Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Zbigniew Rybczyński

 | 
Alessandro Amaducci

Glossario tecnico

Texte intégral

Chroma key (Blue Screen, Green Screen

1Tecnica video attraverso la quale un soggetto viene ripreso davanti a un fondale blu o verde. Il fondale, in diretta o in fase di postproduzione, può essere sostituito con un’altra immagine.

Mascherini

2“Antenati” delle odierne maschere digitali, la tecnica dei mascherini è stata adottata dai cineasti dal medesimo procedimento usato in fotografia per ottenere dei fotomontaggi ottici in movimento. Si tratta di filmare su un fondale neutro il soggetto che poi sarà coperto da un mascherino di materiale opaco che ne segua esattamente i contorni: in questo modo è possibile sovrapporre sulla superficie opaca uno sfondo qualsiasi eliminando la trasparenza tipica delle sovrimpressioni e delle doppie esposizioni. È chiaro che per dei soggetti in movimento, non esistendo mascherini mobili che seguano automaticamente il cambiamento del profilo, la forma del mascherino deve essere modificata fotogramma per fotogramma, per cui qualsiasi ripetizione del movimento significa un risparmio di mascherini.

Montaggio in diretta

3Tecnica televisiva attraverso la quale i segnali provenienti da diverse telecamere sono gestiti da un mixer video in grado di selezionare in tempo reale quale immagine deve andare in onda.

Motion control

4È un sistema computerizzato di movimento di macchina, effettuato attraverso un braccio meccanico al quale vengono impostati dei movimenti che possono essere memorizzati e ripetuti in qualsiasi set.

Slide (Scroll)

5È una transizione video digitale, attraverso la quale le due immagini coinvolte vengono fatte slittare lungo un asse orizzontale o verticale.

Stop motion (passo uno)

6È una tecnica cinematografica usata essenzialmente per animare oggetti nello spazio. Con la cinepresa bloccata su cavalletto si pone un oggetto in una posizione, si stampa un fotogramma, si sposta l’oggetto, se ne stampa un altro e così via. La tecnica è stata poi raffinata nel tempo, permettendo di animare in stop motion anche i movimenti di macchina.

Time lapse

7È una variante della Stop Motion. In questo caso si programma la cinepresa per stampare un certo numero di fotogrammi durante un lasso di tempo prestabilito. Per esempio: due fotogrammi ogni secondo, o uno ogni dieci secondi, invece dei tradizionali ventiquattro. Con questo effetto si ottengono dei risultati di velocizzazione di fenomeni naturali particolarmente lenti, come la crescita dei fiori o il movimento delle nuvole nel cielo. Anche in questo caso i movimenti di macchina possono essere trattati con questo effetto.

Ultimatte

8È il nome di un’azienda americana, contrazione di “Ultimate matte”, dove per “matte” si intende, anche se la traduzione è impropria, maschera, o forse sarebbe meglio dire ritaglio. Si tratta di un sistema computerizzato in grado di “bucare” in maniera molto precisa il blu del chroma key per ottenere il ritaglio più efficiente possibile del soggetto.

© Edizioni Kaplan, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site