluster n. 1), dal fan deluso (cluster n. 2), dal fan entusiasta (cluster n. 3) e dallo spettatore di massa (cluster n. 4). Il primo profilo, infatti, presenta bassi valori su tutte le variabili prese in considerazione, tranne quella riguardante la lettura dei libri di Tolkien, in cui si allinea agli appassionati, e quella riguardante la visione del primo film della saga. Il RDR non viene considerato importante da vedere; e il giudizio complessivo espresso è negativo.

Fig. 1 - K-means clustering: risultati

Fig. 1 - K-means clustering: risultati

26Il secondo e il terzo cluster sono piuttosto simili. Essi differiscono solo per la prima variabile messa in analisi, riguardante il giudizio complessivo sul film, registrando i valori più alti su tutte le altre. Vi sono, dunque, da una parte gli appassionati molto soddisfatti del film, e dall’altra coloro che si sono dichiarati delusi. Il quarto profilo, infine, è composto da chi non ha letto nulla di Tolkien; ha visto di più il primo film: “La compagnia dell’anello”; riteneva discretamente importante vedere l’ultimo il RDR; e ha espresso un giudizio complessivo in linea con quello dei fan delusi. Naturalmente, ciò che interpretiamo come delusione, negli appassionati, va letto diversamente nel caso dello “spettatore di massa”, cui il film piace comunque, ma non allo stesso modo dei fan più entusiasti.

27La distribuzione dei quattro gruppi nel campione è illustrata nella Fig. 2. Come si vede, il gruppo più numeroso è costituito dagli spettatori di massa (30,9%), i quali tuttavia non sono molto distanti dai fan entusiasti e dai fan delusi (rispettivamente, il 27,8% e il 27,3%). Nettamente staccati, in una posizione minoritaria, troviamo i critici lettori (14%).

Fig. 2- Tipi di spettatore che hanno visto il film “Il Ritorno del Re” (n = 457)

Fig. 2- Tipi di spettatore che hanno visto il film “Il Ritorno del Re” (n = 457)

28I gruppi emersi dall’analisi rappresentano delle astrazioni, degli idealtipi, rispetto ai casi concreti. Quanto sono distanti tali casi concreti dai tipi ideali? In termini statistici, il tipo astratto è rappresentato dal centroide, il centro ideale di gravità del cluster, rispetto al quale ciascun caso concreto è più o meno distante.

 

Tab. 18- Media delle distanze dal centroide

N. del cluster

Etichetta Attribuita

Numerosità

Media delle distanze dal centro del cluster

Distanza Minima

Distanza Massima

1

Critico lettore

14%

0,22

0,15

0,42

2

Fan deluso

27,3%

0,12

0,09

0,37

3

Fan entusiasta

27,8%

0,09

0,06

0,31

4

Spettatore di massa

30,9%

0,24

0,14

0,60

 

29Al termine di una cluster analysis, quasi tutti i software di analisi statistica (come, ad esempio, SPss, Statistica o SAS) consentono di salvare in coda alla matrice CxV le distanze euclidee di ciascun caso dal centroide; se ne calcoliamo la media, avremo una misura della variabilità interna a ciascun cluster e, di conseguenza, della sua “rappresentatività” e coerenza. La Tab. 18 mostra i valori ditali medie. Come si vede, il gruppo più omogeneo al suo interno è quello dei fan entusiasti (0,09); mentre il meno omogeneo, come era prevedibile, è quello composto dagli spettatori di massa (0,24), al cui interno si collocano individui maggiormente diversi fra loro.

30È possibile andare oltre nell’interpretazione dei cluster? Se abbiamo raccolto dati quali-quantitativi, come nel caso della nostra intervista (cfr. Barker, infra), la risposta a questa domanda è certamente affermativa.

31Come detto, per ogni caso incluso nella matrice CxV è possibile conoscere il cluster a cui appartiene e la distanza dal suo centro ideale. Avremo pertanto dei casi più o meno somiglianti al tipo ideale emerso a livello statistico. Per spingere oltre l’interpretazione, possiamo chiederci quali risposte gli intervistati più vicini ai centroide abbiano dato alle domande aperte. Nella Tab. 19, sono riportate alcune delle citazioni più significative estratte, per ciascun tipo di spettatore, dai casi statisticamente più rappresentativi, al fine di giungere ad una descrizione più ricca dei gruppi emersi dalla cluster analysis. Per ogni caso, è riportato anche il codice identificativo, e la distanza esatta dal centroide del cluster.

32Leggendo gli estratti relativi al primo cluster, prevale il tema che potremmo definire del “Tolkien tradito”. In tutte le citazioni, infatti, gli intervistati mettono in evidenza un cattivo adattamento del libro. Questo tema s’intreccia, poi, con la valutazione del film in sé, da un punto di vista puramente cinematografico. In questo caso, le valutazioni sono però meno critiche. Le citazioni degli intervistati appartenenti al secondo cluster sono coerenti con l’idea del fan deluso. Anche in questo caso, tuttavia, le maggiori lamentele riguardano il cattivo adattamento del libro; mentre le valutazioni sul film in quanto tale non sono in genere negative. Il primo e il secondo cluster, in definitiva, sembrerebbero pressoché sovrapponibili.

 

Tab. 19 – Selezione di alcune citazioni significative per ogni cluster

CL1 (Il critico lettore)

Caso n. 15290 – Dist. 0,15:
“Alla prima visione ti emoziona, gli avvenimenti non ti lasciano respiro. Alla seconda cominci a notare i difetti...”; “sono fan di Tolkien da anni”; “lo stravolgimento della psicologia di molti personaggi è in contrasto con quanto descritto nel libro”.

Caso n. 15264 – Dist. 0,15:
“Troppa azione, battute di dubbio gusto, poca poesia, personaggi snaturati. Grande regia e bellissima colonna sonora”; “sono appassionato di Tolkien”; “I morti che saltano giù dalle cavi: va contro la filosofia di Tolkien, e sinceramente fa vincere troppo facilmente i buoni”; “è la migliore trasposizione de Il signore degli anelli sul grande schermo, ma sicuramente si può fare di meglio. Troppe licerrze poetiche e qualche attore non troppo all’altezza oscurano un pa’ il film”.

Caso n. 16496 – Dist. 0,15:
“Non riporta tutti i valori morali espressi da Tolkien nella sua opera. Alcune parti sono state saltate”; “La musica molto bella: come diceva il grande Sergio Leone, una buona musica incide sul 40% del film!”.

CL2 (Il fan deluso)

Caso n. 17068 – Dist. 0,09:
“Credo che sia un film ben riuscito, anche se non del tutto completo rispetto alla trilogia del signore degli anelli”; “non rappresenta molte scene del libro per me importanti”; “sono un’appassionata di Tolkien: volevo vedere com’era la riproduzione in film”; “per me è un’esigenza personale”.

Caso n. 11929 – Dist. 0,09:
“Probabilmente troppo americano in alcuni punti, riesce comunque a trasmettere buona parte delle emozioni presenti nel romanzo”; “eccesso di ricerca di spettacolarità a tutti i costi in alcuni punti (Legolas che abbatte l’elefante scalandolo e altro)”; “un’opera eccezionale, che se non avesse avuto dietro le major hollywoodiane poteva anche essere leggermente più fedele all’opera originale. Sicuramente meglio se con le parti tagliate per la versione commerciale, frutto purtroppo di una politica fortemente commerciale per il mercato DVD/Home Video”; “ho un amore per il romanzo di origine”; “ho letto il romanzo a 16 anni”; “ho apprezzato il film per l’enorme sforzo del regista”.

Caso o. 15280 – Dist. 0,08:
“I tagli necessari per portarlo ad una visione nelle sale ne hanno fortemente Intaccato la struttura narrativa. L’impatto scenico delle azioni corali e la visione scenografica sono notevoli. Personalmente ritengo che forse Peter Jackson avrebbe avuto bisogno di un po’ più di tempo, ma evidente: sente qualcosa è saltato...”; “sono un’appassionata di Tolkien”.

CL3 (Il fan entusiasta)

Caso o. 17099 – Dist. 0,06:
“Il più bel film che abbia mai visto”; “ho tetto il libro”; “ho visto i primi doe film”; “la mia adolescenza è la mia Terra di Mezzo”; “per me è stato molto importaste vederlo con i miei migliori amici, compagni di tante avventure”.

Caso z. 3715 – Dist. 0,06:
“Grande trasposizione cinematografica di 00 libro meraviglioso”; “ho un grande amore per il libro”; “mi ha colpito l’aderenza dei personaggi e dei luoghi del film con quelli del libro”; “c’è una differenza tra la versione presentata nei cinema e la extended edition, che risolta naturalmente più completa”; “sì mi piace condividere le emozioni che provo con persone che hanno la mia stessa passione”.

CL4 (Lo spettatore di massa)

Caso o. 17848 – Dist. 0,14:
“Dello, ma mancano alcune scese che ci si aspetta di vedere”; “so che mancano alcune scene, tra coi la lotfa tra r due maghi”; “l’ho visto, perché mi avevano invitato a vederlo”.

Caso n. 11516 – Dist. 0,14:
“Davvero un’opera magnifica. Si percepisce il lavoro monumentale di creativi e tecnici. Jackson è riuscito nella non facile impresa di raccontare il grande fantasy appassionando un pubblico eterogeneo. Se si analizza l’intera trilogia, ci ritroviamo davanti ad on capolavoro epico”; “essendo una trilogia era logico andarli a vedere tutti e tre”; “andare al cinema è sempre un’esperienza sociale, per il semplice tatto che è consuetudine andarci in gruppo e condividere così la visione... seguita da innumerevoli chiacchiere”.

Case e. 15505 – Gist. 0,71:
“Avvincente e ben fatto”; “ho visto i primi due”; “volevo sapere cone finiva”; “il nano è il più divertente”; “le scene di guerra sono un po’ troppo lunghe”; “è bello alla fine del film scambiarsi le opinioni positive o negative sul film”.

Caso s. 12799 – Gist. 0,22:
“Un film piacevole, fatto bene, che si attiene al libro, e credo che difficilmente si sarebbe potuto fare di meglio. Delle le battaglie, anche se credo che delle tre parti la prima è la migliore”; “volevo vedere se la seconda era all’altezza della prima parte”; “volevo vedere come si concludeva la trilogia”; “in realtà non sono così attento a tutto: mi limito a vederlo”; “non proprio un evento sociale, ma certo diventa argomento di discussione, visto il forte interesse, e quindi la gente decide di vederlo anche solo per non essere tagliato fuori da eventuali discussioni”.

33Gli appartenenti al terzo gruppo, coerentemente con il profilo che li caratterizza, esprimono giudizi entusiasti sul film. Al contrario dei primi due, essi apprezzano la fedeltà al libro, e le loro dichiarazioni sono molto emozionali, passionali; in tutte le citazioni, emerge la dimensione sociale legata alla visione del film. Anche per gli intervistati che appartengono al quarto cluster andare a vedere il film è stato innanzitutto un evento sociale; un evento del quale poter poi discutere con gli altri. Il giudizio che essi esprimono è complessivamente positivo, mettendo generalmente in evidenza gli elementi più spettacolari del film (effetti speciali, personaggi bizzarri, scenografie ecc.). Le rare critiche riguardano, ancora una volta, le scelte di montaggio.

  • 11 Per la verità, già nella soluzione a tre gruppi il guadagno della varianza è piuttosto alto, il che (...)
  • 12 Barker, espandendo l’idea iniziale di triangolazione, suggerisce di interpretare, in un continuo pr (...)

34Il percorso sin qui seguito ci spingerebbe a ritornare sui dati, per un ulteriore affinamento dell’analisi e una migliore interpretazione dei gruppi. La via qualitativa, infatti, ci propone la fusione dei primi due cluster, mentre la via quantitativa suggerirebbe di portare il numero dei gruppi a cinque11. Né l’una, né l’altra via comunque sono in grado, da sole, di proporci le ricche descrizioni fornite in queste pagine, frutto di una prima triangolazione dei dati. Ci pare, in definitiva, che il percorso di triangolazione non possa risolversi in modo unidirezionale, esso deve essere piuttosto inteso come un processo iterativo, in questo senso fornendo delle ragioni in più per l’adozione del concetto di loop proposto da Barker [2004]12.

6.3 Le rappresentazioni del RDR

  • 13 L’ACL è una tecnica di natura eminentemente esplorativa, che – come altre tecniche di tipo fattoria (...)

35In questo paragrafo, intendiamo ulteriormente arricchire il quadro tratteggiato nelle pagine precedenti, con una ulteriore analisi delle risposte aperte, questa volta attraverso la tecnica dell’analisi delle corrispondenze lessicali (d’ora in poi, ACL) [Lebart e Salem, 1988; Amaturo, 1989; Bolasco, 1999]13.

36L’ACL produce uno o più grafici a dispersione del tipo mostrato in Fig. 3. La cosa più importante da notare è che gli oggetti (le parole e le modalità delle variabili) più significativi sono quelli più lontani dall’origine degli assi. «Interpretare un asse fattoriale significa trovare ciò che vi è di analogo, da una parte tra tutto ciò che è situato a destra dell’origine (o baricentro), dall’altra tra tutto ciò che è alla sinistra di questo, ed esprimere poi con concisione ed esattezza l’opposizione tra i due estremi» [Benzécri, cit. in Lancia, 2004, pp. 86-87]. I fattori vanno dunque intesi come organizzatori di relazioni oppositive tra insiemi o classi [Lancia, 2004, p. 87]. Tali relazioni oppositive valgono sia in senso orizzontale (sinistra/destra), sia in senso verticale (alto/basso). Dall’esplorazione di questi oggetti e dalle opposizioni emerse è possibile identificare le fondamentali dimensioni di senso presenti all’interno del corpus. «In sostanza, gli assi fattoriali consentono di ricostruire dei sintagmi ideali, vale a dire dei modelli teorici di enunciati latenti presenti nel corpus» [Bolasco, 1997, p. 193, corsivi in originale].

  • 14 L’autovalore è un valore caratteristico di ogni fattore. La somma di tutti gli autovalori prende il (...)

37La scelta degli assi fattoriali più importanti viene fatta sulla base della tabella degli autovalori, considerando l’inerzia riprodotta14. La percentuale di inerzia riprodotta da un determinato fattore indica di quanto esso è responsabile della variabilità complessiva rispetto a tutti gli altri. Nel nostro caso (cfr. la Tab. 20), il primo fattore riproduce il 20,21% e il secondo fattore il 18,84% dell’inerzia. In totale, il piano fattoriale composto dalle prime due dimensioni spiega il 39,04% dell’inerzia complessiva. Un valore come questo, in genere, indica una buona capacità del modello costruito di “spiegare” le differenze interne ai dati.

Tab. 20- Autovalori e percentuali di inerzia riprodotta (output del programma SPAD)

Tab. 20- Autovalori e percentuali di inerzia riprodotta (output del programma SPAD)
  • 15 Non sono incluse le risposte date alle interviste effettuate all’uscita dai cinema, perché tali ris (...)
  • 16 Le variabili attive (segnate con un triangolo con la punta in alto) servono a costruire statisticam (...)

38La Fig. 3 illustra il piano cartesiano prodotto dai primi due fattori emersi dall’analisi. Nel grafico sono riportate le parole più significative utilizzate dai 324 rispondenti all’intervista online su Il Ritorno del Re15, nonché tutte le modalità delle variabili attive e delle variabili illustrative messe in analisi16. Gli oggetti più vicini tra loro nel grafico, siano essi modalità o parole, vanno interpretati come reciprocamente correlati. Per una migliore interpretazione dei dati, tuttavia, il ricercatore deve ispezionare anche la tabella delle coordinate fattoriali per ciascun oggetto (qui non riportata per esigenze di spazio).

Fig. 3 – ACL delle 324 risposte alla domanda: “Riassumi un’opinione personale sul film” (fattori i e 2, output del programma SPAD)

Fig. 3 – ACL delle 324 risposte alla domanda: “Riassumi un’opinione personale sul film” (fattori i e 2, output del programma SPAD)

39Le parole “mortale” (associata con “noia”) e “inutile” caratterizzano il primo fattore, e segnalano un’area critica nei confronti del film. Dalla lettura completa dei tabulati, emergono le seguenti dimensioni di senso: sul primo asse, abbiamo il tema della valutazione critica del film sul continuum noioso/divertente (parole o segmenti tipici sono: sul semiasse positivo, fantasmagorico, grandioso, è un’opera colossale, epica ecc.; sul semiasse negativo, noia, mortale, abnorme, palloso, inutile, americanata ecc.). Sul secondo asse abbiamo il tema della trasposizione dal libro al film; un tema declinato lungo il continuum realtà/finzione. Da una parte, abbiamo coloro che giudicano la riduzione cinematografica del libro da un punto di vista estetico: sia positivamente (la maggior parte) sia negativamente (parole o segmenti tipici sul semiasse positivo sono: effetti, spettacolari, favoloso, accurata, perfetta, giustizia al libro, in immagini, all’altezza, appesantito ecc.); dall’altra, coloro che la giudicano da un punto di vista, per così dire, tecnico (parole o segmenti tipici sul semiasse negativo sono: dare, pienamente, completamente, lo spirito, all’originale, Gollum, Saruman, gente ecc.). Tuttavia, mentre a proposito del primo fattore si può parlare di una chiara opposizione semantica fra la critica più “feroce” e l’idea di un capolavoro epico e grandioso (la bellezza del film, infatti, è giudicata in base alla sua spettacolarità); la stessa chiarezza non emerge sul secondo fattore.

40La lettura della Fig. 3 può risultare molto scomoda e lunga da effettuare, anche con il supporto delle più chiare tabelle delle coordinate fattoriali. Per questa ragione, esistono delle tecniche che consentono una clusterizzazione degli oggetti disposti sul piano fattoriale, al fine di supportare il ricercatore nella ricerca di specifici pattern presenti nei dati testuali. Si tratta di una terza via, che permette di praticare un ulteriore percorso di triangolazione tra i dati raccolti. La tecnica migliore è la cosiddetta analisi tematica dei contesti elementari (ATCE). Questo tipo di analisi ha il pregio di rispondere meglio agli obiettivi conoscitivi tipici dell’analisi del contenuto tradizionale, i quali riguardano fondamentalmente l’individuazione e la determinazione del peso di particolari “nuclei tematici” (o isotopie’) ricorrenti all’ interno del corpus [Reinert, 1986].

41Di seguito, illustriamo i risultati di un’ATCE effettuata con il programma T-Lab [Lancia, 2004, pp. 141-148]. L’algoritmo implementato in T-Lab è fondamentalmente molto simile a quello impiegato nel più noto software Alceste (Analyse des Lexèmes Co-occurents dans les Enoncés Simples d’un Texte) [Reinert, 1986; Matteucci e Tornasetto, 2002]. Nel nostro caso, abbiamo messo in analisi 375 lemmi, tanti quanti risultano dalla definizione di una soglia di occorrenze superiore a 2. L’analisi ha prodotto una soluzione a 4 cluster, la cui disposizione sul piano fattoriale è quella illustrata nella Fig. 4-A. La lettura della figura va fatta nello steso modo di una comune ACL. L’unica novità sta nel fatto che, in questo caso, troviamo rappresentati sul piano fattoriale anche i cluster tematici.

Fig. 4 – TCE delle 324 risposte alla domanda: “Riassumi una opinione personale sul film” (fattori I e 2, output del programma T-Lab) e distribuzione delle isotopic nel corpus

Fig. 4 – TCE delle 324 risposte alla domanda: “Riassumi una opinione personale sul film” (fattori I e 2, output del programma T-Lab) e distribuzione delle isotopic nel corpus

42Ogni cluster rappresenta un tema ricorrente all’interno del testo, una isotopia. I cluster rimandano a “mondi lessicali”, a vocabolari specifici d’una classe di significato. Secondo Reinert [cit. in Matteucci e Tomasetto, 2002, p. 309], i mondi lessicali sono le manifestazioni osservabili dei “luoghi di enunciazione” più abituali, vale a dire dei “luoghi di pensiero”, degli “spazi mentali” sui quali il locutore si sofferma per parlare di un certo argomento. A loro volta, tali luoghi possono rappresentare delle dimensioni latenti sottostanti al discorso. «Noi chiamiamo “mondi lessicali” le impronte lessicali di questi luoghi nell’enunciazione, mondi che sono visualizzati, tecnicamente, dal vocabolario specifico delle classi» [ibid.]. Alcuni di essi sono più frequenti di altri e fungono da poli d’attrazione nella costruzione del pensiero. Il grande interesse del sociologo per i mondi lessicali sta nel fatto che essi fanno parte delle conoscenze implicite del locutore e sono condivisi dalla comunità linguistica. In questo senso, Reinert ravvisa una sorta di ponte tra lo studio statistico di un testo e lo studio delle rappresentazioni sociali [ibid., pp. 310-311]. La distribuzione delle quattro aree tematiche nel corpus è riportata nella Fig. 4-B.

43La Tab. 21 mostra i primi elementi che caratterizzano ciascun gruppo. La graduatoria è basata sui valori di chi-quadrato specifici di ciascun lemma o modalità di variabile (con p <0,05). Il primo cluster (28,13%) rappresenta la posizione di chi ha apprezzato il film, ma lamenta i numerosi tagli e le “infedeltà” rispetto al libro di Tolkien: sono i temi di coloro che abbiamo chiamato i fan delusi e i lettori critici. Il secondo cluster (17,58%) identifica la posizione di chi ha apprezzato il film, ritenendolo “entusiasmante”, “meraviglioso”, “divertente”, fedele allo spirito del libro, e sottolineando l’abilità del regista e la bellezza delle scene (i temi dei fan entusiasti). Il terzo cluster (12,11%) è ancora una volta composto da temi favorevoli al film, ma in questo caso i lemmi sono accomunati dal riferimento alle emozioni, mentre non vi è alcun riferimento ai libri.

 

Tab. 21 – Analisi delle tipologie dei contesti elementari; cluster 1-4 (output T-Lab)

Tab. 21 – Analisi delle tipologie dei contesti elementari; cluster 1-4 (output T-Lab)

44Questi potrebbero essere i temi degli spettatori di massa. Il quarto cluster (42,19%), infine, include i lemmi che si riferiscono ai valori positivi trasmessi dal film, assieme a una valutazione positiva dello stesso: anche in questo caso, si potrebbe trattare dei temi proposti dagli spettatori di massa. In realtà, nel caso degli ultimi due cluster, è probabile che si tratti di isotopie trasversali, che troviamo un po’ in tutti gli intervistati.

45Rispetto alle nostre prime classificazioni, dobbiamo sottolineare delle differenze, sebbene un paragone non sia del tutto corretto, in quanto qui abbiamo raggruppato parole e non individui. Ritroviamo una sovrapponibilità tra fan delusi e lettori critici; una conferma relativamente ai fan entusiasti e una migliore messa a fuoco degli spettatori di massa, nei quali pare che convergano due temi complementari: le emozioni e i valori. Temi, però, che è lecito suppone siano stati ripresi trasversalmente anche dagli intervistati appartenenti ad altri gruppi.

46Per avere ulteriori conferme, possiamo esaminare i cosiddetti contesti elementari (C.E.), uno strumento “qualitativo”, e le associazioni di parole all’interno di ciascun gruppo, uno strumento “quantitativo”. I C.E. selezionati da T-Lab sono testi-tipo che appartengono ad un determinato cluster. Si tratta di enunciati di lunghezza comparabile, marcati dalla punteggiatura o dal segno di a-capo, utilizzati anche nell’ambito del software Alceste. Nella Tab. 22, riporto – solo a titolo d’esempio – la lista completa dei C.E. che fanno riferimento al primo cluster.

 

Tab. 22 – Contesti elementari del cluster n. 1 (output T-Lab)

TESTO N° 0178 VAL-4 IMP-3 AGE-2 SEX_1 OCC_1 COMP-3 TOW 3 READ-5
molto avvincente.le scene sono girate magistralmente a parte le tantissime (ben tre capitoli) che ahimè sono state tagliate rispetto al libro, un po’ noioso il primo tempo.

TESTO N° 0169 VAL-4 IMP-5 AGE-2 SEX_2 OCC_2 COMP-3TOW 3READ-5
mi è piaciuto motto il primo film, si attiene abbastanza al libro anche se sono state tagliate delle parti. Il secondo invece è stato un po’ modificato anche nei caratteri dei personaggi oltre che in quello che succede. Il terzo è molto bello: un degno finale, però anche qui molte cose sono naturalmente state tagliate per ragioni di tempi e forse anche di budget. Aspetto comunque di vedere la versione

TESTO N° 0324 VAL-4 IMP5 AGE-2 SEX-2 OCC_1 COMP-3 TOW 3 READ-5
Visionario epico in alcuni punti un sogno ad occhi aperti. peccato che molte scene rispetto al libro sono state tagliate. Alla prima visione sei motto perplesso, la seconda volta che lo vedi invece lo godi molto di più.

TESTO N° 0276 VAL_4 IMP-4 AGE-3 SEX _2OCC_2 COMP-3 TOW 3 READ-5
Un buon film anche se tagliato brutalmente in alcune parti. Bellissimi le scene di battaglia e gli effetti speciali in generale. Un po’ sbilanciato nel finale.

TESTO N° 0244 VAL-3 IMP-4 AGE-2 SEX_1 OCC1 COMP_2 TOW 2 READ-5
Spettacolare. Effetti speciali e scenografie impressionanti, tuttavia poco approfondimento dei personaggi e diverse modifiche alla trama. Troppe troppe troppe battaglie e brutto il finale.

TESTO N° 0170VAL-4 IMP5 AGE-1 SEX-2 OCC_1 COMP-3 TOW _3 READ _S
Mi è piaciuto molto,l’ho trovato molto buono anche se non è fedele punto per punto al libro. Capisco che non si può pretendere che il film sia uguale al libro, altrimenti durerebbe all’infinito... L’ho trovato molto commovente e ben girato,soprattutto per quanto riguarda la parte finale.

TESTO N° 0208 VAL-4 IMP5 AGE-2 SEX-1 OCC_1 COMP-3TOW _3READ_5
Ottimo il risultato finale. Peccato per le necessarie rivisitazioni... Un capolavoro...

TESTO N° 0002 VAL-4 IMP_5 AGE-2 SEX-2 OCC_2 COMP-3 TOW 3 READ-5
a livello tecnico il film mi è sembrato realizzato in modo ottimo. Suono e fotografia sono davvero splendidi. La trama risulta intrigante e affascinante nonostante i numerosi tagli o discrepanze rispetto al romanzo di Tolkien. direi che non ha deluso le mie aspettative.

TESTO N° 0167 VAL-4 IMP-4 AGE-3 SEX_1 OCC_2 COMP _2TOW _2 READ_4
mi è piaciuto in quanto degno finale della trilogia con battaglie tragiche e paesaggi e fotografia emozionanti.

TESTO N° 5096 VAL-4 IMP-4 AGE-3 SEX _1 OCC2 COMP-3 TOW _3READ 4
Epico dettagliato insoma tre ore e passa passate in un attimo, peccato per il finale non proprio rispondente al romanzo

TESTO N° 0238 VAL3 IMP-5 ACE-1 SEX _2 OCC1 COMP3 TOW _3 READ4
Sicuramente molto lungo!!! è stato bellissimo a parte il finale che per chi non ha letto il libro risulta forse un po’ troppo lungo!!! Ma comunque è stata una degna conclusione alla trilogia!! La banda di Peter Jackson è riuscita a interpretare benissimole idee di Tolkien!

47Le associazioni di parole, invece, consentono di comprendere meglio le relazioni tra i lemmi interni a un cluster. Tali associazioni vengono calcolate attraverso il coefficiente del coseno [Salton e McGill, 1984; Lancia, 2004, pp. 67-71]. Nella Tab. 23, riportiamo la lista completa delle parole associate in modo significativo con la parola “film” all’interno del quarto cluster, ed un diagramma radiale. Le ricerche possibili sono tuttavia tantissime, a seconda degli specifici obiettivi conoscitivi del ricercatore.

Tab. 23 – Lemmi associati con la parola “film” e relativi pesi (output T-Lab)

Tab. 23 – Lemmi associati con la parola “film” e relativi pesi (output T-Lab)

6.4 Una comparazione con i risultati degli altri Paesi

  • 17 I dati citati sono stati forniti alle varie unità di ricerca internazionale dall’Università di Aber (...)

48In quest’ultimo paragrafo, cercheremo di effettuare una comparazione tra i principali risultati della ricerca negli altri Paesi17.

49Alla ricerca hanno partecipato in tutto il mondo soprattutto studenti. Una delle ragioni di questo risultato è da attribuire al fatto che l’intervista online ha favorito chi aveva più confidenza con Internet, e dunque gli studenti e, in genere, i giovani d’età inferiore ai venticinque anni. Soltanto la ricerca inglese (d’ora in poi, UKr) ha registrato un minor numero di interviste nella fascia 16-25 anni (37%), a favore (Iella fascia successiva: 26-35 anni (26%). Il dato complessivo, relativo a tutti i Paesi (d’ora in poi Wr), vede una percentuale di studenti pari al 35%, i quali costituiscono la maggior parte delle persone nella variabile occupazione. Laddove si hanno percentuali maggion nella fascia 16-25, come nel caso della ricerca cinese (d’ora in poi CHr) e italiana (d’ora in poi ITr), ambedue con percentuali intorno al 60%, chiaramente il peso degli studenti aumenta.

50Le differenze di genere, invece, non sono evidenti. La Wr arriva ad una sostanziale parità tra maschi e femmine, rispettivamente 50,1% e 49,9%.

51Uno dei meriti maggiori del film è che piaciuto al di là dei continenti e delle culture. Elevate percentuali di gradimento si riscontrano sia dove potrebbe apparire ovvio, come nella ricerca statunitense (d’ora in poi USr), dove la risposta “Estremamente divertente” ha raggiunto l’83%; nella UKr, con una percentuale pari al 67%; nella ricerca tedesca (GEr) (63%); sia nella CHr, che sulla stessa modalità di risposta arriva al 63,9%. Il numero degli sloveni che hanno dato la stessa risposta è pari quasi alla metà (la ricerca slovena, d’ora in poi, verrà indicata con SU). Delle ricerche considerate, solo la ITr ha riscontrato valori sensibilmente più bassi: solo il 35,7% degli intervistati italiani ritiene che il film sia stato “Estremamente divertente”. Ciò non significa, tuttavia, che non sia piaciuto: il 32,8%, infatti, lo ha comunque giudicato “Molto divertente”.

52Dalle risposte alla domanda: “Quale delle seguenti espressioni, secondo te, descrive meglio la storia del Signore degli Anelli?”, nella Wr emergono fondamentalmente cinque termini chiave: Epica (19,2%), Buoni vs Cattivi (15,8%), Fantasy (14,5%), Mito/Leggenda (13,1%), Avventura (12,2%). Volendo tentare una lettura sintetica ditali termini, si può dire che gli spettatori hanno riconosciuto una storia religiosa, eroicocavalleresca, fatta da grandi personaggi e caratterizzata da eccezionali avvenimenti, le cui vicende hanno come fulcro un memorabile scontro tra il Bene il Male, e i cui protagonisti si spostano da e verso luoghi indefiniti, in un’epoca indeterminata.

53Lo spettatore statunitense sembra aver recepito allo stesso modo la storia, ma aggiunge ad essa il viaggio spirituale, incorporando al significato della narrazione un elemento metafisico. Lo spettatore cinese non percepisce l’aspetto di mito/leggenda, quindi il lato religioso ed eroico-cavalleresco della storia, né tanto meno il viaggio spirituale. Rimane, invece, impressionato dagli aspetti più meramente tecnici e spettacolari, dagli effetti speciali e dalle catastrofi. Lo spettatore italiano appare attratto dall’aspetto mistico, dalla spettacolarità e dalle trovate a effetto del film. A differenza dei cinesi, egli non è sensibile di fronte al pericolo che incombe sulla comunità degli Hobbit. Sia in Italia sia negli Stati Uniti, infatti, l’espressione “catastrofico” (che, secondo il glossario allegato ai questionari, significa: «storia in cui i personaggi cercano di preservare i propri affetti e l’intera comunità») non ha trovato successo, mentre il viaggio spirituale sì. Questo perché i due termini sono in qualche modo in antitesi, ed è poco probabile che possano essere riferiti contemporaneamente. Il viaggio spirituale, infatti, e una costruzione dello spirito, una edificazione graduale dell’esistenza personale, che si basa su una certezza che trascende la realtà. Il catastrofico, invece, è distruzione dell’opera umana, che viene destinata alla decadenza, all’impotenza, alla frustrazione. La Fig. 5 dimostra come tale opposizione, in effetti, esista. Il fatto che gli Stati Uniti e la Cina siano agli estremi e i Paesi europei tendano a dirigersi verso il Paese americano può rappresentare una conferma dal punto di vista culturale.

Fig. 5- Contrapposizione tra le categorie “catastrofico” e “viaggio spirituale” (in percentuale)

Fig. 5- Contrapposizione tra le categorie “catastrofico” e “viaggio spirituale” (in percentuale)

54È impossibile considerare il film senza tener conto del libro. Nella Wr il 59,6% delle persone ha risposto che il libro è stato l’elemento più importante per andare a vedere il film, più degli altri due film che solo per il 32,8% hanno avuto importanza. I libri sono stati letti una o più volte da almeno i due terzi dell’audience intervistata. L’82% degli americani ha letto una o più volte tutti e tre i romanzi. Percentuali simili si riscontrano nella UKr: 79%. La GEr non ha valori molto diversi: 78%. Sono i cinesi e gli italiani che non mostrano particolare interesse per l’opera di Tolkien. I cinesi che hanno letto una o più volte tutti e tre i libri sono il 31,3%. Quasi la metà non ha aperto nemmeno uno dei tre libri. Lo spettatore italiano si pone a metà tra questi due valori: il 25,7% ha letto una volta tutti e tre i libri; il 39,8% più di una volta. Valori che non raggiungono quelli del Nord Europa e degli Stati Uniti. Sopra la media anche gli spettatori che non hanno mai letto nessuno dei libri: 22,2%.

55Il Medioevo e l’Europa, con una certa preferenza per la Gran Bretagna, rappresentano il tempo e il luogo che la maggior parte degli spettatori ha immaginato per la Terra di Mezzo. Per quanto concerne il tempo, oltre al Medioevo, si è preferito rispondere anche nessun tempo oppure mondi paralleli, dove quindi il tempo non è propriamente quello del nostro universo. Nell’ITr il Medioevo è stato immaginato da quasi la metà degli spettatori. Con percentuali lievemente differenti troviamo anche lo spettatore americano. Quasi uno spettatore sloveno su tre ha risposto che la Terra di Mezzo risiede in Europa. E che l’epoca è il Medioevo. Il Signore degli Anelli non si è prestato a interpretazioni molto differenti e il pubblico occidentale lo ha percepito quasi sempre allo stesso modo. In molte risposte è stato citato come luogo della Terra di Mezzo la Nuova Zelanda, ma con tutta probabilità non si tratta di una risposta “sincera”, bensì influenzata dal fatto che le scene sono state girate in quel Paese.

56Venendo ai personaggi preferiti, gli italiani hanno preferito, nell’ordine, Aragorn, Sam, Gandalf, Legolas e Frodo. Il pubblico cinese, similmente agli italiani, ha gradito: Legolas, Gandalf, Aragorn, Sam e Frodo. Anche il pubblico inglese ha proposto una classifica simile (Aragorn, Sam, Gandaif, Legolas e Gollum). Stessi personaggi per il pubblico sloveno: Aragorn, Legolas, Frodo, Gandaif e Gollum. L’audience tedesca ha dato risultati anche stavolta simili: Aragorn, Legolas, Sam, Gandalf, Gollum. Una piccola, ma interessante, differenza si trova nella graduatoria statunitense: Sam, Frodo, Aragorn, Legolas e Gandalf. Al di là dei nomi, che non variano, è il fatto che Frodo arrivi secondo, con il 21% delle preferenze, ad interessare. Nelle altre classifiche, solo nella SLr egli appare in una posizione rilevante, anche se con un punteggio di preferenze inferiore rispetto alla USr: 16,6%. Altrove non è nemmeno tra i primi cinque personaggi preferiti.

57Perché Frodo non è “popolare”? Di tutti i personaggi considerati, Frodo è colui che ha meno carattere, il più indeciso e che commette più errori. Gli altri personaggi, invece, appaiono convinti della loro missione (che poi non sarebbe altro che quella di aiutare il giovane Hobbit). Ad ognuno dei personaggi è legato un aspetto particolare dell’animo umano: Sam corrisponde alla fedeltà cieca, Aragorn al coraggio, Gandaif alla saggezza, Legolas all’inventiva. Tutti sono portatori di valori nobili, in una cornice positiva. Frodo è, invece, per così dire, l’aspetto oscuro del coraggio. Dal film si comprende come senza l’aiuto dei suoi amici non sarebbe mai riuscito a compiere la propria missione. Con tutta probabilità, il pubblico non lo ha gradito, preferendogli a volte un personaggio portatore di valori opposti, e cioè Gollum. Solo un dato accomuna quest’ultimo personaggio agli altri eroi: l’ostinazione nel perseguire il proprio fine, in questo caso malvagio.

58Perché allora Frodo è stato ben visto dal pubblico americano? Probabilmente perché questo personaggio, meglio di tutti gli altri, esprimeva il momento storico particolare che stavano attraversando gli Stati Uniti. Molti giornali hanno messo in evidenza come esistano delle coincidenze (fortuite) tra il romanzo e la situazione geo-politica odierna. Il secondo libro ha come titolo The Two Towers, quasi a richiamare le Twin Towers di New York. Mordor è situato a Sud-Ovest, mentre Hobbiville a Nord-Est, proprio come gli stati canaglia e gli Stati Uniti. Infine, il libro parla esplicitamente di una lotta tra il Bene e il Male, espressione usata più volte dal presidente Bush. Può darsi che il pubblico americano apprezzi Frodo perché è come se vedesse la propria immagine allo specchio. L’indecisione e le previsioni errate su certe azioni portate avanti dall’amministrazione americana non possono che trovare riflesso nell’insicurezza del personaggio.

6.5 Nota metodologica

59Per concludere, cerchiamo di evidenziare alcuni problemi metodologici che è stato necessario affrontare nello svolgimento della ricerca. Di altri aspetti abbiamo trattato nelle note a questo capitolo, che hanno avuto il difficile compito di decongestionare un po’ il testo, altrimenti troppo tecnico [per ulteriori questioni tecnico-metodologiche, ci permettiamo comunque di rimandare a Trobia, 2005, cap. 2 e a Barker, Mathijs e Trobia, 2008].

60Va fatta, innanzitutto, una riflessione preliminare sul tipo e sulla qualità dei dati raccolti nel corso dell’intervista strutturata, soprattutto dei dati testuali derivati dalle domande a risposta aperta. Questi ultimi, infatti, sono stati trascritti fedelmente, o annotati in tempo reale dall’intervistatore nel corso della conversazione, oppure ancora sono stati prodotti dallo stesso intervistato: ad esempio, rispondendo a un’intervista autocompilata, sia su carta sia in forma elettronica. In tutti e tre i casi, il lessico e la sintassi utilizzati erano diversi: la lingua parlata non è uguale alla lingua scritta, così come inevitabilmente filtrato e “ridotto” è il resoconto di un discorso riportato da un’altra persona. In quest’ultimo caso, bisogna considerare anche le eventuali distorsioni (bias) che la relazione intervistatore-intervistato può generare, le quali possono tradursi in errori nell’interpretazione del pensiero di chi risponde e nella registrazione dei dati [Kahn e Canneli, 1957; Lorenzi-Cioldi, 1996, parte prima]. Nel caso in cui sia lo stesso intervistato a compilare l’intervista, invece, il lavoro più importante, al fine di ottenere dei testi adeguatamente analizzabili, riguarda la correzione degli errori o altri trattamenti più sofisticati di natura linguistica e strutturale. Ma anche la trascrizione “fedele” da nastro comporta dei problemi: vanno eliminati gli interventi degli intervistatori? Vanno considerate pause, interruzioni, ripetizioni ecc.? Va considerata la sequenza delle risposte? [Della Ratta-Rinaldi, 2000, pp. 104-109; Diana e Montesperelli, 2005, Cap. 2]. Bisogna, infine, considerare i problemi di affidabilità del comportamento verbale, che specialmente alcune modalità di intervista pongono. Ad esempio, ad un’ intervista online potrebbe rispondere un individuo che si cela dietro una falsa identità [Gasparini, 2004, pp. 30-32] o del quale non possiamo cogliere il linguaggio non-verbale, che spesso funge da modulatore nella relazione con l’intervistato.

61Ai fini dell’analisi, soprattutto dell’analisi del contenuto delle domande a risposta aperta, dunque, è stato molto importante tenere sotto controllo tutti questi fattori di distorsione. Non costituiscono, invece, un problema – se riportati fedelmente, e allo stesso modo per tutti i casi considerati – i diversi modi d’esprimersi di gruppi di persone diverse, né l’utilizzo delle cosiddette parole “cerniera” (“dunque”, “cioè” ecc.). Anzi, essi sono indicatori d’un diverso modo di leggere e interpretare il mondo, che si rivelano estremamente utili per lo scienziato sociale.

62In fase di analisi, una decisione chiave è stata quella di limitare le post-codifiche delle risposte aperte. Abbiamo visto che esistono delle strade diverse, anche se non necessariamente alternative, rispetto alla post-codifica, quali l’ACL e in genere le tecniche di analisi testuale semi-automatica, che consentono in tempi sostenibili di esplorare e ridurre la complessità dei dati qualitativi. I punti di forza della statistica testuale sono numerosi [Della Ratta-Rinaldi, 2000, p. 102]: le potenzialità descrittivo-esplorative; le garanzie di ispezionabilità della base dati; l’intersoggettività delle procedure e la loro esplicitazione; l’integrazione con i dati quantitativi. Tutte caratteristiche, queste, che consentono a questo insieme di tecniche di collocarsi a metà strada tra approcci qualitativi e approcci quantitativi, e che hanno contribuito a rivalutare le domande a risposta aperta come strumento di raccolta dei dati. «La riduzione del problema della laboriosità dell’analisi delle risposte pone [...] un ripensamento del ruolo delle domande aperte all’interno della ricerca sociale, per la possibilità di specificare e chiarificare i contenuti individuati, di esplorare dimensioni inattese e di arricchire l’analisi attraverso il recupero della dimensione linguistica e del “mondo vitale” degli intervistati, pur conservando il rigore metodologico della pubblicità delle procedure» [ibid., p. 108].

63Nel caso dell’intervista strutturata, la possibilità di raccogliere nello stesso tempo dati quantitativi e dati qualitativi, poi, consente di integrare l’analisi con apporti di altre tecniche, quali la cluster analysis, per giungere ad una migliore rappresentazione delle dimensioni di senso contenute nei dati.

64Nel fare un bilancio degli itinerari di ricerca proposti in queste pagine, ci pare di poter confermare non solo l’utilità, ma anche la necessità di un approccio che sfrutti la triangolazione delle tecniche d’analisi e la comparazione dei dati. Abbiamo visto come l’impiego di tecniche diverse abbia progressivamente consentito di mettere meglio a fuoco i profili dei rispondenti. Una delle critiche più frequenti al concetto di triangolazione riguarda le possibilità di una sua concreta realizzazione. Crediamo di aver dimostrato che essa non è affatto impossibile da praticare, pur necessitando di maggiore tempo e riflessione di un approccio one-way. Un grande aiuto, in questo senso, arriva dagli strumenti informatici oggi a disposizione del ricercatore sociale. Crediamo, inoltre, di aver portato dati a sostegno dell’adozione non solo del concetto di triangolazione, ma anche di quello di loop [Barker, 2004], che prevede un approccio di natura iterativa all’analisi dei dati combinando approcci qualitativi e quantitativi.

Notes

1 I Paesi coinvolti nella ricerca sono stati venti, e precisamente: Australia, Austria, Belgio, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Nuova Zelanda, Norvegia, Paesi Bassi, Slovenia, Russia, Spagna, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.

2 Ciò vuol dire che le percentuali riportate in queste pagine non sono in alcun modo generalizzabili all’intera popolazione italiana o agli spettatori italiani del film.

3 Non è certo la dimensione di un campione che decide della sua qualità. Tuttavia, poiché lo scopo della ricerca non era quello di raggiungere la rappresentatività statistica (peraltro difficile da stimare anche nel caso di campioni probabilistici), bensì una certa rappresentatività tipologica, questi numeri molto elevati hanno consentito di ottenere dei risultati affidabili in questa direzione [cfr. Barker, Mathijs e Trobia, 2008, pp. 221-223]. Per rappresentatività tipologica s’intende la riproduzione della varietà esistente nella popolazione, senza ricercare una precisa corrispondenza tra campione e popolazione [Trobia, 2005, p. 27].

4 Inglese, olandese, francese, tedesco, spagnolo, italiano, sloveno, greco, turco, cinese, lingua gallese, danese e norvegese. La traduzione in italiano dell’intervista è stata curata da Marco Centorrino.

5 L’elaborazione dei dati presentati in questo paragrafo è stata effettuata da Alberto Trobia e Serena Scianna.

6 La domanda non prevedeva la modalità “disoccupato”. Molte persone, tuttavia, hanno voluto specificare che lo erano.

7 Gran parte dei risultati qui presentati e discussi sono stati già riportati in Trobia [2005, pp. 49-68]. Mi permetto di rimandare il lettore a questo testo per l’approfondimento degli aspetti tecnici e metodologici più complessi. Cfr., inoltre, la Nota metodologica alla fine del capitolo.

8 Si tratta di una tecnica d’analisi multivariata, generalmente di tipo esplorativo, per la soluzione di problemi di classificazione, che si basa sull’analisi delle relazioni di somiglianza o differenza tra oggetti. Essa ha l’obiettivo di ordinare i casi (individui, oggetti, eventi ecc.) in gruppi (i cluster), in modo tale che vi sia una forte omogeneità fra i membri di uno stesso gruppo ed una forte eterogeneità fra i membri di gruppi diversi [Biorcio, 1993]. Il termine cluster analysis si riferisce ad una famiglia, oggi molto articolata, di tecniche di classificazione, che impiegano metodi differenti. In prima approssimazione, si possono distinguere quattro procedure di clustering: gerarchiche (agglomerative o divisive), delle partizioni ripetute ed iterative (ad esempio, il metodo delle k-medie), basate sulla densità locale (density search), o che impiegano le reti neurali [cfr. Corposanto (a cura di), 2001].

9 Tale procedura prevede che il ricercatore determini a priori il numero dei cluster. Ciascun caso viene inizialmente assegnato a un gruppo (i criteri seguiti possono essere diversi: ad esempio, si può stabilire una ripartizione casuale dei casi). A questo punto, attraverso una procedura iterativa, gli oggetti vengono spostati da un gruppo all’altro, cercando di minimizzare una qualche misura di distanza dal centro del cluster (il cosiddetto centroide), fino a quando non verrà raggiunta la configurazione ottimale, che garantisce la minima varianza intragruppo e la massima varianza intergruppo [Biorcio, 1993, pp. 71-72]. Il metodo delle k-medie dovrebbe essere applicato solo a variabili cardinali. Opportunamente trasformate, e con i limiti che ciò comporta (ad esempio, la violazione dell’assunto di equidistanza fra le categorie), si possono utilizzare anche variabili di tipo ordinale [ibid., pp. 32-34 e pp. 67-68].

10 La scelta del numero iniziale di gruppi è avvenuta seguendo il criterio proposto da Biorcio [ibid., pp. 93-94], che consiste nel considerare il guadagno ottenuto in termini di varianza intergruppo, al crescere del numero dei cluster.

11 Per la verità, già nella soluzione a tre gruppi il guadagno della varianza è piuttosto alto, il che potrebbe confermare la plausibilità anche statistica di una soluzione a tre gruppi. Per i dettagli tecnici in merito alla via quantitativa, rimando ancora a Trobia [2005, pp. 50-51].

12 Barker, espandendo l’idea iniziale di triangolazione, suggerisce di interpretare, in un continuo processo circolare e iterativo, il dato qualitativo alla luce del dato quantitativo e viceversa, fino ad una convergenza soddisfacente per il ricercatore, che si verifica quando non emergono più elementi nuovi [cfr., inoltre, Barker, Mathijs e Trobia, 2008].

13 L’ACL è una tecnica di natura eminentemente esplorativa, che – come altre tecniche di tipo fattoriale -si prefigge il compito d’individuare le possibili dimensioni latenti che meglio descrivono i dati in analisi. La sua utilità, nel campo dell’analisi testuale, sta nel fatto che essa consente di ottenere «una prima sintesi dell’informazione contenuta nei dati senza dover effettuare alcun intervento intermedio di codifica» [Amaturo, 1989, p. 55]. I vantaggi, tuttavia, non si riducono a questo. L’ACL, infatti, è innanzitutto una tecnica multivariata, che adotta dunque un approccio multidimensionale; ciò gli consente di “leggere” i dati da più prospettive, producendone delle rappresentazioni più fedeli. Le dimensioni fondamentali di senso emergono attraverso una semplificazione dell’informazione contenuta nei dati, che è tipica delle tecniche fattoriali. A differenza della content analysis classica, di cui rappresenta una sofisticata evoluzione [cfr. Losito, 1996, pp. 71-74, 101-104], la capacità dell’ACL di cogliere il senso contenuto nei dati testuali è di gran lunga migliore. Tale risultato è il frutto di un approccio basato sulle differenze piuttosto che sulla misura. Come affermano Lebart e Salem [1988, p. 6], che hanno proposto questa tecnica, «non è sempre necessario sapere ciò che due persone hanno voluto dire, ma sapere che esse non hanno detto la stessa cosa». Insomma, il significato di una parola riguarda le relazioni che essa ha con le altre parole: una parola è tanto più “significativa” quanto più essa è specifica di determinati gruppi di persone. Infine, l’ACL prevede la possibilità di connettere dati testuali con dati di contesto. «Ciò è particolarmente importante nel caso di risposte a domande aperte […], in quanto si possono mettere in relazione le parole con qualsiasi altro dato relativo ad uno stesso individuo» [Amaturo, 1989, p. 56]. In sostanza, è possibile associare un certo tipo di “vocabolario” a determinate variabili della matrice, che riguardano – ad esempio – le caratteristiche sociografiche dell’intervistato.

14 L’autovalore è un valore caratteristico di ogni fattore. La somma di tutti gli autovalori prende il nome di inerzia. Essa ha una qualche analogia con la “variabilità complessiva” riprodotta da un modello [Lanzetti, 1995, p. 63].

15 Non sono incluse le risposte date alle interviste effettuate all’uscita dai cinema, perché tali risposte sono state trascritte direttamente dai rilevatori nel corso dell’intervista, operando un’inevitabile riduzione di complessità rispetto al lessico effettivamente utilizzato dai rispondenti. Inoltre, non è stata effettuata alcuna lemmatizzazione dei testi.

16 Le variabili attive (segnate con un triangolo con la punta in alto) servono a costruire statisticamente gli assi fattoriali. Nel nostro caso, si tratta della variabile “valutazione complessiva del film” e della variabile “lettura dei libri di Tolkien”. Ho scelto queste due variabili, perché sono le più discriminanti nel definire i tipi di spettatore. Le variabili illustrative (segnate con un triangolo con la punta in basso), invece, vengono proiettate sugli assi fattoriali già costituiti, allo scopo di facilitare l’interpretazione dei fattori [ibid., p. 70]. Esse sono, in genere, variabili di tipo sociografico (sesso, età, titolo di studio, professione ecc.).

17 I dati citati sono stati forniti alle varie unità di ricerca internazionale dall’Università di Aberystwyth. I risultati complessivi sono pubblicati in Barker e Mathijs [(a cura di), 2008, pp. 241-243] e in appendice a questo volume.

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - K-means clustering: risultati
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 36k
Titre Fig. 2- Tipi di spettatore che hanno visto il film “Il Ritorno del Re” (n = 457)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 32k
Titre Tab. 20- Autovalori e percentuali di inerzia riprodotta (output del programma SPAD)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 36k
Titre Fig. 3 – ACL delle 324 risposte alla domanda: “Riassumi un’opinione personale sul film” (fattori i e 2, output del programma SPAD)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 48k
Titre Fig. 4 – TCE delle 324 risposte alla domanda: “Riassumi una opinione personale sul film” (fattori I e 2, output del programma T-Lab) e distribuzione delle isotopic nel corpus
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 40k
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 24k
Titre Tab. 21 – Analisi delle tipologie dei contesti elementari; cluster 1-4 (output T-Lab)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 92k
Titre Tab. 23 – Lemmi associati con la parola “film” e relativi pesi (output T-Lab)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 56k
Titre Fig. 5- Contrapposizione tra le categorie “catastrofico” e “viaggio spirituale” (in percentuale)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/564/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 30k

© Edizioni Kaplan, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540