Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d'epoca

Turbe nervose consecutive alle rappresentazioni cinematografiche. Noticina clinica (1912)

Liborio Lojacono

Texte intégral

  • 1 [Giuseppe D’Abundo, Sopra alcuni particolari effetti delle proiezioni cinematografiche nei nevroti (...)

1Il Prof. D’Abundo in una sua recente pubblicazione1 richiamava per la prima volta l’attenzione sopra alcuni particolari effetti delle projezioni cinematografiche nei nevrotici.

2A conferma delle osservazioni cliniche riferite dal Prof. D’Abundo, riporto in questa breve noticina due casi, quale contributo sull’azione dannosa che le projezioni cinematografiche possono produrre nelle persone nervose.

3Ricordo infatti il caso di una ragazza nevrastenica, abbastanza intelligente, la quale, consultandomi, mi confessava che sin dalla prima audizione cinematografica, aveva provato una sofferenza non lieve sia pel buio, sia pel movimento vibratorio, che la disturbava tanto alla vista, quanto all’udito. Essa cercò di vincersi e di imitare le compagne, che mostravano divertirsi e ritornò più volte al cinematografo, ma non poté mai vincere la sgradita impressione che ne riportava; ed una sera, avendo assistito ad una rappresentazione tragica, le sofferenze divennero tali, che poco mancò non si mettesse a gridare; dovette uscire dalla sala, e per quella e per altre notti di seguito, non dormì che a tratti; e spesso sognando la scena tragica vista, si destava spaventata. Per un buon mese le sofferenze nevrasteniche aumentarono, né Lei volle più entrare in una sala da cinematografo, poiché il solo ricordo delle sofferenze provate, le produceva uno stato di ansia simile a quello che si produce nelle fobie.

4Questo caso è simile a quelli ricordati dal Prof. D’Abundo; ma quello seguente mi sembra più interessante, perché verificatosi in persona affetta da alcoolismo.

5Trattasi di un signore di circa sessant’anni, benestante e di salute fisica florida, ma che aveva contratto da un pezzo la pessima abitudine di bere un po’ troppo vino, senza però arrivare alla vera ubriachezza. Costui, negli anni passati, aveva qualche volta sofferto di brevi periodi di delirio allucinatorio durante lievi accessi febbrili, che, come sappiamo, sogliono verificarsi di frequente negli alcoolisti; ma quando venne in Palermo stava abbastanza bene e da un pezzo non soffriva disturbo alcuno.

6Recatosi per la prima volta ad assistere ad una rappresentazione cinematografica, provò tale una sgradita impressione dallo insieme vibratorio-acustico, e riportò tale emozione della intera rappresentazione, che rincasò tosto assai eccitato, in modo da non poter chiudere occhio per tutta la notte, non riuscendo a scacciare la riproduzione visiva acustica delle scene a cui aveva assistito. Sul far del giorno prese sonno, ma fu un sonno agitato, pieno delle visioni stesse o simili, in modo da non saper poi giudicare se dormì o se restò sempre desto, se trattassi di vere allucinazioni in veglia, o se di allucinazioni ipnagogiche, mentre forse si verificarono tanto le une che le altre.

7Quando fui chiamato a visitarlo a giorno ben alto, e mi narrò quanto ho scritto, mi assicurò che il giorno precedente non aveva bevuto più dell’usato, ed anche il servitore mi affermò che non aveva presentato alcun rialzo di temperatura, né io ne costatai col termometro quando lo visitai, mentre l’infermo mi assicurava che le sofferenze provate erano simili a quelle avute quando gli era capitato al suo paese di essere stato febbricitante.

8Ritornato a casa sua ha stentato alcuni giorni a rimettersi del tutto, giacché – come mi ha scritto un suo figlio – per parecchie sere, senza essere febbricitante, ebbe a soffrire di allucinazioni in veglia e, nel sonno, in cui si riproducevano scene simili a quelle viste al cinematografo; visioni che però andarono a poco a poco sbiadendo sino a che scomparvero del tutto.

9È naturale che, come nelle persone affette da isterismo, nevrastenia o comunque predisposte per eredità alle malattie nervose, anche in quelle che abusano di alcool si ha una predisposizione ai disturbi allucinatorii; e nel mio caso è evidente che la rappresentazione cinematografica divenne la causa occasionale dei disturbi allucinatorii per 1’azione sgradita del movimento vibratorio-acustico sui nervi e sulle aree sensoriali corticali predisposte dalla lenta intossicazione dell’alcool.

10«Rivista Italiana di Neuropatologia, Psichiatria ed Elettroterapia», Catania, 5, 1, gennaio 1912, pp. 14-15.

Notes

1 [Giuseppe D’Abundo, Sopra alcuni particolari effetti delle proiezioni cinematografiche nei nevrotici, «Rivista Italiana di Neuropatologia, Psichiatria ed Elettroterapia», Catania, IV, 10, ottobre 1911, pp. 433-442. Il testo è ripubblicato in questo volume].

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search