Version classiqueVersion mobile

Le sentiment national dans l’Europe méridionale aux xvie et xviie siècles

 | 
Alain Tallon

Identità e interessi nell’Italia dei potentati

Identity and Interests in the Italy of the Potentates

Identidad e intereses en la Italia de los potentados

Identité et intérêts dans l’Italie des potentats

Gianvittorio Signorotto

Résumé

L’article porte sur l’Italie des anciens États à la lumière des réflexions actuelles sur la « construction » de l’identité qui, en général, ne prennent pas en compte les particularités culturelles et politiques de l’Ancien Régime. On n’étudie pas ici le sentiment de l’appartenance italienne par opposition à d’autres nationalités ; on s’attache plutôt aux diverses perceptions identitaires qui coexistent dans le contexte de l’affirmation des dynasties de la Renaissance puis de l’« époque espagnole ». Le sentiment d’appartenance qui s’exprime socialement dans le microcosme des corporations et des confréries (les unes et les autres profondément marquées par le sentiment religieux et les pratiques pieuses) est étroitement lié à l’affirmation de nouvelles identités sous l’impulsion des élites urbaines et des pouvoirs princiers. Pour rendre compte de cette complexité, il est nécessaire de remonter aux mémoires basées sur des traditions religieuses, politiques et administratives souvent négligées par une historiographie centrée sur les questions de la conscience nationale et de la construction de « l’État moderne ». On constate ainsi que la dynastie princière, pour constituer un nouveau « corps » politique unifié, feint de dialoguer avec les sentiments d’appartenance et les intérêts des représentations des citoyens ou des territoires, en un processus de consolidation réciproque (la politique extérieure comme domaine d’affirmation de la souveraineté mérite une attention particulière). Les États régionaux de la péninsule parviennent de cette manière à une stabilité politique durable, malgré des résistances parfois très importantes. Enfin, on étudie le lien organique entre le Siège apostolique, les maisons régnantes et les aristocraties italiennes ; celles-ci se caractérisent également par leur identité « romaine » qui se perpétue en dépit de conflits juridictionnels intermittents, ce qui aura d’importantes conséquences politiques.

Texte intégral

  • 1 Ci si riferisce al lortunato libro di B. Anderson, Comunità immaginate; quanto al processo di unifi (...)

1Da circa vent’anni, l’idea che le identità nazionali siano qualcosa di «costruito», piuttosto che un date naturale, sollecita indagini sui processi storici che hanno portato individui e comunità a percepirsi come parte di un gruppo nazionale. In questo quadro, anche la tardiva unificazione della penisola italiana, il cosiddetto Risorgimento, è stata oggetto di una revisione storica produttiva1. Le acquisizioni rese possibili da una simile prospettiva sono fruttuose anche per chi guarda alle entità politiche italiane della prima età moderna, ma ovviamente per tale contesto storico occorre usare molta cautela ci rca l’utilizzo del termine «nazionale».

  • 2 Ad esempio, R. Romani, National Character and Public Spirit in Britain and France, studia l’utilizz (...)
  • 3 Su questo concetto, cf. H. Hofman, Die Repräsentation; G. Duso, La rappresentanza; per un’ottica ce (...)

2Possiamo condividere l’idea che alle origini della nazione vi sia una interazione sociale e culturale che incoraggia a «immaginare» –secondo la terminologia di Anderson– una comunità la’ dove vi sono solo gruppi o individui non correlati. Ma per chi indaga l’Italia degli antichi Stati può essere fuorviante domandarsi in via preliminare da chi e quando sia stata immaginata la nazione. Un’impostazione del genere presuppone dinamiche e attori che appartengono alla modernità: affronta la questione delle origini per la sua funzione di arma politica forgiata nell’età delle borghesie in via di affermazione, un contesto dove agiscono spinte popolari e organizzazioni di massa2. Ai fini del nostro discorso conviene inoltre puntualizzare che l’impostazione retrospettiva sottintende il concetto di rappresentanza nell’accezione moderna, introdotta a partire dal xvii secolo, che fa riferimento a un orizzonte di individui, al di là dei loro rapporti di ceto o associativi3.

3La comprensione del mondo degli Stati cittadini, delle corti e delle dinastie principesche richiede piuttosto uno sforzo di astrazione da quanto è accaduto in seguito, e la considerazione attenta di un orizzonte sociale, politico e culturale che ha sue marcate specificità. Le più evidenti sono il ruolo storico della fede religiosa e delle Chiese istituzionali e la concezione patrimoniale –dinastica dello Stato. Per quanto riguarda molte entità politiche –ed è questo il caso di gran parte della penisola italiana nell’età moderna– occorre aggiungere la dipendenza più o meno diretta da organismi sovranazionali, come la monarchia cattolica, l’Impero, o la Chiesa cattolica romana.

  • 4 G. Chittolini, Città, comunità e feudi negli stati dell’Italia centro-settentrionale, pp. 19 sqq.

4Si dovrà poi tenere presente che il contesto italiano (soprattutto nella sua parte centro-settentrionale), è caratterizzato dal protagonismo di città che, dal punto di vista economico, hanno una funzione simile a quella delle città straniere, ma sotto il profilo politico-istituzionale si mostrano centri capaci di affermare diritti e poteri sul territorio, e di raccogliere interessi anche signorili e fondiari4. Per ragionare sulle plurime percezioni identitarie che coesistevano nella penisola è dunque inevitabile considerare i ceti dirigenti urbani, che controllavano l’amministrazione, la giustizia, il credito, la produzione di beni e le reti commerciali, e che da ogni nuovo sovrano ottenevano conferma del loro ruolo in cambio di collaborazione e fedeltà.

5Sia nel processo di formazione degli Stati regionali a base signorile, sia nel passaggio alla sudditanza verso un monarca straniero, il gruppo di famiglie che detiene il monopolio delle cariche cittadine risulta determinante per la costruzione di identità; d’altra parte, in corrispondenza di questi sviluppi storici non si verifica nella penisola un indebolimento del ruolo politico dei centri urbani, anche quando devono rispondere alle richieste di una corte che ha sede altrove e governa un sistema composito di stati. Nel periodo della «dominazione straniera», la dialettica della città e dei suoi organismi amministrativi e burocratici con i corpi territoriali rimane dunque caratterizzante; ma ovviamente dev’essere inserita in un quadro di riferimento ben più ampio dello Stato regionale, specialmente quando il primato della capitale sugli altri centri, e quello dei poli urbani rispetto al territorio si trovano ad interagire con un potere che opera una ridefinizione della gerarchia interna per rispondere alle esigenze generate dalla guetta e dal commercio internazionale. Anche questo processo, corne vedremo, influisce significativamente sulla percezione identitaria, ma non certo per favorine una semplificazione in chiave «nazionale».

  • 5 Sui riferimenti «nazionali» in campo linguistico-letterario, e sui rischi di fraintendimento riguar (...)

6Il problema del sentimento di appartenenza italiana in contrapposizione ad altre nazionalità non è dunque il tema approndito in queste pagine; tuttavia non si intende negare importanza ai ben noti appelli all’unità per rigettare fuori dalla penisola i «barbari». Vi era, in questi richiami, il riconoscimento di un destino comune e di valori largamente condivisi (l’insistenza sull’Italia immune dalle eresie, ad esempio, è presente ben prima della Controriforma); nel contempo essi davano espressione a interessi politici connessi a precise situazioni storiche. L’idea del contrasto tra Italia e mondo barbaro al di fuori, proposta in molti scritti di autori illustri, non era estranea all’ambito politico-diplomatico (ad esempio, compare nella Lega delle potentiae Italiae all’indomani della pace di Lodi). Nel primo Cinquecento essa trovò ampia circolazione, sia peril grado di coesione raggiunto dalla cultura umanistica, sia per effetto dell’invasione francese e dell’intensificarsi dell’attività diplomatica. Nonostante l’enfasi sull’Italia libera dai barbari, il quadro rimaneva molto discontinuo sotto il profilo politico e istituzionale: accanto alle repubbliche, vi erano dinastie principesche non ancora radicate, costrette a confrontarsi con poteri capaci di perseguire strategie continentali. Le divisioni nella penisola italiana erano destinate a contare, per molto tempo ancora, più degli appelli all’unità o degli interessi comuni; solo con l’età napoleonica e la Restaurazione gruppi e individui giungeranno a «immaginarsi» come nazione5.

  • 6 C. mozzarelli (ed.), «Introduzione» a Economia e corporazioni.
  • 7 Un ampio quadro di riferimenti in D. Zardin (ed.), Corpi, «fraternità», mestieri nella storia della (...)

7Nell’epoca da noi presa in esame, la popolazione si riconosceva innanzitutto nell’ambito delle istituzioni locali, all’interno di comunità rurali o cittadine che esprimevano nel modo più diretto i bisogni economici e politici. Il senso di appartenenza si definiva nel microcosmo delle associazioni di mestiere, o nelle confraternite, dove l’identità religiosa e devozionale interagi va con i legami cetuali o di carattere corporativo. L’adesione a questi ultimi sodalizi (scholae, congregazioni) implicava il giuramento di uno statuto che precisava pratiche e doveri relativi alla solidarietà verso i confratelli, oltre che al comportamento morale e religioso. Le nostre conoscenze su queste realtà si sono accresciute qualitativamente da quando è entrato in crisi il dominio della categoria interpretativa dello stato moderno6. Esse dimostrano, tra l’altro, quanto sia schematico separare un campo religioso da uno «laico». Le confraternite configuravano un’autonomia dei laici (soprattutto in età pre-tridentina), rispecchiavano solidarietà, alleanze famigliari, e nei casi più esclusivi favorivano rapporti tra personaggi politicamente molto influenti; d’altra parte, le associazioni di mestiere raccoglievano e impiegavano risorse per il beneficio spirituale, e non solo per quello materiale dei loro membri7. In ogni caso, non dev’essere trascurato il fatto che liturgie, sermoni e cerimonie portassero la gente a sentirsi parte di una più ampia comunità.

  • 8 Tra i lavori recenti, si veda M. Bellabarda e R. Stauber (eds.), Identità territoriali e cultura po (...)
  • 9 Per una rassegna approfondita sui terni del contrattualismo e della difesa dei privilegi si veda A. (...)

8Accanto a questa struttura di relazioni ereditata dall’età precedente, il passaggio alla prima età moderna vede un deciso sviluppo, su altri piani, di nuove identité; ciò avviene appunto nelle città e intorno alle corti, ad opera dei patriziati e dei poteri principeschi. Si tratta di un terreno di indagine che rende per noi indispensabile risalire a quelle memorie fondate su tradizioni religiose, politiche e amministrative, che una storiografia focalizzata sull’edificazione dello Stato moderno ha piuttosto trascurato8. Se facciamo riferimento al termine nazionale secondo l’accezione di antico regime (per cui esistevano la «nazione» napoletana, la «nazione» milanese, ect.), la nostra attenzione dovrà volgersi alla pluralità di ambiti politico-istituzionali, considerare una laboriosa costruzione che implica l’apporto dei giuristi; tenendo sempre presente che il variare delle congiunture condiziona le identità espresse in termini politici e giuridici9.

  • 10 A Modena la comunità (in particolare il popolo delle arti) si contrapponeva ai ministri ducali e ai (...)
  • 11 Occorre perciò precisare e circoscrivere l’associazione tra potere principesco, debolezza e ricorso (...)
  • 12 M. Senellart, Les arts de gouverner, p. 44.

9Certamente il senso civico di appartenenza e le rivalità di lungo periode risentono delle sollecitazioni di «breve durata», Pensiamo, ad esempio, agli scontri tra «nazione» ferrarese e «nazione» modenese, dopo il trasferimento della corte ducale dall’antica capitale a Modena, al tempo di Cesare d’Este. Oppure all’accentuarsi del contrasto tra piacentini e parmigiani nei momenti in cui la debolezza della dinastia farnesiana induce a pensare che si possano rimettere in discussione i rapporti di forza tra le due città10. Le analisi su casi come quelli ricordati (ma ne potremmo citare molti altri) inducono a riconsiderare l’affermazione del principe sull’insieme di città e corpi territoriali: è un passaggio decisivo, che non dobbiamo interpretare solo in termini di contrapposizione tra sovranità da una parte e difesa delle «libertà» tradizionali dall’altra11. Al sovrano spettava il compito di tutelare la pace e la concordia interna, difendere il territorio contro il nemico esterno, assicurare la giustizia, armonizzare gli interessi particolari, distribuire onori e uffici; nell’esercizio di queste funzioni ordinarie egli badava a non offendere la tradizione. Facendosi portatore di interessi molteplici, non solo quelli di una fazione, il principe promuoveva una fedeltà più larga e un senso di identità riferito alla sua persona. Tanto più che, come ha osservato Senellart, in étà rinascimentale vi era una coincidenza tra «regnare» e «governare»; solo con il pieno Seicento, quando l’attività «governamentale» si autonomizza in rapporto alla funzione di sovrano, assistiamo a una divaricazione tra i due aspetti12.

  • 13 Sul tema, cf. J. A. F. Thomson, Popes and Princes.

10Nel processo generale che vede prevalere l’idea di un nuovo «corpo» unitario, alla cui guida si colloca il signore con la sua dinastia, i sentimenti di appartenenza cittadini o territoriali e l’affermazione della sovranità, più che combattersi o sovrapporsi, si consolidano reciprocamente. D’altro canto, l’idea della congiunzione morale e politica tra il re e la respublica era ben presente nella letteratura giuridica medievale, dove non mancano richiami espliciti al dovere del principe di sacrificarsi perle Stato13.

  • 14 A. Tenenti, Stato: un’idea, una logica.
  • 15 Tra gli studi recenti, cf. M. Romani, Una città in forma di palazzo.

11Anche i principi italiani cercavano di accordare il proprio ruolo con la tradizione, si appellavano all’idea del corpo mistico dello Stato sottoposto al sovrano, proponendo un’identificazione tra terra e popolo14. La nostra conoscenza dell’orizzonte culturale di questa fase storica ha tratto giovamento dalla recente ondata di studi sulla configurazione delle antiche capitali. Emerge che gli interventi urbanistici e architettonici voluti dalle dinastie regnanti non potevano prescindere da situazioni preesistenti, espressione di realtà economiche e sociali ben radicate nell’organismo urbano; ma nello stesso tempo se ne distaccavano proponendo nuove finalità e funzioni connesse alla rappresentazione dell’autorità principesca. Di tutto ciò resta testimonianza nell’ampliamento delle residenze signorili e nelle scelte monumentali, nel potenziamento delle fortificazioni, nella nuova gerarchia degli spazi, nell’espansione verso nuove aree di insediamento15.

12Lungo questo percorso non scomparvero certo le antiche «identité», le rivalità e la concorrenza di interessi tra le diverse entità o corpi minori; piuttosto si modificarono in rapporto alla politica della corte che andava assumendo una funzione di rappresentanza generale. In questo senso si chiude la fase in cui lo stato viene identificato con il dominio di una consorteria (lo «stato dei Medici»). Non possiamo dimenticare che si tratta di un cammino costellato di episodi di resistenza talvolta clamorosi e cruenti, dove la reazione antifiscale agisce corne elemento di coesione; ma il suo esito coincide con lo stabilizzarsi degli Stati regionali destinati a rimanere in vita sino all’unificazione politica della penisola.

13Mi pare che l’avvio di questo processo debba essere messo in relazione, più di quanto si sia fatto sinora, con la «diplomazia rinascimentale» della tradizione storiografica. Attraverso l’attività diplomatica il signore rivendica a sé la prerogativa di rappresentare il corpo politico presso principi e Stati; nello stesso tempo, grazie al rapporto con le altre corti, ottiene legittimazione del suo ruolo in una comunità più ampia, «sovranazionale». Tale acquisizione lo avvantaggia nei rapporti con le componenti interne, in termini materiali (soprattutto in caso di necessita) e simbolici

14È vero che

  • 16 D. Frigo, «Ceti, interessi e rappresentanza nella culture politica del Settecento», p. 8o.

le prerogative esclusive del sovrano si concentravano in alcune sfere chiaramente indicate dalla giuspubblicistica: la politica estera e le relazioni intemazionali, che erano al fondo relazioni tra dinastie16,

15Ed è giusto osservare che molti poteri o corpi sottoposti al principe, oltre a rivendicare antiche libertà e tradizioni rispetto alla corte in via di affermazione, rimanevano in grado di manifestare proprie forme di rappresentanza verso altri principi. Ma è altrettanto importante comprendcre perché fossero spinti ad entrare nella sua orbita, e quale significato avesse per loro accettare di essere rappresentati dalla diplomazia del signore. Anche questa dinamica, che mostra le plurime identità nel loro evolversi, non può essere ricostruita solo verificando interessi materiali e rapporti di forza, perché implica una riconoscimento in termini di valori e autorevolezza. Ricordiamo l’ammonimento di Guicciardini: sbaglia chi pensa che il suo interesse

  • 17 F. Guicciardini, Ricordi, p. 182.

sempre consista in qualche commodo pecuniario più che nell’onore, nel sapere mantenersi la reputazione e el buono nome17.

  • 18 Cf. L, Ornaghi e S. Cotellessa, Interesse, p. 60.

16Tutte le forze (o identità) comprese nel territorio che ormai ritenevano indispensahile essere rappresentate nella corte del principe per avere dignità, onore e considerazione morale, cercavano di ottenere, per gli stessi motivi, la proiezione esterna che solo la sua diplomazia rendeva possibile. La politica dinastica del principe si afferma quindi nei confronti di gruppi e poteri che pure non mancano di propri canali per portare istanze al cospetto di altre corti, ma devono riconoscere che una tutela dell’interesse generale è ora possibile sotto l’egida della sua autorità. E l’ azione diplomatica promossa dalla corte a condizionare l’esistenza collettiva, a importe un interesse generale, o «nazionale», lungo un percorso che parte dal laborioso coinvolgimento di singoli e gruppi e approda all’idea di bene comune18.

17Poste queste premesse, è indispensahile fare almeno un breve richiamo alla tradizione storiografica italiana per comprendere quanto a lungo abbiano pesato pregiudizi e condizionamenti ideologici. L’incapacità di pensare che gli interressi dei principi e dei ceti dirigenti potessero essere affiancati da sentimenti di appartenenza a entità più ampie dei confini statuali, nonché giustificati da valori etico politici e religiosi e dalla condivisione di aspirazioni universalistiche è un risultato del singolare intreccio tra motivi nazionalistici e stigma della decadenza che ha segnato la memoria pubblica del paese.

18Gli storici modernisti che, nel primo Novecento, si stavano impegnando per date evidenza al «sentimento nazionale» degli italiani incontrarono certamente molte difficoltà e frustrazioni. L’affermarsi del culto delle testimonianze storiche, insieme alle acquisizioni documentarie riguardanti la maggior parte degli Stati europei, rendevano sempre più palese una condizione di grave svantaggio. Le serie diplomatiche degli antichi potentati della penisola, a differenza di quelle relative alle grandi corti d’oltralpe, non erano utili a celebrare la storia patria, e neppure consentivano di rilevare fondate aspirazioni all’unità politica. Se ci concentriamo sul legame tra condizionamento ideologico, metodologia e scelta delle fond è ancora utile riflettere su quel momento storiografico.

  • 19 In tal senso, prima della storiografia illuminista e dell’affermazione ottocentesca del paradigma d (...)

19Nell’ambito della prima età moderna, il sentimento nazionale veniva fatto coincidere con le invettive contro la monarchia spagnola provenienti da varie parti dell’Italia «oppressa». Si poneva dunque in primo piano il Ducato sabaudo, la Repubblica veneta e, tra gli altri «principi», quelli che avevano manifestato appelli di libertà19. Ma l’età romantica e la cultura dell’Italia unira avevano già dato al contesto generale un segno negativo; perciò queste espressioni non potevano essere che «velleità d’indipendenza», in una penisola ormai immobile, passiva spettatrice della contesa tra Asburgo e Valois o preda inerme, sotto gli spagnoli, della decadenza e dell’oscurantismo della Controriforma.

  • 20 V. Di Tocco, Ideali d’indipendenza in Italia durante la preponderanza spagnola.
  • 21 Per un approfondimento relativo, alle singole entità politiche comprese nell’Italia «spagnola», cf. (...)

20Il testo classico, per la sua ricchezza dei riferimenti, è Ideali d’indipendenza in Italia, dello storico fiorentino Vittorio Di Tocco. Tra le sue fonti figurano gran parte degli archivi e delle biblioteche degli antichi Stati italiani; poche invece, e sempre di seconda mano, sono le citazioni di documenti conservati a Madrid o nelle altre capitali europee20. Il giovane studioso era sul punto di porre rimedio a questo limite, ma il destino volle che morisse, nell’ottobre del 1927, montre stava lavorando sulle carte di Simancas. Federico Chabod ebbe il compito di sostituirlo nella pionieristica impresa; ancor oggi i risultati da lui conseguiti attraverso quelle ricerche risultano straordinari: fan no comprendere l’importanza politica e culturale dei legami esistenti tra i singoli Stati italiani e le grandi corti, adottando una prospettiva e un metodo imprescindibili perverificare l’esistenza del cosiddetto sentimento nazionale tra gli italiani. Ma gli studi di Chabod sul Ducato di Milano non poterono segnare un punto di non ritorno rispetto al provincialismo e alla retorica della tradizione storiografica italiana. Tra affermazione del fascismo e secondo conflitto mondiale, in un clima di nazionalismo e militarismo, la novità fu appena avvertita; in seguito la migliore storiografia italiana si è concentrera piuttosto sul problema dello Stato «moderno», senza incrinare signifïcativamente la categoria di decadenza e il tradizionale giudizio sulla dominazione spagnola. Si può dire che solo negli ultimi venti anni, grazie all’esplorazione intensiva degli archivi spagnoli e dei fondi vaticani, l’eredità di chabodiana abbia dato frutti adeguati21.

  • 22 Una interpretazione più articolata dei rapporti conflittuali tra Francesco Maria e il padre Guiduba (...)

21L’ignoranza circa gli interessi e i valori che collegavano i «principi» alle strategie delle grandi corti ha generato parecchie distorsioni e incomprensioni. Voglio fare solo un esempio che mi pare eloquente. Francesco Maria II Della Rovere, che ereditò dal padre il Ducato di Urbino negli anni Settanta del Cinquecento, è stato ricordato come personaggio superbo, vendicativo, e persino come artefice della rovina del suo casato. In realtà si tratta di uno dei giovani principi che furono inviati a fare esperienza diretta della corte cattolica; tale pratica, per molte dinastie regnanti della penisola, costituiva una naturale prosecuzione della scelta politica filoasburgica maturata prima ancora di Cateau Cambrésis. Francesco Maria si volse a Filippo II, il più grande sovrano del tempo, corne a un modello politico e religioso. Questa scelta, che investiva la sfera privata e pubblica del principe con risvolti significativi sull’arte di governare, costituiva una rottura rispetto alla tradizione precedente. Il caso di Urbino è interessante perché mostra il primo impatto in Italia dell’idea cristiana di autorità politica, influenzata dal pensiero neostoico e fatta propria dagli Austrias, secondo cui il principe è rispecchiamento ideale della natura umana e insieme riflesso di Dio. Questa nuova idea di principe, che poneva in risalto il rispetto delle relazioni costituzionali e la protezione data agli antichi diritti seconde il modello della «vera» ragion di stato, avrebbe influenzato nell’Europa cattolica l’identità confessionale dei sudditi22.

  • 23 Per G. Scotoni, La giovinezza di Francesco Maria II Delta Rovere, colpa ancor maggiore dell’asservi (...)
  • 24 Ivi, p. 4; Scotoni trae la notizia dai Monumenti rovereschi, t. XXVIII, 25, conservati nella Biblio (...)

22Dal punto di vista della storiografia di ispirazione nazionalistica, Francesco Maria II, nel corso del suo soggiorno in Spagna, si preparò a diventare un tiranno diffidente e crudele23. In quest’ottica, la prova più eclatante è tratta da una istruzione inviata dal duca al suo ambasciatore in Spagna. Il contenuto dimostra che il signore di Urbino intendeva suggerire al Rey prudente corne rendere più sicuro il suo controllo sulla penisola; consigliava persino di porre un blocco alla navigazione nel Mediterraneo perché –diceva– «l’impedire il transito a li vascelli per lo stretto di Zibilterra metterebbe freno a tutta Italia»24. Oggi un episodio del genere non può suscitare stupore o indignazione. Non pare strano che un principe italiano intendesse mostrare al re cattolico (e ai propri sudditi), fedeltà e impegno per gli interessi della monarquía.

  • 25 Archivo General, Simancas, Estado, leg. 1474, c. 197: lettera di Cosimo a Filippo, del 4 febbraio 1 (...)

23La maggior parte dei signori della penisola aveva intrapreso iniziative in questa direzione. Il duca di Firenze, Cosimo de’ Medici, si era conquistato il primo posto tra gli alleati di Filippo II e gli poteva offrire consigli sui mezzi con cui ottenere la fedeltà degli altri potentati italiani. Secondo i suggerimenti del Medici, una catena di stati amici nel centro della penisola avrebbe dato sicurezza sia al Milanesado sia al Regno di Napoli, e soprattutto avrebbe reso inoffensiva la Santa Sede, che si era rivelata con i pontificati Farnese e Carafa il nemico più potente e insidioso «... né mai alcun papa può pensar di nuocer alle cose di Sua Maestà»25.

24Questo richiamo al papato ci permette di introdurre, in termini non generici, un aspetto rilevante per il discorso sull’identità italiana. Infatti, una gamma di variabili particolarmente articolata emerge dalla fase conclusiva delle guerre d’Italia, che vede procedere il cammino dell’affermazione asburgica in coincidenza con il passaggio dei poteri da Carlo V a Filippo e alla sua cerchia, mentre si gioca nel contempo la fase cruciale del Concilio tridentino. Proprio la riscoperta recente della centralità politica della Santa Sede nelle vicende internazionali della prima età moderna ci consente oggi di comprendere meglio la complessità di questa svolta epocale.

  • 26 Cf. le rassegne critiche di M. Pellegrini, «Corte di Roma e aristocrazie italiane in età modema»; M (...)

25Nel corso del xv secolo il ritorno in Italia del papato ed il suo rafforzamento avevano sollecitato le aristocrazie italiane a stringere rapporti con Roma, integrandosi nella corte e negli organismi di govemo pontifici. A partire dalla seconda metà degli anni Settanta, le ricerche sulle dinamiche tra curia/corte e città, sulla burocrazia romana e le carriere ecclesiastiche hanno mostrano che Roma offrira onore e utile più della stessa patria di provenienza; la sua centralità per le élite della penisola e l’ «italianizzazione» del papato si rafforzavano proporzionalmente all’incremento della componente curiale italiana e aristocratica26.

  • 27 Mi riferisco ovviamente all’importante libro di P. Prodi, Il sovrano pontefice.

26Nella tradizione storiografica Otto-novecentesca, il giudizio morale aveva impedito di cogliere il ruolo politico della Santa Sede, soprattutto nel contesto del Rinascimento; si era attribuito rilievo assoluto ai valori dell’umanesimo civico, che non potevano accordarsi con l’immagine del papato largamente condivisa. La stessa revisione storiografica, che negli anni Settanta ha rinnovato gli interessi portando alla ribalta il problema della modernità dello Stato ecclesiastico, dimostra quanto fosse radicata l’idea che lo Stato della Chiesa, nell’età moderna, fosse una «anomalia», per la sua debolezza. La reazione ha infatti privilegiato un’ottica di State building, più che le forme specifiche della politica nella corte di Roma; lo stesso nepotismo è stato considerato per la sua evoluzione in senso «ministeriale»27.

  • 28 A parte questi episodi di eccezionale importanza, bisogna considerare casi di dipendenza diretta da (...)

27L’aver pensato alla discontinuità dinastica come a un limite e al nepotismo come a una piaga e una debolezza, ha impedito di cogliere l’incidenza politica effettiva del papato. Si sono sottovalutati persino quei rapporti di vassallaggio che tenevano vincolati a Roma diversi principi. Mi riferisco ai fondamenti giuridici che consentivano ai pontefici di reclamare la signoria su città e territori, e infine di espandere in modo rilevante il proprio dominio attraverso devoluzioni come quelle di Ferrara nel 1598 e di Urbino nel 163128.

28A questo proposito merita di essere citato un documento molto significativo: la lettera indirizzata da papa Giulio III, nel settembre 1551, a Enrico II, per protestare riguardo ai torti subiti e chiedere la pace. Il contenuto ci fa capire che il papato, anche in un momento di difficoltà nel rapporto con le corone, non cessava di rivendicare i suoi interessi e la sua autorità, difendendo il tradizionale primato sulla penisola.

  • 29 Correspondance des nonces en France Dandino, éd. J. Lestocquoy, pp. 521 e 526. È pure rilevante il (...)

Voi mi chiamate ingrato –rinfaccia il pontefice al re di Francia– perch’essendo mio feudatario il duca di Ferrara, il duca di Urbino et casa Colonna et casa Ursina et casa Contesca et casa Savella con centenara d’altri signoretti, non ho voluto comportare che con l’esempio di Ottavio [Farnese] pemitioso in perpetuo a questa sede, il minimo di loro venisse a dare a me et alli successori miei delle dita negli occhi tutte le volte che ben gli venisse co’l favore d’un principe seculare29.

29Il papa intendeva protestare contro l’intervento di Enrico II a favore del duca di Parma, ribelle alla Santa Sede, e nel far questo si poneva di fronte all’interlocutore nella sua veste di sovrano temporale, rivendicando il diritto di pretendere obbedienza dai signori italiani che avevano sovranità per investitura pontifïcia. Le storie regionali e locali hanno piuttosto sottolineato il protagonismo dei vari principi e i loro conflitti con Roma; molto meno hanno approfondito i vincoli giuridici e il rapporto fisiologico che sul lungo periodo hanno dato consistenza all’alleanza con il papato.

  • 30 Nuntiaturberichte aus Deutschland, pp. 377-379, relazione del nunzio Verallo al cardinale Farnese, (...)

30Alla luce di queste considerazioni dobbiamo interpretare anche la politica filospagnola di Cosimo de’ Medici, che si sentiva minacciato direttamente dal grande nepotismo farnesiano. Egli sapeva, d’altra parte, che le sue argomentazioni antiromane avrebbero facilmente trovato udienza nella corte asburgica. Per valutare la carica destabilizzante delle aspirazioni nepotistiche non bisogna pensare solo a quelle effettivamente portate a compimento, ma anche ai tentativi di cui nella storiografia si è perso il ricordo e che pure venivano valutate sui tavoli delle trattative. Nel caso di Paolo III, ad esempio, accanto all’iniziativa che porta alla creazione del Ducato farnesiano, dovremmo ricordare anche il tentativo di procurare alla famiglia la signoria di Milano30.

  • 31 Su questo concetto e la cronologia relativa rinvio il lettore al mio contributo «Dall’Europa cattol (...)

31Tra i vantaggi che poteva comportare ai potentados lo schierarsi dalla parte del sovrano più potente d’Europa, non ultimo era quello di bilanciare la pressione della corte pontifïcia. E questa necessità era particolarmente avvertita da quei principi che, sulla base di un originario vincolo feudale, erano nella posizione di vassalli della Santa Sede, o da essa dipendevano per alcuni loro possedimenti. Tuttavia la loro prospettiva non era certo quella di recidere il legame con la Santa Sede: il miglior esito possibile era l’avvento di un cardinale amico sul trono pontificio. Per questo la sconfitta dei Carafa e l’innalziamento del milanese Giovan Angelo Medici (Pio IV), che consentivano dopo tanti conflitti di accordare la recente identità spagnola con quella romana, costituirono una svolta decisiva: l’inizio dell’età spagnola in Italia partiva dall’accordo con Roma, pietra angolare nella costruzione dell’Europa cattolica31.

  • 32 Si veda al proposito F. Gilbert, «Italy», in particolare p. 37.

32La storiografia degli Stati italiani non ha ignorato l’importanza dei rapport! con la Roma dei papi, ma vi è ancora molto da approfondire, sia rispetto alle élite sia nell’ambito delle case regnanti. Che il potere dei papi abbia strenuamente cercato di impedire l’unificazione nazionale è stato sottolineato da una lunga tradizione. Ed è altrettanto vero (nonostante il risalto dato ai contrasti giurisdizionali) che la Santa Sede riuscì a ottenere che nessun potentato e nessun governante, in Italia, potesse assumere il controllo della Chiesa presente entro i confini del suo Stato32.

33Le conseguenze di questo fatto sono da connettere al rapporto fisiologico delle aristocrazie italiane con Roma, cui si è accennato poc’anzi. Ad esempio, l’identità delle maggiori casate lombarde, come i Borromei, i Visconti e i Trivulzio rimaneva in parte romana anche quando, nel Seicento, il dominio spagnolo sullo Stato di Milano è fuori discussione. Ma questo vale anche per alcune famiglie di primo piano nella Repubblica di Venezia, non a caso definite «papaliste», come i Corner.

34La Chiesa offriva possibilità di avanzamento sociale e di affermazione politica attraverso le carriere ecclesiastiche. Le famiglie dell’aristocrazia e dei patriziato, all’interno delle quali la presenza di uno o più ecclesiastici era la regola, dovevano guardare necessariamente anche a Roma, e più precisamente alla fazione che controllava la distribuzione degli incarichi e il conferimento delle maggiori dignità, alle clientele che collegavano alla politica del pontefice regnate e del cardinal nepote. Se ne rendevano ben conto i rappresentanti della Corona in occasione degli scontri giurisdizionali, osservando che i ministri «naturali» imparentati con ecclesiastici non ricordavano più il loro dovere di obbedienza verso il re cattolico e si mostravano timorosi di offendere la Santa Sede.

  • 33 C. Capasso, Paolo III, t. II, p. 197: viene citata la lettera del 17 settembre 1539.

35Abbiamo in precedenza accennato alle scelte filospagnole dei principi. Pensare che tali scelte potessero indurre tutte le componenti sociali a una sentita adesione alla causa dei re cattolici sarebbe assurdo quanto lo è stato ritenere che nei domini italiani della monarquía covasse un generale sentimento di odio verso gli spagnoli. Affermazioni corne quella dei cardinale Ercole Gonzaga, che nel 1539 aveva scritto al Granvelle che a Mantova persino le pietre delle strade e delle case «spiravano la imperialità» vanno relativizzate, e tuttavia meritano considerazione33.

  • 34 Per una vicenda esemplare si veda M. A. Visceglia, «Farsi imperiale».
  • 35 Occorre aggiungere che questi stessi titolati erano coinvolti nel servizio della monarchia e la per (...)

36Bisogna tenere conto che le identità delle fazioni, e poi, sotto la guida dei principe, le propensioni delle forze che controllano gli organismi di governo cittadini, si evolvono all’insegna di fedeltà verso poteri esterni34. Anche nei contesti dove la dipendenza dalla corte spagnola è ormai un fatto incontrovertibile, le strategie di famiglie e reti clientelari trovano una proiezione più ampia, una maggiore legittimazione e visibilità, manifestando adesione alle autorità universali del papa e dell’imperatore. Pensiamo che i titolari di feudi imperiali collocati nello Stato di Milano si rifiutavano di obbedire alle ingiunzioni del Senato, appellandosi alla loro diretta dipendenza da Vienna. Anche questa era una ostentazione di identità legata a precisi interessi35.

37In ogni caso, il discorso sulle identità dev’essere affrontato considerando il confronto incessante dei ceti e delle rappresentanze all’interno del territorio. L’analisi di un caso corne quelle di Milano ci consente una prima approssimazione alla complessità del problema. Nel servizio della monarchia, i ceti che detenevano il potere sociale e politico, in primo luogo il patriziato urbano, collegato all’aristocrazia titolata e agli hombres de negocios, trovarono l’occasione e i mezzi per ottenere vantaggi economici e per rinsaldare la propria posizione di preminenza, anche in rapporto alle altre città lombarde. Se questa dinamica è già evidente nell’età di Filippo II, durante la prima metà del Seicento risulta decisiva per garantire la stabilità interna del Milanesado, area cruciale dal punto di vista strategico e logistico.

38Nei documenti diplomatici e politico-amministrativi di età spagnola il termine «nazionale» viene utilizzato prevalentemente per definire individui e interessi propri dello Stato di cui la città è capitale. Ad esempio si trovano rivendicazioni di cariche e uffici per soggetti della «nazione» lombarda, definiti anche «naturali», in contrapposizione a candidati aragonesi o napoletani ecc. Non mancano tuttavia casi in cui il termine assume un significato più ampio. Ad esempio nel Consejo de Italia, i reggenti milanesi, napoletani e siciliani possono essere indicati nel loro insieme corne esponenti «nazionali» italiani, se contrapposti ai loro colleghi spagnoli. Più frequentemente, si fa riferimento a tale connotazione in ambito militare, ad esempio mettendo a confronto le attitudini belliche degli «italiani» con quelle dei tedeschi, dei francesi ecc.

39Ognuna di queste accezioni merita considerazione, ma poiché tutte coincidono con precise sfere di interessi è possibile attribuire loro diversi gradi di importanza (relativamente all’utilizzo che ne fa uno stesso soggetto politico, ovviamente). Se ci poniamo nella prospettiva delle autorità civiche della capitale, «naturale» e «nazionale» sono riferiti innanzitutto agli esponenti e agli interessi milanesi. Definire l’identità significa da un lato creare intorno alle proprie istanze un consenso, dall’altro difendere i propri diritti nella competizione per le cariche e le risorse.

40Torniamo così a sottolineare il ruolo decisivo del ceto politico che controlla gli organismi politico-amministrativi. Ad esempio, la lotta ostinata che le rappresentanze civiche sostengono nelle corti di Roma e Madrid per affermare il diritto di avere un ecclesiastico milanese sulla cattedra arcivescovile ambrosiana è un fatto pubblico, e sempre di larga partecipazione popolare, con il concorso di altre città e terre dello Stato, sono le manifestazioni di giubilo per il successo dell’impresa: per ovvie ragioni non vi è spazio per una competizione che metta in discussione la tradizione. Ma per l’ottenimento di una «piazza» vacante di reggente «naturale» nel Consejo de Italia che ha sede a Madrid la lotta è accanita; nel caso essa venga attribuita a un nobile di Cremona, o di Pavia, la nomina sarà accolta dai milanesi corne una sconfitta. Da quel seggio prestigioso il nuovo reggente potrà ostacolare gli interessi della capitale, metterne in discussione il primato per favorire le istanze della propria città.

41Alla luce di queste dinamiche, che sono una costante abbondantemente testimoniata dalle carte conservate nell’Archivio storico civico di Milano, è difficile enfatizzare i richiami –non del tutto assenti– alla «nazione» italiana. Si fatica persino a evidenziare un sentimento di identità «lombarda», perché le richieste portate al cospetto dei Consigli e del sovrano in nome di tutto lo Stato sono comunque il frutto di estenuanti trattative e non costituiscono un superamento delle rivalità tra le diverse componenti.

  • 36 Testimonianza eloquente del grado di consapevolezza e alle aspettative dell’élite milanese è il tra (...)

42Se queste erano le manifestazioni dei contrasti e dei rapporti di forza interni allo Stato, non è esagerato dire che, contemporaneamente, la scelta filospagnola dei ceti privilegiati e produttivi lombardi fu decisiva per evitare il crollo della potenza spagnola in Italia36. I «naturali» milanesi si resero ben conto che la loro fedeltà aveva consentito di resistere ai ripetuti assalti dei francesi e dei loro alleati e rivendicarono perciò nel 1659, con il raggiungimento della pace, un riconoscimento adeguato. Non si trattava solo dell’alivio, degli onori e delle mercedi, delle plazas nelle magistrature e dei benefici ecclesiastici, già insistentemente ricercati da ambasciatori e agenti. Ora si avanzava una richiesta più ambiziosa, di grande rilievo simbolico e conseguenze pratiche: quella della cittadinanza castigliana. I milanesi volevano la naturaleza castigliana per confermare stabilmente il primato della capitale sul resto dello Stato, per controllare i posti piu importanti nell’esercito e nelle magistrature, e respingere così la concorrenza delle altre rappresentanze lombarde.

43Gli spunti di analisi che abbiamo indicato potranno aiutare a comprendere che molti furono, negli antichi Stati italiani, i fattori capaci di ostacolare una prospettiva nazionale. E vero però che la maggiore responsabilità in questo senso è stata attribuita alla presenza della Chiesa. In verità alcuni storici hanno insistito invece sulla difesa degli interessi «italiani» da parte del papato, per la sua opposizione ostinata alle mire dei poteri imperiali. Di fatto, è innegabile che la sua azione abbia dato un contributo decisivo alla «bilancia» delle potenze realizzatasi nella penisola.

  • 37 Si veda F. Crouzet e F. Furet (eds.) L’Europe dans son histoire. In particolare il contributo di J. (...)

44Questo rilievo ci riporta alla tenace persistenza delle divisioni e delle identità plurime negli antichi Stati italiani, ma suggerisce anche un raffronto con il più ampio quadro continentale e una riflessione sul concerto di modernità attribuita alla civiltà europea. Sappiamo infatti che l’idea di equilibrio tra gli Stati è storicamente uno dei fondamenti dell’idea di Europa definitasi a partire dall’illuminismo. La nuova Europa sarebbe nata con la balance of power prodottasi a Vestfalia; per dirla con Alphonse Dupront, si sarebbe verificato in quella fase storica il passaggio dalla Cristianità all’Europa, attraverso la dissociazione della politica dalla religione37.

45Gibbon, nella sua grande opera, aveva definito la peculiarità della storia d’Europa in termini che appiono ai tempi nostri troppo ottimistici, non solo per l’esperienza che abbiamo delle tragedie del Novecento, ma anche per quella dell’attuale forma assunta dalle guerre di polizia «globali» promosse in difesa della civiltà occidentale.

  • 38 Ii passo è riportato nel recente libro di M. Verga, Storie d’Europa, p. 31. Si veda anche J. G. A. (...)

... In pace il progresso del sapere e dell’industria è accelerato dall’emulazione di tanti attivi rivali; in guerra, le forze europee sono esercitate da conflitti moderati e non decisivi38.

  • 39 G. Muzio, Discorso sopra il Concilio che si ha da fare e per la unione di Italia. Su questo testo s (...)

46La penisola italiana, a causa della presenza di Roma, aveva dunque anticipato un contesto di convivenza e insieme di incessante rivalità: il teatro dell’azione circoscritta di entità sorelle, simili nella loro debolezza, costrette a trattare con le rappresentanze dei corpi al loro interno per importe strategie politiche e militari. Se mai dimostrarono solidarietà questo accadde per la coscienza di essere vulnerabili agli attacchi provenienti dall’esterno: dal timore della minaccia straniera erano nati già nel Cinquecento progetti di una unione federativa d’Italia. Girolamo Muzio, nel suo Discorso sopra il Concilio, pubblicato nel 1572, prevedeva la costituzione di un Consiglio formato dai rappresentanti dei vari principi, con sede in una città dell’Italia centrale e munito di proprio esercito39.

  • 40 II concetto è formulato in I. Berlin, The Power of Ideas, pp. 134-142 (Berlin lo definisce a partir (...)

47Dopo le guerre d’Italia, si può dire che in generale i principi e le popolazioni furono molto sensibili ai rischi di un conflitto portato sul suolo italiano, e sempre più attend all’orizzonte continentale. La circolazione del discorso politico e lo sviluppo della coscienza pubblica non erano fenomeni estranei a questo empirismo nato dalla percezione dei limiti: sotto questo profilo, una sorta di «realism in politics» ha origine italiana40. Ma qualcosa di simile avveniva nel Seicento alla monarchia degli Austrias, che insieme al papato aveva difeso a oltranza il progetto di Europa cattolica; nel corso della Guerra dei Trent’anni essa doveva fare i conti con l’idea di equilibrio europeo come lotta incessante tra Stati. Le certezze non si incrinavano per effetto delle argomentazioni contrarie, ma per la drammatica percezione della propria debolezza.

  • 41 Cf. J. A. Maravall, Los orígenes del empirismo en el pensamiento político español; e ora i due inte (...)

48Nel momento della nascita dell’Europa degli Stati nazionali, fu l’italiano Virgilio Malvezzi, storiografo della monarchia, a interpretare nel modo più sofferto il tramonto di un’epoca; il declino dell’ Europa cattolica mostrava che la Provvidenza non teneva più le redini delle cose umane, e anche la storia perdeva senso41. Ma dentro il contesto della penisola la svolta epocale non poteva essere avvertita in modo così sconvolgente, come si percepiva dall’osservatorio dei Consejos della Corona. I potentati, «mudables enemigos de cualquiera imperio que tengan sobre sus cabezas» (secondo Alamos de Barrientos), continuavano a coltivare il loro stretto legame con la Chiesa romana. E la vicenda della Sede apostolica, costretta a rinunciare alla competizione sul piano della potenza, confermava agli italiani che il vantaggio degli Stati andava cercato nella prosperità dei sudditi più che nelle imprese militari.

Bibliographie

Anderson, Benedict, Comunità immaginate. Origini e fortuna dei nazionalismi, prefazione di Marco D’Eramo, Roma, Manifestolibri, 2000 (ediz. orig. 1983).

Banti, Alberto Maria, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini dell’Itahlia unita, Torino, Einaudi, 2000.

Bellabarba, Marco e Reinhard Stauber (eds.), Identité territoriali e cultura politica nella prima età moderna, Bologna-Berlino, Il Mulino – Duncker & Humblot, 1997.

Berlin, Isaiah, The Power of Ideas, ed. Henry Hardy, Londra, Chatto and Windus, 2000.

Biondi, Grazia, «Comunità e corte», in Albano Biondi e Grazia Biondi, Modena «metropoli» dello Stato. Storie e microstorie di primo Seicento, Modena, Archivio Storico, 2003, pp. 159-179.

Blanco, Mercedes, «Propaganda y visión política en “Locuras de Europa” de Saavedra Fajardo», in Heinz Duchhardt e Christoph Strosetzki (eds.), Siglo de oro-Decadencia. Spaniens Kultur und Politik in der ersten Hälfte des 17. Jahrhunderts, Colonia, Bölhau Verlag, 1996, pp. 61-74.

Capasso, Carlo, Paolo III (1543-1549), Messina-Roma, Casa Editrice G. Principato, Biblioteca Storica Principato (2-3), 1923 (2 vols.).

Capuano, Laura, «Un principato conteso. Masserano tra Stato pontificio, Spagna e Ducato sabaudo nel primo Seicento», Cheiron, 33, 2000, pp. 199-242.

Chittolini, Giorgio, Città, comunità e feudi negli stati dell’Italia centro-settentrionale (secoli xiv-xvi), Milano, Unicopli, 1996.

Commendone, Giovanni Francesco, Discorso sopra la corte di Roma, ed. Cesare Mozzarelli, Roma, Bulzoni, Biblioteca del Cinquecento (68), 1996.

Costa, Pietro, Civitas. Storia della cittadinanza in Europa, Roma-Bari, Laterza, Collezione Storica, 1999-2001 (4 vols.), t. I (1999): Dalla civiltà comunale al Settecento.

Crescenzi Romani, Giovan Pietro, La Monarchia di Spagna, overo dell’unione delle Corone e Regni dell’Augustissima Casa d’Austria, con parte de pregi e meriti della Nazione spagnola e della Regia città di Milano, Piacenza, Gio. Antonio Ardizzone Stampator Camerale, 1650.

Crouzet, François, e François Furet (eds.), L’Europe dans son histoire. La vision d’Alphonse Dupront (Florence, 26-28 septembre 1996), Parigi, Presses Universitaires de France, 1998.

Curcio, Carlo, Dal Rinascimento alla Controriforma. Contributo alla storia del pensiero politico italiano da Guicciardini a Botero, Roma, Colombo, 1934.

Dandino, Hieronimo, Michele Della Torre e Antonio Tribultio, Correspondance des nonces en France Dandino (1546-1551), ed. Jean Lestocquoy, Roma-Parigi, Université pontificale grégorienne – De Boccard, coll. «Acta Nuntiaturae Gallicae» (6), 1966.

De Benedictis, Angela, Repubblica per contratto. Bologna: una città europea nello Stato della Chiesa, Bologna, Il Mulino, 1995.

Di Tocco, Vittorio, Ideali d’indipendenza in Italia durante la preponderanza spagnola, Milano, G. Principato Stampa, 1926.

Duso, Giuseppe, La rappresentanza: un problema di filosofia politica, Milano, Franco Angeli, 1988.

Frigo, Daniela, «Ceti, interessi e rappresentanza nella cultura politica del Settecento», in Laura Casella (ed.), Rappresentanze e territori. Parlamento friulano e istituzioni rappresentative territoriali nell’Europa Moderna, Udine, Forum, 2003, pp. 75-103.

Galasso, Giuseppe, L’Itaha come problema storiografico, in Storia d’Italia (a cura di Giuseppe Galasso), Torino, UTET, «Storia d’Italia», 1979.

Gilbert, Felix, «Italy», in Orest Allen Ranum (ed.), National Consciousness, History, and Political Culture in Early Modern Europe, Baltimore-Londra, Johns Hopkins University Press, 1975, pp. 21-42.

Guicciardini, Francesco, Ricordi, Introduzione di Mario Fubini, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 1977.

Hofman, Hasso, Die Repräsentalion. Studien zur Wort-und Begriffsgeschichte von der Antike bis ins 19. Jahrhundert (2e ed.), Berlino, Dunker & Humblot, 1990.

López-Cordón Cortezo, Maria Victoria, «Diplomacia, propaganda e historia. La publicistica española en torno a 1648», in Heinz Duchhardt e Christoph Strosetzki (eds.), Siglo de oro-Decadencia. Spaniens Kultur und Politik in der ersten Hälfte des 17. Jahrhunderts, Colonia, Bölhau Verlag, 1996, pp. 109-127.

Maravall, José Antonio, Los orígines del empirismo en el pensamiento politico español del siglo xvii, Granada, Universidad de Granada, 1947.

Mesnard, Jean, « L’Europe classique: une quête de valeurs », in François Crouzet e François Furet (eds.), L’Europe dans son histoire. La vision d’Alphonse Dupront, Parigi, Presses Universitaires de France, 1998, pp. 107-119.

Mozzarelli, Cesare (ed.), Economia e corporazioni: il governo degli interessi nella storia d’Italia dal medioevo all’età contemporanea, Milano, Giuffrè, 1988.

Musi, Aurelio (ed.), Alle origini di una nazione. Antispagnolismo e identità italiana, Milano, Guerini e Associati, 2003.

Muzio, Girolamo, Discorso sopra il Concilio che si ha da fare e per la unione di Italia al Beatissimo Padre e S. N. Pio IV, 1572.

Nuntiaturberichte aus Deutschland (1533-1559). Sechster Band (1540-1541), Berlino, 1910.

Ornachi, Lorenzo e Silvio Cotellessa, Interesse, Bologna, Il Mulino, 2000.

Pellegrini, Marco, «Corte di Roma e aristocrazie italiane in età moderna. Per una lettura storico-sociale della curia romana», Rivista di storia e letteratura religiosa, 30,1994, pp. 543-602.

Pocock, John Greville Agard, «Some Europes in their History», in Anthony Pagden (ed.), The Idea of Europe. From Antiquity to the European Union, Cambridge, Cambridge University Press, 2002, pp. 33-71.

Prodi, Paolo, Il sovrano pontefice. Un corpo e due anime: la monarchia papale nella prima età moderna, Bologna, Il Mulino, 1982.

Romani, Marina, Una città in forma di palazzo. Potere signorile e forma urbana nella Mantova medievalee moderna, Roma, Bulzoni, 1995.

Romani, Roberto, National Character and Public Spirit in Britain and France (1750-1914), Cambridge, Cambridge University Press, 2002.

Sabbadini, Roberto, La grazia e l’onore. Principe, nobiltà e ordine sociale net ducati farnesiani, Roma, Bulzoni, 2001.

Scotoni, Giovanni, La giovinezza di Francesco Maria II Della Rovere, Bologna 1889.

Senellart, Michel, Les arts de gouverner. Du regimen médiéval au concept de gouvernement, Parigi, Seuil, 1995.

Signorotto, Gianvittorio, «Le due corti del duca di Urbino e la rivolta del 1573», in Jesús Bravo Lozano (ed.), Espacios de Poder. Cortes, ciudades y villas (siglos xvi-xviii), [Madrid, octubre 2001], Madrid, Universidad Autónoma, 2002 (2 vols.), 1. II, pp. 93-117.

– «Dall’Europa cattolica alla “crisi della coscienza europea”», in Carlo Ossola, Marcello Verga, Maria Antonietta Visceglia (eds. J, Religione, politica e cultura nell’Europa dell’età moderna. Studi offerti a Mario Rosa dagli amici, Firenze, L. S. Olschki, 2003, pp. 231-249.

Tenenti, Alberto, Stato: un’idea, una logica. Dal comune italiano all’assolutismo francese, Bologna, Il Mulino, 1987.

Thomson, John A. F., Popes and Princes (1417-1517). Politics and Polity in the Late Medieval Church, Londra, G. Allen & Unwin, 1980.

Verga, Marcello, Storie d’Europa. Secoli xviii-xxi, Roma, Carocci, 2004.

Villard, Renaud, « Le tyran et son double. La captation du tyrannicide par le prince italien au xvie siècle », in Robert Escallier (dir.), L’autre et l’image de soi en Méditerranée (xvie-xxe siècles), pubblicato in Cahiers de la Méditerranée, 66, 2003, pp. 15-36.

Visceglia, Maria Antonietta, «Burocrazia, mobilità sociale e patronage alla corte di Roma tra Cinque e Seicento. Alcuni aspetti del recente dibattito storiografico e prospettive di ricerca», Roma moderna e contemporanea, anno III, n° 1, 1995, pp. 11-55.

– «“Farsi imperiale”: faide familiari e identità politiche a Roma nel primo Cinquecento», in Francesca Cantù e Maria Antonietta Visceglia (eds.), L’italia di Carlo V. Guerra, religione e politica nel primo Cinquecento, Roma, Viella, col. «I libri di viella», 2003, pp. 477-508.

Zardin, Danilo (ed.), Corpi, «fraternità», mestieri nella storia della società europea, Roma, Bulzoni, 1998.

Notes

1 Ci si riferisce al lortunato libro di B. Anderson, Comunità immaginate; quanto al processo di unificazione italiana, il dibattito è stato riaperto da A. M. Banti, Lanazione del Risorgimento.

2 Ad esempio, R. Romani, National Character and Public Spirit in Britain and France, studia l’utilizzo del «carattere nazionale» nella prospettiva dell’economia di mercato e dei governi liberi.

3 Su questo concetto, cf. H. Hofman, Die Repräsentation; G. Duso, La rappresentanza; per un’ottica centrata sull’antico regime si veda D. Frigo, «Ceti, interessi e rappresentanza nella cultura politica del Settecento».

4 G. Chittolini, Città, comunità e feudi negli stati dell’Italia centro-settentrionale, pp. 19 sqq.

5 Sui riferimenti «nazionali» in campo linguistico-letterario, e sui rischi di fraintendimento riguardo alle manifestazioni di coscienza politica si veda G. Galasso, L’Italia come problema storiografico, pp. 97-113; 135 sqq.

6 C. mozzarelli (ed.), «Introduzione» a Economia e corporazioni.

7 Un ampio quadro di riferimenti in D. Zardin (ed.), Corpi, «fraternità», mestieri nella storia della società europea.

8 Tra i lavori recenti, si veda M. Bellabarda e R. Stauber (eds.), Identità territoriali e cultura politica nella prima età moderna.

9 Per una rassegna approfondita sui terni del contrattualismo e della difesa dei privilegi si veda A. De Benedictis, Repubblica per contratto, pp. 21 sqq.; cf. anche l’ampio quadro di riferimento in P. Costa, Civitas. Storia della cittadinanza in Europa, t. I.

10 A Modena la comunità (in particolare il popolo delle arti) si contrapponeva ai ministri ducali e ai cortigiani provenienti da Ferrera; una nutrita serie di episodi è evidenziata da G. Biondi, «Comunità e corte», pp. 15-9-179. Riguardo a Panna e Piacenza si veda R. Sabbadini, La grazia e l’onore.

11 Occorre perciò precisare e circoscrivere l’associazione tra potere principesco, debolezza e ricorso alla violenza enfatizzata, su cui si concentre ad esempio R. Villard, «Le tyran et son double».

12 M. Senellart, Les arts de gouverner, p. 44.

13 Sul tema, cf. J. A. F. Thomson, Popes and Princes.

14 A. Tenenti, Stato: un’idea, una logica.

15 Tra gli studi recenti, cf. M. Romani, Una città in forma di palazzo.

16 D. Frigo, «Ceti, interessi e rappresentanza nella culture politica del Settecento», p. 8o.

17 F. Guicciardini, Ricordi, p. 182.

18 Cf. L, Ornaghi e S. Cotellessa, Interesse, p. 60.

19 In tal senso, prima della storiografia illuminista e dell’affermazione ottocentesca del paradigma della decadenza, risulta influente l’opera di Ludovico Antonio Muratori, che celebra la politica antispagnola degli Estensi.

20 V. Di Tocco, Ideali d’indipendenza in Italia durante la preponderanza spagnola.

21 Per un approfondimento relativo, alle singole entità politiche comprese nell’Italia «spagnola», cf. i contributi raccolti in A. Musi (ed.) Alle origini di una nazione.

22 Una interpretazione più articolata dei rapporti conflittuali tra Francesco Maria e il padre Guidubaldo II è nel mio contributo «Le due corti del duca di Urbino e la rivolta del 1573».

23 Per G. Scotoni, La giovinezza di Francesco Maria II Delta Rovere, colpa ancor maggiore dell’asservimento al tiranno spagnolo fu infatti averne fatto il proprio modello: «Francesco Maria ... riuscí a tramutare per mezzo secolo la splendida corte dei Montefeltro e dei Rovereschi in una meschina parodia dell’Escuriale».

24 Ivi, p. 4; Scotoni trae la notizia dai Monumenti rovereschi, t. XXVIII, 25, conservati nella Biblioteca Oliveriana di Pesaro.

25 Archivo General, Simancas, Estado, leg. 1474, c. 197: lettera di Cosimo a Filippo, del 4 febbraio 1558, dove Cosimo suggerisce al re di Spagna di stringere alleanza con il duca di Urbino. Anche la trattativa più difficile, quella relativa a Ferrara, vede in primo piano il Medici: è lui a sottoscrivere la riconciliazione con il duca d’Este, il 18 marzo, in nome del re di Spagna (ratificata poi a Bruxelles il 22 aprile); Ivi, leg. 1474, c. 199.

26 Cf. le rassegne critiche di M. Pellegrini, «Corte di Roma e aristocrazie italiane in età modema»; M. A. Visceglia, «Burocrazia, mobilità sociale e patronage alla corte di Roma tra Cinque e Seicento». Inoltre si veda C. Mozzarelli (ed.), «Introduzione», in G. F. Commendone, Discorso sopra la corte di Roma.

27 Mi riferisco ovviamente all’importante libro di P. Prodi, Il sovrano pontefice.

28 A parte questi episodi di eccezionale importanza, bisogna considerare casi di dipendenza diretta da Roma che pure non vennero trascurad dalle strategie di egemonia continentali. Cf. L. Capuano, «Un principato conteso».

29 Correspondance des nonces en France Dandino, éd. J. Lestocquoy, pp. 521 e 526. È pure rilevante il seguito della lettera, in cui Giulio III difende le sue attribuzioni universali e le entrate spirituali minacciate dalla politica del sovrano: «Voi date li benefici elettivi quali non do io... Mettete le decime adosso alle Chiese a piacervostro. Comandate a cardinali et vescovi quello che vi pare et piace. Nissuna causa né matrimoniale, né beneficiale, né spirituale viene mai in questa corte. Finalmente voi siete più che papa nelli vostri regni...».

30 Nuntiaturberichte aus Deutschland, pp. 377-379, relazione del nunzio Verallo al cardinale Farnese, da Praga (i luglio 1543), dove riferisce del «parlar che si fa molto licentiosamente che Sua Santità ricerchi questa cosa».

31 Su questo concetto e la cronologia relativa rinvio il lettore al mio contributo «Dall’Europa cattolica alla “crisi della coscienza europea”».

32 Si veda al proposito F. Gilbert, «Italy», in particolare p. 37.

33 C. Capasso, Paolo III, t. II, p. 197: viene citata la lettera del 17 settembre 1539.

34 Per una vicenda esemplare si veda M. A. Visceglia, «Farsi imperiale».

35 Occorre aggiungere che questi stessi titolati erano coinvolti nel servizio della monarchia e la percepivano in fondo come un potere «giurisdizionale», disposto a tutelare i privilegi e i poteri esistenti.

36 Testimonianza eloquente del grado di consapevolezza e alle aspettative dell’élite milanese è il trattato di G. P. Crescenzi Romani, La Monarchia di Spagna. L’opera fu scritta dopo che le forze spagnole ebbero sventato l’assedio di Piacenza, nel 1648: episodio decisivo perché chiudeva la fase di crisi generale della monarchia, che a molti era parsa sino allora senza speranza.

37 Si veda F. Crouzet e F. Furet (eds.) L’Europe dans son histoire. In particolare il contributo di J. Mesnard, «L’Europe classique».

38 Ii passo è riportato nel recente libro di M. Verga, Storie d’Europa, p. 31. Si veda anche J. G. A. Pocock, «Some Europes in their History».

39 G. Muzio, Discorso sopra il Concilio che si ha da fare e per la unione di Italia. Su questo testo si era soffermato per primo C. Curcio, Dal Rinascimento alla Controriforma.

40 II concetto è formulato in I. Berlin, The Power of Ideas, pp. 134-142 (Berlin lo definisce a partire dalla reazione all’ottimismo dell’età della ragione).

41 Cf. J. A. Maravall, Los orígenes del empirismo en el pensamiento político español; e ora i due interessanti contributi di M. Blanco, «Propaganda y visión política en “Locuras de Europa"», e M. V. López-Córdon Cortezo, «Diplomacia, propaganda e historia».

Auteur

Umversità degli studi di Modena e Reggio Emilia

© Casa de Velázquez, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search