Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La mort, les morts dans les sociétés anciennes

 | 
Gherardo Gnoli
, 
Jean-Pierre Vernant

Pratiche funerarie nelle regioni del Nord-Ovest dell’India

Le necropoli del Pakistan settentrionale

Chiara Silvi Antonini

Texte intégral

  • 1 G. Tucci, «The Tombs of the Aśvakayana-Assakenoi», EW 14, 1963, pp. 27-28. C. Silvi Antonini, «Pre (...)

1Agli inizi degli anni sessanta la Missione Archeologica Italiana, nel corso di una serie di campagne di scavo, portava alla luce tre vaste necropoli protostoriche nella valle dello Swāt (Pakistan). Poiché tali necropoli formano l’oggetto del presente studio, sembra opportuno premettere una concisa descrizione delle loro caratteristiche salienti rinviando, per i particolari che non interessano l’argomento della nostra discussione, all’ampia bibliografia in proposito.1

2Il primo dato di rilievo é la posizione dei sepolcreti. Essi si trovano sulle pendici di colline non particolarmente ripide, situate in prossimità di fiumi. Le tombe sono a fossa rettangolare e si compongono di una cavità superiore e di una inferiore di dimensioni leggermente minori. Tra le due, la separazione é ottenuta mediante un battente, ricavato nel terreno, e lastre di pietra, generalmente in numero di tre, che chiudono la fossa inferiore. In quest’ultima era deposto il defunto (o i defunti) e il corredo funebre.

3Questa struttura nello Swāt patisce poche eccezioni. In alcuni casi si sono trovate le pareti interne della fossa inferiore rivestite con muri fatti di lastrine di schisto, i quali — invero molto raramente — presentano delle nicchie ο dei varchi atti a contenere oggetti del corredo. Alcune tombe invece hanno il fondo rivestito con una ο più lastre su cui si trovava adagiato lo scheletro.

4Lo stato di preservazione delle sepolture Swāti non era ottimo. Conseguentemente, nella totalità dei casi, é andata perduta la parte sopra-terra delle tombe medesime, il che ha impedito di avere una qualsivoglia certezza di eventuali semata. In molti casi anche buona parte della fossa superiore non si é conservata.

5Per quanto riguarda i riti funerari, si sono potute constatare le pratiche dell’inumazione, dell’incinerazione e della sepoltura secondaria, che ricorrono con diversa frequenza (statisticamente parlando, siamo in presenza di un prevalere del rito inumatorio) e con lievi modifiche nel corso del tempo. Inoltre le sepolture possono essere singole, doppie ο multiple, sia tra gli inumati che tra gli incinerati. Infine si sono trovate sepolture miste, cioé tombe in cui l’inumato é associato ad una sepoltura secondaria ο ad un’urna contenente ossa combuste.

6Nel rito dell’inumazione, il defunto veniva deposto steso su un fianco (indifferentemente il destro ο il sinistro), in posizione rannicchiata, con le braccia piegate e le mani in prossimità del volto. L’orientamento sembra essere stato determinato non dai punti cardinali ma dalla conformazione del terreno, perché il morto veniva sempre deposto con il capo rivolto verso la sommità del monte. Si é dato pero anche il caso (tb. 9, 33, 5, 75, 50 di Katelai e tb. 135, 62 di Loebanr) in cui il cranio manca totalmente.

7Per ciò che concerne il rito della cremazione, in realtà non si tratta di una completa incinerazione — cioé di una riduzione del cadavere in cenere — ma di una semi-combustione. Le ossa venivano in parte preservate, quindi deposte in recipienti di ceramica (ogni individuo singolarmente ο in numero di due e più) e seppellite nella fossa inferiore.

8Sembra utile ricordare che alcune fosse sono state rinvenute prive di ossa e altre, di dimensioni ridotte, racchiudevano i resti, in genere poverissimi, di scheletri di bambini.

9Il corredo contenuto nelle tombe era composto prevalentemente di vasi in argilla, fatti al tornio, di colore grigio ο rosso e decorati, a volte, con motivi incisi, a rilievo ο con semplici strigilature.

10Mi limiterò a prendere in considerazione le urne e le giare funerarie. Tipologicamente, le giare che contengono ossa semi-combuste sono del tipo più comune, cioé sono grandi vasi globulari con orlo volto in fuori e base a disco. La loro caratteristica distintiva risiede nella «decorazione». Sulle spalle del vaso infatti, nella maggior parte di esse, compaiono tre fori, di cui uno, più grande, é al centro e gli altri sono disposti in alto sui due lati. Questo lo schema fondamentale. Le varianti sono essenzialmente quattro: 1. i fori sono due e di piccole dimensioni; 2. il foro centrale é accompagnato da una serie di fori minori (di numero variabile) disposti tutt’intorno; 3. al di sopra del foro centrale compare una protuberanza a mo’di naso, spesso decorata su ambedue i lati con motivi a rosette, punzonati; 4. sulle spalle del vaso é disposta una costolatura accompagnata da gruppi di più segmenti in rilievo, ortogonali ad essa. L’effetto d’insieme suggerisce l’immagine di una collana.

11Le urne funerarie si configurano invece come recipienti ovoidali ο rettangolari con spigoli esterni marcati, provvisti di tre ο più fori praticati lungo il lato breve (ma esistono esemplari con fori anche sul lato lungo). Si possono pero avere modifiche nella disposizione dei fori, in sequenza triangolare ο su due ordini (se i fori sono quattro).

12Un particolare significato dovevano avere anche le figurine in terracotta. In prevalenza si tratta di figure femminili che, tipologicamente, possono essere divise in tre gruppi. Il primo, quantitativamente più rilevante, é composto da una figura stante con gambe separate, braccia ridotte a protuberanze approssimativamente triangolari, seni non particolarmente evidenti, volto caratterizzato da un naso prominente ed una capigliatura a diadema, cava all’interno. La decorazione, sulle guance e sul petto, é costituita da rosette punzonate e/o da una serie di punti ο linee lungo la schiena e intorno alla vita. A questo tipo appartiene anche una figura maschile, sostanzialmente identica, priva cioé solo del seno e dell’acconciatura a diadema. Il secondo gruppo é costituito da pochi esemplari di figure femminili del tipo cosiddetto «a violino», con gli arti inferiori uniti in modo da presentare un profilo vagamente triangolare. Il volto é ancora caratterizzato dalla protuberanza nasale, ma accompagnato da uno ο più fori come occhi. Il terzo gruppo, rappresentato da un unico esemplare, é molto simile al primo, salvo che per la parte terminale che omette le gambe. Si é trovato infine qualche esemplare in osso, di forma estremamente stilizzata.

  • 2 S. Azzaroli, «Two Proto-historic Horse Skeletons from Swāt, Pakistan», EW 25, 1975, pp. 353-358.

13Credo che l’ultimo elemento degno di essere messo in evidenza a proposito dei sepolcreti dello Swāt sia il rinvenimento dello scheletro di due cavalli portati alla luce da chi scrive a Katelai. Gli animali giacevano coricati l’uno sul fianco sinistro, l’altro sul fianco destro con le zampe, sia anteriori che posteriori, leggermente flesse. Essi non erano stati inumati in fosse, ma sembravano trovarsi non accidentalmente entro l’area sacra del cimitero. L’analisi dei resti ossei, sufficientemente ben preservati, ha portato2 ai seguenti risultati: in ambedue i casi si tratta di stalloni, di 8-9 anni il primo, tra i 16 e i 20 anni il secondo. Quest’ultimo poi era un animale provato sia dagli anni che dal lavoro. I cavalli giacevano non lontani l’uno dall’altro ma non sembravano avere connessioni reciproche.

14Tra gli oggetti del corredo, il cavallo compare in altri due casi: come manico del coperchio della giara della tomba 19 di Loebanr e come parte terminale di un puntale di rame contenuto in una giara della tomba 242 di Katelai. Quest’immagine sembra dunque associata al rito della cremazione.

  • 3 A.H. Dani, «Timargarha and Gandhara Grave Culture», AP 3, 1967, Special Number, Peshawar, 1968.
  • 4 Le ricognizioni sono state compiute da G. Stacul che ne riferisce in una serie di articoli. G. Sta (...)

15In seguito al rinvenimento delle necropoli dello Swāt, le ricerche vennero ampliate. Cosi, una fortunata survey fu effettuata dall’équipe dell’Università di Peshawar guidata da A.H. Dani, nella regione del Dir, col conseguente ritrovamento della necropoli di Timarghara3 che presenta notevoli punti di contatto con quelle dello Swāt. Similmente può dirsi, salvo varianti non significative, per le tombe rinvenute a Ushoram e Rashnel nell’alta valle dello Swāt, per quelle del Chitral, del Buner, di Aligrāma ο di Kherai lungo il fiume Gorband.4

16I risultati di tali esplorazioni testimoniano della notevole estensione della cultura protostorica del Pakistan settentrionale in senso territoriale. In senso temporale poi, tale cultura perduro per un lungo arco di tempo. Sulla base delle prove al C 14, dei raffronti del materiale ceramico e dei riti di sepoltura, le necropoli sono state datate tra il XVI e il III sec. av. Cr. Secoli durante i quali si verificarono dei mutamenti che ci permettono di individuare tre diverse fasi (Periodo I, II, III), distinguibili tra loro per il prevalere di una caratteristica sull’altra.

  • 5 G. Stacul, «The Gray Pottery in the Swāt Valley and the Indo-Iranian Connections (ca 1500-300 B.C. (...)
  • 6 C. Silvi Antonini, «Swāt and Central Asia», EW 19, 1969, pp. 100-115; id., «More about Swāt and Ce (...)
  • 7 A.K. Sharma, «Neolithic Human Burial from Burzahom, Kashmir», JOI 16, 1967, pp. 240-254.
  • 8 A.H. Dani, «Excavations in the Gomal Valley», AP 5, 1970-71.

17Lo studio della cultura materiale delle necropoli ci ha indotto a ricercare analogie con le culture note delle aree adiacenti. Alcuni tipi di vasi trovavano immediati riscontri con i siti dell’Iran settentrionale5 ο dell’Asia Centrale,6 mentre recenti ricerche archeologiche portavano alla luce la cultura neolitica del Kashmir (Burzahom I e II)7 e quella della valle di Gomal (siti di Gumla e Hathala)8 che mostrano notevoli punti di contatto con quella Swati.

  • 9 M.S. Vats, Excavations at Harappa, Delhi, 1940; cf. anche: M. Wheeler, «Harappa 1946: the Defences (...)
  • 10 S.S. Sarkar, Ancient Races of Balucistan, Punjab and Sind, Calcutta, 1964.
  • 11 G. Stacul, «The Fractional Burial Custom in the Swāt Valley and some connected Problems», EW 25, 1 (...)

18Se poi prendiamo come punto di riferimento i riti funerari, le nostre indagini rischiano di dover abbracciare un campo ancora più vasto. Citerò solo qualche esempio. Nel cimitero H di Harappa9 sono presenti la cremazione, l’esposizione e l’inumazione (strato I). Nello strato II troviamo invece gli inumati, di cui cinque in posizione flessa. Riguardo alla molteplicità dei riti funerari praticati simultaneamente é significativa l’analisi delle culture beluchistane, dove sono stati rinvenuti cimiteri in cui prevale il rito della cremazione e altri con inumati in posizione estesa ο flessa (più freuqenti). Si é ritenuto che, nel Beluchistan, la parziale cremazione precedesse lo stadio dell’inumazione.10 Lo Stacul11 ritiene che similmente awenga nello Swāt, dove il periodo I é caratterizzato da una prevalenza della cremazione, il II dell’inumazione (col contemporaneo decrescere della cremazione ed incrementarsi delle sepolture secondarie). Situazione analoga anche per il periodo III, quando prevalgono gli inumati, con rari casi di cremazione e dubbi casi di sepoltura secondaria. Il rito della sepoltura secondaria a sua volta coinvolge un territorio similmente esteso che parte dall’Europa Orientale (dove é ampiamente diffuso), é presente a Mundigak, a Burzahom, nel cimitero H e nella zona centro-asiatica.

19Molti punti di riferimento dunque, ma troppo estesi nel tempo e nello spazio per poter essere affrontati in un lavoro preliminare.

20Non resta che prendere nuovamente in mano i dati per dedurne considerazioni di carattere generale.

21In primo luogo, per quanto possibile, determinare la struttura sociale ed economica delle popolazioni della zona. Qualche indicazione possiamo trarla dai diversi modi di costruire la fossa inferiore, altre dal corredo. Lo schema usuale di sepoltura contempla infatti delle varianti che implicano un maggior lavoro da parte dei viventi e che si propongono come fine una migliore protezione del defunto, quindi una più duratura preservazione delle ossa.

22Per quanto riguarda il corredo poi, noteremo che alcune tombe ne sono totalmente prive, altre contengono fino a 45 oggetti. La disparità sembra notevole, ma si deve tener presente che le tombe con più di 30 reperti erano solo 10 sulle 474 scavate. Pare evidente che nessuna delle tombe rinvenute si presenta come particolarmente importante, diciamo «regale», ma che alcune di esse tendono a distinguersi dalle altre.

23Com’é strutturata la società cui le necropoli appartenevano? I dati offertici dagli stessi sepolcreti possono indurci a credere in una suddivisione in gruppi, famiglie ο clan. Confortano tale ipotesi la presenza di tombe doppie ο multiple che trovano la loro più logica spiegazione come tumuli a carattere famigliare, quindi la diversità dei riti e la loro distribuzione, quantitativamente differenziata, durante i tre periodi di vita delle necropoli. E’possibile che ciò stia ad indicare che gruppi diversi potevano alternativamente assumere il ruolo di guida della popolazione e che l’attività economica del gruppo predominante facesse privilegiare un rito anziché un altro.

  • 12 L. Costantini, «Notes on the Palaeoethnobotany of Protohistorical Swāt», in M. Taddei (Ed.) South (...)

24L’analisi dei corredi dovrebbe dare anche indicazioni sulla attività economica prevalente del gruppo. Neppure in questo caso però si é potuti giungere a delle certezze. Gli utensili da lavoro più frequenti sono forse le fuseruole; ad esse si aggiungono due arpioni, qualche ascia, coltelli, bulini e dei dischi, scanalati su un lato, il cui uso ci é ignoto. Quindi, un certo numero di punte di freccia ο di lancia in rame ο in ferro. Infine moite giare da magazzino contenenti alimenti a base di cereali. Ognuno di questi elementi suggerisce un’attività produttiva diversa: la pastorizia, la pesca fluviale, la caccia e l’agricoltura. Quest’ultima poi era certamente praticata dagli abitanti del luogo perché negli insediamenti di Loebanr III e Aligrāma sono stati rinvenuti semi la cui analisi ha provato l’esistenza di piante di grano, orzo, riso, legumi e persino vite.12

  • 13 W. Bernhard, «Human Skeleton Remains from the Cemetery of Timargarha», AP 3, 1968.

25Infine la presenza di necropoli lungo strade di comunicazione presumibilmente frequentate fin da epoca protostorica non permette di escludere neppure la pratica del commerciò. In sostanza, tutte le attività produttive sembrano rappresentate, anche se differisce 1’importanza che ciascuna di esse aveva in seno al gruppo. Ritengo però che questa molteplicità non sia totalmente contraddittoria, se si accetta il punto di vista che, nel corso degli oltre dieci secoli di vita delle necropoli, si é avuto un progressivo adattamento della popolazione all’ambiente ed un possibile ricambio di popolazione, pur mantenuto nell’ambito della stessa etnia, capace di provocare cambiamenti più ο meno evidenti. I movimenti di masse umane nel territorio nord-occidentale del continente indiano sono documentati ampiamente. Del resto, a voler restare fermi ai dati tratti dalle necropoli del territorio esaminato, gli antropologi parlano di una prevalenza di scheletri di tipo europoide (mediterraneo), misto al protoeuropoide (tipo di Andronovo) e ad elementi mongoli.13 Non sembra quindi del tutto azzardato supporre una commistione pacifica di gruppi umani diversi, non distanti per usi e costumi.

  • 14 G. Stacul, art. cit., supra, n. 11.
  • 15 E. Gasparini, Il Matriarcato Slavo, Firenze, 1973.

26E’ possibile desumere dai dati che abbiamo fin qui esposto, una «ideologia funeraria» delle genti dello Swāt? Proverò a riesaminare, con tale intendimento, gli elementi più significativi di questa cultura. Come dicevo all’inizio, siamo in presenza di tre diverse pratiche funerarie: l’inumazione, l’incinerazione e la sepoltura secondaria. Tuttavia tutti i morti venivano interrati, cioé sigillati in una doppia fossa. Infatti i defunti il cui corpo era passato per il fuoco fino al punto di essere ridotto ad ossa semi-combuste, venivano anch’essi racchiusi in appositi recipienti e seppelliti. Similmente dicasi per quelle che noi abbiamo chiamato sepolture secondarie, cioé il mucchio delle ossa raggruppate e sepolte in fossa singolarmente ο con altro scheletro in connessione anatomica. Sul processo che ha portato al seppellimento delle ossa non in connessione si sono avanzate varie ipotesi. Infatti la decomposizione del cadavere si può ottenere sia mediante l’esposizione (affinché le carni vengano a corrompersi a contatto con gli agenti atmosferici ο per l’intervento di animali) sia attraverso un interramento temporaneo, con successiva riesumazione e reinumazione delle ossa. Personalmente ritengo che quest’ultima ipotesi sia la più plausibile e baso la mia convinzione su due elementi. Il primo é il ritrovamento di alcune tombe prive di ossa, il secondo é la costante presenza, in prossimità dei cimiteri, di un corso d’acqua. Le tombe vuote possono infatti essere giustificate, secondo la giusta argomentazione dello Stacul,14 considerandole come temporaneo ostello del defunto in vista della sua scarnificazione. In quanto all’acqua, é chiaro che essa può essere chiamata in causa quale elemento simbolico della purificazione, ma é noto che, in epoca storica, in moite località dell’area slava é documentata una pratica rituale che contemplava non solo il dovere di lavare il cadavere al momento della sepoltura ma anche quello di lavare le ossa al momento della riesumazione per la sepoltura secondaria.15

27Il morto dunque veniva sepolto e isolato completamente. Però all’interno della fossa il cadavere veniva prowisto di offerte; probabilmente di tipo alimentare, se teniamo nel giusto conto la frequente comparsa di grandi giare da magazzino e l’abbondanza di vasi adatti ad assolvere la funzione potoria quali calici, coppe, bicchieri, ecc. Tuttavia la tomba non aveva aperture, ciòè il rifornimento non poteva essere ripetuto. Si può pensare che i congiunti fornissero al defunto mezzi di sostentamento solo per il periodo necessario al suo liberarsi totalmente dal corpo, ciòè solo fino alla completa macerazione delle carni. In tale periodo infatti il defunto, spinto da necessità, avrebbe potuto tornare tra i vivi per soddisfarle. Eventualità che il vivente desiderava evitare. A sostegno di tale ipotesi riconsideriamo la posizione degli inumati. E’stato già detto che gli scheletri sono in posizione rannicchiata ed é stato notato che, nel Periodo I e II, la piegatura degli arti inferiori é tale da far supporre che fosse ottenuta mediante legatura. Si é pensato owiamente che fosse desiderio del defunto essere deposto in posizione embrionale, per facilitare il suo ritorno nel grembo della terra, ma credo non possa escludersi che tale procedimento fosse voluto dai viventi, che in tal modo gli impedivano materialmente di far ritorno fra loro. Si può obiettare che tale visione delle cose male si addice al rito della cremazione. Però non bisogna dimenticare che la combustione delle ossa nelle necropoli in esame non é completa, e che solo la totale riduzione in cenere può garantire il non ritorno.

  • 16 L. Lévy-Bruhl, Sovrannaturale e natura nella mentalità primitive, tr. it. Roma, 1973, in particola (...)

28I morti recenti, scriveva Lévy-Bruhl,16 sono in realtà «gli altri membri del clan» per i viventi. Di conseguenza i viventi debbono farsi obbligo di prowedere al loro sostentamento finchè non sopraggiunga la «morte definitiva». Incombenza peraltro non priva di ricompensa nella misura in cui il defunto liberato si trasforma in protettore del vivente. Del resto, lo stesso processo di decomposizione poteva venire considerato come fattore positivo da un popolo a base economica agricola.

  • 17 J.P. Roux, La mort chez les peuples altaïques anciens et médiévaux, Paris, 1963, p. 152.

29Si può supporre che al momento della morte definitiva il defunto mutasse radicalmente ambiente, raggiungesse altri luoghi. Purtroppo non ci sono dati archeologici a sostegno di una simile ricostruzione. Solo due elementi potrebbero trovare una spiegazione a seguito di tale ipotesi: la presenza dei cavalli a Katelai e la disposizione delle necropoli sulle pendici di colline. Il rinvenimento dei cavalli aveva orientato le nostre ricerche verso le steppe centro-asiatiche dove, com’é noto, il sacrificiò del cavallo é ampiamente documentato. I cavalli di Katelai pongono però più di un problema. Infatti essi non sono sepolti dentro una tomba, ma fuori, separatamente, e per meglio dire non sono neppure sepolti, ma solo adagiati accanto alle tombe. Gli annali cinesi riferiscono che presso i popoli altaici si sacrificava un montone ο un cavallo «e lo si stendeva davanti alla tenda (funeraria?) come per offrirlo in sacrificiò».17 L’analisi compiuta dall’Azzaroli sulle ossa dei cavalli in questione non é di conforto all’idea del sacrificiò rituale. Infatti, uno dei due animali é un vecchio Stallone, provato da lunghi anni di lavoro. Sappiamo però che presso i popoli altaici frequentemente si uccideva anche un animale da trasporto, per fornire al defunto un mezzo che lo aiutasse a percorrere il cammino verso l’aldilà. Nulla quindi impediva di sacrificare il cavallo stesso del morto, anche se non si trattava di animale pregiato. Ciò però implica la credenza che il morto fosse costretto a trasferirsi da un luogo ad un altro.

  • 18 M. Bussagli, «La fisionomia religiosa del dio Žun (o Shun) di Zābūl», Cusanica et Serica, RSO 37, (...)

30Il secondo elemento, la disposizione delle necropoli e la posizione dello scheletro deposto con il capo rivolto verso la sommità della collina, ci induce ad una analoga conclusione. Il defunto sembra essere disposto in modo tale da facilitare la sua ascesa verso la cima del monte. Quale fosse il ruolo della montagna nelle credenze di queste popolazioni é certo più arduo da definire. Potremmo intendere la cima del monte come sede privilegiata di un «olimpo» da raggiungere, ovvero come elemento determinante legato al culto degli antenati.18 Certo il luogo su cui impiantare il sepolcreto era scelto con cura e aveva in sé un qualche carattere di sacralità. A mio avviso l’ipotesi del culto degli antenati é la più verosimile. Il defunto (tutti i defunti ο solo alcuni di essi) diventava antenato e ritornava alla sede originaria da cui il primo antenato era disceso: la montagna.

  • 19 A.H. Dani, art. cit. (supra, n. 3), p. 27.
  • 20 E. Castaldi, art. cit. (supra, n. 1), p. 577.

31Tutto ciò é più evidente nel caso degli inumati. Tuttavia anche per gli incinerati si aveva cura di deporre la giara accanto alla parete ortogonale alla sommità della collina. Per essi però, l’elemento di maggior rilievo sono le giare e urne funerarie già descritte. Quale, in definitiva, il significato del volto umano che vediamo rappresentato sui vasi? Dapprima il fatto di trovarsi di fronte ad un recipiente fornito di coperchio, ciòè ad uno spazio chiuso, con fori, ossia aperture, ci aveva indotto ad interpretare queste ultime come varchi lasciati perché l’anima potesse abbandonare definitivamente il corpo al momento voluto. Ma questi fori sono disposti in modo da suggerire l’immagine di un volto umano. Addirittura maschile ο femminile, se si interpreta la decorazione sulle spalle delle giare come una collana. Potremmo allora avanzare l’ipotesi che tali volti siano raffigurazioni di Mani, che tale immagine cioè fosse rappresentata in funzione del defunto, fosse perciò intesa a tutelarne il trapasso. In appoggio a questa ipotesi possiamo ricordare la presenza degli idoli femminili. Il loro aspetto non induce a connetterli con il culto della Dea Madre per lo scarso rilievo dato agli attributi femminili e agli organi genitali. A.H. Dani parla a questo proposito di significato «totemico»,19 mentre la Castaldi li ritiene «divinità protettrici del defunto».20 Mani dunque, maschili e femminili.

32Resta da mettere in rilievo un ultimo elemento: l’importanza del cranio nell’ambito della deposizione secondaria. Abbiamo visto che generalmente il cranio veniva deposto sopra le ossa lunghe ammucchiate. Ma nella tomba 135 di Loebanr, per esempio, il cranio della sepoltura secondaria é interrato separatamente in una piccola fossa scavata lungo il lato ovest. Si tratta di un unicum, ma forse non privo di significato se lo si pone in relazione al fatto che alcuni degli inumati sono stati rinvenuti privi di cranio. Non è improbabile dunque che il cranio avesse, per una parte della popolazione, una sua specifica funzione.

33Volendo trarre delle conclusioni dai dati suesposti, dovremo ipotizzare, per queste popolazioni dello Swāt, una società in cui il rapporto tra morti e viventi é un rapporto di netta separazione, nella misura in cui il morto viene deposto nella sua nuova dimora, distante dal centro abitato, ed aiutato ο costretto a restarvi con vari procedimenti. Tuttavia le ossa del defunto conservano un valore intrinseco, vuoi per una eventuale credenza nella reincarnazione, vuoi per permettere al defunto di assumere l’aspetto di nume tutelare del gruppo. Il contatto tra il morto e il vivente può essere stabilito nuovamente solo dopo che il defunto abbia raggiunto lo stato della «morte definitiva».

34E’ possibile che la popolazione stanziatasi nelle regioni settentrionali del Pakistan e là stabilitasi per oltre un millennio portasse con sé un retaggio di vita nomade-pastorale che andò via via affievolendosi. Ne sono indizi probabili il prevalere della cremazione nel periodo più antico e quindi il suo perpetuarsi accanto all’inumazione e alla sepoltura secondaria. Ne sembra prova la formazione dei sepolcreti lontani dall’abitato, cioé eletti a punto di riferimento fisso in opposizione all’abitato che é sentito come passibile di spostamenti. Conseguentemente, scelta di un luogo che mostri evidenti caratteri di sacralità e mantenimento dello stesso anche con l’accrescersi delle esigenze. Da cui l’uso di riutilizzare le tombe e le numerose sovrapposizioni. Rapidamente però awiene la sedentarizzazione e il passaggio all’agricoltura. La struttura sociale può aver mantenuto determinate caratteristiche, quale la suddivisione in clan, che poi vanno progressivamente perdendo vigore. Non a caso nel periodo più tardo abbiamo una diminuzione dei riti collaterali ed una prevalenza di tombe singole.

  • 21 E. Gasparini, op. cit. (supra, n. 15), p. 605.

35Resta, presumibilmente invariata, le credenza nella soprawivenza dell’anima; al limite, il progressivo diffondersi del rito di inumazione può significare che questa società, divenuta agricola, predilige l’interramento perché «inumazione equivale a seminagione, e decomposizione a germinazione».21

Fig. 1 — Tomba n° 172 di Loebanr con battente rivestito di lastre di schisto.

Fig. 2 — Gruppo di giare funerarie. Ciascuna di esse presenta una diversa variante dei fori di apertura.

Fig. 3 — Tomba n° 145 di Loebanr contencnte un inumato in connessione anatomica.

Fig. 4 — Tomba n° 237 di Katelai con due scheletri inumati in posizione affrontata.

Notes

1 G. Tucci, «The Tombs of the Aśvakayana-Assakenoi», EW 14, 1963, pp. 27-28. C. Silvi Antonini, «Preliminary Notes on the Excavation of the Necropolises found in Western Pakistan», EW 14, 1963, pp. 13-26. G. Stacul, «Preliminary Report on the Pre-Buddhist Necropolises in Swāt (West Pakistan)», EW 16, 1966, pp. 37-79. E. Castaldi, «La necropoli di Katelai I nello Swāt. Rapporto sullo scavo delle tombe 46-80 (1963)», Atti dell’Accademia Naz. dei Lincei, Memorie, ΧΙΠ, 7, 1968, pp. 485-641. C. Silvi Antonini, G. Stacul, The Proto-Historic Graveyards of Swāt (Pakistan), IsMEO, RepMem, 7, Roma, 1972.

2 S. Azzaroli, «Two Proto-historic Horse Skeletons from Swāt, Pakistan», EW 25, 1975, pp. 353-358.

3 A.H. Dani, «Timargarha and Gandhara Grave Culture», AP 3, 1967, Special Number, Peshawar, 1968.

4 Le ricognizioni sono state compiute da G. Stacul che ne riferisce in una serie di articoli. G. Stacul, «An Archaeological Survey near Kālām (Swāt Kohistān)», EW 20, 1970, pp. 87-91; id., «Discovery of Proto-historic Cemeteries in the Chitral Valley (West Pakistan)», EW 19, 1969, pp. 92-99; id., «Discovery of Four Pre-buddhist Cemeteries near Pācha in Buner (Swāt, W. Pakistan)», EW 17, 1967, pp. 220-232; id., «Notes on the Discovery of a Necropolis near Kherai in the Gorband Valley (Swāt, West Pakistan)», EW 16, 1966, pp. 261-274.

5 G. Stacul, «The Gray Pottery in the Swāt Valley and the Indo-Iranian Connections (ca 1500-300 B.C.)», EW 20, 1970, pp. 92-102.

6 C. Silvi Antonini, «Swāt and Central Asia», EW 19, 1969, pp. 100-115; id., «More about Swāt and Central Asia», EW 23, 1973, pp. 235-244; cf. anche: E.E. Kuz’mina, «Kul’tura Swāta i eë svjazi s severnoj Baktriej», KSIA 132, 1972, pp. 116-121; id., «Κ voprosu ο formirovanii kul’tury severnoj Baktrii», VDI 1, 1972, pp. 131-149.

7 A.K. Sharma, «Neolithic Human Burial from Burzahom, Kashmir», JOI 16, 1967, pp. 240-254.

8 A.H. Dani, «Excavations in the Gomal Valley», AP 5, 1970-71.

9 M.S. Vats, Excavations at Harappa, Delhi, 1940; cf. anche: M. Wheeler, «Harappa 1946: the Defences and Cemetery R 37», AI 3, 1947.

10 S.S. Sarkar, Ancient Races of Balucistan, Punjab and Sind, Calcutta, 1964.

11 G. Stacul, «The Fractional Burial Custom in the Swāt Valley and some connected Problems», EW 25, 1975, pp. 323-332.

12 L. Costantini, «Notes on the Palaeoethnobotany of Protohistorical Swāt», in M. Taddei (Ed.) South Asian Archaeology 1977, Napoli 1979, pp. 703-708.

13 W. Bernhard, «Human Skeleton Remains from the Cemetery of Timargarha», AP 3, 1968.

14 G. Stacul, art. cit., supra, n. 11.

15 E. Gasparini, Il Matriarcato Slavo, Firenze, 1973.

16 L. Lévy-Bruhl, Sovrannaturale e natura nella mentalità primitive, tr. it. Roma, 1973, in particolare pp. 154-172.

17 J.P. Roux, La mort chez les peuples altaïques anciens et médiévaux, Paris, 1963, p. 152.

18 M. Bussagli, «La fisionomia religiosa del dio Žun (o Shun) di Zābūl», Cusanica et Serica, RSO 37, 1962, pp. 79-91.

19 A.H. Dani, art. cit. (supra, n. 3), p. 27.

20 E. Castaldi, art. cit. (supra, n. 1), p. 577.

21 E. Gasparini, op. cit. (supra, n. 15), p. 605.

Table des illustrations

Légende Fig. 1 — Tomba n° 172 di Loebanr con battente rivestito di lastre di schisto.
URL http://books.openedition.org/editionsmsh/docannexe/image/7787/img-1.jpg
Fichier image/, 818k
Légende Fig. 2 — Gruppo di giare funerarie. Ciascuna di esse presenta una diversa variante dei fori di apertura.
URL http://books.openedition.org/editionsmsh/docannexe/image/7787/img-2.jpg
Fichier image/, 664k
Légende Fig. 3 — Tomba n° 145 di Loebanr contencnte un inumato in connessione anatomica.
URL http://books.openedition.org/editionsmsh/docannexe/image/7787/img-3.jpg
Fichier image/, 735k
Légende Fig. 4 — Tomba n° 237 di Katelai con due scheletri inumati in posizione affrontata.
URL http://books.openedition.org/editionsmsh/docannexe/image/7787/img-4.jpg
Fichier image/, 744k

© Éditions de la Maison des sciences de l’homme, 1990

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540