Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d'epoca

Cinema e adolescenza con speciale rapporto alle malattie nervose e mentali (1930)

Fabio Pennacchi

Texte intégral

  • 1 [Cfr. Benito Mussolini, Discorso dell’Ascensione. Il regime fascista per la grandezza d’Italia. Pr (...)

Bisogna vigilare seriamente sul destino della razza1.
Mussolini

1La straordinaria influenza che il cinematografo può esercitare sopra i suoi giovani frequentatori è stata oggetto, specialmente in questi ultimi tempi, del più grande interesse. Poiché sono a tutti noti gli effetti dannosi prodotti sulla salute fisica e sulla vita psichica dell’età evolutiva da quella che vien chiamata la settima arte. Conseguenze molteplici, verificate spesso anche sull’adulto, nel campo della criminalità, delle malattie nervose e mentali, della patologia dello spirito in genere.

2Nell’esame di parecchie neuro e psicopatie giovanili passate sotto la mia osservazione ho io pure trovato, elemento causale più o meno diretto, l’azione del cinema e ho visto come i disturbi psico-sensoriali e le idee deliranti, comparse in tali stati morbosi, traessero materia e colorito dalle movimentate immagini dello schermo.

3Riporterò qui, dopo aver brevemente accennato ai rapporti tra il cinema e l’adolescenza, qualcuna di queste mie osservazioni; esse non vogliono avere che valore di contributo ad un problema che oggi preoccupa gente di ogni paese ed in particolar modo la nostra nazione.

4Le sollecite e veramente provvide iniziative del Governo Italiano, intese sempre di più al miglioramento fisico e spirituale della razza, hanno fatto molto per la soluzione degli svariati, importanti aspetti sociali di questo problema.

5Ma moltissimo è ancora da fare perché i gravi danni che il cinema ha causato fino ad oggi in tanti giovani, non si ripetano più domani, nelle generazioni che sorgono.

6La cinematografia, creata poco più di trent’anni fa dalla mente geniale di Edison, sembrò, fin da principio, una delle più simpatiche e più importanti invenzioni, destinata a conquistare rapidamente tutto il mondo civile parlando a tutte le genti un linguaggio che non conosceva difficoltà di parole ignote ma che aveva un carattere universale perché era il linguaggio stesso di tutte le cose.

7Era la figura animata, la vita, tutta la vita nei suoi innumeri aspetti. Era il divertimento che procurava piacere senza costringere allo sforzo e alla profonda attenzione ma arrivando ai sensi in modo rapido, superficiale, senza fatica alcuna. Permetteva di passare con facilità straordinaria dalla realtà ai domini dell’irreale, di astrarsi dalla pesantezza della vita vera per viverne un’altra di mistero e di fantasia.

8Quale maggior desiderio che quello di moltiplicare un così delizioso strumento di piacere? Esso si adattava troppo bene al rinnovamento dei tempi che portavano alla necessità di godere col maggior risparmio di tempo e di lavoro: sempre più presto.

9Così, nell’accelerato ritmo della vita moderna, ecco assegnato al cinema il suo posto d’onore. Oggi, il suo potere è senza confine, l’importanza economica e sociale così straordinaria da far meraviglia a coloro che credevano in una moda destinata a fine più o meno prossima. Crea intere città dove migliaia di operai lavorano a renderne maggiore la diffusione, anima ferventi schiere di artisti. Non conosce distanze né le piccole frontiere che dividono gli uomini di patrie diverse. Le sale che accolgono il magico schermo luminoso sono sparse, ormai, per tutte le vie della terra e incessantemente delle nuove ne sorgono, in ogni città e in ogni paese, per la quotidiana gioia di milioni d’uomini di tutte le razze e di tutte le età.

10Ho detto: di tutte le età. Ma la folla degli entusiasti è indiscutibilmente quella dei giovani. Il cinema occupa un posto di primaria importanza nella loro vita; pochissimi sono quelli che non lo amano, la maggior parte ne affolla le sale con assiduità sorprendente.

11Quanti ragazzi frequentano il cinema e quante volte ci vanno? Molti si sono proposti tale domanda e hanno esaminato la questione con la maggiore accuratezza possibile. Le cifre che finora risultano dalle varie statistiche sono del più grande interesse.

  • 2 [Cfr. Robert S. Woodworth, Preliminary Report of Psychological Research on Motion Pictures Conduct (...)

12Così, per esempio, le ricerche eseguite per incarico della facoltà di psicologia della Columbia University hanno portato alla seguente relazione fatta dal Dr. Woodworth2. È stata scelta, per lo studio, la scolaresca di una delle sezioni più povere della città di New York. Si è chiesto ai maestri quante volte in genere i loro alunni andassero al cinematografo e la risposta fu che lo frequentavano quasi tutti i giorni. Nella stessa New York il numero dei ragazzi che ogni giorno si reca al cinema sorpassa i centomila.

13In Australia, l’inchiesta condotta da 40 istitutori dà una percentuale del 54% dei fanciulli al disotto dei 15 anni. Nelle Indie Britanniche la percentuale sale al 79% e nel Giappone al 74%.

  • 3 [Sull’inchiesta condotta da Bogdanowicz per conto della Croce Rossa Polacca cfr. William Marston S (...)

14Non si creda che questi dati si ottengano soltanto fuori di Europa poiché, se esaminiamo ad esempio le statistiche del Dr. Bogdanowicz3, vediamo che in Polonia, dove pure c’è una censura parziale pei minori dei 17 anni, si trova un’altissima percentuale di giovani frequentatori. Il 94% tra i ragazzi delle scuole secondarie e l’89% fra le ragazze. In mezzo agli allievi dei corsi complementari, giovani di classi operaie, tra i 13 ai 18 anni, si scende all’80%. Cifre simili si trovano pressapoco nelle altre nazioni dove sono state effettuate numerose inchieste, in genere tra gli scolari, perché più facilmente controllabili; così in Germania, nel Belgio, in Svizzera.

  • 4 [I risultati dell’inchiesta di Elkin, pubblicata originariamente su «Kino i Kultura», 3, 1929, son (...)

15A Ginevra, l’inchiesta eseguita su 5000 ragazzi circa di scuole elementari, medie e di avviamento professionale ha dato il 78% di cui il 73% appartiene alle femmine e l’82% ai maschi. Altissima la percentuale trovata dal Dr. Elkin in Russia, dove si ha il 96%, dato, in massima parte, dai miserabili besprisorny, piccoli disoccupati senza fissa dimora4. Meno alta in Francia dove si aggira sull’87%; anche minore è quella dell’Inghilterra.

16In Italia, le incomplete statistiche di una diecina di anni fa portavano cifre enormi per le principali città nostre, sia riguardo al numero che alla frequenza, spiegate, in parte, dall’incomposta vita dell’immediato dopoguerra. Poi, specialmente dopo recenti disposizioni legislative del Governo, si è notata una certa diminuzione di numero e di frequenza ma le ricerche eseguite in questi ultimi tempi nelle scuole inferiori e medie, nei corsi di avviamento professionale e in parecchi istituti pubblici di Milano, Napoli, Roma, Palermo e di qualche città di provincia, mostrano ancora percentuali assai rilevanti.

17Non si possono dare cifre esatte per tutta la Nazione perché le indagini sono ancora in corso e fino ad oggi non abbiamo informazioni definitive; sembra però che la percentuale oscilli in genere dal 65 all’8’%, con una frequenza che varia dall’1,7 all’0,8 per settimana. Sono stati compilati, molto opportunamente, appositi questionari che contengono varie domande tra cui quella della frequenza, dell’età, del sesso, delle preferenze per le varie qualità di films, delle ragioni di tali preferenze ecc.

18Da parecchi rapporti viene accertato che nel pubblico del cinema la proporzione dei bambini e dei ragazzi è assai superiore a quella degli adulti. Questa preponderanza è più accentuata nei piccoli centri che nelle grandi città ed è pure più forte nel sabato e nei giorni festivi in cui pare si arrivi anche al 90% sul totale degli spettatori.

19Riguardo all’età di maggior frequenza, controllata sulla base dei confronti tra le varie categorie ed età, quasi tutte le statistiche sono d’accordo che la maggioranza dei giovani spettatori appartiene ai ragazzi di 13 anni. Vengono poi quelli di 14, di 12, di 11 e di 15 anni. In qualche centro si è trovata invece prevalenza per i minori di 12 anni.

20Riguardo al sesso, c’è netto predominio per quello maschile, probabilmente perché i ragazzi trovano più facilmente il mezzo di entrare al cinema; il tempo che essi vi passano è ovunque notevolmente superiore a quello trascorso in altre ricreazioni o spettacoli.

21A trovare le cause molteplici e varie che spingono l’adolescente verso le sale del cinema, a spiegarsi gli effetti prodotti da queste cause, bisogna ricordare, sia pure nel modo più schematico e breve, come si svolga la vita psichica dell’età evolutiva.

22Un essere poco più che spinale il quale reagisce agli stimoli che riceve con movimenti di difesa: i riflessi; un centro d’energia originata dalle sorgenti stesse della vita; un automa che mangia respira grida: un bambino.

23Da tutto quanto agisce nell’ambiente che lo circonda, come da tutte le profondità del suo organismo, per mezzo del sistema nervoso, mirabile apparecchio di trasmissione, a lui arrivano le sensazioni più varie. Egli ne ha l’avvertenza quando queste sorpassano quel certo limite minimo d’intensità e di durata che è la soglia di sensibilità e risponde con reazioni istintive e manifestazioni riflesse semplici e automatiche. Poi la funzione provocata da ogni nuovo stimolo si unisce e si compenetra con le precedenti funzioni già iniziate nel periodo prenatale, in virtù delle leggi ereditarie. Ma, in seguito, gli atti vanno moltiplicandosi e si fanno sempre più complicati sotto l’influenza di altri atti riflessi. Gran parte delle sensazioni non rimane più tale ma si arricchisce di elementi nuovi e diviene una impressione cosciente, cioè percezione. Così il bambino, a quella guisa che, progredendo, rende percezioni una parte di tutte le innumeri sensazioni che prova, ugualmente. coordina poco a poco, verso scopi personali, una parte dei movimentireazioni.

24Man mano che egli si evolve, la sua attività, che in principio sembrava determinata soltanto dall’eredità e dagli istinti biologici, va continuamente orientandosi verso una direzione personale, per influenza di esperienze appunto proprie, di tendenze derivate da quelle primitive e infine da affetti e sentimenti che chiamiamo elevati ed intellettuali (S. De Sanctis).

25In correlazione con lo sviluppo psichico sta quello dei centri nervosi. Il cervello aumenta di peso e di volume, le cellule si maturano e si moltiplicano con straordinaria progressione, le fibre si arricchiscono di mielina, prima le meno importanti poi le più nobili, l’area della corteccia si raddoppia e si triplica.

26E in questo meraviglioso laboratorio di vitalità, dove già l’antica saggezza greca collocava l’anima, separati centri presiedono alle funzioni più varie. Alcuni pensano al movimento delle diverse parti del corpo, si localizzano, in altri, le diverse sensazioni e aree speciali si stabiliscono per la memoria, per il linguaggio, per le funzioni specifiche dei sensi.

27Le vie nervose che salgono a questi centri vi portano quegli stimoli sensoriali che qui si trasformano in percezioni e nuovi stimoli ne partono per vie centrifughe a dare la reazione voluta.

28Così lo stimolo, attraverso la via psico-sensitiva, giunge ai centri dove viene elaborato in modo automatico e, scendendo per la via psicomotoria, è tradotto in azione.

29Questo processo i psicologi lo raffigurano in un arco: l’arco riflesso elementare. La linea ascendente è rappresentata dall’impressione dei vari stimoli, la sommità dall’elaborazione interna di questi, la linea discendente dalla reazione che essi hanno provocata.

30Tutte le attività dell’organismo non sono che riflessi: semplici, composti, esterni, interni, istintivi, inibitori ecc. Ne è dominata tutta l’esistenza specialmente in quanto essa è sentimento ed emozione.

31Non solo, ma, oltre che nel campo dei sentimenti, noi vediamo estrinsecarsi un atto riflesso più o meno complicato anche in quello della volontà.

32Intelligenza, volontà, sentimento: i tre fattori fondamentali vanno gradatamente e progressivamente formando ciò che più tardi costituirà il carattere.

33Ma nel fanciullo, che ancora molto debole presenta quella facoltà di controllo derivata dall’esperienza e da una certa autonomia dei poteri di critica, fortemente prevale la suggestibilità.

34Chi più credulo di lui? [Karl] Mosse ha trovato che i bambini di tre anni sono già suggestibili, che scolari sani e normali sono soggetti a suggestione nell’ottanta per cento dei casi, che i più giovani sono più suggestibili dei più anziani.

35Con l’aumentare degli anni crescono, paralleli all’intelligenza, i poteri volitivi, e, sulla credulità del fanciullo, grado a grado tende ad affermarsi la soggettività del ragazzo.

36In lui sorge, con l’aspirazione a quanto sa di fierezza e d’indipendenza, un desiderio di forti e sconosciute emozioni, una tendenza vaga a tutto ciò che è lontano ed ignoto. Sensazioni indefinite fioriscono, come in un sogno, nella sua anima appaiono i primi sentimenti di religione e d’amore.

37Da tutte le tendenze e da tutti gli istinti favoriti o repressi dall’elaborazione dei vari fattori biologici, si inizia lo sviluppo della vita effettiva superiore, dei sentimenti etico-sociali.

38È il momento della crisi: egoismo e bontà, istinto predatorio e amore ideale, volontà e suggestione, torbidi desideri e misticismo, tutti fra loro lottano in un tumulto incomposto per ottenere l’adattamento definitivo. E tutto questo mentre l’accrescimento del corpo porta i caratteristici cambiamenti della pubertà. Mentre le varie parti dell’organismo sono improvvisamente costrette ad una più intensa funzione e i fermenti delle varie glandole irrompono nel plasma vitale ad eccitare e a moderare il sistema nervoso della vita vegetativa collegato al sistema nervoso centrale.

39È durante questa crisi dell’adolescenza, mentre avvengono tali e tante modificazioni somatiche e psichiche, che compaiono o s’accentuano in modo decisivo le manifestazioni patologiche, frutto di tare ereditarie o di una evoluzione imperfetta.

40Sono ora leggere alterazioni neuropsichiche di cui forse nessuno s’accorge, ora più gravi deficienze e anomalie nel campo della intelligenza, della sensibilità, degli affetti.

41Sono, a volte, giovani di fantasia e di emotività esagerata e di debole potere volitivo, che si lasciano enormemente suggestionare da quanto li colpisce, che facilmente ripetono, nella parola e negli atteggiamenti, frasi e gesti da cui furono impressionati. Volubili per eccellenza, creduli e capricciosi, mentiscono colla massima leggerezza, e scambiano per realtà ciò che essi stessi sognano. Hanno stimoli sessuali precoci e vivaci e disturbi vari a carico del sistema nervoso: è, questo, il vasto e complicato campo dell’isterismo.

42Altri, pure spiccatamente emotivi, reagiscono in modo esagerato all’ambiente, mostrando ora una gaiezza che è eccitazione, ora una malinconia senza motivo: s’intravvede in essi l’embrione della psicosi maniaco-depressiva.

43Soffrono alcuni, fin dagli anni della fanciullezza, di fobie, di scrupoli e dubbi episodici che li tormentano, di idee ossessive che cercano di trascinarli al male per quanto ansiosamente respinte dalla lucida coscienza, e siamo di fronte alla psicastenia.

44Mostrano, altri, tendenza all’egocentrismo, ipertrofia del proprio me, diffidenza e scontrosità verso l’ambiente che credono ostile. Appartati, sospettosi, spesso nevrotici, essi lasciano scorgere un temperamento paranoide che li porterà, se timidi, a farsi credere vittime di presunte persecuzioni o all’offensiva, se ambiziosi e persecutori.

45Ed ecco tutta la larga schiera di quelli in cui prevalgono le tendenze istintive mal governate dalle facoltà di controllo, impulsivi, ipocriti, sopraffattori, non sopportano alcuna disciplina in famiglia, nella scuola, in collegio. Bugiardi, talora crudeli e vendicativi, esplodono in crisi di violenza senza motivo o si danno al vagabondaggio e agli abusi sessuali: sono gli epilettoidi, i criminali nati.

46Qualche volta, pur mostrandosi oziosi, violenti, truffatori non sono che dei falsi epilettoidi, ipersuggestibili e isteropsicopatici, con un fondo di normalità biologica; altre volte, invece, la criminalità che è in loro latente può affiorare dando, se trova favorevoli condizioni di sviluppo, le più varie manifestazioni.

47Simili in parte a questi sono coloro in cui manca l’evoluzione dei sentimenti etico-sociali, del senso morale in genere. Freddi, calcolatori, egoisti, spesso deboli di spirito, spesso con intelligenza superiore alla normale, non escono dai confini della propria persona e, uomini, vivranno in margine al codice penale in una criminalità più silenziosa e più pericolosa d’ogni altra.

48Qualcuno, infine, comincia a presentare, in questo periodo, un cambiamento notevole della condotta che diviene stolida e stravagante, incoerenza tra il pensiero e l’azione, un’abulia che si fa sempre più grave, un forte indebolimento della vita affettiva: è l’accenno alla demenza precoce che li porterà a un totale e irreparabile dissolvimento psichico, è il margine della pazzia.

49Non c’è, tra ognuno di questi tipi principali cui ho accennato, un confine veramente netto, poiché, spesso, le note patologiche sono mescolate tra loro. Spesso, anche, sfuggono all’osservazione degli insegnanti, dei superiori, della famiglia stessa che le crede soltanto leggere e trascurabili accentuazioni di temperamenti normali e con questi li confonde. Del resto è assai difficile segnare un limite di divisione tanto più che – come dice Bianchi – il perfettamente normale, specialmente nella fanciullezza e nella adolescenza, è raro.

50Questa crisi dell’età evolutiva, in cui tanto delicata metamorfosi s’opera nel fanciullo, più intensa ancora si manifesta in tutto l’organismo femminile. Ciò si spiega con l’importanza che la donna assume in rapporto alla funzione della maternità.

51Per l’intimo riflesso che corre tra la psiche e la vita sessuale, nuovi stimoli e nuovi sentimenti arrivano ai centri nervosi dagli organi della riproduzione in via di sviluppo. La nota predominante del cambiamento che avviene nella fanciulla è quella di una invadente sentimentalità «che, attraverso un’oscura visione del sacrificio cui è destinata, la sospinge a riversare la piena degli affetti verso le compagne e verso la religione» (Agostini).

52Alcune si mostrano eccitabili e bizzarre, ribelli ad ogni disciplina e trascurate delle ordinarie occupazioni; altre manifestano una disposizione melanconica dell’animo a tendenza romantica, un desiderio d’isolamento e di dolci fantasticherie che provocano frequenti crisi di pianto senza motivo. Intanto la crescenza del corpo causa malessere fisico, facile esauribilità, debolezza funzionale degli organi, cardiopalmo e fenomeni vasomotori, disturbi vari dell’apparato sessuale che si ripercuotono sull’intero organismo.

53Per questa crisi profonda che, nel maschio e nella fanciulla, si va svolgendo sotto l’influenza dei vari fattori biologici, la comune esperienza ritiene, e non a torto, che l’età più importante nella vita dell’uomo sia quella che dal periodo prepubere va fino alla completa formazione della personalità.

54Lo spirito dell’adolescente, avido di tutto ciò che sia lontano ed ignoto, rapido e grande, di tutto ciò che sia complicato e misterioso, sente appagate dal film in modo perfetto queste sue aspirazioni che hanno principalmente origine dal motivo sessuale.

55Il cinema corrisponde assai bene al meccanismo intellettuale del ragazzo che ignora i procedimenti della logica astratta e pensa con associazioni d’idee sopratutto visive. Questo divertimento gli arriva per mezzo della vista, di quel senso, cioè, che più serve ai fanciulli nello sviluppo della loro vita psichica e gli procura tanto più piacere in quanto non lo costringe a compiere alcuno sforzo mentale. I fatti che vede avvicendarsi sullo schermo egli può interpretarli come vuole, secondo il suo temperamento e la sua intelligenza. A lui viene mostrato il gesto nel suo svolgimento dinamico; egli può colorirlo con tutti i colori della fantasia provando la doppia illusione di sognare e di agire velocemente.

56Non così avviene per gli altri spettacoli, per il teatro ad esempio, dove la parola ed altre circostanze di ambiente impediscono che si produca tutto lo speciale incanto del cinema.

57Non così avviene per il libro.

58Il libro, che pure può avere un potente fascino, non riesce mai ad uguagliare la straordinaria eloquenza del film. Per quanto il ragazzo possa raffigurarsi, con gli occhi dell’immaginazione, le vicende che legge, mai troverà nella visione mentale l’emozione che gli procura la realtà dello schermo. Senza contare poi che il libro, e così pure il giornale, richiedono un certo grado di cultura e di comprensione ed escludono perciò una larga classe di illetterati o quasi.

59Questa selezione non esiste per il cinematografo il quale sormonta benissimo tale difficoltà; la trama visiva è molto facile e chiara anche quando non è possibile leggere o comprendere con esattezza le parole scritte.

60Un altro fattore serve a dare la preferenza al cinema; l’affaticamento cerebrale sopravviene molto più presto in una lettura o in un’audizione che non nella visione del film. Dalla stanchezza si origina la noia ma questa è impedita o almeno assai ritardata dalla continua varietà della rappresentazione visiva che procura sentimenti di gioia mediante la distrazione. Che, se in un film a lungo metraggio può insorgere affaticamento psichico, questo non si manifesta come risultato immediato perché l’impressione di piacere l’annulla o l’attenua come una cosa ancora lontana.

61Ma l’elemento che più di tutto concorre ad aumentare il piacevole eccitamento dei sensi è la musica. Il suo ritmo accompagna lo svolgimento della scena e ne allontana anche di più ogni sensazione di stanchezza o di noia. L’immagine è resa più viva e più palpitante dalle dolci note del violino e del piano; s’ode, attraverso la loro armonia, la voce delle tante passioni espresse sullo schermo.

62Un piccolo cieco di dieci anni che frequentava assiduamente il cinema, spiegava la ragione di questa sua frequenza con la musica. «Io sento bene quando c’è una rissa, quando passano dei soldati, quando qualcuno muore, quando gli attori si baciano e anche quando c’è qualche altra cosa».

63Ad accompagnare la visione e la musica, a rafforzare la loro azione suggestiva interviene, in modo molto efficace, l’oscurità dell’ambiente. Il breve schermo luminoso attira completamente l’attenzione dello spettatore; l’ombra d’intorno accresce il fascino delle figure e dei paesaggi fantastici proiettati; nel buio si sente la melodia dell’orchestra invisibile e l’apparenza del sogno è perfetta.

64A questi fatti d’ordine psicologico che servono a renderci ragione della passione del giovane per il cinematografo altre se ne aggiungono e d’ordine materiale.

65Il ragazzo va al cinema senza alcuna cerimonia, i prezzi sono meno forti che per gli altri spettacoli. Di solito, per i più piccoli, c’è la mezza tariffa; i più grandi si procurano facilmente la modesta somma necessaria all’ingresso. Escono dalla scuola, dall’officina, dal laboratorio e corrono ad affollare le sale dei cinema. Meglio ancora se è giorno di festa o un antecedente a quello festivo; sappiamo che il sabato e la domenica vedono il maggior numero dei giovani frequentatori. Molte volte essi ci vanno eludendo la vigilanza della famiglia, ma spesso sono gli stessi genitori a mandarveli poiché sembra loro che, là, stiano in un posto sicuro; considerano la sala del cinema come un deposito per i loro figli, un luogo che li tolga dalla strada e dai suoi pericoli.

66Più spesso, specialmente per le rappresentazioni serali, vediamo che i genitori, desiderosi di divertirsi e non volendo lasciare i figlioli soli in casa, li portano con loro. Questa sopratutto nei quartieri operai frequentati da gente che, non potendo assistere a spettacoli di maggior costo, cerca di compensare con quel divertente divario la grigia giornata vissuta nel negozio e nell’officina.

67La questione centrale di tutte le inchieste che oggi si vanno svolgendo nel campo della cinematografia è quella dell’influenza che lo schermo può esercitare sulla mentalità e sull’educazione dei giovani.

68«Il cinema è un bene o è un male?».

69«È vero che esso può produrre sulla squisita sensibilità del ragazzo effetti che vadano oltre i riflessi normali di una sensazione, di una emotività fisiologica?».

70La maggior parte di coloro che s’interessano al problema afferma di sì e sostiene che i molti danni che si verificano non siano compensati dai vantaggi che se ne possano avere.

71Qualcuno definisce il cinema la scuola moderna dell’immoralità; altri giunge a crederlo il più rapido mezzo di degenerazione dello spirito della razza.

72Queste sono esagerazioni ma è certamente innegabile, che, se noi non possiamo attribuirgli tutti i mali riscontrati nei suoi giovani frequentatori, dobbiamo riconoscere che di molti esso è causa più o meno diretta.

73Premesso questo, passiamo ad accennare le principali conseguenze che l’azione del film porta sulla salute fisica e mentale del ragazzo.

  • 5 [Estrid Hein (1873-1956), oculista, attivista femminista vicina alla sinistra radicale danese, mem (...)

74È tra quelle di minore importanza, ma non per questo di minore frequenza, il danno provocato alla vista. Gli specialisti dicono che moltissimi giovani devono incolpare l’assiduità del cinematografo come causa delle loro alterazioni visive, specialmente quelli del popolo i quali, costretti ad occupare posti di poco prezzo devono andare vicino allo schermo con evidente grave danno dei loro occhi. È vero che la dott. Hein, un’oculista danese5, incolpa piuttosto, nei suoi scritti, l’eccesso di lavoro degli scolari, ma non si può negare che la rapidità delle impressioni sulla retina sia causa di una notevole tensione oculare cui si complica difficoltà d’adattamento, sopratutto in rapporto alla distanza dell’occhio dallo schermo. Insorge facilmente mal di testa, talora vertigine e, a lungo andare, debolezza dell’organo.

75Più gravi sono le conseguenze che gli igienisti lamentano per l’ambiente malsano che serve alla propagazione delle più comuni malattie, per l’atmosfera impregnata di fumo e di germi patogeni e che non si può sufficientemente cambiare come invece l’ammassamento delle persone richiederebbe. La tubercolosi vi trova uno dei suoi preferiti mezzi di diffusione, sopratutto nelle sale umide e anguste dei quartieri poveri dove gli aspiratori rinnovano solo in parte e male l’aria viziata.

76Non è qui il caso di parlare degli altri pericoli quali gli eventuali e non rari infortuni come gli incendi causati dalle materie infiammabili delle pellicole; sono sempre i bambini a dare il maggior contingente di vittime.

77Di ben altra importanza che i suddetti appaiono i danni di cui ora dobbiamo occuparci, quelli cioè portati al sistema nervoso.

78Sappiamo quale complessa parte giochi, nell’età evolutiva, l’elemento nervoso coi suoi apparecchi di recezione e di trasmissione, coi suoi riflessi, con tutta la sua attività. Il cinema, che assorbe tanta di questa energia, ha un’incalcolabile effetto sullo stato nervoso generale, su tutte le funzioni organiche da questo regolate e dirette.

79Sotto forma d’impulso nervoso la sensazione visiva va dagli strati della retina ai centri ottici primari attraverso il nervo ottico, poi raggiunge il lobo occipitale della corteccia dove ha la sua area; arrivata ai centri superiori s’evolve e si cambia nell’atto cosciente della percezione. E ridiscende, s’allontana per le vie centrifughe e va a provocare quei particolari stati emotivi che, riflessi come gli altri, rispondono alle impressioni provate.

80Il ragazzo, immobilizzato dal fascino della visione cinematica, trepida e risponde con tutti i suoi nervi alle tante sensazioni che arrivano al cervello. La sua attenzione, che di solito presto si stanca e cerca di trarre compenso nel moto, qui, è incatenata per delle ore dallo schermo, mentre l’affaticamento cerebrale è mascherato dall’eccitamento del piacere. Finito questo, si fanno sentire i sintomi della stanchezza, più 0 meno gravi secondo il temperamento e la costituzione dei giovani spettatori che hanno subito una detrazione di forza nervosa sproporzionata al loro organismo.

  • 6 [Cfr. Maurice Rouvroy, Per l’infanzia e per l’adolescenza, «Rivista Internazionale del Cinema Educ (...)

81Importantissime, a tale proposito, sono le esperienze che il psicologo Rouvroy riporta in un suo pregevole studio sull’argomento6.

82La forza fisica, al dinamometro, è stata trovata, dopo lo spettacolo, diminuita di un quinto. Pure diminuita appare l’attenzione alle sensazioni cutanee, misurata con un estesiometro a punta. Si nota più facile insorgenza di tremori e di cardiopalmo. L’eccitabilità nervosa è aumentata in tutti i casi e s’accompagna ad accentuazione dei riflessi. La cefalea si presenta, in genere, a forma di casco con pesantezza alla nuca, talora con vertigini. I più deboli accusano spasmi muscolari, parestesie e, spesso, prostrazione e stanchezza generale poiché nei nervi e nelle membra, immobilizzate a lungo, sono passati dei movimenti a loro insaputa.

83Nella maggior parte dei ragazzi di scuole elementari e medie inferiori, ho io pure riscontrato parecchi di tali sintomi. Frequenti i tremori più o meno diffusi e il cardiopalmo; frequentissima l’ipereccitabilità nervosa che persisteva talora anche il giorno dopo lo spettacolo scoppiando qualche volta in un’esplosione di ira per futili motivi.

84Infiniti poi i casi di pavor nocturnus, di sonnambulismo, d’insonnia e non mi sono mancate osservazioni di vere e proprie nevrosi. Ne riporto una che mi sembra di notevole interesse.

85Si tratta di un ragazzo di tredici anni che io visitai un anno fa nell’ambulatorio del nostro Ospedale.

86Genitori viventi e sani; nell’anamnesi familiare nessuna tara neuropsicopatica. Il ragazzo aveva avuto sviluppo fisico e mentale regolare ed era sempre stato di temperamento mite e tranquillo. Nessun sintomo di epilessia né di tetania in precedenza; non segni di eredo-lue. Sano e robusto non aveva sofferto, prima di allora, malattie degne di nota.

87Venuto a studiare in città s’era fatto un assiduo frequentatore del cinematografo. Da tre mesi circa i parenti del giovane avevano osservato in lui una straordinaria eccitabilità nervosa, svogliatezza allo studio, dimagrimento, insonnia e delle scosse muscolari che prendevano ora il capo, ora la faccia, ora il tronco e gli arti. Tali scosse si ripetevano di frequente con molto disturbo del ragazzo il quale confessava che esse divenivano più intense e numerose quando subiva qualche emozione e specialmente dopo essere stato al cinema dove andava quasi tutte le sere per divagarsi dal male. Diceva anche di essersi accorto che questo si era iniziato una sera in cui aveva visto un film molto impressionante.

88All’esame obbiettivo si riscontrava deperimento organico e oligoemia; niente di notevole agli organi interni.

89La forza muscolare era ben conservata: si notava esagerazione dei riflessi tendinei, accentuazione dei superficiali e fini tremori alle mani facendo distendere le braccia in atto di chiusura.

90Le contrazioni muscolari erano piuttosto brusche, in forma di scosse; prendevano gruppi di muscoli delle spalle, del capo, faccia e delle altre parti del corpo saltuariamente. Con un po’ di sforzo il ragazzo cercava di frenarle compiendo dei movimenti volontari ma non ci riusciva.

  • 7 [Contrazione elementare, segmentaria o generalizzata dei muscoli del corpo. Può essere spontanea o (...)

91Per il loro carattere, i moti convulsivi, che riproducevano per lo più gesti automatici o riflessi abituali, parlavano per una mioclonia7 a forma di tic.

92Mentalmente non si notava nulla di patologico; non erano dati per ammettere una base isterica la quale, del resto, non può escludersi in tali casi.

93Certo che, con appropriata terapia e con l’assoluto riposo il giovane, allontanato da ogni causa d’emozione e di eccitamento nervoso in breve migliorò ed ora è del tutto guarito.

94Non è difficile, in questo caso, ricollegare la neuropatia alla ripetuta azione del cinema; s’intende che bisogna tener conto, come sempre, della predisposizione morbosa latente nell’organismo.

95Non che a questa predisposizione debba attribuirsi esclusivamente l’insorgenza di qualsiasi disturbo nervoso e mentale, ma essa acquista valore, specialmente poi se qualche tara gravi sul giovane, quando venga intempestivamente turbato il processo formativo dell’elemento nervoso.

96È difficile che nel ragazzo, anche sano di nervi, non si verifichi una reazione, sia pure leggiera, a stimoli che, come quelli dati dal cinema, ripetutamente arrivano ai centri nervosi e li bombardano, dice [Séverin] Abbatucci, come i colpi dei boxeurs colpiscono i loro avversari per metterli knock out.

97Sollecitato da questi ripetuti appelli che gli giungono attraverso le vie ottiche, il sistema nervoso, ancora lontano dalla sua definitiva formazione, risponde con manifestazioni che variano secondo il grado di sviluppo cui è giunto e che, talora, possono essere delle vere e proprie nevrosi come abbiamo visto per il nostro caso.

  • 8 [Cfr. Guglielmo Mondio, Il cinematografo nell’etiologia di malattie nervose e mentali sopratutto d (...)

98Io non dico che le forti sensazioni date dal film abbiano per risposta, in ogni ragazzo, una nevrosi o un’alterazione mentale – mezzo mondo allora sarebbe un manicomio – ma è certamente infinito e incalcolabile, come asserisce il Mondio8, il numero degli adolescenti che, a causa dello schermo luminoso, sono caduti nel nervosismo e nella neuropatia.

99Dal campo dei disturbi nervosi insensibilmente si passa a quello delle alterazioni mentali per la stretta correlazione che c’è tra i due ordini di fenomeni.

  • 9 [Cfr. Sante De Sanctis, Neuropsichiatria infantile. Patologia e diagnostica, Stock, Roma, 1925].

100Abbiamo visto come allo sviluppo psichico s’accompagni quello del sistema nervoso e come l’uno non possa pensarsi senza l’altro, abbiamo accennato a quella che è la crisi dell’adolescenza e che come scrive il De Sanctis nel suo magistrale libro di Neuropsichiatria infantile «avviene in mezzo al turbinio della crescenza fisica dei desideri e della febbre della fantasia»9.

101Sappiamo anche che in quest’epoca è più che mai sensibile l’azione dei vari fattori biologici sotto la cui influenza si svolge il processo di metamorfosi individuale.

102Tra questi diversi fattori due ve ne sono della maggiore importanza: l’eredità e l’ambiente.

103Prepara, il primo, con le sue leggi eterne, lo svolgimento della vita, l’altro ne determina le abitudini e gli atteggiamenti riflessi. Certamente è innegabile il gran valore del fattore ereditario ma non è, forse, meno importante l’influenza che viene esercitata dall’ambiente sullo sviluppo mentale del fanciullo. Per la legge dell’imitazione essa compie un’opera di suggestione continua e imprime, talora, sulla crescente anima, tracce più forti di quelle ereditarie. Determina correnti di nuove idee e di sentimenti nuovi, suscita tendenze, impulsi e desideri; plasma coi suoi buoni e cattivi esempi, coi suoi vari spettacoli emozionanti, con tutto il suo insieme, la nascente personalità del ragazzo.

104Egli, che trova nel cinema il pieno appagamento di tutte le sue aspirazioni, vi forma anche il suo futuro carattere orientandolo verso quella facile forma di vita che vede rappresentata sullo schermo. Non pensa, non si dà il fastidio di giudicare il possibile e l’assurdo, di riflettere sulla causa e l’effetto, di fare obbiezioni. Deboli sono ancora i suoi poteri di critica, né il cinema lo aiuta a svilupparli poiché gli si impone, senza lasciare il tempo di ragionare, di far giudizi sulla logica dei fatti riprodotti. Lo trascina in un mondo inverosimile dove tutto è combinato, è giudicato, dove gli avvenimenti precipitano con rapidità vertiginosa.

105La percezione del tempo sparisce in questa vita di illusioni, artificiale e standardizzata.

106È tutta un’erronea concezione da cui il ragazzo impara che il mondo nel quale egli dovrà vivere è come gli viene mostrato sullo schermo.

107È tutta una debilitante fantasmagoria attraverso cui si forma, più accentuato nei più predisposti, uno speciale stato d’animo che, domani, si troverà in aperto contrasto con la realtà di una vita assai differente. Di una vita che sarà tanto più difficile e ostile se l’educazione non giunge a rimediare in parte questa rovina dello spirito, a impedire che quel complesso artificioso e falso resti a formare la sintesi di tutta un’esistenza.

108Troppo spesso, del giovane che cambia l’illusione del film per un brano di vita vissuta, il cinematografo fa un essere antisociale, un esaltato, un allucinato.

109Se gravi, come vedemmo, sono gli effetti che l’influenza dello schermo produce sulla salute fisica e sul sistema nervoso dell’adolescente, assai più vasti e più interessanti sono quelli che riguardano la sua vita psichica. Vari e con diverse conseguenze secondo i diversi soggetti su cui opera; talora così leggieri da passare inosservati, talora più gravi da richiedere una seria attenzione, qualche volta gravissimi e tali da portare il soggetto alle tristi frontiere della pazzia.

  • 10 [Cfr. Nota 8].

110Scrive il prof. Mondio, in un suo pregiatissimo lavoro sull’argomento10 che, mentre i sintomi nervosi, il nervosismo e le neuropatie sono infinite e spesso sfuggono all’osservazione dello specialista, i fatti psichici, le psicopatie sono quelle che più facilmente attirano l’attenzione del psichiatra.

111L’impressione provocata dalle immagini cinematiche colpisce in modo diretto e profondo lo spirito del ragazzo; le molte figure che s’agitano esprimono una loro particolare emozione portata al parossismo che trova un’eco profonda nell’animo giovanile.

112Nell’adulto l’azione è piuttosto effimera poiché la conoscenza della vita, l’abitudine al godimento e al dolore impediscono che la reazione emotiva duri a lungo.

113Gli effetti sono dunque assai poco dannosi a meno che non si tratti di soggetti di speciale sentimentalità in cui il campo della coscienza può rimanere turbato per parecchio tempo.

114Ma ciò che è un’eccezione per l’adulto, è regola per il fanciullo nel quale la reazione è tanto più profonda quanto più prevale in lui la forza della suggestione. Di questa forza il cinema ne esercita molta. Quella mimica passionale che cerca di tradurre sul volto «fotogenico» dell’attore e dell’attrice i più forti sentimenti dell’animo umano, quei gesti che sono sempre gli stessi nella loro esagerazione, sono i mezzi con cui il cinema agisce profondamente nel campo dei fenomeni psicoriflessi. La ripetizione frequente di questi gesti e di questa mimica suscita, nello spirito del fanciullo, una tempesta che non sempre passa con lo svanire dell’immagine, ma spesso permane anche molto tempo dopo la proiezione.

115Quelle ombre continuano a vivere a lungo nella sua mente, egli le sogna, ne è ossessionato. Sono come fantasmi di un incubo che egli, però, può avvicinare alla sua vita perché ha potuto vederli col consenso di coloro che dovrebbero esercitare una tutela sopra di lui. Egli si dà completamente al dominio di quelle misteriose immagini, inafferrabili ma sempre presenti; dominio senza limite se si pensa che non tutte le impressioni come non tutte le esperienze, sensoriali e motrici, si fissano nel campo della coscienza ma che la maggior parte rimane nel vastissimo campo del subcosciente.

116Ebbene, in questa grande zona, dove ferve un lavorio altrettanto importante per quanto misterioso, il cinema ha dei riflessi e crea dei pensieri di cui non possiamo arrivare a cogliere tutto il valore. Esso lascia, negli oscuri substrati di un animo di fanciullo, una sua traccia che non si cancellerà ma che affiorerà, più tardi, nelle manifestazioni della vita, con una parola od un gesto del tutto inattesi, per una specie d’impulso automatico.

117Sta in questa, direi, suggestione a distanza, naturalmente più forte nei ragazzi meno evoluti, un gravissimo pericolo cui il cinema può dare origine.

118La moderna e tanto discussa teoria della psicoanalisi, elaborata da Freud, ci dice quanta importanza abbia il subcosciente, fin dall’età infantile, per la vita futura.

119Non è qui il caso di entrare nei particolari di questa notissima dottrina che, se annette un valore troppo esclusivo ai «complessi ideo affettivi motori» dell’infanzia e se contiene delle esagerazioni, ha anche una buona parte di verità che non bisogna dimenticare. Poiché essa mostra quale valore abbia, nel determinismo del futuro carattere, l’istinto sessuale che Freud illustra col termine di libido e che si affaccia dalla subscoscienza del fanciullo con un complesso tutto particolare di esperienze, di sensazioni e d’immagini.

120A questo stato incerto di orientamento psicosessuale il cinema porta dei ripetuti stimoli che sono molto dannosi sia nel periodo prepubere che in quello della pubertà.

121Nel bambino, in cui l’istinto non è ancora spuntato all’orizzonte della coscienza, la visione erotica può anche non provocare alcuna reazione emotiva ma l’impressione suscitata si deposita nel subscosciente per riapparire domani, con l’interna inquietudine di un confuso ricordo.

122Nel giovane, attirato verso il cinema dal motivo sessuale, il danno è più diretto. La sensazione che, attraverso la vista, arriva ai centri nervosi, provoca delle emozioni erotiche le quali vengono esaltate dall’oscurità dell’ambiente, dalla promiscuità dei sessi, dalla musica che rende più affascinanti le scene passionali proiettate sullo schermo.

123Questo precoce eccitamento dei sensi che il cinema, più di ogni altro mezzo di divertimento, è solito provocare, ha conseguenze molto dannose per il ragazzo; la sua coscienza è turbata dalla preoccupazione sessuale che influisce sull’umore, deprimendolo, e sull’attenzione che viene distratta dalle faccende ordinarie; lo studio è reso penoso, così i lavori abituali che sono eseguiti con svogliatezza e torpore. Invece il desiderio sessuale è vivace e, alla sua volta, spinge il ragazzo verso la ricerca di nuovi stimoli e di nuove emozioni. Né sempre l’educazione potrà portare un rimedio al danno che ne deriva.

124L’effetto intenso e profondo che tutto questo insieme produce sulla psicologia dell’adolescente giustifica il posto che il cinematografo ha assunto tra le cause di malattie nervose e mentali.

  • 11 [Cfr. Giuseppe D’Abundo, Sopra alcuni particolari effetti delle proiezioni cinematografiche nei ne (...)
  • 12 [Cfr. Mario Umberto Masini, Giuseppe Vidoni, Il cinematografo nel campo delle malattie mentali e d (...)
  • 13 [Cfr. Henri Hoven, Sur l’étiologie des maladies mentales. Influence du cinématographe, «Bulletin d (...)

125Già nel 1911 il D’Abundo11, quattro anni dopo, Masini e Vidoni12, facevano notare le conseguenze dello schermo sulla vita psichica dell’umanità e particolarmente dei giovani e Hoven richiamava l’attenzione su L’influence du cinématographe sur l’étiologie des maladies mentales13.

  • 14 [Cfr. Giuseppe Guadagnini, La censura degli spettacoli cinematografici, [Ministero dell’Interno], (...)
  • 15 [Cfr. Bortolo Belotti, La questione del cinematografo, «La Nuova Antologia», 196, 1 agosto 1918].
  • 16 [Cfr. Piero Pesce Maineri, I pericoli sociali del cinematografo, Lattes, Genova-Torino, 1922].

126Guadagnini14, Belotti15, Pesce Maineri16 e parecchi altri si sono successivamente occupati ed hanno insistito da tempo su questo problema che oggi non è ancora risolto.

127Il Mondio, nel già citato studio sul Cinematografo nell’etiologia di malattie nervose e mentali sopratutto dell’età giovanile descrive, a convalida delle sue asserzioni, parecchi casi di «psicosi da cinematografo». Così egli la chiama, intendendo, per essa, una sindrome mentale che si manifesta, quasi sempre, acutamente e con imponenza e varietà di sintomi tra cui prevalgono numerosi disturbi psico-sensoriali, specialmente visivi, che dipendono da scene cinematografiche già viste, idee deliranti, sopratutto erotiche e fantastiche, stati d’ansia, agitazione psicomotoria più o meno violenta, tendenza alla fuga, oppure stati catatonici o convulsivi. Fausta sarebbe la prognosi di tali forme e piuttosto corta la loro durata. Ma possono aversi conseguenze molto più gravi quando le scene luminose che compaiono dinanzi agli occhi del soggetto si ripetono di continuo, ora variabili e mobili, ora fisse e ossessive, e le linee deliranti sconvolgono il campo della coscienza per un più lungo tempo poiché hanno trovato terreno favorevole al loro impianto.

128Su di un fondo costituzionale tendente alla psicopatia l’azione dannosa del cinema può agire da causa determinante per lo sviluppo di una malattia mentale che si protrae molto più a lungo di quanto si sia potuto credere in principio.

129Nel settembre del 1929 entrò nel nostro Ospedale un giovane di Terni, certo Tullio At. di sedici anni, impiegato. Dal padre che lo accompagnava apprendemmo che il ragazzo aveva avuto sviluppo somatico e psichico normale, che a dodici anni era stato colpito da polmonite ma poi non aveva sofferto altre gravi malattie né aveva manifestato mai gravi disturbi nervosi; solo, qualche volta s’era mostrato irascibile e taciturno, da bambino aveva sofferto di pavor nocturnus, non molto accentuato.

130Finiti gli studi, s’era occupato, come contabile, in una ditta e aveva sempre condotto una vita abbastanza regolare. Era però un appassionato frequentatore del cinema dove si recava ogni sera specialmente nei mesi precedenti l’inizio della malattia. Sembra che questa fosse cominciata al principio dell’agosto con delle allucinazioni uditive e visive. Il ragazzo, tornando a casa dopo lo spettacolo, diceva di veder sulle pareti della camera i personaggi visti nel film, talora ne sentiva anche le parole. Queste allucinazioni, in principio rare, si fecero sempre più frequenti, disturbando molto l’At. che cominciò a modificare il suo contegno mostrandosi meno diligente al lavoro, taciturno e appartato, talora irascibile per futili motivi, spesso stravagante negli atti e nelle conversazioni. La notte riposava pochissimo e si abbandonava a sfrenati abusi sessuali. Era anche deperito fisicamente. Frequentava come sempre il cinema né i genitori riuscirono a impedirgli di andarci; le allucinazioni si fecero ancora più gravi e divennero continue. Il paziente diceva che le voci gli comandavano di fare gli stessi atti che vedeva svolgersi sulle pareti della stanza, per due volte aveva tentato il suicidio gridando che così gli era imposto.

131Il padre dell’At. affermava che nessuno della famiglia aveva mai sofferto di malattie nervose e mentali tranne l’avo materno del ragazzo che era epilettico; in nessuno di essi risultava l’infezione luetica e l’alcoolismo.

132Trascrivo dalla cartella clinica il diario del 25 settembre:

All’interrogatorio, il paziente dà esatte le sue generalità; è un po’ disorientato nei riguardi del tempo e del luogo, ma sa di trovarsi in un ospedale dove il padre l’ha lasciato per farlo curare da specialisti. Circa le cause della malattia egli dice che da parecchi mesi soffre di visioni e di voci che lo disturbano continuamente. Le prime volte vedeva soltanto delle figure confuse e come velate, specialmente la notte, tornando dal cinema dove andava tutte le sere perché gli piaceva molto. Dice che, alla fine dello spettacolo, sentiva la testa molto confusa, ronzio alle orecchie e un malessere strano che durava tutta la notte. Lamattina si svegliava stanco e non aveva la forza di recarsi allavoro. Il sonno era sempre agitato e spesso si svegliava di soprassalto sentendosi chiamare.
In seguito le visioni si sono fatte molto più frequenti; egli le descrive benissimo: «Appena ero in camera mia vedevo, anche con la luce elettrica accesa, che un angolo [o] tutta una parete della stanza s’era illuminata, non so come, e c’erano le persone che avevo visto nella pellicola la sera stessa o le sere precedenti. Qualche volta erano figure fisse che mi guardavano in modo impressionante, altre volte si muovevano e si mettevano a fare gli stessi gesti del film; per lo più scene d’amore. In questi ultimi giorni non mi hanno lasciato un momento in pace, mi chiamano, mi comandano di fare i gesti che fanno loro. Un giorno mi dissero di aprire una finestra, e di buttarmi sulla strada, ma mentre lo stavo per fare una di quelle figure mi disse fermati! Ho provato a dormire in un’altra camera ma le figure mi seguono sempre, qualche volta sorridono, si mettono a cantare; io sento la musica dell’orchestra, allora non mi fanno paura. Papà mi dice che io sono allucinato e che, se seguito ad andare al cinematografo, mi fa mettere al manicomio, ma non è vero. Certo che non riesco a capire dove è nascosta la macchina; forse è un apparecchio con le onde radiocinetiche».

133La narrazione seguita a lungo col racconto di molti episodi di questo... cinema gratuito. Essi sono vari e per lo più consistono in scene d’amore che lo turbano assai, qualche volta di brigantaggio; spesso sono insignificanti. L’At.. nomina qualcuno degli attori che agiscono in queste visioni luminose e descrive ad esempio molto bene le sofferenze della lotta interna quando le voci domandano di compiere atti di cui riconosce la gravità.

Delle volte mi dicono di uccidere quelli di casa mia, ma io non lo faccio perché voglio bene a loro e una notte presi il martello e lo buttai contro un uomo che mi diceva di prendere a martellate mio fratello Aldo.

134Il malato dice che le visioni e le voci seguitano anche qui in Ospedale e, benché non sia stato più al cinema da parecchi giorni, pure vede spessissimo i personaggi dei films cui assisteva.

135L’At... afferma di essere modico bevitore, poiché beve soltanto un quarto di vino al giorno, né si è mai ubriacato. Dice di fumare un pacchetto di Macedonia al giorno, raramente di più. Afferma di non aver sofferto alcuna malattia venerea: confessa però di essere forte masturbatore, specialmente da quando frequenta il cinema.

136Durante l’interrogatorio il paziente è stato abbastanza calmo, risponde a quasi tutte le domande che gli rivolgo, ma spesso interrompe il discorso, guarda le pareti o il soffitto e si mette in ascolto di qualche voce di cui cerca capire il significato.

137La faccia è animata da frequenti smorfie, ora contrae i muscoli pettorali, ora spalanca la bocca e gli occhi o solleva le sopracciglia e corruga la fronte.

138All’esame neurologico si nota che i riflessi, specialmente i tendinei, sono accentuati; niente altro di rilevante.

139Non ci sono speciali note antropologiche degenerative.

140Alle solite prove farmaco-dinamiche risulta spiccata vagotonia.

141La reazione di Wassermann è negativa nel liquor e nel siero di sangue.

142Fisicamente è alquanto deperito.

143Nei primi tempi della sua degenza in ospedale il contegno del paziente è rimasto pressoché invariato. Le allucinazioni sono continuate, benché meno frequenti, rendendolo spesso molto eccitato e impulsivo.

144Attualmente passa le giornate senza far nulla, manifesta frequenti idee deliranti come quella di essere sotto l’influsso delle onde radiocinetiche con cui gli attori delle sue visioni luminose gli rubano il pensiero. Allora diventa irrequieto e disordinato si ribella agli infermieri e non vuole né mangiare né andare a dormire. Nei periodi di tranquillità si mette a fare dei disegni, a giocare con dei sassolini o chiede dei libri di cui legge solo le prime pagine e senza prendervi alcun interesse. Ogni tanto domanda se lo rimandiamo a casa ma, quando i genitori lo vengono a trovare, mostra la più completa indifferenza.

145Per il complesso dei sintomi che presenta, il caso descritto mi pare alquanto interessante.

146Iniziato con disturbi psicosensoriali piuttosto gravi, con agitazione psicomotoria, confusione mentale e idee deliranti, si sono aggiunti in seguito altri fenomeni quali la catatonia rappresentata sopratutto dalla immobilità e dal negativismo, manierismi, stereotipie, impulsi, segni di puerilismo, ottusità affettiva.

147In questi mesi di degenza in ospedale non vi è avuto dunque alcun miglioramento, anzi la forma allucinatoria acuta, con cui il male s’era iniziato, è andata sempre più assumendo la figura di quella sindrome che i moderni autori chiamano schizofrenia e che Kraepelin descrisse sotto il nome di demenza precoce.

148Meno grave di questo ma, forse, non meno interessante, mi pare il caso di un certo Mario T. di Perugia, operaio.

149I genitori sono viventi e sani e non hanno mai sofferto malattie nervose e mentali; dei parenti, uno zio paterno s’è ucciso per nevrastenia.

150T., nato e vissuto in campagna fino all’età di tredici anni, non aveva mai avuto gravi malattie, era un po’violento, impulsivo, bugiardo e, spesso, si mostrava anche crudele, specialmente verso gli animali. Nel 1924 s’era recato con i genitori in Francia, dove, due anni dopo, s’impiegò in un cinema di Villerupt. Prima di allora non aveva mai visto un film; il nuovo impiego gli permise di godere ogni sera questo divertimento che lo entusiasmò assai. Ne fu sempre più attratto tanto da non pensare e non parlare d’altro che dei films visti; per quasi un anno seguitò a passare al cinema tutte le sue serate. Fu dopo parecchio tempo, circa verso l’estate del 1927, che i parenti notarono uno strano cambiamento nel carattere del ragazzo. Da buono e tranquillo che era, egli s’andava facendo, come racconta il fratello maggiore che seguì lo svolgimento della malattia, sempre più stravagante, svogliato al lavoro, spesso violento e irascibile con ì familiari. Li maltrattava dicendo che era gente volgare mentre lui si sentiva signore, probabilmente era figlio di un nobile che un giorno l’avrebbe riconosciuto e lasciato erede del nome e delle ricchezze come aveva visto accadere molte volte nei films.

151Si era anche dato a bere liquori, a fumare smoderatamente e a masturbarsi spesso. I genitori cercarono di distoglierlo da questa vita e dalle sue idee dimostrandogliene tutta l’assurdità; insistettero anche perché lasciasse il posto che occupava e si mettesse a riposo. Il T. seguitò a frequentare, con la solita assiduità, gli spettacoli cinematografici e dichiarò, anzi, di volere andarsene a Parigi per trovare un’occupazione degna di lui. Infatti verso la fine del novembre, con duecento lire rubate, se ne andò da casa, ma una settimana dopo i familiari furono avvertiti dalla Polizia che il ragazzo era stato internato in Manicomio avendo dato segni evidenti di squilibrio mentale.

152Nel febbraio 1928 il T. fu trasferito nel nostro Ospedale Psichiatrico con diagnosi di delirio paranoide allucinatorio. Al suo ingresso mostrava un contegno strano e diffidente, era piuttosto taciturno e appartato ma bene orientato nei riguardi del tempo e del luogo. Dal fratello che lo accompagnava avemmo le notizie sopra riferite, egli disse anche di averlo voluto riportare in Italia sperando nella guarigione.

153Trascrivo una parte dell’interrogatorio eseguito il giorno 20 febbraio:

Riguardo alle cause del suo internamento, il P. dice che non sa affatto spiegarsele e crede alle malevolenze di persone invidiose di lui essendo egli un futuro grande artista del cinema. Anche la sua famiglia è colpevole d’avergli arrestata la carriera ma si consola pensando che molti celebri attori di oggi hanno sofferto come lui. Ricorda benissimo che tre mesi fa è fuggito da Villerupt per andare a Parigi senza essere però ben sicuro di quello che doveva fare. Ma le guardie anche esse gelose dellasua futura gloria lo arrestarono; di quei giorni egli ha un ricordo molto confuso. Dice che sentiva sempre male alla testa e delle voci incomprensibili e vedeva spesso fantasmi avanti agli occhi. Altre volte aveva avuto queste visioni, specialmente quando era a casa, ed erano sempre figure e fatti cui aveva assistito al cinema. Non aveva parlato ad alcuno di tutto ciò perché lagente malevola avrebbe potuto ostacolarlo anche di più nei suoi propositi. Però in questi ultimi tempi sembra che le allucinazioni siano diventate molto più rare; il ragazzo dice che adesso si sente meglio e che dobbiamo mandarlo via per poter «vivere la sua vita».
Durante l’interrogatorio si è mantenuto irrequieto, guardandosi attorno con aria sospettosa, talora rifiutandosi di rispondere a qualche domanda, talora rispondendo con frasi evidentemente lette al cinema. Si nota un leggero grado di deficienza delle facoltà mentali, non manierismi O stereotipie. La reazione emotiva, a volte, è piuttosto violenta.
All’esame neurologico si trovano fini tremori in tutta la persona, più evidenti a braccia protese. I riflessi sono in genere accentuati, specialmente i profondi. C’è anche qualche nota antropologica degenerativa poiché il cranio è leggermente plagiocefalico e gli arti superiori piuttosto lunghi. Fisicamente è in discrete condizioni.

154Il contegno del P., nei primi mesi di degenza in ospedale, rimase immutato. Egli passava le giornate solitario e taciturno chiedendo spesso dei romanzi e leggendoli con avidità. Ogni tanto tornava sulle sue idee ma con sempre minore insistenza. I disturbi psicosensoriali erano molto più rari; poi scomparvero del tutto. Verso il maggio del 1928 le condizioni del T, subirono un notevole miglioramento; egli ormai riconosceva bene la falsità del suo delirio; era socievole, tranquillo e chiedeva d’essere rimandato presso i suoi.

155Fu dimesso a richiesta della famiglia nel giugno del 1928, in buone condizioni mentali; è tornato in Francia e non so se abbia più avuto alcun disturbo.

156Si trattava qui di una di quelle forme paranoidi che simulano la guarigione ricadendo però, dopo un tempo più o meno lungo, o era invece qualche altra forma meno grave e ora veramente guarita? O non si poteva piuttosto pensare anche, come appariva da certe notizie anamnestiche e da qualche nota somatica del soggetto, di essere nel campo della criminalità i cui confini si confondono tanto spesso con quelli della pazzia?

157Non è il caso di fare, in un lavoro come questo, delle discussioni diagnostiche differenziali. Torneremo più tardi all’esame di queste due psicosi che ho ricordate per far notare l’importanza che il cinema ebbe nella loro insorgenza.

158Un altro caso, capitato sotto la mia osservazione, è quello di un ragazzo di 14 anni, Gustavo B., di Foligno, studente di ginnasio.

159I1 padre del B. è un forte bevitore, la madre è robusta e sana; uno zio paterno, alcoolista, è ricoverato nel nostro Ospedale Psichiatrico. Il ragazzo ha avuto sviluppo normale e non ha mai sofferto di gravi malattie. È intelligente e molto studioso. Di temperamento piuttosto melanconico, non prende parte ai divertimenti dei ragazzi della sua età rimanendo per lo più appartato e taciturno. A 10 anni fu messo in collegio ove è stato fino alla licenza ginnasiale. Tornato in famiglia nel luglio passato, il ragazzo si mise a frequentare assiduamente il cinema riportando però, fin dai primi giorni, come egli stesso racconta, un’impressione strana di questo divertimento che lo attraeva molto ma che lo rendeva anche più triste e turbato.

Già fin da bambino – egli ricorda – quando andavo al cinematografo con mia madre, provavo lo stesso indefinibile malessere interno. Il più delle volte non avevo capito nulla dell’intreccio del film, ma i vari episodi mi rimanevano stranamente impressi nella coscienza e ci pensavo sopra giorni e giorni. A volte era il viso di un personaggio, a volte uno scenario fantastico che mi si fissavano in mente con insistenza ossessionante. Non avevo che sei o sette anni quando, avendo visto un film che rappresentava la resurrezione di un bambino che era stato ucciso, mi misi in testa di ammazzare un mio cuginetto per vedere se risuscitava. Lo colpii con un coltello da cucina ma, appena fatta una scalfittura, fuggii alla vista del sangue. Avrò avuto 8 anni quella volta che decisi di suicidarmi insieme ad una mia piccola vicina di casa gettandoci sotto il treno come avevamo visto nel film; poi non ci decidemmo più. In genere, e questo fin verso i 10 anni, dopo essere stato al cinema, invece di dormire, rimanevo in un dormiveglia agitato pensando che tutte quelle figure misteriose mi seguissero e stessero intorno a me. La paura me le faceva anche vedere come ombre aggirantesi per la stanza, ma non raccontavo nulla per timore che mi gridassero.
Entrato in Collegio, non ho più visto, per quattro anni, altro che rare film patriottiche o istruttive e non ho avuto più nessun disturbo di nervi.

160Ritornato dunque a frequentare il cinema, il B. tornò anche a provare la strana inquietudine che aveva sentito fin da bambino e che non aveva mai del tutto dimenticata.

Un senso di paura che, mentre mi respingeva, dandomi come un malessere indefinibile, mi attirava anche per una specie di impulso più forte della mia volontà. Tornai ad aver timore dei fantasmi, a non dormire più la notte che a intervalli e con sogni paurosi; soffrivo molto ma non volevo dirlo a nessuno.

161Questo stato penoso durò per qualche mese e il ragazzo cominciò ad avere anche delle allucinazioni uditive e visive, determinate probabilmente dallo stato di ansiosa attesa in cui si trovava.

162Poi, verso la fine del settembre, le condizioni del B., come narra la madre, si aggravarono notevolmente; fu obbligato al riposo a letto per intenso malessere generale ed egli rimase per più giorni in preda a frequenti allucinazioni, ad agitazione psicomotoria, a disorientamento, insonnia e sitofobia. Poi divenne molto eccitato, gridava, rompeva oggetti e tentava farsi del male.

163Dopo tre o quattro giorni andò gradatamente calmandosi; i disturbi psicosensoriali scomparvero ed egli si rimise del tutto. Da allora non è più tornato al cinema per il quale adesso prova una vera e propria ripugnanza.

  • 17 [Complesso di sensazioni, indeterminato, continuo e uniforme, proveniente da tutte le parti dell’o (...)

164Nel ragazzo, che descrive con molta esattezza i sintomi della sua passata malattia, chiaramente si scorge il fondo psicastenico con l’alterazione di quella sintesi delle sensazioni organiche cui mettono capo tutte le emozioni e che è la cenestesi17.

165Evidenti sono i disturbi del tono nutritivo generale, del sistema simpatico-endocrino, molto chiari risultano dall’anamnesi quelli della sfera volitiva, gli impulsi, le fobie episodiche, l’enorme suggestività, insieme, però ad una intelligenza molto vivace che esclude ogni forma di insufficienza mentale.

166E forse non manca, come certi sintomi farebbero pensare, anche la complicazione dell’isterismo, cosa che accade assai di frequente in queste forme di psicastenia.

167I rapporti tra il cinema e l’isterismo, la più frequente e la più antipatica delle psiconeurosi funzionali, sono state fino ad oggi assai poco studiate. Bisogna invece valutarli in tutta la loro importanza che è maggiore di quanto si creda; bisogna ricordare il grande valore etiologico che, oltre l’eredità, hanno l’educazione e l’ambiente nella formazione del carattere isterico.

168Come tutto ciò che nella vita tende a rallentare il contatto con la realtà, ad esaltare i sensi e la fantasia e favorire una struttura mentale labile e poco resistente, anche il cinema può concorrere alla genesi dell’isterismo.

169Vanno, come è noto, più facilmente soggette a questa malattia le nature fantastiche e sognanti, avide di contrasti e di paradossi, che si nutrono di emozioni e finiscono per non sapersi più adattare alla realtà della vita. La loro evoluzione psichica è imperfetta, spiccata invece la suggestibilità, l’impressionabilità, l’istrionismo, alterato l’ambito sessuale, ipertrofico l’elemento emotivo.

170Questa base, di cui l’eredità prepara i primi strati, non potrebbe essere, mi sembra, più favorevole all’azione del cinema il quale aggrava in misura più o meno forte quella proprietà che la costituzione isteroide possiede «di esagerare o di modificare le reazioni psicofisiologiche normali sotto la dipendenza dell’emotività» ([Ernst] Blum).

171Nella maggior parte delle nevrosi e psicosi da cinematografo, sopratutto, s’intende, in quelle del sesso femminile, non manca il fattore isteroide nella genesi della malattia.

172Nei pochi casi che ho ricordati e in numerosi altri che tralascio perché assai meno importanti, ho trovato quasi sempre questo elemento, più o meno rintracciabile attraverso i sintomi clinici o l’anamnesi familiare e personale.

173Molto evidente nel caso di certa S. E., dove, oltre che di un temperamento isteroide, poteva parlarsi anche di una complicazione isteropsicopatica, esso fu il substrato su cui si delineò una vera e propria psicosi isterica.

174Per quanto capitato alla mia osservazione solo più tardi, lo riferisco brevemente quale mi venne narrato dai parenti della ragazza e confermato dal medico che la curò, perché mi sembra alquanto interessante.

175Figlia di un uomo morto a quarantacinque anni per tubercolosi polmonare e gracile essa stessa, la E. si mostrò, fin da bambina, timida e suggestibile, molto facile alle emozioni e a qualche sentimento d’invidia, d’ambizione e di gelosia. Sviluppata regolarmente, non ha mai sofferto gravi malattie; però, verso l’epoca della pubertà, cominciò ad esser molto più irrequieta, volubile e strana e, col crescere degli anni, ha mostrato un carattere debolissimo e al tempo stesso dominatore tanto da imporsi alla propria famiglia, leggere fobie come quelle per gli animali domestici, qualche idea ossessiva, spiccata tendenza alla menzogna.

176La madre non si preoccupò in modo eccessivo di queste manifestazioni, ma la portò con sé a tutti i divertimenti della grande città dove si trovavano e specialmente al cinema di cui la ragazza si mostrò sempre più appassionata tanto da preferirlo a qualsiasi altro spettacolo. Era l’epoca delle attrici dai tragici gesti e la E. si mise a copiarli, a passare delle ore davanti allo specchio per riprodurli. Nello stesso tempo, però s’impressionava anche molto dei film cui assisteva e la notte balzava spesso dal letto urlando e gridando che le pareva di trovarsi nelle misteriose località viste al cinema.

177Una volta, dopo la rappresentazione di un film della rivoluzione francese, rimase molto turbata e per molte sere di seguito chiudeva accuratamente porte e finestre temendo un’ipotetica rivoluzione.

178Cefalea costante, frequenti insonnie, disturbi nervosi come cardiopalmi e parestesie moleste in tutta la persona, allucinazioni elementari, furono i sintomi che la ragazza cominciò ad accusare senza però smettere l’assidua frequenza del cinema.

179Nel marzo del 1925 la E., che aveva allora 16 anni, consultò un oculista perché dice che vedeva doppio e spesso le persone le sembravano molto più grandi del normale. Il reperto del fondo dell’occhio fu negativo, ma il campo visivo era alquanto ristretto. Tali disturbi scomparvero presto per riapparire qualche mese dopo più gravi di prima e accompagnati a forte malessere generale e ad eccessi convulsivi piuttosto frequenti. In queste convulsioni la ragazza non perdeva mai del tutto la coscienza che rimaneva soltanto obnubilata; dopo l’accesso essa diceva d’essere vissuta in un’altra vita, nella sua vera vita. Rimaneva estatica per delle ore nelle più strane pose passionali, dicendo di sentire una musica divina; parlava con personaggi invisibili assumendo un’aria misteriosa e mormorando parole d’amore, quasi tutte frasi lette nelle didascalie dei films.

180A volte diceva di dover eseguire una parte che le era stata assegnata e per qualche giorno usava strani travestimenti o voleva andare addirittura nuda perché così esigeva la scena. Spesso le allucinazioni erano molto violente, unite a sovraeccitamento confusionale e ad idee deliranti specialmente a contenuto erotico. Queste erano informate sempre a scene cinematografiche già viste, non solo in tempi più o meno recenti ma anche a quelle cui aveva assistito da bambina, in tempi molto lontani, e che erano già dimenticate del tutto anche dalla madre che pure le aveva viste.

181L’esaltamento psichico la portava ora a rumorose manifestazioni di gioia, ora a prolungate e disperate crisi di pianto, ora a scene di violenza, anche gravi, contro i familiari. I quali la misero in una casa di salute ove tutto il corteo dei sintomi durò per un mese circa poi scomparve rapidamente con adatta psicoterapia suggestiva.

182La E. si coniugò a 19 anni ed ha avuto un figlio che è sano è robusto. Non ha più sofferto dei disturbi sopra descritti benché, anche in seguito, abbia dato qualche volta segni evidenti, ma non gravi, di psicopatia. Va al cinema assai di rado e dice di non provare più l’emozione di un tempo.

183Caso questo, in cui, pur restando immutato il fondo isteropsicopatico, può parlarsi di una vera e propria guarigione; esito non raro a riscontrarsi tra le polimorfe manifestazioni delle psicosi isteriche.

184Perturbamenti nervosi che vanno dal cardiopalmo e da un nervosismo quasi inavvertito agli spasmi muscolari, tremori, mioclonie, convulsioni; alterazioni del carattere, della condotta, emotività esagerata, suggestibilità, istrionismo, risveglio precoce dell’istinto sessuale, abusi d’ogni genere, tendenze impulsive, criminalità; disturbi psicosensoriali quasi sempre numerosi e imponenti, idee deliranti gravi e polimorfe, stati d’ansia, di confusione mentale, d’agitazione: questo, riassumendo, è ciò che abbiamo trovato nei cinque casi sopra descritti.

185E non solo in essi, ma anche, sia pure con minore evidenza, nei molti altri passati, in questi ultimi anni, sotto la mia osservazione o riportati dalla letteratura sull’argomento: bambini delle classi elementari e studenti delle scuole medie inferiori e superiori, giovani operai di diversi mestieri, bambine e giovanette di opifici e di laboratori, impiegati, adolescenti tutti in cui il cinema trovò un sistema nervoso debole e in via di formazione e agì da ripetuto trauma psichico provocando esplosioni, nevrotiche o psicopatiche.

186Ai casi da altri descritti possono dunque ricollegarsi anche queste mie «psicosi da cinematografo» alcune delle quali, però, oltre la solita sintomatologia, presentano un decorso e delle particolarità, mi si permetta di dire, d’eccezione.

187Così nel secondo dei casi, quello di At., in cui la forma morbosa, che dura da parecchi mesi, è andata sempre più orientandosi verso la sindrome schizofrenica.

188Sarebbe, questa, ugualmente insorta anche senza il concorso del fattore esterno o la vita psichica del ragazzo si sarebbe, invece, svolta tranquilla e senza incidenti se non avesse avuto questa provocazione nel momento più critico della sua esistenza? Non possiamo affermare o negare alcuna delle due ipotesi. Ma non è forse ingiusto il credere che quello che era, per dirla alla Bleuler, il temperamento schizoide del soggetto, sarebbe rimasto tale, senza degenerare nella forma schizofrenica, se non fossero sopravvenute le cause che vedemmo.

189Nell’osservazione di Gustavo T. il campo del paranoidismo si confonde, in parte, con quello della criminalità e la predisposizione morbosa è più evidente per l’anamnesi familiare e personale.

190Ma, anche qui, essa sola non sarebbe forse bastata poiché molto spesso vediamo che la mancanza d’un coefficiente esogeno lascia latenti a lungo simili forme le quali prendono soltanto aspetto di una anomalia generica e innocua. Fu di certo l’avvenimento esterno a offrire il tema e a plasmare, di conseguenza, i sintomi particolari del caso.

191E questo si può ripetere anche per tutti gli altri ma più specialmente per i due ultimi dove la psicastenia e l’isterismo rappresentavano un ottimo substrato morboso.

192Come, in genere, per ogni malattia nervosa e mentale, cooperarono dunque anche qui, fattori interni predisponenti e fattori esterni d’occasione, rappresentati, questi, dalla notevole, innegabile influenza del cinema.

193Gli ammalati e i loro parenti denunciano le emozioni cinematografiche come causa del male e infatti vediamo che le allucinazioni e le idee deliranti, presentate dagl’infermi traggono materia da films cui essi hanno assistito in tempi recenti e lontani.

194E un risveglio tale delle immagini che esse vengono proiettate al di fuori come vere percezioni attuali e il malato le vede con una terribile parvenza di realtà come se fossero veramente esistenti.

195Compaiono spesso anche le allucinazioni uditive, talora anche quelle olfattive e tattili, ma le più frequenti sono le visive e le uditive perché ad essere più colpiti sono appunto i rispettivi centri sensoriali.

196Il significato attribuito a questi centri, come già accennai, di formazione e di conservazione delle immagini, avvalora l’ipotesi che in essi abbiano origine le allucinazioni provocate da anormali e prolungati stimoli degli apparati nervosi periferici.

197Il delirio polimorfo e talora ben sistematizzato, che prende origine da questi disturbi psicosensoriali e ne assume anche il colorito, è tratto dai complessi ideo-emotivi già selezionati e posti nel vasto deposito dell’incosciente. Indeboliti i poteri mentali, essi tornano ad occupare il campo della coscienza acquistando una singolare forza invadente e suggestiva.

198Ne segue sconvolgimento profondo della personalità che si trasforma o addirittura si disgrega.

199La reazione del malato è varia, ora cade in uno stato di agitazione psicomotoria, più o meno violenta, secondo l’intensità e il contenuto delle allucinazioni, ora diviene ansioso e impulsivo o rimane a lungo confuso e come soggiogato dalle impressioni che prova.

200Le allucinazioni e il delirio, nei nostri casi, sono in prevalenza a contenuto erotico e ciò dimostra quanto l’elemento sessuale entri in queste psicosi. La reazione psicosessuale è infatti una delle manifestazioni più frequenti; al principio della malattia, come, ad esempio, nel secondo dei casi descritti, notiamo una masturbazione spesso sfrenata. La nociva abitudine, causata dall’emozione sessuale di cui il cinema fu la sorgente, lascia, a sua volta, nel perturbato e indebolito organismo, desiderio di nuove emozioni sessuali. È così un circolo vizioso per cui l’eccitamento s’aggrava di più portando a una decadenza tale del corpo e dello spirito da cooperare efficacemente all’insorgenza della malattia.

201Centro di tutte le pellicole come unica e raggiungibile concezione di vita, il lato sensuale è quello che colpisce di più la fantasia e più rimane impresso nella memoria e sono le scene d’amore quelle che compaiono, più spesso delle altre, agli occhi dell’allucinato e informano le sue parole e i suoi lunghi vaniloqui.

202Notevole è infatti, in parecchi soggetti, la ripetizione frequente di frasi prese dalle didascalie dei films, in genere frasi d’amore; essi stessi ne rimangono meravigliati poiché non ricordano quando e dove le abbiano lette.

203Nell’ultimo dei casi riferiti questo fatto è molto evidente; io l’ho osservato frequentissimo in un’altra ragazza a marcato carattere isteroide. In certi periodi la sua coscienza rimane alquanto confusa e l’ammalata comincia ad assumere un linguaggio del tutto speciale parlando di sé in terza persona, come sdoppiandosi in un’altra personalità. Le frasi che esprime sono quasi sempre quelle lette in qualche pellicola. Quando torna in piena coscienza essa dice di non ricordare bene ciò che ha detto perché «si sentiva insonnolita». Non ha mai avuto disturbi psicosensoriali.

204Però, molto più frequente che la ripetizione delle parole, è, nei soggetti, la ripetizione dei gesti visti sullo schermo. Fenomeno che si verifica specialmente quando, alterati i poteri di volontà e di controllo, per lo sconvolgimento avvenuto nel campo della coscienza o non essendo essi ancora sviluppati nel soggetto, questi diviene preda della più spiccata suggestibilità fino a un vero e proprio automatismo.

205Così osserviamo nei nostri e in parecchi altri casi dove si nota che il gesto torna improvviso in un critico momento d’incoscienza o che, ritenuto e premeditato, viene ripetuto in modo ossessivo.

206Troviamo tentativi di suicidio e d’omicidio, a volte sotto l’impressione di una scena che ha profondamente commosso, a volte sotto l’impulso di qualche allucinazione imperativa; oppure coreografici atteggiamenti d’isterismo ispirati alle scene passionali del film o complicate azioni che ripetono la fuga, il furto e la violenza. Il gesto s’impone alla personalità malata e la trasforma al punto che il soggetto arriva a parlare di sé stesso come di un altro che egli abbia visto agire in sua vece.

207Dove questa forza della suggestione in modo più profondo colpisce lo spirito dell’adolescente che la riflette poi nella propria vita è nel campo della criminalità. Risvegliando tendenze latenti essa lo conduce a volte verso quell’indebolimento morale che è succedaneo o avviamento al crimine o addirittura verso l’azione delittuosa.

208Non è il caso, né io ho l’intenzione, di insistere sull’influenza del cinema sopra la criminalità giovanile.

  • 18 [Cfr Paul Wets, L’enfant de justice. Quinze années d’application de la loi sur la protection de l’ (...)
  • 19 [Cfr. nota 7].
  • 20 [Cfr. Joseph L. Holmes, Do the moving pictures incite to crime?, «Journal of the American Institut (...)
  • 21 [Nella primavera 1929 si sviluppò negli Stati Uniti una controversia sul nesso tra criminalità e c (...)
  • 22 [Cfr. Augusto Carelli, Il problema del cinematografo e la gioventù, «Maternità e Infanzia» 1, genn (...)
  • 23 [F. Martin, Rapport sur les travaux du Comité de la protection de l’enfance dans la question du ci (...)

209Cominciando dalle notizie di cronaca da trent’anni fa ad oggi, dai lavori di Masini e Vidoni, da quelli recentissimi del Wets18, del Rouvroy19, dell’Holmes20, dell’Hoffmann21, del Carelli22, per non citarne che qualcuno, e andando ai rapporti Martin23 e De Feo presentati da poco a Ginevra, è tutto un contributo larghissimo al problema che interessa l’antropologia criminale, la psicologia, la psichiatria pedagogica e la medicina legale.

210Le basi della questione vengono poste presso a poco nei seguenti termini:

  • il cinema, falsando il concetto della vita, dando speciali sensazioni e aprendo nuovi orizzonti artificiosi, distrugge, nel giovane, quella concezione di moralità che i primi elementi educativi hanno formato in lui; la frequenza della visione sviluppa un particolare abito mentale e il desiderio, sia nel maschio che nella femmina, di emulare i falsi valori e i falsi eroi dello schermo;
  • il principio, d’autorità, di gerarchia e di subordinazione scompare o è presentato in modo tale da provocare il riso. La patria non è rappresentata che in pochi films di carattere specializzato che non sono sempre i migliori;
  • imitando modi di dire, costumi, abitudini e manie d’otralpe e d’oltre oceano, la personalità nazionale ne viene sinistramente influenzata e la gioventù tende verso una certa «snazionalizzazione»;
  • la famiglia e la casa sono superate dal nuovo ordine di idee;
  • nella confusione tra moralità e amoralità, il male è reso attraente e simpatico nella sua duplice espressione di immoralità e di criminalità;
  • l’atto criminoso sorge o come istinto, per suggestione, o provocato da uno stato patologico che induce sia a forme coscienti di riflessione che subcoscenti di azione.

211Le statistiche che segnano un progressivo aumento di delinquenza giovanile pongono il cinema tra i principali fattori del fenomeno.

212I rapporti dei Tribunali per minorenni segnalano che molti dei delitti, commessi dai giovani, hanno la loro origine in un film ispiratore. Il ragazzo agisce sotto questa influenza e riproduce, per così dire, meccanicamente, l’esempio che gli viene offerto.

213Un neurologo tedesco stabilisce dei dati sul carattere della maggior parte dei films; sopra 250 pellicole analizzate, egli trovò 97 assassinii, 60 adulterii, una cinquantina di furti e altrettanti suicidi. I principali eroi di questi films erano ladri, prostitute, assassini.

214Ora, sappiamo bene che descrivere il crimine, equivale a suggerirlo e la suggestione passa facilmente dall’idea al fatto.

215E i fatti sono tali e tanti da essere superfluo riferirne degli altri.

216Ricordo, tra i recentissimi, da noi, quello di Roma dove tredici ragazzi, sorpresi a rubare, hanno confessato di esservi stati indotti da scene di cinematografo; il suicidio di quella giovane quindicenne che, abbandonata dall’amante, s’è buttata sotto il treno «come aveva fatto Anna Karenina» nel film omonimo, l’assassinio di un negoziante commesso da due ragazzi a Mantova in circostanze identiche a quelle contenute nel film Le avventure di un galeotto.

217All’estero, ma specialmente in America, la casistica che ricollega il cinema alle varie forme di criminalità e molto più ricca, qualche volta ha del fantastico.

  • 24 [Cfr Immoralità, criminalità e cinema, «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», II, 3, marzo (...)

218Gilmer dichiara che, dall’80 al 90%, dei delitti commessi in America sono dovuti a impressioni ricevute dagli spettacoli cinematografici24.

219Wets, Presidente del Tribunale minorile di Bruxelles, fa notare che l’aumento della delinquenza giovanile ha conciso con la grande diffusione del cinematografo.

220Lo statista Babson sostiene che tutto il buon profitto che la scuola e la famiglia possono dare è cancellato dalla nefasta azione dei films.

221Lo stesso Babson ha mandato ai direttori di scuole e psichiatri un questionario chiedendo quale fatto della vita sociale avesse la più grande influenza nella formazione del carattere, se la casa o la scuola. Il 70% degli interpellati ha cancellato le due domande ed ha risposto che è il cinematografo.

222Contro questa tendenza, certamente esagerata, che vuol ricollegare al cinema tutto quanto di criminale si compie nel mondo, si sono levate numerose e autorevoli voci. Esse affermano che non si possa rendere responsabile unicamente il cinema della criminalità giovanile alla quale contribuiscono diversi altri fattori e manifestazioni di vita. Che bisogna tener conto anche di questo, analizzarle con precisa volontà d’accertamento e stabilire, in modo definitivo, la loro attività proporzionale. Forse il cinema non rimarrebbe al primo posto.

223La questione è ancora insoluta; ad affrontarla è intervenuto anche l’Istituto Internazionale della Cinematografia Educativa con un’inchiesta vastissima che alacremente prosegue ricercando le opposte tendenze e ponendole in confronto tra loro nel sereno campo delle discussioni scientifiche.

224Voler fare una profilassi, sia nel campo delle malattie nervose e mentali come in quelle della criminalità, selezionando e togliendo all’influenza del cinema i cosiddetti ragazzi anormali, come qualcuno ha progettato, è cosa, io credo, del tutto insufficiente e quanto mai difficile ad attuarsi. E poi su quale criterio?

225Come giudicare della normalità o meno di un giovane?

226Le note patologiche possono, a volte, sfuggire all’osservazione degli stessi parenti che le credono solo una della tante gradazioni d’un temperamento normale.

227E, d’altra parte, molti dei normali sono giudicati invece impulsivi, stravaganti, difettosi d’intelligenza e di carattere e non lo sono affatto.

228Anormali psichici veri e falsi anormali, come divide il De Sanctis, gli esseri più o meno gravati dal fattore biologico e che appartengono alla grigia zona tra sanità e pazzia, da quelli in cui l’irregolarità del contegno e della condotta non è continuo e durevole ma facilmente si lascerà modificare.

229A quali regole attenersi per sottrarli all’intempestiva azione di dannose influenze durante la lunga crisi del processo evolutivo?

230Non certo a quello di una selezione imbarazzante e necessariamente incompleta e nemmeno, io penso, a quello di una censura come oggi viene attuata.

231Complesso e controverso problema questo della censura cinematografica e non ancora ben valutato nella sua immensa importanza!

232Non si può negare che il programma stabilito a Ginevra fin dal 1925 dal Comitato per la Protezione dell’Infanzia e le disposizioni legislative dei vari Paesi riguardo al controllo dei films, siano state ispirate alle migliori intenzioni.

233Totale in qualche paese, molto pochi veramente, è stato il divieto per l’ingresso dei minori al cinema con dei diversi limiti d’età i quali tutti considerano però soltanto i primi anni della fanciullezza. Le altre nazioni, poche eccettuate, hanno ammesso solo una proibizione parziale la quale dovrebbe interdire ai giovani, che non avessero raggiunto una certa età, di assistere a films non autorizzati dalla censura; limiti d’età variabili da una nazione all’altra.

234Così, ad esempio, in Germania, la proibizione parziale riguarda i minori di diciotto anni; in Austria, in Danimarca, in Norvegia, nella maggior parte della Svizzera, nel Belgio, scende a sedici anni.

235In certi paesi vigono autorizzazioni speciali. Il ragazzo non può assistere a un film anche permesso, se non accompagnato dai genitori o da chi ne fa le veci. Molti vietano l’ingresso dopo una certa ora di sera (in genere le otto) o durante le ore di scuola. Qualcuno permette la visione soltanto di speciali pellicole; così in Rumenia dove è vietato agli allievi di scuole secondarie, cioè fin verso i diciotto o diciannove anni, di assistere a films che non siano istruttivi o educativi.

236A giudicare l’età del ragazzo interviene un censore apposito oppure il giudizio è basato sull’aspetto esteriore o sull’uniforme scolastica che indossa.

237Tra gli stati che ammettono la proibizione parziale è l’Italia. La legge del 10 dicembre 1925 che regola le misure di protezione e di assistenza in favore della Maternità e dell’Infanzia dice che: «La Commissione competente per l’autorizzazione di spettacoli cinematografici deciderà quali siano quelli cui potranno essere ammessi i fanciulli e gli adolescenti dei due sessi».

238Per tale Legge, approvata con R. D. del 15 aprile 1926, vengono esclusi i minori che non avessero compiuti i quindici anni di età.

239Nei paesi dove l’ammissione dei minori a spettacoli cinematografici non è sottoposta a disposizioni legislative, sembra che funzioni uno speciale sistema di controllo, atto a proteggere la mentalità e la moralità dei giovani.

240Tutti questi diversi sistemi di censura, istituiti o meno nelle varie nazioni, hanno provocato numerose critiche specialmente riguardo al modo alquanto capriccioso con cui vengono determinati i particolari criteri di tempo, di luogo e sopratutto d’età.

241Quindici, sedici anni. Ma a questa età si è ancora ragazzi. Quanti, tra quelli autorizzati ad entrare, non hanno che lo spirito e le forze di fanciulli di dieci e dodici anni!

242E i deboli, i semplici, la grande schiera dei suggestibili, dei tarati di ogni età! E gli immaginativi, nutriti di illusioni, i nevrotici, i criminali dalle tendenze latenti?

243«La censura è un tranello», dice Rouvroy, il quale sostiene che non esiste alcun buon cinema per i ragazzi. «Un tranello che toglie ai genitori le diffidenze che avevano prima e permette loro di portare i figliuoli, senza alcuna preoccupazione, a dei films proclamati inoffensivi».

244Ma, nella maggior parte di queste pellicole censurate, l’innocuità è soltanto apparente poiché vi sono contenuti elementi del tutto condannabili.

245Spessissimo non c’è nemmeno quest’apparenza d’innocuità, il film dovrebbe essere assolutamente interdetto ai minori e invece manca ogni divieto della censura e i ragazzi son fatti passare. E poi, quando il divieto c’è, non significa fare, con questo mezzo, la miglior reclame alla pellicola proibita per attirarvi quelli d’età maggiore? Senza riflettere poi che, quello che è pericoloso a quindici anni, ha tutte le probabilità di esserlo anche a diciassette e a diciotto.

246Nel rapporto presentato l’anno scorso a Ginevra, il dott. De Feo rileva, con la sua profonda pratica in materia, il triplice difetto di concezione con cui oggi si esercita la censura dei films visionati dai giovani: mancanza di competenza psichiatrica, pediatrica, pedagogica. «Fanno in generale parte delle commissione di censura persone che sono senza dubbio cittadini esemplari, eccellenti padri di famiglia, rispettabilissimi funzionari di stato, ma non ci sono dei psicologi, degli insegnanti, dei medici specializzati».

247Questa gente che esamina con calma la pellicola nel silenzio di una sala (e che perciò non tiene conto di un fattore psichico d’apprezzamento così importante come la musica), è poco abituata alle sottigliezze psicologiche del romanzo cinematografico e non può rilevare tutto quello che vi è invece di nocivo per la suscettibilità giovanile.

248Queste, in sostanza, le principali critiche mosse ai moderni sistemi di censura da coloro che si preoccupano di uno stato di cose ancora molto incerto ed equivoco.

249Certo è che, malgrado tutti i provvedimenti, le censure e i controlli, il cinema seguita ad essere un male che spesso fa sentire, come abbiamo visto per i nostri e per moltissimi casi osservati in questi ultimi anni, le sue dolorose conseguenze.

250Ad evitare le quali parrebbe a molti necessario interdire senz’altro agli adolescenti l’ingresso nei pubblici cinematografi.

251Se anche non può essere questo il rimedio definitivo contro il male che si lamenta, poiché è illusorio non credere all’opposizione del pubblico e dell’industria, occorre, in ogni modo, cercare di trarre dal cinema tutto quanto di buono esso possa dare. La sua azione non dev’essere soltanto difensiva ma anche costruttiva, specialmente in riguardo al vasto compito che esso può avere nell’educazione della gioventù.

252Il cinematografo che è ancora nel primo stadio della sua evoluzione, presenta tuttavia il grande vantaggio sul giornale e sul libro di parlare agli occhi, cioè di tenere un linguaggio comprensibile da tutti i popoli della terra. È da questo che gli vengono il suo carattere di universalità e le innumerevoli possibilità che offre per una collaborazione internazionale nel campo educativo.

253Queste le parole di Benito Mussolini, che, primo tra i capi di Governo, comprese tutto il valore del cinema come strumento di elevazione sociale e intellettuale del popolo e creò, nel 1925, all’infuori dell’Ente Nazionale per la Cinematografia, l’Istituto LUCE.

254Per iniziativa del Governo Italiano è sorto poi, poco più di un anno fa, anche l’Istituto Internazionale della Cinematografia Educativa che è posto sotto il controllo della Società delle Nazioni e ha la sua degna sede Roma.

255Così, tra i mezzi con cui si è inteso dar vita per la cultura del corpo e dello spirito, il cinema occupa uno dei posti centrali nell’attività dello Stato.

256Favorire la produzione e la diffusione di pellicole educative concernenti la scienza, l’arte, l’industria, l’agricoltura, l’igiene, i diversi aspetti della vita sociale: questo il compito che l’Istituto di Villa Torlonia va sapientemente svolgendo, senza alcun apriorismo interessato, e a cui altri se ne devono ancora connettere, quali, ad esempio, la creazione di pubblici cinematografispeciali per minorenni e la diffusione più vasta di pellicole educative, sotto il controllo dello Stato, nelle varie scuole e vari Istituti.

257Pochi anni fa, nel predire che un giorno l’insegnamento si gioverà più del cinema che dei libri di testo, perché «le cinematografie sono il mezzo più perfetto per diffondere la scienza e la conoscenza» Edison diceva a dei produttori di films:

Lo sviluppo più importante della cinematografia come fattore a servizio dell’arte e della pubblica istruzione è affidato alle vostre mani. Ricordatevi che siete i servitori del pubblico e non fate che ragioni di commercio e di lucro vi impediscano di dargli quanto di meglio siete capaci.

258A utilizzare, in una saggia azione profilattica, tutte le energie dell’ambiente e a combattere i fattori degenerativi, a plasmare caratteri che abbiano, non una falsa, ma la più reale percezione della vita, devono intendere, in una collaborazione serena, tutti coloro cui è affidata la tutela dell’uomo di domani.

259«Rivista Internazionale del Cinema Educatore», Roma, II, 9, settembre 1930, pp. 1084-1113.

Notes

1 [Cfr. Benito Mussolini, Discorso dell’Ascensione. Il regime fascista per la grandezza d’Italia. Pronunciato il 26 maggio 1927 alla Camera dei Deputati, Libreria del Littorio, Roma-Milano, 1927].

2 [Cfr. Robert S. Woodworth, Preliminary Report of Psychological Research on Motion Pictures Conducted in Columbia University in 1926, consultabile nel MPPDA Digital Archive ( http://mppda.flinders.edu.au/); ampi stralci dell’inchiesta furono pubblicati in traduzione italiana in La cinematografia nei suoi rapporti con la gioventù e con l’educazione, «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», I, 3, settembre 1929, pp. 289-290; la ricerca fu promossa e finanziata dalla Motion Picture Producers and Distributors of America].

3 [Sull’inchiesta condotta da Bogdanowicz per conto della Croce Rossa Polacca cfr. William Marston Seabury, Motion Picture Problems. The Cinema and the League of Nations, Avondale Press, New York, 1929, pp. 30, 339-340, 346].

4 [I risultati dell’inchiesta di Elkin, pubblicata originariamente su «Kino i Kultura», 3, 1929, sono presentati e discussi in Cinema e minori, «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», II, 1, gennaio 1930, pp. 47-52].

5 [Estrid Hein (1873-1956), oculista, attivista femminista vicina alla sinistra radicale danese, membro del Comitato Internazionale per la Protezione dell’Infanzia, costituito in seno alla Società delle Nazioni].

6 [Cfr. Maurice Rouvroy, Per l’infanzia e per l’adolescenza, «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», I, 2, agosto 1929, pp. 154-162].

7 [Contrazione elementare, segmentaria o generalizzata dei muscoli del corpo. Può essere spontanea oppure provocata da stimoli intermittenti (come nel caso dell’epilessia mioclonica progressiva) o permanenti, come quelle indotte da anossia cerebrale].

8 [Cfr. Guglielmo Mondio, Il cinematografo nell’etiologia di malattie nervose e mentali sopratutto dell’età giovaanile, «Il Manicomio. Archivio di psichiatria e scienze affini», Nocera Inferiore, 38, 1925, pp. 75-96, ripubblicato in questo volume].

9 [Cfr. Sante De Sanctis, Neuropsichiatria infantile. Patologia e diagnostica, Stock, Roma, 1925].

10 [Cfr. Nota 8].

11 [Cfr. Giuseppe D’Abundo, Sopra alcuni particolari effetti delle proiezioni cinematografiche nei nevrotici, «Rivista Italiana di Neuropatologia, Psichiatria ed Elettroterapia», Catania, 4, 10, ottobre 1911, pp. 433-442; ripubblicato in questo volume).

12 [Cfr. Mario Umberto Masini, Giuseppe Vidoni, Il cinematografo nel campo delle malattie mentali e della criminalità. Appunti, «Archivio di Antropologia Criminale, Psichiatria e Medicina Legale», 26, 5-6, 1915; ripubblicato in questo volume].

13 [Cfr. Henri Hoven, Sur l’étiologie des maladies mentales. Influence du cinématographe, «Bulletin de la Societé de Médicine Mentale de Belgique», 174, giugno 1914].

14 [Cfr. Giuseppe Guadagnini, La censura degli spettacoli cinematografici, [Ministero dell’Interno], Roma 1918].

15 [Cfr. Bortolo Belotti, La questione del cinematografo, «La Nuova Antologia», 196, 1 agosto 1918].

16 [Cfr. Piero Pesce Maineri, I pericoli sociali del cinematografo, Lattes, Genova-Torino, 1922].

17 [Complesso di sensazioni, indeterminato, continuo e uniforme, proveniente da tutte le parti dell’organismo, avvertito agli organi nervosi superiori solo quando la sua tonalità risulta alterata. Può quindi determinare nel soggetto uno stato generale di benessere (variazione positiva) o di malessere (variazione negativa)].

18 [Cfr Paul Wets, L’enfant de justice. Quinze années d’application de la loi sur la protection de l’enfance, Association Internationale pour la Protection de l’Enfance, Bruxelles, 1928].

19 [Cfr. nota 7].

20 [Cfr. Joseph L. Holmes, Do the moving pictures incite to crime?, «Journal of the American Institute of Criminal Law and Criminology», 20, agosto 1929, pp. 266-275].

21 [Nella primavera 1929 si sviluppò negli Stati Uniti una controversia sul nesso tra criminalità e cinema che vide coinvolti Roger A. Babson, economista e uomo d’affari, Frederick L. Hoffman, autore di uno studio statistico promosso dall’autorevole Prudential Life Insurance Company, e Carl E. Milliken, segretario esecu-Tivo della Motion Picture Producers and Distributors Association. Babson era un convinto sostenitore dell’influenza criminogena del cinema, al contrario di Hoffman e Milliken; cfr. Richard Maltby, The Spectacle of Criminality, in John David Slocum (a cura di), Violence and American Cinema, Routledge, New York, 2001, pp. 117-152; una sintesi della polemica fu pubblicata sulla «Rivista Internazionale del Cinema Educatore» (cfr. Delitto e cinema negli Stati Uniti, «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», I, 3, settembre 1929, pp. 300-312)].

22 [Cfr. Augusto Carelli, Il problema del cinematografo e la gioventù, «Maternità e Infanzia» 1, gennaio 1929, pp. 55-62].

23 [F. Martin, Rapport sur les travaux du Comité de la protection de l’enfance dans la question du cinématographe, Société des Nations, Genève, 1928].

24 [Cfr Immoralità, criminalità e cinema, «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», II, 3, marzo 1930, p. 90].

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search