Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Racconti di corpi

 | 
Luca Malavasi

2. I corpi del cinema: dall’enunciatore allo spettatore

Texte intégral

O corpo che oscilli alla musica
O sguardo che brilli
Come possiamo scindere dalla danza
Colui che la esegue?
W. B. Yeats

2.1. Dopo tutto, c’è sempre un corpo

1Negli ultimi vent’anni, all’interno di discipline molto diverse, si è assistito a un rilancio della ricerca attorno ai temi del corpo, del somatismo e dell’incarnazione – e, da ultimo, in termini quasi riassuntivi, dell’esperienza. Nel caso degli studi cinematografici, l’iniezione di questi nuovi oggetti di ricerca ha permesso in primo luogo di rilanciare il problema dei contenuti emotivi della visione cinematografica nel quadro di una teoria originale, con oscillazioni continue dal polo della testualità a quello della ricezione a quello della “registrazione” del sapere.

  • 1 Mark Johnson, The Body in the Mind. The Bodily Basis of Meaning, Imagination, and Reason, The Unive (...)

2L’origine dell’inclusione del problema della corporeità nell’analisi dei processi di esistenza e cognizione dell’uomo va cercata però lontano dai film studies, nell’ambito della filosofia analitica, e in particolare in un lavoro di Mark Johnson, The Body in the Mind1, pubblicato a metà degli anni Ottanta: «Putting the body back into the mind» è il motto sotto il quale lo studioso americano riassume il senso della sua ricerca.

3Il libro, fondatore degli studi sull’embodiment, avanza in primo luogo l’ipotesi che l’immaginazione umana sia un fenomeno essenziale al pensiero, alla comprensione e al ragionamento, in contrasto con quella linea caratteristica del pensiero occidentale, che Johnson definisce “oggettivismo” (objectivism), in cui essa appare invece svalutata a favore di un’idea della realtà come di qualcosa che esiste indipendentemente dalla prospettiva particolare del soggetto, dai suoi processi esperienziali, immaginativi, percettivi.

  • 2 George Lakoff, Mark Johnson, Metafora e vita quotidiana, Editori Europei Associati, Milano, 1982.

4A mettere in crisi un simile modello di realtà e a consentire una nuova elaborazione delle nozioni di mente, razionalità e immaginazione, sono state, da un lato, l’inclusione del tema del corpo, normalmente espunto dall’orizzonte dalla tradizione “oggettivista” e, dall’altro, una nuova attenzione verso quelle strutture dell’immaginazione e della comprensione che emergono dall’esperienza incarnata del soggetto. Corpo ed esperienza costituiscono infatti, nella prospettiva di Johnson, due elementi indissociabili: l’esperienza del corpo nello spazio e nel tempo rappresenta il modello a partire dal quale si definiscono gli schemi immaginari e le proiezioni metaforiche con cui l’uomo pensa e comprende il mondo, secondo un orientamento fenomenologico e pragmatista, elaborato però nel quadro della filosofia analitica, che deve molto a un libro precedente di Johnson, scritto in collaborazione con George Lakoff, Metafora e vita quotidiana2:

  • 3 Mark Johnson, The Body in the Mind, cit, p. XIX.

We human beings have bodies. We are “rational animals”, but we are also “rational animals”, which means that our rationality is embodied. The centrality of human embodiment directly influences what and how things can be meaningful for us, the ways in which these meanings can be developed and articulated, the ways we are able to comprehend and reason about our experience, and the actions we take. Our reality is shaped by the patterns of our bodily movement, the contours of our spatial and temporal orientation, and the forms of our interaction with objects. It is never merely a matter of abstract conceptualizations and propositional judgments3.

  • 4 Ivi, p. XX.

5Fra esperienza corporea (il lato “animale” dell’uomo) e concettualizzazione (il lato “razionale”) vi sarebbe insomma una relazione di interdipendenza profonda, tale per cui le strutture dell’esperienza corporea sarebbero alla base non solo dei processi senso-motori del soggetto ma anche di quelli inferenziali e previsionali e, più in generale, immaginativi, attraverso i quali l’essere umano costruisce la realtà. Entro questo quadro concettuale, l’immaginazione cessa dunque di essere percepita come una facoltà irregolare e irrazionale di produzione, e viene assunta in tutta la sua complessità di «basic image-schematic capacity for ordering our experience»4. Di qui, l’idea che l’esperienza corporea – movimenti, manipolazioni di oggetti e interazioni percettive – coinvolga pattern ricorrenti senza i quali essa risulterebbe caotica: Johnson li definisce image schemata perché essi funzionano in primo luogo come strutture astratte di immagini. E sebbene questi image schemata emergano anzitutto come strutture di interazioni corporee, essi possono essere figurativamente sviluppati ed estesi come strutture attorno alle quali i significati si organizzano a livelli più astratti, ossia in termini cognitivi. Le dimensioni del pensiero e della razionalità umana sono essenzialmente esperienziali e figurative, costruite a partire dall’esistenza fisica e carnale del soggetto nella continuità spazio-temporale del mondo.

6Lo stesso motto che anima Johnson («putting the body back into the mind») e l’attenzione per la dimensione figurativamente corporea dei processi mentali sembrano attraversare anche le pagine di Didier Anzieu, psicoanalista francese che, a partire dagli anni Settanta, all’interno delle note teorie dell’Io-pelle e degli involucri psichici ha ripensato la relazione fra mondo psichico interno e mondo esteriore o percettivo attraverso una nuova centralità assegnata proprio alla dimensione corporea:

  • 5 Enzo Funari, Presentazione, in Didier Anzieu et al., Gli involucri psichici, Masson, Milano, 1997, (...)

L’ingresso nella pratica analitica della cura delle psicosi infantili e, più in generale, dei fenomeni psicotici nelle loro varie manifestazioni, ha consentito l’individuazione di percorsi di indagine che sempre più si sono accostati a quelle dimensioni legate alla sensorialità e al corpo vissuto, intesi come fenomeni tipici di un’esperienza dove l’oggetto non sia ancora costituito in funzione di un assetto ancora appartenente alla simbiosi, alla fusionalità, alla non differenziazione5.

7Nella teoria di Anzieu, il lavoro configurazionale della pelle elabora il legame fra dimensione esterna e dimensione interna, realizzandosi come lo strumento attraverso il quale l’Io si costituisce in quanto identità coerente e differenziata. L’attenzione di Anzieu si rivolge così verso il contenitore dello psichismo in quanto struttura di frontiera in cui si definisce la differenziazione dell’Io rispetto all’altro e al mondo, e dove la coerenza dell’Io assume la forma di significanti formali di demarcazione. È a partire dalla forma e dalle trasformazioni di tali significanti formali, resi figurativamente come tensioni e deformazioni della pelle, che Anzieu procede nell’analisi psicoanalitica: i significanti formali, in quanto involucri dello psichismo verbalizzati metaforicamente attraverso il ricorso al racconto del corpo, e della pelle in particolare, consentono infatti di interrogare il Sé e l’Io nella loro organizzazione identitaria.

  • 6 Francisco J. Varela, Evan Thompson, Eleanor Rosch, La via di mezzo della conoscenza. Le scienze cog (...)

8La teoria di Anzieu, come quella di Johnson, rimanda dunque al ruolo figurativo e configurazionale del corpo, la cui immagine si fa essenziale nella comprensione dei meccanismi psichici profondi di relazione del soggetto con ciò che lo circonda. E sono ancora il corpo e la sua esperienza vissuta i centri focali attorno a cui ruota la teoria “mista” – in cui la scienza cognitiva viene contaminata con la fenomenologia e con la pratica della consapevolezza e della presenza della meditazione buddhista – elaborata da Francisco Varela, Evan Thompson ed Eleanor Rosch nel celebre La via di mezzo della conoscenza, il cui titolo originale – The Embodied Mind. Cognitive Science and Human Experience – rimanda immediatamente al progetto di “rimettere la mente nel corpo”6. Ripartendo dalla filosofia merleau-pontiana, gli autori arricchiscono lo sguardo delle scienze cognitive ponendo al centro della riflessione l’uomo, in quanto soggetto incarnato, e la sua esperienza vissuta:

  • 7 Ivi, pp. 15-16.

Riteniamo che la cultura scientifica occidentale richieda una considerazione del nostro corpo sia come struttura fisica, sia come struttura esperienziale vissuta; in breve, come entità ‘esterna’ e ‘interna’, biologica e fenomenologica7.

  • 8 Ivi, p. 16.

9Fra queste due dimensioni si dà un rapporto di contiguità tale per cui l’indagine sui processi mentali, cognitivi e razionali dell’uomo si traduce inevitabilmente in un’analisi «sulla corporeità della conoscenza, della cognizione e dell’esperienza»8. Il corpo è dunque inteso sia come “struttura” esperienziale vissuta, sia come contesto o ambiente dei meccanismi cognitivi; l’esperienza incarnata dell’essere umano è di conseguenza promossa a oggetto di studio essenziale nell’analisi della mente e della conoscenza.

10In questo quadro teorico, la cognizione, in particolare, viene studiata in quanto azione incarnata:

  • 9 Ivi, p. 206.

Usando il termine incarnata intendiamo mettere in risalto due idee: in primo luogo, il fatto che la cognizione dipende dal tipo di esperienza derivante dal possedere un corpo con diverse capacità sensomotorie, e in secondo luogo il fatto che tali capacità sensomotorie individuali sono esse stesse incluse in un contesto biologico, psicologico e culturale più ampio. Usando il termine azione intendiamo porre l’accento ancora una volta sul fatto che, nella cognizione vissuta, i processi sensori e motori, la percezione e l’azione, sono fondamentalmente inscindibili. In realtà, negli individui, i due aspetti non sono solamente legati in modo contingente, ma si sono anche evoluti in modo parallelo9.

  • 10 Ibidem.

11Di qui, il cuore della teoria di Varela, Thompson e Rosch, ossia l’idea di enazione (enaction), cioè la “produzione di un mondo”. Tale processo costituivo implica due concetti: l’idea che «la percezione consiste in un’azione guidata a sua volta dalla percezione», e che «le strutture cognitive emergono dagli schemi sensomotori ricorrenti che consentono all’azione di essere guidata percettivamente»10.

  • 11 Ibidem.

12Il primo punto mira anzitutto a mettere in crisi l’idea, vicina alla tradizione oggettivista di cui parla Johnson, secondo cui l’attività percettiva dell’uomo si limiterebbe a una serie di appercezioni delle “informazioni” contenute negli oggetti che popolano il mondo. Al contrario, l’approccio enattivo sostiene la continua e illimitata processualità della percezione guidata dal percettore “in situazione”: il punto di riferimento per comprendere la percezione non è più, allora, «un mondo prestabilito e indipendente dal percettore» ma, fenomenologicamente, «la struttura sensomotoria del percettore stesso (il modo in cui il sistema nervoso collega le superfici sensorie e motorie)»11.

  • 12 Ivi, pp. 206-207.

13Tale priorità assegnata alla struttura e al fare percettivo nell’approccio enattivo invita ad abbandonare l’idea di una ricostruzione del mondo indipendente dal percettore, per abbracciare un’analisi che miri a «determinare i principi comuni, o le connessioni regolari, che intercorrono fra il sistema sensorio e quello motorio, connessioni che spieghino come l’azione possa essere percettivamente guidata in un mondo indipendente dal percettore»12. Benché gli autori di La via di mezzo della conoscenza non ne facciano esplicito riferimento, si riaffaccia qui, nel richiamo alle “regolarità” delle connessioni fra percezione e azione, la funzione strutturante degli schemi o pattern formulata da Johnson.

  • 13 Maurice Merleau-Ponty, La struttura del comportamento, Bompiani, Milano, 1963.

14Dall’altra parte, a partire dal riferimento al Merleau-Ponty de La struttura del comportamento13, la priorità assegnata all’attività del percettore invita a superare l’idea che l’essere umano sia una specie di bersaglio raggiunto da una serie di stimoli da tradurre; al contrario, l’essere umano produce incessantemente, attraverso la sua azione percettiva, i contenuti stessi della percezione, in dialogo con le determinazioni psicologiche, biologiche e culturali che lo circondano e che intervengono a definire i processi enattivi – che sono poi, in fondo, processi di attribuzione di significato all’esperienza, di significato dell’esperienza.

  • 14 Francisco J. Varela, Evan Thompson, Eleanor Rosch, La via di mezzo della conoscenza, p. 209.

15Per quanto riguarda la seconda tesi al centro di La via di mezzo della conoscenza, quella per cui «le strutture cognitive emergerebbero da quegli schemi sensomotori ricorrenti che consentono all’azione di essere guidata dalla percezione»14, essa si sposa efficacemente con l’approccio “esperienziale” alla cognizione di cui Johnson e Lakoff sono i più importanti sostenitori. Secondo questo approccio,

  • 15 George Lakoff, Cognitive Semantics, in Umberto Eco, Marco Santambrogio e Patrizia Violi (a cura di) (...)

le strutture concettuali significative scaturiscono da due fonti: (1) dalla natura strutturata dell’esperienza corporea e sociale e (2) dalla nostra capacità innata di proiettare con l’immaginazione da certi aspetti ben strutturati di esperienza corporea e interattiva a strutture concettuali astratte15.

16Si avverte in questa citazione l’influenza della teoria dell’immaginazione di Johnson, secondo la quale la priorità costitutiva assegnata agli schemi corporei e all’attività percettiva nelle concettualizzazione dell’esperienza e nella definizione dell’azione non si traduce, grazie alla facoltà di categorizzazione, in una “fusionalità” senza memoria o storia fra soggetto e mondo. La categorizzazione, al contrario, è considerata, in La via di mezzo della conoscenza, come il momento enattivo per eccellenza, quello in cui cognizione e ambiente vengono creati a partire dall’esperienza dell’azione incarnata. Per Johnson, in particolare, tale categorizzazione si fonda su un numero ridotto di schemi dell’immagine cinestetica, come, per esempio, gli schemi del contenitore, della parte e dell’intero, e lo schema origine-percorso-fine:

  • 16 Ivi, p. 211.

Questi schemi hanno origine dall’esperienza corporea, possono essere definiti in termini di determinati elementi strutturali, hanno una logica fondamentale e possono essere proiettati metaforicamente per strutturate un’ampia gamma di ambiti cognitivi16.

  • 17 Jacques Fontanille, Figure del corpo. Per una semiotica dell’impronta, Meltemi, Roma, 2004.
  • 18 Ivi, p. 19.

17La teoria dell’enazione, la fenomenologia merleau-pontiana e le ricerche sugli involucri psichici e l’Io-pelle di Anzieu tornano, sapientemente miscelate, nella ricerca di Jacques Fontanille, che in Figure del corpo17 istituisce anche per la semiotica «un nuovo dominio d’investigazione»18.

  • 19 Ibidem.

Il corpo – scrive Fontanille – era stato escluso dalla teoria semiotica non solo per via del formalismo e soprattutto del logicismo che prevalevano nella linguistica strutturale degli anni Sessanta, ma anche in ragione di una teoria dell’azione, che, come risaputo, pagava un notevole tributo nei riguardi della logica formale e persino della teoria dei giochi19.

18Benché Fontanille, nel libro citato, tenda a distinguere semiotica delle passioni e semiotica del corpo, a partire dall’idea che lo studio delle passioni non abbia significato alcun “ritorno al corpo” o alcuna “semiotica del continuo”, è però vero che all’origine dell’attenzione della semiotica nei confronti della corporeità vi è proprio la “scossa” prodotta nei confronti dell’impalcatura “logicista” della teoria dell’azione dall’interesse per i regimi passionali della narrazione.

  • 20 Algirdas J. Greimas, Jacques Fontanille, Semiotica delle passioni. Dagli stati di cose agli stati d (...)
  • 21 Cfr. Algirdas J. Greimas, Della modalizzazione dell’essere, in Algirdas J. Greimas, Del senso 2. Na (...)

19Dietro la svolta passionale degli anni Ottanta, infatti, si manifestava già la consapevolezza di aver tralasciato qualcosa nella progettazione di un edificio teorico a vocazione scientifica che si poneva come obiettivo quello di “parlare l’uomo” in tutta la sua complessità: il soggetto della prima semiotica greimasiana risulta infatti «liberato dal suo fardello psicologico e definito unicamente dal suo fare»20, coerentemente con l’obiettivo di definire il percorso generativo del senso che conduce dalla “nebulosa” delle sue prime apparizioni alla sua aspettualizzazione discorsiva. Un percorso concepito come l’articolazione di una serie di stadi definiti da differenti ordini di grandezza, cui prende parte un soggetto “posizionale” o “di determinazione”, una sorta di “simulacro teorico” di un soggetto effettivo, definito unicamente dalle sue determinazioni modali21.

  • 22 Ivi, p. 6.
  • 23 Ivi, p. 7.
  • 24 Cfr. Paolo Fabbri, Marina Sbisà, Appunti per una semiotica delle passioni, «Aut Aut», 207, 1985, or (...)
  • 25 Cfr. Algirdas J. Greimas, Jacques Fontanille, Semiotica delle passioni, cit., p. 42: «Si pone sin d (...)

20A questo soggetto “disincarnato”, la Semiotica delle passioni sostituisce un soggetto avvertito come corporeo, a partire dalla constatazione che “le figure del mondo” possono “fare senso” solo tramite la sensibilizzazione che impone loro la mediazione del corpo. È per questo che il soggetto epistemologico della costruzione teorica non può presentarsi come puro soggetto cognitivo: in effetti, nel suo percorso che conduce all’avvento della significazione e alla sua manifestazione discorsiva, incontra obbligatoriamente una fase di sensibilizzazione timica22. Il corpo appare come principio di omogeneizzazione dell’interocettivo e dell’esterocettivo tramite il propriocettivo, istituendo un’equivalenza formale «tra gli “stati di cose” e gli “stati d’animo” del soggetto»23; in termini applicativi, la semiotica delle passioni focalizzerà i propri interessi verso l’analisi degli stati (d’animo) dell’attante in relazione ai suoi processi di giunzione con l’oggetto di valore, consentendo alla semiotica dell’azione di incorporare una nuova grandezza, insistendo in particolare sulle modulazioni tensive, intensive, ritmiche e aspettuali degli stati d’animo24, ossia sulle forme dell’essere del soggetto in rapporto all’oggetto25.

  • 26 Cfr. Algirdas J. Greimas, Jacques Fontanille, Semiotica delle passioni, cit., p. 43.
  • 27 Cfr. Jacques Fontanille, Lo schema passionale canonico, in Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura (...)
  • 28 Paolo Fabbri, La svolta semiotica, Laterza, Roma-Bari, p. 32.
  • 29 Quali esempi di questa modalità di interpretazione della semiotica delle passioni, si vedano in par (...)

21L’essere appare dunque come una dimensione non più trascurabile del fare: «Non si può negare che la passione del soggetto può nascere da un fare, sia di questo stesso soggetto, come nel caso dei ‘rimorsi’, sia di un altro soggetto, come nel ‘furore’, e che può anche sfociare in un fare»26. Sul piano epistemologico, la semiotica delle passioni crea dunque una complessificazione non tanto della teoria – che continua a essere articolata secondo percorsi canonici e passaggi da stati più profondi e stati più superficiali27 – ma degli oggetti di questa teoria, e in particolare della teoria delle modalità, che adesso si “sdoppia” per configurare tanto una sintassi modale del fare, quanto una sintassi modale dell’essere. L’ingresso del passionale nella teoria dell’azione promuove dunque l’analisi di un soggetto non più unicamente orientato al e dal fare, ma definito anche sulla base delle strutture del suo essere; non più soltanto un soggetto intenzionale ma anche un soggetto esistenziale: un soggetto antropologicamente e culturalmente più complesso, grazie al quale dilatare la nozione cardine di narratività, per ridefinirla come «tutto ciò che si presenta ogni qual volta siamo di fronte a concatenazioni e trasformazioni di azioni e passioni»28. All’atto pratico, l’analisi delle passioni ha avuto di mira soprattutto le forme culturali dei dispositivi passionali modellati dal discorso; si è pertanto interessata principalmente (i) alle configurazioni passionali depositate nel lessico di una data comunità di parlanti, a partire dall’espansione delle definizioni dizionariali; (ii) all’analisi dei percorsi passionali di soggetti “in situazione”, e per lo più letterari; (iii) all’analisi dei fenomeni di passionalizzazione dell’enunciazione29.

22In tutto questo, la semiotica delle passioni si è tradotta concretamente perlopiù nella disimplicazione dei percorsi passionali inscritti in una cultura, nella canonizzazione dei moti passionali e degli andamenti patemici testualizzati, senza portare alle estreme conseguenze la revisione epistemologica della dimensione soggettiva da cui pure essa prende le mosse. Mi sembra di poter attribuire a questo mancato sviluppo una serie di problemi che ne hanno di fatto limitato e precocemente sclerotizzato le possibilità analitiche: da un lato, le tendenza ad accoppiare, ma non a fondere, soggetto del fare e soggetto di stato; dall’altro, l’incastro non sempre felice fra intenzionalità soggettiva e determinazioni culturali, fra strutture logiche-sintattiche che informano il percorso generativo (dell’azione e della passione) e implicazione della dimensione sensibile, ha limitato il progetto della semiotica delle passioni all’attribuzione di gradienti passionali all’azione, a una descrizione, sub specie passionale, dell’azione. In secondo luogo, la semiotica delle passioni ha trascurato tutte quelle dinamiche, anche testuali, foriere di innescare risposte riferibili alla dimensione emotiva, né ha saputo articolare un discorso che, alle generalizzazioni richieste dalla teoria della narratività, affiancasse una specificazione in termini discorsivi, connessa cioè alle “sostanze” che entrano in gioco nella produzione testuale.

2.2. Il corpo nella teoria del cinema

23In merito al tema del corpo, non sorprende trovare nell’ambito degli studi cinematografici una situazione fatta di rimozioni, lacune, riflessioni isolate ed estemporanee, discorsi sfuggenti e prudenza teorica o, al contrario, di domini già fossilizzati e dunque incapaci di raccogliere le suggestioni che, proprio in questi ultimi anni, si sono addensate attorno al tema del corpo, del sensibile, della percezione e dell’esperienza, a partire da una rinnovata attenzione verso il ruolo del corpo nella produzione e nella ricezione delle immagini, sia esso inteso come modello originario di ogni configurazione, reale e immaginaria, del mondo, sia esso valorizzato sul piano dei fenomeni percettivi, come “involucro” da cui procede l’emersione del senso, sia esso inteso, per queste ragioni, come contenuto stesso di ogni atto di comunicazione, la quale si configura prioritariamente come esperienza del corpo, sia esso visto, infine, come vettore fondamentale della rappresentazione.

  • 30 Muta parallelamente anche la situazione sul fronte dell’approccio psicoanalitico al cinema: ne dise (...)

24Eppure, a partire dagli anni Settanta, all’incrocio fra teoria dell’enunciazione, cultural studies, pragmatica e storia e teoria del dispositivo, la dimensione propriamente “materiale” del cinema è balzata in primo piano, portando all’attenzione dei ricercatori una serie di elementi che fanno direttamente appello allo statuto incarnato dei processi di produzione e di visione del film: sono nati così un interesse nuovo verso lo studio dei corpi, “reali” e fantasmatici, messi in gioco da film e cinema, e una maggiore consapevolezza del valore strutturante dei contesti reali di fruizione e, parallelamente, dell’effettivo potere di trasformazione sociale del cinema30.

25Due i poli attorno ai quali è possibile radunare gli spunti di ricerca relativi alla dimensione corporea ed esperienzale offerti in questi anni dagli studi cinematografici: attorno a un primo polo si possono così raccogliere le ricerche riferibili alla teoria dell’enunciazione, in cui il tema del corpo entra in gioco come fattore determinante dei processi di significazione e di “sincronizzazione” fra enunciatore ed enunciatario, ma anche come principio di costituzione e superficie di inscrizione necessario per non anestetizzare le componenti propriamente estesiche della testualità; attorno a un secondo polo si possono invece raccogliere le indicazioni di ricerca provenienti da ambiti disciplinari affini, come quelli della semiopragmatica e della sociosemiotica che, a partire dagli anni Ottanta, hanno arricchito i presupposti dell’analisi testuale richiamandosi a una corporalità non soltanto soggettale ma anche oggettale: quella del dispositivo, della situazione comunicativa e dello spettatore.

2.2.1. Fantasmi, protesi, involucri

26L’orizzonte teorico che più di ogni altro ha sfiorato, se non direttamente affrontato, il problema della corporeità in rapporto al cinema è quello della teoria dell’enunciazione che, cresciuta sulle ipotesi di Emile Benveniste, con i secondi anni Settanta ha orientato anche la ricerca in ambito cinematografico verso «quell’insieme di operazioni che danno per così dire corpo ad un oggetto linguistico»; quel che viene messo a fuoco, adesso, è

  • 31 Francesco Casetti, Teorie del cinema, cit., pp. 167-168.

l’“atto” attraverso cui qualcuno si impadronisce delle possibilità di una lingua per realizzare un discorso, o il “passaggio” da un insieme di virtualità ad una manifestazione. Nel nostro caso, l’enunciazione è ciò che consente ad un film, a partire dalle potenzialità insite nel cinema, di prender forma e di palesarsi: di presentarsi come testo, come quel testo, e come quel testo in quella situazione31.

  • 32 Cfr. in particolare i saggi La natura dei pronomi e La soggettività nel linguaggio contenuti in Emi (...)

27La teoria dell’enunciazione porta dunque in primo piano la natura deittica del linguaggio, il fatto, cioè, riportandosi a Benveniste32, che ogni atto di linguaggio si regge su un sistema referenziale in cui le forme vuote della lingua vengono abitate da un soggetto, il quale, definendosi come io, cioè come colui che enuncia un discorso, proietta simultaneamente un apparato formale composto da un secondo asse personale (il tu a cui si rivolge), da un contenuto (l’egli di cui si parla) e da un vettore situazionale (il qui e ora del locutore).

28La teoria dell’enunciazione ha avuto dunque il merito di sottolineare come ogni atto discorsivo implichi logicamente e originariamente un locutore, e di conseguenza un ancoraggio del discorso a una situazione soggettiva. Il testo viene pensato di conseguenza in rapporto a due zone liminari: quella che separa il testo dalle sue condizioni produttive originarie, e quella che separa la rappresentazione dalla sua fruizione. E in effetti gli sviluppi analitici della teoria dell’enunciazione hanno insistito ora sull’una, ora sull’altra zona:

  • 33 Ruggero Eugeni, La relazione di incanto. Studi su cinema e ipnosi, Vita & Pensiero, Milano, 2002, p (...)

Da un lato si mette in rilievo come l’atto di enunciazione implichi l’inscrizione all’interno dell’enunciato di alcuni elementi della condizione di enunciazione: per esempio i soggetti della situazione di enunciazione divengono presenti all’interno dell’enunciato nella forma delle persone grammaticali “io” e “tu”. Si parla a questo proposito di un soggetto enunciatore e di un soggetto enunciatario. Dall’altro lato viene messa in rilievo la capacità (almeno a livello intenzionale) che l’enunciato ha di influire sul contesto33.

  • 34 In Gianfranco Bettetini, La conversazione audiovisiva. Problemi dell’enunciazione filmica e televis (...)
  • 35 In Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., pp. 355-379.

29Restiamo per il momento al primo versante di studi, interessato in particolare a interrogare il modo e le forme con cui il testo accoglie, rende o non rende visibile il processo di enunciazione che lo precede e produce e con cui inscrive, caratterizza ed esplicita il gioco delle relazioni fra soggetto enunciatore e soggetto enunciatario. È su questo versante, infatti, che si colloca preferibilmente la questione della corporeità, così come viene presentata in due saggi esemplari, fra i quali intercorrono vent’anni di ricerca (la loro esemplarità risiede anche nel fatto di documentare ciò che è accaduto, nell’ambito della semiotica visiva, in questo lasso di tempo): Il corpo del soggetto enunciatore di Gianfranco Bettetini34 e Quando il corpo testimonia. L’approccio semiotico al reportage di Jacques Fontanille35.

30Il primo testo si inscrive nelle ricerche di Bettetini attorno ai fenomeni di inscrizione e di configurazione dei soggetti in gioco nel corso dei processi di organizzazione, destinazione e fruizione di un testo, secondo il modello della conversazione audiovisiva, immagine che, nel momento in cui postula l’esistenza di veri e propri interlocutori attivi (l’enunciatore e l’enunciatario) presi nell’intreccio conversativo disegnato dal film, sancisce, di questi, anche la smaterializzazione e la loro sostituzione con strutture simulacrali corrispondenti a una progettualità autoriale e una dinamica fruitiva.

  • 36 Su questi aspetti, si veda anche Gianfranco Bettetini, Tempo del senso. La logica temporale dei tes (...)

31Destino inevitabile, stando ai particolari processi di conversione e di traduzione che il cinema compie nei confronti della realtà che gli sta di fronte al momento della ripresa; e di questo destino è partecipe anche quel particolare corpo che è il corpo dell’autore o, più correttamente, del soggetto dell’enunciazione36: un’entità che del resto non possiede propriamente alcun corpo, coincidendo piuttosto con

  • 37 Gianfranco Bettetini, La conversazione audiovisiva, cit., p. 17.

un apparato culturale assente, nello stesso tempo produttore e prodotto dal testo, che lascia tracce del suo passaggio ordinatore nel corpo dello stesso testo, tracce finalizzate soprattutto a una istanza progettuale: quella relativa allo scambio comunicativo che elegge il testo a proprio oggetto37.

  • 38 Ivi, p. 23: «Le tracce testuali più significative possono essere costituite dalle titolazioni, dall (...)

32Si tratta, in altre parole, di una istanza configurazionale che emerge in quanto arrangiamento particolare di un testo, e alla cui definizione concorrono numerosi parametri38. Il soggetto enunciatore, dunque, non possederebbe alcun corpo effettivo, e sarebbe più simile a una logica che plasma gli eventi, ne definisce l’organizzazione e ne anticipa la percezione. Egli, tuttavia, si trova in dialogo con un soggetto corporeo, quello del destinatario, fautore della sua stessa presentificazione: «Un soggetto dell’enunciazione senza corpo si instaura in un testo come simulacro incorporeo; in questo simulacro si cala (e se ne riveste) un soggetto destinatario dotato di un corpo».

  • 39 Ivi, p. 27.

33Il contatto impossibile del destinatario con il corpo illusorio della messa in scena – che inoltre censura alcuni termini fondamentali del “senso del corpo” come l’olfatto, il gusto, il tatto – si compie di conseguenza sul terreno del simbolico, ossia in una sorta di “uscita di sé” che Bettetini riassume efficacemente nell’immagine della protesi simbolica, grazie alla quale «il corpo dello spettatore “allunga” la sua azione costruendosi un “altro” di natura simbolica, costruendosi una vera e propria protesi simbolica»39. Tuttavia, pur nel quadro del simbolico e del proiettivo, Bettetini postula la possibilità di ritrovare dei corpi, e dei corpi “interi”. Se infatti l’occhio e l’orecchio dello spettatore diventano i mezzi attraverso i quali lo spettatore percepisce il film e soprattutto misura una distanza, essi rappresentano nondimeno l’innesco per una proiezione fantasmatica del corpo dello spettatore in termini di unità dei sensi, i quali, del resto, possono essere effettivamente distinti e separati solo in sede teorica:

  • 40 Gianfranco Bettetini, La conversazione audiovisiva, cit., p. 29.

Si potrebbe dire che tutto il corpo del destinatario si protende in una protesi simbolica che è spinta a ricalcare, in virtù del progetto enunciativo immanente al testo, il simulacro simbolico del soggetto dell’enunciazione: gli occhi, le orecchie, la cinestesia del corpo assente di questi divengono gli organi di senso del corpo simbolico prodotto dallo spettatore, con tutti gli effetti di illusione e feed-back sensorio che la mancanza di parti del corpo fisico e la loro sostituzione con protesi sollecitano nel corpo psichico40.

34Sostituendo all’idea di identificazione primaria quella di contatto fra corpi simulacrali, Bettetini sembra avanzare l’ipotesi che la simbolizzazione del corporeo operata dallo spettatore dia comunque accesso a una dimensione fruitiva sensorialmente “piena”, modellata sul già sentito del soggetto enunciatore in termini di presenza. Detto altrimenti, si potrebbe anche assumere che attraverso la proiezione di un corpo simbolico ma “operativo”, lo spettatore accede non soltanto ai contenuti rappresentazionali e al progetto ideologico del soggetto enunciatore, ma sembra in qualche modo riabitarne anche un’esistenza empirica, testimoniata dalla sua presenza sensibile in rapporto ai contenuti organizzati.

35Certo, l’impianto discorsivo del saggio di Bettetini non prevede esplicitamente simili pieghe, e subito dopo riduce la prossimità del corpo dello spettatore a quello dell’enunciatore in termini puramente cognitivi; il corpo continua a figurare soprattutto come la sede di un progetto ideologico:

  • 41 Ivi, p. 28.

Questa operazione simbolica consente al corpo dello spettatore di interagire con il significante, sostituendosi al soggetto dell’enunciazione, con la possibilità, per lo spettatore, di non lasciarsi completamente plagiare dal progetto del soggetto: si può credere a quanto si vede e, soprattutto, a come lo si vede, ma si può anche non crederci41.

36La sostituzione dello spettatore con il soggetto enunciatore, per quanto realizzata attraverso una configurazione corporea, e l’interazione con la dimensione del significante, si risolvono in termini puramente cognitivi; più che un corpo e un sentire, sono un cervello e un pensare che si proiettano verso lo schermo. L’esperienza simbolica del destinatario si riduce a un’esperienza del sapere, e l’occhio e l’orecchio appaiono ridotti a veicoli mediatici con cui accedere, per mezzo delle tracce disseminate sul piano significante, allo sguardo dell’enunciatore. Il fare del soggetto enunciatore viene insomma ridotto a pratica visibile, e della sua origine o fonte corporea, empirica, materiale sembra non restare memoria se non nella forma di un “sapere organizzato”: sensazione e percezione sono semplici strumenti d’accesso alla “proposta discorsiva” dell’enunciatore, che verte su una serie di punti di vista operativi sul mondo.

  • 42 E in particolare il suo Les espaces subjectifs. Introduction à la sémiotique de l’observateur, Hach (...)
  • 43 Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., p. 355. Il verbo testimoniare, specifica l’autore, va a (...)

37Di tracce o, meglio, di impronte parla anche Jacques Fontanille, che in Figure del corpo, riconsiderando la tradizione della teoria dell’enunciazione42, guarda alla testualità – e in particolare al reportage – come a un luogo di inscrizione e di scambio fra soggetti virtuali e reali in grado di testimoniare non soltanto di una volontà discorsiva sublimata in termini di predicazioni di stati di cose ma anche di un esserci sensibile, percettivo e estesico, organizzato in figure e memorie percettive: «Se un corpo è suscettibile di conservare, come memoria figurativa, le tracce e le impronte delle sue interazioni sensoriali con altri corpi, allora è ragionevole fare l’ipotesi che un soggetto dell’enunciazione dotato di un corpo è in grado di testimoniare le sue esperienze»43.

  • 44 Ivi, pp. 356-357.

38Nel caso del reportage, che si caratterizza proprio per la presenza originaria di un soggetto-corpo testimone, ci si trova di fronte a un oggetto “secondo”, vale a dire un “corpo-testimone” che sarà tale solo se «potrà essere reperita una qualche attestazione del carattere continuo e connettivo del contatto che rela il corpo originario e i corpi intermediari; una tale attestazione non potrà che essere suffragata dalle impronte lasciate nei corpi coimplicati lungo il susseguirsi dei contatti»44. Caratteristica della testimonianza è infatti la possibilità di ritrovare e di rinnovare, di traduzione in traduzione, quel primo momento di continuità e di connettività fra soggetto ed evento attraverso il riconoscimento di una “memoria figurativa dei corpi”.

39L’autenticità e la credibilità del reportage deriva del resto proprio dalla percezione diretta e dalla presenza fisica del soggetto in rapporto agli eventi che documenta; per questo, il reportage appare a Fontanille come una modalità discorsiva “critica”, poiché sembra impossibile dire qualcosa su di esso senza prendere in considerazione l’esistenza di un soggetto che

  • 45 Ivi, p. 358.

mette in gioco il proprio corpo, la propria carne sensibile, dato che riferisce ciò che vede, sente e percepisce nel mentre si trova nel luogo dell’evento, in carne ed ossa: solo per tale ragione possiede un’opportuna qualifica per enunciare, per informare45.

  • 46 Ivi, p. 359.
  • 47 Ibidem.

40L’inscrizione dell’origine corporea del reportage nella semiosi avviene attraverso due modalità della sinestesia: l’involucro e il movimento. Il primo, figura delle cenestesia in quanto «rete di sensazioni compartecipate e interconnesse che coinvolge tutti i diversi sensi», testimonia di «un ancoraggio deittico (spaziotemporale) rispetto alle figure che va a cogliere»46. In parole più semplici, l’involucro testimonia, nel discorso, della rete sensibile che aggancia il corpo percipiente alla realtà che lo circonda. Il movimento è invece figura della cinestesia, «vale a dire un fascio di sensazioni riunite attorno a una unica cinesi: tale fascio è infatti raccolto in ragione di un movimento che suscita contemporaneamente le sensazioni o che quantomeno le dirige tutte allo stesso tempo»47.

  • 48 Ibidem.

41È, in altre parole, non più la figura di un corpo situato ma di un corpo esploratore, «che si inoltra nel mondo nel mentre si “apre a esso”»; tale corpo testimonia dunque non più di un riferimento deittico organizzato nel mondo ma di un percorso del corpo attraverso il mondo, «attraverso materie e luoghi resistenti, fonti di modificazioni foriche primarie e di sforzi»48.

  • 49 Il corpus è composto da tre articoli tratti dalla rubrica Enquêtes et reportages del «Courrier Inte (...)
  • 50 Ivi, p. 363.
  • 51 Ivi, p. 364.

42L’analisi di Fontanille si applica a tre reportage scritti49 che, all’apparenza, sembrano condividere procedure di organizzazione del discorso del tutto assimilabili a quelle normalmente implicate nella scrittura giornalistica. A un’analisi ulteriore, i testi rivelano però una diversa motivazione alla base della loro organizzazione discorsiva. Tale motivazione ha direttamente a che fare con il percorso di un corpo preso in una situazione di contatto e di esistenza reali («il reportage si svolge ad altezza uomo, seguendo le tappe canoniche imposte a un corpo viaggiatore»50), un corpo libero, aperto alla ricchezza sensoriale che lo circonda, dove la presenza di un direzionamento cognitivo e sensoriale non esclude tuttavia l’apertura di questo corpo all’«insuperata disponibilità sensoriale» che caratterizza il suo movimento nel mondo. Il reportage sembra così tradursi in una tipologia discorsiva che porta in primo piano le modalità stesse di esistenza sensoriale e percettiva del soggetto nel mondo, la cui attenzione – in senso fenomenologico – non chiude però l’orizzonte dell’infinta semiosi coincidente con l’essere al e nel mondo del soggetto. Il corpo del giornalista diventa così una “macchina di registrazione” disponibile e aperta, ed è proprio tale disponibilità sensoriale a costituire il principio dell’ossatura argomentativa del reportage: «Il movimento del corpo motiva il percorso discorsivo: si potrebbe dire allora che entra in una relazione iconica con la struttura argomentativa della dispositio. È la prima equivalenza che incontriamo»51.

  • 52 Ibidem.

43È dunque attraverso le occasioni e le avventure del corpo che il reportage prende forma: esso rappresenta il principio costituivo di uno stile argomentativo che fa leva sulla sostituzione dell’attante disincarnato della precedente teoria dell’enunciazione con un corpo senziente; senza corpo, infatti, «non si danno né incidenti né avventura, né incontri inopinati, al punto che il soggetto narrativo finirebbe col ridursi a puro attante programmato per realizzare ciò a cui è destinato, nulla più»52. È invece dal contatto fra il corpo del reporter e i corpi che lo circondano che procede la narrazione, e sono le figure di questo contatto ad autenticare la procedura del reportage. L’involucro, in particolare, testimonia dell’ancoraggio sensibile del soggetto al luogo, funzionando altresì come superficie disponibile all’inscrizione di significanti da riconvertire in senso.

  • 53 Ivi, p. 373.

44La funzione analogizzante con cui il corpo fa proprie le configurazioni del mondo che lo circondano non è soltanto una modalità cognitiva di elaborazione dell’“alterità” del mondo ma anche un “convertitore di credenze”: se infatti l’esperienza sensibile e l’attività corporea motivano lo svolgimento del reportage e ne autentificano l’enunciazione, è necessaria un’altra procedura per attivare l’esperienza sensibile dell’enunciatario «e, se possibile, il ricordo e l’immagine schematica di una attività corporea associata»53. Il corpo del soggetto enunciatore assurge qui, con tutta la sua evidenza e materialità di superficie carnale e mobile, a principio di funzionamento modale del testo: ne costituisce la motivazione e, attraverso la dinamica del suo movimento, si apre alla molteplicità percettiva del mondo; è ancora il corpo, attraverso la sua memoria sensibile, a ricondurre i dati percettivi raccolti – instabili in quanto “occasioni di senso” – a una concreta possibilità di prensione; la figura dell’analogia funziona non soltanto da procedura di inscrizione sensibile per l’involucro e di conversione semantica, ma anche come procedura di costituzione di un corpo virtuale che enunciatore e enunciatario si scambiano per comunicarsi e soprattutto per condividere un’esperienza.

45Gli aspetti di maggior interesse della tesi di Fontanille mi sembrano essenzialmente due: da un lato, il tentativo di assumere i corpi dell’enunciatore e dell’enunciatario in tutta la loro complessità fenomenologica, senza ridurli completamente a un’esistenza puramente simbolica; dall’altro lato, mi sembra essenziale l’idea che, grazie a una serie di strategie figurative destinate a costruire dei corpi-testimone, corpo enunciatore e corpo enunciatario possano, pur in presenza di strutture di mediazione come i testi scritti, sincronizzarsi a partire da una memoria condivisa: una memoria non di sole cose ma di sensazioni e di forme e di figure corporee; una memoria di stati esistenziali, di processi e di trasformazioni del corpo nella relazione con altri corpi, passibile di innescare nell’enunciatario un’esperienza di analogia percettiva.

2.2.2. Soggetti, corpi, pelle

  • 54 Jonathan Crary, Techniques of the Observer. On Vision and Modernity in the Nineteenth Century, MIT, (...)
  • 55 Si veda in particolare Roger Odin, Della finzione, Vita & Pensiero, Milano, 2003.
  • 56 Per una introduzione alla quale si vedano Ruggero Eugeni, Film, sapere, società. Per un’analisi soc (...)
  • 57 Questi ultimi due ambiti di ricerca, in considerazione della condivisione di numerosi assunti e fin (...)

46Un secondo versante di ricerca che, in tempi recenti, ha avvertito la necessità di implicare maggiormente la dimensione incarnata dell’esperienza cinematografica, incrocia almeno tre tradizioni di studi: la teoria del dispositivo, dove, a partire da una critica alle posizioni degli anni Settanta, un autore come Jonathan Crary ha potuto dimostrare l’esistenza di una profonda spaccatura fra regimi di visione pre- e post-cinematografici fondata sull’inclusione di una soggettività anche corporea54; la semiopragmatica di Roger Odin, in cui la valutazione delle condizioni di visione reali, con riferimento, tra l’altro, ai profili spettatoriali e alle forme concrete di interazione fra fruitore e testo, ha contribuito a inaugurare un orizzonte di ricerca attento alle pratiche di esistenza e uso dei testi, con evidenti ripercussioni sulla loro dimensione semantica55; e infine l’area degli studi riconducibili alla sociosemiotica56, in cui l’eredità della pragmatica e l’influsso delle ricerche sulla ricezione hanno condotto a concentrare l’attenzione, fra l’altro, sul modo in cui i testi interagiscono con il tessuto sociale, a partire dall’idea che nei testi siano inscritti programmi d’uso, modelli esperienziali e “pratiche” in grado di agire concretamente nella vita degli spettatori57.

  • 58 Ivi, p. 31.

47Pur nelle differenze esistenti fra queste tre aree di ricerca, tre mi sembrano gli elementi che le accomunano: in primo luogo, l’idea che i testi (compresi quelli audiovisivi) siano dei dispositivi sociali, e che dunque la loro analisi non possa prescindere dalla valutazione delle condizioni reali della loro apparizione e fruizione e che, di conseguenza, essa debba mirare allo studio delle trasformazioni che i testi introducono nel corpo sociale in cui compaiono e in cui circolano; in secondo luogo, l’attenzione portata – nel caso specifico del cinema – allo spettatore, alle dinamiche della sua relazione con i testi e, correlativamente, alle forme di esistenza dei testi in rapporto allo spettatore e dunque alla presenza effettiva, ben oltre il semplice processo di visione e/o di interpretazione, dei primi nella vita del secondo; in terzo luogo, in modo meno manifesto ma altrettanto cruciale, l’idea che il senso non sia (più) qualcosa di immanente, una “sostanza” presente e data una volta per tutte, ma «una forma che perennemente si costruisce, sorta di luccichìo o di effetto che si coglie “al volo”, in atto e, più precisamente, in situazione, dunque nel presente stesso del processo che lo sta facendo accadere»58.

  • 59 Sul prodotto culturale si veda Ruggero Eugeni, Introduzione. L’analisi del prodotto culturale: ogge (...)
  • 60 Cfr. Michel de Certeau, L’invenzione del quotidiano, Edizioni lavoro, Roma, 2001.
  • 61 Per una panoramica sui quali, con particolare riferimento ai media e film studies, si rimanda a Wil (...)
  • 62 Per una sintesi relativa agli studi sulla spettatorialità, la ricezione e il consumo, si rimanda a (...)
  • 63 Cfr. Francesco Casetti, Between Textual Analysis and Reception Studies. Negotiation processes, in I (...)
  • 64 Cfr. Nicholas Mirzoeff, Introduzione alla cultura visuale, Meltemi, Roma, 2002.

48Due termini – corpo sociale e spettatore – che invitano complessivamente a connettere i processi di esistenza e fruizione dei testi a una dimensione “antropomorfa” e a “ridare corpo” ai testi stessi, cogliendoli in tutta la loro complessità di prodotti artistici e al tempo stesso culturali, e dunque tenendo in memoria di volta in volta il particolare intreccio sociale, culturale, storico ed estetico che ne è all’origine e che ne interseca l’esistenza e l’“uso”59. Da questo punto di vista, si tratta, dunque, di far agire nell’analisi una valenza corporea diversa ma non lontana da quella osservata nel precedente paragrafo: da un lato, attraverso la presentificazione dei corpi empirici che ricevono tali testi e, dall’altro, attraverso la materializzazione dei testi in quanto corpi-oggetto, al fine di coglierli nelle loro dinamiche intersoggettiva (relazione con il fruitore) e interoggettiva (relazione con i contesti di apparizione e uso). Una doppia esigenza che attraversa l’ambito dei media e dei film studies almeno dai primi anni Settanta, sotto insegne anche molto diverse, e che tiene insieme il richiamo di Michel de Certeau all’individualità, all’uso dei prodotti culturali e all’invenzione tattica60, il progetto dei cultural studies61, gli studi sulla ricezione62, l’emersione della pragmatica e della sociosemiotica e l’infittirsi dei legami, dei prestiti e delle convergenze fra semiotica e sociologia63, nonché le attuali ricerche attorno alla visualità64.

  • 65 Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie, cit., p. 29.
  • 66 Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura di), Semiotica in nuce, cit., p. 266.
  • 67 Pierluigi Basso, Confini del cinema, cit., p. 121.
  • 68 Ibidem.
  • 69 Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., p. 30.

49Un interessante punto di incontro e sintesi di queste preoccupazioni legate all’incarnazione dei processi di comunicazione e significazione è rappresentato oggi da un versante della ricerca semiotica che, con Landowski, possiamo definire «una semiotica dell’esperienza sensibile, relativa al nostro rapporto con il mondo in quanto mondo significante»65. Una semiotica che, pur implicando dimensioni come quelle percettiva, sensibile ed estesica, non per questo abbandona l’analisi testuale, ma integra l’analisi dell’azione e della passione con quella dei sensi, domandandosi, per esempio, quali siano le relazioni fra il senso e i sensi, e «sino a che punto la significazione è un fenomeno eminentemente cognitivo e culturale, e in che termini essa è legata alle dinamiche della percezione, della relazione antepredicativa tra il soggetto senziente e le qualità sensibili del mondo»66. L’affioramento di questo livello di pertinenza nella ricerca semiotica è del tutto parallelo all’integrazione della problematica del corpo, che ha contribuito a svelare come «la distinzione tra ciò che è dell’ordine dell’espressione e ciò che è dell’ordine del contenuto è locale e prospettica»67, e non data una volta per tutte al di fuori della relazione tra soggetto e mondo. Ciò significa rilanciare il problema dell’emersione del senso e dei processi di significazione proprio a partire dalla dimensione corporea, sensibile e percettiva, con conseguente radicamento dei processi di semantizzazione nella «continua rielaborazione dei valori percepiti»68. Non c’è senso (o ci sono semplici “ombre di senso”) al di fuori dell’esperienza situata, presente, processuale; ed è il corpo l’unico operatore possibile della semiosi, vista ora come «ribattimento dell’esterocettivo sull’interocettivo», ossia come passaggio perenne fra un piano dell’espressione (coincidente con l’esterno del corpo, sotto forma di stimoli e forze) e piano del contenuto (di origine interocettiva): «l’isomorfismo dei due piani di un linguaggio è specifico di ogni semiosi, e il rapporto tra espressione e contenuto viene così ridefinito a ogni nuova enunciazione»69.

2.2.2.1. Jonathan Crary: tecniche d’osservazione e d’esistenza

  • 70 Nel successivo Suspensions of Perception. Attention, Spectacle, and Modern Culture, MIT, Cambridge- (...)

50Anche per Jonathan Crary, che pure si muove in un ambito disciplinare distante da quello della semiotica, il problema della visione contemporanea, e nella fattispecie della visione cinematografica, si spiega proprio in termini di implicazione del corpo dello spettatore e, di conseguenza, non può essere compreso se non nella valorizzazione del situarsi percettivo, storicamente e culturalmente determinato, dello spettatore in rapporto al dispositivo70.

  • 71 Jonathan Crary, Techniques of the Observer, cit. Nel riassumere la proposta di Crary ci rifaremo so (...)

51In Techniques of the Observer71 egli sostiene infatti che, all’interno della storia della visione dal Rinascimento a oggi, proprio una diversa implicazione della dimensione corporea dell’osservatore segna una discontinuità profonda fra l’invenzione del cinema e i precedenti dispositivi ottici. Rigettando l’ipotesi di Baudry secondo la quale dalla camera oscura al cinema il soggetto implicato e prodotto dalla visione sarebbe sempre il medesimo – un soggetto centrato, disincarnato e trascendentale –, Crary ritiene infatti che fra le due situazioni si manifesta al contrario una profonda discontinuità, databile fra il 1820 e il 1830, quando emerge una differente nozione di visione. Ciò che interviene a modificare il modello della visione rinascimentale è proprio l’ingresso del corpo, inteso come luogo di elaborazione autonomo e soggettivo. Il modello della camera oscura, secondo Crary, si regge all’opposto sull’inclusione del soggetto della visione nello spazio della camera, dalla cui prospettiva egli partecipa a una visione certa, obiettiva, sicura, ossia deterritorializzata e disincarnata.

52La ricerca di Crary si colloca perfettamente sullo sfondo teorico sopradescritto, in cui al soggetto della visione viene (ri)assegnata anche una valenza (e di fatto un potere operativo in termini di costruzione del senso) di ordine soggettivo e sensibile. Come ricorda Linda Williams,

  • 72 Linda Williams, Introduction, in Id. (a cura di), Viewing Positions, cit., p. 6.

In the early nineteenth century, a number of researchers began to view the body as the key producer – rather than a neutral registerer – of images. When that happened, the entire distinction between inner and outer upon which the camera obscura depended collapsed. Vision was seen to be subjective, an unfolding of processes within a body whose senses had an almost innate capacity to misperceive – that is, to be affected by sensations that have no necessary link to an external referent72.

53A partire da qui, e spostando l’asse d’osservazione dallo spettatore alle dinamiche di cui è protagonista, lo sforzo di Crary consiste successivamente nel riassegnare alla visione cine-matografica un diverso ruolo nella percezione e nella costruzione del reale e nella mediazione fra osservatore e realtà. Ciò che entra in crisi con il cinema e, prima del cinema, con la fotografia, è infatti lo statuto epistemologico dei dispositivi di visione; cambia con il cinema la relazione con le immagini, e cambia di conseguenza la relazione delle immagini con ciò di cui sono immagine. Non diversamente da quanto suggerisce Fontanille, cinema e fotografia, nel riattivare un confronto situato dello spettatore con l’immagine, sottraggono quest’ultima, individualizzandola, ai suoi regimi di (presunta) verità e di obiettività (di predeterminazione del senso), rilanciando il problema della loro esistenza e dei loro processi di figurazione al piano dell’esperienza del soggetto.

  • 73 Jonathan Crary, Modernizing Vision, cit., p. 25.
  • 74 Ivi, p. 26, corsivo mio. Crary insiste molto sullo scarto fra monoculare e binoculare, osservando c (...)

54La camera oscura non è dunque, per Crary, un semplice dispositivo ottico ma, piuttosto, un dispositivo sociale, un modello di organizzazione del sapere e di costruzione del soggetto in rapporto al mondo e alle sue possibilità di esplorazione e di conoscenza del mondo stesso, e dunque, in breve, «a complex technique of power»73, che legifera per l’osservatore ciò che è percettivamente vero, e delinea un insieme di relazioni fisse attraverso le quali un osservatore si trasforma in soggetto e si appropria di ciò che vede. La camera oscura rappresenta insomma un modello sia per l’osservazione di fenomeni empirici, sia per la riflessione introspettiva e l’auto-osservazione: la singola apertura dalla quale la camera oscura guarda e riflette il mondo diventa il singolo, matematicamente definibile punto di osservazione grazie al quale il mondo può essere logicamente dedotto e rappresentato. Il che significa, per altro verso, ammettere che il mondo può essere matematicamente ridotto e afferrato, e dunque dominato dall’uomo; ma per far questo è necessario rigettare ogni forma di partecipazione sensibile e corporea del soggetto con il mondo, «in favor of the representations of this mechanical and monocular apparatus, whose authenticity was placed beyond doubt»74.

  • 75 Ivi, p. 33.

55Il risultato finale dell’emersione di una nuova immagine dell’uomo – un uomo finalmente corporeo, soggetto sensibile che impara a conoscere il mondo non a partire dalla neutralità di un punto di vista monoculare ma attraverso la sua esperienza sensibile nel mondo – è la parallela emersione di una nuova tipologia di osservatore: «A more mobile, usable, and productive observer was needed in both discourse and practice – to be adequate to new uses of the body and to a vast proliferation of equally mobile and exchangeable signs and images»75.

56L’effetto finale dell’integrazione del corpo nella descrizione delle “tecniche” dell’osservatore è quello di una deterritorializzazione della visione: la visione cessa di essere un luogo di verità preformate e di conoscenze oggettive, per trasformarsi in spazio di esperienza e di possibilità, apertura continua e rilancio e, parallelamente, testimonianza di un corpo in azione; le procedure di visione di dispositivi come quello cinematografico, enfatizzando tali potenzialità (come diremo meglio nel prossimo capitolo), non aspirano a farsi modello di conoscenza ma mezzo di incontro con il parziale e il fuggevole, luogo di conoscenza e di esperienza.

2.2.2.2. Eric Landowski: grammatiche della sensazione

  • 76 Vera e propria bandiera degli studi di cultura visuale di area anglosassone; si veda, anche per l’e (...)

57Questa rinnovata coscienza dell’importanza di una localizzazione del vedere76 è anche al centro di quel vasto campo interdisciplinare (all’incrocio fra scienze sociali e analisi testuale) che va sotto il nome sociosemiotica, interessata a studiare come “costruiamo gli oggetti” e come

  • 77 Algirdas J. Greimas, Joseph Courtés, Sémiotique. Dictionnaire raisonné de la théorie du langage, II (...)

ci inscriviamo in essi in quanto soggetti parlanti e agenti. L’oggetto empirico della sociosemiotica si definisce in questo senso come l’insieme dei discorsi e delle pratiche che intervengono nella costituzione e/o nella trasformazione delle condizioni di interazione tra i soggetti (individuali e collettivi)77.

  • 78 Cfr. Gianfranco Marrone, Corpi sociali, cit., p. xix.
  • 79 Eric Landowski, Modi di presenza del visibile, in Pierluigi Basso (a cura di), Modi dell’immagine. (...)

58Nel quadro della sociosemiotica, il soggetto emerge quindi come nodo e occorrenza attiva, all’interno di uno spazio fluttuante di relazioni in continua trasformazione, in cui non esistono né uno sguardo né una realtà “puri”, ma soltanto “oggetti costruiti” e dunque “sociali”78. Ne deriva, in consonanza con le idee di Crary, la necessità di avviare un’analisi del visibile che tenga conto, in primo luogo, degli effettivi e molteplici regimi di presenza e interazione fra soggetti e oggetti, a partire dall’idea che la visibilità sia «una dimensione del reale tra le altre»79; ciò significa, parallelamente, prestare maggiore attenzione alla pluralità dei regimi di senso che derivano dall’implicazione di un soggetto compiuto e complesso, cognitivo ma anche percettivo, razionale ma anche passionale, estetico ma anche estesico. Da qui, come sintetizza Gianfranco Marrone, la necessità, per la sociosemiotica, di lavorare attorno a tre nozioni chiave, quelle di testo, discorso e corpo, grazie alle quali dare conto dei processi e delle pratiche entro le quali si gioca la costruzione del senso per un soggetto sociale.

  • 80 Gianfranco Marrone, Corpi sociali, cit., p. XXIX.
  • 81 Ivi, p. XXX.

59Proprio l’ultimo termine, il corpo, ha come obiettivo di introdurre nell’analisi delle dinamiche con cui il soggetto si relaziona al mondo (oggettale e soggettale) un’immagine del soggetto stesso non limitata all’idea dell’interprete, ma capace di considerare, dell’essere umano, tutta la complessità dei suoi processi di costruzione del senso. Ciò che la sociosemiotica contribuisce a rimettere in gioco richiamandosi alla nozione di corpo (nel quadro di una teoria del senso come azione, e del testo come discorso dinamico e processuale) è, in breve, il ruolo dei sensi e dell’estesia nei processi di significazione, soprattutto sul versante dell’attribuzione valoriale: la socialità è infatti un prodotto che «non può prescindere dalle logiche somatiche che, precedendo la costituzione dell’individuo singolo, sono garanzia di ogni relazione intersoggettiva»80. Del resto, prima di essere intersoggettive, le relazioni dell’individuo con quanto lo circonda sono intercorporali. Il che suggerisce, una volta integrata la dimensione corporea quale dimensione originaria del senso, di prendere in considerazione, accanto alla presenza di codici sedimentati culturalmente, l’esistenza di «una specie di sensorialità diffusa, di estesia collettiva che, fondando gran parte dei processi sociali, riesce a spiegarne le logiche profonde»81.

  • 82 Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura di), Semiotica in nuce, II, cit., p. 266. Come sintetizzan (...)
  • 83 Eric Landowski, Modi di presenza del sensibile, cit.
  • 84 Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie, cit.
  • 85 Eric Landowski, Modi di presenza del sensibile, cit., p. 136.

60Più e meglio di altri, mi sembra che proprio Landowski abbia fatto luce sul significato dell’implicazione della dimensione sensibile nei processi di significazione, nel quadro di quella branca della semiotica che va sotto il nome di semiotica dell’estesia e che, per l’appunto, «si occupa di integrare nel modello teorico del percorso generativo del senso la dimensione sensoriale e somatica»82. In Modi di presenza del sensibile83 e in Al di qua o al di là delle strategie84, fedele a una concezione del senso come “forma emergente” di un processo interattivo in corso, Landowski introduce una fondamentale distinzione fra i regimi di presenza dei soggetti “nel mondo dove si vive” (a partire dai quali si determinano i regimi di senso «secondo cui, per un soggetto, il mondo può significare»), e i modi di presenza del “mondo-oggetto” dinnanzi all’uomo, ossia il modo in cui il mondo sensibile «condiziona a sua volta la maniera con cui noi lo viviamo, ossia con cui vi siamo presenti in quanto luogo di emergenza del senso»85.

61Da un lato, dunque, abbiamo un’immagine percettiva e dinamica del sé nel mondo, prodotta dall’interazione fra propriocezione, piano cognitivo e memorie culturali; dall’altro, un luogo del mondo che svolge un ruolo d’agente nei confronti dei processi di significazione del soggetto in un doppio senso: in primo luogo, perché rende possibile, situandola, l’emersione del senso; in secondo luogo, perché offre contestualmente una serie di oggetti sensibili che entrano a far parte del contenuto stesso dei processi di senso. Così, mentre il mondo-oggetto partecipa del senso sia in quanto quinta, sia in quanto ribalta, soggetto e mondo vengono valorizzati in quanto dotati di un ingombro sensibile, di un’attitudine narrativa e di una memoria.

  • 86 Ivi, p. 137.
  • 87 Eric Landowski, Al di qua o al di la delle strategie, cit., p. 32: «Poiché, inteso come forma emer- (...)
  • 88 Eric Landowski, Modi di presenza del visibile, cit., p. 139.

62Landowski apre insomma a una prospettiva fenomenologica per la quale il senso appare come l’incontro tra una forza – quella delle cose che emergono e s’indirizzano al soggetto, una forza «che ci impone talvolta, anima e corpo, certi determinati stati»86 – e un’attenzione che il mondo sollecita nel soggetto, e che suggerisce (oppure no) un volgersi di questo verso il mondo, verso quella forza, dalla quale, instaurata una relazione, può nascere un effetto, ossia un senso87 del mondo per il soggetto. Di qui, l’idea che sia possibile distinguere diverse forme di sensatezza del mondo a partire dalle forme della sua presenza in rapporto al soggetto: avremo allora, in primo luogo, uno stato di semplice presenza, un “esser qui” spazio-temporale nel campo dell’osservatore che però non produce ancora senso – una sorta di grado zero ma, al tempo stesso, un passaggio obbligato verso i regimi di presenza. Abbiamo poi, idealmente opposto a questo, un regime di presenza e di senso più ricorrente (il più ricorrente), in cui «quello che si trova empiricamente presente è al tempo stesso socialmente e, in generale, linguisticamente categorizzato»: la significazione si compie qui al prezzo di una vera e propria non-presenza del soggetto al mondo come tale: «il mondo significa nella misura in cui il soggetto se ne distacca e rinuncia a sentirlo»88.

63All’estremo di questo regime si trova quello della presenza stessa delle cose, la loro presenza sensibile e immediata che

  • 89 Ivi, pp. 139-140.

può essere vissuta solo come pura tautologia: in assenza di ogni modulazione, è il torpore di una presenza pesante e muta, quella del corpo forcluso su se stesso, che sente soltanto il proprio peso; oppure quella di un corpo del tutto prigioniero dell’oggetto: stato di ordine catalettico o ipnotico, ma che, nei due casi equivale a una morte vissuta, quella del senso, e dunque del soggetto stesso in quanto essere-al-mondo89.

  • 90 Cfr. Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., in particolare pp. 30-64.

64L’idea, in questo caso, è che non vi sia alcuna interazione fra soggetto e mondo, alcuna forza in azione: il senso, inteso come processo di iconizzazione di istanze corporee prodotte dall’interazione fra materia ed energia90, è impedito dal ritornare su se stesso dalla forza (energia, tensione, intensità ecc.) che guida i processi di presenza del soggetto nel mondo o, al contrario, dal frangersi di questa forza verso una materia “inerte”.

65Infine, tra questi estremi, Landowski colloca una quarta modalità di presenza, quella in cui «ciò che prende un “campo” percettivo possa dar luogo a una presenza viva che produca effettivamente senso»: per far questo, è necessario

  • 91 Eric Landowski, Modi di presenza del visibile, cit., p. 140.

che in un modo o nell’altro il corpo vi sia messo in movimento attraverso il gioco di un qualche rapporto tra elementi modulati sul modo “musicale”: presenza fluttuante o, potremmo dire, danzata, al tempo stesso causa ed effetto, che permette l’irruzione di un sovrappiù di senso che non potrebbe scaturire che da un effetto di presenza91.

  • 92 Ivi, p. 132.

66La metafora musicale serve a Landowski per introdurre una dimensione del senso che non riposa, proprio come nel caso della musica, su strutture propriamente linguistiche (vale a dire, «un sistema di relazioni tra unità discrete portatrici di significazioni articolate»92) ma che, non per questo, è aliena da fenomeni di significazione; solo, questi si compiono attraverso una grammatica sensibile i cui elementi strutturali sono colpi, flessioni, toni, accenti, arresti ecc., che operano “alle spalle” del linguaggio e che producono senso attraverso una sorta di sincronizzazione del corpo del soggetto agli andamenti del “corpo musicale”; un senso, dunque, che si dà immediatamente, attraverso i canali sensoriali, senza la mediazione di un significato letterale o, più semplicemente, di un contenuto referenziale.

  • 93 Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie, cit., p. 35.
  • 94 Ivi, p. 36.

67È in Al di qua o al di là delle strategie che Landowski precisa quest’ultima mo-dalità di donazione del senso attraverso l’immagine del contagio e l’ipotesi teorica di una grammatica dell’unione, la quale riposerebbe su una modalità di relazione fra soggetto e mondo alternativa alla logica della giunzione (normalmente praticata dalla semiotica). A partire dal riferimento a Merleau-Ponty, per Landowski è possibile indicare una seconda modalità della significazione, in cui gli effetti di senso dipendono non più da oggetti di valore di cui appropriarsi, «ma dalla pura e semplice copresenza degli attanti gli uni agli altri»93. Si tratta, in altre parole, di uscire da una semiotica della giunzione e, prendendo in carico dimensioni come quelle della presenza, del sensibile, dell’estesico o, per dirla con Landowski, del sensoriale e del sentito, dare conto di effetti di senso fondati sul contatto diretto tra un’istanza che prova e una che è provata. Di qui, l’idea di una grammatica dell’unione in cui «gli attanti entrano estesicamente in contatto – è soltanto la loro presenza reciproca, hic et nunc, che fa senso, in atto»94. I corpi diventano così, all’interno di questo regime dell’unione, i vettori/conduttori del contagio intersomatico su cui si regge l’emersione del senso. Ma, accanto a un regime di contaminazione intersomatica (esemplificato dall’influenza e dal fou rire), in cui il contatto fra i corpi risulta l’elemento attivante di una influenza reciproca, Landowski ne individua un secondo, fondato sulla desiderabilità e sulla condivisione intersoggettiva e immediata degli affetti del corpo e dell’anima, che può ben applicarsi anche a situazioni mediate (almeno dal punto di vista formale, come nel caso della visione cinematografica).

68Il contatto da cui scaturisce una prensione di tipo prevalentemente estesico – che pure può coincidere, o andare nella stessa direzione di una prensione cognitiva – non si regge infatti soltanto sulla contiguità materiale dei corpi-attanti in interazione. I corpi, siano essi reali o fantasmatici, presenti o percepiti come presenti, non producono forme di comunicazione squisitamente “grammaticali” o cognitive, ma anche forme di relazione fondate sul sentire di un corpo in presenza di un altro corpo, secondo una forma di

  • 95 Ivi, p. 47.

inerenza tra il percipiente e il percepito, tale che non si possa più avere, in questo caso, né determinazione causale, né un “prima” presupposto da un “poi”, ma solo co-azione, concomitanza, co-emergenza o, come preferiamo dire, contagio, cioè reciproca trasformazione dinamica in atto95.

69Ora, mi sembra che proprio le modulazioni musicali – che rimandano a una ritmica del movimento – attraverso le quali si strutturava, secondo il Landowski di Modi di presenza del visibile (anche nel caso di manifestazioni testuali), una modalità di prensione e di significazione di tipo contagioso, in cui il senso si dà in quanto co-esperienza e contiguità senso-motoria, siano l’elemento che, nel caso del cinema, può suggerire in che termini un film, accanto a regimi di senso fondati su logiche cognitive e razionali, possa inaugurare e mantenere viva durante la proiezione anche una significazione di tipo contagioso, fondata sulla

  • 96 Ivi, p. 49.

riproduzione da parte di uno dei due [attanti-partecipanti] di un concatenamento organizzato di stati e di azioni, il cui modello sarà fornito (direttamente o meno, volontariamente o meno, coscientemente o meno) dall’altro96.

  • 97 Ivi, p. 61.

70Con una differenza importante rispetto al contagio per unione: che in un caso come il cinema, uno dei due “partecipanti” sembra imporre all’altro la propria maniera di essere-al-mondo; fuor di metafora, il testo, grazie al suo funzionamento strutturale, produce effettivamente una partecipazione (anche) contagiosa, realizzata come effetto di senso a partire da un regime di co-presenza (spettatore-visibile), ma senza che – come accade invece nel caso della grammatica dell’unione – l’effetto sia condiviso dagli agenti. Tale modalità viene riconosciuta e definita da Landowski come un contagio per impronta: «In questo caso non interviene la minima reciprocità e la tendenza sarebbe piuttosto quella della cancellazione di uno dei partecipanti, della sua sottomissione di fronte alla presenza dominante dell’altro»97.

71Il che fa in un certo senso ricadere il contagio per impronta nel quadro della grammatica giuntiva, in quanto modalità dell’ordine del far fare, ossia manipolazione che mira a suscitare nel destinatario una riproduzione. Ciò, in definitiva, consente di coniugare strategie testuali e manipolazione somatica, sfuggendo, da un lato, il rischio di sottostimare il ruolo volitivo, strategico e manipolatorio della testualità e, dall’altro, la chiusura sul solo ordine del cognitivo, con cancellazione del ruolo della corporeità sia sul versante spettatoriale, sia sul versante testuale.

Notes

1 Mark Johnson, The Body in the Mind. The Bodily Basis of Meaning, Imagination, and Reason, The University of Chicago Press, Chicago, 1987; Johnson ha rivisto e completato la sua ricerca nel recente The Meaning of the Body: Aesthetics of Human Understanding, University of Chicago, Chicago, 2008. La bibliografia sul tema dei rapporti tra mente e corpo, soprattutto in area anglosassone, è ormai sterminata: anche a titolo di sintesi del dibattito, rinviamo ai due volumi di saggi curati da Tom Ziemke, Jordan Zlatev, Roslyn M. Frank, Body, Language and Mind: Embodiment e Tom Ziemke, Enrique Bernárdez, René Dirven, Roslyn M. Frank, Body, Language and Mind: Sociocultural Situatedness, pubblicati nel 2007 dalla tedesca Walter de Gruyter GmbH & Co.

2 George Lakoff, Mark Johnson, Metafora e vita quotidiana, Editori Europei Associati, Milano, 1982.

3 Mark Johnson, The Body in the Mind, cit, p. XIX.

4 Ivi, p. XX.

5 Enzo Funari, Presentazione, in Didier Anzieu et al., Gli involucri psichici, Masson, Milano, 1997, p. XI. Per una sintesi del pensiero di Anzieu, si veda Chaterine Chabert, Didier Anzieu, Armando, Roma, 2000.

6 Francisco J. Varela, Evan Thompson, Eleanor Rosch, La via di mezzo della conoscenza. Le scienze cognitive alla prova dell’esperienza, Feltrinelli, Milano, 1992.

7 Ivi, pp. 15-16.

8 Ivi, p. 16.

9 Ivi, p. 206.

10 Ibidem.

11 Ibidem.

12 Ivi, pp. 206-207.

13 Maurice Merleau-Ponty, La struttura del comportamento, Bompiani, Milano, 1963.

14 Francisco J. Varela, Evan Thompson, Eleanor Rosch, La via di mezzo della conoscenza, p. 209.

15 George Lakoff, Cognitive Semantics, in Umberto Eco, Marco Santambrogio e Patrizia Violi (a cura di), Meaning and Mental Representations, Indiana University Press, Bloomington, 1988, cit. in Francisco J. Varela, Evan Thompson, Eleanor Rosch, La via di mezzo della conoscenza, cit., p. 212.

16 Ivi, p. 211.

17 Jacques Fontanille, Figure del corpo. Per una semiotica dell’impronta, Meltemi, Roma, 2004.

18 Ivi, p. 19.

19 Ibidem.

20 Algirdas J. Greimas, Jacques Fontanille, Semiotica delle passioni. Dagli stati di cose agli stati d’animo, Bompiani, Milano, 1996, p. 2.

21 Cfr. Algirdas J. Greimas, Della modalizzazione dell’essere, in Algirdas J. Greimas, Del senso 2. Narratività, modalità, passioni, Bompiani, Milano, 1994.

22 Ivi, p. 6.

23 Ivi, p. 7.

24 Cfr. Paolo Fabbri, Marina Sbisà, Appunti per una semiotica delle passioni, «Aut Aut», 207, 1985, ora in Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura di), Semiotica in nuce. Teoria del discorso, II, Meltemi, Roma, 2001.

25 Cfr. Algirdas J. Greimas, Jacques Fontanille, Semiotica delle passioni, cit., p. 42: «Si pone sin d’ora come principio, come ipotesi di lavoro, che le passioni concernono, nell’organizzazione d’insieme della teoria, l’“essere” del soggetto e non il suo “fare”».

26 Cfr. Algirdas J. Greimas, Jacques Fontanille, Semiotica delle passioni, cit., p. 43.

27 Cfr. Jacques Fontanille, Lo schema passionale canonico, in Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura di), Semiotica in nuce, II, cit., pp. 250-263.

28 Paolo Fabbri, La svolta semiotica, Laterza, Roma-Bari, p. 32.

29 Quali esempi di questa modalità di interpretazione della semiotica delle passioni, si vedano in particolare Romana Rutelli (a cura di), I linguaggi della passione, Campanotto, Udine, 1996 e Id., Le passioni tra ostensione e riserbo, ETS, Pisa, 2000.

30 Muta parallelamente anche la situazione sul fronte dell’approccio psicoanalitico al cinema: ne disegna una storia esaustiva Patrick Furey, New Developments in Film Theory, MacMillan Press, Hampshire-London, 2000.

31 Francesco Casetti, Teorie del cinema, cit., pp. 167-168.

32 Cfr. in particolare i saggi La natura dei pronomi e La soggettività nel linguaggio contenuti in Emile Benveniste, Problemi di linguistica generale, Il Saggiatore, Milano, 1971.

33 Ruggero Eugeni, La relazione di incanto. Studi su cinema e ipnosi, Vita & Pensiero, Milano, 2002, p. 48.

34 In Gianfranco Bettetini, La conversazione audiovisiva. Problemi dell’enunciazione filmica e televisiva, Bompiani, Milano, 1984, pp. 15-54.

35 In Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., pp. 355-379.

36 Su questi aspetti, si veda anche Gianfranco Bettetini, Tempo del senso. La logica temporale dei testi audiovisivi, Bompiani, Milano, 1979.

37 Gianfranco Bettetini, La conversazione audiovisiva, cit., p. 17.

38 Ivi, p. 23: «Le tracce testuali più significative possono essere costituite dalle titolazioni, dalle angolazioni delle inquadrature, dai movimenti della camera, dai risultati di procedimenti ottici, dalla composizione figurativa, dal gioco degli sguardi, dagli effetti di montaggio, da un eventuale uso marcatamente espressivo del colore, dall’eventuale ricorso alla voce fuori campo, dalla mimica, dall’articolazione temporale della banda significante, dalle regole di genere e dalle norme di uno stile o di un contenuto che possono caratterizzare la produzione di un autore, di una scuola o di un sistema industriale».

39 Ivi, p. 27.

40 Gianfranco Bettetini, La conversazione audiovisiva, cit., p. 29.

41 Ivi, p. 28.

42 E in particolare il suo Les espaces subjectifs. Introduction à la sémiotique de l’observateur, Hachette, Paris, 1989. Si veda in proposito anche Nel Noël, La dimension corporelle dans la théorie du cinéma, in AA.VV., Les images du corps, «Champs visuels. Revue interdisciplinaire de recherches sur l’image», 7, Paris 1997, pp. 61-81.

43 Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., p. 355. Il verbo testimoniare, specifica l’autore, va assunto nel senso dizionariale di attestazione di un fatto per «propria diretta conoscenza», in quanto «visto, sentito, percepito».

44 Ivi, pp. 356-357.

45 Ivi, p. 358.

46 Ivi, p. 359.

47 Ibidem.

48 Ibidem.

49 Il corpus è composto da tre articoli tratti dalla rubrica Enquêtes et reportages del «Courrier International» e apparsi nel 1999: Dublino, l’Ibiza dell’Europa del Nord, con interviste ai clienti dei locali di Dublino e agli abitanti della zona; Abkhazia, il paese in cui non si arriva mai, sulla particolare situazione dei popoli di questa regione che, a causa dell’embargo posto dalla Russia, rischiano l’estinzione; Sopravvivere alla vita quotidiana nella periferia di Buenos Aires, con numerose interviste a cittadini della capitale argentina.

50 Ivi, p. 363.

51 Ivi, p. 364.

52 Ibidem.

53 Ivi, p. 373.

54 Jonathan Crary, Techniques of the Observer. On Vision and Modernity in the Nineteenth Century, MIT, Cambridge-London, 1992.

55 Si veda in particolare Roger Odin, Della finzione, Vita & Pensiero, Milano, 2003.

56 Per una introduzione alla quale si vedano Ruggero Eugeni, Film, sapere, società. Per un’analisi sociosemiotica del testo cinematografico, Vita & Pensiero, Milano, 1999; Eric Landowski, La società riflessa, Meltemi, Roma, 1999; Gianfranco Marrone, Corpi sociali. Processi comunicativi e semiotica del testo, Einaudi, Torino, 2001.

57 Questi ultimi due ambiti di ricerca, in considerazione della condivisione di numerosi assunti e finalità, possono essere sussunti – senza per questo appiattire le differenze che pure li separano – nel quadro di quella che Landowski definisce una “semiotica delle situazioni”, ossia «un altro tipo di testo semiotico» e «un altro stato del senso» in cui «invece di considerare il testo come un oggetto empirico immediatamente dato», a partire dagli anni Settanta «si fu spinti a intenderlo sempre più come la risultante di una costruzione che implicava un gioco complesso di rapporti tra ciò che riguardava l’essere stesso degli oggetti “letti” o percepiti – le loro strutture immanenti – e ciò che dipendeva dal fare dei soggetti che percepivano o leggevano (lettori ingenui o analisti teoricamente più scaltri), e, nello stesso tempo, come una realtà suscettibile di articolare tra loro linguaggi diversi, o meglio, semiotiche molteplici, verbali e non verbali». Cfr. Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie: la presenza contagiosa, in Giovanni Manetti, Laura Barcellona, Cora Rampoldi (a cura di), Il contagio e i suoi simboli. Saggi semiotici, ETS, Pisa, 2003, p. 31.

58 Ivi, p. 31.

59 Sul prodotto culturale si veda Ruggero Eugeni, Introduzione. L’analisi del prodotto culturale: oggetti, approcci, nodi, in Fausto Colombo, Ruggero Eugeni (a cura di), Il prodotto culturale. Teorie, tecniche di analisi, case histories, Carocci, Roma, 2001.

60 Cfr. Michel de Certeau, L’invenzione del quotidiano, Edizioni lavoro, Roma, 2001.

61 Per una panoramica sui quali, con particolare riferimento ai media e film studies, si rimanda a William Uricchio, Cultural studies: una visione d’insieme, in Gian Piero Brunetta (a cura di), Storia del cinema mondiale, Teorie, strumenti, memorie, V, Einaudi, Torino, 2001.

62 Per una sintesi relativa agli studi sulla spettatorialità, la ricezione e il consumo, si rimanda a Mariagrazia Fanchi, Le tappe del dibattito e i principali contributi teorici e di ricerca, in Mariagrazia Fanchi, Elena Mosconi (a cura di), Spettatori. Forme di consumo e pubblici del cinema in Italia 1930-1960, Marsilio, Roma, 2002.

63 Cfr. Francesco Casetti, Between Textual Analysis and Reception Studies. Negotiation processes, in Id., Communicative Negotiation in Cinema and Television, Vita & Pensiero, Milano, 2002, pp. 9-20.

64 Cfr. Nicholas Mirzoeff, Introduzione alla cultura visuale, Meltemi, Roma, 2002.

65 Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie, cit., p. 29.

66 Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura di), Semiotica in nuce, cit., p. 266.

67 Pierluigi Basso, Confini del cinema, cit., p. 121.

68 Ibidem.

69 Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., p. 30.

70 Nel successivo Suspensions of Perception. Attention, Spectacle, and Modern Culture, MIT, Cambridge-London, 1999, Crary si occupa più complessivamente del modo in cui il corpo è stato catturato, modellato, disciplinato nella modernità, con l’obiettivo di costruire individui isolati, separati e depotenziati, obiettivo di cui proprio le forme dell’attenzione raccontano l’evoluzione e l’emergenza sociale.

71 Jonathan Crary, Techniques of the Observer, cit. Nel riassumere la proposta di Crary ci rifaremo soprattutto al suo contributo Modernizing Vision, in Hal Foster (a cura di), Vision and Visuality. Discussions in Contemporary Culture 2, Bay Press, Seattle, 1988, ripubblicato in Linda Williams (a cura di), Viewing Positions, Ways of Seeing Film, Rutgers University Press, New Brunswick, 1995, pp. 23-35.

72 Linda Williams, Introduction, in Id. (a cura di), Viewing Positions, cit., p. 6.

73 Jonathan Crary, Modernizing Vision, cit., p. 25.

74 Ivi, p. 26, corsivo mio. Crary insiste molto sullo scarto fra monoculare e binoculare, osservando come la riduzione della binocularità della percezione umana alla monocularità della camera oscura sia forse il tratto in cui meglio si evidenzia la rinuncia al corpo dell’osservatore e l’assunzione di un punto di vista matematico e meccanico.

75 Ivi, p. 33.

76 Vera e propria bandiera degli studi di cultura visuale di area anglosassone; si veda, anche per l’esplicitazione del modello teorico, il recente Nicholas Mirzoeff, Guardare la guerra, cit.: «In ogni evento visuale sono presenti, potremmo dire, tre livelli differenti che vanno separati l’uno dall’altro, come si potrebbe fare usando un programma per il trattamento digitale delle immagini. I tre strati corrispondono al luogo in cui si trova lo spettatore, ai contenuti e ai contesti dell’immagine e, infine, all’immaginario globale che lo spettatore utilizza per dare un senso alle immagini che vede sullo schermo», p. 19.

77 Algirdas J. Greimas, Joseph Courtés, Sémiotique. Dictionnaire raisonné de la théorie du langage, II, Hachette, Paris, voce Socio-sémiotique (redatta da Eric Landowski).

78 Cfr. Gianfranco Marrone, Corpi sociali, cit., p. xix.

79 Eric Landowski, Modi di presenza del visibile, in Pierluigi Basso (a cura di), Modi dell’immagine. Teorie e oggetti della semiotica visiva, Esculapio, Bologna, 2001, p. 136.

80 Gianfranco Marrone, Corpi sociali, cit., p. XXIX.

81 Ivi, p. XXX.

82 Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone (a cura di), Semiotica in nuce, II, cit., p. 266. Come sintetizzano i due curatori, la semiotica dell’estesia prende le mosse dall’ultimo lavoro di Greimas, Dell’imperfezione, in cui l’autore fa direttamente i conti con quell’“eccedenza”, quell’“indicibile”, quel “di più” di senso estetico di cui già Barthes aveva dato conto attraverso le metafore del senso ottuso e del punctum e che sembra implicare direttamente la dimensione dell’estesia.

83 Eric Landowski, Modi di presenza del sensibile, cit.

84 Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie, cit.

85 Eric Landowski, Modi di presenza del sensibile, cit., p. 136.

86 Ivi, p. 137.

87 Eric Landowski, Al di qua o al di la delle strategie, cit., p. 32: «Poiché, inteso come forma emer-gente, il senso può essere colto solo in quanto effetto per dei soggetti e, più precisamente, per i soggetti enunciatori che si trovano direttamente implicati nell’interazione stessa mentre essa fa emergere questo senso».

88 Eric Landowski, Modi di presenza del visibile, cit., p. 139.

89 Ivi, pp. 139-140.

90 Cfr. Jacques Fontanille, Figure del corpo, cit., in particolare pp. 30-64.

91 Eric Landowski, Modi di presenza del visibile, cit., p. 140.

92 Ivi, p. 132.

93 Eric Landowski, Al di qua o al di là delle strategie, cit., p. 35.

94 Ivi, p. 36.

95 Ivi, p. 47.

96 Ivi, p. 49.

97 Ivi, p. 61.

© Edizioni Kaplan, 2009

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540