Version classiqueVersion mobile

La scuola dove si vede

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d’epoca

Il cinematografo nella scuola (1915)

Luigi Scialdoni

Texte intégral

1Gentili Signore e Signori,
non crediate che io voglia fare, perdonatemi il barbarismo, la réclame a scopo commerciale al cinematografo, perché la modesta monetina di venti centesimi sufficiente, eccetto rari casi, a farvi assistere a una proiezione cinematografica, basta di per sé sola a raggiungere l’intento, cui a prima vista la mia conferenza potrebbe sembrar che miri. Né d’altra parte mi accingo a muovere guerra a questi economici e generalmente innocui spettacoli, protestando in nome della morale con esagerato e finto scrupolo, perché non solo invaderei il campo dell’on. Luzzatti, a cui spetta il compito di ricoprire i nudi artistici con veli sbiaditi e con appassite fronde; ma ruberei la palma a coloro che giunti... in quella parte di loro età, dove ciascun dovrebbe calar le vele e raccoglier le sartie si stringono in lega in difesa del buon costume, mentre nella loro giovinezza, ahimè, chi sa quale specie di pudicizia insegnarono ai fanciulli e quanta modestia alle giovanette!

2Non mi propongo, infine, essendo ciò estraneo al nostro argomento, esaminare quali diversi affetti le proiezioni cinematografiche possano produrre nel nostro cuore, secondo lo stato psichico di noi, e descrivervi i vari molteplici episodi, più o meno sentimentali, che spesse volte si svolgono nella propizia penombra dei cinema-teatri, piuttosto che al pallido raggio della luna, dea ispiratrice di ogni anima innamorata.

3Ma, senza aver l’idea di sciorinarvi un lungo sermone capace di procacciarvi un raffreddore, come dice Catullo a proposito dei pessimi versi che l’amico, pessimo poeta, gl’inviava, io mi accingo a esporvi poche osservazioni, nascenti da nozioni e da idee che sono in me come sono in voi, circa il sussidio che il cinematografo può dare alla scuola, come efficace mezzo educativo e didattico.

4Invero sembrerà strano che, dovendo io trattare siffatto argomento, non abbia qui un apparecchio cinematografico, come usa oggi la maggior parte dei conferenzieri, i quali di esso si servono per illustrare e dar vita alle loro dimostrazioni, per attrarre e mantenere desta l’attenzione degli ascoltatori, allo stesso modo dei poeti didascalici, che con l’armonia pittrice del verso, espongono e insegnano arida materia scientifica, rivestendola di nobili immagini.

Sai che là corre il mondo ove più versi di sue dolcezze il lusinghier Parnaso e che il vero condito in molli versi, i più schivi allettando ha persuaso. Così all’egro fanciul porgiamo aspersi di soave licor gli orli del vaso; succhi amari ingannato intanto ci beve e dall’inganno suo vita riceve.

5Così canta il Tasso, memore forse dei capolavori di Esiodo greco, di Virgilio latino e dei nostri Giovanni Rucellai e Luigi Alamanni, per non dire di molti altri ancora. Se noi, però, volessimo riferire la bella similitudine del melanconico cantore della Gerusalemme liberata non all’uomo maturo che volentieri apprende, rapito dal fascino della poesia, ma al fanciullo, pensando che con tal mezzo questi possa procedere più spedito e lieto per l’erto e faticoso calle del sapere, non saremmo logici e faremmo opera vana. Infatti si ponga nelle mani, non dico di uno scolaretto, ma di un adolescente alunno l’«Invito a Lesbia Cidonia», mirabile esempio di poema didascalico, e mi si dica se quella lettura, benché piacevole all’uomo colto, desti interesse nell’animo del giovanetto e lasci nella mente di lui la visione chiara, il ricordo indelebile della fuga superba di sale e del patrimonio artistico racchiuso nel Museo di Pavia, magistralmente descritto con alti versi da Lorenzo Mascheroni. Si conduca, invece, di persona in quel Museo un giovanetto, od anche un fanciullo, gli si faccia osservare minutamente, gli si spieghi ogni cosa, e se ciò non è possibile, gli si faccia avere la sensazione visiva di quegli oggetti, mediante il rapido succedersi e proiettarsi delle fotografie di essi sul quadro cinematografico, ed il giovanetto o il fanciullo avrà la percezione limpida e piena di quanto scorre sotto il suo sguardo e difficilmente potrà dimenticarsene.

6Orbene il cinematografo, in tal caso, non solo riesce più efficace, più dilettevole, più attraente di quella forma di poesia che alla mente parla più che al cuore, non solo giova a rendere duraturo il ricordo nella memoria; ma serve altresì a offrire all’occhio, come in lucido specchio, l’immagine reale, chiara e vivente di cose, di luoghi e di personaggi, di cui noi e i nostri bimbi giammai potremmo avere in diverso modo conoscenza.

7Onde non v’è dubbio che, ponendo a servizio della scuola questo efficace mezzo, che la scienza oggi ne offre, sarà di molto facilitato l’insegnamento delle nozioni varie prescritto dai programmi per l’istruzione elementare e lo studio della geografia e della storia. Infatti spesso la parola del maestro è vana e vuota, perché la voce e i nomi non riescono sempre a dare vita e corpo alle idee, perché le cose di cui si parla o non si hanno per difetto di materiale, didattico o non possono mostrarsi per l’impossibilità di trasportarle nella scuola. Sicché avviene che l’insegnamento delle nozioni varie o dev’essere tralasciato o genera una congerie di cognizioni imperfette e quel che è peggio disordinate, oscure, che presto si dileguano dalla mente, come nebbia all’apparir del sole.

8Le tavole murali e le illustrazioni dei libri scolastici possono bensì giovare in siffatto studio; ma esse sono fredde riproduzioni di fatti o di cose che non impressionano i sensi, né rapiscono e dilettano come fanno invece le proiezioni cinematografiche che rappresentano la realtà concreta di tutto, che possono riprodurre dal vero l’ascensione dell’aereostato [sic] verso le nubi, il volo dell’aereoplano [sic] nel libero cielo e la discesa del palombaro nei fondi marini, popolati d’infinite famiglie di alghe, di molluschi e di pesci.

9Il cinematografo schiude al nostro sguardo le porte di rumorose officine, ove l’industre mano dell’uomo prepara e costruisce quanto necessita ai bisogni della vita. Ci fa vedere come si raccoglie il cotone, come si pettina la lana, come si forma il tessuto. Ci guida nelle visceri della terra e ne mostra gli immensi tesori che ivi si rinserrano e il minatore dal viso sparuto, perché gli è negato di vedere il sole, ma dai forti muscoli, che percote e frantuma la roccia, in cui il cercato metallo s’imprigiona, mentre sanguigne faville sprizzano dal duro sasso e dal lucido piccone.

10Mercé il cinematografo noi possiamo mostrare ai nostri fanciulli come vivano le fiere del deserto e nelle annose foreste; come siano operose le api; possiamo seguire e osservare da vicino le metamorfosi della rana e del baco da seta, lo sviluppo e il germogliare della pianta e convincerci del modo come nascano, si riproducano e muoiano i microrganismi, anche se siamo del tutto profani di studi scientifici. Così io, una sera del dicembre 1910, in occasione della riunione in Napoli della Società italiana per il progresso delle scienze, confuso tra una folla di studenti e di scienziati, assistendo a una conferenza del prof. [Otto von] Schron di questo glorioso Ateneo napoletano, potetti, mercé le proiezioni cinematografiche, illustrate dalla chiara e sapiente parola del Maestro, comprendere come i cristalli nascano e crescano e quali siano le forze visibili e invisibili nella materia cristallina. Scoperta questa dovuta appunto alle pazienti ricerche, al lungo studio del prof. Schron, scoperta che dapprima provocò la ilarità degli ignoranti, scoperta grandiosa che segna una nuova conquista, una nuova vittoria della scienza contro l’ignoto, scoperta non meno grande delle affermazioni di Colombo, derise dai Dottori di Salamanca, e del sistema copernicano, la cui verità, riconosciuta da Giordano Bruno e dimostrata sperimentalmente da Galileo Galilei, scoteva dalle fondamenta la secolare autorità della Bibbia. Ma oh diversità dei tempi! Mentre nel secolo decimosettimo il Bruno veniva arso vivo in Roma, perché aveva osato ribellarsi alla Chiesa dogmatica, invano facendosi usbergo del vero, mentre il Galilei era costretto dinanzi al Tribunale dell’Inquisizione a ritrattare le proprie idee, pur affermando sempre che la terra si move, il prof. Schron nello stesso Vaticano, non molti anni or sono, al papa Leone XIII che lo aveva invitato a parlare sulla vita dei cristalli e che gli domandava come questa innegabile verità scientifica si coordinasse coi sofismi della Teologia, poteva impunemente e senza alcuna reticenza rispondere: Questo è affar vostro e non mio.

  • 1 [Michele Mastropaolo, Un’intervista con Nicola Fornelli, «Lux», 3, 1909, pp. 6-7. Brano incluso in (...)

11Perdonatemi, o Signori, questa breve digressione e ritornando al nostro argomento, per convincervi della utilità del cinematografo nella scuola, basta vi rivolgiate questa domanda: «Come si fa a dar l’immagine del mare a ragazzi che vivono in montagna e l’idea del monte a ragazzi che vivono in pianura?»1.

12Così il mio amico Michele Mastropaolo fa dire al ch. mo prof. Fornelli in una intervista da lui pubblicata intorno al medesimo argomento, di cui ora tratto. E dinanzi alla medesima difficoltà io ebbi a trovarmi, quando nei primi anni della mia giovinezza fui mandato a insegnare nelle classi inferiori del ginnasio, in un paese litoraneo della Puglia e successivamente in una città della Calabria. Ricordo che assai faticoso mi riuscì il compito di dare la nozione del monte alla scolaresca nata sul tavoliere pugliese, là donde non si scorge la catena delle Murgie né il promontorio del Gargano, e la nozione del mare ai forti figli della generosa terra, rinchiusa tra la serra Dolcedorme bianca per neve e il monte Pollino. Non possono quindi essere dubbie, nello studio della geografia, l’opportunità e l’utilità del cinematografo, il quale dal vero riproduce l’immenso deserto arido e spoglio di vegetazione, dense selve, vie monumentali di popolose città, sentieri irti e scoscesi, burroni e ghiacciai, laghi ridenti, fiumi maestosi, spumeggianti cascate, arditi ponti e il mare tranquillo e la furia delle tempeste.

  • 2 [Luigi Bellinzoni, Usi e costumi antichi e moderni di tutti i popoli del mondo, 4 voll., Perino, R (...)

13Presentate, inoltre, dinanzi allo sguardo dello scolaro i vari tipi della razza umana nei loro speciali atteggiamenti e costumi, nelle loro abitudini di vita e voi riuscirete a imprimere nella mente di lui, benché fanciullo, nozioni e idee che solo più tardi a intelligenze più mature, meno durevolmente e con minore efficacia, possono dare i racconti di avventure, le descrizioni di viaggi e i libri di Giulio Verne e le avventure di Robinson Crosué [sic] e quelle del Barone di Münchausen e «Gli usi e costumi di tutti i popoli del mondo»2 per quanto riccamente illustrati con variopinte e artistiche incisioni litografiche.

14Le stesse osservazioni, esposte circa l’insegnamento della geografia, possono valere per quello della storia sia relativamente ai fatti dell’epoca biblica, sia dell’antichità classica, sia del medio evo o dell’era moderna.

  • 3 [Luigi Tansillo, Le lagrime di San Pietro (1585), Giovanni Silvestri, Milano, 1837].
  • 4 [Jacopo Sannazzaro, De partu virginis (1526), a cura di Stefano Prandi, Città Nuova, Roma, 2001].
  • 5 [Ruggero Bonghi, Vita di Gesù, Perino, Roma, 1890].
  • 6 [Alfonso Capecelatro, La vita di Gesù Cristo, 2 voll., Tip. degli Accattoncelli, Napoli, 1868].

15La vita di Cristo, la mansuetudine e la bontà di animo e fierezza di carattere nello stesso tempo di questo primo apostolo dell’umanità; il suo martirio e il dolore della madre sua, nelle proiezioni cinematografiche, ci rapiscono, ci commovono assai più che «Le lagrime di S. Pietro»3 e il «De partu Virginis»4, e il libro del Bonghi5 e quello di Alfonso Capecelatro6 e tanto meno, perché più scientifica, «La vita di Cristo» del Renan.

16Il Quo Vadis di Enrico Sienchiewicz [sic] riproduce con tangibile evidenza i tempi di Nerone e gli albori del Cristianesimo, il quale al pari di ogni altro ideale sorge radioso dai rosseggianti martìri di sangue. Ma quei tempi ancora più a lungo vivranno nella memoria, se li avremo visti passare dinanzi ai nostri occhi, sulla tela cinematografica, nei loro vari momenti, con i personaggi che si muovono e agiscono vestiti secondo gli usi di quelle età, fra le fila d’immani steli marmorei che si dilungano nei palazzi, nel foro e nel circo di Roma imperiale.

  • 7 [Ernesto Mezzabotta (1852-1901), giornalista e scrittore, autore di feuilleton e di numerosi roman (...)

17Similmente le atrocità e le nefandezze della Inquisizione di Spagna, che scuotono le fibre del nostro cuore e fanno scorrere un brivido di orrore nelle nostre vene, benché descritte con arte nei romanzi del Mezzabotta7, più sanguinose a noi appaiono attraverso le proiezioni cinematografiche.

  • 8 [«La sua forza preservò Rodi». Il motto si riferisce alla presunta liberazione di Rodi da parte de (...)

18I fatti più grandiosi, poi, dei nostri giorni si vedono sempre riprodotti dal cinematografo. Epperò noi da lungi abbiamo potuto seguire il Re d’Inghilterra nelle varie tappe del lungo suo viaggio compiuto nelle Indie per esservi incoronato Imperatore. Abbiamo potuto, mercé il cinematografo, assistere all’incontro di Vittorio Emanuele III con i Reali di Germania a Venezia; abbiamo potuto salutare le nostre belle formidabili corazzate partenti per la recente guerra, sfilanti superbe sul gonfio mare, mentre il cuore ci si riempiva di italico orgoglio. Abbiamo veduto lo sbarco dei nostri soldati a Tripoli, l’inondazione che ivi avvenne; la costruzione della ferrovia che ricongiunge l’oasi alla città; e tutti i principali avvenimenti della guerra italo-turca riprodotti in più serie da importanti Case cinematografiche. Abbiamo visto inalberare sulla spiaggia di Rodi il nostro tricolore, che dopo secoli, sventolando su quella terra, ricorda alle genti un’antica nostra gloria, che dal motto «Fortitudo eius Rhodum tenuit»8 fu tramandata alla storia.

19E che dire, infine, del saluto che i nostri valorosi soldati, per mezzo del cinematografo, inviavano dal campo di battaglia alle famiglie e alla patria lontana?

20Non la penna del letterato, non l’alta poesia, né il pennello del pittore, né la divina arte di Michelangelo, avrebbero potuto produrre il medesimo effetto in simile circostanza.

  • 9 [Iohannes Amos Comenius, Orbis Sensualium Pictus, Michael Endter, Nürnberg, 1658. Si tratta di uno (...)

21Difatti la letteratura, la pittura e la scultura sono arti che rappresentano armonicamente il vero e il verosimile in una forma fantastica, come dice il Settembrini; mentre il cinematografo, pur non potendo essere annoverato fra le arti belle, espone il vero e il verosimile in forma reale. La letteratura opera nel tempo, la scultura e la pittura operano nello spazio; il cinematografo invece opera in più momenti e quindi nel tempo e nello spazio. Le prime soddisfano la ragione e il sentimento estetico; quest’ultimo impressiona i sensi. Epperò esso, ravvicinando a noi oggetti e luoghi lontani e tempi remoti, trasportandoci oltre i monti e oltre i mari, tra popoli civili e barbari, tra generazioni antiche e viventi, riempie la nostra coscienza, mediante la percezione visiva del reale sensibile, d’infiniti stati psichici non precari, ma stabili, i quali associandosi, riproducendosi per connessione e assimilazione, limpidi si ridesteranno, quando occorra, nella memoria, primo fondamento di ogni sapere, prima origine e fonte di concetti, madre della immaginativa. Che cosa, difatti, è la fantasia se non la facoltà di scegliere a nostro talento fra le molte cognizioni che abbiamo apprese e ricordiamo, quelle più atte al nostro tema, disponendole in modo che ne risulti un tutto nuovo, come di nostra creazione? Così nasce il bello che anima non solo la musica, la pittura, la scultura, ma anche l’arte dello scrivere, verso cui mira la scuola fin dalle prime classi, ammaestrando, arricchendo la nostra mente di molte cognizioni e addestrandoci con graduali esercizi al comporre. Parecchi sono i metodi oggi seguiti per raggiungere questo scopo e troppo lungo sarebbe parlare qui partitamente di essi; ma io penso che e il metodo delle domande e risposte e quello del disegno e quello delle illustrazioni introdotto fin dal secolo decimosettimo da Giovanni Amos Comenius col suo Orbis pictus9 e il metodo dei raccontini muti divulgati dal compianto ispettore scolastico Ernesto Ciralli, vittima dell’ultimo disastro calabro-siculo, tutti hanno minore efficacia del cinematografo nello sviluppo della facoltà inventiva del bambino, perché tutti il cinematografo li comprende e racchiude. Difatti esso non solo riproduce lunga ricca serie di disegni, d’illustrazioni e di racconti muti che si susseguono; ma anche personaggi che si muovono e col gesto, con lo sguardo, col vario atteggiamento del volto esprimono l’intima gioia, il dolore profondo, l’ira, la melanconia, l’amore e l’odio e tutta la piena degli affetti che sgorga dalle profondità del cuore. E tutto ciò non genera forse continui quesiti e soluzioni nella mente del bambino? Non risveglia sagge osservazioni? Non scolpisce nella memoria indelebili immagini, ricordi ed esempi utili alla facoltà inventiva?

22Ognuno di voi, come me, ha potuto sperimentare quanto dico. Io, conducendo spesso al cinematografo la mia figliuola, che conta appena un lustro, con soddisfazione paterna e con paziente esame di educatore, ho avuto agio di constatare quale agile fecondo lavorio compia nella sua testina bionda la mia bambina e il continuo suo domandare e le infinite osservazioni sempre esatte e dettate dal cuore più che dalla mente e in ogni piccola circostanza del suo piccolo mondo ricordare i fatti già visti, ripeterli e addurli come esempio al fratellino, alla mamma, a me, a sè medesima.

  • 10 [Pietro Romano, La psicologia pedagogica, Fratelli Bocca, Torino, 1906].

23Il cinematografo, dunque, è efficace sussidio alla memoria e alla immaginazione; ma entrambe queste facoltà derivano dalla imitazione, «spina dorsale del sapere», come dice Pietro Romano nella sua Psicologia pedagogica10. La memoria infatti ritiene, riconosce, colloca e riproduce i fatti psichici per ripetizione imitativa; la fantasia li associa, li raggruppa diversamente e li riproduce ma con un proprio contenuto; l’una e l’altra sono vegete e fiorenti nel bambino, perché in lui è innato l’istinto della imitazione. Questa è una forma di suggestione che giova non solo a sviluppare la mente, ma altresì a plasmare il cuore; non solo a educare l’intelletto, ma anche la coscienza e il senso morale. Grande è perciò la forza dell’esempio e ciò sanno tutti gli educatori. Anche Dante, precursore della moderna pedagogia, come molti lo chiamano, e maestro di color che sanno, al cui vasto pensiero nulla sfugge, mostra di avere ciò inteso. Onde nel «Purgatorio», là dove la giustizia è accoppiata con la misericordia, dove le pene non sono punizione, ma espiazione, dove le anime soffrono, meditano e pregano, correggendosi e purificandosi, mostra scolpiti su... marmo candido ed adorno d’intagli sì che non pur Policleto, ma la natura gli avrebbe scorno, mirabili esempi di umiltà e di superbia punita, di misericordia e di mansuetudine, d’iracondia funesta e di accidia nefanda, di povertà, di liberalità, di turpe avarizia e di temperanza.

24L’efficacia degli esempi, però, sarà ancora maggiore per gli alunni se essi gli esempi più che essere tratti da favole, da apologhi o da novelle, da raccontini, da aneddoti e da qualsiasi libro educativo, saranno invece esposti al bambino in una forma che si avvicini quanto più sia possibile al reale.

25Provatevi infatti a narrare al bambino e a descrivergli la caduta di un debole tremante vecchio, che appoggiato al suo bastoncello, coperto di miseri cenci, tremante dal freddo, mette in fallo il piede vacillante sul suolo sdrucciolevole e cade, mentre il cappello rotola lontano nel fango e il bastone gli s’impiglia fra le stecchite gambe. Passa frettolosa la gente d’affari e non si cura; un gruppo di monelli malignamente ride; un fanciullo signorilmente vestito disdegna accorrere in aiuto dell’infelice per tema di insudiciarsi l’abito nuovo e uno scolaretto, pur commovendosi, ha rossore di porgere la mano al miserello. Ma ecco, intanto, una povera fanciulla, anche essa tremante dal freddo, anche essa ricoperta di miseri cenci, con le calze bucate e con i lividi piedini nuotanti in un paio di grosse ciabatte che da ogni parte aprono bocche anelanti, senza disdegno, senza rossore, solleva con grande sforzo e a stento il vecchio e, con gli occhi luccicanti di lagrime pietose, lo guida per l’incerto e malsicuro cammino.

26Questo esempio, per quanto narrato nella scuola dal maestro, con efficace parola, per quanto descritto con evidenza mercè la modulazione della voce, accompagnata anche da gesti, potrà destare momentaneo interesse in parecchi per non dire in pochi alunni, la maggior parte dei quali continuerà a essere distratta e a fare sgorbi sul quaderno e a parlare col compagno vicino e a sbocconcellare lì dietro, nel banco, il pane o la frutta, mentre la parola del maestro si ripercote negli orecchi come suono di musica lontana. E anche coloro i quali siano stati attenti e abbiano sentito rammollirsi il cuore a quel racconto, presto dimenticheranno; sicché l’esempio perderà ancora della sua efficacia.

27Si presenti, invece, ai fanciulli, un quadro murale, uno di quelli che così artisticamente sono stati litografati dalla Ditta Vallardi, o una serie d’illustrazioni, come se ne vedono nei Musei pedagogici delle Università, ovvero un raccontino muto del Ciralli che riproduca un qualsiasi racconto. Gli scolari resteranno impressionati e dalla voce dell’insegnante e dalla sensazione visiva del fatto e forse saranno più attenti e più ricorderanno. [...]

  • 11 [Scialdoni potrebbe riferirsi qui a Tartarin, personaggio comico interpretato nei primi anni Dieci (...)

28Ma come mai nel piccolo mondo, in cui si svolge l’esistenza dei piccoli educandi, può sempre il maestro ritrovare tutti gli esempi necessari a risvegliare e a rinvigorire il sentimento altruistico, ad allontanare e a reprimere l’egoismo, a rivolgere al bene le inclinazioni umane e a plasmare l’animo del ragazzo affidato alle sue cure? Di qui l’opportunità del cinematografo nella scuola che con la sua varia infinita riproduzione può servire in qualsiasi circostanza e per qualsiasi fine, per offrire esempi e di figliuolo amoroso e di scolaro diligente e di buon fanciullo e del cattivo Tartarino11 e dello sciocco Cretinetti.

29Esempi questi che riescono tanto più utili in quanto nel modo con cui vengono presentati acquistano l’attrattiva del piacere, del diletto educativo e quindi dell’interesse, che rapisce e trascina come rapida corrente di ampio maestoso fiume, che trasporta seco il tronco dell’albero o la leggera barchetta.

30Infatti interessare non è altro che suggestionare con mezzi normali come la novità, la sorpresa, la chiarezza e connessione delle idee rese concrete nella realtà dei fatti e delle cose. Questa suggestione, sorretta dalla curiosità istintiva del bambino, dirige la mente mobilissima di lui verso un determinato punto e per breve ora la raffrena.

31Così nasce l’attenzione che accompagna non solo gli atti intellettuali ma anche i morali; che aiuta validamente la memoria e l’immaginazione, che è necessaria in qualsiasi esercizio ed ufficio. Essa ben diretta e mantenuta costante, acquista tale potenza da produrre le scoperte meravigliose dei sovrani ingegni e le opere egregie dei mediocri.

32Senza l’attenzione, i fanciulli, secondo il detto del Salmista, hanno occhi e non vedono, orecchie e non odono, senza che nulla portino al cervello. Sicché ogni felice risultato negli studi dipende dall’attenzione; sicché è necessario che l’attenzione si mantenga viva e costante nella scuola, perché l’insegnamento dia buoni frutti e perché si prepari il campo alla futura riflessione, la quale, come dice il Romano

ripensa i modi e le forme del nostro percepire e giudicare o pensare, per iscorgere se tra il pensiero o giudizio e la realtà vi è corrispondenza, nel che consiste la conoscenza vera. Alla riflessione succederà poi la meditazione che non critica od analizza le forme astratte del pensiero od un acquisto psichico; ma ci offre il possesso integrale della nostra coscienza, in tutte le sue direzioni.

33Epperò non solo a tener desta l’attenzione degli alunni nella scuola giova il cinematografo; ma anche alla riflessione e alla meditazione, oltre che allo studio delle più elementari nozioni scientifiche e a quello della storia e della geografia e alla facoltà della memoria e dell’immaginativa e alla educazione del senso morale, come ho dimostrato.

34Ciò potrebbe bastare, e qui vorrei fermarmi, per non abusare oltre della vostra cortesia, o gentili signori. Ma da tutte le osservazioni, che sopra ho esposte, un’ultima ne rampolla.

35Se la scuola possedesse un cinematografo, quale doloroso castigo sarebbe per lo scolaro negligente e indisciplinato allontanarlo dall’utile e dilettevole spettacolo educativo e istruttivo! Quanto efficace punizione sarebbe questa che non danneggia il fisico, non opprime lo spirito, non lo esalta e stizzisce, non abbassa e offende e umilia il sentimento della dignità, rispettabile anche nel fanciullo. Nello stesso modo il cinematografo potrebbe divenire premio alla diligenza e alla virtù, premio che non abituerebbe a praticare il bene per semplice tema di castighi o per solo scopo di ottenerne il guiderdone, premio che renderebbe bella la scuola, la quale spesso opprime le deboli intelligenze dei fanciulli, sotto il peso di aride formole, di regole vuote di senso, per cui diventa quasi una specie di prigione odiosa, ove tutto è noia, ove l’allievo nulla cerca, nulla desidera, perché trascinato a una servile imitazione; ove le arti migliori e le scienze cangiate in mostri e in vane orride larve, fan le capaci volte echeggiar sempre di giovanili strida.

36Ben vero oggi gran progresso si è fatto mercé gli studi della pedagogia moderna, la quale liberata dalle sottili disquisizioni della metafisica, portata nel campo sperimentale della scuola, ha trasformato e quasi perfezionato l’insegnamento.

37Ben vero, oggi, il metodo intuitivo si propaga e diffonde e trionfa sui vecchi metodi; ma ancora molto resta a noi da fare perché la scuola diventi quale deve essere. Occorre liberarci di tutto ciò che è antico e inceppa il cammino che ascende verso le alte cime del progresso.

38Con l’aria, con la luce occorre che nel nuovo e igienico edificio scolastico penetri dalle spaziose ampie vetrate un palpito di nuova vita, un fascio dorato di raggi solari, che scaldino il petto, un’armonia di liete note che facciano vibrare le corde del nostro cuore dinanzi al bello e al buono, un’armonia che accenda, esalti e conquisti e spinga avanti vittoriose le scolaresche, guidate da sapiente e valoroso duce, nel campo del sapere contro l’esercito insidioso della ignoranza, così come le marziali note di belliche canore trombe esaltano e spingono innanzi il soldato sul campo di battaglia, così come l’elegie e i canti di Tirteo trascinavano i giovani spartani nella guerra contro Messene e gl’inni di Mameli e le poesie del Brofferio e di Giovanni Berchet rapivano dalle aule scolastiche la balda gioventù d’Italia, avviandola sui campi gloriosi delle patrie battaglie, fin sotto le mura di Roma eterna e intangibile!

39Luigi Scialdoni, Il cinematografo nella scuola, Vallardi, Milano, 1913.

Notes

1 [Michele Mastropaolo, Un’intervista con Nicola Fornelli, «Lux», 3, 1909, pp. 6-7. Brano incluso in questa antologia, supra, pp. 153 ss.].

2 [Luigi Bellinzoni, Usi e costumi antichi e moderni di tutti i popoli del mondo, 4 voll., Perino, Roma, 1899-1902].

3 [Luigi Tansillo, Le lagrime di San Pietro (1585), Giovanni Silvestri, Milano, 1837].

4 [Jacopo Sannazzaro, De partu virginis (1526), a cura di Stefano Prandi, Città Nuova, Roma, 2001].

5 [Ruggero Bonghi, Vita di Gesù, Perino, Roma, 1890].

6 [Alfonso Capecelatro, La vita di Gesù Cristo, 2 voll., Tip. degli Accattoncelli, Napoli, 1868].

7 [Ernesto Mezzabotta (1852-1901), giornalista e scrittore, autore di feuilleton e di numerosi romanzi storico-religiosi].

8 [«La sua forza preservò Rodi». Il motto si riferisce alla presunta liberazione di Rodi da parte dei Savoia, ma l’episodio è in realtà privo di basi storiche].

9 [Iohannes Amos Comenius, Orbis Sensualium Pictus, Michael Endter, Nürnberg, 1658. Si tratta di uno dei primi libri educativi nei quali le immagini rivestono una funzione didattica decisiva].

10 [Pietro Romano, La psicologia pedagogica, Fratelli Bocca, Torino, 1906].

11 [Scialdoni potrebbe riferirsi qui a Tartarin, personaggio comico interpretato nei primi anni Dieci da Cesare Quest per la casa torinese Centauro].

© Edizioni Kaplan, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search