Version classiqueVersion mobile

Le sentiment national dans l’Europe méridionale aux xvie et xviie siècles

 | 
Alain Tallon

«Zurai non legger mai più»

Censura libraria e pratiche linguistiche nella penisola italiana

«Zurai non legger mai più». Literary Censorship and Linguistic Practices in the Italian Peninsula

« Zurai non legger mai più ». Censure littéraire et pratique linguistique dans la péninsule italienne

«Zurai non legger mai più». Censura literaria y prácticas lingüísticas en la península italiana

Gigliola Fragnito

Résumé

En raison de la diffusion de la Réforme en Italie et de l’intérêt suscité par le débat religieux dans toutes les couches de la société, Rome fit de l’inaccessibilité du patrimonium fidei à la masse des fidèles un objectif fondamental. L’Inquisition et l’index des livres interdits ont progressivement réduit les espaces conquis par la langue vulgaire et qui avaient permis aux laïcs, aux clercs et aux religieux de suppléer l’ignorance croissante du latin. Décidée à combattre deux principes sur lesquels les protestants basaient la rénovation spirituelle – la connaissance de l’Écriture et l’intelligibilité des pratiques religieuses –, l’Église interdit, outre la lecture de la Bible et des textes pieux à contenu biblique, la rédaction de commentaires bibliques, d’œuvres théologiques et de controverses en italien. De cette façon, elle finit par éloigner les Italiens d’une expérience consciente de la foi et d’une approche personnelle de la connaissance de Dieu, ce qui détermina certains des caractères propres à l’identité religieuse, morale et civile de la nation. L’article retrace les étapes d’un projet pédagogique qui visait à contrôler plus étroitement les esprits et les consciences des fidèles, les maintenant dans le rôle d’éternels enfants.

Texte intégral

  • * Nel corso del lavoro verranno utilizzate le seguenti abbreviazioni: DBI; Dizionario biografico degl (...)
  • 1 Cf. B. Migliorini, Storia della lingua italiana, pp. 309-44 e 407-410; e A. Bartoli Langeli, La scr (...)
  • 2 C. Dionisotti, «Per una storia della lingua italiana», p. 94.
  • 3 Ibid., p. 95.
  • 4 I dati forniti da T. de Mauro, Storia linguistica dell’Italia unita, pp. 31-32, secondo il quale gl (...)
  • 5 T. De Mauro, Storia linguistica dell’Italia unita, p. 4.

1È noto che molto più precocemente di altre realtà europee, fin dal Trecento l’Italia aveva elaborato una lingua letteraria: il toscano della Commedia di Dante, del Decameron di Boccaccio, del Canzoniere di Petrarca*. Relegati a dialetti tutti gli altri volgari della penisola, il toscano assurse nel Cinquecento, grazie all’opera di codificazione e di normalizzazione di Pietro Bembo, ma anche dei grammatici, dei lessicografi, dei tipografi e del Vocabolario degli Accademici della Crusca (1612)1 al rango di lingua della culture e della comunicazione scritta. Lingua letteraria e dotta, essa venne, infatti, usata nella comunicazione orale quasi esclusivamente tra eruditi e letterati. Pertanto, mentre la letteratura rappresentò per secoli, in un paese diviso, «il più forte eletnento unitario»2 e identitario, altrettanto non può dirsi per la lingua parlata, che a molti scrittori dell’Ottocento appariva «quasi come lingua morta»3. Sebbene si tenda oggi a presentare un quadro linguistico dell’Italia preunitaria più articolato e sfumato, a evidenziare nella comunicazione orale la frequente sovrapposizione tra l’idioma della tradizione letteraria e i dialetti, a ridurre il divario tra parlata quotidiana e lingua scritta e a sottolineare la comprensione della lingua anche in assenza di una competenza attiva, al momento dell’unificazione del paese su una popolazione di oltre venticinque milioni gli italofoni si aggiravano intorno al 10 %, mentre l’uso dei dialetti a tutti i livelli sociali era ancora vivissimo4. L’Italia unita non dovette, quindi, come altri Paesi, affrontare l’arduo compito di confezionare o di imporre una lingua «nazionale», che possedeva da secoli e cui riconosceva un ruolo essenziale nell’aver tenuto in vita «un’embrionale coscienza politica unitaria»5, ma dovette adeguarla alle esigenze comunicative di una società nuova.

  • 6 Cf, tra gli altri, S. Bianconi e B. Schwarz (a cura di), Il vescovo, il clero, il popolo, pp. 55-58 (...)
  • 7 Cf. A. Prosperi, Tribunali della coscienza, p. 313.
  • 8 A.-M. Thiesse, La création des identités nationales, pp. 67-81.

2Molte spiegazioni sono State date di questo paradosso: la persistenza e la vitalità dei dialetti, nonostante la presenza di una lingua scritta compiutamente elaborata, sono State attribuite alla frantumazione politica del paese, agli accentuati particolarismi regionali e municipali, al ristagno plurisecolare della vita economica, sociale e intellettuale, al peso della tradizione classica, al monopolio del latino nelle università e nelle scuole e collegi degli ordini religiosi riservati alle classi dirigenti. Tra i tanti fattori evocati a giustificazione della tardiva affermazione della lingua nazionale appare, però, trascurata l’influenza della censura ecclesiastica. Se non vi è dubbio che, come è stato messo in luce dagli storici della lingua, la Chiesa ha rappresentato nell’Italia divisa l’unica istituzione che, grazie al suo ruolo sovraregionale e ai mezzi e agli strumenti di cui disponeva, era in grado di promuovere la diffusione dell’italiano6, è quantomeno discutibile assegnarle una funzione rilevante nel processo di unificazione linguistica della penisola, come si tende a fare da parte degli storici tout court7. Questa rivalutazione s’iscrive in una più ampia tendenza a riconoscere alla Chiesa di Roma, contro l’immagine di arretratezza e di oscurantismo propria della cultura liberale e post-risorgimentale, un ruolo importante nell’unificazione e nella modernizzazione del Paese e a vedere nel cattolicesimo un nucleo identitario forte della coscienza nazionale. È in questa prospettiva che il rapporto tra la Chiesa e la lingua, considerera uno degli ingredienti essenziali nella costruzione di una coscienza nazionale8 e uno degli elementi imprescindibili della modernità, ha acquistato una nuova, positiva rilevanza.

3Non vi è dubbio che, come ha scritto Galli della Loggia nel suo L’identità italiana, il cattolicesimo

  • 9 E. Galli della Loggia, L’identità italiana, p. 44.

ha rappresentato per un lungo numero di secoli, l’unico tratto effettivamente comune all’intera umanità italiana e quindi [...] l’unico aspetto unificante della penisola, l’unico elemento davvero «italiano»9.

  • 10 Vedi A. Prosperi, Tribunali della coscienza, passim.
  • 11 Vedi G. Fragnito, «L’applicazione dell’indice dei libri proibiti di Clemente VIII», pp. 146-148; e (...)

4E sarebbe negare l’evidenza non riconoscere al papato un ruolo centrale – simbolico e reale– in un’Italia divisa e alla curia romana una funzione determinante nell’omogeneizzazione e italianizzazione dei ceti dirigenti degli antichi Stati. A destare semmai perplessità è l’inclusione dell’Inquisizione romana tra le forze unificatrici della penisola10. Già un rapido sguardo alla dislocazione dei suoi tribunali è sufficiente a dimostrare la fragilità di tale tesi. Densamente presenti nelle zone di frontiere esposte alle infitrazioni protestanti e nelle città sedi di università, accademie e tipografie, dove più vivace era l’attività intellettuale e maggiori i pericoli di fermenti culturalmente e religiosamente sospetti, essi erano assenti in gran parte dello Stato della Chiesa e nel Regno di Napoli, con la sola eccezione della capitale. Le aree «scoperte» coincidevano per lo più con aree culturalmente depresse, dove la maggior minaccia all’ortodossia veniva dalle «superstizioni», verso le quali la Chiesa e il suo clero, che ne era profondamente imbevuto, manifestarono la più ampia tolleranza. La tutela della fede rimase dunque in larga parte della penisola nelle mani di vescovi poco propensi a trasformarsi in guardiani delle credenze e della moralità del loro gregge o dell’Inquisizione spagnola (Sardegna e Sicilia), impedendo al Sant’Ufficio di governare e plasmare le coscienze degli italiani attraverso quell’azione capillare e omogenea sul territorio che sola avrebbe potuto consentirgli di contribuire al processo di unificazione politica della penisola11. Un ruolo importante invece l’Inquisizione lo ebbe, corne si cercherà di dimostrare, ma proprio nel rallentare quel processo quantomeno sul piano linguistico.

5Delineerò in maniera sintetica le tappe complesse di quella che acquistò sempre più i tratti di una vera e propria offensiva della Chiesa contro il volgare, anche se all’origine poté presentarsi come difesa del testo sacro dalle minacciose incursioni di lettori teologicamente impreparati.

  • 12 Per fare un esempio: la lettura di traduzioni della Scrittura e di libri di controversia religiosa (...)

6Un’osservazione preliminare s’impone: gli indici romani dei libri proibiti erano indici universali. Tuttavia, non soltanto Roma incontrò enormi resistenze alla loro applicazione fuori d’Italia, ma le misure «universali» vennero adattate in molti casi alle situazioni locali12. Pertanto mi limiterò a esaminare le ripercussioni che la normativa censoria ebbe nella penisola italiana.

  • 13 Per quanto segue si veda ibid., pp. 75-198.
  • 14 Vedi Id., «Pio V e la censura».

7Il primo indice, redatto nel 1558 dall’Inquisizione romana, vietava le traduzioni integrali del Vecchio e del Nuovo Testamento nelle lingue vernacolari13. Il divieto venne, però, fortemente attenuato nell’indice del 1564 preparato, al Concilio di Trento, da una commissione di vescovi, che prevedeva nella regola IV che vescovi o inquisitori, sentito il parere dei parroci o dei confessori, potessero autorizzarne la lettura. Questa attenuazione permise la ripresa in Italia della stampa di traduzioni della Bibbia, che s’interruppe solo nel 1567 dopo l’ascesa al papato del cardinale Michele Ghislieri. Tra gli estensori del primo indice, egli diede avvio alla progressiva erosione della legislazione tridentina al fine di ripristinare e di inasprire le proibizioni del 1558. Due obiettivi, che verranno meglio precisandosi nel tempo, sottendevano gli orientamenti intransigenti di Pio V: impedire l’accesso al testo sacro a chi non sapesse il latino e ridurre gli spazi del volgare nella pratica religiosa e devozionale14.

  • 15 In proposito si veda S. Ditchfield, Liturgy, Sanctity and History in Tridentine Italy, pp. 17- 67. (...)
  • 16 I libri di ore figurano al secondo posto, dopo il breviario, nella lista dei best-sellers pubblicat (...)
  • 17 ASV, Misc. Arm. IV, n. 30, f° 5r°, edito in J. Hilgers, Der Index der verbotenen Bücher, pp. 510-51 (...)
  • 18 Ibid.: «In quo ad praesens multa superflua, & quae ad varias superstitiones non sine maximo scandal (...)

8Emblematica in tale prospettiva la sorte riservata ai libri di ore nel quadro della riforma dei libri liturgici15. La revisione del breviario romano, destinato al clero e alle monache tenuti a recitare l’ufficio divino, comportò la correzione dell’ Officium beatae Mariae Virginis che ne era una versione meno autorevole, ma ampiamente diffusa anche tra i laici16. Con un Motu proprto del 19 novembre 1570 Pio V affidò tale compito al Maestro del Sacro Palazzo, il domenicano Tommaso Manrique17. Depurato di «molte cose superflue» atte a incoraggiare «varie superstizioni»18, l’Officium reformatum venne pubblicato nel marzo del 1571 preceduto dalla bolla Ac ut fidelium in cui Pio V stabiliva che gli esemplari delle vecchie edizioni potessero essere salvati, ma a condizione che fossero espurgati dagli inquisitori.

  • 19 Bullarium Romanum a Pio Quarto usque ad Innocentium IX..., tomus II, Lugduni, Sumptibus Petri Borde (...)
  • 20 «Ac ut ipsorum officiorum vulgaris idiomatis & sermonis abusus re ipsa penitus aboleatur, eadem omn (...)
  • 21 «Tutti gl’Ufficioli volgari, in qualonche lingua siano [...] sono proibiti» e le «orationi volgari, (...)

9Il restauro filologico del testo latino della liturgia delle ore non mancò di richiamare l’attenzione dei revisori anche sulle sue molteplici versioni in volgare, nelle quali la presenza degli «abusi» denunciati nell’Officium destava maggiori preoccupazioni a causa del più facile accesso da parte di laici, chierici e monache digiuni di latino. Tuttavia, lungi dal prevedere, come per gli Officia latini, la possibilità di un loro recupera attraverso l’espurgazione, la stessa bolla proibiva i libri di ore nelle lingue vernacolari – in primis in italiano19– e prescriveva che fessero consegnati «quanto prima» agli inquisitori «senza speranza alcuna di recuperarli mai»20. Estendeva, inoltre, il divieto alle orazioni e alle litanie in volgare. A dare maggior efficacia alla proibizione Pio V riproponeva lo stesso giorno (11 marzo 1571) in italiano, nella costituzione «sopra la recitatione dell’Ufficio della B. Vergine Maria», quanto contenuto nella Ac ut fidelium21.

  • 22 Ili, V, pp. 488-495 e 552. Vedi V. Pinto Crespo, Inquisición y control ideológico en la Espana del (...)

10Questo diverso trattamento evidenzia senza equivoci lo scopo precipuo delle proibizioni: non tanto la lotta alle «superstizioni», cui si poteva ovviare ricorrendo all’espurgazione, quanto il contenimento del dilagante uso del volgare nelle pratiche religiose pubbliche e private, in particolare laddove esso consentiva l’accesso a estesi brani della Scrittura, come nel caso degli Ufficioli della Madonna. Sotto questo profilo appaiono indubbiamente più trasparenti i divieti dell’Inquisizione spagnola. L’indice del Valdés del 1559, infatti, proibiva una nutrita serie di edizioni di libri d’ore «porque contienen muchas cosas curiosas y supersticiosas», ma ne condannava esplicitamente altre «porque no conviene que anden en romance»22.

  • 23 Vedi il collegamento tra traduzioni bibliche e Officium nel parere di Pietro Galesini, consultore d (...)
  • 24 Sacro Arsenale overo Prattica dell’officio della S. Inquisitione Ampliata, in Roma, Appresso gl’Her (...)

11Con la rimozione dei libri d’ore, in assoluto uno dei best-sellers della letteratura devozionale europea prima dell’apparizione di Lutero, è indubbio che Roma intendesse reagire a due principi cardine della Riforma: l’importanza attribuita alla diffusione della Bibbia e l’insistenza su una pietà più consapevole e più individuale, fondata sulla comprensione delle pratiche religiose. Nel divieto degli Ufficioli della Madonna, tramite prevalente per la formazione biblica dei laici, si saldarono il riacutizzarsi dell’avversione nei confronti delle traduzioni della Scrittura e l’opposizione sempre più forte alla tesi seconde cui l’efficacia della preghiera era strettamente legata alla comprensione letterale dei testi23 –tesi che fini coll’essere giudicata eretica, come appare evidente dalle istruzioni fornite ai giudici sul Come habbiano ad essaminarsi gl’heretici formali da uno dei più fortunati manuali per gli inquisitori, il Sacro Anenale di Eliseo Masini. Tra le domande da rivolgere all’imputato per accertarne l’adesione a dottrine ereticali non vi era soltanto quella se ritenesse che la Sacra Scrittura dovesse essere letta indiscriminatamente da tutti nulle lingue vernacolari, ma anche quella se giudicasse inutile a chi non sapeva il latino la recita dell’Officium Beatae Mariae Virginis e delle orazioni24.

  • 25 Si veda G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 121-142.
  • 26 LLI, t. IX, p. 929.
  • 27 Si veda G. Fragnito, «Diplomazia pontificia e censura ecclesiastica», pp. 143-167.

12Il divieto del 1571 non fu un provvedimento isolato: esso si iscriveva in un disegno più ampio che, tra profonde lacerazioni ai vertici stessi della Chiesa, l’Inquisizione avrebbe perseguito con tenacia e successo. Nelle more della promulgazione del terzo indice romano che la Congregazione dell’indice, istituita a tal uopo nel 1572, porterà a compimento solo nel 1596, si moltiplicarono, infatti, le opere volgari di contenuto biblico investite dai suoi rigori. A partire dagli an ni Settanta non soltanto venne revocata ai vescovi e agli inquisitori la facoltà di autorizzare la lettura delle traduzioni integrali della Bibbia pur prevista dalla regola IV tridentina, ma furono proibiti testi devozionali di largo consume come le Epistole & Evangelii per l’anno liturgico, i salmi, i Fioretti della Bibbia, le Figure della Bibbia, le storie sacre, le versificazioni bibliche. Si trattò, tuttavia, di interventi frammentari e surrettizi in quanto in aperta violazione dell’indice conciliare ancora formalmente in vigore25. Essi, inoltre, contrastavano con le decisioni della Congregazione dell’indice che, a seguito dell’avvicendamento dei suoi vertici nel 1587, adottò una linea più duttile. Incurante dei provvedimenti adottati dal Sant’Ufficio, essa ripropose la quarta regola tridentina nell’indice promulgato da Clemente VIII il 27 marzo 1596. Decisione respinta dall’Inquisizione che obbligò il pontefice a sospendere l’indice per inserirvi rettifiche. Nella Observatio circa quartam regulam venne ribadita la revoca della facoltà concessa a vescovi e inquisitori di permettere la lettura di versioni integrali della Bibbia e dei «summaria» e «compendia» della Scrittura in volgare, il che in sostanza equivaleva a vietarli26. Non mi soffermerò sulla complessa natura del conflitto che oppose Clemente VIII e i cardinali dell’Indice alla Congregazione dell’Inquisizione e che investi vari aspetti della censura libraria27. Ma occorre sottolineare che le profonde divergenze sul ruolo della Sacra Scrittura nella formazione religiosa dei fedeli emerse in quell’occasione avrebbero avuto gravi ripercussioni sull’esecuzione dell’indice.

  • 28 Sulla diffusione di questa letteratura in tutti gli strati della società si rinvia a G. Fragnito, P (...)
  • 29 ACDF, Index, II/9, f° 19 v°: parere sulla regola IV (non datato, ma del 1593).
  • 30 Sulle proteste dei fedeli vedi G. fragnito, «L’Inquisizione e i volgarizzamenti biblici», pp. 633-6 (...)

13Fu, del resto, proprio la formulazione dell’Observatio a provocare un profluvio di allarmati quesiti da parte di coloro che dovevano applicarla e a costringere la Congregazione dell’indice a chiarire l’estensione e i contenuti delle proibizioni, Estremamente chiara quanto alle versioni integrali o parziali della Bibbia, la Observatio lo era assai meno nel riferimento ai «summaria» e «compendia». La sua genericità autorizzava, infatti, il sequestro e il rogo di una molteplicità di testi che, sia pure in diversa misura e forma, presentavano materiali di derivazione scritturale e andava a colpire opere che godevano di vasta fortuna non soltanto tra i comuni fedeli, ma anche tra i chierici secolari e regolari e tra le monache28. A quelle già menzionate si aggiungevano ora tutte quelle opere che, in versi o in prosa, riportavano il «nudo» testo della Scrittura: dai sermonari alle Meditazioni sulla Passione, allo Specchio di Croce di Domenico Cavalca, alle raccolte di salmi, alle Vite e Passioni di Gesù, alle Vite e Lamenti della Madonna. Un divieto così onnicomprensivo che, interpretato rigorosamente, avrebbe impedito di recitare perfino il Padre Nostro e il decalogo nelle lingue materne –come osservava polemicamente Roberto Bellarmino29– non poteva non suscitare le vibrate proteste dei fedeli che si vedevano spogliati di opere che da secoli nutrivano la loro pietà, e nel contempo, spesso, privati dei loro unici libri30.

  • 31 Vedi G. Fragnito, «L’applicazione dell’indice dei libri proibiti di Clemente VIII», pp. 142-146.

14Investira da una vera e propria valanga di dubia provenienti da ogni angolo della penisola e dalle reazioni indignate delle popolazioni, di cui si fecero portavoce vescovi e inquisitori, la Congregazione dell’indice s’impegnò nella ricerca di un difficile compromesso tra la radicale chiusura dell’Inquisizione e la propria disponibilità a un accesso controllato ai volgarizzamenti biblici. Il compromesso faticosamente raggiunto –quando, va detto, molte delle opere «riabilitate» erano già State date alle fiamme31- presenta alcuni aspetti significativi sui quali merita soffermarsi.

  • 32 Sulla straordinaria diffusione dei lezionari basterà ricordare che tra il 1471 e il 1570 ne sarebbe (...)
  • 33 Per l’autorizzazione della lettura delle edizioni del Nannini si veda ACDF, Index, I/i, f°94bv° (22 (...)
  • 34 Sulla decisione, presa nelle riunioni del 9 e del 22 novembre 1596, di autorizzare la lettura di qu (...)
  • 35 Su cui vedi C. Delcorno, Domenico Cavalca, in DBI, t. Xxii, pp. 583-584; D. Zardin, «Mercato librar (...)
  • 36 Ibid., p. 123; A. Vaccari, «Le “Meditazioni della vita di Cristo” in volgare», pp. 341-378; C. Ginz (...)
  • 37 Per la massiccia presenza tra i libri devozionali di opere in versi vedi L. Baldacchini, Bibliograf (...)

15I criteri selettivi adottati per la riabilitazione di alcune opere ricadenti tra quelle vietate dalla Observatio circa quartam regulam appaiono, per quanto sommari, chiari. Essi s’ispiravano a due principi fondamentali. Da un canto, miravano a impedire la lettura del nudo testo della Scrittura, vietando florilegi non accompagnati da commenti o annotazioni, ritenuti un indispensable diaframma tra il lettore e la Parola. Dall’altro, si prefiggevano di eliminare la letteratura a carattere biblico prodotta prima del Concilio. A esemplifïcare questi criteri basterà osservare che delle molteplici stampe con o senza commento delle Epistole et Evangeli per l’anno liturgico venne autorizzata solo quella annotata dal domenicano Remigio Nannini, la cui prima edizione risaliva al 156732. Scomparvero dal mercato, oltre che nei roghi, tutte le edizioni prive di commento o con commento anonimo33, ma anche quelle commentate da autori ortodossi. Quanto alle raccolte omiletiche, alle meditazioni sulla vita o sulla passione di Cristo, alle esposizioni dei salmi, quelle che vennero salvate –stando alle indicazioni fornite da Roma34– appartenevano tutte, con l’eccezione del Dominicale e santuario e dell’Homiliario quadregesimale di Ludovico Pittorio, ad autori che avevano scritto o erano stati tradotti in italiano dopo il Concilio: Luis de Granada, Alfonso de Villegas, Vincenzo Bruni, Joachim Perion, Andrés Capilla, Ludolfo di Sassonia, Francesco Panigarola, Flaminio de’ Nobili, Silvestro Cigno, Bartolomeo Lantana. Non vennero invece riabilitate opere di grande diffusione che risalivano a un’epoca anteriore, come lo Specchio di Croce di Domenico Cavalca35, le Meditazioni della vita di Cristo dello pseudo-Bonaventura (queste per la falsa attribuzione)36 e i Fioretti della Bibbia. Si tenga, inoltre, conto che la condanna delle opere adespote e delle versificazioni della Bibbia impoverì gravemente le raccolte librarie dato il numero rilevante di adattamenti biblici anonimi o in versi37.

  • 38 In proposito vedi G. Fragnlto, La Bibbia al rogo, pp. 290-313.

16Aindurre le autorità romane a un’azione così rigorosa era la natura sfuggente e indefinibile di questa letteratura, soggetta a costanti modificazioni e arricchimenti, a veri e propri assemblaggi di materiali eterogenei, talvolta più vicina al romanzo cavalleresco che al libro di devozione o di edificazione. Ad alimentare la diffidenza concorrevano molteplici elementi: il frequente anonimato dei testi, che di per sé li rendeva sospetti; la presenza ingombrante al loro interno di scritti apocrifï o di narrazioni dal carattere profano in cui dominava il senso del meraviglioso e del sovrannamrale; la circolazione autonoma di scritti non compresi nel canone della Scrittura; la mescolanza di sacro e profane; l’uso parodistico della Bibbia; il frequente discostarsi dal testo sacro dei componimenti in versi, che rappresentavano una parte cospicua dei volgarizzamenti; l’introduzione di dottrine eterodosse, specialmente ma non solo, nelle traduzioni dei salmi; l’uso magico che veniva fatto di molti di questi testi; l’associazione a moite orazioni di indulgenze non autorizzate38.

  • 39 Cf. D. Zardin, «Mercato librario e lecture devote nella svolta del Cinquecento tridentino», pp. 216 (...)

17Questi drastici provvedimenti avevano, però, anche lo scopo di portare a compimento un processo di riorientamento della pietà religiosa avviato con il Concilio di Trento. Ma se allora –come è stato giustamente osservato39– non si verificò una frattura nella pratica devota e se vecchio e nuovo, tradizione e innovazione poterono convivere, alla fine del Cinquecento, quando il Sant’Ufficio vinse la battaglia contro le traduzioni vernacole della Bibbia, amputazioni e rimozioni produssero cambiamenti difficilmente riconducibili sotto il segno della continuità e della tradizione. L’offensiva contro la Scrittura creò, infatti, una profonda cesura nelle abitudini devozionali degli italiani, spazzando via un patrimonio largamente e lungamente condiviso da tutti gli strati sociali, un patrimonio che aveva certamente contribuito a fondare un comune linguaggio.

  • 40 V. Pinto Crespo, Inquisición y control ideológico en la España del siglo xvi, p. 278.
  • 41 Vedi G. Caravale, L’orazione proibita, pp.
  • 42 Vedi M. Catto, Un panopticon catechistico, pp. 61-91.

18Chiamati a dare una risposta ai complessi problemi sollevati dall’applicazione del terzo catalogo dei libri proibiti, i dicasteri romani si videra costretti a dare una veste più coerente e organica a un insieme di norme frammentarie accumulatesi negli anni. Emerse allora con chiarezza come alla reazione contro la centralità attribuita dalla Riforma alla Scrittura nelle lingue vernacolari all’origine dei divieti del 1558 si fosse venuta affiancando un’ulteriore fïnalità: una tendenza crescente a «desgajar los contenidos bìblicos de las tradiciones literarias de difusión popular y eregirles en ciencia sacra porexcelencia»40, a debellare un nemico per così dire interno rappresentato dalla mescolanza di sacro e profano nella letteratura hiblica, mescolanza indubbiamente favorita dalla diffosione del volgare. Alla luce della tolleranza della Chiesa verso scritti intrisi di «superstizioni»41 sarebbe improprio ritenere che questi provvedimenti siano stati prevalentemente dettati da un’esigenza di «depurazione» dei testi. Essi appaiono piuttosto volti sia a limitare il rapporto del fedele con il testo sacro sia a restituire ai pochi frammenti autorizzati e filtrati dall’interpretazione del magistero quella sacralità e quel decoro che avevano perso. È, comunque, significativo che all’indomani della promulgazione del terzo indice, Clemente VIII avvertisse il bisogno di commissionare a Roberto Bellarmino la redazione di un testo che garantisse l’uniformità e l’omogeneità dell’insegnamento catechistico. La Dottrina cristiana breve perché si possa imparare a mente (1597) e Dichiaratione più copiosa della dottrina christiana (1598), indirizzate rispettivamente ai discepoli e ai maestri delle scuole di dottrina cristiana, vennero approvati e imposa nello Stato della Chiesa con il breve Pastoralis Romani del 15 luglio 1598 e furono presto adottati in gran parte dell’Europa cattolica42. Non sembra, quindi, azzardato collegare il più deciso impegno da parte dei vertici ecclesiastici nella formazione religiosa del clero e dei laici alla necessità di colmare il vuoto lasciato dalla rimozione di testi di lunghissima tenuta. Future ricerche dovranno chiarire se gli effetti di questa operazione di cancellazione di una plurisecolare tradizione devozionale siano stati dirompenti – come sembrerebbero suggerire le fortissime resistenze dei fedeli a separarsi dai loro testi biblici in volgare– e se e quali nuove proposte religiose, al di là dell’insegnamento catechistico, siano riuscite a riscuotere un consenso altrettanto largo e duraturo. Ci si può, però, fin d’ora soffermare su alcune conseguenze indirette dei divieti che più da vicino toccano il problema della lingua.

  • 43 M. Firpo, «Riforma religiosa e lingua volgare nell’Italia del‘500», p. 135.

19L’offensiva contro l’uso del volgare non si fermò, infatti, ai testi biblici: investi anche settori contigui. Quella condotta dalla Chiesa della Controriforma fu, infatti, una battaglia a tutto campo per impedire che la «roccaforte protetta degli studi biblici e teologici»43 venisse assediata da lettori non «professionisti», che uomini comuni potessero avere accesso a saperi riservati a una casta che si voleva chiusa, Con interpretazioni non prive di ingegnosità la normativa venne adattata a tale scopo e le interdizioni furono estese a opere che con i volgarizzamenti della Scrittura avevano poco a che vedere.

  • 44 Sull’uso dei libri di controversia cattolica per attingervi conoscenze circa la teologia protestant (...)
  • 45 ILI, t. VIII, p. 816.

20Ne offre un esempio il caso delle opere volgari di controversia religiosa tra cattolici e protestanti che si sviluppa in parallelo alla vicenda delle versioni bibliche. Inizialmente incoraggiate per replicare agli «errori» di Lutero e contrastarne la diffusione, tali opere vennero presto considerate dannose in quanto occasione di confronto tra posizioni antagoniste e di stimolo per una riflessione critica personale sulle divergenze degli opposti schieramenti44. Di conseguenza, per arginarne la circolazione la regola VI tridentina –non diversamente dalla regola IV che disciplinava l’accesso alle versioni bibliche– stabilì che la loro lettura dovesse essere subordinata all’autorizzazione del vescovo o dell’inquisitore45. Riproposta dall’indice clementino, la regola venne di fatto, anche se non formalmente, abrogata su ingiunzione dell’Inquisizione che da anni veniva tassitavamente vietando le opere controversistiche in volgare. Valse in questo caso l’interpretazione capziosa secondo cui l’abrogazione della regola IV nell’Observatio dovesse essere analogicamcnte applicabile alla regola VI. Interpretazione che subì, però, imprevedibili estensioni: il divieto coinvolse anche le opere che confutavano le dottrine degli ebrei e i trattati teologici, assimilati esplicitamente a testi controversistici. In nessun caso era in gioco l’ortodossia degli scritti. Il veto problema era l’uso pericoloso dell’italiano: se tradotte in latino quelle opere potevano circolare. Lo dichiaravano i censori, rivelando tutta la coerenza di un progetto volto a tener lontano dalle questioni teologiche chi fosse digiuno di latino.

21Ma i divieti ebbero ripercussioni che travalicarono i confini strettamente religiosi, sulle quali pcraltro non è stata attirata l’attenzione e che non poterono non lasciare tracce profonde sull’apprendimento della lingua italiana.

  • 46 Vedi P. F, Grendler, La scuola nel Rinascimento italiano, pp, 156-176 e 297-312; P. Lucchi, «La San (...)
  • 47 Vedi T. Plebani, «Nascita e caratteristiche del pubblico di lettrid tra Medieovo», pp. 23-44, in pa (...)
  • 48 Vedi M. Roggero, L’alfabeto conquistato, pp. 41-45.
  • 49 Ibid., pp. 38-45; e P. F. Grendle R, La scuola nel Rinascimento italiano, pp. 297-328. Per la riorg (...)
  • 50 Michele Ponza, Lettera di un maestro di seconda scuola comunale ad un suo collega, Torino, Stamperi (...)

22Molti dei libri proibiti –gli Ufficioli della Madonna, le Epistole et evangeli, talvolta anche la Passione di Gesù Christo (probabilmente nella versione trecentesca in ottava rima di Niccolò di Mino Cicerchia) e le Meditationi della vita di Gesù Christo dello pseudo-Bonaventura– venivano, infatti, utilizzati per avviare i bambini all’apprendimento dei rudimenti della lettura sia entro le pareti domestiche, dove le madri erano solite impartire ai figli i primi elementi della fede, sia nelle scuole dell’insegnamento primario, dove quei libri venivano portati da casa46. Quelle consolidate consuetudini, probabilmente già fortemente incrinate dalla eliminazione imposta da Pio V degli Ufficioli della Madonna–la cui centralità nell’alfabetizzazione religiosa domestica è riflessa anche nell’iconografia di Sant’Anna che insegna a leggere alla Vergine–, dovettero subire un’ulteriore, profonda modifica sul volgere del Cinquecento. Anche se non è possibile valutare l’effettiva incidenza di norme volte a incanalare su nuovi binari le letture delle donne, considerato il ruolo delle madri nell’educazione religiosa dei figli (soprattutto delle femmine), dovette certamente intensificarsi la sorveglianza sui loro libri –tra i quali, oltre i testi di devozione, avevano avuto una parte importante nel processo di alfabetizzazione i «perniciosissimi» romanzi cavallereschi e la novellistica47. Altrettanto difficile è precisare le modalità e i tempi con i quali vennero modificandosi i tradizionali, ancorché fluidi, percorsi per l’acquisizione di sia pure spesso «incompiute» capacità di lettura e vennero sostituiti i testi religiosi in italiano con quelli in latino e rimosse le opere profane in volgare. Non si trattò certamente di un mutamento repentino e radicale, se a lungo le autorità religiose continueranno a scagliarsi contro la sopravvivenza di opere in italiano (il Fior di virtù e La vita di san Giosafat convertito da Barlaam, ma anche i «libri de battagia»), usate per lo più da maestre e maestri poco qualificati48. Non mancano, però, testimonianze che indicano come dalla fine del Cinquecento, quando l’attività delle scuole private o gestite dalle comunità cominciò a essere controllata dalle autorità diocesane e le structure e gli strumenti catechistici vennero potenziati49, fino a ben oltre la svolta segnata dagli eventi rivoluzionari e dalle riforme napoleoniche, l’insegnamento primario –incentrato sull’educazione religiosa dei fanciulli– si fondasse prevalentemente sulla lettura e sulla ripetizione mnemonica di orazioni in latino e dell’Officium Beatae Virginis, mentre l’uso dell’italiano era riservato alla Dottrina cristiana, che i fanciulli «recitavano pressoché a memoria per essere stati nella sola lettura di esso per anni e anni esercitati»50.

  • 51 Vedi G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 75-82.
  • 52 Vedi E. Barbieri, Le Bibbie italiane del Quattrocento e del Cinquecento, t. I, p. x. Per i lezionar (...)

23Non ci si potrà, quindi, non interrogare sulle conseguenze culturali e linguistiche di divieti che privavano gli italiani di gran parte della letteratura di contenuto biblico in volgare; che li obbligavano –al di là della liturgia– a pregare nella lingua della Chiesa; che li costringevano ad acquisire i primi rudimenti dell’istruzione su testi religiosi in latino. E ciò a maggior ragione in quanto questi divieti vennero a interrompere una loro diffusa e riconosciuta familiarità con la Bibbia. In effetti fin dalle prime sessioni del concilio di Trento quelli tra i padri che erano favorevoli alle letture bibliche nelle lingue vernacolari si erano appellati all’osservanza delle tradizioni locali e avevano insistito sulla lunga consuetudine con la Scrittura di alcune popolazioni, richiamando esplicitamente la Germania, l’italia e la Polonia51. I loro richiami erano tutt’altro che infondati: con undici edizioni di versioni integrali e trentatré edizioni di lezionari apparse entro la fine del Quattrocento l’italia si collocava al seconde posto, immediatamente dopo la Germania, nella produzione di Bibbie e di Epistole et Evangeli in volgare. Sebbene nel corso del Cinquecento il divario si fosse approfondito a favore dei paesi tedeschi, in Italia entro il 1567 vennero stampate ventotto edizioni integrali della Scrittura, quattordici del Nuovo Testamento e centoquindici delle Epistole et Evangeli52.

  • 53 T. De Mauro, Storia linguistica dell’Italia inita, p. 37; e A. Bartoli Langeli, La scrittura dell’i (...)
  • 54 Si veda G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 318-320 e la bibliografia a note 9-12.
  • 55 Vedi X. Toscani, Le “scuole della dottrina cristiana”», pp. 17-36; P. F. Grendler, La scuola nel Ri (...)
  • 56 Cf. S. Bianconi, Plurilinguismo in Val Bregaglia, pp. 37-52.

24Non è certo facile misurare se e quanto il distacco da antiche abitudini di lettura e di ascolto della Scrittura abbia influito sul processo di alfabetizzazione. Ma il problema non può essere eluso: ulteriori indagini dovranno prendere in considerazione le interdizioni inquisitoriali corne uno dei possibili fattori che agirono da freno nell’acquisizione di una padronanza attiva della lingua, ossia di compiute capacità di lettura e di scrittura, e che fecero dell’Italia inita, con il 78 % di analfabeti del Censimento del 186153, una delle regioni europee con i livelli più bassi di alfabetizzazione. Nonostante si tenda oggi a ridimensionare negli studi relativi al mondo protestante il nesso Riforma/Bibbia nelle lingue vernacole/espansione delle capacità di lettura e di scrittura54; e a enfatizzare in quelli sul mondo cattolico l’importanza delle scuole della dottrina cristiana come agente di alfabetizzazione delle masse urbane e rurali55, rimane il dato incontrovertibile del superiore tasso di alfabetizzazione dell’Europa della Riforma rispetto all’Europa cattolica. Basterà, del resto, evocare il caso della Val Bregaglia per comprendere le potenzialità della «lingua della Chiesa» e come esse venissero valorizzate nel mondo passato alla Riforma. In quella valle alpina l’adesione degli abitanti alla religione riformata sotto la guida di ministri di culto italiani, esuli religionis causa, segnò a partire dalla metà del Cinquecento l’avvio del processo d’italianizzazione. «Lingua dei riti e delle preghiere, della predicazione, dell’insegnamento e anche dei trattati scritti da alcuni dei pastori», l’italiano riuscí in breve tempo a sostituirsi al latino e al tedesco e a diventare la lingua della scrittura colta56. Che queste potenzialité siano State sostanzialmente tarpate dall’azione della Chiesa e che il ritardo dell’alfabetizzazione popolare sia anche da imputare alla sua scelta

  • 57 P. Lucchi, «La Santacroce, il Salterio e il Babbuino», p. 616.

di controllare e dirigere la produzione dei libri, di vietare la lettura della Bibbia in volgare, di restaurare la scuola del latino comE scuola delle classi dirigenti e di destinare al popolo corne unico insegnamento la predica e il catechismo57

  • 58 S. Seidel Menchi, Erasmo in Italia, p. 289; e A. Prosperi, «L’inquisizione fiorentina dopo il Conci (...)
  • 59 S. Seidel Menchi, Erasmo in Italia, p. 447. Sul freno esercitato dai divieti relativi alla Bibbia e (...)

25appare fuori dubbio. Ma saranno necessarie indagini più approfondite per poter valutare in maniera più analitica e più concreta l’incisività delle spedfiche interdizioni ecclesiastiche nell’ostacolare l’acquisizione di una padronanza attiva della lingua, ossia di compiute capacità di lettura e di scrittura. Né in questa prospettiva dovrà essere trascurato il clima di crescente sospetto verso il possesso di libri –di qualsiasi libro– da parte degli indotti generato dalla crisi religiosa del Cinquecento, proibizione e dissuasione procedettero, infatti, all’unisono e agirono da deterrente contro ogni familiarizzazione con la parola scritta. Basti pensare al berrettaio padovano Bernardino a cui l’inquisizione impose «che non dovesse legger libri vulgari di sorte alcuna» o a Tiberio dei Todeschi di Serravezza il quale, processato davanti al Sant’Ufficio di Firenze, disse di non leggere libri che trattassero materie religiose «per non havere a caschare in errore nessuno»58. O richiamare alla mente la reazione di Domeniço, ciabattino di Spilimbergo, il quale dopo la sottrazione e distruzione dei suoi unici tre libri –il Furioso, il Decameron e il Nuovo Testmento– dichiarò: «Zurai non legger mai più»59.

  • 60 G. I. Ascoli, Scritti sulla questione della lingua, pp. 14-18.
  • 61 Pur interrogandosi sul perché dopo il Concilio di Trento «l’uso del latino si sia allargato nella p (...)
  • 62 Vedi D. Marchesini, «Scolarisation et alphabétisation dans l’Italie napoléonienne», pp. 131-146; Id(...)

26Ma se il nesso alfabetizzazione/censura rimane relativamente problematico e aperto alla ricerca, l’ipotesi di una stretta relazione tra la tardiva affermazione dell’idioma nazionale e la «politica della lingua» perseguita dalla Chiesa sembla trovare più di una valida giustificazione. Nel quadro di rimozioni e cancellazioni appena delineato appare pertinente, anche se necessita di ulteriori articolazioni, il richiamo di Graziadio Isaia Ascoli alla mancata affermazione nella penisola della Riforma protestante che, promuovendo l’istruzione elementare e la lettura dei testi sacri nelle lingue vernacole, aveva rappresentato nei paesi tedeschi un fattore di omogeneità linguistica anche in assenza di unità politica60. Più che nella mancata Riforma è nella reazione contre di essa, che interruppe un’antica familiarità dei fedeli italiani con la Bibbia e con i suoi adattamenti in volgare, che si deve scorgere uno dei fattori che ostacolarono la trasformazione della lingua letteraria in lingua della comunicazione orale. Più che la rimozione del testo integrale della Bibbia è l’insieme di provvedimenti adottati dalla Chiesa cattolica ad aver quantomeno rallentato l’acquisizione e l’espansione di una competenza attiva dell’italiano: la proibizione di opere di contenuto biblico con cui donne e uomini di ogni ceto e di ogni professione avevano intrattenuto un intimo rapporto e che avevano certamente contribuito se non a forgiare una lingua comune, a sfumare i confini tra volgare e dialetti; il divieto dell’Ufficiolo della Madonna, delle litanie e delle orazioni in volgare61; l’esclusione dell’italiano dalla trattazione di tematiche teologiche, bibliche, controversistiche; e soprattutto l’imposizione del latino nelle pratiche devozionali e nell’istruzione di base, oltre alla sua permanenza nella liturgia. Se in chiesa questo persistette fino alla «rivoluzionaria» prima messa celebrata da Paolo VI il 7 marzo 1965, nella scuola elementare si era mantenuto ben addentro lo Stato unitario, superando la prova delle riforme napoleoniche, fortemente osteggiate dal clero nonché dal popolo, ostile ai nuovi, incomprensibili testi scolastici in italiano62.

27Appare, quindi, tutt’altro che arbitrario vedere nella straordinaria tenuta del latino e nell’eccezionale vitalità dei dialetti non soltanto il risultato di fattori politici, sociali, economici e culturali convergenti, ma anche la conseguenza della cancellazione della Bibbia e del forzato abbandono di antiche consuetudini devozionali destinati a incidere in profondità e nel vivo dell’esperienza quotidiana delle popolazioni.

  • 63 Vedi E. Bottasso, «Le trasformazioni del libro e dell’editoria nel Cinquecento», pp. 21-43; A. Bart (...)
  • 64 Vedi M. Firpo, «Riforma religiosa e lingua volgare nell’Italia del l5oo», pp. 121-140.
  • 65 Vedi V. Coletti, Parole dal pulpito, pp. 133-224.
  • 66 Vedi R. Librandi, «L’italiano nella comunicazione», pp. 355 e 380.
  • 67 V. Coletti, Parole dal pulpito, p. 220, ma si vedano pp. 212-224.
  • 68 Così scriveva il card. . Marcantonio Colonna a Paolo Pico, segretario della Congregazione dell’Indi (...)
  • 69 Nel 1603 e nel 1608 la Congregazione dell’Arciconfraternita della dottrina cristiana stabilì che l’ (...)
  • 70 A. Prosperi, Tribunali della coscienza, p.
  • 71 Così definiva il latino della liturgia e delle orazioni Sarpi nelle aggiunte alla Relazione dello s (...)

28È opportuno, tuttavia, ricordare che altro era stato l’atteggiamento della Chiesa agli albori dell’età moderna quando, per divulgare il suo patrimonio spirituale e teologico tra i «semplici», aveva fatto tempestivamente ricorso alle nuove tecniche tipografiche e all’uso crescente dell’italiano, lingua che nella prima metà del Cinquecento aveva finito col prevalere sul latino nella produzione editoriale, con grande anticipo rispetto agli analoghi sviluppi dell’editoria transalpina63. Ma se già sullo scorcio del Quattrocento l’abbinamento tra volgare e stampa aveva stimolato autonome, insidiose riflessioni critiche nei confronti del suo magistero e della moralità dei suoi membri, sotto l’urto della Riforma quell’abbinamento si era trasformato in una miscela potenzialmente eversiva. Di fronte al dilagare del dibattito religioso nelle piazze, nei mercati, nelle botteghe, nelle osterie, nelle case, di fronte alle inquietanti conseguenze sociali dell’alleanza tra istanze di riforma e lingua volgare64, la Chiesa reagì con un’inversione di rotta: cercò, da un canto, di esercitare un sempre più vigile controllo sulla produzione libraria; dall’altro, di ridurre gli spazi del volgare nella pratica e nella scrittura religiosa65. Rimasero, certo, altre vie e altre forme di comunicazione del messaggio religioso in volgare a cui la Chiesa poté affidarsi e che certamente favorirono una conoscenza passiva della lingua, ma in che misura riuscirono a controbilanciare le difficoltà e gli ostacoli frapposti a una padronanza attiva? Innanzitutto le «parole dal pulpito». Ma, a prescindere dall’incerto uso dell’italiano da parte dei parroci66, specialmente nelle zone rurali, e dalla mancanza di «stimolazioni culturali e linguistiche»67 dell’omiletica comune o dall’estraneità alla realtà quotidiana del linguaggio della grande predicazione barocca, è lecito chiedersi quanto il passivo ascolto di «parole che passano» –come definiva le prediche un cardinale della Congregazione dell’Indice– possa aver efficacemente contribuito alla formazione linguistica delle masse dei fedeli68. Quanto alle scuole della dottrina cristiana, il loro impegno nell’istruzione primaria appare discontinuo e tutt’altro che territorialmente omogeneo e l’uso del volgare al loro interno sembra essere stato limitato alla ripetizione orale del catechismo, mentre il latino venne imposto per la recita delle preghiere69. Né, d’altro canto, l’uso dell’italiano nella corrispondenza intrattenuta da alcuni vescovi con i loro curati può essere considerato un fenomeno di tale consistenza da suffragare la pur autorevole tesi secondo cui «la funzione svolta dalla Chiesa per importe l’unità linguistica» non fo «tra le meno importanti per la costruzione di una fotura Italia unita»70. Per quanto intensi possano essere stati, quegli scambi epistolari interni al mondo ecclesiastico non riuscirono certo a impedire che la lingua «nazionale», relegata ai margini della vita religiosa e praticamente esclusa dal processo di alfabetizzazione, si presentasse agli italiani unificati come una lingua «forestiera» e «incognita» quanto il latino che li aveva accompagnati per secoli e dal quale si accingevano con difficoltà a prendere congedo71.

Bibliographie

Ascoli, Graziadio Isaia, Scritti sulla questione della lingua (a cura di Corrado Grassi), Torino, Einaudi, 1975.

Baldacchini, Lorenzo, Bibliografia delle stampe popolari religiose del xvi-xvii secolo, Biblioteche Vaticana, Alessandrina, Estense, Firenze, Olschki, 1980.

Barbiéri, Edoardo, Le Bibbie italiane del Quattrocento e del Cinquecento. Storia e bibliografia ragionata delle edizioni in lingua italiana dal 1471 al 1600, Milano, Editrice Bibliografica, 1991 (2 vols.).

– «Tradition and Change in the Spiritual Literature of the Cinquecento», in Church, Censorship and Culture in Early Modern Italy (a cura di Gigliola Fragnito), Cambridge, Cambridge University Press, 2001, pp. iii-133.

– «Fra tradizione e cambiamento: note sul libro spirituale del XVI secolo», in Libri, biblioteche e cultura nell’Italia del Cinque e Seicento (a cura di Edoardo Barbieri e Danilo Zardin), Milano, Vita e Pensiero, 2002.

Bartoli Langeli, Attilio, La scrittura dell’italiano, Bologna, Il Mulino, 2000.

Bartoli Langeli, Attilio, e Mario Infelise, «Il libro manoscritto e a stampa», in L’italiano nelle regioni. Lingua nazionale e identità regionali (a cura di Francesco Bruni), Torino, UTET, 1992, pp. 941-972.

Beccaria, Gian Luigi, Sicuterat. Il latino di chi non lo sa: Bibbia e liturgia nell’italiano e nei dialetti, Milano, Garzanti, 1999.

Bianconi, Sandro, Plurilinguismo in Val Bregaglia, Locarno, Osservatorio linguistico della Svizzera italiana, 1998.

Bianconi, Sandro, e Brigitte Schwarz (a cura di), Il vescovo, il clero, il popolo. Atti della visita personale di Feliciano Ninguarda alle pievi comasche sotto gli Svizzeri nel 1591, Locarno, Armando Dadò, 1991.

Bongi, Salvatore, Annali di Gabriel Giolito deFerrari da Trino di Monferrato stampatore in Venezia, Roma, Ministero della Pubblica Istruzione, 1895 (2 vol.), t. II.

Bottasso, Enzo, «Le trasformazioni del libro e dell’editoria nel Cinquecento ed i loro riflessi fuori d’Italia», in La stampa in Italia nel Cinquecento (a cura di Marco Santoro), Roma, Bulzoni, 1992, pp. 21-43.

Braida, Lodovica, Stampa e cultura in Europa tra xv e xvi secolo, Roma-Bari, Laterza, 2000.

Caravale, Giorgio, L’orazione proibita. Censura ecclesiastica e letteratura devozionale nella prima età moderna, Firenze, Olschki, 2003.

Castellani, Arrigo, «Quanti erano gl’italofoni nel 1861?», Studi linguistici italiani, 8,1982, pp. 3-26.

Cattaneo, Enrico, «Le traduzioni delle Epistole e dei Vangeli della Messa dei secoli xv e xvi», Asprenas, 18, 1971, pp. 484-492.

Catto, Michela, Un panopticon catechistico. L’arciconfraternita della dottrina cristiana a Roma in età moderna, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2003.

Chiesa, Mario, «Poemi bihlici fra Quattro e Cinquecento», Giornale Storico della Letteratura Italiana, 179, 2002, pp. 161-92.

Coletti, Vittorio, Parole dal pulpito. Chiesa e movimenti religiosi tra latino e volgare nell’Italia del Medioevo e del Rinascimento, Genova, Marietti, 1983.

De Blasi, Nicola, «L’italiano nella scuola», in Storia della lingua italiana (a cura di Luca Serianni e Pietro Trifone), Torino, Einaudi, 1993, pp. 383-423 (3 vol.), t. I: I luoghi della codificazione.

De Mauro, Tullio, Storia linguistica dell’Italia unita, Roma-Bari, Laterza, 1976 (2 vols).

Di Filippo Bareggi, Claudia, «Libri e letture nella Milano di san Carlo Borromeo», in Stampa, libri e letture a Milano nell’età di Carlo Borromeo (a cura di Nicola Raponi e Angelo Turchini), Milano, Vita e Pensiero, 1992, pp. 39-96.

Dionisotti, Carlo, «Peruna storia della lingua italiana», in Id., Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1977, pp. 75-102.

– «La letteratura italiana nell’età del Concilio», in Id., Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1977, pp. 227-254.

Ditchfield, Simon, Liturgy, Sanctity and History in Tridentine Italy. Pietro Maria Campi and the Preservation of the Particular, Cambridge, Cambridge University Press, 1995.

Fantini, Maria Pia, «Censura romana e orazioni: modi, tempi, formule (1571- 1620)», in L’Inquisizione e gli storici: un cantiere aperto (Roma, 24-25 giugno 1999), Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 2000, pp. 221-243.

Firpo, Massimo, «Riforma religiosa e lingua volgare nell’Italia del ‘500», in Id., «Disputar di cose pertinente alla fede». Studi sulla vita religiosa del Cinquecento italiano, Milano, Edizioni Unicopli, 2003, pp. 121-40.

Folengo, Teofilo, La Umanità del Figliuolo di Dio (a cura di Simona Gatti Ravedati), Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2000.

Fragnito, Gigliola, La Bibbia al rogo. La censura ecclesiastica e i volgarizzamenti della Scrittura (1471-1605), Bologna, Il Mulino, 1997.

– «L’applicazione dell’indice dei libri proibiti di Clemente VIII», Archivio Storico Italiano, 159, 2001, pp. 107-149.

– «Diplomazia pontificia e censura ecclesiastica durante il regno di Enrico IV», Rinascimento, 42, 2002, pp. 143-167.

– «Censura ecclesiastica e identità spirituale e culturale femminile», Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée, 115, 2003, pp. 287-313.

– «L’Inquisizione e i volgarizzamenti biblici», in L’Inquisizione (a cura di Agostino Borromeo), Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 2003, pp. 633-660.

– «La censure des livres entre évêques et inquisiteurs», in Inquisition et Pouvoir (a cura di Gabriel Audisio), Aix-en-Provence, Publications de l’Université de Provence, 2003, pp. 171-184.

– «Pio V e la censura», Pio V nella sociétà e nella politica del suo tempo. Atti del Convegno Internazionale di Studi Bosco Marengo-Alessandria (12-14 febbraio 2004), [a cura di Maurilio Guasco e Angelo Torre], Bologna, Il Mulino, 2005, pp. 129-158.

– Proibito capire. La Chiesa e il volgare nella prima età moderna, Bologna, Il Mulino, 2005.

Galli della Loggia, Ernesto, Lidentità italiana, Bologna, Il Mulino, 1998.

Garavaglia, Gianpaolo, «Traduzioni bibliche a stampa fra Quattrocento e Settecento», Mélanges de l’Ecole française de Rome. Moyen Age, 105, 1993, pp. 857-862.

– «I lezionari in volgare italiano fra xiv e xvi secolo. Spunti per una ricerca», in La Bibbia in italiano tra Medioevo e Rimascimento. La Bible italienne au Moyen Age et à la Renaissance. Atti del Convegno internazionale (Firenze – Certosa del Galluzo, 8-9 novembre 1996), [a cura di Lino Leonardi], Firenze, Sismel – Edizioni del Galluzzo, 1998, pp. 365-392.

– «L’Italia e le traduzioni della Bibbia tra Cinque e Settecento: un caso di mancata circolazione delle idee», in Circolazione di uomini e d’idee tra Italia ed Europa nell’età della Controriforma (a cura di Susanna Peyronel), Torrepellice, Società di Studi Valdesi, 1998, pp. 141-158.

Ginzburg, Carlo, «Folklore, magia e religione», in Storia d’Italia (a cura di Ruggiero Romano e Corrado Vivanti), Torino, Einaudi, 1972, pp. 637-676 (10 vols.), t. II: I caratteri onginali.

Grendler, Paul F., The Roman Inquisition and the Venetian Press (1540-1605), Princeton, Princeton University Press, 1977.

– La scuola nel Rinascimento italiano, Roma-Bari, Laterza, 1991.

– «Il libro popolare nel Cinquecento», in La stampa in Italia nel Cinquecento. Atti del Convegno (Roma, 17-21 ottobre 1989), [a cura di Marco Santoro], Roma, Bulzoni, 1992 (2 vol.), t. I, pp. 211-236.

Griffante, Caterina (a cura di), Le edizioni veneziane del Seicento. Censimento, t. I, A-L, Milano, Regione Veneta – Editrice Bibliografica, 2003.

Hilgers, Joseph, Der Index der verbotenen Bücher, Freiburg im Breisgau, Herder, 1904.

Infelise, Mario, I libri proibiti da Gutenbeg all’Encyclopédie, Roma-Bari, Laterza, 2001.

Landotti, Giuseppe, Le traduzioni del messale in lingua italiana anteriori al movimento liturgico moderno. Studio storico, Roma, Edizioni Liturgiche, 1975.

Lee Bowen, Karen, Christopher Plantin’s Books of Hours. Illustration and Production, Nieuwkoop, De Graaf, 1997.

Librandi, Rita, «L’italiano nella comunicazione della Chiesa e nella diffusione della cultura religiosa», in Storia délia lingua italiana (a cura di Luca Serianni e Pietro Trifone), Torino, Einaudi, 1993 (3 vol.), t. I: I luoghi della codiftcazione, pp. 335-381.

Lucchi, Piero, «La Santacroce, il Salterio e il Babbuino», Quaderni Storici, 38, XIII, 1978, pp. 593-630.

– «La prima istruzione. Idee, metodi, libri», in il catechismo e la grammatica (a cura di Gian Paolo Brizzi), Bologna, Il Mulino, 1985, pp. 25-81.

Maraschio, Nicoletta, «Storia della lingua italiana», in La linguistica italiana alle soglie del 2000 (1987-1997 e oltre), [a cura di Cristina Lavinio], Roma, Bulzoni, 2002, pp. 21-93.

Maraschio, Nicoletta, e Tina Atarrese (a cura di), Le lingue della Chiesa. Testi e documenti dalle Origini ai nostri giorni, Pescara, Libreria dell’Università Editrice, 1998.

Marazzini, Claudio, «Il secondo Cinquecento e il Seicento», in Storia della lingua italiana (a cura di Francesco Bruni), Bologna, Il Mulino, 1993, pp. 91-116.

– La lingua italiana. Profilo storico, Bologna, Il Mulino, 1994.

Marchesini, Daniele, «La fatica di scrivere. Alfabetismo e sottoscrizioni matrimoniali in Emilia tra Sette e Ottocento», in Il catechismo e la grammatica (a cura di Gian Paolo Brizzi), Bologna, Il Mulino, 1985, pp. 83-170.

– «Scolarisation et alphabétisation dans l’Italie napoléonienne», in Napoléon et les lycées. Enseignement et société en Europe au début du xixe siècle (a cura di Jacques-Olivier Boudon), Paris, Nouveau Monde Editions – Fondation Napoléon, 2004, pp. 131-146.

Migliorini, Bruno, Storia della lingua italiana, Milano, Bompiani, 2002.

Milway, Michael, «Forgotten Best-Sellers from the Dawn of the Reformation», in Contmuity and Change. The Harvest of Late-Medieval and Reformation History. Essays presented to Heiko A. Oberman on his 70th Birthday (a cura di Robert J. Bast e Andrew C. Gow), Leiden-Boston-Köln, Brill, 2000, pp. 113-142.

Morello, Giovanni, Introduzione al catalogo della mostra Libri d’ore della Biblioteca Vaticana, Zürich, Belser Verlag, 1988.

Pagano, Emanuele, La scuola nelle Marche in età napoleonica, Urbino, Edizioni Quattro Venti, 2000.

Pinto Crespo, Virgilio, Inquisición y control ideológico en la España del siglo xvi, Madrid, Taurus, 1983.

Plebani, Tiziana, «Omaggio ad Aldo grammatico: origine e tradizione degli insegnanti-stampatori», in Aldo Manuzio e l’ambiente veneziano (1494-1515), [a cura di Susy Marcon e Marino Zorzi], Venezia, Il Cardo, 1994, pp. 74-80.

– «Nascita e caratteristiche del pubblico di lettrici tra Medieovo e prima età moderna», in Donna, disciplina, creanza cristiana dal xv al xvii secolo. Studi e testi a stampa (a cura di Gabriella Zarri), Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1996, pp. 23-44.

– Il «genere» dei libri. Storie e rappresentazioni della lettura al femminile e al maschile tra Medioevo e età moderna, Milano, Franco Angeli, 2001.

Pozzi, Giovanni, «L’italiano in chiesa», in Id., Grammatica e retorica dei Santi, Milano, Vita e Pensiero, 1997, pp. 3-41.

Prosperi, Adriano, «L’inquisizione fïorentina dopo il Concilio di Trento», Annuario dell’Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 37-38, 1985-1986, pp. 97-124.

– Tribunali della coscienza. Inquisitori, confessori, missionari, Torino, Einaudi, 1996.

Quondam, Amedeo, «La letteratura in tipografia», in Letteratura italiana, Produzione e consumo (a cura di Alberto Asor Rosa), Torino, Einaudi, 1983 (7 vol.), t. II, pp. 555-686.

Rodríguez, Pedro, El catecismo romano ante Felipe Il y la Inquisición española. Los problemas de la introducción en España del catecismo del Concilio de Trento, Madrid, Rialp, 1998.

Roggero, Marina, «L’alfabeto e le orazioni. L’istruzione di base in Piemonte nel primo Ottocento», Rivista storica italiana, 103, 1991, pp. 739-787.

– L’alfabeto conquistato. Apprendere e insegnare nell’Italia tra Sette e Ottocento, Bologna, Il Mulino, 1999.

– «L’alphabétisation en Italie: une conquête féminine», in Annales. Histoire, Sciences Sociales, 4-5, 56, 2001, pp. 903-925.

Rozzo, Ugo, Linee per una storia dell’editoria religiosa in Italia (1465-1600), Udine, Arti Grafiche Friulane, 1993.

Rusconi, Roberto, Lordine dei peccati. La confessione tra Medioevo ed età moderna, Bologna, Il Mulino, 2002.

Sarpi, Paolo, Lettere ai gallicani e protestanti. Relazione dello stato della religione. Trattato delle materie beneficiarie (a cura di Gaetano e Luisa Cozzi), Torino, Einaudi, 1978.

Seidel Menchi, Silvana, Erasmo in Italia (1520-1580), Torino, Bollati Boringhieri, 1987.

Simoncelli, Paolo, «La crisi religiosa del Cinquecento in Italia», in La Storia, La vita religiosa e la cultura (a cura di Nicola Tranfaglia e Massimo Firpo), Torino, Utet, 1986, t. IV, pp. 251-281.

Sofia, Francesca, «Ebrei e Risorgimento: appunti per una ricerca», in La Bibbia, la coccarda e il tricolore. I valdesi fra due Emancipazioni (1798-1848), [a cura di Gian Paolo Romagnani], Torino, Claudiana, 2001, pp. 349-367.

– «Le fonti bibliche nel primato italiano di Vincenzo Gioberti», Società e Storia, 106, 2004, pp. 747-762.

Thiesse, Anne-Marie, La création des identités nationale: Europe (xviiie-xxe siècle), Paris, Seuil, 2001.

Toscani, Xenio, «Le “scuole della dottrina cristiana” come fattore di alfabetizzazione», Société e Storia, 7, 1984, pp. 757-781.

– «Catechesi e catechismi come fattore di alfabetizzazione in età moderna», Annali di storia dell’educazione e delle istituzioni scolastiche, 1,1994, pp. 17-36.

Trovato, Paolo, Con ogni diligenza corretto. La stampa e le revisioni editoriali dei testi lettarari italiani (1470-1570), Bologna, Il Mulino, 1991.

Turchini, Angelo, Sotto l’occhio del padre. Sociétà confessionale e istruzione primaria nello Stato di Milano, Bologna, Il Mulino, 1996.

Turrini, Miriam, «“Riformare il mondo a vera vita christiana”. Le scuole di catechismo nell’Italia del Cinquecento», Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento, 8,1982, pp. 407-489.

Vaccari, Alberto, «Le “Meditazioni della vita di Cristo” in volgare», in Id., Scritti di erudizione e di filologia biblica e patristica, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1952, pp. 341-378.

Zardin, Danilo, Donna e religiosa di rara eccellenza. Prospera Corona Bascapè, i libri e la cultura net monasteri milanesi del Cinque e Seicento, Firenze, Olschki, 1992.

– «Mercato librario e letture devote nella svolta del Cinquecento tridentino. Note in margine ad un inventario milanese di libri di monache», in Stampa, libri e letture a Milano nell’età di Carlo Borromeo (a cura di Nicola Raponi e Angelo Turchini) Milano, Vita e Pensiero, 1992, pp. 136-246.

Notes

1 Cf. B. Migliorini, Storia della lingua italiana, pp. 309-44 e 407-410; e A. Bartoli Langeli, La scrittura dell’italiano, pp. 77-141- Peril ruolo svolto dai tipografi nella razionalizzazione ortografica e più in generale linguistica, cf. P. Trovato, Con ogni diligenza corretto.

2 C. Dionisotti, «Per una storia della lingua italiana», p. 94.

3 Ibid., p. 95.

4 I dati forniti da T. de Mauro, Storia linguistica dell’Italia unita, pp. 31-32, secondo il quale gli italofoni verso il 1861 sarebbero stati il 2,5 %, sono stati rivisti da A. Castellani, «Quanti erano gl’italofoni nel 1861?», pp. 3-26.

5 T. De Mauro, Storia linguistica dell’Italia unita, p. 4.

6 Cf, tra gli altri, S. Bianconi e B. Schwarz (a cura di), Il vescovo, il clero, il popolo, pp. 55-58; R. Librandi, «L’italiano nella comunicazione», pp. 335-81; C. Marazzini, «Il secondo Cinquecento e il Seicento», pp. 91-116; Id., La lingua italiana, pp. 222-24 e 271-275; G. Pozzi, «L’italiano in chiesa», pp. 3-41; N. Maraschio e T. Matarrese (a cura di), Le lingue della Chiesa. Per un’aggiornata bibliografia cf. N. Maraschio, «Storia della lingua italiana», pp. 43-44. Non a caso G. I. Ascoli nel Proemio al primo fascicolo dell’ «Archivio glottologico italiano» (1914) sottolineava come in condizioni storiche diverse Roma avrebbe potuto, grazie all’organizzazione della Chiesa e all’autorità papale, svolgere un ruolo più determinante di Firenze nell’affermazione della lingua nazionale (Scritti sulla questione della lingua, pp. 18-22).

7 Cf. A. Prosperi, Tribunali della coscienza, p. 313.

8 A.-M. Thiesse, La création des identités nationales, pp. 67-81.

9 E. Galli della Loggia, L’identità italiana, p. 44.

10 Vedi A. Prosperi, Tribunali della coscienza, passim.

11 Vedi G. Fragnito, «L’applicazione dell’indice dei libri proibiti di Clemente VIII», pp. 146-148; e Ead., «La censure des livres», pp. 179-183.

12 Per fare un esempio: la lettura di traduzioni della Scrittura e di libri di controversia religiosa nelle lingue vemacolari, vietata in Italia, venne autorizzata nei paesi dove convivevano cattolici e protestanti. Vedi in proposito G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 217-226.

13 Per quanto segue si veda ibid., pp. 75-198.

14 Vedi Id., «Pio V e la censura».

15 In proposito si veda S. Ditchfield, Liturgy, Sanctity and History in Tridentine Italy, pp. 17- 67. Sui rapporti tra riforma dei libri liturgici e provvedimenti relativi all’Officium, si veda G. Caravale, L’orazione proibita, pp. 69-75.

16 I libri di ore figurano al secondo posto, dopo il breviario, nella lista dei best-sellers pubblicati nel Quattrocento secondo i dati forniti da M. Milway, «Forgotten Best-Sellers from the Dawn of the Reformation», pp. 115-142, in particolare pp. 141-142. Sulla diffiisione dell’Officium Beatae Mariae Virginis nel Cinquecento si vedano K. Lee Bowen, Christopher Plantin’s Books of Hours, pp.41-58 (che tende a ridimensionarla); e P. F. Grendler, «Il libro popolare nel Cinquecento», pp. 221-224; e sui risvolti economici della revisione dei testi liturgici si veda Id., The Roman Inquisition and the Venetian Press, pp. 169-181.

17 ASV, Misc. Arm. IV, n. 30, f° 5r°, edito in J. Hilgers, Der Index der verbotenen Bücher, pp. 510-513.

18 Ibid.: «In quo ad praesens multa superflua, & quae ad varias superstitiones non sine maximo scandalo lectores inducunt, tam ratione rubricarum, tam aliorum in eodem per impressores additorum consistunt». Per la mutevole struttura di questi libri si vedano Albert Labarre, «Heures», in Marcel Viller, Ferdinand Cavallera e André Rayez (dirs.), Dictionnaire de spiritualité ascétique et mystique (17 vols.), Paris, Beauchesne, 1937-1995, t. VII (1968): , cols. 410-431, e l’introduzione di G. Morello al catalogo della mostra Libri d’ore della Biblioteca Vaticana, pp. 11-15.

19 Bullarium Romanum a Pio Quarto usque ad Innocentium IX..., tomus II, Lugduni, Sumptibus Petri Borde, Joannis & Petri Arnaud, 1692, pp. 330-332: «officia quaecumque, in primis Italico, seu quovis alio vulgari idiomate, & sermone quomodolibet composita [...] tollimus & abolemus», con la precisazione che, purché non fossero in volgare, erano autorizzati gli uffici espressamente approvati dalla Sede Apostolica e quelli in uso da almeno duecento anni. Superfluo notare la volontà di colpire soprattutto l’uso dell’Ufficiolo tra gli italiani, ma anche la consapevolezza della impossibilità di importe fuori della penisola divieti che si volevano universali.

20 «Ac ut ipsorum officiorum vulgaris idiomatis & sermonis abusus re ipsa penitus aboleatur, eadem omnia per omnes & singulos saeculares vel Ecclesiasticos, etiam ad recitationem antedictam nequaquam adstrictos, Inquisitoribus haereticae pravitatis absque spe illorum unquam recuperationis, alia vero Latino sermone, & aliis libris inser ta, ad effectum emendandi, & a maculis seu erroribus expurgandi, sibi postmodum, cum sic per eosdem Inquisitores expurgata fuerint, restituenda, consignari quamprimum jubemus» (ibid.). Nel 1573 durante il terzo sinodo provinciale, richiamandosi alla bolla di Pio V, Carlo Borromeo ordinava a chiunque avesse <Libri de officio, et precibus horariis Beatae Mariae Virginis vulgariter, vel italice, vel hispanice, vel gallice, vel germanice, vel partin latino, partim vulgari sermone expressi» di consegnarli all’inquisitore (si veda C. Di Filippo Bareggi, «Libri e letture nella Milano di san Carlo Borromeo», p. 45).

21 «Tutti gl’Ufficioli volgari, in qualonche lingua siano [...] sono proibiti» e le «orationi volgari, qualonque siano [...] e parimente Litanie volgari sono prohibite, e interdette». In proposito vedi G. Caravale, Lorazione proibita, pp. 73-78.

22 Ili, V, pp. 488-495 e 552. Vedi V. Pinto Crespo, Inquisición y control ideológico en la Espana del siglo xvi, pp. 282-283; e P. Rodríguez, El catecismo romano ante Felipe Il y la Inquisición española, pp. 138-149. Solo a seguito della costituzione di Pio V l’Inquisizione spagnola, il 18 settembre 1573, impose la correzione di tutti i libri di ore in latino e il divieto di quelli volgari, divieto generale che venne recepito nell’indice del Quiroga del 1583 (ILI, t VI, p. 602).

23 Vedi il collegamento tra traduzioni bibliche e Officium nel parere di Pietro Galesini, consultore della Congregazione, citato da M. P. Fantini, «Censura romana e orazioni», p. 229.

24 Sacro Arsenale overo Prattica dell’officio della S. Inquisitione Ampliata, in Roma, Appresso gl’Heredi del Corbelletti, 1639, pp. 68-87, cit. a pp. 81 e 87: «An crediderit sacram Scripturam ab omnibus passim lingua vernacula legendam esse» e «An crediderit sacram Theologiam scholasticam esse reijciendam, Doctores ipsos scholasticos esse falsos Doctores, & potius Romani Pontificis adulatores, cantum sacrum, & Campanarum usum abolendum, & inutile esse non intelligentibus linguam latinam recitare officium B. M. Virginis, & alias orationes, non nisi lingua vernacula». Che si trattasse di proposizioni ritenute eretiche è confermato da quanto segue: «Se il Reo baverà confessato d’haver tenuto, e creduto le sudette heresie, o le più di esse, dovrà appresso interrogarsi così..

25 Si veda G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 121-142.

26 LLI, t. IX, p. 929.

27 Si veda G. Fragnito, «Diplomazia pontificia e censura ecclesiastica», pp. 143-167.

28 Sulla diffusione di questa letteratura in tutti gli strati della società si rinvia a G. Fragnito, Proibito capire. Per la diffusione tra le donne, laiche e religiose, vedi Id., «Censura ecclesiastica e identità spirituale e culturale femminile», pp. 287-313.

29 ACDF, Index, II/9, f° 19 v°: parere sulla regola IV (non datato, ma del 1593).

30 Sulle proteste dei fedeli vedi G. fragnito, «L’Inquisizione e i volgarizzamenti biblici», pp. 633-660.

31 Vedi G. Fragnito, «L’applicazione dell’indice dei libri proibiti di Clemente VIII», pp. 142-146.

32 Sulla straordinaria diffusione dei lezionari basterà ricordare che tra il 1471 e il 1570 ne sarebbero apparse 89 edizioni (si veda G. Garavaglia, «Traduzioni bibliche a stampa fra Quattrocento e Settecento», p. 861); e 115 tra il 1501 e il 1600, di cui 72 tra il 1561 e il 1600 (Id., «I lezionari in volgare italiano fra xvi e xvi secolo», p. 380). Ne ha calcolate 130 tra il 1470 e il 1600 G. Landotti, Le traduzioni del messale, pp. 54-80 e 170-179. Sui lezionari si veda anche E. Cattaneo, «Le traduzioni delle Epistole e dei Vangeli della Messa», pp. 484-492. Nel Quattrocento, stando ai dati fomiti da M. Milway, «Forgotten Best-Sellers from the Dawn of the Reformation», pp. 113- 142, in particolare, p. 126, il volgare italiano era secondo solo al tedesco nella produzione a stampa dei lezionari. La produzione veneziana seicentesca registre ben sessanta edizioni di lezionari, tutte annotate dal Nannini (C. Griffante [a cura di], Le edizioni veneziane del Seicento, pp. 206-210, nn. 1211-1271). Va, tuttavia, osservato che la lettura dei lezionari e delle esposizioni dei salmi doveva essere autorizzata dal vescovo o dall’inquisitore nel rispetto della regola IV tridentina.

33 Per l’autorizzazione della lettura delle edizioni del Nannini si veda ACDF, Index, I/i, f°94bv° (22 novembre 1596). Seguì il 23 gennaio 1598 un decreto del Sant’Ufficio che vietava i lezionari con commenti anonimi (cf. Scriniolum Sanctae Inquisitionis Astensis in quo quaecumque ad id muneris obeundum spectare visa sunt, videlicet Librorum Prohibitorum Indices ..., Astae, Apud Virgilium de Zangrandis, 1610, pp. 305-306).

34 Sulla decisione, presa nelle riunioni del 9 e del 22 novembre 1596, di autorizzare la lettura di queste opere vedi G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 203-204, e le lettere del card. Agostino Valier, membro della Congregazione dell’Indice, a vescovi e inquisitori, in ACDF, Index, V/I, ffos 41V°-44V°, e passim. L’autorizzazione delle opere del Granada e del Capilla si ricava da ACDF, Index, II/17, f° 448r° (risposta ai dubbi sollevati dall’Inquisizione portoghese). Tuttavia, da alcune lettere inviate dalla Congregazione si può desumere che la lista degli autori autorizzati fosse più ampia. Si veda, peresempio, la lettere del card. Marcantonio Colonna, Prefetto della Congregazione, al vescovo di Modena, Roma 8 marzo 1597: «potrà permettere tutti li libri, dove con il testo volgare della S. Scrittura vi è congionto Homilia, overo Meditationi, o scholia, o annotationi o sia parafrasi di autore catolico, come del Pittorio, Bruno, Remigio, Panicarola e simili» (ibid. V/I, f° 55r°, ma si veda anche ffos 6iv°-62r°).

35 Su cui vedi C. Delcorno, Domenico Cavalca, in DBI, t. Xxii, pp. 583-584; D. Zardin, «Mercato librario e letture devote nella svolta del Cinquecento tridentino», pp. 173-174; e E. Barbieri, «Tradition and Change in the Spiritual Literature of the Cinquecento», pp. 117-119.

36 Ibid., p. 123; A. Vaccari, «Le “Meditazioni della vita di Cristo” in volgare», pp. 341-378; C. Ginzburg, «Folklore, magia e religione», p. 637; e D. Zardin, «Mercato librario e lecture devote nella svolta del Cinquecento tridentino», p. 151.

37 Per la massiccia presenza tra i libri devozionali di opere in versi vedi L. Baldacchini, Bibliografia delle stampe popolari religiose, p. ii. Delle opere inventariate 314 sono in versi e 98 in prosa. Sull’adozione della «popolare» ottava rima anche da parte di autori di testi devozionali o di poemi biblici (e anche «confessioni generali», come documenta R. Rusconi, L’ordine dei peccati, pp. 247- 248), vedi A. Quondam, «La letteratura in tipografia», pp. 594-602; T. Folengo, La Umanità del Figliuolo di Dio, pp. 39-40; e M. Chiesa, «Poemi biblici fra Quattro e Cinquecento», pp. 161-192.

38 In proposito vedi G. Fragnlto, La Bibbia al rogo, pp. 290-313.

39 Cf. D. Zardin, «Mercato librario e lecture devote nella svolta del Cinquecento tridentino», pp. 216-230; e E. Barbieri, «Fra tradizione e cambiamento», pp. 3-61.

40 V. Pinto Crespo, Inquisición y control ideológico en la España del siglo xvi, p. 278.

41 Vedi G. Caravale, L’orazione proibita, pp.

42 Vedi M. Catto, Un panopticon catechistico, pp. 61-91.

43 M. Firpo, «Riforma religiosa e lingua volgare nell’Italia del‘500», p. 135.

44 Sull’uso dei libri di controversia cattolica per attingervi conoscenze circa la teologia protestante vedi P. Simoncelli, «La crisi religiosa del Cinquecento in Italia», p. 258.

45 ILI, t. VIII, p. 816.

46 Vedi P. F, Grendler, La scuola nel Rinascimento italiano, pp, 156-176 e 297-312; P. Lucchi, «La Santacroce, il Salterio e il Babbuino», pp. 593-630; Id., «La prima istruzione», pp. 58-59 e 74-75; e T. Plebani, «Omaggio ad Aldo grammatico», pp. 76-78. L’uso dei lezionari e degli Officioli era diffuso anche nelle scuole di Chio, secondo quanto scriveva alla Congregazione del Sant’Ufficio l’inquisitore Antonio Giustniani, Chio 6 aprile 1560, il quale chiedeva di poterle concedere «a tutti maxime alle fanciulle et alle donne le quali in questo loco le usano assai per che sono molto stimulate circa di questo maxime per le fanciule che vanno alla scola» (ACDF, SO, St. St. Q3 -b, ffos n. n.).

47 Vedi T. Plebani, «Nascita e caratteristiche del pubblico di lettrid tra Medieovo», pp. 23-44, in particolare p. 25; e Ead., Il «genere» dei libri, pp. 27-47.

48 Vedi M. Roggero, L’alfabeto conquistato, pp. 41-45.

49 Ibid., pp. 38-45; e P. F. Grendle R, La scuola nel Rinascimento italiano, pp. 297-328. Per la riorganizzazione dell’insegnamento e delle scuole della dottrina cristiana cf. M. Catto, Un panopticon catecbistico, pp. 61-18 e 93-133.

50 Michele Ponza, Lettera di un maestro di seconda scuola comunale ad un suo collega, Torino, Stamperia Bianco, 1823, p. 12, cit. da M. Roggero, «L’alfabeto e le orazioni», pp. 739-87, a p. 764; si vedano anche Ead., L’alfabeto conquistato, pp. 19-53; Ead., «L’alphabétisation en Italie», pp. 903- 925; e A. Prosperi, Tribunali della coscienza, pp.634-638.

51 Vedi G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 75-82.

52 Vedi E. Barbieri, Le Bibbie italiane del Quattrocento e del Cinquecento, t. I, p. x. Per i lezionari si veda G. Garavaglia, «I lezionari in volgare italiano fra xiv e xvi secolo», p. 378, nota i; e Id., «L’Italia e le traduzioni della Bibbia tra Cinque e Settecento», p. 147. Per le edizioni cinquecentesche della Bibbia integrale e del NuovoTestamento i dati sono stati ricavati da IGI e Edit 16.

53 T. De Mauro, Storia linguistica dell’Italia inita, p. 37; e A. Bartoli Langeli, La scrittura dell’italiano, pp. 143-171.

54 Si veda G. Fragnito, La Bibbia al rogo, pp. 318-320 e la bibliografia a note 9-12.

55 Vedi X. Toscani, Le “scuole della dottrina cristiana”», pp. 17-36; P. F. Grendler, La scuola nel Rinascimento italiano, pp. 357-387; A. Turchini, Sotto l’occhio del padre. Ma sul precoce abbandono da parte delle scuole del progetto di alfabetizzazione vedi M. Turrini, «“Riformare il mondo a vera vita christiana”», pp. 407-489; e M. Catto, Un panopticon catechistico, pp. 101 e 190.

56 Cf. S. Bianconi, Plurilinguismo in Val Bregaglia, pp. 37-52.

57 P. Lucchi, «La Santacroce, il Salterio e il Babbuino», p. 616.

58 S. Seidel Menchi, Erasmo in Italia, p. 289; e A. Prosperi, «L’inquisizione fiorentina dopo il Concilio di Trento», p. 105.

59 S. Seidel Menchi, Erasmo in Italia, p. 447. Sul freno esercitato dai divieti relativi alla Bibbia e alla letteratura sulla lettura popolare vedi M. Infelise, I libri proibiti da Gutenbeg all’Encyclopédie, pp. 49-55.

60 G. I. Ascoli, Scritti sulla questione della lingua, pp. 14-18.

61 Pur interrogandosi sul perché dopo il Concilio di Trento «l’uso del latino si sia allargato nella pratica pubblica e privata ben al di là della messa e della pratica liturgica in senso stretto», alle preghiere popolari, come il rosario, le litanie della madonna, il De profundis, ecc., G. Pozzi ( «L’italiano in chiesa», pp. 3-41), non senza contraddizione, conclude: «la preghiera ha rappresentato un veicolo fra i più efficaci (ove se ne provi una pratica diffusa, quale fu nell’Europa dei devoti) per l’espandersi di una data lingua: nel caso nostro l’italiano» (p. 38). Per i lasciti sul linguaggio quotidiano delle parole latine incomprese e corrotte della liturgia, degli inni, delle preghiere si veda G. L. Beccaria, Sicuterat.

62 Vedi D. Marchesini, «Scolarisation et alphabétisation dans l’Italie napoléonienne», pp. 131-146; Id., «La fatica di scrivere», pp. 83-170. Per la resistenza del latino vedi anche F.. Pagano, La scuola nelle Marche in età napoleonica. Per la contrapposizione tra italiano e dialetto nell’insegnamento nell’Otto e Novecento, cf. N. De Blasi, «L’italiano nella scuola», pp. 383-423, in particolae pp. 403-410. Una forte ripresa della lettura della Scrittura si verificò nell’Ottocento: vedi per una suggestiva ricostruzione della circolazione e dell’utilizzazione di motivi biblici nella cultura risorgimentale F. Sofia, «Ebrei e Risorgimento», pp. 349-367; e Ead., «Le fonti bibliche nel primato italiano di Vincenzo Gioberti», pp. 747-762.

63 Vedi E. Bottasso, «Le trasformazioni del libro e dell’editoria nel Cinquecento», pp. 21-43; A. Bartoli Langeli e M. Infelise, «Il libro manoscritto e a stampa», pp. 941-972; e L. Braida, Stampa e cultura in Europa tra xv e xvi secolo, pp. 53-58. Ma si vedano le sempre utili considerazioni di C. Dionisotti, «La letteratura italiana nell’età del Concilio», pp. 227-254. Per la letteratura devozionale vedi U. Rozzo, Linee per una storia dell’editoria religiosa in Italia, pp. 7-68.

64 Vedi M. Firpo, «Riforma religiosa e lingua volgare nell’Italia del l5oo», pp. 121-140.

65 Vedi V. Coletti, Parole dal pulpito, pp. 133-224.

66 Vedi R. Librandi, «L’italiano nella comunicazione», pp. 355 e 380.

67 V. Coletti, Parole dal pulpito, p. 220, ma si vedano pp. 212-224.

68 Così scriveva il card. . Marcantonio Colonna a Paolo Pico, segretario della Congregazione dell’Indice, Zagarolo 30 luglio 1591, a proposito di un libro di controversia religiosa: «io stimo che non sia utile che siano lette dalla gente plebea, per che se nelle prediche è vietato trattar queste materie, che sono parole che passano, maggior danno possono fare quando sono in stampa» (ACDF, Index, II/8, f° 472r°).

69 Nel 1603 e nel 1608 la Congregazione dell’Arciconfraternita della dottrina cristiana stabilì che l’insegnamento fosse rigorosamente in latino, per ovviare alla «confusione» derivante dalla «diversità d’imparare alli putti il Pater noster, l’Ave Maria et il Credo cioè da alcuni in latino e da altri in volgare». In proposito vedi M. Catto, Un panopticon catechistico, p. 190.

70 A. Prosperi, Tribunali della coscienza, p.

71 Così definiva il latino della liturgia e delle orazioni Sarpi nelle aggiunte alla Relazione dello stato della religione di Sir Edwin Sandys, edita in traduzione italiana a Ginevra nel 1625 (P. Sarpi, Lettere ai gallicani eprotestanti, pp. 63-66).

Notes de fin

* Nel corso del lavoro verranno utilizzate le seguenti abbreviazioni: DBI; Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 1960 e sqq.; ILI: Index des livres interdits (a cura di J. M. de. Bujanda), Sherbrooke-Genève, Centre d’Etudes de la Renaissance – Librairie Droz, 10 vols., 1984-1996; ASV: Archivio Segreto Vaticano; ACDF: Archivio della Congregazione per la Dottrina della Fede (ex Sant’Ufficio); Index: Archivio della Congregazione dell’Indice (la numerazione romana indica le serie, quella araba i volumi all’interno delle serie); SO: Archivio della Congregazione del Sant’Ufficio; St. St.: Stanza Storica.

© Casa de Velázquez, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search