Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Élites et ordres militaires au Moyen Âge

 | 
Philippe Josserand
, 
Luís Filipe Oliveira
, 
Damien Carraz

III. — Les ordres militaires et les elites de pouvoir

Giovanniti al servizio dei papi (secc. xiii-xiv in.)

Francesco Tommasi

Texte intégral

  • 1 La distinzione tra religiosi e laici è espressa in una deliberazione giovannita del 1395 («Procura (...)
  • 2 Un procuratore dell’ordine di San Giacomo della Spada presso la Curia, fra Ugolino, è attestato ne (...)
  • 3 Si conosce più di un frater dell’ordine teutonico, nella doppia veste di ostiario papale e procura (...)
  • 4 Per esempio, questa facoltà di controllo nel 1334 è riconosciuta al generalis procurator dei Carme (...)

1Come lascia intendere il titolo, argomento della presente relazione sono i membri dell’Ospedale Gerosolimitano di San Giovanni, che anche solo occasionalmente sono stati alle dipendenze della Santa Sede, sebbene la grande maggioranza dei fratres in questione fosse formata da curiali o da appartenenti alla più ristretta cerchia dei familiares del papa. In ogni caso di tutti si parlerà in questa sede, tranne che dei procuratori (fratres e saeculares) giovanniti presso la Curia1 — anche se al rappresentante legale di una corporazione religiosa era permesso di accedere alla familia del sovrano pontefice2 e di ricoprirvi un ufficio, non ultimo quello di ostiarius addetto alla custodia degli appartamenti papali3. Senza contare che al procuratore generale, come capo della rappresentanza diplomatica dell’Ospedale presso la Santa Sede, verosimilmente spettava la responsabilità dell’intero personale giovannita gravitante intorno alla Curia4.

  • 5 B. Rusch, Die Behörden und Hofbeamten der päpstlichen Kurie, pp. 99-107 (ostiarii) e 91-99 (cubicu (...)
  • 6 Sulle loro competenze soprattutto di carattere cerimoniale e liturgico, E. Göller, «Die Kubikulare (...)
  • 7 J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 706,711 e 724.
  • 8 Anche se nella miniatura in questione i cubicolari non affiancano Benedetto XI; vedi più avanti, p (...)

2Nonostante la molteplicità dei ruoli e delle qualifiche, i curiali degli ordini militari hanno condiviso almeno tre funzioni: diplomatica, amministrativa e militare. Spesso si trattava di incarichi speciali, e una quantità di esempi mostrano che anche un membro della familia papale poteva essere utilizzato per compiti differenti da quelli istituzionali. Tra i familiares si distinguevano i cubicularii e gli ostiarii — figure spesso di alto rango e molto influenti, che uno speciale rapporto fiduciario legava alla persona del pontefice5. Dai primi decenni del Duecento l’ufficio di cubicolario divenne appannaggio sempre più esclusivo degli ordini militari. Nati come servitori di camera e accompagnatori, i cubicularii (ma anche gli ostiarii) non tardarono a trasformarsi in vere guardie del corpo responsabili dell’incolumità fisica del papa, oltre che in esperti diplomatici e amministratori. Impiegati anche nelle cerimonie ufficiali6, particolarmente sotto Bonifacio VIII i cubicularii degli ordini militari entrarono nella rappresentazione scenografico-simbolica del potere. Chi aveva conosciuto papa Caetani in effetti era rimasto colpito dal suo modo di presentarsi alle udienze circondato da un Templare e da un Giovannita7. Fonti iconografiche accertano la persistenza della consuetudine — peraltro prevista dal cerimoniale — anche sotto il successore Benedetto XI8.

  • 9 Di questa misura parla Giovanni XXII; E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofver (...)
  • 10 Tra i 20 dignitari giovanniti presenti ad Avignone nel luglio 1317 non risulta alcun curiale, con (...)
  • 11 Il nipote di Benedetto XIII ottenne la nomina il 26 ottobre; C. Faure, Étude sur l’administration (...)
  • 12 J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers à Rhodes, pp. 77-78.
  • 13 Archivio Segreto Vaticano (ASV), Reg. Vat. 266, fos 73r°-v° (22.2.1374). Tra le motivazioni nella (...)
  • 14 Senza considerare la nomina a rettore della provincia di Campagna e Maritima, che risaliva al 1370 (...)
  • 15 Perugia, Archivio di Stato, Archivio Storico del Comune di Perugia, Diplomatico, n° 265 (25.2.1379 (...)

3La soppressione dell’ordine del Tempio nel 1312 determinò una svolta, e un indizio di discontinuità con il passato è sicuramente ravvisabile nella sospensione dell’officium cubiculariorum9. Per la verità il provvedimento ebbe applicazione solo temporanea, ma per l’Ospedale le conseguenze furono durevoli. Così dopo il pontificato di Clemente V la Curia per molto tempo non sembra più disporre di cubicularii giovanniti — sebbene, per ritrovarvene uno, forse non sia necessario attendere addirittura il secolo XVIII10. In compenso crebbe la specificità delle prestazioni che i membri dell’ordine continuarono a fornire ai pontefici, anche se per esempio fra Rodrigo de Luna, come rettore del Comtat Venaissin dal 140811, in realtà ricopriva una carica appartenuta nel 1274 a fra Guillaume de Villaret. Si tratta cioè di frati-cavalieri, che trovarono impiego preferibilmente come rettori di province e città dello Stato Pontificio12. Anche in questi casi frequentazione, contiguità e parentela con il pontefice possono avere influito sulle scelte. Fra Daniele del Carretto, per esempio, come familiaris aveva saputo guadagnarsi la stima di Gregorio XI. Quando nel febbraio 1374 il papa lo creò «capitano generale» di Piacenza e del suo distretto13, il frate giovannita ligure era già priore di Lombardia e rettore papale di Benevento14. Non meno istruttiva è la carriera di fra Guglielmo Maramauro, un affinis napoletano di Urbano VI al quale il pontefice conferì nel 1379 la dignità senatoriale, il priorato di Roma e il vicariato generale di Orvieto15.

  • 16 M. L. Bulst-thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 301.
  • 17 R. Hiestand, Papsturkunden für Templer und Johanniter, I, pp. 243-334.
  • 18 M. L. Bulst-thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 301.
  • 19 Tra il 1171 e il 1174 il papa affidò una causa matrimoniale a R. hospitalario; W. Holtzmann, «Kano (...)

4Alessandro III (1159-1181) fu un pontefice che, secondo il contemporaneo Geraldo di Cambridge, coltivava una speciale predilezione per tre domus religiose: i Templari, i Giovanniti e i Cistercensi16. Un numero particolarmente alto di privilegi restano a testimoniare il suo favore per i due principali ordini militari17. Il papa senese, grande avversario di Federico Barbarossa, sembra essere stato anche il primo a tenere presso di sé frati del Tempio come camerarii18. Quanto alla presenza di Giovanniti in Curia sotto Alessandro III, invece resta tutto molto incerto19.

  • 20 Innocentii III papae gesta, coll. ccxii-ccxxv. Su un cappellano giovannita di Bonifacio VIII, Appe (...)
  • 21 Innocentii III papae gesta, coll. ccxxvi-ccxxvii. Sulla cronologia degli opera pietatis del papa, (...)
  • 22 Giovanni de Sambuco, frate Ierosolimitani Hospitalis Sancti Basilii, è l’unico finora accertato; v (...)

5Narrano i Gesta di Innocenzo III (1198-1216) che Lotario di Segni circa familiares suos liberalissimus exstitit, ma nell’allegata lista di beneficiati composta quasi interamente di capellani sarebbe inutile cercare nomi con sicurezza riconducibili all’ordine dell’Ospedale20. Una lunga serie di chiese e monasteri variamente gratificati prova che negli anni dal 1198 al 1208 il pontefice non si mostrò generoso soltanto con le persone a sé più vicine21. Tuttavia, per interpretare correttamente l’elargizione pecuniaria (centum libras proventuum) a favore della «chiesa di S. Basilio», non sembra fuori luogo ricordare che proprio dalla sede romana dei Giovanniti provenne forse più di un collaboratore di Innocenzo III22.

  • 23 H. Roscher, Papst Innocenz III. und die Kreuzzüge, pp. 51-58; C. Naumann, Der Kreuzzug Kaiser Hein (...)
  • 24 Nelle lettere a vescovi e prelati europei spesso Innocenzo III raccomanda loro di servirsi di un T (...)
  • 25 O. Hageneder et alii, Die Register Innocenz’ III., II, pp. 345-346, n° 180; H. Roscher, Papst Inno (...)

6Così come per il Tempio, anche per l’Ospedale il secolo XIII ha costituito l’e-poca di maggiore impegno nei ranghi della Curia. Come tutti sanno, il riscatto di Gerusalemme e il soccorso ai cristiani di Terra Santa hanno costantemente ispirato la politica orientale di Innocenzo III — anche se una nuova spedizione oltremarina era estranea al programma iniziale del papa e l’idea si fece strada in lui solo alcuni mesi dopo la sua elezione, complice l’emozione suscitata dal fallimento degli eserciti imperiali in Siria23. Per questo Innocenzo III a partire dal 15 agosto 1198 — data del suo appello generale alla crociata— non si limitò a pianificare una strategia, a inviare lettere e a dare disposizioni organizzative che coinvolgevano anche singoli frati dell’ordine dell’Ospedale24. Nell’ottobre 1199, per sua iniziativa, fu armata e affidata a tre religiosi — uno dei quali era il miles giovannita fra Raimondo — una nave di grosso tonnellaggio con un carico di frumento destinato alla popolazione più indigente del Regno di Gerusalemme25.

  • 26 G. Martini, «Innocenzo III ed il finanziamento delle crociate», p. 65.
  • 27 Appendice, n° 1, p. 314; R. Röhricht, Geschichte des Königreichs Jerusalem, p. 700, n. 1.

7Neppure forme di aiuto finanziario diretto furono trascurate dal papa26, ed egli nella primavera del 1209 stanziò una forte somma per la Terra Santa: della sua consegna al patriarca di Gerusalemme e ai maestri generali dei due maggiori ordini militari fu incaricato il frate dell’Ospedale Giovanni de Sambuco27.

  • 28 F. Kempf, Regestum Innocentii III, p. 404, n° 190. Per le trattative tra le parti, W. Stürner, Fri (...)
  • 29 F. Kempf, Regestum Innocentii III, pp. 404-405, n° 191. Sul possibile itinerario di Ottone, dopo l (...)

8Durante la tutela papale del piccolo Federico (II) di Svevia, uomini dell’ordine giovannita ebbero un ruolo nei negoziati tra la Chiesa e Ottone (IV) di Braunschweig-Lüneburg, preliminari all’incoronazione romana dell’ottobre 1209. Tra marzo e settembre dello stesso anno Innocenzo III e il futuro imperatore si scambiarono diverse ambascerie e lettere. Alla fine di agosto il re dei Romani informava il papa di avere convenientemente accolto e ascoltato i suoi due nuntii, cioè il «suddiacono e chierico vostro» Andrea e fra Turando dell’Ordine dell’Ospedale: erano trascorsi quasi due mesi da quando Ottone aveva varcato i confini d’Italia con un «forte e valoroso» esercito che adesso si trovava nel territorio di Mantova, accampato presso il fiume Po28. Qualche settimana dopo, nuovi messi papali — questa volta due laici — incontrarono il sovrano in un luogo imprecisato e tuttavia abbastanza distante da Roma, visto che Ottone non raggiunse la città prima della fine di settembre29.

  • 30 Innocenzo III rese pubblica la scomunica di Ottone IV il 18 novembre 1210 e la convalidò il 31 mar (...)
  • 31 R. Elze, «Die päpstliche Kapelle»: l’autore elenca numerose importanti missioni diplomatiche, per (...)
  • 32 Su Andrea (da Celano?) suddiacono e cappellano papale, O. Hageneder et alii, Die Register Innocenz (...)

9L’episodio dell’agosto 1209 risale all’epoca dei primissimi contatti dell’ordine con Ottone IV, che conobbero interessanti sviluppi e si consolidarono in un rapporto capace di resistere anche alla scomunica imperiale dell’ottobre 121030. Inoltre, con fra Turando l’attività politico-diplomatica dei Giovanniti per conto dei papi sembra muovere i primi passi, al punto che difficilmente può considerarsi frutto del caso la presenza accanto al Giovannita di un cappellano papale, cioè di un esponente della diplomazia professionale di Curia31. Ma, mentre è conosciuta la qualifica curiale di Andrea, prima della sua promozione ad arcivescovo di Bari (1216-1225), altrettanto non si può dire della posizione di fra Turando32.

  • 33 C. R. Cheney, Pope Innocent III and England, pp. 41 e 322-325. Sulla figura di Pandolfo, ibid., al (...)
  • 34 Selected letters of Pope Innocent III concerning England, pp. 125-127, n° 43 («Dilectis filiis Pan (...)
  • 35 Roger of Wendover, Flores historiarum, II, p. 58. Marie Luise Bulst-Thiele e Christopher Cheney ri (...)
  • 36 Presumibilmente di nazionalità francese; J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Temp (...)

10Il collegio dei cappellani di Innocenzo III contava tra i suoi membri anche il suddiacono italiano Pandolfo. Egli nell’aprile 1211 ricevette l’ordine di recarsi presso il re Giovanni d’Inghilterra, che era anche zio di Ottone IV, per tentare di risolvere la crisi innescata nel 1206 dalla contestata nomina papale di Stephen Langton ad arcivescovo di Canterbury. Dopo il 15 agosto, a Northampton, il sovrano ricevette a colloquio i due nuncios domni Papae, senza raggiungere con loro alcun accordo33. Nelle lettere di Innocenzo III il nome di fra Durando, il secondo componente dell’ambasceria, non è mai associato a un ordine di provenienza34. Tuttavia il sospetto, per quanto ragionevole, di trovarsi dinanzi allo stesso frate giovannita Thurandus incontrato nelle trattative italiane con l’imperatore sembra cadere, alla luce delle testimonianze dei cronisti. Infatti il nostro principale informatore sulla prima missione diplomatica del suddiacono Pandolfo in terra anglosassone senza esitazione assegna fratrem Durandum all’ordine dei Templari (de militia Templi)35. In ogni caso, questa è l’ultima volta che le fonti menzionano un fra Durando (o Turando) in relazione agli affari di Curia sotto Innocenzo III, e — almeno per motivi anagrafici — sembra difficile riconoscere l’antico collaboratore del papa nel precettore giovannita Durandus segnalato in Outremer a partire dal 123536.

  • 37 H. Roscher, Papst Innocenz III. und die Kreuzzüge, pp. 140-169.
  • 38 Epistolae saeculi XIII, MGH, t. I, pp. 58-60, n° 80 (lettera all’arcivescovo di Sens e, in eundem (...)
  • 39 Su questo funzionario della Panetaria, preposto a tutte le operazioni per l’approvvigionamento e l (...)
  • 40 ASV, Reg. Vat. 10, fº 80v° (Stephano panectario nostro); A. Potthast, Regesta pontificum Romanorum(...)
  • 41 P. Pressutti, Regesta Honorii papae III, I, p. 301, n° 1815; ibid., I, p. 295, n° 1779, e p. 296, (...)
  • 42 E. Rossi Passavanti, Interamna dei Naarti, p. 149, n° 3; F. Angeloni, Storia di Terni, p. 608, n° (...)
  • 43 A. Luttrell, «Iconography and Historiography», pp. 31-32.

11Il dirottamento verso Costantinopoli della spedizione occidentale nel 1204, dal pontefice fortemente disapprovato, non aveva distolto Innocenzo III dal proposito di una vera crociata con destinazione Gerusalemme, e a questo fine egli promosse nel 1215 il IV concilio lateranense37; ma nel mezzo dei preparativi la morte lo sorprese a Perugia il 16 luglio 1216. Il successore Onorio III (1216-1227) si dedicò ugualmente alla causa della Terra Santa, anche se poi il deludente bilancio della quinta crociata gli fece riporre le maggiori aspettative sull’annunciata impresa oltremarina di Federico II. In ogni caso, neppure questo papa lasciò gli ordini militari inoperosi. Intorno alla fine del gennaio 1219 egli spedì in Francia e in Inghilterra due nuntii, un Giovannita e un Templare, a ritirare sussidi, anche se il denaro lì raccolto da solo non sarebbe bastato a soddisfare tutte le richieste dei capi della crociata, che non nascondevano la loro crescente preoccupazione per le sorti dell’assedio cristiano alla città di Damietta38. Spiegando tutto ciò per iscritto all’arcivescovo di Sens e ai suoi suffraganei, Onorio III aveva presentato uno dei due latori della missiva — il frate giovannita Stefano — genericamente come suo familiaris. Così è possibile apprendere la sua qualifica curiale di panectarius39 per la prima volta attraverso una lettera papale del 4 aprile 1219, che mostra il Giovannita tra i destinatari40. Sempre nel gennaio 1219 le urgenze finanziarie della crociata resero non procrastinabile il viaggio in Germania di altri due uomini del papa: il cubicularius templare Martino e il marescalcus giovannita Giovanni41. Con fra Giovanni ci troviamo davanti al primo caso di un maresciallo papale dell’Ordine dell’Ospedale. Frater Petrus è invece ricordato in un atto dell’ottobre 1218/1219: prima di lui non si conoscono cubicolari giovanniti42. Nella senese Pala del Carmine (c. 1329) Pietro Lorenzetti senza dubbio ha voluto rappresentare un cubicularius con una delle due figure ritratte in abito giovannita alla destra di un papa, ma non è altrettanto chiaro se la scena si riferisca alla prima o alla seconda conferma della Regola carmelitana, rispettivamente accordate da Onorio III nel 1226 e da Innocenzo IV nel 124843.

  • 44 I documenti contabili, dove sono registrate anche le spese per l’acquisto di letti ad iacendum in (...)
  • 45 Un’aggiornata scheda sull’affresco, a cura di Maria Doglioni, si trova nel catalogo della mostra d (...)

12Frati giovanniti assicurarono la loro collaborazione anche al pontefice che prese il posto del defunto Onorio III. Ne reca testimonianza visiva il celebre dipinto murario di scuola giottesca nella Basilica Superiore d’Assisi, raffigurante l’apparizione di san Francesco a Gregorio IX (1227-1241). Precisa e fedele al dato storico-documentario appare la ricostruzione dell’arredamento della camera pape soprattutto nel dettaglio dei letti per i cubicolari44, anche se stranamente l’affresco assisano ne mostra solo uno: esso si presenta vuoto, mentre siedono sul nudo pavimento i quattro religiosi che vegliano il pontefice dormiente, adagiato sul suo letto a baldacchino45. Il mantello nero e la croce bianca rendono il primo personaggio da sinistra ben riconoscibile come un frate dell’ordine dell’Ospedale.

  • 46 Matthew Paris, Chronica majora, III, p. 374; M. L. Bulst-thiele, «Templer in königlichen und päpst (...)
  • 47 Todi, Archivio Capitolare, Diplomatico, 8 (10.6.1236). La presenza di Gregorio IX a Terni è attest (...)
  • 48 C. Lucheroni, «Registrum comunis Cortone», p. 135 (24.1.1226); F. Tommasi, «L’ordinamento geografi (...)
  • 49 L. Auvray, Les registres de Grégoire IX, I, coll. 967-968, n° 1758 e 1759, e coll. 1077-1078, n° 1 (...)
  • 50 Le Liber censuum de l’Église romaine, I, pp. 555-557 (Puza: 17.2.1236) e pp. 569-573 (Paliano e Se (...)

13L’unico cubicolario giovannita di Gregorio IX finora noto è fra Tommaso. La sua attività coincise con la fase di più acuta conflittualità tra la Chiesa e l’imperatore Federico II. Si è a conoscenza anche di un Tommaso familiaris del papa, ma secondo il cronista Matthew Paris si trattava di un Templare46. Il cubicularius Tommaso indubitabilmente si identifica con l’omonimo priore di Roma, che non è accidentale incontrare a Terni nel giugno 1236, durante il terzo soggiorno di Gregorio IX nella città umbra47. Nel gennaio 1226 fra Tommaso aveva affiancato il priore di Roma, fra Monaldo, nelle trattative con il podestà di Cortona per l’apertura di una domus dell’ordine in città48. Nulla ci assicura che in qualità di cubicolario il Giovannita fosse al suo primo incarico diplomatico, quando nel gennaio 1234 il papa gli affidò una lettera per il re di Castiglia e León, nella quale erano riaffermati i diritti della Chiesa romana su Castrotorafe49. Nel febbraio 1236 il camerarius fra Tommaso, vice et nomine domini pape et ecclesie Romane, acquistava da privati i tre castra sabino-laziali di Poza, Paliano e Serrone50.

  • 51 W. Stürner, Friedrich II., II, pp. 519-522.
  • 52 Nicolaus de Carbio, Vita Innocentii IV, pp. 266-269. Sulla presenza di Bonvicino oltralpe, Constit (...)
  • 53 Constitutiones et acta publica imperatorum et regum, II, p. 515, n° 401; Annales Caesenates, 53, p (...)

14Tommaso torna a dare notizie di sé sotto Innocenzo IV (1243-1254). Centrale per il pontefice genovese era l’irrisolto problema dei territori dello Stato della Chiesa, poiché l’imperatore si rifiutava di restituirli senza precise garanzie su tempi e modalità della propria assoluzione dalla scomunica. Una prima trattativa tra le parti a Viterbo fu bruscamente interrotta da una sollevazione antimperiale provocata di proposito nel settembre 124351. È probabile che il frate si trovasse con il papa a Civita Castellana già dall’inizio del giugno 1244, quando Terni ospitava Federico II e l’intermedia Narni era stata scelta come sede dei nuovi negoziati. Naufragati anche questi, fra Tommaso fu tra i pochi familiares che allo spirare del mese accompagnarono Innocenzo IV nell’improvvisa fuga a Civitavecchia, dove presumibilmente anche il cubicolario giovannita s’imbarcò su una nave genovese, con destinazione la città natale di papa Fieschi. Anche fra Bonvicino, dell’ordine del Tempio, viaggiava con i più fidati collaboratori del papa e, come altri, da Genova seguì Innocenzo IV oltralpe52. Nel luglio 1245, a Lione, il pontefice non si fece cogliere impreparato: Ospitalieri e Templari in armi fecero buona guardia, anche se poi i timori di un’imminente azione di forza di Federico II si rivelarono eccessivi e il concilio presieduto da Innocenzo IV poté dare libero corso a lavori che, com’è noto, si conclusero con la deposizione dell’imperatore53.

  • 54 Rinaldo de Assisio era fratello di Bonvicino; É. Berger, Les registres d’Innocent IV, II, p. 101, (...)
  • 55 É. Berger, Les registres d’Innocent IV, III, p. 93, n° 5886 (23.7.1252): su ordine del papa, che s (...)
  • 56 G. Verci, Storia degli Ecelini, III, p. 161, n° 76.

15I frequenti spostamenti dei papi attraverso il Patrimonio e le questioni legate ai rapporti con le città ospiti talora rendevano inevitabile cercare sul posto i futuri familiares e i funzionari della Curia. Così, ad esempio, per l’assunzione di cubicularii e ostiarii spesso si privilegiavano le case degli ordini militari sparse nel territorio. A ciò non si assiste solo con fra Bonvicino, oriundo di Assisi e cubicolario templare di ben tre papi, o con i frati giovanniti tuderti (un cubicolario e un ostiario) dell’entourage di Benedetto XI54, ma anche con il perugino fra Giacomo. Costui, dopo aver servito come ostiario Innocenzo IV55, si era visto confermare l’ufficio con l’avvento del successore. È in tale veste che lo fa conoscere un documento stilato il 16 marzo 1255 a Napoli, da dove Alessandro IV (1254-1261) non si era più mosso dopo la sua elezione avvenuta nel dicembre precedente56.

  • 57 Sui gravi contrasti tra i Giovanniti e il personale rustico della commenda, che fanno da sfondo al (...)
  • 58 Nel settembre 1236 fra Giacomo Massoli compare come testimone; A. Bartoli Langeli, Codice diplomat (...)
  • 59 Appendice, n° 2, p. 315. Neppure questa fonte menziona l’ordine di appartenenza di fra Giacomo.
  • 60 Nel relativo atto si fa riferimento a fra Giacomo Massoli (non presente) come all’«ex precettore» (...)
  • 61 V. Ansidei, Regestum reformationum comunis Perusii, p. 281, n° 260; A. Paravicini Bagliani, «La mo (...)
  • 62 Una persona non era sopravvissuta all’accecamento, e Giacomo Massoli ne divideva la maggiore respo (...)
  • 63 Sopra n. 60, p. 302.

16Quasi certamente si riferiva a beni patrimoniali confiscati dal Comune di Perugia alla commenda di S. Giovanni a Pian di Carpine (od. Magione)57 il papa, quando nel marzo 1258 ne richiese l’immediata restituzione, ma senza risultato. All’epoca commendatore di Pian di Carpine era il frate perugino Giacomo Massoli58: egli forse si nasconde sotto l’ hostiarius noster fra Giacomo, indicato da Alessandro IV nel reclamo alle autorità perugine come la persona autorizzata a prendere in consegna le terre dell’ordine59. A questo riguardo, è significativa la presenza del dominus Senso di Glutto, nipote dell’ufficiale di Curia, alle formalità legali per il risarcimento dei Giovanniti di Pian di Carpine che furono perfezionate il 3 maggio 1261 a Perugia in una sessione del Consiglio maggiore60. Il 1° ottobre 1260, in sede di Consiglio speciale, il consigliere Senso de Gluto aveva proposto di invitare a Perugia Alessandro IV, di fatto anticipando una richiesta che il giorno dopo fu presentata in forma ufficiale dalla delegazione pontificia composta anche dallo zio61. Dopo di ciò, si perde ogni traccia dell’ostiario papale fra Giacomo. Ma, se l’identificazione con fra Giacomo Massoli fosse confermata, l’uscita di scena del curiale potrebbe collegarsi con un grave fatto di sangue, che vide sotto accusa anche il comandator dell’ospedale di Pian di Carpine e, nel febbraio 1261, gli costò la condanna a una pesante ammenda pecuniaria62. In effetti, già nel maggio successivo la struttura caritativo-assistenziale giovannita non era più diretta dal Massoli, che in un documento è ricordato appunto come «ex precettore»63.

  • 64 F. Tenckhoff, Der Kampf der Hohenstaufen, pp. 69-84; E. Jordan, Les origines de la domination ange (...)
  • 65 F. Tenckhoff, Papst Alexander IV, Paderborn 1907, pp. 90-92.
  • 66 Codex diplomaticus Sardiniae, pp. 378-379, n° 100: i nomi dei mandatari sono espressi solo con le (...)
  • 67 Codex diplomaticus Sardiniae, p. 379, n° 101: il nome completo del precettore è Pietro de Latum, m (...)

17Se dall’ottobre 1258 l’azione di Alessandro IV fu rivolta soprattutto a contrastare l’offensiva diplomatico-militare degli agenti del re Manfredi di Sicilia nella Marca d’Ancona e nel Ducato di Spoleto64, i mesi precedenti avevano visto il papa prodigarsi nella ricerca della pace tra Genovesi e Pisani in Sardegna. Poiché ad essere contesa era la villa di Sant’Igia, il 6 luglio a Viterbo le parti belligeranti si accordarono per mettere la fortezza sotto la custodia di due inviati del papa, prima del suo giudizio arbitrale atteso per il mese di settembre65. La scelta di Alessandro IV cadde su un Giovannita e un Templare66, ma la loro missione in Sardegna si scontrò con l’inflessibilità dei Pisani, che il 20 luglio avevano espugnato Sant’Igia. Senza efficacia restarono le pressioni di Alessandro IV, che nel dicembre ricorse anche alla minaccia di sanzioni ecclesiastiche, per indurre gli occupanti a consegnare il sito fortificato all’unico rimasto degli inviati papali: fra Pietro, il precettore giovannita di Città di Castello67.

  • 68 E. Martène e U. Durand, Thesaurus novus anecdotorum, II, col. 633, n° 707; E. Jordan et alii, Les (...)

18È poco probabile che la pratica di circondarsi di uomini dell’ordine dell’Ospedale sia stata negletta dai pontefici che vennero immediatamente dopo Alessandro IV — ma, almeno per alcuni di loro, le fonti storiche risultano assai parsimoniose, quando non affatto reticenti. Così, per esempio, tutto quanto è dato sapere dei cubicolari giovanniti al tempo di Clemente IV (1265-1268) sembra contenuto in una lettera del 29 ottobre 1268, dove il papa raccomandava al maestro generale, Hugues Revel, fra P. de Bello vicino, che l’aveva servito fideliter et honeste68.

  • 69 J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers en Terre Sainte et à Chypre, p. 251, n. 5; C. Faure, Étude (...)
  • 70 Vita Gregorii papae X, c. 13, p. 605. Non sembra che fra Ponce de Brozet (de Bruçeto), già cubicol (...)

19Il 25 aprile 1274 Gregorio X (1271-1276) nominò il priore di S. Gilles, fra Guillaume de Villaret, amministratore temporale del Comtat-Venaissin, l’enclave in territorio francese appena venduta al papa dal re Filippo III. Confermato nell’incarico da Niccolò III nel 1278 e da Martino IV nel 1281, il Villaret risulta ancora in esercizio nel 128469. È assai verosimile che Gregorio X fosse quotidianamente assistito anche da un frate giovannita, ma stabilirlo non sarà facile — almeno fino a quando i cubicularii segnalati con il pontefice a Lione nel 1273-1275 resteranno senza identità70.

  • 71 M. L. Bulst-Thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 303; K. Hampe, Urban IV. (...)
  • 72 Antirisposta apologetica per le Memorie Historiche della Terra di Cesi, p. 99. Nell’analisi del do (...)

20Malgrado il brevissimo pontificato, Innocenzo V (21.1-22.6.1276) seguì la falsariga di Urbano IV (1261-1264) il quale, forte dell’esperienza maturata in Outremer come patriarca di Gerusalemme, aveva conferito capitale importanza ai castelli pontifici per il controllo del territorio. Tuttavia diversamente da Jacques Pantaléon71, per custodire le rocche spoletine di Cesi e Pirocchio, Pierre de Tarentaise preferì un Giovannita a un Templare. Si tratta di fra Giovanni, che nel maggio 1276 deteneva anche l’ufficio di governatore delle Terre Arnolfe72.

  • 73 Chartularium Studii Bononiensis, I: Registro Grosso, p. 12, n° 47; A. Hessel, Storia della città d (...)
  • 74 Antirisposta apologetica per le Memorie Historiche della Terra di Cesi, pp. 83-85; per i castellan (...)
  • 75 C. De Cupis, «Regesto degli Orsini e dei Conti Anguillara», p. 276. Secondo Giovanni Villani, Nicc (...)
  • 76 F. Baethgen, «Quellen und Untersuchungen zur Geschichte der päpstlichen Hof- und Finanzverwaltung» (...)

21Niccolò III (1277-1280) seppe apprezzare le doti diplomatiche e militari dei Giovanniti abbastanza da renderle funzionali al suo disegno politico, che poneva al centro il ripristino dello Stato papale. Il 29 luglio 1278 il suo cubicolario, fra Giacomo da Pocapaglia, fu tra quanti assistettero a Viterbo, in episcopali palacio in camera domini pape, alla sottomissione di Bologna che riconosceva al pontefice e ai suoi successori diritti pari a quelli in precedenza goduti dagli imperatori73. Nell’ottobre dello stesso anno frater Zampus, ordinis Hospitalis S. Ioannis Hierosolymitani, amministrava i castelli di Cesi e Pirocchio per conto della Chiesa romana74. Nel novembre successivo papa Orsini fece assegnare il Castrum S. Angeli — forse non ancora venuto in possesso della famiglia — et fortellitias ipsius Urbis ai due camerarii della città: uno di essi, fra Rolando, militava nell’ordine giovannita75. Fra Bonagiunta già nel 1278 faceva parte del gruppo degli hostiarii maiores76, ma la sua affiliazione all’Ospedale si apprende solo da fonti posteriori al pontificato di Niccolò III.

  • 77 N. Housley, The Italian Crusades, pp. 102-103,131-132,208, 211,215, 231-232 e 244.
  • 78 Richiesta di somme pro Terre Sancte subsidio, in deposito presso i Templari di Parigi: F. Olivier- (...)
  • 79 E. Pasztor, «La guerra del Vespro e i suoi problemi», pp. 144-145.
  • 80 H. M. Schaller, Stauferzeit. Ausgewählte Aufsätze, pp. 423-442; G. Franceschini, I Montefeltro, pp (...)
  • 81 Il contratto di reclutamento aveva scadenza trimestrale; G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Mart (...)
  • 82 La missione dei due inviati si estendeva anche alla Maritima; il servizio militare, previsto dal c (...)
  • 83 Lasciando integre al loro posto le forze franco-angioine; G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Mar (...)
  • 84 G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., pp. 158-159, n° 158, e pp. 193-194, n° 190.

22Con Martino IV (1281-1285), l’ultimo papa francese del Duecento, gli ordini militari divennero più che mai strumento di lotta politica. Simon de Brie, l’ex cancelliere di Luigi IX, non solo impose la decima anche ad ordini esenti come i Giovanniti, ma per sostenere lo sforzo bellico di Carlo I d’Angiò in Sicilia autorizzò perfino il prelievo di denaro riservato alla Terra Santa77. Identiche risorse finanziarie, sommate a quelle della Camera apostolica78, inoltre furono utilizzate per piegare la vivace resistenza ghibellina in Romagna, che preoccupava il pontefice anche più della guerra del Vespro79. Di fatto, il 1° maggio 1282 le truppe angioino-papali subirono a Forlì una severa sconfitta per opera delle forze filoimperiali sotto il comando del conte Guido da Montefeltro80. Eppure — neanche venti giorni dopo — il papa era già nelle condizioni di rimpiazzare, almeno parzialmente, le perdite con 300 cavalieri assoldati da città della Marca d’Ancona: alla loro testa l’ostiario papale fra Bonagiunta, ordinis hospitalis sancti Iohannis Ierosolimitani, doveva raggiungere quanto prima il teatro di guerra81. Alla fine di giugno, Martino IV fu informato dal «maresciallo della nostra famiglia», fra Giovanni, e dal chierico di camera, Angelo da Foligno, che la loro opera di reclutamento di mercenari incontrava difficoltà nella Campagna Romana82. Nel successivo dicembre al maresciallo papale giunse l’ordine di recarsi in Romagna dove, a causa della riduzione invernale dell’attività bellica, era necessario porre in congedo un certo numero di stipendiarii83. La guerra in corso richiedeva ingenti spese: per questo tra il luglio e l’ottobre 1282 Giacomo da Pocapaglia, Giovanni e Bonagiunta — rispettivamente cubicolario, maresciallo e ostiario di Martino IV — uno dopo l’altro provvidero personalmente a trasferire grosse somme di denaro nelle mani del vicario papale in Romagna, Guillaume Durand84.

  • 85 ASV, Arm. I-XVIII, 3760. Bonagiunta nominò due procuratori. Uno, fra Ventura, apparteneva all’ordi (...)
  • 86 G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., pp. 183-185, n° 183a, 183b e 184. Per il priorato (...)

23Probabilmente fra Giovanni è una sola persona con l’omonimo castellano-governatore delle Terre Arnolfe sotto Innocenzo V. Il suo posto nel luglio 1281 era occupato da fra Bonagiunta, che però al rettorato delle Terre Arnolfe univa la castellania di Cesi-Pirocchio e la villa di Costa San Severo85. Nell’ottobre del 1282 Martino IV lo sostituì con il laico hostiario nostro, Biancuccio da Lucca, fors’anche allo scopo di lasciare a fra Bonagiunta più tempo per il negotium Romaniole. Nel 1288 frerius Bonaçunta figura come priore di Roma: quasi certamente era succeduto a fra Inghiramo da Gragnana, che ricopriva questa carica ancora nel luglio 128586.

  • 87 E. Langlois, Les registres de Nicolas IV, p. 396, n° 2252-2257.
  • 88 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, p. 541, n° 4094; E. La (...)

24Il pontificato di Niccolò IV (1288-1292) corrisponde al periodo di più intensa pressione dell’Islam, culminata con la definitiva espulsione dei Latini dalla Siria nel maggio 1291. Un epilogo tragico e inglorioso per la cristianità, che invano cercarono di prevenire i ripetuti appelli alle potenze occidentali per un passagium generale, ma anche diverse autonome iniziative del papa. Una di queste fu l’allestimento di 20 navi da guerra, che nella tarda estate del 1289 il Giovannita Pietro con un Templare e due Domenicani ricevette l’incarico di condurre ad Acri87. Fra Pietro era reduce da una missione in Inghilterra, dove era andato con il collega templare per consegnare al re Edoardo II una lettera papale e informarlo de statu Terrae Sanctae88.

  • 89 Capello, signore di Chia e Collecasale (dioc. Bagnoregio); M. d’Alatri, L’inquisizione francescana (...)
  • 90 Geppo da Viterbo, castellano di Collecasale e Chia; A. Theiner, Codex diplomaticus dominii tempora (...)
  • 91 E. Langlois, Les registres de Nicolas IV, p. 945, n° 7001-7002.
  • 92 Testo del mandato: Regestum Clementis papae V, I (Prolegomena), p. xxxiii, n. 1; sintesi: E. Langl (...)

25Nella gestione del Patrimonium non intervennero novità di rilievo. Niccolò IV sembra aver posto la stessa attenzione dei predecessori al sistema difensivo, al consolidamento di punti strategici e ad eventuali nuove acquisizioni. Nel 1260 con l’aiuto militare dei Viterbesi Alessandro IV aveva confiscato il castrum di Chia al locale signore ghibellino che, prevedibilmente, era stato accusato con i seguaci anche di eresia89. Da quel momento il fortilizio posto nella diocesi di Orte fu considerato un bene demaniale della Chiesa. Nell’aprile 1288, tre anni prima di passare in amministrazione temporanea a un laico viterbese90, Chia fu affidata da Niccolò IV al cubicolario Giacomo da Pocapaglia91. Nel maggio 1289 lo stesso pontefice incaricò anche il frate giovannita di riscuotere il censo, che i re di Sicilia dovevano alla Chiesa romana fin dal tempo dei Normanni: la crisi finanziaria e di liquidità del Regno durante la guerra del Vespro ben spiega perché la corresponsione non avvenne più sotto forma di denaro, ma con imprecisati oggetti preziosi (jocalia sive bona), lasciati in pegno da funzionari angioini e custoditi presso i Francescani di Assisi92.

  • 93 J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 79.
  • 94 Id., The Central Convent of Hospitallers and Templars, p. 502. Si trattava di Manuele e Benedetto (...)
  • 95 R. Filangieri et alii, I registri della cancelleria angioina, XXXXV, p. 107, n° 54.
  • 96 Così un cronista coevo presenta frere Boniface de Calamandrane; Cronaca del Templare di Tiro, p. 1 (...)
  • 97 H. Finke, Acta Aragonensia, I, pp. 14-15, n° 10; per la correzione della data, che è da anticipare (...)
  • 98 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, pp. 652-653, n° 4260; (...)

26Nel dicembre 1291 Niccolò IV aveva annunciato come prossimo l’invio di sue navi in Terra Santa sotto la guida del gran precettore dell’Ospedale in partibus cismarinis, fra Bonifacio da Calamandrana93. Nell’aprile 1292 agenti genovesi di fra Bonifacio noleggiarono navi da guerra da impiegare contro i Saraceni94. Nel marzo 1293 il gran precettore era pronto a far salpare da Marsiglia due navi mercantili giovannite dirette in Outremer95. Infine, all’inizio del luglio 1294, il grant seignor96 piemontese progettava di armare in Sicilia galee e vascelli in servicium ecclesie Romane et subsidium Terre Sancte. Tuttavia il piano, che prevedeva l’assunzione del comando della flotta da parte del re Giacomo II d’Aragona o del suo ammiraglio Ruggero di Lauria, era precedente all’elezione di Celestino V (5.7-13.12.1294)97. Così, dopo un presumibile primo consenso all’iniziativa, il nuovo papa ebbe un ripensamento e il 13 ottobre richiese indietro i 15.600 fiorini che fra Bonifacio aveva mutuato da mercatores della Camera apostolica98.

  • 99 A. Luttrell, «The Hospitallers in Cyprus», p. 163, n. 3.
  • 100 J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 74.
  • 101 Nella lettera del 2 gennaio 1294 al fratello Federico (III), Giacomo II ripercorre le tappe dei ne (...)
  • 102 ASV, Reg. Vat. 46a, fos 6v°-7r°; testo (con qualche errore di lettura e l’introduzione del dittong (...)
  • 103 Ibid., p. 116, n. 214. Per la ratifica della pace di La Junquera: ibid., pp. 214-219, n° 7; A. Kie (...)

27A questo proposito, è stato sottolineato il minore interesse di Celestino V per la crociata rispetto a Niccolò IV99. In realtà per Pietro del Morrone e per la sua Curia — entrambi fortemente condizionati dalla linea politica di Carlo II d’Angiò — le priorità erano altre, anche se predominava senza dubbio la questione della Sicilia. Come mediator per conto del re Carlo II di Napoli, sfruttando la parentela con Giacomo II d’Aragona100, fra Bonifacio da Calamandrana aveva già concorso a preparare l’accordo preliminare di La Junquera, sottoscritto dalle parti nel dicembre 1293101. Il gran precettore era da poco rientrato in Italia quando, nell’ottobre 1294, Celestino V lo rispedì in Aragona102. L’ambasceria era composta anche dal vescovo Raimondo Despont di Valencia. All’arrivo in terra iberica, però, una delusione attendeva i due inviati del papa: Giacomo II non mostrava più grande interesse a dare veste definitiva al trattato di La Junquera da poco ratificato da Celestino V e, ancora meno, a recarsi in Italia per incontrare ad Ischia il re di Napoli in occasione della programmata conferenza di pace. Per il momento tuttavia, invece di rientrare in Italia, Bonifacio da Calamandrana preferì trattenersi in Catalogna per sbrigare certi affari dell’ordine103.

  • 104 Per la loro concessione in feudo all’ammiraglio siciliano, A. Thomas et alii, Les registres de Bon (...)
  • 105 Lettera al re Giacomo II; M. Amari, La Guerra del Vespro Siciliano, II, 1, Append., pp. 371-372, n (...)
  • 106 Lettera alla regina madre Costanza d’Aragona; ASV, Reg. Vat. 47, fº 206v°; regesto: A. Thomas et a (...)
  • 107 J. Petit, Charles de Valois, pp. 53-56; P. Lock, The Franks in the Aegean, pp. 66 e 106. Il 27 giu (...)

28Successivamente l’alto dignitario giovannita si adoperò ancora per la pace tra Aragonesi e Angioini, anche se non più per volontà di Celestino V, ma di Bonifacio VIII (1294-1303). In effetti nell’agosto 1295, meno di due mesi dopo il trattato di Anagni, il papa inviò fra Bonifacio da Calamandrana a ricevere l’omaggio ligio di Ruggero di Lauria per le isole tunisine di Gerba e Kerkenna strappate ai Saraceni104. Il gennaio 1296 vide il gran precettore occidentale dei Giovanniti farsi ancora portavoce di Bonifacio VIII e intervenire in Sicilia. Obiettivo prioritario era persuadere un sempre più scettico Federico (III) d’Aragona ad accettare il «trattato di pace» di Anagni e, soprattutto, a non ostacolare nell’isola la transizione e il passaggio dei poteri prima alla Chiesa romana e poi agli Angioini105; ma neppure in merito alle auspicate nozze del fratello di Giacomo II con Caterina I de Courtenay, imperatrice titolare di Costantinopoli, sembra che la «legazione» siciliana di fra Bonifacio da Calamandrana e del vescovo Guillem d’Urgell ottenesse migliori risultati di altre analoghe iniziative della diplomazia pontificia106. Così la nipote del re di Napoli — la quale aveva manifestato a Bonifacio VIII le proprie perplessità sul matrimonio di due persone tante nobilitatis, ma prive di mezzi consoni al loro rango — nel 1301 andò in sposa al conte Carlo de Valois107.

  • 108 J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 342-343.
  • 109 N. Housley, The Italian Crusades, p. 182; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, II, c (...)
  • 110 Si veda ad esempio la concessione ai Giovanniti dell’ex abbazia benedettina di S. Trinità a Venosa (...)

29Durante la querelle con Filippo IV di Francia non furono risparmiate neppure le più strane accuse contro Bonifacio VIII. Tuttavia, la sottrazione di mezzi economici agli Ospitalieri108, sebbene enfatizzata dalla propaganda politica, non era totalmente falsa, perché di fatto il pontefice aveva impiegato anche denaro giovannita per la sua guerra contro i Colonna e i loro fautori109. Per converso, è facilmente dimostrabile che l’ordine dell’Ospedale non solo fu oggetto di benefici e favori materiali110, ma occupò anche una posizione particolare nel disegno politico-teocratico di papa Caetani. Ne fa fede il ruolo svolto da alcuni dei numerosi frati giovanniti che intrattennero relazioni con la Curia.

  • 111 J. Haller, «Zwei Aufzeichnungen über die Beamten der Curie», p. 13.
  • 112 I magistri hostiarii oscillano da un minimo di 2 a un massimo di 9; T. Schmidt, Libri rationum cam (...)
  • 113 Najac (dep. Aveyron, arr. Villefranche-de-Rouergue, cant. Najac); Th. Boespflug, La Curie au temps (...)
  • 114 Appendice, n° 4, pp. 317-318; R. Amico, «Priamo Gambacorti», pp. 52-54.
  • 115 J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers en Terre Sainte et à Chypre, pp. 267-84. Prosopografia: J.(...)

30Secondo una fonte posteriore i magistri hostiarii di Bonifacio VIII, cioè coloro che debent custodire hostium domini, erano stati milites111. Ma, mentre in documenti contabili del 1299-1302 si parla di somme erogate a un numero variabile di «maestri ostiari», solo sotto il mese di novembre 1299 sono registrati i nomi di tre hostiarii, che per altre vie sappiamo appartenere ai tre principali ordini militari: Templari, Teutonici e Giovanniti112. Del frate giovannita Henricus Gallicus, che altrove è indicato come magister hostiarius, si conosce anche il luogo di origine: Najac nell’Aveyron113. Nel 1297 Henri de Nagiaco si trovava ad Orvieto, dove il papa si era stabilito con la Curia nel giugno precedente. Qui, il 22 agosto, un nipote di Bonifacio VIII ricevette in feudo un castello in Toscana dal maior preceptor in cismarinis partibus, fra Bonifacio da Calamandrana114. Il documento notarile steso in hospitio dicti preceptoris è di cospicuo interesse, perché tra gli ufficiali dell’ordine testimoni dell’investitura qui menzionati si contano anche curiali. Con la qualifica di sotius del gran precettore si fa conoscere per la prima volta il provenzale Foulques de Villaret. Si tratta del nipote del maestro oltremarino in carica, Guillaume de Villaret: nel 1305 prenderà il posto del defunto zio alla guida dell’ordine115.

  • 116 Sinibaldo Meli. Testo: A. Paravicini Bagliani, «La mobilità della Curia Romana», p. 266; ibid., p. (...)
  • 117 A. Gilmour-bryson, The Trial of the Templars in the Papal State, all’Indice. Sui signori di Pocapa (...)
  • 118 Ephemerides Urbevetanae, pp. 164 e 326. Lettera dei cardinali al Pocapaglia (analisi): L. Fumi, Co (...)
  • 119 Testo in C. Pinzi, Storia della città di Viterbo, III, pp. 20-1, n. 1. Nel 1291 Giacomo da Pocapag (...)
  • 120 A. Theiner, Codex diplomaticus dominii temporalis S. Sedis, I, pp. 343-344, n° 515; A. Thomas et a (...)
  • 121 Vedi sopra, n. 119.
  • 122 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, p. 807, n° 4508.
  • 123 D. Vendola, Rationes decimarum Italiae nei secoli XIII e XIV. Apulia-Lucania-Calabria, p. 335, n° (...)

31Altra importante presenza giovannita ad Orvieto nell’agosto 1297 era quella del già citato fra Giacomo da Pocapaglia. Su di lui siamo particolarmente bene informati, così da conoscere perfino il nome del proprietario-locatore delle domus, dove a Perugia nel 1285 alloggiò frater Jacobus Pocapalea cubicularius domini pape prima che Onorio IV il 15 aprile lasciasse la città116. Come si è visto, la carriera curiale di questo aristocratico piemontese — forse un consanguineo del templare gran precettore di Lombardia, Artusio117 — risaliva senza soluzione di continuità almeno al pontificato di papa Niccolò III. Durante la lunga vacanza della Sede apostolica fra Giacomo, come tutti i curiali, obbediva al collegio cardinalizio. Così, quando Orvieto riaprì un antico contenzioso con la Chiesa romana e cercò di impossessarsi militarmente del sito strategico di Acquapendente, i cardinali residenti a Perugia furono scrupolosamente tenuti al corrente della situazione da fra Giacomo da Pocapaglia, che era il «capitano» della piazzaforte pro Ecclesia romana. Il 18 luglio 1294, dopo oltre due mesi di assedio, un armistizio pose fine alle ostilità, ma fra Giacomo non lasciò Acquapendente — per andarsene «con sua gente a Roma» — prima di aver ricevuto assicurazioni sull’effettiva applicazione della tregua e sul ritiro delle truppe orvietane118. Nella primavera del 1295 il domini pape cubicularius risulta ancora a Roma, dove fu presente all’atto di riconciliazione siglato alla presenza di Bonifacio VIII il 18 aprile in palatio Laterano tra i Viterbesi e il cardinale Matteo Rosso Orsini119. Nel marzo 1297 il pontefice affidò la podesteria del castrum di Acquapendente al suo cubicolario che, come convenuto, portò a termine il mandato nel marzo 1298. In effetti nel maggio successivo il nome di fra Giacomo non figura tra quelli dei «rettori» e degli altri notabili locali, che aprirono le porte del castello agli Orvietani120. Difficile stabilire se, all’epoca, il Pocapaglia avesse già preso congedo dal papa e rinunciato alla precettoria giovannita di S. Maria di Raserio121. Certamente alle sue dimissioni da curiale non seguì la cessazione di ogni attività, perché nel giugno 1300 fra Giacomo era già priore di Capua122. Nel 1327 un suo probabile parente, frater Fulco de Pocapalea, governava la casa giovannita di S. Eufemia in Calabria123.

  • 124 Prosopografia: J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 538-539; F. Tomm (...)
  • 125 F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», p. 85, n. 91 (è def (...)
  • 126 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, p. 785, n° 4471.
  • 127 Ibid., IV, p. 13, n° 4547.
  • 128 J. Riley-smith, The Knights of St John in Jerusalem and Cyprus, p. 282.

32Chi subentrò a Giacomo da Pocapaglia fu — come pare — Gerardo da Gragnana124. Certamente originario della Toscana, fra Gerardo già dal dicembre 1290 guidava il priorato di Pisa125. Nell’agosto 1297 era tra coloro che nella residenza (in hospitio) orvietana di fra Bonifacio da Calamandrana intervennero all’investitura feudale di Giacomo Gaetani, ma nel relativo atto notarile la sua qualifica è solo prior de Pisis ordinis Hospitalis. Invece in un documento redatto ad Anagni il 26 giugno 1299 questo titolo è fatto seguire da quello di cubicolario del papa126. Di fatto, quella di Gerardo da Gragnana nella familia papale fu una breve esperienza, che però ignoriamo se fosse già conclusa nell’ottobre 1301, cioè quando il frate giovannita era a capo del priorato di Venezia127. Nel febbraio 1303 egli si trovava a Cipro, e all’inizio di novembre il capitolo generale lo nominò maresciallo128. Quindi neanche Gerardo da Gragnana poteva trovarsi ad Anagni il 7 settembre 1303, quando Bonifacio VIII subì lo storico oltraggio.

  • 129 A. Luttrell, «Templari e Ospitalieri in Italia», p. 6. Un cronista orvietano, invece, parla di inf (...)
  • 130 Testo: A. Ratti, «Bonvesin della Riva e i Frati Gerosolimitani pp. 191-192, dove la lezione fratri (...)
  • 131 Sullo storico e legislatore dell’ordine, da ultimo, J. Burgtorf, «Die Pariser Sammlung des Johanni (...)
  • 132 L. Fumi, Codice diplomatico della città d’Orvieto, pp. 376-379, n° 589-590. Sempre a Roma, fra Mar (...)

33Così l’innominato cubicolario giovannita, che insieme al collega templare restò vicino al papa anche in quella dolorosa circostanza129, quasi sicuramente fu fra Martino da Santo Stefano. Tutto fa credere che questo aristocratico norditaliano (Lombardus), nel 1296 priore di Lombardia130, appartenesse alla famiglia del più celebre Guglielmo da Santo Stefano131. Come cubicolario papale, Martino da Santo Stefano è attestato per la prima volta a Roma il 10 e 12 dicembre 1300, quando un lodo arbitrale di Bonifacio VIII appianò le principali divergente tra Todi e Orvieto in merito alla giurisdizione sul castello confinario di Montemarte132.

  • 133 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 60. Il documento è stato integralmente trascritt (...)
  • 134 Regestum Clementis papae V, I, p. 257, n° 1413. In un documento del febbraio precedente il priore (...)

34L’attività di Martino da Santo Stefano in Curia non si esaurisce con Bonifacio VIII, perché nel 1304 ritroviamo il frate giovannita a Perugia, dove il successore di papa Caetani trascorse gli ultimi tre mesi della sua vita. Le testimonianze purtroppo non specificano il ruolo di fra Martino133, ma probabilmente la sua posizione in Curia sotto Benedetto XI (1303-1304) non era cambiata. Infatti nell’aprile 1306 il frate giovannita risulta ancora cubicolario papale, oltre che priore di Roma134.

  • 135 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 20 e 60-61.
  • 136 Precettore di S. Benedetto di Mugnano (Perugia); ibid., pp. 61 e 22. Come vicepriore di Roma, è do (...)
  • 137 Precettore di S. Trinità di Todi; F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 61. Un fra Ber (...)
  • 138 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 60.

35Durante la residenza di Benedetto XI a Perugia, la Curia appare frequentatissima dagli ordini militari135, e vi si incontrano anche dignitari giovanniti estranei agli uffici curiali. Così, oltre a quella di fra Martino da Santo Stefano, è attestata a Perugia anche la presenza di fra Bevignate da Spello, forse già da allora vicepriore di Roma136. Un cubicolario di Benedetto XI rispondeva al nome di fra Bernardo137, mentre ostiari papali erano fra Gregorio da Todi e fra Alberto de Calacço138.

  • 139 Perugia, Biblioteca Comunale Augusta, ms. 975. Una riproduzione in M. Roncetti et alii, Templari e (...)
  • 140 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 20-21.

36Ma le possibilità conoscitive non si limitano alle fonti storico-documentarie, e si deve a un caso fortunato, se la rappresentazione grafica di una scena di vita alla corte dei papi ci ha consegnato i ritratti di frati dell’Ospedale che, seduti ai piedi di Benedetto XI, in una sala del palazzo canonicale assistono alla concessione dell’indulgenza ai Domenicani139. Contestualmente, la trecentesca miniatura perugina rievoca un passaggio-chiave per la storia della Chiesa, perché è nella Perugia di Benedetto XI che ha inizio il conflitto con Filippo IV di Francia per la memoria di Bonifacio VIII140 — mentre l’ambientazione scenica si colloca nell’ultima dimora italiana dei pontefici, prima dell’emigrazione oltralpe della Sede apostolica. Di fatto, a partire dal successore di Clemente V, dovrà trascorrere un lungo intervallo prima che cubicularii e, forse, ostiarii papali siano nuovamente reclutati nelle file degli ordini militari.

Annexes

APPENDICE 1

1209 ‹aprile 23›, Laterano

Innocenzo III annuncia al patriarca di Gerusalemme e ai maestri oltremarini dell’Ospedale e del Tempio l’invio di una somma tramite il frate giovannita Giovanni de Sambuco, perché la spendano per le necessità della Terra Santa. Di nuovi trasferimenti di denaro, già disposti dal papa, si occuperanno i Giovanniti e i Templari.

Fonte:

Archivio Segreto Vaticano (ASV), Reg. Vat. 7A, fº 108v°. Copia del sec. XIV. Ed. : E. Baluze, Epistolarum Innocentii III Romani pontificis libri undecim, Paris, 1682, II, p. 314, n° 28 = J.-P. Migne, Patrologia Latina, CCXVI, coll. 37-38, n° 28. Reg. : A. Potthast, Regesta pontificum Romanorum, I, p. 321, n° 3716 (datazione: 23.4.1209); R. Röhricht, Regesta regni Hierosolymitani (1097-1291), Innsbruck, 1904, II (Additamentum), p. 55, n° 837A (datazione: 23.4.1209); P.-V. Claverie, L’ordre du Temple en Terre sainte et à Chypre au XIII e siècle, Nicosie, 2005, III, pp. 414-415, n° 482.

Patriarche Ierosolimitano155 et magistris Hospitalis156 ac Templi157. Ecce mittimus vobis per dilectum filium Iohannem de Sambuco, fratrem Ierosolimitani Hospitalis Sancti Basilii158, bis mille ac ducentos et sex obolos et dimidium inter novos, veteres atque duplices, novem skifatos, septem marabuttinos et preterea in skifatis et auro fracto ad pondus Romanum uncias octoginta, que videlicet omnia summam octingentarum quinquaginta libraruma Proveniensium senatus attingunt, discretioni vestre per apostolica scripta mandantes, quatinus ea in necessitatibus Terre Sancte, prout melius expedire videritis, expendatis, habentes predictum fratrem in Domino commendatum et eum ad domum suam, cui satis esse noscitur necessarius, quantocius potueritis remittentes. Tantundem etiam assignari fecimus magistro et fratribus Aventini159, qui per nuntium suum debent illud vobis similiter destinare. Misimus quoque vobis anno preterito per Templarios160 summam auri mille librarum Proveniensis monete valentem, de qua nullum adhuc habuimus responsum a vobis. Disponimus etiam mittere vobis per Hospitalarios et Templarios mille quadringentas marcas argenti cum consilio vestro et nobilis viri Iohannis Brenensis comitis161, cum ad vos Deo duce pervenerit, expendendas. Sed et electo Antiocheno162 proposuimus pro necessitatibus suis pecuniam mutuare, quam ipse demum reddet pro necessitatibus Terre Sancte. Dat. Laterani anno duodecimo.

Appendice 2

1258 marzo 1, Viterbo

Alessandro IV invita il Comune di Perugia ad astenersi dal molestare il maestro e i frati dell’Ospedale Gerosolimitano in Tuscia. Chiede inoltre la restituzione delle terre ad essi sottratte e ne affida la temporanea custodia al suo ostiario, fra Giacomo.

Fonte:

Perugia, Archivio di Stato, Diplomatico, 14. Originale. Ed. : – . Reg. : Potthast, –.

Alexander episcopus servus servorum Dei. Dilectis filiis.. potestati141, consilio et communi Perusinis salutem et apostolicam benedictionem. Ex parte dilectorum filiorum magistri et fratrum Hospitalis Ierosolimitani in Tuscia fuit propositum coram nobis quod vos nuper statuisse142 dicimini, ut quedam possessiones vestri districtus, que certis finibus designantur, communibus civitatis vestre utilitatibus debeant applicari, statutum huiusmodi iuramento et penarum adiectione vallantes. Quare magister et fratres predicti nobis humiliter supplicarunt, ut, cum quedam possessiones eorum in eodem districtu posite infra fines includantur eosdem143 et ex hoc eis et Hospitali predicto grave immineat detrimentum, super hoc indempnitati eorum subvenire oportuno remedio curaremus. Cum igitur vos et fideles quoslibet ab iniuriis et molestiis eorundem magistri et fratrum eo magis abstinere deceat, quo ipsi personas et bona sua pro Iesu Christi servitio contra hostes fidei ferventius exponunt cotidie in partibus transmarinis, universitatem vestram rogamus, monemus et hortamur attente per apostolica vobis scripta mandantes, quatinus habentes ipsos pro nostra et apostolice sedis reverentia propensius commendatos possessiones eorum, que occasione statuti predicti taliter occupasse noscimini, iuramento et penis eisdem nequaquam obstantibus dilecto filio fratri Iacobo144 hostiario nostro nomine ipsius Hospitalis sublato cuiuslibet difficultatis dispendio restituere procuretis, preces nostras et mandatum in hac parte taliter impleturi quod iidem magister et fratres eas per effectum sibi sentiant profuisse nosque id gratum habentes super hoc ulterius scribere non cogamur. Dat. Viterbii, kalendis martii pontificatus nostri anno quarto.

APPENDICE 3

1296 maggio 23, Roma

Bonifacio VIII assegna al suo cappellano Franco, dell’ordine dell’Ospedale, una rendita annua, che gli sarà corrisposta dal priore della provincia giovannita, entro i confini della quale risieda la Curia romana.

Fonte:

ASV, Reg. Vat. 48, f os 78v°-79r°. Ed. : – . Reg. : Potthast, – . Analisi: A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, col. 434, n° 1218 (con qualche imprecisione).

Dilectis filiis magistro Benedicto de Aquino145, archidiacono de Belvacino in ecclesia Belvacensi, ac Matheo de Neapoli146, canonico Baiocensi, notariis nostris et.. abbati monasterii Sancti Laurentii extra muros Urbis. Grata devotionis et familiaritatis obsequia, que dilectus filius Franco, frater Hospitalis Sancti Iohannis Ierosolimitani capellanus noster, nobis et apostolice sedi exhibuit hactenus et exhibere sollicite non desistit, nostrum instant(er) sollicitant animum, ut eum specialis favoris et gratie ubere prosequentes ad statum ipsius votivum et prosperum intendamus. Cum itaque prefatus cappellanus1 nullos ecclesiasticos redditus obtinere noscatur ac in nullo sibi postquam nostris et eiusdem sedis extitit deputatus obsequiis per magistrum Hospitalis <fº 79r°> eiusdem provisum existat, per quod huiusmodi nostris insistens obsequiis immorans indigentiam paciatur, dilectioni vestre per apostolica scripta mandamus, quatinus vos vel duo aut unus vestrum per vos vel per alium seu alios eidem capellano predictis obsequiis insistenti vel procuratori suo eius nomine centum libras turonensium parvorum ab illo predicti ordinis priore, infra cuius prioratum curia Romana tunc temporis residebit, faciatis pensionis nomine annis singulis exhiberi, contradictores etc. usque compescendo, non obstantibus si eidem priori vel eius ordini a sede apostolica sit indultum quod ad provisionem alicuius in pensione minime teneantur quodque ad id compelli seu quod interdici, suspendi vel excommunicari non possint per litteram dicte sedis non facientem plenam et expressam de indulto huiusmodi mentionem et qualibet alia prefate sedis indulgentia generali vel speciali, cuiuscumque tenoris existat, per quam effectus huiusmodi gratie impediri valeat quomodolibet vel differri et de qua in nostris litteris habenda sit mentio specialis. Dat. Rome apud Sanctum Petrum, X kalendas iunii anno secundo.

APPENDICE 4

1297 agosto 22, Orvieto

Fra Bonifacio da Calamandrana, gran precettore dell’Ospedale in partibus cismarinis, infeuda a Giacomo di Oddone Gaetani da Pisa alcuni beni dell’ordine situati a Pietracassa, nella diocesi di Volterra.

Fonte:

Pisa, Archivio di Stato, Miscellanea manoscritti, 50, fos 5r°-v°. Copia del sec. XV incompleta e adattata dall’amanuense, come mostrano le forme verbali con il passaggio dalla prima (dell’originale) alla terza persona plurale nei tempi perfetto e presente indicativo.

Altre copie incomplete: ibid., f os 1r°-v°; 9v°-10r°; 13v°-14r°. Ed. : – . Reg. : – .

Ina nomine Domini amen. Anno ab eius nativitateb millesimo ducentesimo nonagesimo septimo, indictione decima, die vigesimo secundo mensis augusti, pontificatus domini Bonifatii pape VIII anno III. In presentia mei notarii et testium infrascriptorum venerabilis et religiosus vir dominus frater Bonifatius de Colamandrano147, maior preceptor in cismarinis partibus Sancti Iohannis Ierosolimitani, frater Gherardus de Gragnano148, prior de Pisis ordinis Hospitalis eiusdem, in presentia etiam religiosorum virorum freriorum Iacobi Pogapaliac149, cubicularii, et Henrici de Nagiaco150, magistri hostiarii domini pape, Fulconis de Villaretto151, dicti magni domini preceptoris sotii et militis, Petri Folchetti, generalis procuratoris dicti ordinis in Romana curia, et fratris Bernardi, presbiteri et cappellanid preceptoris; et de ipsorum consilio et consensu, nomine dictorum Hospitalis et ordinis Sancti Iohannis, attendentes fidem et devotionem, quam nobilis vir dominus Iacobus, natus domini Oddonis Gaitani de Pisis152, domini pape miles et familiaris, erga ordinem prelibatum et fratres ipsius ordinis semper habuerat incessanter; considerantes etiam grata et accepta servitia, que idem ordoe et fratres ipsius ordinis Sancti Iohannis et nos hactenus recepimusf et speramus posse recipereg in futurum, ex certa scientia et ob remunerationem obsequiorum eiusdem domini Iacobi, eidem domino Iacobo, tamquam benemerito in signum dilectionis perpetuo conservande, dederunt et concesserunt in feudum et iureh feudi recipienti pro se et suis heredibus et pro heredibus ex se in perpetuum legitime descendentibus omnes domos, hedifitia, casalina, terras, prata, pascua, herbasia, nemora, aquas, silvas, possessiones cultas et incultas, redditus et introytus, merum et mixtum imperium et alia quecumque bona et iura, que dictum Hospitale seu dictus ordo habet vel habere debet et ad ipsum Hospitale vel ad ipsum ordinem quomodolibet spectant vel pertinent seu spectare possunt et debent in castro seu roccha, terra et curia de Petracassa153, Vulterrane diocesis, nec non castri seu rocche, terre vel curie, territorii, districtus pertinentiis et confinibus, ad habendum, tenendum, possidendum et quicquid sibi et suis heredibus placuerit inde perpetuo faciendum. Sic ipsum dominum Iacobum predictus frater Bonifatius, maior preceptor, <per pacis osculum>i presentialiter investivit de omnibus et singulis supradictis cum omnibus et singulis actionibus et possessionibus et confinis eorundem ad predictum castrum, roccham, terram vel curiam, territorium et districtum quomodolibet pertinentibus. Quas terram et curiam de Petracassa <ipsiusque> district(us) idem preceptor ac prior se eiusdem domini Iacobi nomine constituent(es) possidere, usque quo dictarum rerum possessionem adceperit corporalem, quam adcipiendi sua auctoritate et mandato deinceps ei licentiam omnimodam concesserunt, promictentes predictus maior preceptor <et prior> suo nomine et dicti ordinis iam dicto domino Iacobo, pro se et suis heredibus legitime stipulanti et recipienti, litem, controversiam sive molestiam aliquam de dictis rebus concessis vel parte <fº 5v°> ipsarum ei vel suis heredibus modo aliquo non inferre ullo umquam tempore vel inferenti consentire, sed ea omnia sic concessa, nominata et expressa ei et suis heredibus legitime defendere, autoriçare, prout pertinet ad dictum Hospitale, et predicta omnia perpetuoj firma, ratha habere, tenere et contra non facere vel venire per se vel per alios aliquo modo vel iure. Quam quidem donationem et concessionem idem frater Bonifatius, maior preceptor, et Gherardus, prior de Pisis, fecerunt eidem domino Iacobo ut supra recipienti, prok <eo>l quod idem dominus Iacobus per se et suos heredes ibidem presentialiter promisit eisdem preceptori et priori suo et subcessorum suorum et dicti ordinis nomine legitime stipulantibus et excipientibus, implicitis manibus tunc manu dicti preceptoris, fidelitatemm perpetuo observare, et res et bona et honores dicti ordinis perpetuo defendere, et custodire et fideliter conservare, et quod dampnum aliquod vel iacturam incurrent nullatenus consentire et quod res et bona predicta vel partem ipsorum nullatenus pro se et suis heredibus absque licentia et mandato prioris Pisarum, qui pro tempore fuit, <alienare>n; acto <etiam>(n) inter partes quod heredes domini Iacobi teneantur fidelitatem tenere, dare et adsignare annuatim in signum recognitionis dicti feudi priori de Pisis, qui pro tempore fuerit, vel aliio eius nomine in festo <beati>(n) Iohannis Baptiste <in civitate Pisana>(n) sex libras bone et pure cere. Et hec omnia idem dominus Iacobus attendere et observare promisit per se et suos heredes et contra non facere vel venire, etc., sub obligatione omnium bonorum, etc. Datum apud Urbem Veterem in hospitio dicti preceptorisp, presentibus nobilibus viris Francisco Giannini de Subiaco154, domini pape domicello, et Bondo Gerbi, etc.q

Ego Bonacursus dictus Cursinus, filius quondam Gerardi de Vegnali, notarius, etc., ut supra contineturr, scripsi, etc.

Notes

1 La distinzione tra religiosi e laici è espressa in una deliberazione giovannita del 1395 («Procuratores, Advocati, et Officiales, tam Fratres Ordinis eorum quam saeculares creati hinc retro pro dicta eorum Religione defendenda in Curia Romana»); S. Pauli, Codice diplomatico del sacro militare ordine Gerosolimitano, II, p. 106, n° 84. Per un laico, procuratore generale dell’Ospedale in Romana curia nel 1297, Append. n° 4, p. 317. Manca una letteratura sui procuratori dei Giovanniti e dei Templari; ma vedi K. Forstreuter, Die Berichte der Generalprokuratoren des Deutschen Ordens an der Kurie, pp. 7-28; J.-E. Beuttel, Der Generalprokurator an der römischen Kurie, all’Indice s. v. «Johanniterorden»; J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, all’Indice s. v. «Proctors»; M. Bertram, «Johannes de Ancona». La bibliografia, di cui qui mi sono servito, non va oltre l’anno 2010.

2 Un procuratore dell’ordine di San Giacomo della Spada presso la Curia, fra Ugolino, è attestato nel 1253. A lui Innocenzo IV si rivolge come familiari nostro; testo in O. Tavoni, Mercanti e banchieri senesi nella Spagna del Duecento, p. 9; analisi: É. Berger, Les registres d’Innocent IV, III, p. 226, n° 6559. Forse è identificabile con fra Ugolino de Spata, uno dei tre hostiarii maiores di Niccolò III nel 1278; F. Baethgen, «Quellen und Untersuchungen zur Geschichte der päpstlichen Hof-und Finanzverwaltung», pp. 196,199,201 e 204.

3 Si conosce più di un frater dell’ordine teutonico, nella doppia veste di ostiario papale e procuratore generale in curia Romana; K. Forstreuter, Die Berichte der Generalprokurator des Deutschen Orden an der Kurie, pp. 66-71.

4 Per esempio, questa facoltà di controllo nel 1334 è riconosciuta al generalis procurator dei Carmelitani («valebit insuper causas et lites conventuum et fratrum dicti ordinis in curia Romana tractare, potestatem super fratres ibidem residentes vel ad eam venientes habere»); ibid., p. 15, n. 7.

5 B. Rusch, Die Behörden und Hofbeamten der päpstlichen Kurie, pp. 99-107 (ostiarii) e 91-99 (cubicularii). Sui cubicularii resta insostituibile E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofverwaltung». Onorio III per esempio in talune circostanze, come nel 1220, si serve di Templari e Giovanniti, perché «nuntios alios, de quibus videamur melius posse confidere, non habemus» ;Epistolae saeculi XIII, MGH, I, p. 90, n° 124.

6 Sulle loro competenze soprattutto di carattere cerimoniale e liturgico, E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofverwaltung», p. 631.

7 J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 706,711 e 724.

8 Anche se nella miniatura in questione i cubicolari non affiancano Benedetto XI; vedi più avanti, p. 313. Per il cerimoniale, J. Haller, «Zwei Aufzeichnungen über die Beamten der Curie», p. 12.

9 Di questa misura parla Giovanni XXII; E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofverwaltung», pp. 632-633. Ancora nel 1308 vi era un cubicolario papale dell’Ospedale: Raymond Bernard de Funel. A. Luttrell, «The Hospitallers and the Papacy», p. 613.

10 Tra i 20 dignitari giovanniti presenti ad Avignone nel luglio 1317 non risulta alcun curiale, con l’eccezione dello spoletino fra Leonardo de’Tiberti, procuratore generale presso la Sede apostolica già dal 1312; B. Dudik, Iter Romanum, II, pp. 135-136, n° 1; J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers à Rhodes, p. 7. Nel 1770 Clemente XIV scelse come proprio cubicolario il commendatore di S. Maria del Tempio di Bologna, fra Cesare Lambertini; L. Schiavone, «L’ultimo commendatore di Bologna: Cesare Lambertini», p. 373. Per i nomi di alcuni cubicularii, sicuramente non giovanniti, tutti posteriori al pontificato di Clemente V, E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofverwaltung», pp. 634-637; L. Tacchella, Il pontificato di Urbano VI a Genova, pp. 61 e 112; e, per Gregorio XI, A. Esch, «Das Papsttum unter der Herrschaft der Neapolitaner», p. 720, n. 20.

11 Il nipote di Benedetto XIII ottenne la nomina il 26 ottobre; C. Faure, Étude sur l’administration et l’histoire du Comtat-Venaissin, p. 179; P. Bonneaud, Le prieuré de Catalogne, pp. 369-370.

12 J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers à Rhodes, pp. 77-78.

13 Archivio Segreto Vaticano (ASV), Reg. Vat. 266, fos 73r°-v° (22.2.1374). Tra le motivazioni nella lettera di nomina c’è anche l’apprezzamento di Gregorio XI per il lavoro svolto da fra Daniele come familiaris… virtutibus pluribus, quibus prout familiari experientia cognovimus»).

14 Senza considerare la nomina a rettore della provincia di Campagna e Maritima, che risaliva al 1370. Il governatorato della città di Rieti invece fu assegnato a fra Daniele dal successore di Urbano V solo nel 1376; A. Luttrell, s. v. «Del Carretto, Daniele», pp. 394-397.

15 Perugia, Archivio di Stato, Archivio Storico del Comune di Perugia, Diplomatico, n° 265 (25.2.1379); Ephemerides Urbevetanae, pp. 390-391; A. Terzi, s. v. «Maramaldo, Guglielmo», pp. 402-403. Il nepotismo di Urbano VI si espresse anche attraverso la distribuzione tra i consanguinei di cariche nell’ordine giovannita; A. Esch, «Das Papsttum unter der Herrschaft der Neapolitaner», p. 724, n. 34.

16 M. L. Bulst-thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 301.

17 R. Hiestand, Papsturkunden für Templer und Johanniter, I, pp. 243-334.

18 M. L. Bulst-thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 301.

19 Tra il 1171 e il 1174 il papa affidò una causa matrimoniale a R. hospitalario; W. Holtzmann, «Kanonistische Ergänzungen zur Italia Pontificia», p. 126, n° 166). Nel 1165, durante lo scisma di Pasquale III (1164-1168), i Giovanniti misero a disposizione di Alessandro III una nave a Maguelonne, anche se poi il papa non poté servirsene per tornare in Italia; Romualdo II Guarna, Chronicon, p. 190; Ph. Jaffé, Regesta pontificum Romanorum, II, p. 195, n° 11238; J. Laudage, Alexander III. und Friedrich Barbarossa, pp. 174-175.

20 Innocentii III papae gesta, coll. ccxii-ccxxv. Su un cappellano giovannita di Bonifacio VIII, Appendice, n° 2. Fra Perpinianus Marqueti, precettore della casa giovannita de Orulo, Elnensis dioecesis, era cappellano di Gregorio XI: L. Mirot et alii, Lettres secrètes et curiales du pape Grégoire XI, pp. 785 e 457, n° 2331 e 1402.

21 Innocentii III papae gesta, coll. ccxxvi-ccxxvii. Sulla cronologia degli opera pietatis del papa, V. Pfaff, «Die Gesta Innocenz’ III. und das Testament Heinrichs VI.» , p. 81. Sono stati ipotizzati ritocchi e inserzioni nei Gesta, che l’anonimo autore avrebbe apportato dopo il 1208, comunemente ritenuto l’anno di conclusione dell’opera: G. Barone, «I “Gesta Innocentii III”: politica e cultura a Roma», pp. 8-9.

22 Giovanni de Sambuco, frate Ierosolimitani Hospitalis Sancti Basilii, è l’unico finora accertato; vedi più avanti, p. 297. Dettagli sulla precettoria giovannita di S. Basilio de Urbe: F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», pp. 86-89.

23 H. Roscher, Papst Innocenz III. und die Kreuzzüge, pp. 51-58; C. Naumann, Der Kreuzzug Kaiser Heinrichs VI., pp. 195-210. Imprecisati informatori oltremarini avevano messo il papa al corrente dell’attività dei crociati tedeschi e della defezione dell’arcivescovo Corrado di Magonza; O. Hageneder et alii, Die Register Innocenz’ III., I, p. 501, n° 336.

24 Nelle lettere a vescovi e prelati europei spesso Innocenzo III raccomanda loro di servirsi di un Templare e di un Giovannita per la raccolta di fondi per la crociata. Membri dei due principali ordini militari gli servono anche per inviare dispacci ai sovrani (es. l’inglese) sulla condizione dei Latini in Oriente. Sui preparativi per la crociata, fino all’aprile 1201, H. Roscher, Papst Innocenz III. und die Kreuzzüge, pp. 58-99.

25 O. Hageneder et alii, Die Register Innocenz’ III., II, pp. 345-346, n° 180; H. Roscher, Papst Innocenz III. und die Kreuzzüge, p. 79.

26 G. Martini, «Innocenzo III ed il finanziamento delle crociate», p. 65.

27 Appendice, n° 1, p. 314; R. Röhricht, Geschichte des Königreichs Jerusalem, p. 700, n. 1.

28 F. Kempf, Regestum Innocentii III, p. 404, n° 190. Per le trattative tra le parti, W. Stürner, Friedrich II., I, p. 123. Come punto di attraversamento del Po, si è pensato a Brescello o a Borgoforte; J. F. Böhmer et alii, Regesta Imperii, V, 1, p. 94. Ma non è da escludere neppure S. Benedetto in Polirone, da dove nel 1155 un ponte di barche permise alle truppe di Federico I di raggiungere la riva settentrionale del fiume; Gesta Friderici I imperatoris, p. 146. Infatti, anche se in senso inverso, l’itinerario di Ottone: Mantova (territorio) – attraversamento del Po – Bologna (dintorni) – Imola ricorda quello di Federico I: Imola – Bologna (dintorni) – S. Benedetto in Polirone – Mantova; J. F. Böhmer et alii, Regesta Imperii, V, 1, pp. 94-95; F. Opll, Das Itinerar Kaiser Friedrich Barbarossas, pp. 175-176. Nel 1251 Innocenzo IV attraversò Mantova, il Po e fece sosta nel monastero di S. Benedetto in Polirone, prima di proseguire per Ferrara; Salimbene de Adam, Cronica, p. 1242. Per altri ponti di barche sul Po; F. Güterbock, «Die Lage der roncalischen Ebene», pp. 214 e 219.

29 F. Kempf, Regestum Innocentii III, pp. 404-405, n° 191. Sul possibile itinerario di Ottone, dopo l’attraversamento della Romandiola, J. F. Böhmer et alii, Regesta Imperii, V, 1, p. 96.

30 Innocenzo III rese pubblica la scomunica di Ottone IV il 18 novembre 1210 e la convalidò il 31 marzo successivo; W. Stürner, Friedrich II., I, pp. 126-129. L’imperatore nell’agosto 1211 prese sotto la sua protezione gli insediamenti giovanniti nei territori dell’Impero e del Regno di Sicilia; E. Winkelmann, Acta imperii inedita, I, pp. 60-61, n° 63; nel dicembre dello stesso anno egli alloggiò in S. Angelo a Subterra (intorno a Capalbio), ospizio dell’ordine almeno dal 1173; ibid., I, p. 62, n° 64; Carte dell’Archivio di Stato di Siena, p. 175, n° 77, dove invece di de Sultra si legga de Subterra.

31 R. Elze, «Die päpstliche Kapelle»: l’autore elenca numerose importanti missioni diplomatiche, per le quali Innocenzo III ricorse ai suoi cappellani.

32 Su Andrea (da Celano?) suddiacono e cappellano papale, O. Hageneder et alii, Die Register Innocenz’ III., X, p. 347, n° 197, e p. 367, n° 207; R. Elze, «Die päpstliche Kapelle», p. 179. Prosopografia: N. Kamp, Kirche und Monarchie im staufischen Königreich Sizilien, II, pp. 582-584.

33 C. R. Cheney, Pope Innocent III and England, pp. 41 e 322-325. Sulla figura di Pandolfo, ibid., all’Indice, s. v. «Masca, Pandulf». Si veda anche W. Maleczek, Papst und Kardinalskolleg, dove è questione di più dignitari ecclesiastici, tutti coevi e rispondenti al nome di Pandolfo. Per la fonte cronachistica della citazione e la data del negoziato di Northampton, vedi n. 35.

34 Selected letters of Pope Innocent III concerning England, pp. 125-127, n° 43 («Dilectis filiis Pandulpho subdiacono et fratri Durando familiaribus nostris»), e pp. 130-136, n° 45 («per dilectos filios P. subdiaconum et fratrem D. familiares nostros»). Le due lettere, malamente inserte senza indicazione cronologica nel registro papale (ASV, Reg. Vat. 8), si riferiscono alla prima missione di Pandolfo in Inghilterra. Il Potthast invece le data al 28 e 29 febbraio 1212; A. Potthast, Regesta pontificum Romanorum, I, pp. 379, n° 4392 e 4393.

35 Roger of Wendover, Flores historiarum, II, p. 58. Marie Luise Bulst-Thiele e Christopher Cheney ritengono fra Durando un Templare; M. L. Bulst-Thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 301; C. R. Cheney, Pope Innocent III and England, pp. 41 e 323-325.

36 Presumibilmente di nazionalità francese; J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, p. 510.

37 H. Roscher, Papst Innocenz III. und die Kreuzzüge, pp. 140-169.

38 Epistolae saeculi XIII, MGH, t. I, pp. 58-60, n° 80 (lettera all’arcivescovo di Sens e, in eundem modum, a tutti gli altri nei regni di Francia e Inghilterra); P. Pressutti, Regesta Honorii papae III, I, p. 330, n° 1998: lettera ai vescovi di Noyon e Meaux e, in eunden modum, al tesoriere del Tempio a Parigi e agli inviati del papa, St. hospitalario et Hen. Templario. Il 19 gennaio gli ultimi due non si erano ancora messi in viaggio; ibid., I, p. 301, n° 1815.

39 Su questo funzionario della Panetaria, preposto a tutte le operazioni per l’approvvigionamento e la distribuzione del pane per la Curia, B. Rusch, Die Behörden und Hofbeamten, pp. 118-120.

40 ASV, Reg. Vat. 10, fº 80v° (Stephano panectario nostro); A. Potthast, Regesta pontificum Romanorum, I, pp. 528-529, n° 6038 = P. Pressutti, Regesta Honorii papae III, I, p. 329, n° 1995; Epistolae saeculi XIII, MGH, I, pp. 90-91, n° 124.

41 P. Pressutti, Regesta Honorii papae III, I, p. 301, n° 1815; ibid., I, p. 295, n° 1779, e p. 296, n° 1783; vedi A. Gottlob, Die päpstlichen Kreuzzugs-Steuern, p. 181. Fra Giovanni de Limeriis, dell’ordine del Tempio, è stato maresciallo di Urbano IV prima del 1264; M. L. Bulst-Thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 303. Sul maresciallo di giustizia e sul maresciallo capo delle scuderie papali, B. Rusch, Die Behörden und Hofbeamten, pp. 111-112 e 122-128.

42 E. Rossi Passavanti, Interamna dei Naarti, p. 149, n° 3; F. Angeloni, Storia di Terni, p. 608, n° 8. Innominati cubicularii nel 1222 assistettero Onorio III durante la sua malattia; Chronicon Montis Sereni, p. 200.

43 A. Luttrell, «Iconography and Historiography», pp. 31-32.

44 I documenti contabili, dove sono registrate anche le spese per l’acquisto di letti ad iacendum in camera pape, prout est fieri consuetum, risalgono al sec. XIV; E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofverwaltung», pp. 635-636.

45 Un’aggiornata scheda sull’affresco, a cura di Maria Doglioni, si trova nel catalogo della mostra dedicata nel 2000 all’ordine di Malta (Venezia, Chiesa di san Giovanni Battista del Tempio 28 maggio-30 giugno 2000); Lungo il tragitto crociato della vita, pp. 101-102; Luttrell, «Iconography», p. 32.

46 Matthew Paris, Chronica majora, III, p. 374; M. L. Bulst-thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 302. Nel 1226 un Tommaso, ex Templare, cercò di rientrare nell’ordine; P. Pressutti, Regesta Honorii papae III, II, p. 397, n° 5794.

47 Todi, Archivio Capitolare, Diplomatico, 8 (10.6.1236). La presenza di Gregorio IX a Terni è attestata dal 22 maggio al 1 ° luglio; A. Paravicini Bagliani, «La mobilità della Curia Romana», p. 234.

48 C. Lucheroni, «Registrum comunis Cortone», p. 135 (24.1.1226); F. Tommasi, «L’ordinamento geografico amministrativo dell’Ospedale in Italia», p. 88.

49 L. Auvray, Les registres de Grégoire IX, I, coll. 967-968, n° 1758 e 1759, e coll. 1077-1078, n° 1986.

50 Le Liber censuum de l’Église romaine, I, pp. 555-557 (Puza: 17.2.1236) e pp. 569-573 (Paliano e Serrone: 7.2.1236). Sulla storia dei tre castelli: G. Silvestrelli, Città, castelli e terre della regione romana, pp. 91-97 e 458. Per altri esempi di scambi terminologici tra cubicularius e cambrerius/camerarius, vedi più avanti n. 134, p. 313; E. Göller, «Die Kubikulare im Dienste der päpstlichen Hofverwaltung», p. 634; B. Guillemain, La cour pontificale d’Avignon, pp. 373-376; A. Paravicini Bagliani, La vita quotidiana alla corte dei papi, p. 60.

51 W. Stürner, Friedrich II., II, pp. 519-522.

52 Nicolaus de Carbio, Vita Innocentii IV, pp. 266-269. Sulla presenza di Bonvicino oltralpe, Constitutiones et acta publica imperatorum et regum, II, p. 629, n° 458, e F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 34-35, n. 63.

53 Constitutiones et acta publica imperatorum et regum, II, p. 515, n° 401; Annales Caesenates, 53, p. 24; W. Stürner, Friedrich II., II, pp. 533-539.

54 Rinaldo de Assisio era fratello di Bonvicino; É. Berger, Les registres d’Innocent IV, II, p. 101, n° 4629; U. Nicolini, s. v. «Bonvicino», e F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 6, 9 e 12-13. Sui funzionari tuderti vedi più avanti, p. 16. Quanto al transalpino Guillaume Charnerii, ostiario di Niccolò III tra il 1277 e il 1280, ignoriamo se già da allora fosse anche precettore della casa del Tempio di Perugia; F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 12.

55 É. Berger, Les registres d’Innocent IV, III, p. 93, n° 5886 (23.7.1252): su ordine del papa, che si trovava a Perugia, fra Giacomo aveva da poco (dudum) raggiunto Terni, per ricevere la sottomissione della città alla Chiesa.

56 G. Verci, Storia degli Ecelini, III, p. 161, n° 76.

57 Sui gravi contrasti tra i Giovanniti e il personale rustico della commenda, che fanno da sfondo alla misura coercitiva del Comune, G. Riganelli, «Una controversia». Sintomi della ribellione si hanno già nel febbraio 1256; V. Ansidei, Regestum reformationum comunis Perusii, p. 14, n° 48. Nel marzo 1260 il papa scrisse al Comune di Perugia, perché restituisse le possessiones sottratte ai Giovanniti di S. Cristoforo del Chiugi; ibid., p. 141, n° 122; F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», pp. 88-89, n. 108.

58 Nel settembre 1236 fra Giacomo Massoli compare come testimone; A. Bartoli Langeli, Codice diplomatico del comune di Perugia, I, p. 334, n° 153.

59 Appendice, n° 2, p. 315. Neppure questa fonte menziona l’ordine di appartenenza di fra Giacomo.

60 Nel relativo atto si fa riferimento a fra Giacomo Massoli (non presente) come all’«ex precettore» dell’ospedale di Pian di Carpine; G. Riganelli, «Una controversia», pp. 244-246. Senso Glutti possedeva terre anche a Pian di Carpine; S. Tiberini, Le signorie rurali nell’Umbria settentrionale, p. 75. Nel marzo 1260 il domini pape hostiarius affidò ex parte domini pape al cardinale Ottaviano degli Ubaldini la causa legale, che il nobilis vir Sensus de Glutto intendeva promuovere contro il Comune di Narni; ASV, Collectoriae, 397, fº 14v°; A. Paravicini Bagliani, «Il “Registrum causarum” di Ottaviano degli Ubaldini», p. 649, n° 37. Nel 1262 la causa attendeva ancora una conclusione, e Urbano IV se ne occupò su richiesta dilecti filii nobilis viri Sensi, civis Perusini; J. Guiraud et alii, Les registres d’Urbain IV, IV, p. 50, n° 2930. Tra le fonti esaminate, solo una esplicitamente definisce Sensum, nepotem fratris Iacobi, hostiarii domini pape; ASV, Collectoriae, 397, fº 90r°.

61 V. Ansidei, Regestum reformationum comunis Perusii, p. 281, n° 260; A. Paravicini Bagliani, «La mobilità della Curia Romana», p. 254, n° 1; V. Ansidei, Regestum reformationum comunis Perusii, p. 283, n° 262.

62 Una persona non era sopravvissuta all’accecamento, e Giacomo Massoli ne divideva la maggiore responsabilità con un confratello; altri abitanti (religiosi e laici) della precettoria di Pian di Carpine ricevettero pene minori; A. Bartoli Langeli e M. P. Corbucci, «I “libri dei banditi” del comune di Perugia», pp. 307-308, n° 710 e 711.

63 Sopra n. 60, p. 302.

64 F. Tenckhoff, Der Kampf der Hohenstaufen, pp. 69-84; E. Jordan, Les origines de la domination angevine, II, pp. 262-289.

65 F. Tenckhoff, Papst Alexander IV, Paderborn 1907, pp. 90-92.

66 Codex diplomaticus Sardiniae, pp. 378-379, n° 100: i nomi dei mandatari sono espressi solo con le iniziali P. e P.; per il ruolo degli ordini militari e le connessioni con le vicende della Terra Santa, F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 12-13; vedi più avanti, n. 72.

67 Codex diplomaticus Sardiniae, p. 379, n° 101: il nome completo del precettore è Pietro de Latum, ma il complemento di origine de Latum in realtà rispecchia solo la grafia del manoscritto, perché l’editore non scioglie il segno di abbreviazione sopra la lettera m. Sull’insediamento giovannita tifernate (S. Giacomo di Rignaldello), F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», p. 88.

68 E. Martène e U. Durand, Thesaurus novus anecdotorum, II, col. 633, n° 707; E. Jordan et alii, Les registres de Clément IV, I, p. 442, n° 1421. Probabilmente l’ex cubicolario aveva origini provenzali: un fra Raimondo de Bello Vicino nel 1338 viveva nella baiulia giovannita di Aix; B. Beaucage, Visites générales, p. 451.

69 J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers en Terre Sainte et à Chypre, p. 251, n. 5; C. Faure, Étude sur l’administration et l’histoire du Comtat-Venaissin, p. 175. Per le conferme, J. Gay et alii, Les registres de Nicolas IV, n° 227, p. 81 (21.1.1278); G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martins IV., pp. 77-78, n° 82 (19.10.1281); inoltre ibid. all’Indice, s. v. «Guglielmo Villaret». Prosopografia: J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 689-694.

70 Vita Gregorii papae X, c. 13, p. 605. Non sembra che fra Ponce de Brozet (de Bruçeto), già cubicolario di Clemente IV, sia stato confermato nell’ufficio da Gregorio X; ASV, Misc. Arm. XV, 288, fº 49v°. In ogni caso si trattava di un Templare provenzale; D. Carraz, L’ordre du Temple dans la basse vallée du Rhône, all’Indice.

71 M. L. Bulst-Thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 303; K. Hampe, Urban IV. und Manfred, pp. 38-40.

72 Antirisposta apologetica per le Memorie Historiche della Terra di Cesi, p. 99. Nell’analisi del documento fra Giovanni è un «Cavalliero Gierosolimitano», mentre altrove l’ordine di appartenenza del castellano rocce de Cesis et de Peroclo è omesso; A. Sansi, Documenti storici inediti in sussidio allo studio delle memorie umbre, p. 336, n° 65. Sulle più recenti vicende delle due arces, poste ai confini occidentale (Cesi) e orientale (Pirocchio) delle Terre Arnolfe: E. Jordan, Les origines de la domination angevine, II, pp. 319-320. Un non meglio specificato fra Giovanni, ostiario di Alessandro IV, è documentato a Viterbo nelle trattative pisano-genovesi del luglio 1258; Liber iurium reipublicae Genuensis, col. 1274, n° 908 (3.7.1258).

73 Chartularium Studii Bononiensis, I: Registro Grosso, p. 12, n° 47; A. Hessel, Storia della città di Bologna, p. 272; F. Baethgen, «Quellen und Untersuchungen zur Geschichte der päpstlichen Hof-und Finanzverwaltung», pp. 196,199,201 e 204, n° 1 (5.1278: fr. Iacobus cubicularis).

74 Antirisposta apologetica per le Memorie Historiche della Terra di Cesi, pp. 83-85; per i castellani templari, M. L. Bulst-Thiele, «Templer in königlichen und päpstlichen Diensten», p. 303.

75 C. De Cupis, «Regesto degli Orsini e dei Conti Anguillara», p. 276. Secondo Giovanni Villani, Niccolò III «tolse alla Chiesa Castello Santo Angelo, e diello a messer Orso suo nipote»; Giovanni Villani, Nuova cronica, 8, 54, I, pp. 495-496. Ancora nel 1364 la fortezza apparteneva agli Orsini; P. Pagliucchi, I Castellani del Castel S. Angelo di Roma, I, pp. 13-24, e II, p. 138, n° 1.

76 F. Baethgen, «Quellen und Untersuchungen zur Geschichte der päpstlichen Hof- und Finanzverwaltung», pp. 196,199,201 e 204.

77 N. Housley, The Italian Crusades, pp. 102-103,131-132,208, 211,215, 231-232 e 244.

78 Richiesta di somme pro Terre Sancte subsidio, in deposito presso i Templari di Parigi: F. Olivier-Martin et alii, Les registres de Martin IV, I, pp. 106-107, n° 272,273 e 274; G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., pp. 252-253, n° 248. Lettera al collettore della decima Terre Sancte nelle province della Chiesa: ibid., p. 40, n° 47. Richiesta di mutuo a nome della Camera apostolica: ibid., pp. 12-13, n° 13, e pp. 70-71, n° 76.

79 E. Pasztor, «La guerra del Vespro e i suoi problemi», pp. 144-145.

80 H. M. Schaller, Stauferzeit. Ausgewählte Aufsätze, pp. 423-442; G. Franceschini, I Montefeltro, pp. 102-103.

81 Il contratto di reclutamento aveva scadenza trimestrale; G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., p. 128, n° 128.

82 La missione dei due inviati si estendeva anche alla Maritima; il servizio militare, previsto dal contratto d’ingaggio, che finora non era stato concluso, ancora una volta non superava i tre mesi; ibid., pp. 144-145, n° 144, e p. 148, n° 148. Nessun documento, relativo al pontificato di Martino IV, collega esplicitamente il maresciallo all’Ordine giovannita. Né è ben chiaro se si tratti di fra Giovanni Mackarii, attestato dal luglio 1289 semplicemente come «maresciallo della famiglia» del papa; Le Liber censuum de l’Église romaine, I, pp. 599-600; vedi anche ibid., p. 598 (2.1.1291); A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, col. 495, n° 1363 (13.9.1296); A. Kiesewetter, Die Anfänge der Regierung König Karls II., pp. 240-241.

83 Lasciando integre al loro posto le forze franco-angioine; G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., pp. 204-206, n° 198a. Nell’estate il re Carlo aveva chiesto inutilmente al papa di poter ritirare le truppe francesi dalla Romagna, per impiegarle nella guerra del Vespro; E. Pasztor, «La guerra del Vespro e i suoi problemi», pp. 144-145.

84 G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., pp. 158-159, n° 158, e pp. 193-194, n° 190.

85 ASV, Arm. I-XVIII, 3760. Bonagiunta nominò due procuratori. Uno, fra Ventura, apparteneva all’ordine dell’Ospedale e, nel settembre 1281, fungeva da vicario del castellano; Antirisposta apologetica per le Memorie Historiche della Terra di Cesi, pp. 87-88, dove, al posto di Bonaventuram, si deve leggere Bonaiuntam. Costa San Severo era una delle ville di Montemartano; A. Sansi, Documenti storici inediti, p. 283.

86 G. Rudolph, Das Kammerregister Papst Martin IV., pp. 183-185, n° 183a, 183b e 184. Per il priorato di Bonagiunta, Todi, Archivio Storico Comunale, Riformanze, 3, fos 10r°-v°; su Inghiramo da Gragnana, vedi da ultimo J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, p. 538.

87 E. Langlois, Les registres de Nicolas IV, p. 396, n° 2252-2257.

88 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, p. 541, n° 4094; E. Langlois, Les registres de Nicolas IV, p. 1031, n° 7509; R. Röhricht, Regesta regni Hierosolymitani, II, p. 102, n° 1491a. ; vedi Id., Geschichte des Königreichs Jerusalem, p. 1003.

89 Capello, signore di Chia e Collecasale (dioc. Bagnoregio); M. d’Alatri, L’inquisizione francescana nell’Italia centrale, pp. 53-54.

90 Geppo da Viterbo, castellano di Collecasale e Chia; A. Theiner, Codex diplomaticus dominii temporalis S. Sedis, I, p. 318, n° 491. Nel 1293 i due luoghi avevano un altro castellano viterbese, Guiduccio; ibid., p. 319, n° 491. Da un formulario del 1298 si sa che anche i castellani di Collecasale e Chia erano nominati annualmente dal rettore del Patrimonio di San Pietro in Tuscia; P. Fabre, «Un registre caméral du cardinal Albornoz», p. 177; G. Silvestrelli, Città, castelli e terre della regione romana, pp. 682-683.

91 E. Langlois, Les registres de Nicolas IV, p. 945, n° 7001-7002.

92 Testo del mandato: Regestum Clementis papae V, I (Prolegomena), p. xxxiii, n. 1; sintesi: E. Langlois, Les registres de Nicolas IV, p. 1047, n° 7654; vedi anche n° 7653. Per gli aspetti finanziari e la situazione debitoria verso la Chiesa romana, A. Kiesewetter, «Bonifacio VIII e gli Angioini», pp. 184-187.

93 J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 79.

94 Id., The Central Convent of Hospitallers and Templars, p. 502. Si trattava di Manuele e Benedetto Zaccaria. Con il secondo, famoso mercante e ammiraglio al servizio di Genova, fra Bonifacio era entrato in contatto nel 1288 in Siria; J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 77, n. 95.

95 R. Filangieri et alii, I registri della cancelleria angioina, XXXXV, p. 107, n° 54.

96 Così un cronista coevo presenta frere Boniface de Calamandrane; Cronaca del Templare di Tiro, p. 192.

97 H. Finke, Acta Aragonensia, I, pp. 14-15, n° 10; per la correzione della data, che è da anticipare al 6 luglio, A. Kiesewetter, Die Anfänge der Regierung König Karls II., p. 266. Quando il 5 luglio fu eletto a Perugia, Pietro del Morrone non era presente, e solo l’11 luglio fu inviata un’ambasceria a Sulmona per informarlo; P. Herde, Cölestin V., p. 71.

98 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, pp. 652-653, n° 4260; A. Potthast, Regesta pontificum Romanorum, II, p. 1920, n° 23997.

99 A. Luttrell, «The Hospitallers in Cyprus», p. 163, n. 3.

100 J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 74.

101 Nella lettera del 2 gennaio 1294 al fratello Federico (III), Giacomo II ripercorre le tappe dei negoziati con Carlo II d’Angiò, che hanno portato alla «tregua» del 14 dicembre 1293: fra Bonifacio è definito communis amicus et mediator; F. Giunta et alii, Acta Siculo-aragonensia, I, 1, p. 239, n° 284; A. Kiesewetter, Die Anfänge der Regierung König Karls II., p. 271. Nel 1292 le istanze e le preghiere di fra Bonifacio erano riuscite a far migliorare le condizioni degli ostaggi angioini trattenuti in Catalogna; J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 80.

102 ASV, Reg. Vat. 46a, fos 6v°-7r°; testo (con qualche errore di lettura e l’introduzione del dittongo ae, assente nel ms.): O. Raynaldi Annales ecclesiastici, IV, pp. 150-151 (8.10.1294). Il 18 agosto fra Bonifacio si trovava ancora in Aragona; P. Herde, Cölestin V., p. 115, n. 208.

103 Ibid., p. 116, n. 214. Per la ratifica della pace di La Junquera: ibid., pp. 214-219, n° 7; A. Kiesewetter, Die Anfänge der Regierung König Karls II., p. 272, e J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», pp. 81-82.

104 Per la loro concessione in feudo all’ammiraglio siciliano, A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, coll. 272-273, n° 810-811; J. Burgtorf, «A Mediterranean Career in the Late Thirteenth Century», p. 82, et S. Runciman, I Vespri siciliani, p. 354.

105 Lettera al re Giacomo II; M. Amari, La Guerra del Vespro Siciliano, II, 1, Append., pp. 371-372, n° 67. Ai mandatari del papa, Bonifacio da Calamandrana e il vescovo Guillem d’Urgell, spettava anche di notificare un termine perentorio per il ritiro dall’isola e dagli altri territori occupatione detentis a diversi sostenitori di Federico d’Aragona, tra i quali Giovanni da Procida e Ruggero di Lauria; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, coll. 288-289, n° 854.

106 Lettera alla regina madre Costanza d’Aragona; ASV, Reg. Vat. 47, fº 206v°; regesto: A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, col. 296, n° 858 (senza i nomi dei due inviati del papa). Analogo è il contenuto della lettera che, sempre in data 2 gennaio, Bonifacio VIII scrisse a Federico d’Aragona; ASV, Reg. Vat. 47, f os 206r°-v°; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, col. 290, n° 857 (neppure in questo regesto si trovano fra Bonifacio e il vescovo di Urgell, che dovevano incontrarsi con Federico). Il matrimonium inter Fredericum et imperatricem Constantinopolitanam figurava al secondo posto tra i capitula delle istruzioni per i nunzi papali; H. Finke, Acta Aragonensia, III, p. 50, n° 25.

107 J. Petit, Charles de Valois, pp. 53-56; P. Lock, The Franks in the Aegean, pp. 66 e 106. Il 27 giugno 1295 Bonifacio VIII si era rivolto all’«imperatrice», per richiederne l’assensus al matrimonio dopo averle esposto i termini del tractatus pacis d’Anagni: del recapito in Francia della lettera era incaricato l’abate di Saint-Germain-des-Prés; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, coll. 299-301, n° 874. Nel gennaio successivo Federico d’Aragona fu informato della risposta negativa di Caterina.

108 J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 342-343.

109 N. Housley, The Italian Crusades, p. 182; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, II, coll. 31-32, n° 2427 e 2430; A. Potthast, Regestum pontificum Romanorum, II, p. 1971, n° 24630. Nel dicembre 1298 Bonifacio VIII pro urgentibus negociis Ecclesie Romane ottenne la consegna di ingenti somme, che il defunto fra Bonifacio da Calamandrana aveva depositato o fatto depositare presso diversi banchieri toscani; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, II, coll. 267-268, n° 2827; J. Riley-smith, The Knights of St John in Jerusalem and Cyprus, p. 300. Anche per gli altri ordini: F. Baethgen, «Quellen und Untersuchungen zur Geschichte der päpstlichen Hof- und Finanzverwaltung», pp. 173-174.

110 Si veda ad esempio la concessione ai Giovanniti dell’ex abbazia benedettina di S. Trinità a Venosa; F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», p. 75, n. 54, e J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 374, n. 3, e 504, n. 2.

111 J. Haller, «Zwei Aufzeichnungen über die Beamten der Curie», p. 13.

112 I magistri hostiarii oscillano da un minimo di 2 a un massimo di 9; T. Schmidt, Libri rationum camerae Bonifatii papae VIII, pp. 90,282, 81,373, 210,179, n° 550 (2), 2140 (7), 496,2951 (8), 1628 (9), 1321 (Item fratribus Mauro, Henrico Theotonico et Henrico Gallico hostiariis pro 29 diebus 36 sol. et 3 den. tur. gross.); ibid., p. 184, n° 1376. Per Mauro, frate templare, A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, IV, pp. 41-42, n° 5503-5505. Su Enrico, frate teutonico, che è stato contemporaneamente procuratore generale dell’ordine presso la Curia romana, K. Forstreuter, Die Berichte der Generalprokuratoren des Deutschen Ordens an der Kurie, pp. 70-71. In generale, sarebbe restrittivo pensare solo ad ecclesiastici, perché i magistri hostiarii potevano essere anche layci; J. Haller, «Die Verteilung der servitia minuta», p. 287.

113 Najac (dep. Aveyron, arr. Villefranche-de-Rouergue, cant. Najac); Th. Boespflug, La Curie au temps de Boniface VIII, p. 293.

114 Appendice, n° 4, pp. 317-318; R. Amico, «Priamo Gambacorti», pp. 52-54.

115 J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers en Terre Sainte et à Chypre, pp. 267-84. Prosopografia: J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 689-694 (dove la prima notizia su Foulques de Villaret è del 3 giugno 1299). Su alcuni socii, consiliarii e coadiutores del maestro Foulques de Villaret a Rodi, S. Pauli, Codice diplomatico del sacro militare ordine Gerosolimitano, II, p. 36, n° 29.

116 Sinibaldo Meli. Testo: A. Paravicini Bagliani, «La mobilità della Curia Romana», p. 266; ibid., p. 241, n. 1 (data di partenza del papa per Roma).

117 A. Gilmour-bryson, The Trial of the Templars in the Papal State, all’Indice. Sui signori di Pocapaglia nel 1217, Chartae, I, col. 1244. Nel 1316 a Torino era attivo fra Francesco da Pocapaglia, inquisitore domenicano; B. Galland, Les papes d’Avignon et la maison de Savoie, p. 194.

118 Ephemerides Urbevetanae, pp. 164 e 326. Lettera dei cardinali al Pocapaglia (analisi): L. Fumi, Codice diplomatico della città d’Orvieto, pp. 341-342, n° 553. Almeno fino all’agosto 1293, podestà di Acquapendente era stato Oddone Gaetani da Pisa; A. Theiner, Codex diplomaticus dominii temporalis S. Sedis, I, p. 319, n° 491. Sulle origini e cause della contesa tra Orvieto e la Chiesa romana per il possesso di Acquapendente, M. Maccarrone, Studi su Innocenzo III, pp. 23-30; per gli sviluppi, D. Waley, Orvieto medievale, pp. 61-63, 72, 73,93 e 100.

119 Testo in C. Pinzi, Storia della città di Viterbo, III, pp. 20-1, n. 1. Nel 1291 Giacomo da Pocapaglia era stato priore della commenda giovannita di S. Maria di Raserio, nel Viterbese, un beneficio forse ancora goduto nel 1295; G. Silvestrelli, «Le chiese e i feudi dell’ordine dei Templari e dell’ordine di San Giovanni nella regione romana», p. 521.

120 A. Theiner, Codex diplomaticus dominii temporalis S. Sedis, I, pp. 343-344, n° 515; A. Thomas et alii, Les registres de Boniface VIII, I, coll. 917-920, n° 2331-2332; L. Fumi, Codice diplomatico della città d’Orvieto, pp. 368-370, n° 582. Sull’annualità del mandato dei castellani delle fortezze papali (tra le quali era il castrum Aquependentis), assegnato dal rettore del Patrimonio, P. Fabre, «Un registre caméral du cardinal Albornoz», p. 177; G. Silvestrelli, Città, castelli e terre della regione romana, pp. 796-799.

121 Vedi sopra, n. 119.

122 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, p. 807, n° 4508.

123 D. Vendola, Rationes decimarum Italiae nei secoli XIII e XIV. Apulia-Lucania-Calabria, p. 335, n° 5342. Nel 1317 era stato nominato prior di S. Eufemia da Giovanni XXII; G. Mollat, Lettres communes de Jean XXII, I, p. 410, n° 4469.

124 Prosopografia: J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 538-539; F. Tommasi, «Templarii e Templarii Sancti Iohannis», pp. 380-381.

125 F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», p. 85, n. 91 (è definito «priore di Corsica, Pisa, Sardegna»). Sembra confermare l’origine toscana della famiglia un atto del priore di Roma, fra Filippo da Gragnana, rogato da Bonafede Pieri de Camporegiano, Lunensis diocesis (Camporgiano, a sud-est di Gragnana); Ravenna, Archivio Arcivescovile, Diplom., 7599 (ante 18.5.1312). Sui nobili di Gregnano (!) in Garfagnana, vassalli dell’Impero, H. Appelt, Friderici I. diplomata, IV, p. 154, n° 899; G. Volpe, Toscana medievale, Firenze 1964, all’Indice.

126 J. Delaville le Roulx, Cartulaire général de l’ordre des Hospitaliers, III, p. 785, n° 4471.

127 Ibid., IV, p. 13, n° 4547.

128 J. Riley-smith, The Knights of St John in Jerusalem and Cyprus, p. 282.

129 A. Luttrell, «Templari e Ospitalieri in Italia», p. 6. Un cronista orvietano, invece, parla di infedeltà degli ostiari (prodeuntibus hastiariis [!], de quibus papa confidebat), che aprirono le porte del palazzo papale a Guillaume de Nogaret e ai suoi; Ephemerides Urbevetanae, p. 203; vedi anche J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 787-788.

130 Testo: A. Ratti, «Bonvesin della Riva e i Frati Gerosolimitani pp. 191-192, dove la lezione fratris Marci de sancto Stefano va corretta in fratris Mart(in)i de sancto Stefano; A. Colombo, «I Gerosolimitani e i Templari a Milano», p. 228. Martino è detto «Ospitaliere lombardo»: F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 60.

131 Sullo storico e legislatore dell’ordine, da ultimo, J. Burgtorf, «Die Pariser Sammlung des Johanniters Wilhelm von St. Stefan». Inoltre sui signori di Santo Stefano, C. Minieri Riccio, «Il regno di Carlo I° d’Angiò», p. 37.

132 L. Fumi, Codice diplomatico della città d’Orvieto, pp. 376-379, n° 589-590. Sempre a Roma, fra Martino ordinis Hospitalis Sancti Iohannis Ierosolimitani è presente, quando il nipote del papa, Pietro Caetani, riceve l’investitura di beni e diritti posseduti dalla Chiesa romana a Ninfa; G. Gaetani, Regesta chartarum. Regesto delle pergamene dell’Archivio Caetani, I, p. 213, n° 854 (10.10.1300).

133 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 60. Il documento è stato integralmente trascritto: Indulgenza, città, pellegrini, pp. 84-89.

134 Regestum Clementis papae V, I, p. 257, n° 1413. In un documento del febbraio precedente il priore di Roma, fra Martino da Santo Stefano, è definito camerarius; A. Luttrell, «The Hospitallers and the Papacy», p. 613. Probabilmente muore prima del 1310; Regestum Clementis papae V, I (Prolegomena), p. clxxi.

135 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 20 e 60-61.

136 Precettore di S. Benedetto di Mugnano (Perugia); ibid., pp. 61 e 22. Come vicepriore di Roma, è documentato a partire dal 1312; ibid., pp. 61-62 (15.7.1312); L’Aquila, Archivio di Stato, Archivio Comunale dell’Aquila, perg. V. 36. III. 3., n° 8 (11.6.1329). Sulla casa giovannita di Mugnano, D. Moullot, Le Liber prioratus Urbis de l’ordre de Saint-Jean-de-Jérusalem, pp. 409-418.

137 Precettore di S. Trinità di Todi; F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 61. Un fra Bernardo figura ad Orvieto nell’agosto 1297; Appendice, n° 4, p. 317. Sulla precettoria, F. Orsini, «Todi e le commende dell’Umbria meridionale», pp. 63-73; D. Moullot, Le Liber prioratus Urbis de l’ordre de Saint-Jean-de-Jérusalem, pp. 177-188.

138 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», p. 60.

139 Perugia, Biblioteca Comunale Augusta, ms. 975. Una riproduzione in M. Roncetti et alii, Templari e Ospitalieri in Italia. La chiesa di San Bevignate a Perugia, Milano 1987, p. 24; A. Luttrell, «Iconography and Historiography», p. 33; Indulgenza, città, pellegrini. Il caso della perdonanza di San Domenico di Perugia, p. 100, fig. 1. Il primo a segnalare l’importanza della miniatura e i «frati degli ordini militari» raffigurativi è stato W. Bombe, Geschichte der peruginer Malerei, p. 50. Sulla residenza perugina dei papi, P.-Y. Le Pogam, De la «cité de Dieu» au «palais du pape», pp. 203-268.

140 F. Tommasi, «L’ordine dei Templari a Perugia», pp. 20-21.

155 Alberto, vescovo di Vercelli (1185-1205), patriarca latino di Gerusalemme (1205-1214); K. P. Kirstein, Die lateinischen Patriarchen von Jerusalem, pp. 411-447.

156 Garin de Montaigu, maestro generale dell’ordine dei Giovanniti (1207-1227/28); J. Delaville le Roulx, Les Hospitaliers en Terre sainte et à Chypre, pp. 137-159; J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 518-523.

157 Philippe du Plessis, maestro generale dell’ordine dei Templari (1201-1209); M. L. Bulst-Thiele, Sacrae domus, pp. 147-158.

158 S. Basilio de Urbe, precettoria romana dei Giovanniti; F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», pp. 86-89.

159 S. Maria dell’Aventino, principale precettoria romana dei Templari; R. U. Montini, S. Maria del Priorato, pp. 7-13; Monasticon Italiae. 1: Roma e Lazio, p. 63.

160 O. Hageneder et alii, Die Register Innocenz’ III., XI, pp. 162-163, n° 104.

161 J.-P. Migne, Patrologia Latina, CCXVI, coll. 36-37, n° 27. Giovanni di Brienne, futuro suocero dell’imperatore Federico II; L. Böhm, Johann V. von Brienne, p. 27.

162 Pietro d’Ivrea (O. Cist.), patriarca latino d’Antiochia; B. Hamilton, The Latin Church in the Crusader States, pp. 219-223.

141 Rolando dei Guidibuoi da Parma; V. Giorgetti, Podestà, capitani del popolo e loro ufficiali a Perugia, pp. 83-84.

142 Già nel novembre 1257 Alessandro IV aveva chiesto alle autorità comunali di Perugia la revoca di norme fiscali lesive degli interessi (valde damnosa) del clero locale, recentemente inserite negli statuta; J. H. Sbaralea, Bullarium Franciscanum, II, p. 263, n° 383; F. Tommasi, «L’ordinamento geografico-amministrativo dell’Ospedale in Italia», pp. 88-89, n° 108.

143 Ancora nel 1260 il Comune di Perugia occupava possessioni dell’ordine, che solo un anno dopo furono restituite; ibid. ; G. Riganelli, «Una controversia», Appendice, pp. 244-248.

144 Già hostiarius di Innocenzo IV; É. Berger, Les registres d’Innocent IV, III, p. 93, n° 5886 (23.7.1252). Il funzionario di Curia aveva influenti parentele a Perugia; Archivio Segreto Vaticano, Collectoriae, 397, fº 90r° (29.11.1259). L’ultima notizia certa di fra Giacomo è dell’ottobre 1260; A. Paravicini-Bagliani, «La mobilità della Curia Romana», p. 254, n° 1. Testo abbreviato: V. Ansidei, Regestum reformationum comunis Perusii, I, p. 283, n° 262 (2.10.1260).

145 Benedetto d’Aquino, arcidiacono di Beauvais (1289-1304); Th. Boespflug, La Curie au temps de Boniface VIII, p. 90.

146 Matteo Caracciolo; ibid., p. 284.

147 Fra Bonifacio da Calamandrana era precettore dell’Ospedale in Occidente almeno dalla fine del 1291; vedi sopra, p. 307 e J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 500-504.

148 Gerardo da Gragnana (Lucca) ricopriva la carica di priore di Pisa già alla fine del 1290. A Cipro nell’autunno 1303 fu promosso maresciallo dell’Ordine; vedi sopra, p. 312; inoltre J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 538-539, con l’attribuzione di origini friulane (Grignano) a fra Gerardo.

149 Fra Giacomo da Pocapaglia, originario del Piemonte, è stato cubicolario di tutti i papi, da Niccolò III a Bonifacio VIII, per i quali ha portato a termine diversi incarichi (vedi sopra, pp. 306 sqq e 310 sqq). Come dignitario dell’Ospedale, ha governato la precettoria di Viterbo (1291) e, verso la fine della sua carriera, il priorato di Capua (1300).

150 Altrimenti conosciuto come Henricus Gallicus; Th. Boespflug, La Curie au temps de Boniface VIII, p. 293.

151 Foulques de Villaret, ammiraglio (1299) e poi gran commendatore dell’Ospedale (1301-), succedette allo zio Guillaume come maestro generale (1305-1317/19). Prosopografia e tappe della carriera: J. Burgtorf, The Central Convent of Hospitallers and Templars, pp. 512-517.

152 Su Oddone Gaetani e sul figlio Giacomo, Th. Boespflug, La Curie au temps de Boniface VIII, pp. 324 e 219-220.

153 Il castello restò alla famiglia Gaetani fin verso lo scadere del XIV secolo; R. Amico, «Priamo Gambacorti», p. 54.

154 Si tratta certamente di Francesco Gratiani de Sublaco. Egli apparteneva al gruppo di persone vicine a Bonifacio VIII, che parteciparono all’attentato di Anagni e, per questo, furono scomunicate da Benedetto XI o bandite dal comune di Anagni; J. Coste, Boniface VIII en procès, pp. 525 e 788 n. 1; Th. Boespflug, La Curie au temps de Boniface VIII, pp. 132-133.

Notes de fin

a librarum quinquaginta; librarum con segno di inversione.

1 Così il ms.

a Ms. Copia in testa al foglio, della stessa mano.

b Ms. nativitate con segno di abbr. superfluo.

c de Pocapalia, fos 1r°, 13v°; de Pochapalia, f° 9v°.

d Così il ms.

e Ms. odo

f Ms. recipinus

g Ms. recipe

h Ms. vice; emendazione giustificata da fos 1r°, 9v°, 13v°.

i Integrazione giustificata da fos 1v°, 10r°, 14r°.

j Ms. pptuo

k pro agg. nell’interlinea.

l Integr. giust. da fº 10r° (pro eo); vedi fos 1v°, 14r° (pro ea).

m Ms. felicitatem; emend. giust. da f os 1v°, 10r°, 14r°.

n Integr. giust. da f os 1v°, 10r°, 14r°.

o Ms. alio

p Ms. preceptorem, come pare.

q Segue Copia, della stessa mano.

r Segue ripetuto continetur, come pare.

Auteur

Università degli Studi di Perugia

© Casa de Velázquez, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site