Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Music Video

 | 
Simone Arcagni
, 
Alessandro Amaducci

Parte seconda

6. Musica elettronica e video

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

6.1 Una nuova forma d’arte

La musica elettronica ha consentito all’ambito videomusicale la sperimentazione del proprio linguaggio in una forma più compiuta. L’assenza del performer o la minor importanza data alla visibilità del gruppo, tipici del genere elettronico, pongono un problema in più al regista di video, ma anche margini di creatività più ampi.

Con la musica elettronica, le spinte sperimentali cinematografiche e videoartistiche, che si sono sedimentate nella produzione videomusicale, hanno trovato la loro sede più adatta, creando un genere effettivamente nuovo. Contrariamente agli anni Ottanta, quando il cinema sperimentale e la videoarte erano marcatamente più visibili all’interno della produzione videomusicale sotto forma di citazioni, plagi, o più o meno dirette connessioni, negli anni Novanta i linguaggi si sono fusi diventando una sorta di magma indefinito.

Curiosamente la storia della musica elettronica compie una sorta di cerchio: inizia come “sperimentazione da ascolta...

© Edizioni Kaplan, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540