Version classiqueVersion mobile

Premières communautés paysannes en Méditerranée occidentale

 | 
Jean Guilaine
, 
Jean Courtin
, 
Jean-Louis Roudil
, 
et al.

Sicile, Péninsule italique, zone tyrrhénienne

IL Condizionamento ambiente nel neolitico a ceramica impressa di Pienza (Siena). Nota preliminare1

Gabriella Calvi Rezia

Résumé

L’on se propose de lier les restes du site néolithique à céramique imprimée évoluée de Pienza à l’habitat qui l’intéresse directement, le Versant Valdorciano. Dans cette aire l’on croît pouvoir localiser trois zones : 1) terrasses de grès, comprenant le site néolithique . 2) étroite bande argileuse, immédiatement au Sud des terrasses, avantagée par la superposition des débris sableux des terrasses et l’affleurement de la nappe phréatique, à laquelle, par conséquent, l’on peut rapporter l’aspect le plus ancien de l’agriculture pientina ; 3) formation argileuse dans la vallée, coïncidant avec l’essentiel de l’habitat, apte seulement au pâturage. En concomitance avec l’étendue de cette formation, la prééminence du mouton (ou de la chèvre) parmi les restes fauniques des niveaux du Néolithique ancien du dépôt anthropique de Pienza dénote à cette époque une nette orientation de l’économie du site vers l’élevage.

Note de l’auteur

Note portant sur l’auteur2

Texte intégral

  • 1 La ricerca è stata agevolata dal Geom. A. Dellagiovanpaola del Comune di Pienza e dai Propretari et (...)

1Si ricerca un rapporto fra l’insediamento del Neoli-tico a ceramica impressa di Pienza (Siena) e l’habitat che più direttamente sembra interessarlo, il Versante Valdorciano. Si ricorda che questo Neolitico è stato da me riferito all’orizzonte Mediterraneo a ceramica impressa evoluta, con l’ipotesi di une datazione pros-sima alla meta del VI millennio a.C, in ragione delle analogie con Basi, Corsica (G. Calvi Rezia, 1980 e Fig. 1). Si ricorda pure che un inserimento del Neolitico pientino a ceramica impressa nella corrente del Car-diale Mediterraneo è stato anche di recente suffragato (J. Roudil, M. Soulier, 1983). A Pienza il Neolitico a ceramica impressa evoluta è finora apparso sempre alla base del deposito antropico stratificato (G. Calvi Rezia, 1969-1972). Di conseguenza questo Neolitico risulta a Pienza l’espressione del primi coloni della zona, appor-tatori della nuove tecnologie.

2Si rileva che il Versante Nord della Val d’Orcia, su cui prospettano i resti dell’insediamento, presenta da Nord a Sud tre aree differenziate. 1) Banco d’are-naria degradante a terrazzi, drenaggio (C. De Stefani, 1905), resti di vegetazione a querce caducifoglie (Tav. I). Tale tipo di vegetazione è attestato à Pienza, ai livelli della ceramica impressa, da numerosi carboni di legno (L. Castelletti TI, 1976). 2) Ristretta fascia sos-tanzialmente argillosa, cui si sovrappone il manto detri-tico proveniente dai sovrastanti terrazzi, affiorare della falda freatica, coltivo (P. Gambassini, 1982). A questa fascia si può forse rapportare, per la presenza dell’acqua, l’aspetto più antico dell’agricoltura pientina, quale, ancora nei livelli a ceramica impressa di Pienza, appare indiziato dai resti carbonizzati di gra-minacee (L. Castelletti, 1976). 3) Ampia area occupata da une formazione a forte componente argillosa, scarsa percentuale di sabbia, falda freatica in profondità, coltivo da parziale bonifica o pascolo. All’estensione di tale area sembra corrispondere, nei resti faunistici del livelli dell’Impressa pientina, la decisa preminenza degli ovini, caprini, sui bovini, suini, cani (G. Barker, 1977).

Figure 1 : Ceramica impressa del livelli inferiori del depositi antropici di Pienza, Toscana (a sinistra) e di Basi, (a destra).

Tav. 1 : Versante Nord della Val d’Orcia, resti di vegetazione a querce caducifoglie.

3E’ su questa terza zona, la più a valle, che ci si pro-pone di attirare brevemente l’attenzione.

4Ancora vent’anni fa, questa zona era descritta dai naturalisti fra le più desolate della Toscana, a causa d’una formazione argillosa del Pliocene, localmente « le Crete », che si ritiene sia sussistita con gli stessi carat-teri d’instabilità e d’improduttività agricola (64/70 per cento d’argilla) (U. Lo Sacco, 1963) fino alla recente parziale bonifica (G. Ravagni, 1983).

5Le « Crete », tuttavia, avevano une resa a pascolo, con una vegetazione a tale resa particolarmente idonea (G. Santi, 1758, A. De Bellis, 1978). Pare così credibile che l’ampiezza di quest’area con questa resa condizionasse fin dall’inizio i coloni verso la pastorizia a livello sopravvivenza.

6Dai resti faunistici non risulta une precoce macellazione della specie (G. Barker, 1977). Si puô supporre che i pastori albergassero le greggi nell’area collinare, ove la ripetizione della pionita curvilinea di presunte palizzate (G. Calvi Rezia, 1972) sembra indicare une zona devoluta ad un’attività particolare dell’economia del sito. Tenendo presente la situazione del Versante Valdorciano che s’è delineata, si ipotizzano due per-corsi per arrivare al pascolo (Tav. II). Un percorso diretto, in direzione Sud, doveva necessariamente attra-versare la presunta area agricola in corrispondenza dell’attuale Podere La Pieve, con pericolo di danno aile coltivazioni. Un secondo percorso ad ellisse, in direzione Ovest e poi Sud, dava modo di sfruttare fino alla fine del percorso stesso le caratteristiche naturali del terrazzi d’arenaria cui s’è accennato. Infatti questo percorso di mezza costa offriva alle greggi l’opportunità sia di camminare all’asciutto, sia di sfruttare almeno a tratti l’ombra delle querce caducifoglie.

Tav. II : Ipotesi sui percorsi al pascolo.

7La porzione terminale di tale percorso collinare, d’al-tra parte, raggiungeva il pascolo fra gli attuali Poderi Arpicella e Colombaio in corrispondenza di un affio-ramento Nord della formazione argillosa (U. Losacco, 1963), che permetteva alle greggi di evitare, in tale porzione di terreno, la supposta area agricola. A conferma di questa seconda ipotesi stanno anche, quasi alla fine della pista di mezza costa, i ritrovamenti di Podere Por-ciano, con la presenza dell’Impressa di Pienza (G. Calvi Rezia, 1972). A Porciano tale presenza pare avère anche un altro particolare significato. Porciano infatti è l’unica località dell’ipotizzato percorso in cui le greggi rasentavano una fonte. Più oltre, lasciata aile spalle l’area di affioramento della falda freatica, l’esigenza dell’acqua nelle « crete » doveva essere la più assillante. Si ricorda che in Val d’Orcia, a Nord dell’Orcia, le pre-cipitazioni estive sono rare (C. Carletti, 1886-1905). Si puô pensare a rudimentali canalizzazioni, che sfrut-tando l’inclinazione del declivi a partire dalle fonti, ali-mentassero i « fontoni » scavati nell’argilla. Ogni modi-fica di questo terrano argilloso, tuttavia, non poteva essere sistematica. Infatti all’intervento razionale dell’uomo sulla natura, che risulta alla base dell’economia neolitica, si opponeva nell’habitat valdorciano delle « Crete » il movimento irrazionale del suolo soggetto a continua evoluzione.

Bibliographie

Bibliographie

Barker (G.) 1977. « Pienza, The Economy of a New Neolithic Site in Central Italy », Papers of the Britisch School at Rome, Vol. XXVII, copia dattiloscritta.

Calvi Rezia (G.) 1969. « L’Età Neolitica dell’Abitato Preistorico di Pienza (Siena) », Studi Etruschi, v. XXXVII, Serie II.

Calvi Rezia (G.) 1972. « I resti dell’insediamento neolitico di Pienza », Atti XIV Riun. Scient. I.I.P.P., Firenze.

Calvi Rezia (G.) 1977. « Ipotesi di una fascia cronologica parallela alla fase culturale a Ceramiche Graffite », Preistoria Alpina, n° 13, p. 60.

Calvi Rezia (G.) 1980. « La ceramica impressa di Pienza (Toscana) e quella di Basi (Corsica) », Comunicazione presentata al IXè Congrès U.I.S.P.P., Nice 1976, pubblicata in Riv. Se. Preist., Vol. XXXV, Fasc. 1-2.

Carletti (C.) 1886-1905. Osservatorio Metereologico e Geodinamico di Pienza.

Castelletti (L.) 1976. Rapporto premilinare sui resti vegetali macros-copici della serie Neolitico-Bronzo di Pienza (Siena) », Comunicazione presentata alla XVIII Riunione Scient. I.I.P.P., Firenze 1975, pubblicata in Riv. Arch. dell’Antica Provincia e Diocesi di Como, Como, MCMLXXVI, pp. 244, 245, Tav. I.

De Bellis (A.) 1978. « Erbe di Val d’Orcia », Perugia.

De Stefani (G.) 1905. « La frana del Duomo di Pienza », Giornale di Geologia Pratica, a. VII, fasc. 1-2, Firenze.

Gambassini (P.) 1982. Notizia epistolare, Istituto di Antropologia e Paleontologia Umana, Siena.

Lo Sacco (U.) 1963. « Osservazioni geologiche e morfologiche nei din-torni di Pienza e nella Media Val d’Orcia ». L’Universo, a. XLIII, n.4, Firenze, pp. 661, 680, 699.

Ravagni (G.) 1983. « Dati Comprensorio Bonifica Val d’Orcia 1938 », Uffi-cio Consorzio Val d’Orcia, La Foce.

Roudil (J.-L.), Soulier (M.) 1983. « Le gisement néolithique ancien de Peiro Signado (Portiragnes, Hérault) ». Étude préliminaire.

Santi (G.) 1758. « Viaggo al Montamiata », Pisa, Viaggio Secondo, p. 295.

Notes de fin

1 La ricerca è stata agevolata dal Geom. A. Dellagiovanpaola del Comune di Pienza e dai Propretari et E x - Proprietari dei Poderi. Un particolare apporto è stato dato dal Maestro A. Dondoli e dal Dott. E. Pie rangioli di Pienza.

2 Incaricata degli Scavi di Pienza (Siena) dalla Soprintendenza Archeologica di Firenze.

Table des illustrations

Légende Figure 1 : Ceramica impressa del livelli inferiori del depositi antropici di Pienza, Toscana (a sinistra) e di Basi, (a destra).
URL http://books.openedition.org/editionscnrs/docannexe/image/1091/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 752k
Légende Tav. 1 : Versante Nord della Val d’Orcia, resti di vegetazione a querce caducifoglie.
URL http://books.openedition.org/editionscnrs/docannexe/image/1091/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 444k
Légende Tav. II : Ipotesi sui percorsi al pascolo.
URL http://books.openedition.org/editionscnrs/docannexe/image/1091/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 1,8M

© CNRS Éditions, 1987

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search