Version classiqueVersion mobile

Le sentiment national dans l’Europe méridionale aux xvie et xviie siècles

 | 
Alain Tallon

Alle origini di una identità nazionale

L’Italia fra l’antico e i «barbari» nella storiografia dell’Umanesimo e della Controriforma

In the Beginnings of a National Identity. Italy Between Antiquity and the Barbarians in the Historiography of Humanism and the Counter-Reformation

En los orígenes de una identidad nacional. Italia entre la Antigüedad y los «bárbaros» en la historiografía del humanismo y de la Contrarreforma

Aux origines d’une identité nationale. L’Italie entre l’Antiquité et les « Barbares » dans l’historiographie de l’humanisme et de la Contre-Réforme

Adriano Prosperi

Résumé

Aux origines de l’idée et du sentiment d’italianité, on trouve une relation héréditaire et sans solution de continuité avec la Rome antique. Cela permit à Dante Alighieri d’insérer sans difficulté Virgile, Caton et Marc Aurèle dans la vision chrétienne de l’au-delà. La diffusion d’un héritage de mythes et d’images liés à l’epos troyen, eut lieu par des voies qui n’ont pas été encore totalement analysées. Cependant, avec la culture humaniste inaugurée par Pétrarque, apparut l’idée d’une Italie héritière de la grandeur de Rome et la conscience d’une fracture entre le passé et le présent. À partir de là, se constitua une histoire moderne de l’Italie aux xve et xvie siècles, dominée par deux thèmes : la décadence de la grandeur antique et l’espoir d’une renaissance. Il existe une très riche tradition historique autour de ces questions, avec des auteurs comme Flavio Biondo, Leonardo Bruni ou Lorenzo Valla. Ce furent également les thèmes de la réflexion politique et historique de Machiavel au moment le plus grave de la crise du xvi e siècle. Le renouveau des études sur la réalité italienne concrète eut lieu en plein xvie siècle, sous le signe de l’hégémonie papale et catholique comme en témoigne l’œuvre de fray Leandro Alberti.

Texte intégral

1Ha osservato Eric Hosbawm che:

  • 1 E. Hobsbawm, Nazioni e nazionalismi dal 1790, p. 3.

Gli ultimi duecento anni della storia degli uomini sul pianeta Terra risultano incomprensibili senza una qualche cognizione del termine «nazione» e del lessico relativo1.

2Con buona pace di Hobsbawm e di tutti gli storici dell’età contemporanea, i duecento anni si potrebbero raddoppiare senza difficoltà. Con una differenza: che dal 1789 tutti sembrano essere d’accordo sul modo di intendere l’idea di nazione e le sue varianti interne, mentre prima di quella data la «nazione» è un termine la cui importanza nel linguaggio storico e politico, corne anche in quello della vita sociale non è ancora stata pienamente riconosciuta. Quello che si può dire con sicurezza è che vi mancava l’accentuazione volontaristica présente nell’uso del termine in età romantica e che, pur registrando il fatto naturale della appartenenza a un determinato territorio o città, non c’era l’accentuazione naturalistica del sangue e del suolo che pure divenne familiare in seguito. La società che si riuniva nei grandi centri commerciali si divideva in nazioni e com’è noto l’articolazione dei corpi collettivi dalle università ai concili era divisa in nazioni. Nazione condivideva con patria il compito di indicare l’origine e col termine «popolo» il signifïcato di appartenenza, anche se «popolo» poteva esprimeva anche semplicemente una aggregazione collettiva tra persone che non avevano necessariamente la stessa origine. Popolo si poteva diventare per effetto di un potere capace di sottomettere una popolazione e di unirla nell’obbedienza; si era invece membri di una nazione perchè si condivideva la stessa origine. Questo è, semplificando al massimo, il quadro degli usi del termine nei testi della tradizione umanistica e cinquecentesca italiana. Chi ha in mente il linguaggio del nazionalismo ottocentesco e novecentesco potrà trovare punti di contatto: ci si muove sempre in bilico tra il sentimento di appartenenza a una patria-nazione di cui si è figli (enfants de la patrie) e la realtà della costruzione forzata dell’ unità di un territorio e di una popolazione per opera di un potere in grado di farsi obbedire. Quello che manca nel confronte è il volontarismo democratico della nazione corne plebiscito di ogni giorno, seconde la celebre definizione di Renan. Domina invece un altro termine ben diverso da quello di democrazia: «nobiltà». Nobile è la patria che ha origini più antiche, nobile è il fïglio di quella patria che riveste uffici importanti o ha nobili antenati o si è reso famoso per meriti di ingegno. Un altro termine che può offrire elementi utili per confrontare il protonazionalismo della prima età moderna e il nazionalismo dell’età contemporanea è quello di «razza». Siamo tutti avvertiti della sinistra risonanza che il termine ha assunto nei tempi nostri: e tuttavia non sarà male ricordare non solo che il termine era di uso abituale nella cultura storiografica e nel linguaggio dell’età moderna ma anche e soprattutto che agli inizi ottocenteschi della nuova storiografia incontriamo Augustin Thierry, lo storico che conciliò la tradizione democratica della Rivoluzione francese con l’uso del termine «race» come chiave della storia. Era una eredità che Thierry raccoglieva dall’età precedente, sulla quale dunque abbiamo una ragione di più per soffermarci.

3Qui ci occuperemo del caso italiano, che è importante per più ragioni. La costruzione dell’assetto politico unitario vi si realizzò tardi rispetto alle maggiori nazioni europee, mentre la nozione di identità nazionale vi trovò espressione prima che altrove. L’unità di lingua e di religione si unirono alla progressiva presa di coscienza dei confini geografici dell’Italia e della sua realtà storica. Ma l’unità politica, per realizzarsi, dovette entrare in conflitto con due tendenze profondamente radicate nella realtà italiana, tanto che periodicamente se ne deve registrare il riemergere: la forza dell’attaccamento all’identità locale – il campanilismo, il municipalismo – e la tradizione romana e cattolica dell’universalismo con la sua ambigua natura mista di tendenze imperialistiche e di ansie missionarie. In Italia più che in altri paesi europei il richiamo delle origini si fa sentire come aspirazione al ritorno a epoche passate. E’ un fatto indiscutibile che la storia d’Italia (caso unico nel mondo) conosce non rivoluzioni ma tutt’al più rinascimenti e risorgimenti e che perfino la più importante rivoluzione italiana del ‘900 – il fascismo – ha dovuto far ricorso alle carnevalate della romanità antica per legittimare la sua violenza.

4Proprio durante la dittatura fascista, nel 1933 Antonio Gramsci, leggendo nel carcere di Turi una recensione di Arnaldo Momigliano dove si parlava della formazione della coscienza nazionale degli ebrei di Venezia, scrisse che in Italia

  • 2 A. Gramsci, Quaderni del carcere, pp. 1800-1801.

la coscienza nazionale si costituì [...] dal superamento di due forme culturali: il particolarismo municipale e il cosmopolitismo cattolico2.

5Tra il xvii e il xix secolo –aveva scritto Momigliano–

  • 3 Ibid.

i piemontesi e i napoletani si sono fatti italiani, così nel medesimo tempo gli ebrei abitanti in Italia si sono fatti italiani3.

6Quando queste cose venivano scritte, l’unità nazionale italiana sembrava garantita dalla costruzione politica dello stato monarchico dotato di una Costituzione liberale che aveva realizzato anche un regime di separazione fra Stato e Chiesa. Ma la storia d’Italia stava per attraversare uno dei suoi più gravi momenti, durante il quale la costruzione dell’unità e il senso dell’identità nazionale dovevano apparire radicalmente compromessi se non del tutto cancellati. Già allora all’inizio degli anni Trenta erano in azione le forze che avrebbero portato l’Italia alla guerra mondiale destinata a diventare guerra civile per gli italiani. All’inizio degli anni Trenta il regime di Mussolini aveva infatti appena realizzato il concordato con la Chiesa cattolica chiudendo così la fase liberale e laica del processo unitario risorgimentale. Le successive leggi razziali del regime fascista, sostenute dall’antigiudaismo cattolico, dovevano rendere dominante in Italia l’antisemitismo, un’ideologia che – corne aveva osservato Gramsci – non aveva radici in Italia; ma con l’avversione verso gli ebrei cosmopolitismo cattolico e regime fascista dovevano saldare i loro legami. La costruzione dell’unità italiana, come aveva osservato giustamente Arnaldo Momigliano, era avvenuta grazie al superamento del municipalismo e dell’universalismo, le due costanti della tradizione italiana: sconfitte ma non cancellate, quelle due costanti continuano ad affrontarsi ancora oggi e a caratterizzare la specificità italiana nel confuso panorama delle identità nazionali in un mondo globalizzato. Qui cercheremo di delineare i caratteri del rapporte tra le idee di unità d’Italia e quelle di identità municipali nella decisiva fase in cui tra ‘400 e ‘500 si affermò l’idea dell’unità d’Italia: fu questa l’età della fioriture culturale ed economica e della successiva crisi politica della penisola. Maturò allora una grande cultura storica e geografica che pose le basi della conoscenza dell’Italia come realtà unitaria ma anche della esaltazione delle due forze divergenti: il municipalismo locale e l’universalismo cattolico.

7Seguiremo questo processo attraverso tre momenti diversi:

  • Le interpretazioni dell’identità italiana elaborate dalla culture storica dell’Umanesimo.

  • Le tendenze a esaltare il municipalismo e l’universalismo, raccolte dalla culture cattolica della Controriforma come momento di saldatura fra la divisione politica e l’unità religiosa.

  • La proposta di Niccolò Machiavelli e la sua fortuna.

  • 4 A. Baudou, «Italia», pp. 211-222.

8i°. Un’idea dell’unità della penisola italiana fu presente e diffusa nella cultura storica e geografica del ‘400. La tradizione antica trasmessa dai testi che la cultura umanistica andava rimettendo in circolazione aveva raccolto una vasta quantità di conoscenze storiche e geografiche intorno al nome «Italia» come intorno ai popoli che la abitavano. Il nome stesso presso gli autori greci e romani dell’antichità aveva ricevuto diverse interpretazioni etimologiche e soprattutto – per quello che ci interessa – era nato per indicare la parte meridionale della penisola4. Quelle conoscenze tornavano ora utili per dar voce a una nuova coscienza dell’identità e delle prospettive di stati e città della penisola.

9Le ambizioni politiche nuove cercavano giustificazione nella grandezza passata. Dagli autori antichi e in modo speciale da Virgilio e dalla Naturalis Historia di Plinio venne ripresa la tradizione della descrizione dell’Italia. Alla descrizione si aggiungeva la lode, la «laus Italiae». Il celebre saluto all’Italia di Francesco Petrarca ne rappresentó il modello:

Salve cara Deo tellus sancttssima, salve
Tellus tut a bonis, tellus metuenda superbis,
Tellus nobilibus multum generosior oris.

10In questa letteratura l’Italia è la «patria» per chi scrive, è anche «provincia» nelle descrizioni geografiche del mondo; ma si ricorda volentieri che è stata «capo del mondo» o, come aveva scritto Dante, «donna di province». Questi tratti li ritroviamo nelle descrizioni geografiche dell’Italia pubblicate all’interno della Geografia di Tolomeo, nelle edizioni aggiornate che aggiunsero una descrizione dell’ «Italia nova» a quella dell’ atalia antiqua», con un confronto tra passato e presente.

11Alla conoscenza dei caratteri antichi dei popoli italici venne dedicata una esplorazione attenta e una raccolta di notizie di carattere geografico e storico, che fu agevolata dall’eccezionale sviluppo raggiunto dalla cartografia. Lo sviluppo della cartografia fu allora stimolato dalla crescita impetuosa delle conoscenze geografiche nell’età delle navigazioni oceaniche e della scoperta dell’America. La traduzione della Geografia di Tolomeo rappresentò un grande successo editoriale e offrì ai lettori la possibilità di confrontare il mondo antico con quello moderno. La traduzione in versi della Geografia fatta dal fiorentino Francesco Berlinghieri è l’esempio precoce della tendenza della curiosità geografica ad allargarsi al pubblico di chi non sa latino, offrendogli una rielaborazione del testo antico adattata al bisogno moderno di informazioni fresche, di immagini cartografiche, di confortanti elogi e auspici. Una raccolta sistematica delle edizioni e degli aggiornamenti della Geografia di Tolomeo sarebbe utile da questo punto di vista: i geografi, offrendo un confronto tra stato antico dell’Italia e stato moderno, riassunsero e semplificarono i risultati del lavoro svolto dagli storici e che consisteva appunto nella narrazione della evoluzione dell’Italia dall’epoca dei Romani al présente.

  • 5 B. L. Ullman, Studies in the Italian Renaissance, pp. 55-79 (The post-mortem adventures of Livy).

12Le origini romane dominano la storiografia umanistica sull’Italia. Era inevitabile che si partisse da lì. La presenza delle tracce di età romana nella realtà e nella cultura delle città italiane è una costante dell’intera storia medievale. Nelle città italiane la memoria dell’antico riconduceva direttamente a Roma. Per dare un’idea del richiamo che quelle memorie erano capaci di esercitare basterà ricordare l’episodio della scoperta della cosiddetta tomba di Tito Livio a Padova. Il 31 agosto 1413, nel corso di lavori di restauro alla chiesa di Santa Giustina la scoperta di una tomba antica con uno scheletro umano fece grande impressione in città. Sulla facciata della chiesa era murata una lapide romana cove figurava il nome Livius (in realtà si trattava di un Livius Halys, un liberto). La suggestione del nome del grande storico fece si che alla scoperta della tomba il monaco che presiedeva ai lavori gridò: «E’Tito Livio!» La notizia si diffuse rapidamente e tutti accorsero sul luogo della scoperta5. L’esplosione dell’entusiasmo cittadino per la scoperta della presunta tomba del grande storico dà un’idea di quanto il patriottismo cittadino fosse legato alla memoria dell’antica Roma. La memoria degli uomini illustri nelle città italiane del ‘400 era la via più rapida per alimentare le ambizioni di nobiltà della patria cittadina attraverso il rinvio all’antica Roma. Basterà ricordare il fatto che una delle forme in cui si realizzò la proiezione di identità collettive fu quella delle biografie collettive: gli elenchi dei «viri illustres» già progettati da Petrarca secondo un disegno che includeva memoria cristiana e tradizione classica dovevano conoscere una lunga fortuna nella culture italiana, da Boccaccio a Paolo Giovio. Nessun’altra culture ha dedicato maggior spazio alla celebrazione dei grandi uomini e alla consacrazione della fama letteraria. Chi si dedicò allo studio della storia e della geografia dell’Italia aggiunse alla descrizione delle città e delle loro glorie gli elenchi dei personaggi che ne avevano illustrato la storia. Ma Roma aveva imposto il suo dominio su di una molteplicità di popoli coi quali aveva dovuto combattere. Le origini italiche dunque non si limitano a Roma ma possono essere rintracciate ben al di là di Roma negli antichi o antichissimi popoli italici. Questo è un aspetto della storiografia umanistica che non appartiene solo all’Italia: tutti gli stati e i popoli europei avevano attraversato una stessa vicenda. E dunque anche per l’Inghilterra, per la Francia, per la Spagna e perla Germania si pose un problema per certi aspetti simile, quello di riscoprire le proprie origini come popolo o nelle istituzioni e nella culture dei romani o nelle tradizioni dei popoli che Roma aveva assoggettato.

  • 6 L. B. Alberti, I libri della famiglia, p. 185.

13Un tema centrale della cultura degli umanisti italiani del ‘400 è costituito dalla discussione sull’importanza della lingua latina come mezzo di unificazione culturale. Basterà ricordare il proemio del libro terzo dei Libri della famiglia di Leon Battista Alberti dove si rievocava la «dignità e maiestà maravigliosa» dell’ «antico nostro imperio», la giustizia delle sue leggi e soprattutto «la perizia della lingua e lettere latine». Ere questo, scriveva l’Alberti, l’ornamento maggiore e la maggiore autorità che potesse avere un principe6. Era viva allora la discussione se fosse stata più importante per la grandezza della Roma antica la conquista pacifica operata attraverso la lingua e la cultura o la conquista frutto della guerra.

14Nella discussione che ebbe come protagonista Lorenzo Valla, si constatò) che la durera della memoria culturale garantira dalla lingua latina era di gran lunga maggiore di quella dell’impero romano conquistato con la forza delle armi. L’orazione inaugurale che Lorenzo Valla tenne in occasione della inaugurazione dell’anno accademico a Roma, il 18 ott. 1455 fu riproposto l’argomento del rapporto tra irnpero romano e lingua latina. Si tratta di discussioni di carattere teorico, fra letterati, che affrontavano però la questione importante e sempre attuale del rapporto tra la forza delle armi e quella della culture nella formazione di identità collettive. In Italia, allora, gli uomini di culture considerarono l’eredità della Roma antica corne raccolta nel patrimonio culturale della lingua e delle lettere e sostennero che l’Italia ne era l’erede privilegiata. Ci voilera le guerre del ‘500 e la rovina degli stati italiani perchè Niccolò Machiavelli osservasse sarcasticamente che non bastava ai principi saper scrivere una bella lettera per conservare i loro stati e che alla scuola dei romani quella che si doveva imparare era piuttosto la dura arte della guerra.

15Ma intanto quell’idea di una nazione italiana corne realtà che aveva le sue radici nel mondo antico di Roma si diffuse nella cultura umanistica e vi trovò l’opera di storici e di geografi.

  • 7 N. Struever, The Language of History in the Renaissance. Ma v. la préface di C. Ginzburg a L. Valla(...)

16Per questa tradizione storiografica si è parlato di retorica e di puro esercizio dell’imitazione dei classici7. In realtà la coscienza storica della differenza tra l’antico e il moderno si tradusse nell’opera di storici corne Bruni, Biondo e Lorenzo Valla in una attenzione al mutamento e in una precisa percezione del carattere proprio del lavoro dello storico che, nel risalire dal presente al passato, deve prendere atto della discontinuità e non lasciarsi ingannare dalla apparente permanenza: gli stessi nomi di città o di istituzioni possono celare differenze profonde. Dall’opera degli umanisti nacque una storiografia nella quale le ambizioni e le glorie delle patrie cittadine locali venivano ricondotte alle origini antiche e al rapporto con Roma. Fu in questo contesto che nacque l’italia illustrata di Biondo da Forlì.

  • 8 C. Dionisotti, «Regioni e letteratura», pp. 1385-1387.
  • 9 O. Clavuot, «Flavio Biondos «Italia illustrata», p. 57.
  • 10 Sulla questions dell’originalità, cf. O. Clavuot, «Flavio Biondos “Italia illustrata”».

17L’importanza dell’opera di Biondo non ha bisogno di essere sottolineata, per il valore culturale intrinseco ma anche per la soluzione data al problema dell’unità italiana, che doveva confermarsi a distanza di secoli come la più adeguata. Come ha scritto Carlo Dionisotti, siamo davanti al «testo costituzionale del moderno regionalismo italiano»8. Per Biondo Flavio era evidente che tra le città dell’Italia antica e quelle dell’Italia presente si erano introdotte grandi trasformazioni: alcune cancellate del tutto, altre ridotte di abitanti o mutate di luogo. Per ricostruire il percorso storico tra passato e presente bisognava dunque operare con attenta critica delle fonti e con precisa conoscenza diretta dei luoghi, senza farsi ingannare dalla permanenza di antichi nomi di luoghi. Nella ricostruzione del processo che ha portato all’assetto presente si dovevano esercitare le capacità dello storico. E’ per questa via che Biondo pervenne alla sua ricostruzione della storia successiva alla «inclinatio dell’Impero romano e della Roma Triumphans. Ma era comunque indiscutibile per lui che si dovesse risalire alle origini romane perchè dall’assetto definito da Roma era nata la stessa struttura politica e amministrativa della penisola che dava ancora un disegno unitario all’insieme degli stati e delle città: l’organizzazione romana della divisione della penisola in regioni gli offrì il modello di una unità capace di tenere insieme le differenze locali. La novità introdotta dalla cultura degli umanisti è la coscienza storica della distanza che nell’opera di Biondo da Forlì offre il suo modello più elevato con l’Italia Illustrata. L’opera di Biondo offri per la prima volta un disegno unitario di carattere storico e geografico complessivo della penisola: la sua Italia, come ha osservato il più recente studioso, non è un’espressione geografica ma un «historisch-kulturelles Konzept»9. Grazie a una rielaborazione delle fonti classiche rilette con piena consapevolezza della distanza storica Biondo propose una ricognizione della realtà italiana organizzandola secondo un disegno regionale che prescindeva dalla frammentazione politica dei suoi tempi. Opera di grande originalità per metodo e per ispirazione, quella di Biondo spicca nella produzione storica e geografica dell’epoca per il punto di vista unitario assunto con decisione. Il fatto che l’opera si sia articolata in sezioni che furono dedicate ad alcuni fra i più potenti signori degli stati italiani del tempo rappresenta una necessaria concessione alla realtà politica del momento senza niente togliere all’importanza del disegno unitario10. I precetti di Quintiliano sul genere della descrizione furono ben presenti a Biondo il quale selezionò le sue fonti col criterio più ragionevole e solido elaborato dalla storiografia umanistica, appoggiandosi cioè agli storici più vicini ai fatti narrati e ritenuti più credibili. Quanto al disegno complessivo della penisola e alle informazioni dettagliate sulla conformazione fisica dei luoghi la cartografia fu per lui e per molti altri lo strumento fondamentale per la conoscenza dell’Italia di allora.

18La sua opera offrì un ritratto dell’Italia misurato con la sua storia e aperta da un elogio della storia e dell’importanza per i sovrani di avere accanto a sè consiglieri storici. L’elogio dell’Italia riprende la tradizione da Virgilio a Plinio e da Petrarca. Ma questa fondazione umanistica della identità nazionale italiana nasce sotto il segno di una lunga decadenza: lunga quanto la «inclinatio Romani imperii» da cui è derivato l’ «interitus bonarum artium». Dalla decadenza si esce solo se la grandezza antica rinasce. E’ l’idea della rinascita che insieme a quella della decadenza caratterizza dunque questa definizione dell’identità nazionale italiana. E si deve sottolineare il fatto che si incontra qui un carattere fondamentale del profilo storiografico dell’idea di Italia, caratterizzato corne ognun sa dall’alternanza tra Medio evo e Rinascimento, Controriforma e Risorgimento, concetti che presuppongono un momento alto della storia italiana collocato nel mondo antico e da lì in poi fasi di ripresa e di decadenza nel continuo tentative di tornare alla grandezza antica. Senza aver chiaro questo non si comprenderebbe perchè la conquista fascista dell’Etiopia nel 1936 sia stata annunciata dal dittatore corne «il ritorno dell’impero sui colli fatali di Roma».

  • 11 Blondi Flavii Foroliviensis,
  • 12 Cf. A. Momigliano, «Il cristianesimo e la decadenza dell’ Impero romano», p. 7.

19Ora, la storiografia umanistica nasce nel ‘400 sotto l’impulso di una crescita economica e culturale e politica degli stati italiani che sembra preannunciare la rinascita della grandezza antica: se Leonardo Bruni vede in Firenze la nuova Roma, Biondo scrive in un momento generale di grande ripresa italiana e questo lo spinge a confrontare i dati del presente con quelli del passato: numero delle città, popolazione, consistenza degli eserciti. La storia dal punto di vista di quest’uomo che ebbe una forte coscienza della propria appartenenza alla realtà italiana assunse quindi la forma della storia della decadenza11. Si aprì allora la discussione sulle cause di tale decadenza destinata a durare a lungo oscillando tra le due interpretazioni opposte: crisi interna o irruzione dall’esterno di una forza superiore. Per Biondo la causa era stata non una lenta crisi ma l’improvvisa irruzione dei Vandali di Alarico a Roma nel 410. A Biondo e all’umanesimo italiano dobbiamo se si è aperto il problema storiografico della decadenza di Roma12. E la discussione sulle invasioni cosiddette barbariche doveva impegnare da allora in poi la storiografia italiana fino a tempi recentissimi. Si tenga presente l’importanza dell’opera di ricognizione sistematica dell’aspetto geografico oltre che degli eventi militari e civili a cui Biondo offrì un grande modello con la sua Italia illustrata. Illustrare l’Italia significó riprendere il disegno offerto da Plinio nella sua Naturalis Historia e aggiornarlo all’Italia del proprio tempo. Fu l’impresa iniziata da Biondo dopo la Roma Instaurata (1443-1446) e la Roma Triumphans (1452-1459). L’Italia Illustrata è l’opera fondamentale a cui risalire per conoscere la nozione di Italia che si affermò allora. Consisteva nel ricondurre il presente alle sue origini antiche e nel ridisegnare la geografia italiana sulle basi della costruzione antica organizzata e dominata dai romani.

20L’Italia illustrata di Biondo da Forli offri un ritratto dell’Italia misurato con la sua storia, aperto da un elogio della storia e dell’importanza per i sovrani di avere accanto a sè consiglieri storici. L’uso congiunto della storia e della descrizione corografica rimane come un carattere che la storiografia umanistica lasciò in eredità a quella del pieno e del tardo ‘500.

  • 13 V. Ilardi, «Italianità». Sugli aspetti religiosi si basa il rapido disegno di D. M. Webb, «Italians (...)

21L’orgoglio nazionalistico nella tradizione che va da Petrarca a Biondo e oltre aveva trovato espressione nella ripresa e nell’accentuazione degli antichi elogi dell’Italia, la «parens frugum», la «Saturnia tellus». Ma le espressioni di coscienza dell’essere italiani furono allora piene di un orgoglio che possiamo definire protonazionalistico13. Si trattava di un nazionalismo delimitato da un lato dall’appartenenza municipale e dall’altro dal cosmopolitismo cristiano, corne appare in modo esemplare dalla dedica di Biondo al doge Francesco Foscari del suo scritto De origine et gestis Venetorum, che risale al 1454:

Ego enim nomine et professione et utinam ne sola Christianus, ego Italicus orbi Christiano et ipsi Italiae, si quid sum, et imprimis si quid est in me ingenii, debeo.

22«Italicus» era qualcosa di diverse da «Romanus». Implicava il riconoscimento della presenza e dell’importanza di quelle popolazioni della penisola che avevano anche lottato valorosamente contro i romani e che avevano alla fine ottenuto il riconoscimento di uno speciale rapportp con Roma.

  • 14 F. Berlinghieri, Geographia di Francesco Berlinghieri.

23Questa insistenza sugli «italici» significava ad esempio una celebrazione della forza e del valore antico come garanzia di una ambizione presente. Quel valore poteva essere visto come derivato dall’eredità di Roma o come qualità dei popoli italici grazie alla quale es si erano stati capaci di farsi temere e rispettare dai Romani. Nella versione in volgare italiano della Geografia di Tolomeo pubblicata da Francesco Berlinghieri a Firenze nel 1480 la carta della penisola italiana è accompagnata da un commento in versi che esalta l’Italia come erede della grandezza della Roma antica, con parole che sembrano anticipare quelle dell’inno ottocentesco di Goffredo Mameli: «Vedi ora Italia... sobto a cui misse le chiome/ il mondo quasi tucto»14.

24Il modulo retorico della tradizione romana come una realtà presente soprattutto nella storia italiana rimase costante nella letteratura di carattere geografico per molto tempo anche quando la realtà presente dell’Italia non consentiva nessuna speranza di un ritorno alla grandezza antica. Possiamo prendere a titolo d’esempio il modo in cui un Michael Villanovanus dietro cui si nascondeva l’eretico spagnolo Michele Serveto descrisse l’Italia «nova» nella sua edizione di Tolomeo uscita a Vienne nel 1536. Vi troviamo tutti gli elogi della tradizione pliniana, con in più un riconoscimento alla civiltà letteraria degli umanisti che aveva unifïcato l’Europa e alla mitezza dei costumi: l’Italia era stata

  • 15 Claudii Ptoleimaei Geographicae enarrationes, c. 162V0.

coelestium providentia electa, quae efferatarum gentium ritus, discordes ad colloquia linguas, munere literarum latinoque sermone congregaret15.

25Ma Serveto fece seguire a quell’elogio alcune osservazioni assai realistiche sulle differenze interne della penisola: differenze di lingua, di costumi, di immagini di sè. Secondo Serveto gli italiani erano divisi al loro interno, occupati a denigrarsi e si trovavano uniti solo in una cosa: nel chiamare barbari quegli spagnoli, quei francesi e quei tedeschi di cui costituivano la preda inerme.

  • 16 La sua «Germania Generalis», con l’edizione della Germania di Tacito, fu stampata a Vienna 1500, cf (...)

26Nel tempo che divide la traduzione di Tolomeo di Francesco Berlinghieri dall’edizione di Serveto si era svolta una intensa discussione storiografica sulle origini dei popoli europei e sul loro rapporto con l’antico impero romano; ma si era svolta anche la storia reale che aveva deciso quali paesi avessero le carte in regola per porsi all’altezza delle memorie eroiche dell’antico. Per quanto riguarda la discussione tra gli storici, il contributo della cultura umanistica era stato decisivo. Se alle origini della coscienza di nazione troviamo nella storia italiana l’opera degli umanisti il fatto non riguarda solo l’Italia: i moduli umanistici e la proiezione delle origini nell’antichità dell’Impero Romano o addirittura del mito troiano furono merce corrente nella pratica storiografica europea. Per quanto riguarda la Germania ad esempio – e cioè un’area europea che ebbe in comune con l’Italia la frammentazione politica e la tardiva unificazione politica in senso nazionale – sappiamo quale importanza abbia avuto l’influsso di Enea Silvio Piccolomini, papa Pio II, sull’opera dell’umanista Conrad Celtis ed è celebre l’eco suscitata dalla lettura della Germania di Tacito: la lotta per la libertà politica e religiosa che caratterizzò il monde tedesco nell’età della Riforma trovò nei costumi fieri descritti da Tacito e nel personaggio di Arminio, il tacitiano «liberator Germaniae» protagonista di uno dei Dialogi mortuorum di Luciano, il veto eroe nazionale esaltato da Ulrich von Hutten e Andreas Althamer16.

272°. Ma accanto al cosmopolitismo umanistico fondato sulla capacità pervasiva e civilizzatrice della lingua latina e delle leggi romane, ci fu allora una forte corrente di municipalismo con l’esaltazione delle glorie e dei titoli di supremazia di questa o quella realtà politica cittadina. In Italia la produzione storiografica di tipo umanistico fu prevalentemente dedicata alle vicende storiche di singoli stati e città. I quali stati e città considerarono un buon investimento affidare l’incarico di pubblico scrittore di storia a un autore esperto nell’uso di quel nuovo stile: se Firenze aveva avuto Leonardo Bruni Venezia ricorse a Biondo, Sabellico e ad al tri ancora fino a Pietro Bembo e oltre, disprezzando invece l’offerta di cronisti che raccoglievano memorie in volgare, come Marino Sanudo. Avere una storia ufficiale nell’elegante lingua internazionale fu considerato un aspetto essenziale del decoro e dell’immagine pubblica dello Stato. Per questa via trovò impulso il culto della storia municipale, che aveva alle spalle una ricca tradizione medievale. Fu così che alle origini romane dell’identità italiana si finì con l’opporre altre origini: discussa a lungo fu, ad esempio, l’origine di Firenze perché da quelle origini dipendeva il fondamento simbolico della capacità della città di emulare la potenza romana. Solo Niccolò Machiavelli affrontò il compito di scrivere le Istorie florentine mettendo risolutamente da parte la questione delle origini per analizzare piuttosto i rapporti di forza all’interno della città e il sistema degli ordinamenti istituzionali. Ma la questione delle origini dei popoli italici ricevette una soluzione nuova e destinata a lasciare grande traccia di sè dall’opera del domenicano viterbese Giovanni Nanni più noto come Annio da Viterbo (1432?-1502).

  • 17 M. Bloch, Apologie pour l’histoire. «Pour le vocabulaire courant, les origines sont un commencement (...)
  • 18 J. Bodin, La méthode de l’histoire in Œuvres philosophiques, pp. 241 sqq.
  • 19 «Ego in his meis scriptis pro patria et Italia, immo et Europa tota profiteor. Ornatum vero et eleg (...)

28Montre Leonardo Bruni, Lorenzo Valla e Biondo da Forlì fecero opera di storici per ricostruire ciò che era cambiato rispetto alle nobili origini antiche, Annio propose di indagare il segreto iscritto in un momento iniziale, che doveva essere decifrato per comprendere il destino futuro del popolo. Era un appellarsi a quel significato delle origini che Marc Bloch ha ben spiegato17. E nel ‘500 Jean Bodin lo scrisse chiaramente: «Nulla quaestio magis exercuit historiarum scriptores, quam quae habetur de origine populorum». Bodin pensava al modo in cui Polidoro Virgilio aveva descritto le origini dei Britanni, o gli umanisti tedeschi ragionavano sulle origini dei popoli germanici18. Ricercando le origini con l’animo di trovarvi la spiegazione dei segreto destino di un popolo si può arrivare fino al diluvio e alle prime popolazioni che si diffusera sulla terra con Noè. E’ quello che fece il domenicano Annio da Viterbo, famoso già allora e molto ascoltato da personaggi come Alessandro Farnese e papa Alessandro VI Borgia che fece di lui il Magister Sacri Palatii. Fu celebre e molto letto e discusso per la sua proposta di un modello di storia che evitava le incertezze insite nella decifrazione delle fonti e fondava nello stesso tempo metodo e contenuto della storia organizzandola intorno alla celebrazione della piccola patria cittadina di Viterbo. Le sue Antiquitates furono edite per la prima volta nel 1498, con dedica ai re cattolici di Spagna e a loro spese ma con una dichiarazione in cui il municipalismo e l’europeismo avevano la meglio sul sentimento nazionale italiano e l’elogio della verità dei fatti storici suonava corne una presa di distanza polemica dalla cultura umanistica del tempo19. Annio, contra le incertezze della storiografia che raccoglieva miti e favole, propose di risalire alla «prisca sapientia» di sacerdoti egizi e caldei, di autori che avevano scritto «publica fide», di colora «qui praesentes essent aut ex antiquioribus» ne hanno ricevuto notizia. Alla storia di studiosi laici, lettori di poeti e di grandi autori antichi, cultori dell’eleganza del racconto, si opponeva corne vera storiografia una scienza sacra esclusiva proprietà di sacerdoti. Non la storiografia dei greci e dei romani, ma quella degli Egizi e dei Caldei permetteva di conoscere la verità autentica e di illuminare il momento di inizio della storia dell’umanità: la scena del mondo dopo il diluvio. Il metodo di Annio consistette nell’organizzare una «chronographia» cioè nel ricostruire la successione dei tempi partendo dalle fonti più antiche. Le Antiquitates godettero di uno straordinario successo. Furono spesso pubblicate insieme alle Antiquitates ludaicaie e al Contra Apionem di Giuseppe Flavio. Resta il fatto che Annio fu un falsario: falsificò epigrafi per esaltare le memorie viterbesi e soprattutto scrisse di sana pianta i testi che affermò» di aver scoperto dei due storici antichissimi coi quali faceva cominciare la memoria dell’umanità dopo il diluvio: il caldeo Beroso sacerdote di Baal e l’egizio Megastene. La storia corne scienza del vero fu dunque costruita su dei falsi nel momento stesso in cui l’identità italica veniva fondata su origini non solo antichissime ma cariche di un misterioso significato: seconde la narrazione di Annio, non i greci nè il troiano Enea avevano dato inizio alla storia italica ma nientemeno che Noè, o Giano, o Bacco, emigrato in Italia dopo il diluvio e fondatore della civiltà etrusca. Gli etruschi e non i Romani erano il popolo misterioso che aveva segnato la storia d’Italia: quel popolo e la sua città, Viterbo, erano stati fondati da Noè-Giano dopo il diluvio: per sua opera il popolo italico che ne era derivato era stato costituito depositario di un sapere sacra e di un destino speciale per volontà di Dio. (Sugli Etruschi Annio ebbe presenti le «antiquitates» di Dionigi di Alicarnasso). Nell’atto di fondazione e nei nomi stessi delle città erano iscritti i destini dei popoli. E la storia misteriosa decifrata dall’abile falsario aveva inizio a Viterbo e lì doveva tornare nel momento futuro del completamento dei destini.

  • 20 Rinvio per questo ai fondamentali studi di A. Biondi, «Annio» e intr. a M. Cano, L’autorità della s (...)
  • 21 Si noti la diffidenza immediata di Machiavelli, che non cita Annio ma Diodoro Siculo (Machiavelli, (...)
  • 22 Si è trovato qui un filone di uso del mito etrusco in funzione dell’ideologia del principato di Cos (...)

29Che l’opera di Annio era l’abile costruzione di un falsario fu chiaro molto presto. La prima accusa di falsità gli fu mossa da Pietro Crinito nell’ambiente degli Orti Oricellari intorno al 1505 e subito dopo da Raffaele Maffei nei suoi Commentarii urbani. Erasmo lo criticò come falsario e impostore. Un altro domenicano, lo spagnolo Melchor Cano, ne fece una critica radicale20. Un cenno critico di Machiavelli fa capire che l’opera di Annio gli era familiare21. Questo non impedì che il credito ottenuto da Annio nel corso del secolo fosse grandissimo. Autori come Egidio da Viterbo e Guillaume Postel furono attirati dall’idea di una storia carica di significati riposti decifrabili attraverso le etimologie e la permanenza di nomi. La tradizione visionario-religiosa si intrecciò con quella delle glorie locali e del municipalismo: così la discussione continuò per tutto il secolo successivo negli scritti di storici e politici, di visionari e profeti (Guillaume Postel), di letterati corne il Giambullari estenuandosi poi nei rivoli delle genalogie delle famiglie nobili22. Di fatto l’opera di Annio esercitò un durevole influsso nella storia della coscienza municipalistica della storia italiana e nell’idea di una antichissima sapienza italica di tipo religioso che doveva essere riscoperta. Nel nuovo conteste creato dalle guerre d’Italia e dalla Riforma protestante l’idea di Italia si alimentò di quell’impasto di municipalismo politico e di cosmopolitismo religioso. Fondamentale fu la minaccia della Riforma: si presentò allora, come ha scritto Dionisotti:

  • 23 C. Dionisotti, «La lingua italiana da Venezia all’Europa», p. 57.

Il rischio, per la Chiesa e conseguentemente per l’Italia, di perdere anche quella supremazia nel regno dello spirito, nel regno indivise della tradizione classica e cristiana, che l’umanesimo italiano, dal Petrarca in poi, sembrava aver stabilito su incrollabili basi23.

  • 24 R. Fubini, Storiografia dell’Umanesimo, p. 342.

30E’ un fatto indiscutibile che nel tempo lungo la proposta di Annio lasciò il segno nelle rappresentazioni dell’Italia. Ne è prova il fatto che la suggestione di quel modo di fissare i caratteri dell’identità italica la ritroviamo diffusamente nelle due maggiori opere dell’età della Controriforma dedicate alla descrizione dell’Italia, la Descrittione di tutta Italia dell’altro domenicano Leandro Alberti e la Geografia del Magini su cui ci soffermeremo piú avanti. Ma –com’è stato osservato– il suo «ambiguo universalismo para-religioso» si prestava a «nutrire i nascenti nazionalismi»: e questo spiega la sua fortuna fuori d’Italia: non per niente anche Bodin lo prese sul serio24.

  • 25 G. A. Magini, Geografia.

313°. Un semplice censimento bibliografico delle stampe tra ‘400 e ‘600 ci pone davanti a una serie di oprre storiche che recano nel titolo la parola Italia: dopo l’Italia illustrata di Biondo Flavio, circolante in latino ma anche tradotta in volgare (da Lucio Fauno, Venezia 1542), il punto di riferimento fondamentale è la Descrittione di tutta Italia di Leandro Alberti, la cui prima edizione del 1550 fu seguita da una quantità di nuove ristampe, prova di un indiscutibile successo. Tra Biondo e Alberti si collocano le enciclopedie umanistiche. Ne è un esempio Raffaele Maffei, il Volterrano, che all’Italia dedica il quarto libro dei Commentari Urbani (1506) dove riprende il modello pliniano. Nell’età successiva le edizioni della Geografia di Tolomeo sono accompagnate dalla fioriture di cosmografie il cui successo è stimolato dalle scoperte geografiche. Ricorderemo solo la Cosmografia di Sebastian Müns ter, tradotta in italiano a Basilea per Henricpetri nel 1558 e ricca di informazioni sull’Italia e le sue città; si tratta di un’opera che fu molto letta nonostante la censura ecclesiastica che colpì l’autore protestante. La cultura geografica italiana doveva trovare un punto d’arrivo con l’opera di Giovanni Antonio Magini, matematico e cartografo che fondò a Bologna una vera scuola. Informazioni antiche e nuove, insieme a un apparato di carte, rendono pregiata la sua Geografia25.

32Quanto alla storiografia, il momento di svolta è il 1550. E’l’anno in cui viene pubblicata: The Historye of Italye di William Thomas, 1550; la Storia d’Italia di Guicciardini che, interrotta dalla morte sua nel 1540, doveva vedere la luce nella Firenze del 1561 e subito dopo a Venezia per opera di Francesco Sansovino, col commento del domenicano Remigio Nannini. Una Italia travaghata fu scritta e pubblicata dal domenicano Umberto Locati, inquisitore a Piacenza e poi maestro del Sacro Palazzo (Italia travagliata novamente posta in luce nella quale si narrano guerre, pestilentie, travagli, 1576). La serie potrebbe completarsi con i volumi dell’ Italia sacra dell’abate Fernando Ughelli, dedicata alle diocesi italiane. Intanto nel 1569 i passi censurati in Italia della Storia d’Italia del Guicciardini videro la luce nella capitale europea della tolleranza, la civile e dotta Basilea, per opera dell’esule piemontese Celio Secondo Curione e peri tipi dell’altro esule lucchese Pietro Perna. La circolazione europea del Guicciardini diffuse nel mondo l’immagine di una storia che non aveva niente di consolatorio né di provvidenziale e che raccontava la tragedia di un’Italia diventata campo di battaglia delle potenze europee e decaduta senza rimedio non solo dalla grandezza antica ma anche, con improwisa e tragica svolta, dalla floridezza dell’ormai remotissimo ‘400. L’immagine complessiva dell’Italia che se ne ricavava era dunque quella di un paese avvilito e decaduto a campo di battaglia europeo: del resto, com’è noto, l’opera si intitolò L’Historia d’Italia per una scelta editoriale determinata più dal bisogno dei lettori e dei tempi che dalla volontà dell’autore, il quale aveva

deliberato di scrivere le cose accadute alla memoria nostra in Italia, dappoi che l’armi de’franzesi, chiamate da’nostri principi medesimi, cominciorono con grandissimo movimento a perturbarla.

33Nello spazio del secolo che divide Biondo da Alberti e da Guicciardini le speranze e le prospettive dell’Italia erano profondamente cambiale; restava però viva l’abitudine a considerare in modo unitario il territorio e gli abitanti della penisola. Ma la semplice serie dei titoli si presta a qualche considerazione. Quelle di Francesco Guicciardini e di Umberto Locati sono opere di narrazione di avvenimenti politici e militari mentre le altre comprendono ingrédienti diversi: la geografia, in primo luogo, con la descrizione di territori, fiumi, montagne, con l’elenco degli uomini illustri vantati da ogni centro urbano. Il soggetto fondamentale è la città; e le città sono al centro anche dell’Italia sacra dell’abate Fernando Ughelli. La forza dell’elemento religioso ed ecclesiastico si avverte nella stessa definizione della città che, per essere considerata tale, doveva essere sede di diocesi. La presenza della Chiesa si fa strada all’interno della tradizione umanistica, come mostra il passagggio dal laico Biondo ai domenicani Alberti, Locati, Nannini e all’abate Ughelli. Dalla tradizione umanistica derivano i modelli: Plinio il vecchio, con la Historia Naturalis, è la fonte principale tra molte altre. Dalla realtà italiana deriva il peso crescente della Chiesa. Roma è il punto d’incontro obbligato: la Roma antica col suo inarrivabile patrimonio di memorie e il suo grande impero, la Roma moderna dove il papa ha preso il posto che fu di Cesare. La Roma papale fece sua l’eredità della Roma antica e si presentò come l’erede della cultura latina, schierando le élites italiane a difesa del ciceronianesimo contro le critiche di Erasmo e l’avanzare delle lingue nazionali sostenute dalla Riforma. Le velleità di identità fondate diversamente come quella toscana cedettero davanti alla forza delle divisioni religiose. In Italia non fu possibile il gallicanesimo. Solo Venezia tentò una via analoga perseguendo con l’opera di fra Paolo Sarpi una difesa delle tradizioni religiose proprie.

  • 26 E. Hobsbawm, Nazioni e nazionalismi dal 1780, p. 56. Si allude qui alla tesi dell’importante saggio (...)

34Le due componenti – l’antico e la Chiesa – definirono il senso della identità italiana facendo i conti in vario modo con le differenze politiche e culturali che attraversavano la penisola e le isole. Qui parliamo naturalmente dei significati che troviamo nelle fonti dotte. E’ un limite inevitabile per l’epoca preindustriale. Perciò anche se quello che Hobsbawm ha chiamato il «nazionalismo popolare» esisteva certamente, in realtà abbiamo di esso solo degli indizi casuali. Tale è il caso di quel contadino friulano, Biagio di Totulo, che nel 1539 dichiarò di identificarsi con la «fede italiana» e non con quella tedesca di Lutero. Sempre che la risposta non gli fosse suggerita dall’inquisitore è probable che la religione offrisse una forma di identificazione popolare, allargando l’orizzonte e mettendo in rapporto «con un mondo più ampio»26.

35Di fatto, nel corso del secolo e mezzo abbondante che divide l’opera di Biondo da quella del Magini era cambiata la storia d’Italia e di conseguenza erano cambiati gli argomenti e i toni dell’identità nazionale.

36La svolta storica è quella dell’inizio delle guerre d’Italia con la campagna d’Italia di Carlo VIII nel 1494. Da questo momento il richiamo alla grandezza antica diventa occasione non di soddisfatta celebrazione delle origini ma piuttosto motivo di considerazioni piene di sconforto. E’ qui che si situa la crisi della cultura umanistica che aveva esaltato un’idea di Italia erede dell’antica grandezza di Roma.

  • 27 M. Zaggia, Tra Mantova e la Sicilia nel Cinquecento.

37La svolta delle guerre d’Italia mise in crisi la tradizione umanistica e rese necessaria una nuova definizione dei caratteri dell’identità nazionale. L’opposizione italiani-barbari divenne parola d’ordine della politica di papa Giulio II che dette avvio alle iniziative politico-militari del papato del ‘500 in difesa di quella che fu detta «libertà d’Italia». Come ben spiego Machiavelli, il papato non potendo unificare l’italia era comunque ostile a chiunque si candidasse a diventare forza egemonica e unificante nella penisola. Ostile a Venezia in un primo tempo, poi attento a praticare la politica dell’equilibrio per impedire a Francia e a Spagna di assumere il predominio in Italia, il papato riuscì nell’impresa di garantirsi una posizione di tipo egemonico, restando l’unica potenza italiana capace di influenzare la politica europea. E anche di questo rimase traccia nella letteratura geografica e storica dedicata all’Italia: la Descrittione di tutta Italia di Leandro Alberti segnò la ripresa del grande modello offerte da Biondo ma stavolta realizzato da un domenicano che dette dell’Italia una immagine adatta ai tempi: un paese dove santi cristiani ed eroi classici stavano insieme senza conflitti, dove lingua e religione fondavano le residue ambizioni di grandezza e garantivano comunque la vernice unitaria. Un’altra novità balza agli occhi nell’opera dell’Alberti: la sua Italia comprende anche le isole della Sardegna e della Sicilia che non comparivano nell’Italia del Biondo. Il processo che condusse la Sicilia a entrare nel disegno dell’Italia è Stato ricostruito da una recente accurata indagine storica che ha mostrato come vi contribuissero il conflitto coi Turchi, quello della Riforma protestante e l’avanzata della lingua letteraria italiana in mezzo alle élites colte dell’isola27.

38Ma nel momento in cui la crisi si rese evidente avvenne anche una revisione profonda dei moduli della storiografia umanistica. Il présente non offriva più molti motivi di speranza nella ripresa della grandezza antica. Anzi l’accenno ai tempi presenti si fece desolato: erano arrivati i barbari, era questo il tema ricorrente di una storiografia che vedeva il presente con gli occhi del passato. Raffaele Maffei lo aveva scritto nei suoi Commentarii Urbani:

Nostra vero tempestate haec regio a desidia solitudineque maxime occupata, praeda barbarorum omnium facta est.

39Il punto di svolta è segnato dal Principe di Machiavelli: con i versi ripresi dalla canzone «All’Italia» di Francesco Petrarca

Vertù contro furore
prenderà l’arme e fia’l combatter corto
che l’antiquo valore

negli italici cor non è ancor morto.

40Il linguaggio antico compare per l’ultima volta in un estremo momento di speranza nella nascita di un forte stato italiano che si rivelerà subito infondata. Fu allora che Machiavelli pose accanto al tema delila eredità culturale dell’antica Roma quelli della religione e della forza militare. Di Roma si doveva imitare non solo la grande sapienza storica e politica ma anche l’organizzazione militare e la capacità di importe con la forza la sua supremazia. E accanto all’organizzazione militare Roma offriva l’esempio di una religione che esaltava il valore in guerra e la dedizione allo Stato, al contrario di quella cristiana che indeboliva le virtù guerriere e invitava a pensare solo alla salvezza dell’anima.

41Il rapporto tra armi e cultura era stato discusso anche dagli umanisti che si erano posti la questione di che cosa fosse stato più importante nel rendere grande Roma, se la forza unificante della lingua o il linguaggio della forza. La permanenza della lingua e della cultura di Roma anche dopo la scomparsa dell’Impero erano la prova secondo loro della superiorità della conquista culturale rispetto alla conquista degli eserciti. Quella discussione era stata di tipo accademico. Ma ora il problema si poneva per la cultura dell’Italia intera. Poteva sopravvivere quella cultura nonostante la debolezza militare e politica?

42Non la forza della lingua e della cultura ma quella delle armi decidera la sorte dell’Italia. Lo spettacolo della debolezza degli stati italiani rimase fissato da allora in poi nelle due diverse interpretazioni che ne dettero i due maggiori storici italiani, Machiavelli e Guicciardini. Per Machiavelli la crisi italiana era stata preparera dall’abbandono delle armi, dalla fiducia che i principi italiani avevano riposto nella eleganza linguistica di cui erano capaci le loro cancellerie. Il richiamo di Machiavelli all’efficacia della forza nella storia non fu un avvertimento generico ma propose un’idea della storia nella quale la vittoria di un popolo su di un altro o di una religione su di un’altra comportava anche la riscrittura della storia, la cancellazione della memoria dei vinti. Bisognava decifrare la storia tenendo conto del fattore guerra e del conflitto tra genti diverse. La storia dei popoli germanici e della loro determinante presenza all’origine delle nazioni europee era diventata un tema importante nella elaborazione delle identità nazionali; l’età che per l’Italia era di decadenza veniva invece proposta come momento nascente delle più importanti monarchie europee. L’invito di Machiavelli modifïcava la rappresentazione tradizionale della storia d’Italia e soprattutto costituiva una lezione importante di realismo politico e di lucidità storica.

  • 28 Sulle correnti antimachiavelliane in Francia, cf. A. M. Battista, «Sull’antimachavellismo francese» (...)
  • 29 Cf. A. Jouanna, L’idée de race en France.
  • 30 M. Foucault, Difendere la società.
  • 31 M. Yardeni, La conscience nationale en France.

43Ma la censura cattolica doveva rapidamente rendere Machiavelli un nome impronunciabile in Italia. Maggior fortuna ebbe in altri paesi e soprattutto in Francia. Qui circolò largamente e fu letto con favore; almeno fino al momento in cui lo scoppio delle guerre di religione e soprattutto l’ondata di anti-italianismo non ne determinò» una tendenziale cancellazione28. Fu proprio allora che la guerra di religione aprendo un grave conflitto interno spinse il calvinista François Hotman a rivedere la storia della Francia con la sua opera Francogallia e la lettura delle vicende del suo paese corne effetto di una lotta di popoli diversi, anzi di razze diverse. L’idea di razza entrò così nella storiografra nazionale della prima età moderna corne rappresentazione di una differenza interna alla popolazione di un paese in grado di spiegare la disuguaglianza dei diritti29: i vincitori Franchi, di origine germanica e non troiana, scrive Hotman ridicolizzando Du Bellay, hanno preso il potere sui Franchi, che si erano fatti vincere dai romani, e hanno strappato all’impero romano il dominio sul paese che da loro si è chiamato Francia. Michel Foucault ci ha ricordato come da questa rappresentazione della lotta tra due razze doveva nascere la riflessione prerivoluzionaria settecentesca di Mably e di Boulainvilliers e come tutto questo doveva sfociare nella rivendicazione dei diritti delTerzo stato da parte di Sieyès30. Fu su queste basi che la cultura francese del ‘700, con Mably e Boulainvilliers, rielaborò le idee di nazione e di civiltà analizzando i fondamenti del patto sociale originario costitutivo della Francia e riconducendolo alla conquista iniziale di un popolo su di un altro. Ma già nel ‘500, con proposte corne quella di François Hotman si venue divaricando stabilmente la costruzione della storia della Francia e di altri stati nazione da quella prevalente in Italia. Chi rifletta all’importanza dell’opera storica di Augustin Thierry e al suo uso del concerto di razza o agit echi italiani di questa impostazione nell’opera storica del giovane Manzoni riconoscerà le ultime derivazioni di una intuizione che era nata con Machiavelli, anche se le svolte culturali e religiose del secondo ‘500 fecero cadere nel discredito il nome del segretario fiorentino. La forza della religione di cui Myriam Yardeni ha mostrato i rapporti col sentimento di appartenenza nazionale31, operò in direzioni divergenti nell’Italia della Controriforma rispetto alla Francia della Saint-Barthélemy.

44In questo modo l’idea di nazione si venne modificando e assumendo i caratteri ottocenteschi che ci sono ben più familiari ma di cui sarebbe bene che si tenessero presenti i debiti con la riflessione precedente.

Bibliographie

Alberti, Leon Battista, I libri della famiglia (a cura di Ruggiero Romano e Alberto Tenenti), Torino, Einaudi, 1969.

Anderson, Benedict, Commuta immaginate. Origini e diffusione det nazionalismi, Roma, Manifestolibri, 1996.

Antiquitatum vari arum volumina a Venerando et sacrae theologiae et Praedicatorïi Ordinis professore Jo. Annio, venundantur ab Ioanne Parvo et Jodoco Badio, Parigi, Opera Ascensiana, 1515, in-fol.

Battista, Anna Maria, «Sull’antimachiavellismo francese del secolo xvi», in Id., Politica e morale nella Francia dell’età moderna, Genova, Name, 1998, pp. 75-107.

Baudou, Alban, «Italia, Italia (grec): la position d’un annaliste sur un problème étymologique de deux mille cinq cents ans», Les études classiques, 65, 1997, pp. 211-222.

Berlinghieri, Francesco, Geographia di Francesco Berlinghieri Fiorentino in terza rima et lingua toscana distincta con le sue tauole in varii siti et prouincie secondo lageographia et distinctione dele tauole di Ptolomeo, Firenze, per Nicolò della Magna [1480].

Biondi, Albano, «Annio da Viterbo e un aspetto dell’orientalismo di Guillaume Postel», Bollettino della Società di Studi Valdesi, 93, 1972, pp. 49-67.

Bloch, Marc, Apologie pour l’histoire ou Métier d’historien (a cura di Étienne Bloch), Parigi, A. Colin, 1993.

Blondi Flavii Foroliviensis, Decades... ab inclinatione Romani Imperii, in Opera, Basileae, Froben, 1559.

Bodin, Jean, Œuvres philosophiques, éd. Pierre Mesnard, Parigi, Presses Universitaires de France, 1951.

Cano, Melchor, L’autorità della storia profana (De humanae historiae auctoritate), [a cura e con intr. di Albano Biondi], Torino, Giappichelli, «Pubblicazioni dell’Istituto di Scienze Politiche dell’Università di Torino» (28), 1973.

Claudii Ptolemaei Geographicae enarrationes libri octo ex Billibaldi Pirckeymerü tralatione, sed ad greca et prisca exemplaria a Michaele Villanoviano secondo recogniti (a cura di Gaspar Trechsel), Viennae, 1541.

Clavuot, Ottavio, Biondos Italia illustrata. Summa oder Neuschöpfung? Uber die Arbeitsmethoden eines Humanisten, Tübingen, M. Niemeyer, 1990.

– «Flavio Biondos “Italia illustrata”. Porträt und historisch-geographische Legitimation der humanistischen Elite Italiens», in Diffusion des Humanismus. Studien zur nationalen Geschichtsschreibung europäischer Humanismus (a cura di Johannes Helmrath, Ulrich Muhlack e Gerrit Walther), Göttingen, Wallstein Verlag, 2002, pp. 55-76.

Dionisotti, Carlo, «La lingua italiana da Venezia all’Europa», in Rinascimento europeo e Rinascimento veneziano (a cura di Vittore Branca), Firenze, Sansoni, 1967, pp. i-59.

– «Regioni e letteratura», in Storia d’Italia (a cura di Ruggiero Romano e Corrado Vivanti), Torino, Einaudi, 1973 (10 vols.), t. V: I documenti.

Foucault, Michel, Difendere la sociétà. Dalla guerra delle razze al razzismo di stato (a cura di Mauro Bertani e Alessandro Fontana), Firenze, Ponte alle Grazie, 1990.

Fubini, Riccardo, Stonografia dell’umanesimo in Ilalia da Leonardo Bruni ad Annio da Viterbo, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2003.

Gramsci, Antonio, Quaderni del carcere (a cura di Valentino Gerratana), Torino, Einaudi, 1975 (4 vols.).

Heller, Henry, Anti-Italianism in Sixteenth-Century France, Toronto-Buffalo-Londra, University of Toronto Press, 2003.

Hobsbawm, Eric J., Nazioni e nazionalismi dal 1780 [1990], Torino, Einaudi, 1992.

Ilardi, Vincent, «“Italianità” among some Italian Intellectuals in the Early Sixteenth Century», Traditio, 12,1956, pp. 339-367.

Jouanna, Arlette, L’idée de race en France au xvie siècle et au début du XVIIe siècle, Lille, Université de Lille III, 1976 (3 vols.).

Magini, Giovanni Antonio, Geografia cioè descrittione universale della terra partita in due volumi nel primo de’quali si contengono gli otto libri della geografia di Cl. Tolomeo nuovamente con singolare studio rincontrati, et corretti dall’ecc.mo sig. Gio. Ant. Magini Padovano publico matematico nello studio di Bologna, Venetia, appresso Gio. Battista e Giorgio Galignani Fratelli, 1618 (2 vols.).

Momigliano, Arnaldo, «Il cristianesimo e la decadenza dell’Impero romano», in II conflitto tra paganesimo e cristianesimo nel secolo IV (a cura di Arnaldo Momigliano), Oxford, 1963, trad. it., Torino, Einaudi, 1968, pp.5-19.

Schellhase, Kenneth C., Tacitus in Renaissance Political Thought, Chicago, University of Chicago Press, 1976.

Struever, Nancy S., The Language of History in the Renaissance. Rhetoric and Historical Consciousness in Florentine Humanism, Princeton, Princeton University Press, 1970.

Ullman, Berthold Louis, Studies in the Italian Renaissance, Roma-Oxford, Edizioni di Storia e Letteratura – Parker, 1955.

Valla, Lorenzo, La donation de Constantin, Parigi, Les Belles Lettres, 1993.

Webb, Diana M., «Italians and Others. Some Quattrocento Views of Nationality and the Church», in Religion and National Identity. Papers Read at the Nineteenth Summer Meeting and the Twentieth Winter Meeting of the Ecclesiastical History Society (a cura di Stuart Mews), Oxford, Basil Blackwell, «Studies in Church History» (18), 1982, pp. 243-260.

Yardeni, Myriam, La conscience nationale en France pendant les guerres de Religion (1559-1598), Louvain-Parigi, Ed. Nauwelaerts – Béatrice-Nauwelaerts, 1971.

Zaggia, Massimo, Tra Mantova e la Sicilia nel Cinquecento, Firenze, Olschki Editore, 2003.

Notes

1 E. Hobsbawm, Nazioni e nazionalismi dal 1790, p. 3.

2 A. Gramsci, Quaderni del carcere, pp. 1800-1801.

3 Ibid.

4 A. Baudou, «Italia», pp. 211-222.

5 B. L. Ullman, Studies in the Italian Renaissance, pp. 55-79 (The post-mortem adventures of Livy).

6 L. B. Alberti, I libri della famiglia, p. 185.

7 N. Struever, The Language of History in the Renaissance. Ma v. la préface di C. Ginzburg a L. Valla, La donation de Constantin.

8 C. Dionisotti, «Regioni e letteratura», pp. 1385-1387.

9 O. Clavuot, «Flavio Biondos «Italia illustrata», p. 57.

10 Sulla questions dell’originalità, cf. O. Clavuot, «Flavio Biondos “Italia illustrata”».

11 Blondi Flavii Foroliviensis,

12 Cf. A. Momigliano, «Il cristianesimo e la decadenza dell’ Impero romano», p. 7.

13 V. Ilardi, «Italianità». Sugli aspetti religiosi si basa il rapido disegno di D. M. Webb, «Italians and others».

14 F. Berlinghieri, Geographia di Francesco Berlinghieri.

15 Claudii Ptoleimaei Geographicae enarrationes, c. 162V0.

16 La sua «Germania Generalis», con l’edizione della Germania di Tacito, fu stampata a Vienna 1500, cf. K. C. Schellhase, Tacitus in Renaissance Political thought.

17 M. Bloch, Apologie pour l’histoire. «Pour le vocabulaire courant, les origines sont un commencement qui explique» (p. 86).

18 J. Bodin, La méthode de l’histoire in Œuvres philosophiques, pp. 241 sqq.

19 «Ego in his meis scriptis pro patria et Italia, immo et Europa tota profiteor. Ornatum vero et elegantiam non profiteor, sed solam et nudam veritatem» (dalla dedica a Ferdinando e Isabella, Commentaria super opera diversorum auctorum de antiquitatibus loquentium, Eucharius Silber, Roma. Tra le molte edizioni successive ricordiamo quella parigina del 1515: Antiquitatum, con dedica di Badio Ascensio a fra Guglielmo Parvo confessore di Luigi XII).

20 Rinvio per questo ai fondamentali studi di A. Biondi, «Annio» e intr. a M. Cano, L’autorità della storia profana.

21 Si noti la diffidenza immediata di Machiavelli, che non cita Annio ma Diodoro Siculo (Machiavelli, Discorsi, II, V: «Che la variazione delle sette e delle lingue, insieme con l’accidente de’diluvii o della peste spegne le memorie delle cose»: esempio della setta cristiana contro la setta gentile: «E perchè queste sette in cinque o seimila anni variano due o tre volte, si perde la memoria delle cose fatte innanzi a quel tempo; e se pure ne resta alcun segno, si considera come cosa favolosa, e non è prestato loro fede: come interviene alla istoria di Diodoro Siculo che benchè e’renda ragione di quaranta o cinquanta mila anni, nondimeno è riputato, come io credo che sia, cosa mendace». E più avanti, discutendo implicitamente con Annio: dopo i diluvi, «quegli che si salvono sono uomini tutti montanari e rozzi, i quali non avendo notizia di alcuna anrichità, non la possono lasciare a’posteri. E se infra loro si salvasse alcuno che ne avessi notizia, per farsi riputazione e nome la nasconde e la perverte a suo modo». Del resto, per Machiavelli i diluvii come le pestilenze sono eventi naturali, espurgazione di materia superflua, non atto dell’ira divina.

22 Si è trovato qui un filone di uso del mito etrusco in funzione dell’ideologia del principato di Cosimo I. Ma recentemente R. Fubini, Storiografia dell’ Umanesimo, ha ridimensionato l’episodio che intormo agli anni ‘40 del ’5oo vide uniti i nomi di Gelli, Giambullari e Postel.

23 C. Dionisotti, «La lingua italiana da Venezia all’Europa», p. 57.

24 R. Fubini, Storiografia dell’Umanesimo, p. 342.

25 G. A. Magini, Geografia.

26 E. Hobsbawm, Nazioni e nazionalismi dal 1780, p. 56. Si allude qui alla tesi dell’importante saggio di Benedict Anderson, Comunita immaginate.

27 M. Zaggia, Tra Mantova e la Sicilia nel Cinquecento.

28 Sulle correnti antimachiavelliane in Francia, cf. A. M. Battista, «Sull’antimachavellismo francese». Sulle ragioni dell’improvviso esplodere di sentimenti anti-italiani intorno al 1570, cf. H. Heller, Anti-Italianism.

29 Cf. A. Jouanna, L’idée de race en France.

30 M. Foucault, Difendere la società.

31 M. Yardeni, La conscience nationale en France.

© Casa de Velázquez, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search