Version classiqueVersion mobile

Zbigniew Rybczyński

 | 
Alessandro Amaducci

Capitolo 2. Il periodo polacco: mostruosità del quotidiano

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Dal 1973 al 1980 Zbigniew Rybczyński produce in Polonia una serie di cortometraggi d’animazione che squadernano alcuni temi costanti della sua opera e adottano soluzioni tecniche che si raffineranno sempre di più negli anni, anche grazie al mutamento tecnologico che porterà l’artista polacco a essere un convinto sostenitore dell’immagine elettronica. Nelle pagine seguenti verranno presi in esame alcuni cortometraggi particolarmente significativi per il suo concetto di realismo:

Il mio concetto di “realismo”: mostrare sullo schermo, solide e interamente convincenti come appaiono agli occhi della nostra mente, quelle cose che sono assolutamente “reali” ma non si fanno catturare dallo schermo1.

Zupa (Soup), 1974

Zupa ( Soup) del 1974 è il primo cortometraggio in cui Rybczyński opera delle scelte stilistiche che faranno da substrato comune a molte delle opere a seguire (anche video). II cortometraggio vuole mostrare, attraverso un’allucinante orchestrazione visivo-sonora, una mattina qualu...

© Edizioni Kaplan, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search