Version classiqueVersion mobile

La scuola dove si vede

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d’epoca

L’influenza del cinematografo sull’istruzione (1922)

M. Romani

Texte intégral

1[…] È ormai convinzione di molti pedagogisti, di innumerevoli educatori, che il cinematografo sia destinato ad esercitare una funzione importantissima per ogni grado e per ogni ramo di scuola, ma soprattutto per la scuola di grado inferiore e per il corso popolare.

2Quando i fanciulli escono dal Corso Popolare, poiché non li aspetta una scuola di grado superiore, dovrebbero essere preparati alla vita, questa nostra vita moderna così complessa ed evoluta. Ma purtroppo l’insegnamento scolastico ricevuto non è sufficiente e bisognerebbe sopperire a tale deficienza, con un mezzo di insegnamento rapido e nello stesso tempo di piacevole e chiara comprensione. E non potrebbe questo essere il cinematografo?

3Dal più semplice trattato ai più complessi studi dei nostri pedagogisti, dall’osservazione quotidiana dello svolgersi della mentalità infantile risulta ormai chiaro e convincente che il metodo ideale dello insegnamento è il metodo intuitivo, cioè il metodo che si basa sulla osservazione diretta di quanto circonda l’educando e che trova quindi la sua fonte più vasta nelle cose.

4Ed è metodo di cui si serve la stessa natura. Se spingiamo lontano lo sguardo noi ci accorgiamo che non solo nel periodo dello sviluppo mentale, ma in tutta la vita, il mondo delle cose e della natura attraverso i suoi innumerevoli stimoli, è, e sarà sempre una fonte inestinguibile di azione didattica, dalla quale sorge l’esperienza reale e quindi le cognizioni.

5Se in qualche epoca si volle tornare al formalismo, ciò costituì una sosta nella via del sapere, se si volle dare importanza alla parola non ne nacque nessuna scoperta, nessuna produzione, ed anziché un progresso si ebbe un regresso. Soltanto allorché si tornò a leggere nel grande libro della natura, allorché si tornò all’esperienza ed all’osservazione, la ricerca della verità trovò la sua infallibile via.

6Lo stesso accadde per la storia della scuola, quando imperò l’insegnamento dogmatico per via di sole conoscenze verbali, la parte più vitale della intelligenza rimase come soffocata e l’apprendimento divenne freddamente meccanico.

7Oggi l’insegnamento cerca di essere per quanto è possibile, intuitivo e quindi sperimentale, si è riconosciuta la necessità di sostituire alla vacuità verbale la concretezza dell’osservazione, alla spesso inutile fatica dell’esercizio mnemonico la visione diretta degli oggetti e dei fatti che ha la virtù d’imprimersi nella mente per l’interesse che suscita e che da la soddisfazione di constatare la verità dei fatti.

8Il metodo oggettivo esige dagli alunni una minore fatica perché associa il lavoro dei sensi a quello della mente, e ad una minore perdita di energia unisce anche un notevole risparmio di tempo.

9Purtroppo però l’istruzione delle nostre scuole non corrisponde ancora alle indicazioni teoretiche. Per applicare perfettamente il metodo oggettivo necessiterebbe anzitutto un ambiente speciale, tempo largo, mezzi adeguati, dei laboratori speciali, tutte cose di cui per ora non può disporre la maggior parte delle nostre scuole elementari.

10Finora nelle scuole si è ricorso all’uso delle cose, sussidio didattico certamente importantissimo specialmente per l’esattezza della percezione e per l’interesse e per l’attenzione che suscita.

11Nell’impossibilità di intuizioni dirette si ricorre spesso alle lezioni per aspetto, cioè approfittando dell’uso dei quadri e della naturale simpatia che i bambini hanno per la figura.

12Ma di fronte ai mezzi che la scienza e l’industria moderna offrono largamente al metodo intuitivo, tali sussidi scompariscono e la loro importanza apparisce nulla.

13Riflettendo un poco, ci accorgiamo come essi non abbiano fatto progredire eccessivamente la scuola, che dal lato della didattica, può dirsi ancora all’inizio del naturalismo pedagogico.

14I passi giganteschi che in questi ultimi tempi ha fatto il progresso non hanno avuto sufficiente ripercussione nell’ambiente scolastico.

15Eppure, se seguiamo la storia attraverso i secoli, dall’epoca romana all’oscuro medio evo, dall’umanesimo alla Controriforma cattolica, in quel glorioso periodo che segnò con Galilei il trionfo del metodo sperimentale, sino alla rivoluzione francese in cui per l’educazione appunto sorse Rousseau vediamo che tra la società e i suoi costumi, le sue tendenze e la scuola vi fu sempre corrispondenza e la scuola rispecchiò il mondo esteriore. Attualmente se qualche scuola ha risentito dello sviluppo moderno della scienza è piuttosto la scuola secondaria, dove l’insegnamento può armonizzare con i recenti progressi e dove non è necessario ricorrere al metodo oggettivo come succede per le scuole di grado inferiore.

16Ma nelle scuole elementari no: ed è là appunto che il cinematografo potrebbe esercitare un’azione educativa istruttiva e morale ed essere nello stesso tempo la migliore applicazione alla pratica didattica del metodo oggettivo.

17Se analizziamo lo svolgersi delle lezioni di cose vediamo che esse presentano degli inconvenienti e dall’altra parte, il far veramente bene una lezione di cose, non è così facile come potrebbe credersi. Anzi mi piace citare qui quanto dice al riguardo Buisson, un entusiasta del metodo intuitivo, nel suo Dictionnaire de pédagogie:

  • 1 Ferdinand Edouard Buisson (a cura di), Dictionnaire de pédagogie et d’instruction primaire, 4 v., (...)

Toute la difficulté du précédé pédagogique vient de ce: qu’il est assez malaisé de lui conserver précisément son caractère essentiel, la vivacité, la fraîcheur d’impression, la vue nette des choses, le contact direct avec la réalité: de même que l’œil se fatigue à regarder indéfinitivement un objet, de même l’esprit le plus attentif et le plus porté à l’observation cesse d’observer et ne fait plus que se payer de mots si l’on veut trop longtemps le retenir en état d’observation en présence du même phénomène. Cette vérité est surtout d’importance capitale pour les enfants et elle rend compte au grand partie de l’insuccès très fréquent de ces exercices d’intuition qui n’ont plus rien d’intuitif. Plus encore que l’homme l’enfant a besoin de variété, son attention ne se soutient pas si l’on ne fait rien pour l’aviver si surtout on veut lui faire épuiser a force d’analyse la totalité des aspects, des qualités, ou des caractères que le même objet peut présenter. Ou il y a d’ennui, il n’y a plus d’intuition, si l’esprit s’endort les sens n’agissent plus ne perçoivent plus rien1.

18Per gli stessi motivi le lezioni per mezzo di quadri non riescono sempre interessanti specialmente dopo passato il primo momento di curiosità, inoltre è difficile avere dei quadri che rispondano alla naturalezza della rappresentazione, alle proporzioni e alla forma.

19Migliori certo, ma non abbastanza diffuse, sono le proiezioni luminose che, specialmente per l’interesse che suscitano si avvicinano al cinematografo, ma non hanno come questo l’insuperabile attrattiva del movimento ed in confronto sono cosa assolutamente negativa.

20La simpatia che il cinematografo suscita nel fanciullo potrebbe venire sfruttata a beneficio della sua cultura ed educazione, mentre a questi non sembrerebbe più di assistere ad una lezione ma ad un divertimento. Il cinematografo racchiude in sé tutte le speciali condizioni necessarie all’applicazione del metodo intuitivo; qual è appunto il piacevole eccitamento che non fa sentire lo sforzo dell’adattamento al lavoro; l’attenzione spontanea, la curiosità che l’attesa suscita. Curiosità che il James definisce «l’impulso verso una conoscenza completa» e che poi si trasformerà in profondo interesse, e il bambino che riceve una notizia scientifica a spiegazione di ciò che vede, oppure di fatti a cui assiste, non dimenticherà poi tanto facilmente quanto ha appreso nel momento in cui appunto la nozione lo interessava,

21Stimolo sensoriale nelle prime classi, il cinematografo potrebbe nel Corso Popolare, servire oltre che ad ampliare molte nozioni a dare un’idea al futuro operaio del posto che lo attende nella società, fargli sentire la propria personalità, aiutare quindi la scuola a formarne la coscienza.

22Se egli non si vede vicino alle macchine, con altri operai, nella grande officina in piena attività di lavoro, se non vede il valore che nella vita ha ciò che egli produce, non riuscirà a comprendere il vero significato della funzione che sarà chiamato ad esercitare nella vita collettiva e potrà essere facilmente sobillato da idee false e dannose.

23Soffermiamoci ad esaminare quali materie d’insegnamento riceverebbero i maggiori vantaggi dal sussidio del cinematografo.

24Se c’è insegnamento che si basi soprattutto sulla memoria e sulla immaginazione è la storia, i di cui fatti sono troppo al di fuori dell’abituale cerchia di vita del bambino. Per questo motivo appunto i pedagogisti raccomandano calorosamente il più largo uso di vignette e di quadri. Ma che cosa rappresenta la fredda immobilità di un quadro raffigurante, ad esempio, una battaglia, di fronte alla potente e rapida evidenza di una riproduzione cinematografica? L’amore di patria verrebbe notevolmente eccitato e sviluppato per l’entusiasmo che lo spettacolo stesso susciterebbe; molto di più di quanto potrebbe ottenersi dalla fredda monotona voce di certi maestri. Molti sono gli argomenti storici che troverebbero sussidio nel cinematografo. Anche la casa, le vesti, i mobili e i mezzi di riscaldamento, d’illuminazione, di trasporto, attraverso i secoli, potrebbero essere soggetto di quadri interessantissimi che offrirebbero tutto il fascino derivante dalle conoscenze di abitudini sconosciute e che hanno l’attrattiva di una fiaba meravigliosa.

25Nel Corso Popolare dove la storia deve assumere una certa organicità, il cinema può rappresentare facilmente la successione di avvenimenti che si riferiscono ad un medesimo argomento, in modo che i vari periodi storici non vengono considerati dall’alunno come tanti avvenimenti slegati tra loro, ma ne comprenda l’intima relazione per cui gli avvenimenti di un dato periodo sono generati da quelli dell’epoca precedente e alla loro volta genereranno quelli successivi.

26Inoltre ogni ricorrenza storica di grande importanza nazionale potrebbe venire commemorata nel modo migliore e più chiaro con l’aiuto di una cinematografia che il maestro dovrebbe far procedere da una spiegazione diretta a colorire l’episodio o ad eccitare la curiosità e l’interesse, interesse che lo spettacolo trasformerà insensibilmente in orgoglio nazionale e in riverenza per il glorioso passato della Nazione.

27La geografia dovrebbe tenere il secondo posto perché per quanto possa essere colorita la parola del maestro e numerosi i quadri e le fotografie, nulla può raggiungere l’evidenza di una cinematografia.

28Questa darà il più chiaro concetto della nomenclatura geografica, mostrerà il mare, la vita peschereccia, il movimento di un porto al fanciullo dei paesi di montagna e viceversa mostrerà a quello che vive in riva al mare, i pascoli, i ghiacci, le nevi alpestri, cose tutte troppo difficili ad immaginarsi con la sola guida delle parole.

29Ancora, mostriamo con rapido sguardo i lontani paesi delle altre parti del mondo dove vivono uomini a noi diversi per razza, costumi e civiltà, dove il clima, i prodotti, la configurazione del suolo sono tanto diversi dal nostro; e non avremo più parole vuote di senso, difficili ad imprimersi nella memoria, ma bensì immagini esatte e vivissime che il bambino non dimenticherà facilmente.

30Per lo stesso motivo dovremmo sostituire alla narrazione di viaggi, consigliata dal programma ministeriale per l’insegnamento della geografia, delle belle cinematografie ove sfilino innanzi agli occhi dei fanciulli i più bei paesi, le principali città, fiumi, laghi e li indicheremo poi nella carta geografica.

31La visione d’industrie caratteristiche delle varie regioni italiane, di opere d’arte, di monumenti storici, in seguito efficacemente illustrati dalla viva parola del maestro, susciteranno nei piccoli spettatori un nobile orgoglio e l’amore per il loro paese; sveglieranno il sentimento estetico, permetteranno loro di constatare quanto possa l’umana attività.

32Quanto possa la natura e quanto essa abbia dato all’uomo è compito delle scienze naturali, che per la semplicità e la maniera frammentaria con cui debbono essere insegnate nelle scuole primarie prendono il nome di nozioni varie.

33Se per gli esercizi iniziali è preferibile ricorrere all’uso di oggetti cominciando dai più utili e comuni, superate le prime difficoltà, curate le modalità, delle percezioni, abituato il fanciullo all’analisi, noi troviamo un validissimo aiuto nel cinematografo. Non sempre l’ambiente extrascolastico è così vasto da permettere di osservare dal vero industrie, colture, flora e fauna. Come potranno i figli del popolo di uno dei nostri popolosi centri industriali comprendere con chiarezza la coltura di certe piante, lo svolgersi progressivo dei lavori della mietitura, della vendemmia, dell’allevamento ad esempio del baco da seta? E spingendoci più lontano, il cinematografo potrà aiutarsi a mostrare loro animali di altri paesi, pesci, bestie feroci, nel loro modo di vivere, ed io non dubito della gioiosa accoglienza, dell’altissimo interesse degli innumerevoli commenti che un simile film susciterebbe.

34Vogliamo fare una lezione sulle pietre calcaree? Quale miglior sussidio di una pellicola che mostri prima delle montagne calcaree (le Alpi Apuane per esempio) e successivamente le cave, l’estrazione, il trasporto dei grossi blocchi, di marmo statuario e poi uno studio di scultore durante il lavoro ed infine a conclusione mostri i capolavori della scultura e dell’architettura Italiana? Approfittando dell’interesse che ha suscitato, il maestro troverà il terreno più favorevole per far nascere l’amore al lavoro per educare il sentimento, e mostrare i pericoli a cui sono esposti gli operai della cave. Ed ancora potrei continuare riferendomi all’utilità di cinematografie più complesse e di carattere veramente scientifico da destinarsi specialmente al Corso Popolare; cinematografie che potrebbero contenere delle indispensabili cognizioni di due altre materie, che alle scienze naturali si riconnettono, quali l’agraria e l’igiene. Dare il concetto della realtà della vita, a questo soprattutto deve mirare il Corso Popolare.

35Per l’insegnamento del comporre, i fatti che si svolgono dinanzi agli occhi dei bambini in tutte le loro fasi successive fino ad azione compiuta e non in un solo istante, come nei cartelloni, potranno essere argomento veramente efficace per le composizioni orali e scritte specialmente nelle prime classi. Favoriranno specialmente l’immaginazione ed otterranno quella ricchezza psicologica che serve ad essa di base tanto nel suo lavoro costruttivo quanto in quello creativo.

36Il maestro si servirà della descrizione dello spettacolo visto per fare esercitare la scolaresca nei tanto utili compiti per imitazione orali e scritti, giacché i bambini specialmente i più piccoli raccontano con tanto calore e felicità di particolari tutto quello che hanno veduto al cinematografo: Mediante la guida della realtà, l’immaginazione così sbrigliata nei fanciulli verrà ad equilibrarsi e ciò gioverà a far compiere il lavoro di invenzione e di ricostruzione senza inverosimiglianza ed anche senza troppa aridezza e fornirà idee nuove oltre ad ampliare le già esistenti.

37In questo genere di cinematografia istruttiva si potrebbero creare dei piccoli capolavori semplici e interessanti e nello stesso tempo proporzionati e verosimili; piccole storie gentili i cui protagonisti dovrebbero essere dei fanciulli. Racconti atti a suscitare i sentimenti più nobili e delicati che, se faranno brillare qualche volta le lagrime negli occhi intenti o faranno palpitare i piccoli cuori avidi, possano anche suscitare una sana ilarità. Spettacoli non troppo sentimentali dunque, giacché non dimentico ancora la profondissima impressione della prima cinematografia che vidi, bambina di sei o sette anni, in cui una matrigna perversa batte e maltratta senza misericordia un bimbo magro e sofferente che triste e solo va a piangere disperatamente sulla tomba della mamma morta. Rimasi convulsa e agitata per molto tempo dopo, ne ciò valse ad aumentare il mio amore figliale ma a suscitare solamente un terrore, un odio profondo per la parola matrigna, impressione questa che tuttora sussiste in me. Poiché l’infanzia è l’età del riso noi non dobbiamo per nulla ostacolare questa bella forma di vitalità, ma nello stesso tempo dobbiamo aprire il varco al sentimento, all’eroismo, a tutti quegli atti di magnanimità che lasceranno qualche germe fecondo di bene negli uomini di domani.

38Un largo impulso ne ricaverà quindi l’educazione morale a preferenza di certi racconti in uso per le scuole, in cui il fine di moralizzare trasparisce troppo evidente fin dalle prime parole in modo da togliere ogni efficacia al racconto stesso, giacché il fanciullo si accorge subito a che cosa si vuol mirare: mentre il racconto cinematografico attira interesse di più e produce un’impressione morale più profonda. I fanciulli si appassionerebbero al fatto: alla fine dello spettacolo il maestro potrebbe sollevare una discussione certo di essere eseguito col massimo entusiasmo e ne approfitterebbe per inculcare o ribadire le prime idealità morali. I fatti dovrebbero riferirsi alle comuni contingenze di tutti i giorni perché più facilmente comprese, ma di quando in quando sarebbe bene ricorrere alla presentazione di virtù eccezionali per sollevare più in alto gli animi e far conoscere quanto possa la nobiltà umana.

39Ai vantaggi accennati nei riguardi dei vari insegnamenti dobbiamo aggiungere che il cinematografo, oltre a dare idee chiare ed immagini indelebili, sarà di grande aiuto per il graduale passaggio dal concreto all’astratto, lenirà il sovraccarico intellettuale pur arricchendo l’insegnamento senza violentare la natura del fanciullo. Anzi avrà il grande vantaggio di istruire divertendo, senza per questo menomare la serietà dell’insegnamento e soprattutto renderà gradita e attraente la scuola giacché lo svago, per i grandi e per i piccoli, sarà sempre lo stimolo più potente.

40Ove i mezzi lo permettessero ogni edificio scolastico dovrebbe avere, come per ora avviene soltanto nelle più grandi città, un apparecchio cinematografico e una sala adatta dove, magari, una volta la settimana, avrebbe luogo uno spettacolo che dovrebbe variare secondo le classi. Queste vi verrebbero condotte successivamente a turno, ed ogni spettacolo dovrebbe essere preceduto da poche parole del maestro, riserbandosi questi di dare qualche schiarimento e durante lo spettacolo o negli intervalli intercedenti tra le varie parti del film. A spettacolo finito ed in classe avranno poi luogo le ripetizioni e gli esercizi relativi. Ritengo però che non sia conveniente stancare il fanciullo con troppi spettacoli cinematografici.

41Ma non solamente nelle scuole vorrei forse introdotto il cinematografo educativo; vi sono ancora i collegi, i ricreatori, i riformatori, i dopo scuola; che offrono un vasto campo alla sua benefica opera.

42I Patronati Scolastici dovrebbero essere i primi a prendere tale nobile iniziativa, proponendo, qualora non fosse possibile installare un cinematografo nella scuola stessa, e sussidiando degli spettacoli adatti per i fanciulli, da farsi, ad esempio ogni giovedì in qualche cinematografo pubblico, in una determinata ora. In una piccola città delle Marche appunto fu ultimamente data per la prima volta e per iniziativa del Patronato locale una rappresentazione per gli alunni delle scuole elementari, nel primo cinema della città. L’entusiasmo dei piccoli spettatori e l’approvazione della cittadinanza furono tali, che il Patronato decise che quella sarebbe stata la prima di una lunga serie di rappresentazioni da dedicarsi ai fanciulli, e decise anche di renderle stabili mediante l’istituzione di un cinematografo di proprietà del Patronato.

43Mi piace di riportare qui il programma della rappresentazione citata: I. Il litorale del Tirreno. La baia di Napoli, L’eruzione del Vesuvio, II. La vita negli oceani. Il granchio paguro. III. Anita Garibaldi. IV I fiori. V Giovane Italia. Il giuramento prestato dagli alunni delle scuole durante la guerra. VI. Comica.

44Per un cinematografo pubblico è già molto, certo che se lo spettacolo si fosse svolto entro una scuola non sarebbe stato consigliabile un numero troppo vario di argomenti, ma in tutti i modi è da augurarsi che tale esempio venga largamente imitato, specialmente nei centri meno evoluti della nostra Nazione.

45In questi centri il campo di osservazione nell’ambiente esterno è molto più ristretto, e poiché le scuole elementari ivi istituite dipendono direttamente dall’Autorità governativa, il Ministero della Pubblica Istruzione dovrebbe mettere a disposizione delle Autorità Scolastiche Provinciali delle films da far circolare nelle varie province del Regno.

46Ma anche, in mancanza dell’opera dei Patronati e di Autorità, perché non si occupano di questo problema i proprietari delle sale cinematografiche? Oltre che a fare il loro interesse nella misura che sappiamo, potrebbero offrire di loro iniziativa degli spettacoli istruttivi, permettendo soltanto allora l’ingresso gratis ai ragazzi accompagnati.

47Tale proposta lanciava appunto recentemente un nostro grande quotidiano, ammettendo la massima libertà di espressione al cinematografo in nome dell’arte, ma propugnando la necessità di allontanare i fanciulli dedicando a loro speciali spettacoli diurni.

48Le case cinematografiche dovrebbero venire incoraggiate in tal genere di produzione, mediante speciali facilitazioni, concorsi a premio banditi dal Ministero della P. I., da altre Autorità pubbliche, da Accademie, da Enti ed Associazioni, destinati a favorire ogni iniziativa a creare una corrente di emulazione e ad eccitare la genialità inventiva degli artisti.

49L’utilizzazione del cinematografo per l’educazione popolare nella Scuola stessa è oggetto di larghi studi e di esperimenti in Francia, in Inghilterra ed in altri stati; nel Belgio specialmente. Anzi in Inghilterra sono cominciati esperimenti di preparazione di corsi intieri a base cinematografica e, se ne avranno dei buoni risultati, si formuleranno proposte pratiche per rendere obbligatorio l’insegnamento cinematografico. In Francia il Ministero dell’Istruzione s’impegnava mesi or sono di tradurre in proposte pratiche il progetto d’introdurre il cinematografo nella scuola. Precedentemente in un congresso tenutosi a Nancy dalla lega d’insegnamento si votò un ordine del giorno in cui si chiedeva al Governo un credito di 25 milioni per rendere obbligatorio l’insegnamento mediante proiezioni, insegnamento che dovrebbe essere oggetto di corsi nelle scuole Normali. Inoltre si chiedeva l’impianto di apparecchi di proiezioni nelle scuole di nuova costruzione, e prestito gratuito e noleggio da parte di un servizio centrale, di films precedentemente sottoposte all’esame e all’approvazione di una commissione di Professori. Ed in ultimo si stabiliva di esercitare in proposito la più larga propaganda.

50Esempi tutti questi che dovrebbero essere seguiti con lo stesso entusiasmo da noi Italiani. Anche in Italia si è molto detto e scritto in proposito ed in più regioni sono sorte speciali Associazioni ed Istituti ai quali persone elevate hanno portato largo contributo di consigli e di aiuto.

  • 2 [Cfr. Domenico Orano, Il cinematografo e l’educazione, «Rivista Pedagogica», II, 10, luglio 1909, (...)

51Per questo nobile scopo già fin dal 1909 lo Stato nel bilancio per il mezzogiorno stanziò una somma per i cinematografi scolastici ed il Comune di Roma si occupò dell’acquisto di proiettori cinematografici, inoltre il Professore Orano fece un primo tentativo di spettacoli cinematografici all’Educatorio Popolare del Testaccio a Roma e scrisse in proposito nobilissime parole, profonde verità2. Né va dimenticata l’opera spiegata dal Bresciano Cremonesi che fondò una Società Nazionale «Cinema docet» che fu poi trasferita a Torino e quindi a Sturla ove anche attualmente esiste.

52Sempre nel 1909 sorse a Torino presso il Consorzio Biblioteche la Sezione Proiezioni Luminose, che recentemente si è fusa, giacché tendevano agli stessi ideali, con l’Istituto Italiano Proiezioni Luminose di Milano. L’attività dell’Istituto si svolge principalmente per le proiezioni fisse, ma ha recentemente creato anche una sezione cinematografica sorpassando forti difficoltà e presentemente l’Istituto dispone di alcune centinaia di soggetti accuratamente selezionati e che hanno ovunque riscosso i più lusinghieri giudizi e una straordinaria richiesta. Richiesta però quasi esclusivamente fatta da Istituzioni di cultura per adulti. L’Istituto non solo ha curato la raccolta di pellicole già esistenti, ma ha affrontato anche il problema di crearne delle nuove tra le quali meritano di essere ricordate: La Vittoria (sintesi dei risultati della nostra guerra), La parabola del grano, Figli della Patria (commovente visione delle cure prodigate agli orfani dei caduti), La filatura della seta, ecc.

53Tale opera va altamente encomiata specialmente se si pensa che l’Istituto ha potuto prosperare quasi esclusivamente col sussidio dei suoi benemeriti promotori, i quali hanno dimostrato di avere una grande fiducia nell’opera dell’educazione Nazionale e l’hanno posta al di sopra di tutte le competizioni di parte.

54Tale Istituto ha varie rappresentanze ed anzi sta studiando di istituirne una anche a Reggio Calabria per rispondere ai bisogni della Calabria e della Sicilia.

55Né va dimenticata l’opera che nella Capitale spiega un’altra società a beneficio della cinematografia educativa, La Società Minerva, sorta per merito di vari amici della scuola come gli on. Corradini ed Agostinoni. Infine anche Napoli non è voluta rimanere indietro nel nobile cammino ed ha una Nobilissima Instruenda Film di cui è organo la rivista «La Conquista Cinematografica» che tratta interessanti questioni circa il cinematografo igienico istruttivo ed educativo.

56Auguriamoci che queste istituzioni possano esercitare ed estendere la loro benefica influenza, che il personale insegnante faccia ad esse la meritata propaganda, sicché il cinematografo cessi di essere esclusivamente un mezzo di speculazione ed entri presto trionfalmente nelle nostre scuole elementari come un valido sussidio didattico cooperando così al miglioramento delle nuove generazioni, e quindi un più splendido avvenire della Patria nostra.

57Estratti da: M. Romani, L’influenza del cinematografo sull’istruzione. L’educazione dei fanciulli, Alico & Zuccaro, Messina, 1922.

Notes

1 Ferdinand Edouard Buisson (a cura di), Dictionnaire de pédagogie et d’instruction primaire, 4 v., Hachette, Paris, 1880-1882.

2 [Cfr. Domenico Orano, Il cinematografo e l’educazione, «Rivista Pedagogica», II, 10, luglio 1909, pp. 956-961, brano incluso in questa antologia].

Auteur

© Edizioni Kaplan, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search