Version classiqueVersion mobile

Visioni della Grande guerra Volume I

 | 
Alessandro Faccioli

Parte prima. Un groviglio di serpenti. La sopravvivenza delle immagini della guerra italiana

Capitolo 2. Riutilizzare le immagini della guerra ovvero la pazienza di Yervant e Angela

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Pensare è più interessante del sapere
ma non del guardare.
Johann Wolfgang von Goethe

Il found footage è da qualche anno argomento di discussione molto importante negli studi sul cinema, e stimolo continuo per le riflessioni teoriche attente al potere combinatorio di immagini onnipresenti che però, solo a certe condizioni, offrono connessioni dagli esiti epifanici e rivelatori. È, come noto, una pratica di realizzazione di filmati che prevede il riutilizzo di materiali visivi e sonori già esistenti, diversamente articolati secondo un montaggio nuovo, in un contesto differente da quello di partenza: un’appropriazione che può avere i più diversi scopi (dichiarati o meno), di carattere estetico, ideologico, comunicativo1. Un’arte quindi del collage, del remix, del riciclaggio tutt’altro che casuale, tesa a lavorare sulla destabilizzazione dei significati. Le immagini e i suoni sono così inclini ad assomigliare al maiale: non se ne butta via nulla, tutto può servire. Ed è in questa fattori...

© Edizioni Kaplan, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search