Version classiqueVersion mobile

La scuola dove si vede

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d’epoca

La scuola dove si vede (1913)

Socrate Topi

Texte intégral

1Ripensiamo a noi ragazzetti! E rientriamo nella scuola che ha oggi, come venti anni fa, le solite quattro pareti nude imbrattate di carte, le stesse miserevoli carte ciondoloni. Il tormento dei consueti banchi; sa sempre di galera e di muffa, incubo al cervello e miseria agli occhi.

2Entra il maestro, o, come oggi si dice, il professore. Con qualche pizzico di sapienza di più e la papalina con la nappa di meno, in effigie, è l’identico maestro di venti anni fa, intristito negli ossi e nelle polpe dall’accidia che attacca la scuola intristita.

3I ragazzetti tra le mura, gelide come quattro fogli di carta bianca ingialliti, aspettan la lezione: hanno lasciato le case agghindate e festose, son passati per le vie piene di sole, di verde, di profili, di linee; hanno occhiato i monti torno torno… e si sentono ora sgomenti dell’angoscia del nulla, che ammutolisce.

4Dice il maestro:

5«Ragazzi fermi e sentite».

6«Così: stare attenti e sentire!». E vedere? Vedere no.

7Per tre o quattro ore filate i ragazzetti debbono rinunziare al più meraviglioso dei sensi, la vista, che è stata la prima maestra a stillarci in cuore l’amor della casa, la gioia del cielo, la smania dei perché.

8Sentire, non vedere! Scende come una notte fra le pareti scialbe!

9L’insegnante sgorbia come può, e annaspa le regoluccie latine, abbozza quadretti di storia, tenta il bassorilievo di un continente, segna l’enigma di un tema di componimento. E i ragazzi cercano, a occhi chiusi, di seguire un contorno che sfugge: le linee si deformano, la mente si acciacca in un rincorrersi a mosca-cieca. Si grida al soccorso della memoria: la memoria è sorda, se i cigli han la benda.

10Ci si afferra a quel piccolo legno di salvezza che è la penna; si ricopia quel che non si vede; si calunnia con l’inchiostro quel che par di intravedere.

11Allora i ragazzetti trovano il conforto e il respiro nella paroletta e nel picchiettino guardingo sul braccio del compagno vicino; allora l’insegnante interrompe l’anfanar suo in nome della disciplina.

12E l’insegnante ha torto! La disciplina che pretende il corpo di marmo alluppicando gli occhi e soffocando informe vischio il cervello, non è quella che in cuore vorremmo!

13Anche oggi, come venti anni fa; senza pietà la scuola per le scolaresche, trascinate a navigar in un mare che non ha né onde, né azzurro, né sponde; senza pietà per le creature che han pupille avvezze alla luce e cervelli avvezzi a volare dopo aver saltellato fra le frasche che son verdi, lungo i rigagnoli che han prode e lungo le prode i campi.

14Vorremmo illuderci ancora che otto anni, faticosamente contati, entro la calce ingiallita delle nostre scuole, inseguendo fantasmi e rincorrendo astrazioni, diano ai bimbi, diano ai giovani la gioia della scuola, il vigor dell’idea l’occhio esperto che vede e distingue lontano?

15L’imparaticcio di sette regole – oggi come ieri – e il bisbiglio di sette nomi sono ossessione ed incubo non alimento; quattro date e tre fatti son gelo e non calore, sfinimento e non forza.

16L’insegnante fatica oggi più di ieri: e pur quasi sempre da sé non altro raccoglie che questa miseria contata sulle dieci dita!

17Ma che porta egli del mondo difuori, in quel vuoto, breve e penoso della aule scolastiche?

18La vita meravigliosa e palpitante stagna marcia ne’ temi di componimenti e nelle letture; il mondo vario di cose e di persone, ricco di meraviglie agonizza asmatico nelle carte dove si crede di far la “geografia”; e Roma antica e Atene gloriosa, sfigurate, balbettano in un linguaggio tisico quella che fu la magnificenza di due età trascorse.

19Dirà l’insegnante che la colpa non è sua e che egli assilla quanto più può nella scuola che ha trovato così com’è!

20E il torto dell’insegnante è ancora quello d’ieri: non di fare quello che deve, ma di non chiedere di fare quello che dovrebbe! Gridi alto e pretenda in nome della vita che corre nelle vene, stanze gaie e non ergastoli imbiancati; spalanchi per dio le finestre che non lesinino la luce e porti dentro la forza e il moto di fuori.

21Una buona volta, chieda di parlare con gli scolari di cose che palpitano innanzi ai visi sgranati: sien vivi alla luce degli abbozzi, i contorni, i rilievi, s’intreccin le linee e si stecchiscano i contorni del suo parlare!

22Sole e sole… Luce, luce… e… cose vive in cui gli occhi frughino, la mente spazi, associ e fermi!

23Noi qua del Liceo-ginnasio di Spezia con l’alacre preside Pederzolli, che vegliò, vigilò, soccorse, trepido di giovanile fede, abbiamo febbrilmente, primi in Italia, organizzato “la scuola dove si vede!”

24Vive dal novembre scorso, e fu preparata nel passato anno, avendo a onor del vero, l’aiuto finanziario dell’Amministrazione comunale che, prima in Italia, ha speso e spende, senza obbligo veruno, qualche centinaio di lire per delle inutilità… come direbbe, o dice, la gente grossa.

25La scuola è semplice.

26Si tratta di un’aula, che non rammenta le solite pareti, libera e accessibile in qualunque momento ai colleghi, civettuola e agghindata in faccia quanto la serietà e il buon gusto concedono.

27Sessanta e più persone – quasi tre classi – possono, senza cilicio di banchi, starsene comode nell’aula: sopra alla cattedra, uno schermo in gesso, di m. 2,50 per 2,50, è fisso sulla parete, mentre dalla parte opposta uno scaleo – pur fisso – offre la macchina da proiezione sempre pronta; quattro tende nere per il buio, quattro lampade elettriche per la luce.

28Voglio dir subito che la scuola nostra, né per il fine, né per i mezzi rassomiglia ai cinematografi.

29Films e diapositive hanno due funzioni diverse.

30Il cinematografo ha una narrazione da svolgere che soddisfa, diciamo, alla curiosità ficcanaso; soddisfa, non eccita, acqueta gli stimoli non li assilla.

31E offrendo un “già fatto” e un “già passato” blandisce l’inerzia e ninnananna le attività dello spirito spengendolo nei suoi giurzi [sic; ma guizzi] e svigorendolo nelle sue forze.

32La diapositiva espone semplice, ma lasciando libera la mente, risveglia energie sopite che ingigantiscono, cercano, scoprono, meditano sul luminoso campo scintillante; entra in gioco la personalità nostra che, attivata, crea; e le creazioni sono fatiche del nostro spirito acceso.

33D’altra parte poi l’insegnante ha diritto di scegliere il materiale e senza adattare, dimezzare e mutilare, umiliandosi a quel poco che le Case cinematografiche offrono.

34Poco, è la parola!

35Commercialmente parlando le case editrici non potranno creare mai un ampio materiale adattato di films: la scuola dà appena da mangiare ai suoi insegnanti e mentre ha molte esigenze, vive povera in canna.

36E le case editrici fanno semplicemente gli affari e quelli buoni!

37Ma la proiezione fissa invero è dovunque e a buon prezzo! È nelle diapositive che dilagano ovunque, nelle illustrazioni dei libri, che straripano a torrenti, nella macchinetta fotografica di tutte le case, perfino in un pezzetto di carta lucida che l’insegnante può ricoprir di docili girigogoli e magari di parole e magari di greco e di latino, lì per lì, nella scuola, se l’idea o la voglia balza capricciosa e improvvisa. E poi la proiezione fissa è l’attimo fermato, è la sensazione fuggevole arrestata, è la mente fugacissima sorpresa. Qui è l’immagine grande e feconda: nuove forze prodigiose e occulte soccorrono nella scuola degli occhi dove l’insegnante non più si lagnerà in nome della disciplina, ora che gli scolaretti dai picchiettini, vedono estatici quello che sentono, ora che han fede in chi guida: non atterrisce la via e l’erta, non spaventa il sognar faticoso e incomposto innanzi alla realtà, che si vede e si tocca.

38Ecco: qualunque dei miei colleghi ha bisogno della sala da proiezioni, entra cogli alunni suoi: tutto è sempre pronto e aspetta.

39Fatto il buio, si vede più di prima.

40Per un fenomeno di suggestione, a cui nemmeno l’insegnante si sottrae, per un non so qual cosa d’incantamento, nel buio splendido lo spirito si tende e gli occhi e la mente si appuntano!

41E scoccata dal fascio di luce allegra, si avventa sullo schermo l’immagine! Ed è su quella che si ordirà il componimento.

42Albe lì e tramonti, file di casolari e dorsi di montagne, casettucce perdute nelle valli, gruppetti gai di comari; c’è chi ride, chi fa ridere; un bosco nereggia, una fata buona compie il miracolo, un genio cattivo la scelleratezza: accanto a un nido d’uccellini pigolano aspettando il briciolo di pane… E nevica, e c’è sole, e c’è l’uragano e il serpe del fulmine…

43Il tema è stato visto: è realtà che l’insegnante offre al cervello teso che cerca attraverso gli occhi.

44Intanto nel buio il modestissimo schermo di gesso di due metri e mezzo, si triplica per incanto – tolto il confronto con le cose vicine; pare sole la luce che scintilla pitturando; s’ingigantiscono le persone, si muovono le acque; le labbra e i visi parlano accesi… L’illusione aggiunge, la suggestione è completa!

45La fotografia permette oggi di portare tutte le meraviglie naturali, tutte le glorie dell’arte, i miracoli del genio umano, vere e vive nella scuola sotto gli occhi di tutti: ed una illustrazione figurata d’una strofa di poeta è vigor nuovo aggiunto a poesia, o, meglio, è la poesia che diventa realtà.

46Io ho proiettato il canto dell’Ugolino con le incisioni del Doré ai miei ragazzi. Siamo sati davvero trepidi nell’inferno, con l’orrore delle ghiacce e lo spasimo della tragedia cannibalesca! Coi bimbi miei ho visto l’Olimpo e gli Dei: Minerva è discesa ad Itaca; Femio ha cantato, Telemaco ha armato la ricurva nave… ed è tornato Ulisse a riabbracciare Penelope.

47Tutta l’Odissea è sorta magicamente sotto gli occhi dei bimbi fatti uomini, con cuore e mente di uomini.

48Si dirà che a ciò bastan le figure e le incisioni dei libri! Non bastano, no! Esse diventan misera cosa alla luce del giorno, sempre più piccole e meschine, ogni qual volta le ricordiamo. Affidate alla luce che pittura con il color dell’argento e della madreperla, le favole, le novelle, i fatti umani, i poemi grandi, passeranno in azione, magnificata nella scuola dove si vede e tutto resta!

49Restano passando gli Dei di Roma, gli archi trionfali si muovono nei bassorilievi, gli altri si risollevano, risuscitano legionari, le battaglie hanno clangori ed eroismi vivi: la folla de’ morti ritorna e parla.

50… Si rivive il passato e il presente nella scuola dove si vede!

51E il mondo? Quel mondo che noi abbiamo inaridito e polverizzato nelle pagine della così detta Geografia?

52Sullo schermo di due metri e mezzo i cieli si allargano e si accostano, popolati di mondi che si svelano; il sole rivela le sue forze, la terra la sua nascita e l’infanzia pur anche di quando l’uomo non era.

53Passan comete lievi tra la cornuta Luna e un bolide e la terra mostra i suo ghiacci con le foreste tropicali… Ecco l’Africa e le dune Sahariane… ecco l’America con le pampas… e Budda e Maometto e Brahama.

54Non c’è fatto che la fotografia non abbia strappato via alle terre più lontane, non c’è mistero che non sia stato fossato nella gelatina; e sopra tutto non c’è altro mezzo per mettere a portata d’occhi quello che è la ragion d’essere della geografia, la corrispondenza cioè e l’integrazione del fatto fisico ed antropico che danno insieme la fisionomia della regione! Una linea di costa scintilla dell’orgoglio della gente marinara: una montagna lampeggia della ricchezza di pecore e di casette ov’è il burro e il cacio; un piano ha il trionfo lucide del grano e della vita, un porto la selva di albero pronti a scivolar su l’Oceano, a barattar cose, speranze risorse.

55Quando la luce si spegne e ritorniamo in un’altra realtà, scolari e insegnanti sentono intensamente di aver vissuto degli anni nel breve giro di un’ora. E si sentono vivificati seppur un po’ stanchi. Ma è quella la stanchezza del lavoro buono e utile di cui il beneficio resta! Ci si ritrova nella scuola è vero; ma è la scuola che ci ha dato a conoscere e a vedere, la bella scuola che coll’arte affina, colla storia rivela, colla vita diversa fa meditare… è la scuola dove maestri e scolari studiano insieme e insieme ricercano. È come la casa, come la città, come il paesaggio: ma più bella, più varia, più grande.

56Le proiezioni son cose vecchie nella scuole di fisica. Le proiezioni applicate allo svolgimento delle attività mentali e a disegnare nella scuola l’astratto che pare irriducibile e il passato che par morto, son cosa nuova e ossigeno nuovo se disciplinate e organizzate con logica e vigore.

57Cresceranno le scuole, dove per gli occhi le menti più corrono?

58E i colleghi d’Italia, che tanti sono valorosi e valenti, vorranno restare indietro in quello che da anni fuori d’Italia si fa?

  • 1 [Quinto Orazio Flacco, Ars Poetica, 180-181].

59La Spezia prima ha dato l’esempio. Avanti! Oculis subiecta fidelibus!1

60«La Tribuna», 27 marzo 1913, p. 3 (poi anche in «Rivista cinema docet», VI, 7, 5-10 aprile 1913, supplemento di «L’illustrazione cinematografica»).

Notes

1 [Quinto Orazio Flacco, Ars Poetica, 180-181].

Auteur

© Edizioni Kaplan, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search