Version classiqueVersion mobile

Visioni della Grande guerra Volume I

 | 
Alessandro Faccioli

Parte seconda. Filmare “dal vero”

Capitolo 10. Cinematografi di guerra. Dalle Case del Soldato all’opera della YMCA

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Non è infrequente che un disegno di Achille Beltrame per «La Domenica del Corriere» restituisca al lettore impressioni vivide e istruttive ben più di tante parole. Ce n’è uno, che chiude un numero della rivista di fine estate del 1918, che non ci racconta per una volta imprese marziali mirabolanti ma che dà un’idea della modernità dell’apparato logistico dell’esercito americano e della presenza pervasiva del cinematografo presso le truppe alleate.

L’illustrazione ci rivela che negli ospedali americani a ridosso del fronte in Francia i film vengono proiettati sul soffitto degli stanzoni nei quali i feriti sono ospitati, accuditi da uno stuolo di crocerossine, sdraiati nei loro letti e incapaci di sostenere la posizione verticale. Per il diletto degli afflitti ma soprattutto per lanciare un messaggio di propaganda chiaro al fronte interno: noi ci occupiamo anche della loro ricreazione, nei momenti più difficili di una riabilitazione noiosa. Poco importa che il disegnatore italiano ripr...

© Edizioni Kaplan, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search