Version classiqueVersion mobile

Visioni della Grande guerra Volume I

 | 
Alessandro Faccioli

Parte seconda. Filmare “dal vero”

Capitolo 8. Ricordare, dimenticare. Intorno a un pugno di sequenze dei giorni di Caporetto

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

E questa guerra, sebbene gli uomini considerino più importante sempre quella guerra presente a cui partecipano, mentre, una volta finita,
ammirano soprattutto gli avvenimenti passati, a giudicare sulla base dei fatti stessi si vedrà che è stata maggiore di quelle del passato.
Tucidide, Guerra del Peloponneso, I, 21, 2

Il tempo favorisce la dimenticanza di eventi ed esistenti. Come questo accada, in quali forme, con quali conflitti tra il tentativo di aggrapparsi ai ricordi e il definitivo lasciarli andare, è difficile da stabilire, in particolare se in gioco c’è la memoria condivisa da una comunità. Il corredo mnemonico imposto da una guerra, fatto di rivisitazione incessante dell’accaduto, negazione verbale di ciò che si annida nella mente, e scorribanda di pervicaci fantasmi collettivi, rappresenta uno degli snodi più problematici nella dialettica instabile tra ricordo, rievocazione e amnesia. Fussell riprende parole indimenticate di Northrop Frye e del suo classico Anatomy of Critic...

© Edizioni Kaplan, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search