Version classiqueVersion mobile

Visioni della Grande guerra Volume I

 | 
Alessandro Faccioli

Appendice

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Erano ciechi o paralitici. Zoppicavano. Una
pallottola li aveva colpiti alla spina dorsale.
Aspettavano un’amputazione o erano già amputati. La guerra era finita ormai da un pezzo.
Avevano dimenticato le istruzioni, il sergente,
il signor capitano, la compagnia in marcia,
il cappellano militare, il genetliaco dell’imperatore, il rancio, la trincea, l’assalto.
La loro pace col nemico aera firmata. E già si attrezzavano a sostenere una nuova guerra:
contro i dolori, le protesi, le membra storpiate,
la schiena curva, le notti insonni: e contro i sani.
Joseph Roth, La ribellione

Torniamo in conclusione alla fotografia da cui siamo partiti, per riprendere il discorso sulla vita lunga e resistente delle immagini della guerra nel Novecento. Il volto del soldato Becchelli, cieco e ultra-mutilato, ci “guarda”, e ci interroga.

Anche Andreas Pum, protagonista del romanzo La ribellione di Roth, è profondamente segnato nel fisico dal conflitto. Dalle stolide sicurezze che avevano contraddistinto gli ann...

© Edizioni Kaplan, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search