Version classiqueVersion mobile

Visioni della Grande guerra Volume I

 | 
Alessandro Faccioli

Parte seconda. Filmare “dal vero”

Capitolo 6. La costituzione dei servizi cinematografici militari e i motivi del ritardo italiano

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Se si considera retrospettivameante e nel complesso la produzione di questi filmati “dal vero”, non possono essere evitati due problemi legati tra di loro, che affliggono tanto il lavoro interpretativo quanto quello di ricostruzione storica1. Innanzitutto c’è il problema dello studio delle vicende istituzionali che stanno a monte della costituzione delle strutture militari destinate a filmare le vicende della guerra, pur con grande ritardo rispetto ad altre nazioni. I documenti, come detto, sono conservati in modo disorganico e, se non sono dispersi, rubati, irreperibili, sono lacunosi. Le informazioni su film che non siano di finzione fornite da riviste specializzate e quotidiani dell’epoca sono inoltre scarse2. La riflessione scientifica successiva sull’apparato cinematografico militare italiano è stata di conseguenza assai limitata, schiacciata dagli studi più generali sulla propaganda di guerra e sui film di finzione3.

Quel che si è detto, non è sufficiente a spiegare le ragioni ...

© Edizioni Kaplan, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search