Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d'epoca

Il cinematografo nell’etiologia di malattie nervose e mentali sopratutto dell’età giovanile (1924)

Guglielmo Mondio

Texte intégral

  • 1 [Cesare Cantù, Le Arti Belle compagne alla nostra Esposizione Nazionale, in L’Esposizione Italiana (...)

… fine dell’arte è rendere un’idea, non soltanto ritrarre la realtà: l’arte vuole esprimere, per mezzo di forme sensibili, i pensieri, gli affetti, quel mondo che ai sensi si nasconde; è il connubio della forma coll’idea.
Cesare Cantù1

  • 2 [Herman Oppenheim, Neuroropatie ed educazione, Società Editrice Libraria, Milano, 1907, p 28].

… uno dei principii fondamentali dell’educazione dev’essere che gli stimoli e i godimenti devono essere apprestati alle epoche opportune, in conformità colla ricettività propria dell’età. Solo per tal modo si combatterà la tendenza a diventar blasés, che è fra i maggiori nemici del benessere del sistema nervoso..
[Herman] Oppenheim2

1Non appena il Cinematografo, con la più grande rapidità, sorse e sviluppossi – e poi, vertiginosamente si diffuse per tutto il mondo: – di pari passo, quasi ed ovunque, si è elevato il grido di allarme per l’azione deleteria da esso esercitata, sopratutto sulla vita morale e psichica dell’umanità. Ciò non pertanto il Cinematografo resta ancora là, poco o nulla modificato nello sue esclusive tendenze industriali: poco o nulla allontanato, di conseguenza, dallo esercitare la sua inesorabile azione spiccatamente demoralizzatrice: la sua azione eminentemente perturbatrice della serenità morale, psichica e nervosa di tanti milioni di frequentatori, appartenenti, sopratutto, all’età giovanile.

2Le disposizioni legislative, nonché regolamentari, da recente emanate in tutti gli Stati europei ed in America sono veramente numerose, e tutte quante ammirevoli per saggezza di vedute, onde prevenire e reprimere i deleteri inconvenienti derivati dallo sviluppo dell’industria del Cinematografo. Ma è pur vero ancora che, dopo tante ricerche, dopo tante precauzioni, dopo tanti mezzi protettivi escogitati con intelligenza ed amore, sta di fatto poi che noi siamo tuttodì in presenza di tali risultati pratici, innanzi ai quali non si può fare a meno di restare dolorosamente colpiti da sconforto e da meraviglia.

  • 3 Mario Umberto Masini e Giuseppe Vidoni, Il cinematografo nel campo delle malattie mentali e della c (...)

3Una statistica, ricordata da Masini e Vidoni3 del 1914, fa ascendere ad oltre 30.000 i Cinematografi di tutto il mondo: frequentati da un centinaio di milioni di spettatori per alcuni miliardi di volte nel giro di ogni anno: notando poi come soltanto in America, oltre 50 case editrici fabbricano e diffondono ogni anno 50.000 chilometri di pellicole; e come nella sola New-York, mezzo milione di scolaretti, sotto i 15 anni, assiste ogni giorno alle rappresentazioni.

4Ciò che fu scritto dieci anni fa, si può oggi, senza timore di errare, raddoppiare, per intendere facilmente quale enorme produzione, e quale enorme influenza non eserciti il Cinematografo su tutta quanta la vita psichica odierna dell’umanità.

5Ma più che dell’umanità in genere, è dell’età giovanile che bisogna occuparsi e preoccuparsi.

6Se i concetti scientifici, economici e pratici concordano tutti quanti a farci ritenere della massima importanza lo svolgimento di quella parte fondamentale dell’igiene sociale che si riferisce alla protezione, alla tutela, al miglioramento di quei fanciulli che saranno i cittadini, i lavoratori, i padri di famiglia di domani; non si concepisce poi, come oggi, proprio oggi, dopo il periodo bellico si parli di ricostruzione economica, politica e spirituale della Nazione e con slancio; e si cerchi di modificare, riformare, rinnovare le cose e gli ordinamenti e con passione; senza pensare menomamente alla ricostruzione del patrimonio umano: senza pensare all’elemento uomo, il quale deve essere preso di mira nei suoi primi anni di vita, se la Nazione vuole che i suoi figli non manchino né di salute fisica, né di equilibrio psichico. L’una e l’altro che invano si vogliono cercare, ripeto, più tardi, quando le mentalità si sono già formate, ed i caratteri psichici definitivamente acquisiti.

7Ora, – se il fanciullo che dobbiamo educare e far crescere fisicamente e psichicamente sano e forte, per potere ottenere realmente una collettività, un popolo, una Nazione migliore;–come mai si lascia, così impunemente e liberamente, dilagare la ormai indiscussa influenza malefica del Cinematografo, nel modo, si intende, come oggi va condotto, soprattutto sui fanciulli di giovanissima età?

  • 4 Pietro Pesce-Maineri, I pericoli sociali del cinematografo, [Lattes], Genova-Torino, 1922.

8«La più meravigliosa, la più squisita fra le arti rappresentative che il genio umano abbia saputo creare»4, l’arte meravigliosa che rappresenta

  • 5 Bortolo Belotti, [La questione del cinematografo], «La Nuova Antologia», 196, 1 agosto 1918.
  • 6 Edmond Haraucourt [La démoralisation par le livre et par l’image, Paris, Ollendorrf, 1917].

la suprema esaltazione della potenza della figura sull’animo umano, la semplificazione più straordinaria dei mezzi di comunicazione di una notizia, di una idea, di una tesi, allo spirito, al cuore: il linguaggio universale che può essere parlato e compreso in ogni paese del mondo, di qualsiasi cultura, diqualsiasi razza, perché è il linguaggio stesso delle cose5.
Le plus énergique moyen de suggestion et de persuasion que l’humanité ait connu, un facteur de révolutions, auquel nul autre ne saurait être comparé: son efficacité profonde dépasse celle de la poésie, de l’éloquence, de la musique... c’est la pensée
qui entre tout droit par les yeux, c’est la tentatrice par excellence, l’assimilation par le moindre effort, la compréhension offerte aux cerveaux paresseux, la pénétration immédiate et chaude alors que l’idée pure n’exerce sur l’esprit des humbles que’une action médiate et refroidie
6

9Come mai, invece che essere indirizzato all’educazione, alla cultura, alla civiltà, al progresso, ecc. di tante mentalità in via di crescenza, lo si rende, piuttosto, come oggi è presentato al pubblico, come la più grande sorgente di corruzione, di depravazione, di degenerazione, del massimo danno della moralità pubblica, dei più grandi disturbi nervosi e mentali, sopratutto dai giovani?

  • 7 [Lino] Ferriani, Il cinematografo nelle scuole; Adolf Sellmann, Kino und Schule, [Modchen-Gladbach, (...)

10Molti ed autorevoli scrittori si sono recentemente occupati a descrivere con molta insistenza ed intelligenza gli innumerevoli e dannosi effetti del Cinematografo, sopratutto in rapporto alla patologia dello spirito7. Se in tutti i tempi, antichi e moderni, i più si sono domandati, e si è sempre cercato, come ridurre gli stimoli sessuali agli adolescenti; – come gli stimoli i più deleteri per quelle menti in via di sviluppo, senza ancora conoscere il Cinematografo; che pensare oggi, quando troviamo questa nuova e seducente espressione dell’ingegno umano, quest’arte rappresentativa che raccoglie in sé non solo la più grande potenza suggestiva, ma ancora la più straordinaria efficacia di propaganda e di diffusione assai più che ogni altro spettacolo teatrale?… e che tiene, senza alcun dubbio, il primato fra tutte le invenzioni odierne per gli effetti intensi e profondi che esso produce sulla vita psichica dello spettatore adolescente?

  • 8 «È infatti istruttivo rilevare come il cinematografo abbia preso in questi ultimi tempi un posto no (...)

11Il motivo sessuale è certo quello che attrae in modo quasi esclusivo la folla dei giovani, tanto nei teatri che nei Cinematografi. Con la differenza però, che al teatro si svolge un avvenimento mediante la parola, il dialogo, ed una infinità di circostanze ambientali ed usuali che rendono quasi sempre, agli spettatori tutti quanti, la intera produzione teatrale attraente, confortante e spesso istruttiva; laddove al Cinematografo si tratta quasi sempre di sintesi di scene oltremodo emozionanti espresse mediante l’azione ed il gesto soltanto, senza la parola, circondata, per di più, da un ambiente tutto proprio, che rende più vive, più evidenti, più rapide le sensazioni. Tutti gli altri sensi, si può dire, tacciono, per acuirne uno solo: la visione; la quale, sappiamo, come sia giustamente ritenuta il mezzo più adatto per condurre ai centri le impressioni e gli stimoli sessuali. Si aggiunga a questo, il rapido meccanismo di invasione per tutti quei giovani così precocemente disposti alla sessualità; l’azione suggestiva prodotta dall’oscurità dell’ambiente, dalla promiscuità dei sessi, dalla musica che accompagna e colorisce la scena, e si avrà un’idea di quale aggravamento sono capaci, per l’eccitamento sessuale giovanile, gli spettacoli cinematografici; di quali alterazioni, quindi, sono essi spettacoli capaci di provocare nei centri nervosi di tanti adolescenti; ed ecco giustificato il perché il cinematografo abbia preso in questi ultimi tempi un posto ragguardevole tra le cause occasionali delle malattie nervose e mentali8.

12Ho assistito e raccolto, da dieci anni a questa parte, una infinità di casi; tra cui ne ho scelto oggi alquanti per esporli brevemente in questo contributo.

Osservazione 1

13Giugno 1914. – B. Francesco di anni 12 –. Il padre è neurastenico ed arteriosclerotico; la madre diabetica e neuropatica.

14È stato per sua iniziativa che otto dei suoi colleghi di Prima Ginnasiale sono venuti nell’accordo di andare insieme al cinematografo il giovedì, il martedì e la domenica. Dopo una certa insistenza, anche i genitori, meno disposti da principio, hanno poi ceduto e concesso.

15Si formò così un nucleo di nove scolari, in quella sezione di 30 alunni di prima classe, che ben presto richiamò l’attenzione del loro maestro. Si appartavano, difatti, facilmente fra di loro, per ripetersi le scene, gli episodi i drammi... dell’ultimo spettacolo visto. Erano distratti quindi durante le lezioni, non facevano i compiti loro assegnati e, quel che è più, incoraggiavano gli altri studenti ad essere attratti nella loro orbita cinematografica. Così avvenne che, dopo parecchie settimane, da nove erano diventati dodici ed altri si preparavano ad entrare in quella nuova combriccola di futuri bocciati e, chi sa, di quali futuri soggetti depravati, quando avvenne una catastrofe che sciolse la comitiva, richiamando su i loro passi i dodici concessionari di tanta inconsiderata e disastrosa licenza.

  • 9 [La Corea Minor (o Corea reumatica o Corea di Sydhenham, volgarmente chiamata “Ballo di San Vito”) (...)
  • 10 [Disturbo del sonno che insorge soprattutto in età infantile. Si manifesta in modo improvviso ed in (...)

16Avvenne che un giorno si presentarono tutti e dodici nuovi dilettanti di cinematografo al dispensario celtico universitario, perché tutti e dodici erano stati affetti contemporaneamente da blenorragia, presa da pochi giorni in uno stesso posto, pagando pochi soldi ciascuno. Alla mia osservazione capitarono soltanto tre: due per corea minor9, tra cui l’iniziatore Francesco: ed uno per pavor nocturnus10. Indagando, tutti quanti erano da un pezzo masturbatori. L’età di tutti e dodici scolaretti era dai dieci ai dodici anni.

Osservazione 2

17Luglio 1915. – F. Concetta e Laura, di anni 14 l’una, e di 18 l’altra –. Vivono assieme alla madre della pensione del padre morto per apoplessia cerebrale. Stentano la vita, ma vanno da parecchio tempo con assiduità al cinematografo. Sono di angustia e di angoscia continua alla madre che le vede gradatamente allontanate da sé e trasformate nella loro condotta.

18Ogni sera vanno allo spettacolo cinematografico per molte ore. Rincasano tardi, accompagnate da amici. Vestono da qualche tempo in qua con più ricercatezza... non hanno più bisogno dei pochi soldi che dava loro giornalmente la madre... finché una sera, durante lo stesso spettacolo cinematografico, sono arrestate per comportamento e linguaggio osceni, usati da entrambe in pubblico.

19Uscite dal carcere ritornarono assidue allo stesso Cinematografo, ove erano state arrestate: per scomparire poi, definitivamente anche dalla casa materna e seguire due giovani di mala vita, a causa dei quali, una sera erano state arrestate nello stesso cinematografo.

20La maggiore delle sorelle venne alla mia osservazione nel 1915 perché affetta da nevrosi istero-epilettica e da sifilide.

Osservazione 3

21Ottobre 1916. – M. Carlo, di anni 15 –. Il padre alcoolista, un fratello epilettico, una sorella frenastenica.

22Andava a scuola e studiava con amore ed assiduità. Affettuoso con i suoi genitori e con i suoi fratelli e sorelle, era rispettoso con tutti. Oltremodo pudico, poi, rifuggiva dalle donne e da ogni linguaggio che fosse appena poco corretto, anzi arrossiva facilmente ad ogni più piccolo accenno a fatti sessuali.

23Nell’aprile del 1916, aprendosi un nuovo Cinematografo con films le più attraenti e seducenti, tra la folla di scolari e scolaretti che invasero il nuovo ritrovo, non sfuggì il nostro Carlo. Il quale, trascinato dapprima dai suoi colleghi a malincuore, ben presto poi si appassiona, oltre misura, alla nuova distrazione tanto seducente.

24Diviene, da lì a poco, negligente alla scuola, svogliato allo studio, ribelle ai suoi. Non sa e non vuole più allontanarsi dagli spettacoli cinematografici. Acquista un linguaggio impudico; si ritira tardi la sera, dorme male, per due volte, in 40 giorni, viene contagiato da blenorragia. È noto ora, fra i suoi compagni, per il più grande masturbatore.

25Uscendo, infine una notte, dal cinematografo, oltremodo eccitato, rientrando in casa, violenta la sorella frenastenica, ed entra, per tanto, poco dopo in carcere.

26Capitò alla mia osservazione perché nominato perito onde eseguire sullo stesso Carlo una perizia psichiatrica.

Osservazione 4

27Agosto 1918. – F. Giuseppe di anni 15 –. Il padre neurastenico e gottoso; la madre isterica; una sorella ricoverata al Manicomio.

28Superati gli esami di licenza ginnasiale, gli fu concessa una maggiore libertà di distrazioni; ed egli va tutte le sere e per molte ore al Cinematografo. Da oggi in poi diviene sempre più distratto, irrequieto, impulsivo, finché un mattino rimane a letto, senza accusare alcun male; ma invece oltremodo torpido, silenzioso, immobile.

29Invitato a visitarlo l’ho trovato in stato confusionale allucinatorio. È incapace non solo d’alzarsi dal letto, ma incapace a qualsiasi attività psichica.

30Abulico, quindi, indifferente a quanto lo circonda, quasi fosse immerso in continuo sogno. È in preda ad allucinazioni visive ed a deliri erotici. Rifiuta con insistenza il cibo. Indagando, il soggetto in esame, oltre di essere da oltre due mesi un appassionato frequentatore di Cinematografo, è divenuto in pari tempo uno sfrenato masturbatore. Da passare tutta la notte mansturbandosi non appena con la mente invasa ancora dalle emozioni cinematografiche, rincasava ed andava a letto… per dormire.

Osservazione 5

31Novembre 1919. – M. Annetta di anni 14 –. Il padre neurastenico e bevitore; uno zio paterno alienato.

32Il padre diviene custode di uno dei Cinematografi della città. Per tanto, questi vive con la famiglia nello stesso isolato; assistendo, con la famiglia, a volontà, a tutti gli spettacoli che in esso giornalmente si danno.

  • 11 [La sitofobia è un disturbo comportamentale che si manifesta con la paura del cibo e il conseguente (...)

33Annetta, però, ha ancora, oltre la madre, una sorella a 16 anni ed un fratello a 13 anni. Tutti e quattro, prima di andare ad abitare nel nuovo ufficio del padre, erano: le due ragazze e la madre modestissime, riservate; educate e lavoratrici; il ragazzo studioso, casalingo, promettente. Ebbene! non passa un anno che tanto i tre germani, quanto la madre ormai fortemente appassionati tutti quanti ai gratuiti spettacoli, non si mostrano già notevolmente ed orribilmente cambiati nella loro vita famigliare e psichica. Non più studio, per il ragazzo, non più vita quieta, laboriosa, modesta per le donne. Tutti e quattro ora fanno all’amore; tutti e quattro vestono elegantemente e trascorrono quasi tutto il giorno ad assistere a spettacoli cinematografici. Sono aumentati gli amici e le amiche per l’intera famiglia. Questa, per di più, diviene un noto posto di vita allegra. La madre, difatti, dispensa favori e gareggia con le figlie per numerose amicizie. E mentre la sorella di 16 anni a traverso diversi amanti, riesce due volte a prendere la fuga, per ritornare, dopo poco tempo nuovamente alla casa paterna; la Annetta viene alla mia osservazione nel novembre 1919, perché da quattro giorni del tutto allucinata, disorientata, confusa, apatica e delirante. Era da un pezzo che i familiari notavano il carattere cambiato nella quattordicenne ragazza; perché divenuta oltremodo distratta, silenziosa, insonne e sitofoba11. Ma era stato inutile volerla allontanare dai soliti spettacoli. Finché alla film ultima, così emozionante, così piena di scene ed episodi di amore oltremodo vibranti e seducenti... la Annetta non squilibra addirittura con tutta la fenomenologia usuale in questi soggetti frequentatori di cinematografo.

Osservazione 6

  • 12 [La polisarcia è una forma di obesità associata a un eccessivo sviluppo delle masse muscolari e del (...)

34Luglio 1920. – L. Mario, di anni 13 –. Il padre alcoolista, la madre polisarcica12, un fratello epilettico.

35Gira tutto il giorno per la città, assieme al padre come venditore ambulante. Ruba al padre quanto gli basta per potere non mancare alla sera di andare al cinematografo. Ha anche degli amici coetanei che lo accompagnano. Più di una sera è stato richiamato, durante lo spettacolo, dall’arma dei RR Carabinieri presente, per la sua irrequietezza, clamorosità, indecenza di modi e di linguaggio. All’uscita dello spettacolo, nella rotta presa da vero scapestrato, è sempre eccitatissimo; ribelle ai suoi genitori che vorrebbero arrestarlo – senza riuscirvi. Rincasa tardi la notte, qualche volta dorme in carcere. Sempre insonne di notte, dormicchia spesso di giorno. Ama il vino, il fumo e la donna. Nel luglio del 1920 entra nel Manicomio oltremodo allucinato, agitato, disorientato e delirante. Le allucinazioni sono palesi, scene ed episodi cinematografici: i deliri del tutto erotici. Stando nell’istituto manicomiale si rivela per un gran mansturbatore.

Osservazione 7

36Settembre 1920. – C. Tilde, di anni 20 –. Sposata da due anni. Il padre bevitore; uno zio paterno epilettico.

37Frequentando spesso il Cinematografo con delle amiche ebbe occasione di conoscere un giovanotto anch’esso assiduo di quel ritrovo. Il quale capita non solo alla stessa ora, ma ancora vicino di sedia. Il flirt, la parola all’orecchio, lo stringersi la mano, il toccarsi... in quella semioscurità, non andarono a lungo sconosciuti alle amiche della Tilde.

38La quale non si contenta, da lì a poco, per quel giovanotto, di essere soltanto la vicina del Cinema, ma vuol essere ancora fuori nel Cinema, l’amica del cuore e dei sensi. Il marito, intanto, notando una spiccata modifica nella condotta e in tutta la vita familiare della Tilde, indaga, ed ha la convinzione di essere tradito.

39Avvenne così che una sera, il pubblico cinematografico ebbe, nell’uscire, la sorpresa ed il panico di assistere ad una revolverata dal marito tradito contro il rivale; proprio quando quest’ultimo usciva dal Cinematografo a fianco della moglie adultera

40Dopo 40 giorni di questo scandalo avvenuto in pubblico, mentre l’amante moriva all’ospedale ed il marito restava chiuso in carcere, la Tilde entrava nel Manicomio con tutta la solita fenomenologia: allucinazioni visive, confusione mentale, deliri erotici, agitazione, sitofobia ed insonnia.

Osservazione 8

41Luglio 1921. – R. Maria, di anni 26 –. Il padre morto per apoplessia cerebrale: la madre ed una sorella isteriche.

42Morto il padre, lasciando la famiglia in discrete condizioni finanziarie; la madre, le due figlie, dalla campagna vicina vengono a stabilirsi in città.

43Qui trovano numerose amiche con le quali ben presto divengono assidue frequentatrici del Cinematografo. Qualche volta vanno a teatro, altre volte a concerti di musica o di canto; altre volte a ricevimenti famigliari ecc. ma nessun ritrovo le diverte come lo spettacolo cinematografico. Difatti mentre dagli altri ritrovi escono quasi sempre stanche, annoiate e depresse; dal Cinema vengono fuori ilari, emozionate, appassionate e frequentemente eccitate: e poi sempre piene di speranze, di conforto e di amore. Alla muliebre comitiva si erano aggiunti un po’alla volta dei giovanotti, per modo che spesso dallo spettacolo si andava ora a passeggiare, ora a cenare, e soprattutto sempre a flirtare.

44Dopo un anno circa che Maria, con le altre due donne, si era stabilita in città, al pari delle altre, era divenuta irriconoscibile rispetto a quello che era prima di lasciare la campagna, e per il décolleté dei suoi vestiti e per il suo aspetto affascinante e sensuale, per i suoi istinti, abitudini e tendenze ultra sessuali. Non era ancora fidanzata ufficialmente, ma flirtava tutti i giorni al Cinematografo e fuori.

45Quando venne alla mia osservazione nei luglio del 1921, trovai la Maria in stato catatonico, confusa, allucinata e delirante. In pari tempo era incinta da parecchi mesi, ed il seduttore era scomparso.

46Risultò in seguito che il seduttore non era uno solo di quella comitiva ma due o tre; e le sedotte erano state parecchie, compresa ancora, tra queste, la sorella della Maria. Ma il guaio maggiore era toccato alla Maria per più ragioni.

Osservazione 9

47Agosto 1922. – M. Letterio, di anni 16 –. Il padre alcoolista e sifilitico; la madre uricemica; una sorella isterica.

48Da parecchio ha cominciato a frequentare con assiduità i diversi Cinematografi della città. Per lui ora non c’è altro divertimento che assistere a tali spettacoli. Non parla di altro, non pensa ad altro che alle scene viste la sera o le sere precedenti. Spesso lo si vede, essendo impiegato in una officina meccanica, interrompere, durante il giorno, il suo abituale lavoro e restare fermo in balia dei suoi pensieri; a volte sorridente, altre volte estatico, come sognante. Per modo che bisogna spesso richiamarlo ed invitarlo a riprendere il suo interrotto lavoro. Non basta; diviene sempre più distratto e svogliato in tutto; fuma continuamente, beve molto; è irritabile, è meno affettuoso e rispettoso con i propri genitori.

49Cade sotto la mia osservazione nell’agosto del 1922, dopo una settimana che era rimasto in casa in preda ad allucinazioni visive, delirii erotici, sitofobia, ed agitazione psico-motoria.

Osservazione 10

  • 13 [Patologia ereditaria degenerativa caratterizzata da cambiamenti di personalità, disturbi del movim (...)

50Settembre 1923. – P. Caterina di anni 15 –. Il padre artritico ed arteriosclerotico; una zia materna idiota; due prozii materni affetti da corea di Huntington13.

  • 14 [L’oligoemia è una diminuzione della massa sanguigna circolante, conseguente a improvvise perdite d (...)

51Per quanto oligoemica14 ed alquanto costituzionalmente debole, visse i suoi anni passati sempre discretamente bene. Di costumi famigliari alquanto rigidi, non è andata che qualche volta a teatro e qualche altra volta a feste famigliari. È stato in questa estate soltanto che andò parecchie volte al Cinematografo.

52La stessa Caterina racconta, con la massima chiarezza, che sin dalla prima volta e dopo essere stata parecchie ore, con piacere, innanzi allo schermo luminoso, rientrando in casa, a tarda ora la sera, avesse notato delle sensazioni di freddo alle dita delle quattro estremità, costrizione alla gola, palpitazione accentuata, voglia di piangere ed insonnia. Al mattino seguente migliorava, specialmente dalle sensazioni di freddo alle dita; ma restava un po’ confusa, smemorata ed emotiva, con delle vaghe paure di dover cadere ammalata da un momento all’altro

53Ritornò al Cinematografo con la distanza di cinque o sei giorni, dal momento che tutta la famiglia trovava tanto godimento in poche ore e con sì poca spesa.

54Alla mia osservazione venne nel settembre del 1923. Peggiorando sempre più, mano mano che seguitava a frequentare il Cinematografo, ai suoi disturbi nervosi, sopra cennati, si aggiunsero ora delle convulsioni quasi giornaliere.

Osservazione 11

55Giugno 1924. – Ettore di anni 10 ed Alfredo P. di anni 12 –. Sono due fratelli, studenti entrambi dei primi corsi del Ginnasio.

  • 15 [Forma di schizofrenia insorgente nell’età giovanile].

56Il padre arteriosclerotico, artritico e specialmente neurastenico; la madre diabetica, uricemica e tendente alla polisarcia; tre zii paterni affetti da alcoolismo l’uno, da follia morale il secondo, e da ebefrenia15 il terzo.

57Da oltre un anno la madre non ha altro divertimento che andare tutte le sere quasi, al Cinematografo, conducendo, immancabilmente, seco i due studenti ginnasiali. Senza accorgersi del nervosismo spiccato che incoglie ben presto i due giovanetti, né il modo rapido con cui esso si accentua ogni dì più. Non possono i due fratelli, difatti, stare un momento fermi, sopratutto a studiare; sono incorreggibili, disobbediscono continuamente al padre e si ribellano alla madre. Oltre a ciò, si allontanano spessissimo e senza permesso, per lunghe ore del giorno, da casa; ripetono i corsi del ginnasio; sono sboccati e si intrattengono a parlare di fatti sessuali con la più grande disinvoltura e passione, suscitando, anziché l’orrore, l’ammirazione paterna e materna per sì fatta precocità sessuale

58Mentre il padre, lavorando tutto il giorno, spesso sino a tarda ora, va qualche volta a raggiungere e riportare i famigliari dal Cinematografo; la madre seguita sempre con la più grande assiduità a frequentare gli spettacoli cinematografici assieme ai due figlioletti: ritenendolo il ritrovo il più confortante, il solo che la ristori e la distragga. Ora però, quando, per la malattia od altro, la madre non vi può andare, i due fratelli vanno soli.

59Sono stato chiamato a visitarli, perché il più piccolo è dimagrato enormemente divenendo, da recente, coreico e sonnambulo; il più grande si è eccessivamente ingrassato soffrendo di incontinenza di urina e di pavor nocturnus: entrambi poi, sono da un pezzo strenuissimi mansturbatori. La madre infine, più volte, uscendo la sera dal Cinematografo, venne assalita da congestione cerebrale, restando ogni volta, per due o tre giorni, con cefalea, vertigini, prostrazione, abbagliamento della vista, impossibilità a lasciare la posizione orizzontale.

Osservazione 12

60Agosto 1924. R. Letteria, di anni 17 –. L’avo paterno morto per paralisi generale progressiva; la madre isterica ed uricemica; una sorellina di 12 anni, affetta da nervosismo accentuato e da precocità in tutto, specie negli stimoli sessuali.

61Letteria è da parecchi anni che frequenta con assiduità il Cinematografo, assieme alla sorellina e alla madre. Sin dai primi tempi di quella frequenza agli affascinanti spettacoli, e all’età ancora di 13 anni, la Letteria si fidanzò ad un giovanotto sedicenne, frequentatore anch’esso del Cinematografo. La fidanzata tredicenne, che all’inizio del suo nuovo passatempo cinematografico era florida, rosea, vivace, studiosa, spensierata e sana, un po’alla volta divenne depressa di umore, preoccupata e distratta. Trascura ora le sue ordinarie occupazioni, stenta a studiare; anzi le riesce ora, addirittura, penoso lo studio, ed ogni esercizio intellettivo manchevole. È quasi sempre pallida, senza più l’antica gaiezza. Per tanto è costretta abbandonare lo studio, e la scuola. Per di più è ora sempre sofferente per cefalea e disturbi gastro-intestinali. A 17 anni ha ancora l’aspetto infantile dei suoi passati 13 anni, mentre la sua coscienza è tutta compresa e dominata, palesemente, da preoccupazioni sessuali.

  • 16 [Regia di Enrico Guazzoni, Italia, 1923].
  • 17 [Titolo originale: Merry-Go-Round; regia di Eric von Stroheim – ma nei title credits la regia è ass (...)

62Nell’agosto del c. anno, fui chiamato a visitarla perché, in seguito all’assistere al Cinema, una sera, la Messalina16, un’altra sera Le donne viennesi17; nel rincasare, dopo avere assistito a quest’ultima Film, si era mostrata dei tutto squilibrata, leggermente agitata, allucinata, delirante ed insonne. Al mattino seguente, alla mia prima visita essa era nuda e non voleva assolutamente vestirsi, perché né Messalina, diceva, né le donne viennesi usano vestirsi, essendo essa, per un momento «Messalina», per un altro «una donna viennese».

63Le allucinazioni durarono per un pezzo; erano sempre scene cinematografiche che essa vedeva, rimanendone spesso estatica e catatonica. A volte pigliava delle pose oscene; spessissimo pronunziava parole e detti che rivelavano i spiccati deliri erotici. Era poi persistente sitofoba ed insonne. Se qualche cosa si riusciva a farle ingerire doveva esserle data dal fidanzato, oggi ventenne, e con la promessa di condurla presto al cinematografo.

64Non vi è ormai più chi ne dubiti, essere il Cinematografo, nel modo come oggi va condotto, la sorgente la più vasta di gravissimi danni per la vita psichica dell’umanità in genere, e per la sessuale degli adolescenti in specie.

  • 18 Corrado Ricci, [Etica ed estetica del cinematografo, «Il Giornale d’Italia», Roma, 10 febbraio 1917 (...)

65Neanche l’influenza del libro, ancora quando questo, come ai tempi più recenti si usa, è pieno di verismo e di lussuria, pieno di descrizioni le più lubriche, le più oscene, le più seducenti, le più affascinanti ed appassionanti, può competere, raggiungere menomamente la potenza della tela cinematografica. «Ciò che entra per gli occhi, come spettacolo psichico, evidente, delineato, scrisse Corrado Ricci18, agisce sull’animo molte volte più di ciò che vien letto, ossia di ciò che esige una fatica intellettuale per essere mentalmente travolto in rappresentazione».

66Da qui la indubbia, la perniciosa influenza sulla psiche giovanile dello schermo cinematografico. Da cui e per cui gli organi visivi di tanti spettatori, mentre ricevono con tanta rapidità e tanta evidenza infinite sensazioni ed emozioni, si acuiscono sempre più che assistono, cosi intensamente al di sopra degli altri sensi, da astrarre quegli spettatori completamente, commovendoli oltre misura e spingendo la loro immaginazione verso il fantastico e l’irreale.

  • 19 «È sempre con un tremito di disgusto e pur con un senso di allarme che io vedo platee fatte di giov (...)

67E palpita quel pubblico, non mai così numeroso, non mai così diverso per età, per condizioni, per sesso, ecc. in quelle fugaci ore, esclusivamente per quelle immagini, che, con tanta seduzione, appaion loro in quell’unica onda vibrante di vita, che giunge loro dallo schermo luminoso19.

  • 20 Giuseppe Guadagnini, La censura degli spettacoli cinematografici, [Ministero dell’Interno], Roma 19 (...)

68Dall’altra parte, il pubblico del cinematografo, come giustamente nota il Guadagnini, «non essendo sempre e tutto in grado di reagire e di riflettere sul valore etico-sociale della sensazione che lo colpisce, anzi essendo incapace spesso di riportarsi subito e senza che del male dell’azione rimanga traccia, alla normale comprensione del giusto e dell’onesto, di giungere cioè alla critica dell’azione che sullo schermo si rappresenta, ne rimane quasi sempre, soggiogato della violenta impressione»20.

  • 21 Eudald Serra Buixó, di Barcellona, negli scritti intitolati: La maledizione del cinematografo.

69Ora, come le scene cinematografiche producono sulla mente dell’adulto delle così forti impressioni, è facile immaginare quanto sarà violenta e più profonda l’emozione che esse destano nel vergine e tenero cuore del fanciullo. Il quale, giusto il concetto di Endalt Serra i Buisco: «riceve come realtà vera tutto ciò che la pellicola svolge innanzi ai suoi occhi attoniti, e non fa, né è capace di fare distinzione tra la rappresentazione scenica ed i fatti della vita reale»21.

  • 22 «Un provvedimento che s’impone sotto ogni punto di vista è la netta separazione dei sessi nelle sal (...)

70Ma ciò non basta: il problema ancora più scottante e pressante è quello che riguarda sopratutto la indubbia e deleterissima influenza degli spettacoli cinematografici sulla vita sessuale dei giovani22.

  • 23 [Albert] Hellwig, «Aerztliche Sachverst. Zeit» 1914; «Quaderni di Psichiatria», 1915; [Francisco de (...)
  • 24 «Certo è che fra tutte le invenzioni odierne quella del cinematografo tiene la palma, per gli effet (...)

71Noi non ci occupiamo, in questo breve studio, del contributo considerevole apportato dal Cinematografo alla delinquenza minorile. Di ciò si sono occupati e da recente infiniti cultori, specie medico-legisti, di ogni paese23. A noi interessa, pel momento, rilevare soltanto come il cinematografo abbia preso in questi ultimi tempi una importanza straordinaria tra le cause occasionali delle malattie nervose e mentali. Giusto come noi, in dieci anni che prestiamo la nostra attenzione sugli infiniti pazienti capitatici nell’esercizio professionale, fra cui un piccol numero sarebbe rappresentato dai sopra registrati 12 casi, abbiamo continuamente riscontrato24.

  • 25 «Qualcuno ha detto che in certi casi, il cinematografo può provocare una psicosi con caratteri spec (...)

72Non solo: ma abbiamo ancora rilevato come nella maggior parte delle psicosi studiate, fossero così ripetuti dati sintomi, da indurci a chiamare simili psicosi, addirittura psicosi da cinematografo. Difatti erano sempre delle allucinazioni sopratutto visive, in dipendenza di scene cinematografiche già viste; erano sempre delle idee deliranti, sopratutto erotiche o fantastiche, a cui si accompagnavano degli stati ansiosi, delle lievi agitazioni psico-motorie, la tendenza alla fuga: ovvero degli stati ora catatonici ora convulsionarii. Il tutto quasi sempre di breve durata e di prognosi fausta25.

  • 26 «Rilevando il pericolo che rappresenta il Cinematografo per tutti gli adolescenti dal punto di vist (...)

73Quando noi, però, ci fermiamo a studiare i pochi casi che raggiunsero la nostra attenzione, perché lo spettacolo cinematografico ha disturbato il loro sistema nervoso; ha squilibrato le loro menti poco solide per resistere a tanta affluenza di veementi impressioni, non va dimenticata tutta la numerosa schiera di adolescenti di ambo i sessi, che non ha bensì squilibrato, che non ha ricorso allo specialista di malattie nervose e mentali, ma che rimane ciò non pertanto nervoso, corrotto, immorale, viziato in mille modi. Da giustificare la proposta di tanti studiosi dell’argomento onde allontanare senza eccezione tutti gli adolescenti dalla maggior parte degli spettacoli cinematografici26. Ormai sarebbe tempo, del resto, di dare al cinematografo quella dignità nuova che gli compete e gli è indispensabile per rientrare nei limiti di una saggia, oculata e normale fruizione, vietandogli per tanto, e rigorosamente, ogni manifestazione contraria e costituendolo in tutto, quale può e deve essere, un fattore di educazione, di cultura e di civiltà. E poiché le maggiori cure educative debbono sempre volgersi, sopratutto, all’infanzia, come a quella che più di ogni altro ha bisogno di assistenza e di tutela; ne viene di conseguenza che la protezione dei minori di età deve essere anche rispetto al Cinematografo salvaguardata e preferita sopratutti, anche quando questa preferenza scontenti le voglie degli adulti.

74Ritornando ora alle nostre 12 osservazioni sopra notate, rileviamo anzitutto come essi siano stati tutti quanti tarati in modo assai spiccato per fatti nervosi e mentali riscontrati nei loro ascendenti e collaterali. Per modo che troviamo, come assai opportunamente è stato detto, essere gli spettacoli cinematografici oltremisura nocivi a tutti, ma in special modo deleterii agli adolescenti, il cui sistema nervoso, per fatti ereditari ed acquisiti, è poco resistente. Da cui l’opportunità poi, come provvedimento profilattico, di inibire ed allontanare tutti gli adolescenti, senza distinzione di sorta, dallo schermo luminoso. Lo ripetiamo: l’oscurità dell’ambiente, la promiscuità dei sessi, la musica che accompagna e vivifica lo svolgimento della scena, i soggetti tutti fantastici, affascinanti, emozionanti, le scene tutte quante vibranti di lussurie e di amore: tutte piene di passioni malsane ed indecenti; di azioni le più turpi e criminose di oltraggi al pudore i più sfacciati, in una parola, di quanto di più basso, di più vile, di più immorale presenta la vita dell’uomo anormale o degenerato; con la rapidità della pellicola che si svolge e conquista, appassiona e soggioga quella massa di spettatori, specie giovanili, è tale uno spettacolo artificioso eccitante e travolgente…. è tale uno stato abnorme di tensione che si suscita nella vita psichica specie giovanile, da potersi benissimo aggiungere a quanto è stato detto e scritto in proposito; che se «di giovanetti che hanno rubato e truffato per procurarsi l’ingresso al Cinematografo sono senza numero; se incalcolabile è il numero di coloro per i quali il Cinematografo è stato scuola di delitto, di ignominia e di perdizione», non meno infinito ed incalcolabile è il numero di adolescenti che a causa dello schermo luminoso sono caduti nel nervosismo, nella neuropatia, nella pazzia.

75Mentre i sintomi nervosi, il nervosismo e le neuropatie, sono infiniti, come ora abbiamo detto, e spesso sfuggono all’osservazione dello specialista; i fatti psichici, le psicopatie, sono quelli che attirano maggiormente e più facilmente l’attenzione dello psichiatra.

76La fenomenologia di siffatte psicosi da cinematografo, difatti, si manifesta, quasi sempre, cosi acutamente e con tanta imponenza e varietà di sintomi, che raramente sfugge all’osservazione medica.

77Ordinariamente aprono la scena numerosi ed intensi disturbi sensoriali, i quali rappresentano non solo il fenomeno predominante, ma ancora il disturbo primitivo e fondamentale, dal momento che il quadro clinico si è originato proprio con la loro insorgenza. Sono esse allucinazioni soprattutto visive, costituite quasi sempre di scene animate, già viste sullo schermo cinematografico. Sono scene luminose che il paziente vede muoversi innanzi e in diverse direzioni, ora mobili ora fisse, che gli appaiono ora sulle finestre, ora sulle porte, ora agli angoli della camera, ora sul letto, ecc. Di rado sono visioni ossessive, il più spesso sono visioni oscene. Alle volte sono sempre le medesime scene che si ripetono di continuo (allucinazione visiva, stereotipata): altre volte, invece, sono variabili o cangianti.

78Seguono poi, le idee deliranti, le quali, per quanto a contenuto prevalentemente erotico, ed a volte fantastico, sono poi variabilissime e labilissime.

79Si aggiungano infine: la confusione mentale leggiera; le alterazioni della condotta e del contegno; uno stato ansioso o di agitazione; e delle tendenze impulsive.

80L’esito è sempre favorevole. La durata è variabile, a seconda la costituzione nervosa del paziente, oscillando tra i 15 e i 45 giorni.

  • 27 «Il risveglio precoce dell’istinto sessuale, le degenerazioni della passione amorosa, la mansturbaz (...)

81Il fatto, però, assai più importante e preoccupante che in tutti i giovanetti, dei nostri casi sopra esposti, è stato spiccatamente, costantemente e facilmente notato (oss. 1 - 4 - 6 - 9 - 11) è stato quello della mansturbazione. Da potere, senza alcun dubbio, ritenere che ogni ragazzetto che frequenta per poco il Cinematografo, immancabilmente, diviene un mansturbatore. Ed allora non fa bisogno di andare oltre nella ricerca dei danni enormi che il cinematografo arreca alle «animelle acerbe» che lo frequentano. Bastando l’aver provocato ed affrettato l’insorgenza di una siffatta abitudine nell’adolescente, per essere più che sicuri della decadenza nervosa e mentale di quest’ultimo27.

  • 28 H. Oppenheim, Neuropatie ed educazione. I primi segni del nervosismo nella fanciullezza, cit.

82E quando Oppenheim, nel 1907, dopo aver notato come i danni prodotti dalla mansturbazione sono tanto maggiori quanto più precocemente e più intensamente essa è praticata: e come per una tale abitudine penetri sempre nei giovanetti il germe di una debolezza di nervi che li accompagna per tutta la vita; aggiungeva che dai pedagoghi e dai medici devono partire le proposte allo scopo di combattere questo fenomeno, di prevenire tali infezioni nelle scuole e nei Convitti; e di eliminare tutto ciò che può favorire la spinta verso tali erramenti, alludeva e comprendeva, senza dubbio alcuno, fra tali erramenti, il Cinematografo, che sin da quell’epoca cominciava a diffondersi in modo sconfortante, quale ora lo troviamo28. Sorgente cioè, di onanismo, nervosismo, ecc. per giovinetti; d’isterismo, nervosismo, ninfomania, ecc. per le giovinette: precocità negl’istinti sessuali per tutti. Cause di degenerazione affrettata, quindi, mercé le infinite neuropatie e psicopatie che suole suscitare nei suoi frequentatori adolescenti.

83Messina, 31 ottobre 1924.

84«Il Manicomio. Archivio di psichiatria e scienze affini», Nocera Inferiore, 38, 1925, pp. 75-96.

Notes

1 [Cesare Cantù, Le Arti Belle compagne alla nostra Esposizione Nazionale, in L’Esposizione Italiana del 1881 in Milano, Sonzogno, Milano, 1881].

2 [Herman Oppenheim, Neuroropatie ed educazione, Società Editrice Libraria, Milano, 1907, p 28].

3 Mario Umberto Masini e Giuseppe Vidoni, Il cinematografo nel campo delle malattie mentali e della criminalità, [Fratelli Bocca], Torino, 1915.

4 Pietro Pesce-Maineri, I pericoli sociali del cinematografo, [Lattes], Genova-Torino, 1922.

5 Bortolo Belotti, [La questione del cinematografo], «La Nuova Antologia», 196, 1 agosto 1918.

6 Edmond Haraucourt [La démoralisation par le livre et par l’image, Paris, Ollendorrf, 1917].

7 [Lino] Ferriani, Il cinematografo nelle scuole; Adolf Sellmann, Kino und Schule, [Modchen-Gladbach, Volksvereins-Verlag, 1914], Anonimo, Cinematografo e scuola, 1915 [«Civiltà Cattolica», I, 1550, 8 gennaio 1915], Giuseppe Prezzolini, Problemi del cinematografo, 1913 [poi in Giuseppe Prezzolini, Paradossi educativi, La Voce, Roma, 1919, pp. 58-66], H. Hoven, Sur l’étiologie des maladies mentales. Influence du cinématographe, «Bulletin de la Societé de Médicine Mentale de Belgique», 174, giugno 1914], M.U. Masini e G. Vidoni, loc. cit., Pietro Pesce-Maineri, loc. cit. ecc.

8 «È infatti istruttivo rilevare come il cinematografo abbia preso in questi ultimi tempi un posto non piccolo tra le cause occasionali delle malattie nervose e mentali. Noi abbiamo potuto riscontrare con relativa frequenza che dai parenti degli ammalati e dai malati stessi viene denunciata 1’emozione cinematografica come causa della malattia, e più di una volta oramai abbiamo dovuto in casi di convulsioni, pavor nocturnus, nevrosi, nistagmo, etc. trovar confermata anche alla nostra indagine la realtà del motivo denunciato, come pure abbiamo verificato che talora scene impressionanti rimangono per molto tempo a sostenere alcuni stati di ansia e a dar colorito ad allucinazioni e ad idee deliranti», M. U. Masini, G. Vidoni, loc. cit. [p. 3].

9 [La Corea Minor (o Corea reumatica o Corea di Sydhenham, volgarmente chiamata “Ballo di San Vito”) è un’affezione neurologica che si manifesta attraverso movimenti involontari improvvisi e rapidi, con scarsa coordinazione].

10 [Disturbo del sonno che insorge soprattutto in età infantile. Si manifesta in modo improvviso ed inaspettato: il bambino si solleva dal letto con pianti e urla, e non reagisce agli stimoli ambientali].

11 [La sitofobia è un disturbo comportamentale che si manifesta con la paura del cibo e il conseguente rifiuto di alimentarsi].

12 [La polisarcia è una forma di obesità associata a un eccessivo sviluppo delle masse muscolari e della struttura ossea].

13 [Patologia ereditaria degenerativa caratterizzata da cambiamenti di personalità, disturbi del movimento progressivamente invalidanti e decadimento delle funzioni intellettive, fino alla morte precoce].

14 [L’oligoemia è una diminuzione della massa sanguigna circolante, conseguente a improvvise perdite di sangue].

15 [Forma di schizofrenia insorgente nell’età giovanile].

16 [Regia di Enrico Guazzoni, Italia, 1923].

17 [Titolo originale: Merry-Go-Round; regia di Eric von Stroheim – ma nei title credits la regia è assegnata a Rupert Julian, Stati Uniti, 1923].

18 Corrado Ricci, [Etica ed estetica del cinematografo, «Il Giornale d’Italia», Roma, 10 febbraio 1917].

19 «È sempre con un tremito di disgusto e pur con un senso di allarme che io vedo platee fatte di giovinetti e di bambini intenti dinanzi a proiezioni di pellicole sotto ogni rapporto contro indicate per quelle animule acerbe. Là nella silenziosa oscurità della sala in cui il tenue ritmo musicale vellica le fantasiose immagini del sogno, dinanzi alla magia dei quadri sui quali si acuisce il senso visivo e tutto il potere attentivo si concentra caldo di germogli ed avido di vibrazioni…, pulsa più intensamente il fervido cuore del fanciullo... sulla esaltata intelligenza si obbiettivizzano i fantasmi dell’irreale, la emotività sessuale si desta, suggestive si affacciano le nuove nozioni del male», Aldo Pesce Maineri, Procuratore del Re, Schermi cinematografici, 1920.

20 Giuseppe Guadagnini, La censura degli spettacoli cinematografici, [Ministero dell’Interno], Roma 1918.

21 Eudald Serra Buixó, di Barcellona, negli scritti intitolati: La maledizione del cinematografo.

22 «Un provvedimento che s’impone sotto ogni punto di vista è la netta separazione dei sessi nelle sale cinematografiche. I processi per oltraggio al pudore commessi col favore dell’oscurità si moltiplicano ogni giorno. Il cinematografo è il terreno di cultura per lo sfogo di tutte le immoralità sessuali: esso costituisce una porta aperta anche per i normali agli eccitamenti sessuali. Il cinematografo è ormai il galeotto moderno per una folla di gente che vi trova la causa occasionale per un cumulo di manifestazioni erotiche che non potrebbero avere altrimenti il loro sfogo. L’adulterio è certamente più frequente dopo l’istituzione delle sale cinematografiche», M. U, Masini e G. Vidoni, loc. cit. pag. 5.

23 [Albert] Hellwig, «Aerztliche Sachverst. Zeit» 1914; «Quaderni di Psichiatria», 1915; [Francisco de] Barbéns, La moral en la calle, en el cinematògrafo y en el teatro, [Barcelona, Ed Luis Gili], 1914; Semini, Il suicidio in Svizzera, «Quaderni di Psichiatria», 1914; M. U. Masini, Il fascino della criminalità, [«Rivista di Psicologia»], Torino, 1907; [Anselmo] Sacerdote, Simulazione etc., [Simulazione di un imbavagliamento di narcotizzazione a scopo di furto di un ragazzo dodicenne, «Archivio di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale», 35, 11, marzo aprile 1914, pp. 96-97].

24 «Certo è che fra tutte le invenzioni odierne quella del cinematografo tiene la palma, per gli effetti intensi e profondi che esso produce nella vita psichica», M. U. Masini e G. Vidoni, loc. cit.

25 «Qualcuno ha detto che in certi casi, il cinematografo può provocare una psicosi con caratteri speciali». «Qualche cosa di speciale nei sintomi v’è di certo, come ad esempio, gli stati di ansia, il colorito delle idee deliranti, le turbe sensoriali che traggono, per così dire, materia dalle scene del cinematografo», M. U. Masini e G. Vidoni – loc. cit.

26 «Rilevando il pericolo che rappresenta il Cinematografo per tutti gli adolescenti dal punto di vista sessuale, noi crediamo che sia ottima opera di prevenzione quella di allontanarli, senza eccezione, da gran parte degli spettacoli cinematografici. Questo sarà pure un buon provvedimento profilattico per tutti quelli che danno tendenze ereditarie od acquisite a turbe o malattie del sistema nervoso». M. U. Masini e G. Vidoni, loc. cit.; «Propongo che l’età fino alla quale debba essere interdetto al minorenne il libero ingresso al cinematografo, sia quella dei diciotto anni, in considerazione della immaturità del suo senso critico e della linea ancora imperfetta del carattere», Pietro Pesce Manieri, loc. cit., p. 44.

27 «Il risveglio precoce dell’istinto sessuale, le degenerazioni della passione amorosa, la mansturbazione, le malattie sessuali, tutti questi fattori costituiscono pel sistema nervoso dei danni così gravi, che è fra i compiti più importanti dell’educazione quella di proteggere da essi la gioventù», H. Oppenheim, Neuropatìe ed educazione. I primi segni del nervosismo nella fanciullezza, [Società Editrice Libraria], Roma 1907, p. 91.

28 H. Oppenheim, Neuropatie ed educazione. I primi segni del nervosismo nella fanciullezza, cit.

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search