Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il cinema che serve

 | 
Federica Villa

Parte prima

I. Mario Soldati, o dell’essere altrove

Texte intégral

1Nell’arco dei primi anni Cinquanta si addensa l’attività di sceneggiatore di Bassani. A volerlo ripetutamente all’opera è l’amico Mario Soldati, che condivide con lui alcune delle imprese più fortunate di quegli anni. Ricordiamo qui solo i titoli dei film di Soldati per i quali Bassani lavorò: Le avventure di Mandrin (1952) soggetto e sceneggiatura con Vittorio Nino Novarese e Soldati; La provinciale (1953) dal racconto omonimo di Alberto Moravia, sceneggiatura con Sandro De Feo, Jean Ferry e Soldati; l’episodio Il ventaglino in Questa è la vita (1953), dal racconto omonimo di Luigi Pirandello, sceneggiatura con Soldati; La mano dello straniero (1953) da un racconto originale di Graham Greene, sceneggiatura con Guy Elmes; e La donna del fiume (1955) sceneggiatura con Basilio Franchina, Pier Paolo Pasolini, Florestano Vancini, Antonio Altoviti e Soldati.

  • 1 Paola Bassani, Intervento introduttivo al seminario Giorgio Bassani. Cinque storie ferraresi, 23-24 (...)

2Questi sono anche gli anni fondativi dell’opera bassaniana. Soprattutto delle Cinque storie ferraresi che, scritte «per circa vent’anni», come ricorda ancora una volta Paola Bassani1, vedranno la luce proprio nel 1956 per Einaudi e che nel luglio, presentate proprio da Soldati e da Attilio Bertolucci, si aggiudicheranno il premio Strega consacrando definitivamente lo scrittore e portandolo all’attenzione internazionale. Proprio in questi anni, dunque, così tanto cinematografici, matura la prosa di Bassani e la messa in forma di quel rapporto controverso con la sua città, che fa scaturire una forma tutta particolare di scrittura autobiografica. L’incontro tra Soldati e Bassani si consuma nel momento culminante di gestazione delle storie ferraresi e le sceneggiature scritte insieme ne riportano i segni. Rimandiamo, per il momento, l’analisi della scrittura per le sceneggiature e cerchiamo qui di rintracciare, invece, la natura di una solida vicinanza maturata tra queste due traiettorie creative.

Con le stesse intenzioni: Roma-Napoli e ritorno

  • 2 Racconta Soldati: «Bassani era un vero amico e ancora oggi ci consultiamo su ciò che stiamo scriven (...)
  • 3 Si veda in Emiliano Morreale, Mario Soldati. Le carriere di un libertino, Le Mani, Recco-Genova, 20 (...)
  • 4 Recensione a Leo Longanesi, Parliamo dell’elefante, Longanesi, Milano, 1947 e In piedi e seduti, Lo (...)

3Napoli, estate 1944. Da qui potrebbe iniziare la storia dell’incontro tra Bassani e Soldati, un incontro destinato a durare per lungo tempo e a stabilizzarsi in forte amicizia2. A Napoli, in realtà, Soldati si trovava già dall’inverno del 1943, giunto dopo una fuga rocambolesca, insieme a Steno, Leo Longanesi, Freda e Gabriele Baldini, con i quali si era messo a lavorare a un giornale di propaganda e a una trasmissione di satira radiofonica condotta da Arnoldo Foà e diretta da Ettore Giannini3. Bassani descrive quel momento attraverso le righe comparse su «Lo Spettatore italiano» nel luglio del 1948, nella recensione a In piedi e seduti di Longanesi, evocando in diversi passaggi la presenza nel gruppo, di Soldati4. Dice:

  • 5 Ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., p. 1048.

Sono pagine che si ricollegano strettamente a quelle scritte da Mario Soldati sullo stesso argomento (Fuga in Italia, Longanesi & C., Milano, 1947), e non soltanto per la vivacità e la freschezza delle impressioni, ma per un’aria, un gusto, che è di queste come di quelle. Il diario di Soldati, fuggito da Roma pressoché negli stessi giorni e per le stesse ragioni di Longanesi, si interrompe alle porte di Napoli: al punto cioè dove gli itinerari dei due profughi si ricongiungono. D’allora in poi (dal novembre del ’43), fino al rientro a Roma avvenuto nel giugno dell’anno successivo, il nome di Soldati ritorna di frequente nel diario longanesiano: diario che comunque, oltre al resto, rappresenta una effettiva integrazione di quello del suo compagno di peripezie5.

4Ed è proprio tra questi fuggiaschi, rientrati dopo la Liberazione, che Soldati si propone come figura propulsiva – si scriverà in quegli anni «il più popolare regista cinematografico italiano» –, per il nostro cinema. Dalla fine di luglio del 1944 con la costituzione della “Commissione per le categorie dei registi, aiuto-registi e sceneggiatori del cinema” fino ad arrivare all’importante convegno di Perugia del febbraio del 1949, Soldati diventa un nome ricorrente, una personalità di rilievo, un animatore convinto per la ripresa vitale del nostro cinema. Parallelamente corre l’impegno di Bassani. Presa stabilmente casa a Roma, nel 1947 incontra la principessa Marguerite Caetani di Bassiano, che vuole continuare in Italia il lavoro di promulgatrice culturale iniziato in Francia con la rivista «Commerce». Il sodalizio con la Caetani porta Bassani a diventare l’anno successivo redattore della rivista «Botteghe Oscure», che per dieci anni diventerà un prezioso strumento di diffusione della miglior letteratura italiana e straniera nel nostro paese. A proposito dei primi anni di vita della rivista, Piero Citati ricorda come Bassani avesse «un fiuto letterario straordinario nell’intuire la vera poesia e scovare poeti esordienti» e tra gli scrittori italiani scoperti e promossi annovera appunto Soldati, ma anche Cassola, Calvino, Bertolucci, Caproni e il giovane Pasolini, che Bassani aveva appunto conosciuto nel marzo del 1947 e al quale aveva immediatamente promesso di presentare alla casa editrice Astrolabio le poesie dell’Usignolo della chiesa cattolica.

5Se queste, a grandi linee, sono le coordinate che disegnano il periodo dei primi incroci tra Bassani e Soldati, è interessante allora notare come entrambi si trovino nello stesso momento a vivere un’esperienza di iniziazione a una nuova dimensione di impegno culturale, volto a rendere maggiormente funzionale il proprio operato, a spendersi per identificare un gruppo di appartenenza, a fondare un’idea di sodalizio culturale. E a partire proprio da questo comune sentimento di adesione a un momento rifondativo tanto per la nostra letteratura quanto per il nostro cinema, ci sembra interessante pensare alla relazione tra il lavoro di Soldati e quello di Bassani come un’azione se non congiunta, sicuramente concomitante e coordinata, nel ridefinire parametri e modi della scrittura. Per analizzare questo sistema di interferenze, non tenteremo un sistematico o seppur parziale raffronto delle opere dei due scrittori. E, d’altra parte, come accennato, ci riserviamo di trattare altrove la prestazione ai tavoli di sceneggiatura che Bassani fece per i film dell’amico. Qui ritagliamo uno spazio per decifrare la consistenza dell’attenzione che Bassani dedicò a Soldati narratore, per capire il disegno sottile di questa corrispondenza.

  • 6 Recensione a Mario Soldati, A cena col commendatore, Longanesi, Milano, 1951, «Paragone-Letteratura (...)

6Ci pare interessante, infatti, notare come al di là delle molteplici occasioni di contatto tra i due, Bassani decida di annoverare l’opera di Soldati nelle pagine di Di là dal cuore proprio a partire da questo preciso momento creativo dell’immediato dopoguerra e che poi, quando ritorna sul Soldati successivo, in particolare con la recensioni a Le due città del 1964 e a 44 novelle per l’estate del 1979, non possa fare a meno di richiamare di nuovo quel periodo, legato indissolubilmente alle uscite nel 1948 di Fuga in Francia e de La giacca verde e nel 1950 de La finestra, tre racconti confluiti poi nel 1951 nell’unico A cena con il commendatore6. Ed è proprio dopo aver lasciato questa impronta letteraria che Soldati regista cercherà e troverà in Bassani un ineliminabile aiuto alla sceneggiatura, come se qualcosa, proprio in quel momento, venisse a saldarsi tra i due. Si definisce cioè una sorta di principio d’elezione, che trova nelle pagine di Soldati una sfida, raccolta da Bassani con l’accettazione a dedicarsi ai film dell’amico, proprio mentre, ricordiamo, decide di licenziare le Cinque storie ferraresi.

7A nostro parere questa compromissione sembra prendere consistenza in particolare intorno a un nodo problematico legato alla riflessione sullo statuto del soggetto come espediente autobiografico ibrido, come volano perpetuo tra mondo dei personaggi e scena del mondo. Cerchiamo qualche documento d’appoggio.

Autobiografia disattesa

8Bassani, recensendo A cena con il commendatore, scrive nell’agosto del 1951 sulle pagine di «Paragone-Letteratura» a proposito di Soldati:

  • 7 Ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., pp. 1111-1112.

Incapace come tanti artisti contemporanei di prescindere dalla propria individualità, da quel se stesso che insieme adora e aborrisce, anche Soldati ripete il “no” di tutta la letteratura più seria del terzo e quarto decennio del Novecento, anche Soldati ricanta a modo suo l’aridità e l’impotenza di una civiltà che è tutta in crisi. Scherza. Quando si badi alla sua prosa sempre così facile, leggera, elegante, moderna, può sembrare perfino un uomo felice. Ma a guardar bene, a scrutarlo oltre lo schermo ingannevole della sua allegra irrequietezza, dentro l’animo, ci si accorge che la sua negazione è davvero radicale, estrema. Non essere, e nel non essere riposare: la negazione dei romantici, alla quale fa tarda eco il «ciò che non siamo, ciò che non vogliamo» montaliano, rappresentava pur sempre una scelta, e poteva assumere negli esempi maggiori il timbro di una affermazione eroica. Soldati, lui, non sceglie. E non riposa nemmeno nel non essere, se soltanto fuggendo, soltanto sottraendosi di continuo a qualsiasi limite che lo determini e lo definisca, gli è consentito di presentarci l’unico volto che tolleri di sé: un profilo appena accennato, sparito ancor prima di essere colto7.

9Soldati viene associato al sentimento della fuga, all’instabilità, allo scarto tra l’essere e il non essere già più. Come abbiamo solo accennato questi sono storicamente anni in fuga, gli anni del nascondimento, del sottrarsi per riapparire. Da Roma a Napoli e viceversa. Ma sono anche gli anni che portano a quel cruciale A cena con il commendatore che il nostro Bassani sente così fortemente legato all’idea che Soldati sia un “essere altrove”. I tre racconti lunghi, che si imperniano su tre casi “gialli”, mostrano questa logica soldatiana del non riposare mai in una scelta identificatoria definitiva: il travestimento, il cambiar vita, il perdersi in uno spazio anonimo o lontano sono le coordinate entro le quali si muovono i personaggi protagonisti, cercando di sottrarsi all’evidente riconoscimento, di celarsi al manifesto pubblico dell’essere nome proprio. L’introduzione della figura del commendatore che inanella i tre racconti serve a Soldati per porre un intermediario fra sé e il mondo dei suoi personaggi, per svincolarsi, e quindi fuggire di nuovo, dal «loro abbraccio per così dire identificatorio» ed essere «perpetuamente e instancabilmente altrove».

  • 8 Sull’inclinazione autobiografica di Soldati e sulle diverse sfumature che ha assunto nelle sue oper (...)

10Ecco in cosa consiste questa idea di soggetto come espediente per una forma di autobiografia disattesa. Significa aprire sempre la possibilità di una scrittura che passi attraverso un personaggio-alter ego dell’autore, una scrittura che potenzialmente si sottometta al filtro, al punto di vista unico, alla prospettiva limitata e parziale, per poi mostrare il gesto dello scarto, della smentita, della fuga, appunto, dal limite. Soldati, come coglie bene Bassani perché in questo trova profonda affinità con l’amico, traccia un profilo di sé e poi immediatamente lo confonde8.

  • 9 Tra i molti interventi sulla questione, e soprattutto oltre ai lavori di ricerca di Ignazio Baldell (...)

11L’opera di Bassani è stata per lungo tempo, e in buona parte lo è ancora, un territorio filologicamente molto ricco e foriero di scoperte interessanti. Leggere Bassani essenzialmente come un “variantista” può portare a intraprendere un affascinante percorso che fa dell’esercizio delle varianti «un modo particolare e speciale, per Bassani, di essere autore e di intendere il mestiere dello scrittore»9. Quello che però interessa qui, al di là, ripetiamo, delle molte piste interpretative che si possono aprire e che in buona parte toccheremo, è l’idea che la scrittura inquieta di Bassani, mai paga, mai arrivata, porti con sé questo ammanco del soggetto, ovvero questo esporsi per poi celarsi, per poi contraddirsi nel variare perpetuamente la scelta di sé da esibire. In questo senso la scrittura, o se qui si preferisce la lingua e lo stile, diventano questo modo disatteso dell’autobiografia: la variante, ovvero l’approssimazione alla verità ricercata senza posa, si moltiplica, sottraendosi al limite ultimo che è quello della parola scritta, facendola saltare, mostrandone tutta la sostanziale precarietà. Bassani con questo tormentato procedere nella ridefinizione della propria opera ci mostra la caducità di ogni forma di identificazione con la scrittura, l’autobiografia è naturalmente disattesa perché porta in sé la biografia che è storia di una vita nel divenire, nel cambiamento, e non nello sclerotizzarsi in parola definitivamente scritta.

  • 10 Recensione a Mario Soldati, Le due città, Garzanti, Milano, 1964, poi in Le parole preparate, cit., (...)
  • 11 Si rimanda a proposito al preciso saggio di Alessandro Roveri, Giorgio Bassani e l’antifascismo, «C (...)

12Nel 1964 Bassani ritorna per la prima volta sull’opera di Soldati in occasione dell’uscita del romanzo Le due città per l’editore Garzanti10. Senza aprire una riflessione sul tema dell’antifascismo che potrebbe portare da questo romanzo a contemplare buona parte del lavoro di Bassani11, ci atteniamo, anche qui, a proporre una serie di considerazioni intorno a quello che ci sembra essere un importante anello di congiunzione tra i due scrittori e i primi anni Cinquanta. E ritorniamo quindi sulla questione dell’autobiografia disattesa. Al di là delle dense pagine che ripercorrono passo dopo passo il romanzo, Bassani in chiusura ritorna sul problema dell’identificazione tra personaggio – si tratta di Emilio Viotti, piemontese borghese e cattolico – e autore. Scrive:

  • 12 Ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., pp. 1220-1233, con il titolo Ancora su Soldati: Emilio e Piero(...)

Emilio non è sempre Emilio, ma talvolta Soldati stesso, o, per meglio dire, il personaggio di Emilio “stringe” sullo scrittore, sui suoi tic, sulle sue manie e bizzarie, sui suoi celebri “numeri”, popolarizzati dalle schiere sterminate delle amicizie e delle conoscenze, e addirittura della Televisione. Ogni personaggio degno di questo nome non può essere una forma del sentimento dello scrittore, lo sappiamo bene. Sennonché Emilio lo è fin troppo, certe volte fino al punto di identificarsi totalmente, senza residui di autonomia, di libertà, di mistero. L’inconveniente per fortuna non capita spesso. Comunque, negli episodi della partita a bocce, a Torino, e dell’incontro Roma-Juventus al Testaccio, in queste occasioni è chiaro che lo scrittore non ha saputo dominarsi, ha per così dire perduto la testa. Ma dopo tutto perché fargliene eccessivo carico?12

13Con il passare del decennio Soldati si concede all’abbraccio identificatorio con Emilio Viotti. L’espediente dell’autobiografia disattesa perde vigore, perde ragion d’essere, diventa “scaduto di moda”. Tra Emilio e Piero, la coppia di protagonisti che fa da pendant alle due città, Torino e Roma, cardini della vicenda, Soldati sceglie chi essere e si misura nei panni di uno dei suoi personaggi. Nelle parole di Bassani c’è una sorta di insofferenza per questa volontà di “essere lì”, chiaramente, e non più “altrove”: l’inconveniente per fortuna viene circoscritto ad alcuni episodi, solo a tratti Soldati non riesce a dominarsi, perde la testa. Ma, come dire, non è del tutto colpa sua, qualcosa sembra essere mutato perché, leggendo qualche pagina prima in un tra-parentesi di abissale importanza, Bassani dice:

  • 13 Ivi, pp. 1225-1226.

È giusto fondare la teoria dell’inattualità del romanzo, come genere letterario, sulla propria più o meno interessata e compiaciuta inettitudine morale e intellettuale a concepire se stessi e la società nella quale si è vissuti in termini storici, anziché eternamente, lirici e sentimentali?13

14Ebbene Soldati con Le due città dismette ogni forma di lirismo, non si sottrae per interesse o per compiacimento all’essere, diventa “in termini storici” qualcuno e si concepisce in un preciso contesto. Qui sta la differenza rispetto alla scelta operata dieci anni prima. Gli anni Sessanta terminano definitivamente la possibilità di sottrazione, di nascondimento, e diventa necessaria una rilettura di sé non “lirico-sentimentale” bensì storica. L’autobiografia si consolida come forma di autocoscienza, diventando necessaria.

  • 14 Recensione a Mario Soldati, 44 novelle per l’estate, Mondadori, Milano, 1979, ora in Giorgio Bassan (...)

15Infine nel 1979 Bassani recensisce 44 novelle per l’estate uscito per Mondadori14. Qui in maniera forte ritorna alla prima recensione dell’opera di Soldati, a quel momento cruciale, segnato dal «sempre fuggire», da «quel talento naturale» derivante «da quella originaria riluttanza ad assumere un volto definitivo». Ritorna sull’idea del nascondimento per dichiarare l’assoluta diversità raggiunta:

L’opera tuttavia nasconde nel suo seno un evento assolutamente nuovo. Dopo tanto fuggire, dopo tanto mimetizzarsi e sottrarsi, adesso lo scrittore è là, dietro le sue pagine, finalmente fermo, immobile. Ha accettato d’essere avanti negli anni come il Vecchio Regista di alcune di queste sue novelle. Che vale fuggire, ormai? Che cosa importa?

  • 15 Ivi, p. 1311.

La consapevolezza in lui d’essere arrivato dove è arrivato, di essere sospeso per sempre tra la luce e l’ombra, tra il sì e il no, conferisce a questo suo libro delle caratteristiche completamente inedite. Gli è bastato identificarsi in modo totale, senza più alcuna riserva intellettualistica di sorta, con l’io-scrivente, e subito ha ricevuto in cambio, a compenso, la realtà, la vita, tutta la realtà e tutta la vita15.

16La scelta si è definitivamente compiuta, senza lasciare margini. Non si può scartare la possibilità di raffigurarsi, di inscriversi nelle pagine perché solo così facendo si riceve in cambio la realtà tutta. Indubbiamente questo tipo di considerazione è ancorato all’idea che una forma di chiara e determinata identificazione comporti da una parte una lucida consapevolezza di sé nel corso della storia e dall’altra che questa consapevolezza sia un’assunzione di responsabilità nei confronti della realtà, della vita stessa. Ma c’è dell’altro. E qui ritorna prepotentemente l’affinità con la scrittura di Bassani. Questo ultimo Soldati recensito suggella una parabola che dall’essere “altrove” arriva all’essere “per sempre”. Ebbene, quel limite scartato era anche la garanzia per ridefinirsi continuamente in un incessante assestamento tra sé e il proprio tempo, evitando la fissità, l’immobilità, l’eternità che la scrittura dell’io comporta.

17L’incontro tra Bassani e Soldati si modula essenzialmente sulla prima fase della scrittura soldatiana, quella appunto della sottrazione, dell’autobiografia disattesa. Perché è in quel tipo di esposizione incompiuta del soggetto che Bassani trova nel cinema da lui frequentato come sceneggiatore, il cinema che lo vede partecipe, profonda adesione. E d’altro canto per la sua letteratura non si può non pensare a Ferrara, proprio quella delle cinque storie, come luogo d’origine che trasmuta in qualcosa d’altro, una città che non è totalmente autobiografica così come non è solo immaginaria.

  • 16 Giorgio Bassani, In risposta (VI), in Di là dal cuore, Mondatori, Milano, 1984, p. 381. Si veda a p (...)

18Maria Bellonci nel suo diario, a proposito del Premio Strega del 1956, annota che le Cinque storie immettono un paesaggio fantastico nella nostra letteratura; un luogo del mondo chiamato Ferrara, dove è necessario che accadano storie indimenticabili di gente che Bassani ci mostra nella palpitazione estrema del loro esistere: visioni poetiche fermate un istante prima di scomparire e raggianti in quel momento, nell’energia dei loro segreti. In effetti la ricerca del giardino dei Finzi-Contini alla fine di corso Ercole I d’Este e i molti percorsi che nel Romanzo di Ferrara tracciano l’urbanistica bassaniana hanno insistito su questa leggero gioco di approssimazione alla realtà, di somiglianza mai risolta in uguaglianza. Quello che fa Bassani con il proprio luogo d’elezione, e quindi con se stesso autore, è restituire «un’immagine il più possibile reale, concreta», un’immagine, cioè, passibile di quella verifica topografica e biografica che non si compie mai perfettamente. Avviene così anche per i personaggi che popolano quelle strade: fantasmi che possono essere persone reali, concrete, ma che restano sospese, sottraendosi alla possibilità di far aderire il loro nome a un solo Nome. Proprio per questo Bassani «ammetteva di essere stato una volta il professor Ermanno, una volta Micòl, un altra Bruno Lattes, ma sempre in misura limitata»16.

  • 17 A questa strategia narrativa è dedicato il lavoro, già menzionato, di chi scrive, Il narratore esse (...)

19Il momento di massima vicinanza tra i due scrittori si consuma, dunque, intorno alla convinzione che la scrittura dell’io debba per forza contaminarsi, al punto da fondersi, con la scrittura dell’egli, diventando così una forma ambigua di identificazione grazie alla quale l’autore riesce a trattarsi come una terza persona, a staccarsi da sé e vedersi. Così è per quel cinema che i due scrittori frequentano e fanno negli anni Cinquanta. Un cinema imperfetto, popolare, che, come più volte abbiamo messo in evidenza, non sceglie la strada impervia dell’adesione totale alla vita, ma si ferma un passo prima (o va un passo avanti) nel raccogliere figure verosimili ma mai totalmente vere. Un cinema che propone narrazioni in bilico tra la prima e la terza persona – pensiamo all’articolato utilizzo della voce over per la commedia17 –, e procede a definire personaggi e situazioni prototipiche, passibili, appunto, di un’aderenza al reale, restando però fortemente legate all’immagine che le ha generate.

Notes

1 Paola Bassani, Intervento introduttivo al seminario Giorgio Bassani. Cinque storie ferraresi, 23-24 febbraio 2007, Biblioteca dell’Archiginnasio, Bologna. Ora in Piero Pieri, Valentina Mascaretti (a cura di), Cinque storie ferraresi. Omaggio a Bassani, ETS, Pisa, 2008, p. 169.

2 Racconta Soldati: «Bassani era un vero amico e ancora oggi ci consultiamo su ciò che stiamo scrivendo. Ho dedicato a lui A cena col commendatore e lui mi ha dedicato Gli occhiali d’oro, senza dubbio il suo miglior libro. Dopo Il giardino dei Finzi-Contini, Bassani ha avuto molto successo, ma all’epoca viveva in ristrettezza economiche; l’ho aiutato facendolo collaborare ad alcune sceneggiature». Intervista di Jean A. Gili, Mario Soldati, tra cinema e letteratura, ora in Emiliano Morreale (a cura di), Mario Soldati e il cinema, Donzelli Editore, Roma, 2009, p. 110.

3 Si veda in Emiliano Morreale, Mario Soldati. Le carriere di un libertino, Le Mani, Recco-Genova, 2006, p. 34.

4 Recensione a Leo Longanesi, Parliamo dell’elefante, Longanesi, Milano, 1947 e In piedi e seduti, Longanesi, Milano, 1948; in «Lo spettatore italiano», I, 7, luglio 1948, pp. 107-109; poi in «Il Giornale», 10 novembre 1948; indi in Le parole preparate e altri scritti di letteratura, Einaudi, Torino, 1966, pp. 97-102. Si vuole qui menzionare solo un racconto di Giorgio Bassani, pubblicato in una sola occasione, e che ci riserviamo di analizzare in altra sede, che fa riferimento proprio a quel periodo napoletano. Si tratta de Il topo nel formaggio, pubblicato unicamente nella raccolta a cura di Antonio Baldini, Nuovi racconti italiani, Nuova Accademia Editrice, Milano, 1962.

5 Ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., p. 1048.

6 Recensione a Mario Soldati, A cena col commendatore, Longanesi, Milano, 1951, «Paragone-Letteratura», II, 20 agosto 1951, pp. 33-39, con il titolo Nota su Soldati; poi in «La Fiera letteraria», 28 novembre 1954, p. 3 e p. 7, con il titolo Mario Soldati; viene pubblicato infine in Le parole preparate, cit., pp. 127-133, con il titolo Soldati, o dell’essere altrove.

7 Ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., pp. 1111-1112.

8 Sull’inclinazione autobiografica di Soldati e sulle diverse sfumature che ha assunto nelle sue opere si legga Marziano Guglielminetti, In attesa dell’autobiografia, in AA.VV., Mario Soldati, la scrittura e lo sguardo, Museo Nazionale del Cinema, Lindau, Torino, 1991, pp. 23-32.

9 Tra i molti interventi sulla questione, e soprattutto oltre ai lavori di ricerca di Ignazio Baldelli, si veda in particolare, Raffaele Manca, Bassani variantista, «Nuovi Argomenti», V, 22, aprile-giugno 2003, ora in Maria Ida Gaeta, Giorgio Bassani. Uno scrittore da ritrovare, Edizioni Fahrenheit 451, Roma, 2004, pp. 73-79.

10 Recensione a Mario Soldati, Le due città, Garzanti, Milano, 1964, poi in Le parole preparate, cit., pp. 189-201.

11 Si rimanda a proposito al preciso saggio di Alessandro Roveri, Giorgio Bassani e l’antifascismo, «Critica Storica», 1965, pp. 722-728, ora in Maria Ida Gaeta (a cura di), Giorgio Bassani. Uno scrittore da ritrovare, cit., pp. 153-166.

12 Ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., pp. 1220-1233, con il titolo Ancora su Soldati: Emilio e Piero, p. 1232.

13 Ivi, pp. 1225-1226.

14 Recensione a Mario Soldati, 44 novelle per l’estate, Mondadori, Milano, 1979, ora in Giorgio Bassani, Opere, cit., pp. 1310-1312, con il titolo Di nuovo su Soldati, p. 1311.

15 Ivi, p. 1311.

16 Giorgio Bassani, In risposta (VI), in Di là dal cuore, Mondatori, Milano, 1984, p. 381. Si veda a proposito Anna Dolfi, Bassani, la storia e l’“onticità” del tempo, in Maria Ida Gaeta (a cura di), Giorgio Bassani. Uno scrittore da ritrovare, cit., pp. 64-72.

17 A questa strategia narrativa è dedicato il lavoro, già menzionato, di chi scrive, Il narratore essenziale, ETS, Pisa, 1999.

© Edizioni Kaplan, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540