Version classiqueVersion mobile

Visioni della Grande guerra Volume I

 | 
Alessandro Faccioli

Parte seconda. Filmare “dal vero”

Capitolo 5. “Registrare su nastri sensibili” la storia

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Le persone più accorte e istruite si rendono conto fin dall’inizio della guerra che il dispositivo cinematografico al servizio della rappresentazione del fenomeno bellico è un’arma ambigua, a doppio taglio, che diventa pericolosa come un boomerang affilato se non si è in grado di maneggiarla con attenzione. È la prima volta in cui il cinema dispiega al meglio le proprie potenzialità, consentendo agli spettatori di buona parte del mondo di seguire sullo schermo eventi documentati da punti di vista talora opposti. È anche la prima volta in cui la documentazione dell’evento bellico avviene su vastissima scala, e per fini in parte altri rispetto a quelli squisitamente commerciali, con un utilizzo diffuso del mezzo che oggi è considerato per nulla “innocente”1.

Risulta subito chiaro come le funzioni propagandistiche e celebrative mal si coniughino con la disposizione all’intrattenimento della macchina spettacolare del cinema. Dopo la comprensibile euforia iniziale per le novità del conten...

© Edizioni Kaplan, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search