Version classiqueVersion mobile

Le sentiment national dans l’Europe méridionale aux xvie et xviie siècles

 | 
Alain Tallon

Unità o disunione dell’Italia?

Uno storiografo della Controriforma, Scipione Ammirato e la sua replica al Machiavelli

Italian Unity or Disunity? A Historiography of the Counter-Reformation, Scipione Ammirato and his Response to Machiavelli

¿Unidad o desunión de Italia? Un historiógrafo de la Contrarreforma, Scipione Ammirato y su réplica a Maquiavelo

Unité ou éclatement de l’Italie ? Un historien de la Contre-Réforme, Scipione Ammirato et sa réplique à Machiavel

Cesare Vasoli

Résumé

Scipione Ammirato fut un remarquable écrivain, historien et penseur politique de l’époque de la Contre-Réforme, bien connu des spécialistes des origines et des évolutions de la raison d’État à la fin du xvie siècle. Dans cet article, néanmoins, nous n’étudierons que quelques-uns des témoignages des Opuscules (recueillis et publiés de nombreuses années après sa mort, entre 1636 et 1642), consistant en une polémique avec Machiavel. En effet, dans certaines pages des Discours, celui-ci aurait accusé l’Église romaine d’avoir été le principal obstacle à l’unification de l’Italie sous un seul pouvoir politique et d’être, par conséquent, responsable de son déclin. Ammirato expose les raisons qui, selon lui, contredisent un tel jugement. Mais surtout, il insiste sur la complexité de l’explication des causes historiques qui, après la chute de l’Empire romain, provoquèrent et entretinrent la division politique en Italie. Il en vient à la conclusion qu’une réunification aurait eu de très graves conséquences, extrêmement négatives et préjudiciables.

Texte intégral

  • 1 Per una rapida presentazione delle vicende biografiche e delle opere dell’Ammirato, cf. R. De Matte (...)
  • 2 Cf. S. Ammirato, Discorsi del Signor Scipione Ammirato sopra Comelio Tacito.
  • 3 Id., Delle Istorie fiorentine.
  • 4 Cf., a proposito delle circostanze dell’edizione postuma e della personalità di Scipione Ammirato « (...)
  • 5 I frontespizi dei tre volumi, tutti ornati dallo stemmo mediceo, sono sempre simili: Opuscoli del S (...)
  • 6 S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II (1536), pp. 36-62.

1Scipione Ammirato fu un importante letterato, storiografo, pensatore politico e letterato dell’età della Controriforma, ben noto agli studiosi di quell’epoca e, in particolare, a coloro che si sono dedicati a indagare le origini e gli sviluppi tardo-cinquecenteschi della teoria della «Ragion di Stato»1. Non occorrerà, quindi, che ricordi i suoi scritti più noti e più studiati: i Discorsi sopra Cornelio Tacito2 – testimonianza essenziale del suo complesso rapporto con Machiavelli, sempre oscillante tra l’aperto riconoscimento del suo altissimo ingegno e la condanna dell’ «empietà» che avrebbe impedito pure la ricezione dei suoi più sagaci ammaestramenti– e le Istorie fiorentine3 che rivelano piuttosto la forte attrazione del grande modello storiografico e letterario del Guicciardini. Del resto, non parlerò adesso di queste opere che richiederebbe un’ampia trattazione per ricostruire il suo tentativo di elaborare, in evidente confronto polemico con II Principe ed i Discorsi sopra la prima Deca di Livio, un nuova immagine del «principe» e del suo potere rispondente ai principi religiosi, etici e politici dell’ «ordine» cattolico posttridentino. Ma, per restare nell’ argomento specifico di questo convegno, illustrerò soltanto un breve gruppo di suoi testi, editi negli Opuscoli4, che furono raccolti e stampati, in tre tomi, tra il 1636 ed il 1642, a distanza di trentasei anni dalla sua morte, in un tempo ancora assai vicino alla condanna di Galileo. Ne fu editore, Scipione Ammirato il giovane, ossia il fiorentino Cristoforo del Bianco, già suo scrivano e «aiutante di studio», un uomo di umili origini, che era però riuscito a diventare un’importante diplomatico del Granducato di Toscana e, da vecchio, si era dedicato a raccogliere sotto quel titolo numerosi scritti editi e inediti del suo protettore di cui, per obbligo testamentario, aveva assunto anche il nome. Il primo dei tomi pubblicato nel ’36 –ma con la numerazione di II– comprese vari discorsi, ritratti, lettere, sentenze e proverbi5. E, tra questi scritti, figuravano appunto il «Discorso terzo», intitolato: Se è vero che la Sede Apostolica tenga l’Italia divisa, il «Discorso quarto», dal titolo: Onde proceda che l’italia si mantenga tuttora divisa, ed il «Discorso quinto», che si proponeva d’indagare Se vero è, chel’Italia fosse in miglior condizione quando fosse govemata da un solo Principe6.

  • 7 N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere, t. I, 12. Di quanta hnportanza sia (...)
  • 8 Ibid., p. 96: «Non essendo, adunque, stata la Chiesa potente da potere occupare la Italia, né avend (...)
  • 9 Ibid., pp. 96-97: «E perché molti sono d’opinione, che il bene essere delle città d’Italia nasca da (...)

2E chiaro che l’Ammirato, anche in questi tre discorsi che costituivano un’unica argomentazione, intendeva polemizzare con un celebre capitolo dei Discors sulla prima Deca di Livio (I, 12), dove il Machiavelli aveva accusato la Ghiesa di Roma di essere stata il maggiore ostacolo alla unificazione dell’Italia sotto un unico potere politico, e di essere, pertanto, responsable della sua decadenza e corruzione politica e del suo asservimento a sovrani e poteri stranieri7. Il Machiavelli –che scriveva post res perditas, quando le terre italiane erano diventate un campo di battaglia dello scontro tra le grandi monarchie europee– non aveva alcun dubbio che proprio gli interventi politici dei Papi del suo tempo e dei secoli precedenti avessero impedito che anche in Italia si affermasse, come in Francia e in Spagna, l’egemonia di un unico Stato o di una dinastia che ponesse fine alla molteplicità di piccoli poteri «regionali», in continua lotta tra di loro, e, tuttavia, incapaci di far fronte alle invasioni straniere. La conseguenza più grave di questa rovinosa politica, volta soltanto all’accrescimento del dominio dello Stato della Chiesa, era stata la mancata formazione di un unico organismo politico solido e ben cementato da una comune coscienza «unitaria»8. La crisi della «florentina libertas», alla quale egli aveva assistito, negli anni del suo servizio nella II Cancelleria, e l’esperienza delle «guerre horrende» che dal 1494 avevano travolto le deboli strutture delle Repubbliche e delle «Signorie» lo avevano convinto che l’origine di tutte le sventure dell’Italia derivassero dall’esistenza più che millenaria di uno Stato governato dalle supreme gerarchie ecclesiastiche, gelose custodi del proprio assoluto dominio e pronte a sollecitare la discesa in Italia di potentati stranieri disposti a difendere e ad estendere i loro possessi mondani. La Chiesa cattolica romana si era così trasformata in un potere terreno, i cui governanti si erano sempre più comportati corne gli altri principi, sia nella spregiudicata condotta politica, sia nel fasto, nella ricchezza e nei vizi. Il loro esempio, del tutto opposto ai principi evangelici, aveva pure generato la generale miscredenza degli Italiani che avevano perso non solo ogni credenza religiosa, ma pure quel profonde sentimento di appartenenza e di fede comune su cui si fonda la coesione e la forza di ogni comunità umana. Ne era derivata la «corruzione» e l’impotenza politica degli Italiani «cattivi», incapaci di sostenere e difendere le loro istituzioni, di costituirsi in un vero Stato e perciò destinati alla servitù9.

3Non occorre che ricordi la straordinaria fortuna di queste pagine machiavelliane e quanto esse abbiano influito, nel corso dei secoli, sull’interpretazione delle vicende storiche italiane della prima era moderna fornendo un argomento particolarmente efficace alle polemiche confessionali cinquecentesche e, più tardi, anche alle controversie giuris dizionalistiche ed alla forte critica dei poteri politici delle istituzioni ecclesiastiche propria dell’Età dei Lumi. Né sarebbe difficile ripercorrerne la traccia, dalla prima diffusione degli scritti del Machiavelli sino alla loro inevitabile ripresa nella letteratura politica e storiografica del nostro Risorgimento. Ma, per tornare all’Ammirato ed al suo lungo confronte di uomo della Controriforma con l’insegnamento e le idee del Segretario fiorentino, si dovrà piuttosto considerare che queste riflessioni se, da un lato, hanno un evidente significato apologetico, d’altro canto, esprimono pure una cauta, ma realistica considerazione delle vicende che avevano determinato l’assetto politico dell’Italia del tardo Cinquecento e una valutazione assai positiva del «piccolo Stato» e dei suoi compiti in un Paese le cui istituzioni politiche e storiche erano fortemente radicate nelle diverse tradizioni regionali.

4Certo, l’Ammirato –un intellettuale meridionale trapiantato a Firenze e divenuto lo storiografo ufficiale del Granducato, nonché il convinto esaltatore di un Principe «machiavellico» come Cosimo I– sembrava consapevole che l’Italia fosse una «nazione», ma nel significato che questa parola aveva assunto da tempo, per indicare un’entità geografica ben definita e l’affinità linguistica dei vari idiomi che vi si parlavano, ben rilevabile, soprattutto, al livello sociale dellma comunità dei dotti e delle loro espressioni «letterarie». E conosceva bene il suo antico passato di domina mundi. Era pero altrettanto convinto che questi particolari caratteri e tradizioni non implicassero affatto la necessità di un unico Stato e di un solo potere politico, come dimostrava, appunto, la sua storia, nei secoli successivi alla caduta dell’Impero romano d’Occidente. Se, nella sua qualità di ecclesiastico della Chiesa di Roma, si affrettò, nel III Discorso, a confutare le accuse del Machiavelli, nel IV e nel V, volle dimostrare che le vicende storiche dell’Italia smentivano un suo ipotetico destino unitario e che, comunque, nessuna ragione valida induceva a ritenere che l’unificazione politica potesse migliorare le sue condizioni attuali.

  • 10 Cf. S. ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, p. 36.
  • 11 Ibid., pp. 36-38.

5L’Ammirato dichiarava, infatti, sin dall’inizio dei III Discorso10, che per comprendere le vere cause della «divisione» dell’Italia e della sua mancata «ubbidienza» ad un solo Principe o ad un’unica Repubblica, occorreva risalire ai suoi «principi», per giungere, infine, gradualmente alla considerazione dei «tempi presenti». Solo un’analisi storica di questo genere avrebbe permesso di sapere se le accuse del Machiavelli fossero vere o false. Perciò lo storiografo granducale, fedele a queste premesse, si dedicava subito ad una sua rapida e talvolta confusa ricostruzione degli eventi italiani che, nella tarda antichità e nel primo Medioevo, avevano causato il crollo dell’Impero romano e, poi, la fine dell’unità della penisola, suddivisa tra una più vasta parte, sottoposta al «giogo» dei Longobardi, ed una più piccola rimasta sotto il potere dell’Impero bizantino. Ed era chiaro e dichiarato il suo proposito di sostenere che i Papi e la Chiesa romana non avevano avuto alcuna responsabilità nelle vicende di quel lungo a catastrofico periodo e, meno che mai, nella successiva frammentazione del regno longobardo in trenta ducati o nella nascita della future libera Repubblica di Venezia11.

  • 12 Ibid., pp. 39-40.
  • 13 Ibid., pp. 41-42.

6Scriveva, poi, che non intendeva intrattenersi sulle cause effettive di quelle «partizioni», già illustrate nelle «istorie pubbliche», anche se, in diretta polemica con il Machiavelli, si affrettava a smentire che Papa Adriano I, chiamando i Franchi in Italia, avesse impedito al re longobardo Desiderio di riunificarla: un’impresa del tutto impossibile e che neppure Carlomagno aveva poi tentato12. Sicchè suggeriva che forse proprio la suprema e provvidenziale volontà divina avesse deciso di non restituire l’Italia alla sua antica unità. Ma, per sradicare l’erronea credenza divulgata dal Segretario fiorentino –che, però, aveva messo «fecondissime barbe» nella coscienza di molti–, tentava di proporre una sua ulteriore interpretazione della storia italiana, dall’età carolingia a tempi più recenti, che avrebbe fatto giustizia delle molte calunnie di cui era stata ed era vittima la Chiesa romana13.

  • 14 Ibid., pp. 42-44.
  • 15 Ibid., p. 44. Ev. N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere, t. I, 12, p. 96: (...)

7Per ovvie ragioni di spazio, non posso seguire in tutto il suo sviluppo il discorso dell’Ammirato che offre un chiaro esempio di narrazione storiografica del tutto precostituita. Mi limiterò soltanto a sottolineare che, si trattasse di esporre le cause storiche della formazione del regno normanno delle Due Sicilie, teoricamente vassallo della Chiesa, e gli eventi che portarono prima alla conquista angioina e poi a quella aragonese della Sicilia, oppure di spiegare perché, più tardi, fallìrono i pretesi tentativi di unificazione italiana perseguiti da Laodislao di Durazzo, da Mastino della Scala e da Galezzo Visconti, egli indicava sempre la principali ragione di quegli eventi nella tenace opposizione di altri principi o poteri laici e, in particolare, nella «astuzia» e nella «sollecita et maravigliosa cura» della Repubblica fiorentina, sempre nemica dei «tiranni», montre escludeva qualsiasi partecipazione davvero decisiva del Papato14. Scriveva, naturalmente, di essere giunto a questa conclusione per esclusivo amore della verità e non per rendersi «benevola» la Sede Apostolica che, «invitta et gagliarda» e «aiutata dal fortissimo braccio di Dio», non aveva affatto bisogno del suo «debole aiuto». Ma, in realtà, la prima parte del discorso era soltanto il «prologo» al confronto diretto con il Machiavelli, nei «luoghi da lui addotti», e, cioè alla discussione del suo giudizio sulle scelte politiche di Giulio II, e sul ricorso all’alleanza con Luigi XII per «togliere il potere ai Veneziani»15.

  • 16 Ibid. Ev. F. Guicciardini, Storia d’Italia, cap. i, ii, pp. 251-255; cap. iv, pp. 265-266.
  • 17 Cf. S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, pp.46-47.

8A questo proposito, l’Ammirato seguiva la via più facile, trincerandosi subito dietro l’ «autorità» storiografica del Guicciardini che aveva indicato la causa principale della rovinosa sconfitta inflitta a Venezia dagli eserciti della Lega santa nell’arroganza ed nell’atteggiamento provocatorio dei suoi governanti che, anche senza l’intervento del Papa, avrebbero indotto alla guerra gli altri maggiori avversari, il Re di Francia e l’Imperatore Massimiliano. Citava quei passi della Storia d’Italia, dove l’ «ambizione dei principi», la «temerarietà» ed «il procedere troppo insolente del Senato Veneziano» erano considerati la vera ragione dei «tanti mali» scaturiti da quella guerra; e, per crescer la misura, chiamava in causa lo stesso Machiavelli che, nei Discorsi, aveva anch’egli riconosciuto l’ «insolenza» dei Veneziani16. Ne traeva subito l’impropria conclusione che Giulio II non era stato affatto la causa di quel conflitto, nel quale non era intervenuto come attore «principale», ma bensì come «accessorio». Soprattuto, il solerte apologeta in veste di storico riteneva del tutto impossible che la Repubblica di Venezia riuscisse a «insignorirsi» di tutta l’Italia, sgominando la potenza non solo del Ducato di Milano, ma quella del Re di Francia e del Re di Aragona, sovrano anche del Regno napoletano, e la forza, sia pure minore, delle altre Signorie e Repubbliche italiane. Non si poteva, dunque, biasimare un Pontefice che aveva contribuito soltanto a eliminare un sopruso fatto alla Chiesa. E poiché Machiavelli aveva pure denunciato la doppiezza di Giulio II, subito pronto a «cacciare i Francesi con l’aiuto degli Svizzeri», l’Ammirato ne traeva il pretesto per domandare se si poteva condannarlo perchè aveva inteso «liberare l’Italia dai barbari». Chiedeva agli Italiani di giudicarlo e di valutare se il suo comportamento fosse servito davvero ad accrescere la divisione dell’Italia, o non l’avesse piuttosto limitata. Infine, corne ulteriore argomento, notava che l’Italia del suo tempo, era ormai, in larga parte, sotto il dominio di un unico sovrano, il Re Spagna, e non più divisa tra i domini francesi e quelli spagnoli. Del resto, la monarchia francese, se anche fosse stata sostenuta e non avversata dalla Chiesa, non sarebbe riuscita a conquistare tutta l’Italia, com’era accaduto anche a Carlomagno, che pure non era soltanto il Re dei Franchi, ma il signore di gran parte dell’Europa17.

  • 18 Ibid., p. 47.

9Le accuse del Machiavelli erano, dunque, del tutto infondata; e l’Ammirato riteneva di aver dimostrato, in modo sufficiente, che la Chiesa non era stata affatto la causa della rovina dell’Italia, provocata da ragioni e da eventi assai più complessi e diversi. Prometteva, perciò, che avrebbe cercato di indagare i fatti, gli avvenimenti ed i loro principi che avevano portato alla sua inevitabile divisione. Ma non si limitava a preannunziare, in questo modo, i due successivi discorsi, perché dichiarava che avrebbe condotto la sua ricerca, seguendo proprio le idee ed i metodi del suo avversario, peraltro, così spesso presenti sullo sfondo delle sue considerazioni storiche e politiche18.

  • 19 Ibid», pp. 48-49.
  • 20 Ibid., pp. 49-50.

10All’inizio del V Discorso, il letterato leccese scriveva, infatti, che anche in assenza di «antiche memorie», il «discorso naturale» insegnava a ritenere che al principio del tempo, tutti i regni e potentati fossero stati piuttosto piccoli e che «una città e un popolo e non molte città e molti popoli», dopo averne conosciuto la «virtù» e il «valore», si fossero accordati per creare un principe o re. Il più «antico scrittore», Mosè, che parlava di una piccola parte dell’Asia, citava, appunto, «infïniti nomi» di re e di regni. Ma, anche senza uscire dai confini dell’Italia, le più antiche notizie confermavano che ogni popolo aveva i suoi «potentati» e che tale situazione era durata per circa novecentotrenta anni. Solo dopo l’arrivo di Enea e la fondazione di Roma, «principio dell’Impero», il valore, la virtù e la disciplina militare dei suoi cittadini aveva mutato il corso della storia, sottomettendo con un gran numero di popoli, i Sabini, i Sanniti, gli Umbri, gli Etruschi ( «Toscani»), i Liguri, i Campani, i Calabri, i Salentini ed i Bruzi19. Come si vede, l’Ammirato sembrava condivideva i giudizi del Machiavelli sulla storia gloriosa di Roma repubblicana; ma ricordava subito, che per unificare l’Italia erano occorsi ben cinquecento anni dalla caduta di Troia, che quella unità era poi durata per circa ottocento anni, e che la nuova disunione aveva ormai superato i millequaranta anni20.

  • 21 Ibid., p. 49.
  • 22 Ibid., p. 50. E v. N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere, 1. I, 2, p. 80: (...)
  • 23 Cf. S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, pp.50-51.
  • 24 Ibid.

11Questi semplici calcoli numerici gli sembravano confermare la meditata certezza di Salomone che non vi è mai nulla di nuovo sotto il Sole ed è stolto dire «questo è nuovo», perché è già certamente accaduto anche nei secoli passati. Non c’era, dunque, alcuna ragione per meravigliarsi della nuova divisione dell’Italia, avvenuta «secondo l’ordine delle cose che vicendevolmente ora s’innalzano ed ora si abbassano», come confermavano gli esempi di altre «provincie del mondo» e riconoscevano lo stesso Machiavelli ed i filosofi politici antichi ai quali si ispirava21. E qui l’Ammirato si richiamava subito a quei celebri passi dei Discorsi (I, 2) dove, sulle orme di Polibio, si parla del succedersi dei vari regimi e della loro inevitabile corruzione: insomma di quel «cerchio, nel quale girando tutte le repubbliche si sono governate e si governano»22. Ma se questo era davvero «il circolo delle cose», nel quale anche l’Italia era continuamente coinvolta, era davvero inutile cercare altrove le ragioni di quella «mutazione». Una legge naturale, inflessibile e dominante nulle vicende di tutti gli Stati stabiliva, infatti, che, nel corso del «grande anno» platonico, i piccoli regni divenissero «monarchie» e poi tornassero da monarchie a piccoli Stati, così come la natura passa dall’inverno all’estate e da questa ritorna all’inverno23. Certo, da buon moralista che scriveva in anni ancora soggetti al rigore dogmatico della Controriforma, don Scipione si rendeva conto delle gravi implicazioni della sua argomentazione e si affrettava subito a scrivere che tali «mutazioni dal male al bene e dal bene al male» non avvenivano senza la partecipazione del vizio o della virtù di chi governava. Così, proprio mentre si serviva uno di temi machiavelliani più opposti al provvidenzialismo cristiano, lo storiografo di un piccolo Stato precisava che non era «ufficio di un uomo prudente» imputare ad un solo uomo il «peccato» di molti o, addirittura attribuire un errore passato a chi era venuto dopo. Se si voleva giungere ad una vera conclusione sulle cause della lunga e presente disunione dell’Italia, bastava semplicemente rispondere che non era ancora giunto il tempo maturo per la sua unione. Le viti d’inverno non hanno mai prodotto l’uva; e a chi chiedesse, perché questo accada, gli uomini semplici, ma sensati potevano solo rispondere: perché non è ancora estate24.

  • 25 Ibid., p. 51.
  • 26 Ibid.
  • 27 Ibid., p. 52.
  • 28 Ibid., pp.

12L’Ammirato si rendeva, però, conto che una conclusione di questo genere poteva sembrare addirittura ridicola. Sicchè, passando a indicare una causa più particolare, sosteneva che se l’unione dell’Italia in un unico Stato, ottenuta in un lungo periodo di tempo e con molta fatica, era stata dovuta al valore dei Romani, d’altro canto, proprio la grande abilità degli Italiani, la loro sagacia e prontezza aveva, invece, impedito, più tardi, che uno dei loro Stati fosse assoggettato da un altro e che tutti fossero sottomessi ad un principe straniero25. Altri Paesi, corne la Spagna e la Francia si erano, certo, riunite rapidamente sotto un unico sovrano; e –come mostravano i diversi momenti della formazione dei loro Stati– francesi e spagnoli, dopo essersi ribellati all’Impero, erano riusciti ad unirsi, grazie alle doti particolari dei propri sovrani ed anche alla loro accorta politica matrimoniale26. Ma niente di tutto ciò era accaduto nell’Italia che aveva tardato a ribellarsi all’Impero, e dove si erano formati varie regni e repubbliche di altra qualità e condizione, che avevano reso difficile e, addirittura, impossibile la reintegrazione ed il ricongiungimento in un unico Stato. Lo dimostravano, in particolare, le vicende della parte sudorientale della penisola, dove la dominazione bizantina aveva impedito che i Franchi potessero impadronirsi dell’intera Italia; e lo confermava poi la storia successiva del Regno di Napoli, dal tempo dei Normanni alla dominazione angioina, dalla quella aragonese della Sicilia alla guerre che avevano coinvolto il Regno dopo la morte della regina Giovanna II. D’altro canto, la situazione italiana del suo tempo –che l’Ammirato giudicava con molto realismo– non era affatto mutata: il Ducato di Milano, la Sicilia e il Regno di Napoli erano saldamente in mano della Spagna; ma la Francia continuava a lottare contro il suo predominio, e i principi italiani non erano poi così deboli da non potere, con l’aiuto dei Francesi, mettere in serie difficoltà gli Stati spagnoli in Italia. Proprio per questo, i Re di Spagna sarebbero stati davvero saggi se non avessero continuato a tentare di diventare i padroni dell’Europa, in una situazione storica che l’Ammirato doveva ritenere ormai incerta e mutevole27, Erano queste, comunque, le vere cause della disunione dell’Italia e non quelle indicate dal Machiavelli, Ma poiché il suo discorso era fondato sul presupposto che una «provincia» non potesse essere felice, se non ubbidisse ad una sola Repubblica o ad un solo Principe –ed una tale credenza poteva generare o favorite il desiderio di giungere ad una nuova unione– l’Ammirato annunziava che si sarebbe dedicato ancora ad un altro compito. Avrebbe, cioè, discusso sulla verità o la falsità di quel presupposto, in modo da tranquillizzare gli animi inquieti e porre in dubbio quanto era stato scritto dal Segretario fiorentino28.

  • 29 Ibid., pp. 53-54.

13Il V Discorso iniziava con la perentoria affermazione che è sempre impossibile giudicare le cose e gli eventi futuri, se non si prende esempio da quelli passati; e che, pertanto, asserire che l’Italia sarebbe stata più felice se fosse passata sotto il governo di un solo principe e non più di quelli attualmente governanti poteva essere altrettano vero quanto falso; e per stabilirlo occorreva affidarsi all’insegnamento del passato che si esprimeva nelle storie e nei loro autori. Ma poiché, nonostante tutto, poteva sussistere una qualche ragione che inducesse a sperare in quella felicità, l’Ammirato chiedeva a coloro che lo pensavano di esporre le proprie idee con chiarezza, per permettere di esaminare meglio tutta la questione. Costoro potevano, infatti, ritenere che una rinnovata unione dell’Italia l’avrebbe resa «migliore» e più poterne contro la forza dei «barbari» e, in particolare, dei Turchi che miravano ad impossessarsene. Credevano pure che l’acquisto di una tale potenza avrebbe reso gli Italiani molto più sicuri e, perciò, «felici», conseguendo, in tal modo, il fine sempre perseguito dai tutti i «governanti civili»29.

  • 30 Ibid., p. 54.
  • 31 Ibid.

14La risposta a questa argomentazione era, però, immediata: ogni volta che l’Italia era stata divisa nei molti principati, sotto i quali ora viveva, si era sempre ritrovata unita nelle Leghe, così corne facevano ancora i cantoni svizzeri, ed avevano fatto, da quasi duecento anni, le città della Toscana, e, molto prima, i popoli etruschi e gran parte di quelli greci, uniti per far fronte all’invasione di Serse. I popoli italiani avrebbero, quindi, potuto ottenere lo stesso scopo, anche senza essere governati da un unico principe. Anzi, a parere dell’Ammirato, si sarebbero trovati in una migliore condizione, perché «molti e non uno solo» sarebbero stati interessati alla salvezza dell’Italia. Certo, l’Ammirato sapeva che non era facile giungere a stringere delle Leghe; ma riteneva che, quando occorresse far fronte a un problema serio, l’alleanza non avrebbe mai incontrato troppi ostacoli30. Sicchè si affrettava ad enumerare subito i molti svantaggi derivati dall’essere uniti sotto un solo principe, che erano tanti e tali da far considerare la disunione un male minore. Difatti, se quell’unico principe fosse stato poco valido, l’Italia si sarebbe trovata in pericolo di cadere sotto i Turchi più che se fosse governata da vari sovrani, tra i quali si sarebbe potuto trovarne più di uno la cui «virtù e industria» fosse capace di evitare i mali derivati dalla «tristizia» di una sola persona. Inoltre, le fortezze degli Stati divisi erano assai più numerose di quelle che avrebbe avuto un unico Stato; e le loro capitali sarebbero State difese assai meglio, se avessero avuto un principe proprio. Era, dunque, evidente che i nemici avrebbero trovato maggiori difficoltà a vincere l’Italia divisa, di quante potevano incontrare combattendo con l’Italia unita31.

  • 32 Ibid., pp. 54-55.
  • 33 Ibid., p. 55.

15Naturalmente, non poteva negare che il più grande Stato italiano, il Regno di Napoli, fosse governato da un sovrano straniero e lontano; ma l’Ammirato riteneva che la vicinanza del Papa avrebbe sempre «tenuto riscaldato» il suo Governatore, quasi come ne fosse il Re. Per convincere i suoi lettori, della forza spirituale e terrena del potere papale, ricordava il lontano esempio di Gregorio Magno, e, in tempi più vicini, quello di Malta, ben difesa dai suoi Cavalierimonaci, mentre la ricca e feconda Cipro, affidata ai Governatori e Capitani dei Veneziani, era stata presa dai Turchi32. Del resto, nessun regno o «provincia», quando è stato sconfitto il suo principe, può evitare di essere vinto ed occupato dai vincitori, mentre un Paese che abbia molti capi, se questi non cadono tutti insieme, può rendere tutt’altro che pacifico il dominio del vincitore33.

  • 34 Ibid., pp. 55-56. E v., ancora, N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Decà di Livio in Opere, t. (...)
  • 35 S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, p. 57.
  • 36 Ibid.
  • 37 Ibid., pp. 57-58.
  • 38 Ibid., p. 58.
  • 39 Ibid.

16L’erudito citava, a questi proposito, un buon numero di esempi che avrebbero dovuto confermare le sue asserzioni, tratti dalla storia del Portogallo e della Germania, ma anche dalle antiche vicende della storia dei Greci34. Gli si poteva, però, obiettare che l’Italia unita, sarebbe stata una forte «provincia», sottoposta al governo di un principe che non fosse sovrano di altri regni, vi dimorasse, e, se anche fosse straniero, divenisse italiano dopo una lunga residenza. Non solo: i suoi avversari avrebbero, magari, addirittura supposto che – come pensava il Machiavelli– la Chiesa e la sua Guria sarebbero State trasferite in Svizzera, per dimostrare altrove le loro capacità di «corruzione»35. L’Ammirato non si perdeva d’animo e cercava subito altri argomenti che confermassero i pericoli di una soluzione unitaria. Si chiedeva dove sarebbe posta la corte di quell’ unico sovrano, se a Roma, già capo del mondo, oppure a Ravenna, città degli Esarchi, o a Pavia, antica corte dei re longobardi. Notava che, in ogni caso, sarebbe necessario inviare nelle varie parti d’Italia un buon numero di «governatori», capaci di guidarla debitamente «negli affari della pace e della guerra». Perciò, se Roma divenisse capitale Roma, si dovrebbero inviare dei governatori nello Stato di Venezia, nel Ducato di Milano, in Toscana, a Genova, in Piemonte e in vari altri luoghi della «Lombardia» e della Romagna36. Ma Roma non avrebbe davvero migliorato la sua condizione che –scriveva il solerte apologeta– non poteva essere meglio ordinata di quanto lo fosse sotto l’attuale governo papale37. Questo nuovo ordinamento non avrebbe neppure giovato a Milano ed al Regno di Napoli, da tempo abituati a non avere un proprio principe, ma un governante, spesso italiano, inviato dal Re di Spagna. Né lo avrebbe gradito la Toscana –avvezza ad essere governata da un principe «del suo sangue» e della casa dei Medici cui doveva la propria richezza–, che non avrebbe tratto alcun miglioramento dalla presenza di un governatore e dall’abolizione della propria moneta38. Tale constatazione valeva pure per Ferrara, Mantova e Urbino, che da città piccole erano divenute «grandi» e «onorate», proprio perché avevano un loro principe. Per non dir poi del Piemonte, di Genova e di Venezia che avrebbero subito, addiritture un drastico e grave peggioramento39.

  • 40 Ibid., p. 60.

17L’Ammirato non esitava ad ammonire i suoi lettori, con il ricordo di quanto era accaduto ai vari popoli italici, quando erano stati sottomessi al dominio di Roma; e chiedeva chi mai fosse disposto ad assistere alla rovina di Napoli, Roma o Venezia, solo per avere un unico principe, e con la prospettive di una probabile guerre intestina, simile a quella condotta, nell’antichità, dai popoli sottomessi contro i Romani. Allora, erano stati distrutti città e paesi, uccisi molti capi di eserciti ed operate stragi, violenze ed incendi, più tardi ricordate con orrore dagli storici. Infine, gli Italici vinti erano stati costretti a ricevere quei cittadini romani inviati a govemarli e subire le loro imposizione. Poi, ancora più tardi, nell’età dell’Impero, queste sventure si rinnovarono, provocando la distruzione di altre città italiane, e, addirittura, a Roma stessa, l’incendio del Campidoglio40.

  • 41 Ibid.
  • 42 Ibid., pp. 60-61.

18Era questa, dunque, la gloria, la felicità e la grandezza che si attendeva chi sognavano il ritorno dell’unità politica italiana? O, piuttosto, il loro giudizio era corrotto e offuscato dal mito della grandezza di Roma, sino a credere che l’Italia, insieme ai tanti danni subiti, avesse anche partecipato alla gloria ed alla «felicità» dei Romani, derivata dai privilegi di cui essi godevano nei confronta dei popoli e delle «provincie» soggette, sempre rimaste malsicure e maltrattate, dopo le grandi catastrofi subite?41 L’Ammirato invitava a considerare la condizione attuale del grande Impero Turco e, in particolare delle sue provincie: la Grecia, ridotta ad essere «lo specchio dell’humana miseria», una sorte che, però, qualcuno poteva attribuire alla diversità di religione; e l’Egitto e le altre terre sottomesse agli Ottomani, ove l’islamismo era la religione comune, ma regnavano la stessa desolazione e distruzione. Di quali immunità e previlegi godevano gli abitanti di Costantinopoli che pure era la capitale di quell’Impero? Ed esclusi cinque o sei pascià della corte, dove mai si trovava la felicità, in quell’immenso Stato con un solo sovrano?42 In questi casi, il grande ed unico Stato era stato solo la causa di disas tri e di sofferenze che avevano privato la sua province di ogni vitalità.

  • 43 Ibid., p. 61.

19All’autore del V discorso non bastavano però questi argomenti troppo lontani nel tempo e nello spazio. Ammetteva pure che la felicità conseguente all’unità dell’Italia, sognata dal Machiavelli, fosse vera, e che gli Italiani fossero, come i Turchi ed i Mori, del tutto indifferenti alla loro religione e, come i pagani, non credessero in Dio e nei santi, ma mirassero soltanto al proprio bene in questo mondo. Ebbene: avrebbero compreso, anche loro, che l’unione dell’Italia non si sarebbe attuata, senza provocare un disastro. I Veneziani, i Toscani e i vari Signori «lombardi» non avrebbero mai ceduto le proprie città al nuovo principe, prima che fossero ridotte in cenere. Né tutti i popoli italiani avrebbero desiderato di assistere al proprio sterminio, al saccheggio delle loro patrie, alle violenze, alle uccisioni dei loro uomini migliori e, soprattutto alle ingiurie di ogni genere recate alla religione ed ai religiosi, solo perché i loro nipoti potessero vivere sotto un unico principe, «nella malcostante, et peggio impiastrata unione d’Italia»43.

  • 44 Cf. S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, Discorso sesto. Dell’ottima forma de (...)

20L’Ammirato si augurava che nessuno potesse nutrire questo desiderio, celandolo sotto la finzione di un bene immaginario e futuro. E sperava che andasse a vivere nel freddo clima del Settentrione chi, non approvando, il présente governo di Roma, desiderava nuovi costumi e modi di vita. Convinto che proprio quel governo fosse il meglio indirizzato «per la felicità44 e la grandezza dell’Italia» –corne avrebbe poi sostenuto nel VI Discorso– il controriformista, a suo modo, «machiavellico», chiudeva il suo discorso rendendo grazie a Dio che aveva concesso alla Chiesa romana il migliore reggimento possibile, sebbene non potesse mai esistere in questo mondo un’opera completamente perfetta.

  • 45 Sui profondi dissidi e divergenze che dividevano le più alte gerarchie ecclesiastiche, in quegli an (...)
  • 46 Sui procedimenti per la condanna delle opere di Jean Bodin, cf., per un primo tentarivo di studio, (...)

21E chiaro che questo lungo e intricato ragionamento –continuamente sospeso tra un puro calcolo politico, assai realistico nella sua valutazione delle condizioni dell’Italia di quel tempo, e un evidente impegno devozionale, la cui sincerità andrebbe accuratamente vagliata anche alla luce di altri scritti– rispecchiava preoccupazioni confessionali e politiche sin troppo evidenti. Ma, certo, occorrerebbe stabilire, con la maggiore esattezza possibile, la datazione dei tre Discorsi e quali fossero le situazioni o gli eventi concreti che potevano aver reso di nuovo attuale l’appello machiavelliano alla necessaria riunificazione dell’Italia. Si potrà pertanto osservare che i tre Discorsi sono evidentemente connessi con la polemica antimachiavellica dei Discorsi sopra Comelio Tacito e possono quindi esser collocati tra la seconda metà degli anni Ottanta ed il 1594, anno della pubblicazione di quel libre. Ed è questo, appunto, il tempo di una prima grave crisi di quell’assetto politico europeo che aveva permesso la vittoriosa intransigenza della Controriforma, e che adesso sembrava tornare in discussione, dopo una serie di eventi negativi, corne la tenace resistenza delle Provincie Unite, la distruzione dell’ «invincible Armada», le nuove vicende della guerra civile in Francia, i successi ormai irreversibili di Enrico di Navarra e il delinearsi di un profondo contrasto tra gli stessi vertici della Chiesa romana, divisi sulle scelte politiche da assumere. In questa situazione –e, mentre continuavano le dispute sulla «ragion di Stato» e sulle dottrine politiche e filosofiche di Jean Bodin45 (la prima proibizione generale di tutte le sue opere da parte dell’Inquisizione risale, non a caso al 4 febbraio del ‘93)46–, l’appello machiavelliano all’unità dell’Italia poteva tornare attuale. Mentre sembrava avvicinarsi un possibile nuovo scontro tra le due grandi monarchie, quel proposito poteva, anzi, diventare un utile strumento di propaganda, nell’attesa di una possibile eclissi dell’egemonia ispano-asburgica che avrebbe senza dubbio sconvolto l’assetto politico della Penisola.

  • 47 Per l’atteggiamento e i disegni politici del Granduca Ferdinando I, cf. l’ottima «voce» di E. Fasan (...)

22D’altro canto, si dovrà tenere ben presente la particolare situazione politica dei Granducato di Toscana, negli anni in cui l’Ammirato meditò e scrisse probabilmente questi Discorsi. Erano ormai trascorsi quasi vent’anni dalla morte di Cosimo I, che, del resto, nell’ultimo periodo del suo principato, aveva dovuto affievolire, per pure ragioni politiche, la sua resistenza alle pressioni ed agli interventi della Curia romana e la guardinga, ma efficace tolleranza nei confronti di idee e personalità non ortodosse. Il Granduca Francesco I, durante gli anni del suo debole regno (1574-1587), non si era allontanato dall’adesione ai canoni politici controriformiti e dall’ accettazione della supremazia spagnola. Ma, sino dalla sua ascesa al trono, l’ex cardinale Ferdinando 147 aveva iniziato un occulto, ma deciso avvicinamento alla Francia, sostenendo segretamente Enrico di Navarra e favorendo la sua riconciliazione con la Chiesa romana.

23Non stupisce che il vecchio Ammirato –teorico del nuovo Principato cinquecentesco e di cui si conoscono i particolari rapporti con la devorissima granduchessa Cristina di Lorena– intervenisse proprio sul tema particolarm ente eversivo dell’unità politica dell’Italia e lo facesse con lo stesso metodo usato nei Discorsi, tentando di confutare e rettificare, con considerazioni erudite, le affermazioni del Machiavelli. Anzi – diversamente da come si era comportato nei Discorsi su Cornelio Tacito, dove non aveva mai nominato il Machiavelli in modo diretto– adesso la sua polemica fu diretta ed esplicita. E si manifestò con una decisa apologia del sistema politico dei «piccoli Stati» italiani e, in certa misura, anche del predominio spagnolo in Italia, assicurato dal governo del Regno meridionale e della Sicilia e, a Nord, del Ducato di Milano.

  • 48 S. Ammirato, Opuscoli. Discorso sulla riabilitazione di Navarra, pp. 24-33.
  • 49 Per una vasta bibliografia sul ponteficato di Clemente VIII (Ippolito Aldobrandini), cf. A. Borrome (...)

24Ciò non gli impedì di conformarsi, poco dopo, alla linea politica del nuovo Granduca che, peraltro, non si spinse sino ad una decisa rottura dei rapporti privilegieti con la Spagna. Difatti, in un altro Discorso48, composto poco prima della «ribenedizione» di Enrico IV, nuovamente accolto nella Chiesa cattolica e riconosciuto come Re di Francia, non si limitò a difendere il Papato dall’accusa di essere diventato da «spagnolo» «navarrista», ma espose le ventisette ragioni, in maggior parte di carattere politico, che giustificavano la sua decisione. Era forse anche questa l’espressione di un’ «opportunismo» cortigiano che, nel suo caso, coincideva con la constatazione del rapido mutare delle situazioni e delle decisioni dei potenti? Oppure, l’Ammirato era convinto che anche un mutamento apparentemente cosi netto della politica della Santa Sede non avrebbe affatto trasformato, ancora per lungo tempo, la condizione storica dell’Italia disunita, così corne non avrebbe infranto il solido «blocco ideologico» della Controriforma ben custodito dal Sant’Uffizio e dalla Congregazione dell’Indice? Rispondere non è facile. Ma forse la migliore spiegazione è fornita proprio dalle vicende del ponrificato di Clemente VIII49, dalle attese che la sua elezione aveva suscitato in chi sperava in una svolta decisiva del «governo» religioso e politico della Chiesa posttridentina, dai suoi scontri con le grandi Congregazioni romane e, infine e soprattutto, dall’ evento più drammatico e rivelatore del suo pontificato che fu certo il processo ed il supplizio di Giordano Bruno.

Bibliographie

Ammirato, Scipione, Discorsi del Signor Scipione Ammirato sopra Comelio Tacito, Firenze, Giunti, 1594.

– Delle Istorie fiorentine libri venti del Signor Scipione Ammirato, Firenze, Giunti, 1594.

– Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, Firenze, Nuova Stamperia di Amadore Masi e Lorenzo Landi, 1637-1642 (3 vols.).

Baldini, Artemio Enzo, «Aristotelisno e platonisme nelle dispute romane sulla Ragion di Stato di fine Cinquecento», in Aristotelismo politico e Ragion di Stato. Atti del Convegno internazionale (Torino 11-13 febbraio 1993), [a cura di Artemio Enzo Baldini], Firenze, L. S. Olschki, 1995, pp. 201-226.

Baldini, Artemio Enzo (a cura di), Botero e la ragion di stato. Atti del Convegmo in memoria di Luigi Firpo (Torino, 8-10 marzo 1990), Firenze, L. S. Olschki, 1992.

– Aristotelismo politico e Ragion di Stato. Atti del Convegno internazionale (Torino 11-13 febbraio 1993), Firenze, L. S. Olschki, 1995.

– La Ragion di Stato dopo Meinecke e Croce: dibattito su recenti pubblicazioni. Atti del seminario internazionale (Torino 21-22 ottobre 1994), Genova, Name, 1999.

Bireley, Robert, The Counter-Reformation Prince. Antimachiavellanism or Catholic Staatscraft in Early Modern Europe, Chapel Hill – Londra, The University of North Carolina Press, 1990.

Borromeo, Agostino, «Clemente VIII», in Enciclopedia dei Papi (a cura di Simonetti Manlio et Massimo Bray), Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2000 (3 vol.), pp. 249-269, t. III: Innocenzo VIII – Giovanni Paolo II.

Croce, Benedetto, Storia dell’età barocca in Italia, Bari, Laterza, 1929.

De Matteis, Rodolfo, «Ammirato, Scipione», in Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1960-, t. III (1960), pp. 1a-4b.

– Il pensiero politico di Scipione Ammirato, Milano, Giuffrè Editore, 1965.

– Il problema della Ragion di Stato nell’età della Controriforma, Milano-Napoli, Ricciardi, 1979.

– «Scipione Ammirato e la Ragion di Stato», in Giuseppe Vese et alii, Scipione Ammirato fra politica e storia, Lecce, Centro Socio Culturale S. Ammirato, 1985, pp- 77-112.

Fasano Guarini, Elena, «Ferdinando I De’Medici», in Dizionano biografico degli Italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1960-, t. XLVI (1996), coll. 258a-268a.

Firpo, Luigi, Il pensiero politico del Rinascimento e della Controriforma, Milano, Marzorati, 1966.

Garin, Eugenio, Machiavelli tra politica e storia, Torino, Einaudi, 1993.

Guicciardini, Francesco, Storia d’Italia (a cura di Costantino Panigada), Bari, Laterza, 1929 (5 vol.).

Machiavelli, Niccolò, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere (a cura di M. Martelli), Firenze, Sansoni, 1971.

Meinecke, Friedrich, Die Idee der Staatsräson in der neuren Gechichte, München-Berlino, Oldenburg, 1924.

Münkler, Herfried, In Namen Staates. Die Begründung der Staatsräson in der Frühen Neuzeit, Frankfurt am Main, S. Fischer, 1985.

Sarubbi, Antonio, e Pasquilina Scudieri, I teorici della Ragion di Stato: mito e realtà, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2000.

Sasso, Gennaro, Machiavelli, gli antichi e altri saggi, Milano-Napoli, Ricciardi, 1987-1988 (3 vols.).

Schiera, Pierangelo (a cura di), Ragion di Stato e ragtone dello Stato (secoli 15- 17). Atti del Convegno dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e dell’Istituto storico italio-germanico di Trento (Napoli 9-10 luglio 1990), [inédit].

Senellart, Michel, Machiavellisme et raison d’État (xive-xvii e siècle), Parigi, Presses Universitaires de France, 1989.

Stolleis, Michael, Staat und Statsräson in der Neuzeit. Studien zur Geschichte des öffentlichen Rechts, Frankfurt am Main, Surkampf, 1990.

Toffanin, Giuseppe, Machiavelli e il tacitismo. La «politica storica» al tempo della Controriforma, Padova, Draghi 1921, n. ed., Napoli, Guida, 1972.

Valente, Michaela, Bodin in Italia. La «Démono manie des sorciers» e le vicende della sua traduzione, Firenze, Centro Editoriale Toscano, 1999.

Zarka, Yves-Charles (a cura di), Raison et déraison d’État, Parigi, Presses Universitaires de France, 1994,

Notes

1 Per una rapida presentazione delle vicende biografiche e delle opere dell’Ammirato, cf. R. De Matteis, «Ammirato, Scipione»; e rinvio a quella voce anche per la bibliografia precedente al 1960. Ma v., in particolare: G. Toffanin, Machiavelli e il tacitismo, passim; F. Meinecke, Die Idee der Staatsräson in der neuren Gechichte, ad ind.; B. Croce, Storia dell’età barocca in Italia, pp. 83-90; R. De Matteis, Il pensiero politico di Scipione Ammirato; L. Firpo, Il pensiero politico del Rinascimento e della Controrifoma; R. De Mattéis, Il problema della ragion di Stato nell’età della Controriforma; Id., «Scipione Ammirato e la ragion di stato» (contiene anche altri studi di G. Vese, A. Laporta, M. Proto). Per la letteratura più recente sul machiavellismo, l’antimachiavellismo e la ragion di Stato, specialmente nell’età dell’Ammirato, cf. M. Senellart, Machiavellisme et raison d’État; H. Münkler, In Namen Staates; M. Stolleis, Staat und Staatsräson in der Neuzeit; R. Bireley, The Counter-Reformation Prince; A. E. Baldini (ed.), Botero e la ragion di Stato; Y. Ch. Zarka (ed.), Raison et déraison d’État; A. E. Baldini (ed., ) Aristotelismo politico e Ragion dt Stato; P. A. Schiera (ed.), Ragion di Stato e ragione dello Stato; A. E. Baldini (ed.), La Ragion di Stato dopo Meinecke e Croce; e A. Sarubbi e P. Scudieri, I teorici della Ragion di Stato.

2 Cf. S. Ammirato, Discorsi del Signor Scipione Ammirato sopra Comelio Tacito.

3 Id., Delle Istorie fiorentine.

4 Cf., a proposito delle circostanze dell’edizione postuma e della personalità di Scipione Ammirato «il giovane», R. De Mattei, Il pensiero politico di Scipione Ammirato, pp. 267-283.

5 I frontespizi dei tre volumi, tutti ornati dallo stemmo mediceo, sono sempre simili: Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. I con la tavola delle materie e delle cose più notabili. Al Ser.mo Don Lorenzo di Toscana, In Fiorenza, nella nuova stamperia d’Amadore Masi e Lorenzo Landi 1640. Con licenza de’ Superiori. Mutano solo le numerazioni dei volumi e le date di stampa.

6 S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II (1536), pp. 36-62.

7 N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere, t. I, 12. Di quanta hnportanza sia tenere conto della religione, e come la Italia per esserne mancata mediante la Chiesa romana, è rovinata, pp. 95-96.

8 Ibid., p. 96: «Non essendo, adunque, stata la Chiesa potente da potere occupare la Italia, né avendo permesso che un altro la occupi, è stata cagione che la non è potuta venire sotto uno capo, ma è stata sotto più principi e signori, da’quali è nata tanta disunione e tanta debolezza, che la siè condotta a essere stata preda non solamente de’ barbari potenti, ma di qualunque l’assalta».

9 Ibid., pp. 96-97: «E perché molti sono d’opinione, che il bene essere delle città d’Italia nasca dalla Chiesa romana, voglio contro a essa, discorrere quelle ragioni che mi occorrono: e ne allegherò due potentissime ragioni le quali, secondo me, non hanno repugnantia. La prima è, che, per gli esempli rei di quella corte, questa provincia ha perduto ogni divozione e ogni religione: il che si tira dietro infiniri inconvenienti e infiniti disordini; perché, così come dove è religione si presuppone ogni bene, così, dove quella manca, si presuppone il contrario. Abbiamo, adunque, con la Chiesa e con i preti noi Italiani questo primo obbligo, di essere divenuti sanza religione e cattivi: ma ne abbiamo ancora uno maggiore, il quale è la seconda cagione della ravina nostra. Questo è che la Chiesa ha tenutoi e tiene questa provincia divisa».

10 Cf. S. ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, p. 36.

11 Ibid., pp. 36-38.

12 Ibid., pp. 39-40.

13 Ibid., pp. 41-42.

14 Ibid., pp. 42-44.

15 Ibid., p. 44. Ev. N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere, t. I, 12, p. 96: «... e quando ne’ tempi nostri ella tolse la potenza a’Viniziani con l’aiuto di Francia, di poi necacciò i Franciosi con l’aiuto degli Svizzeri».

16 Ibid. Ev. F. Guicciardini, Storia d’Italia, cap. i, ii, pp. 251-255; cap. iv, pp. 265-266.

17 Cf. S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, pp.46-47.

18 Ibid., p. 47.

19 Ibid», pp. 48-49.

20 Ibid., pp. 49-50.

21 Ibid., p. 49.

22 Ibid., p. 50. E v. N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Deca di Livio in Opere, 1. I, 2, p. 80: «E questo è il cerchio nel quale girando tutte le repubbliche si sono governate e si governano: ma rade volte ritornano ne’ governi medesimi; perché quasi nessuna repubblica può essere di tanta vita, che possa passare molte volte perqueste mutazioni, e rimanere in piede. Ma bene interviene che, nel travagliare, una repubblica, mancandole sempre consiglio e forze diventa suddita d’uno stato propinquo, che sia meglio ordinato di lei: ma, posto che questo non fusse, sarebbe atta una repubblica a rigirarsi infinito tempo in questi governi». E v Polybius, Hist., 6, 6, 4-10. Ma si v., a questo proposito, G. Sasso, Machiavelli, gli antichi e altri saggi, t. I, pp. 3 sqq.; e E. Garin, Machiavelli tra politica e storia, pp. 3-28.

23 Cf. S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, pp.50-51.

24 Ibid.

25 Ibid., p. 51.

26 Ibid.

27 Ibid., p. 52.

28 Ibid., pp.

29 Ibid., pp. 53-54.

30 Ibid., p. 54.

31 Ibid.

32 Ibid., pp. 54-55.

33 Ibid., p. 55.

34 Ibid., pp. 55-56. E v., ancora, N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima Decà di Livio in Opere, t. I, p, 96: «E chi ne volesse per esperienza certa vedere più pronta la verità, bisognerebbe che fusse di tanta potenza che mandasse ad abitare la corte romana, con l’autorità che ha in Italia, in le terre de’Svizzeri; i quali oggi sono, solo, popoli che vivono, e quanto alla religione e quanto agli ordini militari, secondo gli antichi: e vedrebbe che in poco tempo farebbero più disordine in quella provincia i rei costumi di quella corte, che qualunque altro accidente che vi potesse surgere».

35 S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, p. 57.

36 Ibid.

37 Ibid., pp. 57-58.

38 Ibid., p. 58.

39 Ibid.

40 Ibid., p. 60.

41 Ibid.

42 Ibid., pp. 60-61.

43 Ibid., p. 61.

44 Cf. S. Ammirato, Opuscoli del Signor Scipione Ammirato, t. II, Discorso sesto. Dell’ottima forma del presente Stato della Corte di Roma, pp. 62-67.

45 Sui profondi dissidi e divergenze che dividevano le più alte gerarchie ecclesiastiche, in quegli anni e che erano rivelati anche dalle discussioni sulla politica culturale della Chiesa, cf. A. E. Baldini, «Aristotelisno e platonismo nelle dispute romane sulla Ragion di Stato di fine Cinquecento», pp. 201-226.

46 Sui procedimenti per la condanna delle opere di Jean Bodin, cf., per un primo tentarivo di studio, M. Valente, Bodin in Italia, pp. 147 sqq. Ma occorrerebbe approfondire ulteriormente il corso ed il significato di questa vicenda.

47 Per l’atteggiamento e i disegni politici del Granduca Ferdinando I, cf. l’ottima «voce» di E. Fasano Guarini, «Ferdinando I De’Medici», e la relativa bibliografia.

48 S. Ammirato, Opuscoli. Discorso sulla riabilitazione di Navarra, pp. 24-33.

49 Per una vasta bibliografia sul ponteficato di Clemente VIII (Ippolito Aldobrandini), cf. A. Borromeo, «Clemente viii».

Auteur

Accademia Nazionale dei Lincei

© Casa de Velázquez, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search