Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d'epoca

Lotta ad oltranza tra il gesto e la parola (1914)

Mariano Luigi Patrizi

Texte intégral

1È la lotta impegnata fra il cinematografo e la scena di prosa, fra il teatro muto e la loquace bocca d’opera: duello che tien vòlti a sé gli occhi degli scrittori e quelli degli impresari, ma che non è senza interesse per fisiologi e sociologi, per quanti spiano da un cantuccio oscuro gli affaccendamenti e gli orientamenti dell’umana psiche, operante da sola o imbrancata nel suo gregge.

2Coloro che videro nascere il cinematografo in un Laboratorio di scienza sperimentale, e che, agli esordi, lo preconizzarono anche come uno spediente benigno per dare la parola ai sordomuti, non antivedevano certo che esso un giorno l’avrebbe tolta o contesa in gara ai letterati, agli artefici del verbo.

3Fu proprio un fisiologo – chi se ne rammenta ancora? – il Marey, che, impiegando la cronofotografia all’analisi del moto animale, al passo dell’uomo o al trotto del cavallo, al volo dell’airone o al tortuoso guizzo delle murene, all’alterno battito di un cuore di tartaruga, avulso dal torace, o al rotolarsi dei dischetti sanguigni dentro una arteria, ebbe l’idea di rivolgere l’obiettivo della sua macchina a ripetizione verso le labbra d’un prossimo che esclamava placido C’est du chocolat; e ne trasse immagini fisionomiche così eloquenti, che i sordomuti, riguardandole, diedero chiaro segno d’aver compreso la parola pronunziata.

4Questo pristino elegante tentativo è andato ormai smarrito nel cumulo dei grandiosi miracoli, che l’antico apparecchio fisiologico giunse a far concreti al di fuori dei gabinetti di medicina e degli scopi naturalistici. Chi, oggidì, soltanto lesinasse la meraviglia per successi conseguiti nella riproduzione di ogni movimento senza articolazione di suoni; chi menomamente dubitasse che il cinematografo, in tal campo, sia diventato un prodigo largitore di bellezza, un moltiplicatore gigantesco e rapido di coltura, non sarebbe già da biasimare col blando titolo di misoneista, bensì da punire con un ricordevole castigo corporale; tutt’al più, per essere indulgenti, gli si potrebbe concedere, nell’espiazione, la compagnia di quella coppia di spiriti superumani – due soli in tutta Italia! – che testé rifiutavano ufficialmente l’ammirazione al recuperato capolavoro di Leonardo.

5Deve però declinare da così alto livello la lode, allorché trattisi di apprezzare il contributo del cinematografo alla mentalità collettiva, non più nel dominio del moto muto, ma nella rappresentazione dell’atto parlato.

6Il comporre dramma o commedia coll’eliminazione del simbolo verbale; il risollecitare il piacere della folla per l’espressione sommaria e paleo-antropologica del gesto, equivale ad una delle più curiose mutilazioni che il cervello civile possa tentare sopra se medesimo. Pensate al quadruplice centro della parola, organizzato con paziente lavorìo di millenni su quattro zone della corteccia grigia, ed ora proposto all’esonero delle sue funzioni, come strumento non indispensabile alla significazione e alla comunicazione estetica delle vicende del nostro sentimento e del nostro pensiero! Immaginate il fulgente tesoro della favella materna, il dovizioso patrimonio glottologico d’un Annibal Caro, d’un Gabriele d’Annunzio, svalutato da un giorno all’altro, e in rischio di fallimento nel mercato internazionale ed interzoologico (è il solo spettacolo a cui siano stati ammessi con qualche profitto i quadrupedi amici dell’uomo) dell’azione d’arte puramente visiva e pantomimica!

  • 1 Il cronoscopio, messo a punto già a metà Ottocento, è uno strumento elettro-meccanico capace di mi (...)

7Si ha il torto di dimenticare che gli elementi del linguaggio – la voce e la parola – costituiscono non soltanto i segnali delle progredite sorti della specie, non solo il materiale sacro di edifizî intellettuali, venerati universalmente e tradizionalmente; ma ancora l’ordigno di maggior precisione meccanica, l’unità di misura più sottile per la graduazione quantitativa degli interni fenomeni spirituali. Poi che il genio della razza ha superato, è vero, se stesso coll’esaltare artificialmente la potenza dei propri sensi; è riuscito a scorgere coll’ultramicroscopico ciò che gli occhi non avrebbero veduto; a svelare col microfono suoni ignorati dall’orecchio; a sentire attraverso la bilancia quel decimilligrammo, che non avrebbe mai gravato sui corpuscoli tattili; a dividere il tempo, al cronòscopo1, nei millesimi di secondo; che non si sarebbero potuti scandire col ritmo delle più veloci operazioni vitali...; ma non ha saputo finora congegnare una macchina che calcoli la variabilissima intensità d’un affetto mediante una scala più frazionata di quella dell’apparecchio elocutorio; che risponda ai passaggi, alle sfumature, alle combinazioni dei sentimenti, delle idee e degli atti umani, meglio di quell’innumerevole tastiera, anzi di quell’infinita orchestra, che possediamo nelle voci del dizionario, nella molteplice fonetica della loro pronunzia e del loro concatenamento.

8A tanta delicatezza e complessità di compito non potrà mai dar adempimento l’idioma grezzo e meschino della mimica facciale e dei gesti, che dispone soltanto di una mezza dozzina di vocaboli o figure motrici, resi vieppiù insufficienti dalla necessità di abolire gli stati intermedi, di esagerare le contrazioni, per colpire con efficacia la sensibilità del nastro fuggente, e l’istantaneo intendimento degli spettatori.

9La gioia e la pena, qualunque sia il loro grado intensivo nella finzione drammatica, si disegnano sempre collo stesso forte tratto nei muscoli che circondano il naso e la bocca. Nelle donne, la ricca varietà delle emozioni e passioni dolorose viene uniformemente esplicata col voltare i globi oculari in alto ed in fuori, come nella statua di Niobe; sembra di trovar ripetuta l’ossessione che ne ebbe Guido Reni nel foggiar lo sguardo delle molte sue Cleopatre, sante e madonne. E ventura! se a queste stereotipie, comuni e inerenti al sistema, non si sommino le altre, proprie di ciascun comediante, il quale, nelle pose cinematografiche, agisce un po’come nelle antiche recite a soggetto, e, non essendo avvinto nell’azione, dalle rime obbligate delle parole, cade più facilmente negli atteggiamenti personali ed abituali, direi quasi nell’intercalare mimico. Notavasi infatti di recente che, in più di una film artistica, una raffinata, flessuosa attrice aveva le parecchie volte adottato il plastico partito del capo riverso all’indietro, la gola supina e la chioma a pioggia; e che se ne giovava, come di un cliché, nelle condizioni più disparate, per la danza, per il bacio, per la morte.

10Ed è bello tacere degli uomini – pochi eccettuati – che, sullo schermo luminoso, risolvono tutte le posizioni spirituali, effigiano le più diverse agitazioni intime col ticchio di cacciarsi le mani nei capelli, col movimento estensivo e flessorio delle braccia a guisa di paracqua che si spiegano e si ammainano a scatto, o di quei fantocci, che, premuti sullo sterno di legno, avvicendano le manovre centrifughe e centripete dei loro rigidi arti.

11All’infuori dei muscoli della faccia e delle membra, altri fenomeni motorii, legati ineluttabilmente a mutazioni psichiche, potrebbero arricchire il povero vocabolario dell’espressione mutola: i cangiamenti circolatori del pallore e del rossore, il modificarsi del respiro, le oscillazioni del diametro pupillare, e somiglianti; ma son minuti fatti, o non afferrabili dall’ordinaria lente cronofotografica, o solo verificabili nel sincero investimento passionale dei grandi interpreti del teatro.

12Ad ogni modo si resterebbe sempre confinati nel limitato, umile territorio dell’arte esclusivamente emotiva, essendo incontroverso che, mediante i soli movimenti, che non sieno quelli dell’articolazione vocale, è irraggiungibile la significazione delle idee, dei pensieri, degli eventi di vero carattere intellettuale.

13È un’utopia, per non dire poco galantemente sproposito scientifico e psicologico, quella di Valentine de Saint-Pont, di voler sollevare il gesto e la ginnastica fisionomica all’alto ufficio di simboli mentali, di farsi profetessa d’una «danza ideista», dove gli atteggiamenti del corpo e del volto fungerebbero nientemeno che come termini di idee astratte e generali. Queste non troveranno mai il loro segno – il famoso punto d’appoggio dello spirito di Condillac e dei filosofi, – meglio che nella parola. Niente più distintamente ci separa dal bruto e dal selvatico che l’idea generale e la sua più appropriata forma: la parola astratta.

  • 2 [Il volapuk era una lingua artificiale a vocazione internazionale codificata tra il 1879 e il 1880 (...)

14Ma forse è una digressione questo confronto fra arte emotiva ed arte di idee, una volta che scopo precipuo e confessato della rappresentazione cinematografica è quello di commuovere, non già di far pensare. E, invero, le turbe son tratte a far ressa nelle moderne arene del movimento e del silenzio, a gustare questo volapuk2 senza alfabeto, non tanto da motivi economici di moneta, di tempo e di coltura, quanto dal voluminoso contenuto emozionale e passionale delle produzioni. Nel che, melanconicamente, ne si offre un argomento d’avanzo per disilluderci che possa trovar consenso nell’evolutissima massa nostra contemporanea l’intellettualizzazione delle forme estetiche, il portare sul teatro i temi logici, i problemi dell’anima e della società, e l’affannarsi ad esporli col magistero. Verbale e stilistico, retaggio di decrepiti padri. Troppo poco emotiva, troppo cerebrale è la bellezza della parola, che ha pure la pecca, ai nostri stenografici dì, di non segnalarsi per celebrità, e di far perdere ore preziose all’artigiano e al mercatante sospinti dalla fretta.

15Palpiti e scosse, non idee e pensieri, han da essere l’obiettivo di ogni figura d’arte del domani. E giù: strepiti paurosi di novissime musiche, tango afrodisiaco e… pellicole da far «orripilare» la nostra!

16«La Stampa», 19 gennaio 1914, p. 2; poi in M. L. Patrizi, Nuovi saggi di estetica e di scienza, Stamperia di Rinaldo Simboli, Recanati 1916, pp. 321-327; ripubblicato anche su «Il Giornale d’Italia», 13 gennaio 1917, p. 3, con minime variazioni, esclusivamente formali, e un altro titolo: L’anima del cinematografo sta nella commozione.

Notes

1 Il cronoscopio, messo a punto già a metà Ottocento, è uno strumento elettro-meccanico capace di misurare intervalli di tempo su una scala di grandezza che raggiunge il millisecondo.

2 [Il volapuk era una lingua artificiale a vocazione internazionale codificata tra il 1879 e il 1880 dal sacerdote cattolico tedesco Johann Martin Schleyer].

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search