Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Music Video

 | 
Simone Arcagni
, 
Alessandro Amaducci

Parte seconda

5. Videoarte e video musicali

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

5.1 Nam June Paik, il padre del video musicale?

La videoarte, che si è diffusa intorno agli anni Sessanta e che per molti studiosi ha un padre fondatore, l’artista coreano Nam June Paik, si è innestata su un territorio a metà fra la sperimentazione linguistica e la tecnologia. Che l’autentico “nume tutelare” della videoarte sia o no Nam June Paik, si deve sicuramente a lui la diffusione di questo particolare mezzo espressivo, sia negli ambiti artistici ufficiali che fuori: nelle gallerie ma soprattutto dentro la televisione. A dire il vero, proprio Paik, che più lucidamente di altri ha tracciato le differenze linguistiche ed estetiche con il cinema e la distanza dalla televisione, ha prodotto una serie di video che stanno tutti “intorno” alla televisione. Sto ovviamente parlando dell’attività di Nam June Paik come regista di video e non come autore di videoinstallazioni.

Molti addetti ai lavori di MTV hanno attribuito la paternità dei video musicali a Nam June Paik. Sicuramente l’arti...

© Edizioni Kaplan, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter