Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Götter und menschliche Willensfreiheit

 | 
Thomas Baier

II. Lucan

I prospera fata di Pompeo in Lucano

Gianna Petrone

Texte intégral

  • 1 L’apostrofe, come meccanismo narrativo, instaura una relazione affettiva tra il narratore e il per (...)

1Durante la descrizione della battaglia di Farsalo, nel settimo libro del suo poema, Lucano interrompe il racconto della strage cesariana per indirizzare una patetica apostrofe a Marco Giunio Bruto, il futuro cesaricida. Il drammatico appello, con cui la voce del poeta interviene direttamente, cercando di influire su Bruto, perché non rischi inutilmente la vita, mette a segno una vera e propria sfida al tempo lineare e alla sequenza inevitabile degli eventi, entrando con forte impeto sentimentale nel tessuto vivo della storia e soprattutto dentro lo svolgimento dei fata romani, quasi che il narratore ne potesse immaginare un diverso andamento o, con la sua esortazione al carismatico personaggio, li potesse condizionare1.

  • 2 L’accostamento era già proposto da Phars. 5, 207, regnaque ad ultores iterum redeuntia Brutos, che (...)

2Nel brano vengono così a contrapporsi, nella prospettiva della profezia post eventum, il presente del racconto, che rappresenta Bruto nel folto della mischia, e il futuro che lo aspetta, di tirannicida, non senza che si avverta l’incombere del passato, dal momento che, dietro l’uccisore di Cesare, ogni lettore di Lucano può avvertire l’ombra del suo grande antenato, Bruto vendicatore dei Tarquini e primo console della res publica2. L’intersecarsi dei piani temporali, con la vertigine che ne consegue, apre tuttavia anche una riflessione sulla relazione tra i destini romani e la libera volontà di un eroe, dal momento che, se i fata sono già scritti e il poeta sta narrando eventi che sono ormai accaduti, lo stesso accorato consiglio, con cui si rivolge al personaggio, sottintende la possibilità di un cambiamento delle sorti e di un mancato allineamento alla realtà evenemenziale.

  • 3 Cfr. Phars. 7, 581 ss.: … Permixta secundo / ordine nobilitas venerandaque corpora ferro / urgentu (...)

3Siamo al punto in cui le armi travolgono i discendenti delle grandi famiglie romane, dopo che Cesare ha segnalato ai suoi di voler colpire la nobiltà, per portare il suo definitivo attacco al cuore dello stato: la narrazione epica si sofferma allora sulla morte dei Lepidi, dei Metelli, dei Corvini e dei Torquati dal grande nome, lamentando la fine di quelle grandi dinastie che avevano prodotto, prima di Pompeo, celebri protagonisti e condottieri. Questo elenco di stirpi, che hanno dominato lo stato repubblicano, produce l’effetto di richiamare alla mente del poeta la persona di Bruto, risparmiato invece dallo spargimento di sangue nobiliare, perché protetto d’altronde, dice Lucano, da un ‘elmo plebeo’3. In tale contesto, la menzione del campione rivendicatore della libertà, presente insieme agli altri nel combattimento, sorge dunque già in un orizzonte metastorico, come provocata dall’idea, precedentemente espressa, che legava la caduta dei rappresentanti delle gentes famose alle gloriose vicende dei loro antenati, destinate a concludersi infelicemente a Farsalo. Per Bruto non sarà così, perché lo aspettano altre sorti.

  • 4 Dopo il monumentale commento al 6° libro di Norden 1903 e la classica ricerca di Heinze 1996, all’ (...)
  • 5 Da sempre oggetto di un’attenzione privilegiata per il suo rapporto con l’Eneide (cfr. Pichon 1912 (...)

4Se questo tipo di collegamenti ‘anacronistici’ erano abituali nella tecnica epica dopo l’uso virgiliano e le elaborate strutture temporali della rassegna degli eroi nel sesto libro dell’Eneide4, anche Lucano vi aveva dato il suo contributo innovativo, proponendo, nel sesto libro della Pharsalia, un’incursione anomala nelle fila degli spiriti magni, sotto forma delle ombre degli eroi romani che il soldato morto, e temporaneamente richiamato in vita dalla magia nera di Erichto, afferma di aver incontrato5. Con una provocazione intellettuale di segno antivirgiliano, il mondo dell’al di là vi appare sconvolto dalle emozioni negative suscitate dall’incombere della guerra civile, e le ombre felici dei campi Elisi manifestano, con ironico rovesciamento, un tristis vultus, presagendo la disgrazia che sta per toccare alla loro discendenza. Nella rappresentazione lucanea, mentre i Deci, Camillo, i Curi, Silla, Scipione, Catone piangono l’avversa fortuna, ecco però che l’unico ad allietarsi è proprio Bruto maggiore, solum te, consul depulsis prime tyrannis / Brute, pias inter gaudentem vidimus umbras (6, 791 s.).

5A questa visione anticipatrice, che nel sesto libro i grandi trapassati dell’oltretomba hanno di quanto accadrà ai loro discendenti, corrisponde, mi pare, secondo una coerente sequenza narrativa, il brano che nel 7° libro inquadra l’apostrofe a Bruto. Lucano vi compiange infatti, abbiamo notato, la fine di alcuni nepotes dell’oligarchia senatoria e l’esaurirsi di illustri lignées familiari, per poi interrogarsi, con voluto contrasto, sul differente destino di Bruto e ragionarvi sopra.

  • 6 Già gli scoli annotavano: Merito ergo gaudens videtur, quia Brutus, qui de familia eius es. Occisu (...)

6Si capisce quindi come già dal 6° libro, in previsione della sopravvivenza a Farsalo del discendente, anche per l’antenato si fosse manifestato un distinto scenario. La gioia di quest’ultimo, un po’ fuori luogo, perché a stridente contrasto con i sentimenti di afflizione delle altre anime grandi, deriva con tutta evidenza, senza bisogno che il poeta la spieghi, da quanto compirà infatti la sua futura suboles, ovvero dal gesto epocale dell’assassinio di Cesare6.

  • 7 Cfr. Petrone 1996, 93 ss.
  • 8 Questo tipo di tensioni simboliche tra personaggi storici e loro ‘controfigure’ ideali nel passato (...)
  • 9 Anche nel puntuale contraddittorio di questa aggettivazione contrapposta può vedersi la spinta luc (...)

7Questa emozione di costante letizia che Lucano attribuisce al fondatore della repubblica, identificato come gaudens in ordine all’impresa che toccherà alla sua stirpe, contraddice apertamente, si deve sottolineare, il giudizio di Virgilio, che si era pronunciato con molta problematicità nei confronti del primo console e della sanguinosa repressione dalla quale era emersa l’istituzione repubblicana. Poiché Lucio Giunio Bruto aveva sacrificato alla patria la vita dei suoi stessi figli, Virgilio l’aveva infatti definito infelix, quocumque ferent ea facta nepotes (Aen. 6, 822), identificandone la sventura proprio nella privazione dei figli, secondo il significato letterale del termine. Con una sentenza perentoria, Virgilio poneva sì nel pantheon dei grandi romani la figura archetipica del fondatore dello stato, ma ne prendeva le distanze, non senza una proiezione polemica nei confronti dei nepotes e del loro giudizio, probabilmente a seguito di uno sguardo rivolto al preteso discendente di Bruto e alla sua missione di vindice della repubblica7. Sappiamo che intorno ai due personaggi, il protagonista della cacciata dei Tarquini e il Bruto congiurato, ‘uomo d’onore’, infuriò una serrata propaganda, che, a seconda della fazione politica, leggeva in un senso o in un altro la loro relazione di parentela8. In una condizione di eterna disgrazia secondo Virgilio, Bruto maggiore per Lucano è al contrario consegnato al tempo immortale dall’emozione opposta di una gioia continuata, che lo rende gaudens per sempre9.

8L’appello a Bruto, seguendo il profilo sovratemporale dei destini dinastici, intreccia dunque storia privata e vicende pubbliche, contrassegnate da sentimenti assoluti. Eppure, se rinsalda il fervore repubblicano, suscita un dubbio sull’assodata malvagità degli dei, che, per una volta sembrano benevolmente compiacenti.

9Qual è il contenuto dell’apostrofe? Vanto della potenza romana, suprema speranza del senato, ultimo grande nome di una stirpe assai illustre nel tempo, Bruto non si getti in mezzo ai nemici con eccessiva temerarietà e si guardi dal pericolo di precorrere la morte, destinatagli a Filippi; questo gli chiede con affettuosa implorazione il poeta, suggerendogli, subito dopo, quasi fosse un esperto consigliere politico, la prudenza del saper attendere. Non è infatti questo il momento opportuno, lo ammonisce, per puntare alla gola di Cesare, in quanto questi, non ancora giunto al culmine della sua potenza, oltre i limiti del diritto umano e divino, non merita dai fati una gloriosa morte in battaglia. Meglio dunque, afferma il poeta, che continui a vivere, perché possa cadere vittima di Bruto (7, 588–596). I fati hanno allora forse seguito una buona strada, visto che la storia ha messo Bruto in condizione di completare l’itinerario prescritto dal poeta?

  • 10 Un’ampia indagine sulle tipologie declamatorie in Berti 2007. Per le connessioni ‘poetiche’ di tal (...)

10Non mancano dei precedenti letterari alla costruzione di questa commossa interferenza di Lucano, che, quasi fosse un contemporaneo, si inserisce nell’agire di un personaggio storico. L’impostazione ricorda la tipologia di una suasoria, cioè di un discorso teso a persuadere qualche personalità, mitica o storica, della bontà di una certa scelta piuttosto di un’altra. In questo senso lo schema rivela quindi la traccia di quanto le esercitazioni retoriche insegnavano a fare, ripensando il patrimonio storico-culturale attraverso una rivisitazione immaginaria, che fingeva di porre nuovamente tutto in gioco, come se fosse da decidere sul momento l’opzione che la realtà si era già incaricata di selezionare10.

11Traspaiono inoltre delle allusioni intertestuali alla tragedia senecana, utili a chiarire il contesto simbolico. Infatti i versi iniziali in cui Bruto è invocato come spes … suprema del senato ed extremum nomen della sua grande casata appaiono modellati su un topos quale conosciamo dal lamento di Andromaca su Astianatte nelle Troades, O nate, magni certa progenies …, / spes una Phrygibus … / veterisque suboles sanguinis nimium inclita (Sen. Tro. 461 ss.). Il confronto chiarisce che il trepido atteggiamento di preoccupazione del poeta verso il personaggio è in ragione del fatto che, come Astianatte per i Troiani, Bruto è l’ultima risorsa che ha il senato romano, se vuole continuare ad esistere. Allo stesso modo, la sentenza ad effetto che chiude il pezzo, vivat et, ut Bruti procumbat victima, regnet (7, 596), segue da vicino un percorso di idee che è quello di Sen. Phoen. 645 s., Ne metue, poenas et quidem solvet graves: / regnabit, dove Giocasta consola Polinice della prepotenza di Eteocle, facendogli balenare che è già pronto per quello il castigo, ovvero proprio quel regno, tanto ambito, che lo porterà tuttavia necessariamente alla morte. Così è, nella gnome lucanea per Cesare. Lucano persuade (alla maniera di una suasoria) Bruto che è meglio lasciar vivere Cesare, permettendogli di raggiungere il regno, affinché poi egli stesso possa abbatterlo come vittima designata e degna di sacrificio.

12Abbiamo isolato questo passo perché ci è sembrato esemplare del modo in cui l’epos lucaneo mette in relazione i fata con la storia enfatizzi andone la problematicità tra urgenza di emozioni e intrusioni della voce narrante, che interviene soggettivamente, emettendo un suo acuto parere sullo svolgersi del destino. L’apostrofe a Bruto sospende il fluire degli eventi e introduce nel racconto una pausa, dove il libero volere del personaggio e soprattutto la volontà del poeta si mettono alla prova e sembrano in grado di influire sul destino. Con cui però c’è paradossalmente questa volta accordo, perché è il poeta epico stesso a pregare che l’eroe sopravviva a Farsalo, senza tentare di uccidere Cesare in battaglia.

13Lucano giustifica così per assurdo persino il ritardo nella necessaria eliminazione del tiranno. I fati, secondo lui, devono infatti consumarsi fino in fondo per rendere inevitabile e sacra la vendetta, approvata e legittimata nella modalità quasi religiosa in cui si è compiuta. L’intersecarsi dei piani temporali, inconcepibile per la ragione, serve a questa riflessione di forte impatto poetico.

14L’interrogativo su una centrale vicenda storica scardinava il tempo per verificare la possibilità che le cose andassero diversamente: Bruto poteva morire sul campo di battaglia ovvero uccidere Cesare in quell’occasione. La finestra spalancata dal poeta su quelle alternative si richiude tuttavia con la considerazione che non è ancora l’ora adatta per tutto ciò (nondum) e il più lungo filo accordato dai fati, ovvero la dilazione del tempo, ha permesso alla realtà un esito preferibile: è stato meglio che Bruto si conservasse vivo e assassinasse Cesare dopo.

15Non è così invece per la battaglia stessa di Farsalo; magari, secondo il poeta, avesse potuto essere almeno procrastinata, se non evitata! Ed è qui che entrano in gioco i prospera fata di Pompeo e il suo longius aevum, la sua vita troppo lunga che, nell’interpretazione di Lucano, sono un’atroce ironia della storia e un inganno degli dei, che al Grande prima accordarono ogni successo, per trarlo poi ad una terribile fine.

  • 11 Rambaud 1955, 278–296; diversamente Johnson 1987; Masters 1987, 99 ss.; ne ridiscute Leigh 1997. D (...)
  • 12 Come dimostra Casamento 2005, 216, il concetto della felicitas sillana è sottoposto da Lucano ad u (...)
  • 13 Sen. Tro. 145 ss.: Felix Priamus dicite cunctae: / liber Manes vadit ad imos … / Felix quisquis be (...)
  • 14 Cfr. Petrone 2008.
  • 15 Cic. Tusc. 1, 86: Pompeio, nostro familiari, cum graviter aegrotavit Neapoli, melius est factum … (...)

16Questo tema tende come un arco tutto il poema, e in particolare l’apologia di Pompeo che vi viene progressivamente delineata11. L’espressione prospera fata sembra fissare uno dei poli della straordinaria vicenda umana di quest’ultimo, racchiusa tra il massimo della fortuna e il colmo della sventura, con un nesso quasi antonomastico, un po’ come avveniva per l’epiteto di felix riguardo a Silla12. Non a caso, anche per Pompeo appare conveniente la denominazione di felix, ridiscussa tuttavia e rimotivata da Lucano, che sottilmente la cambia di segno, rovesciandone la referenza. Il poeta epico applica infine l’appellativo di felix a Pompeo non più in seguito ai molti beni concessigli dalla vita ma piuttosto per l’opportunità di una morte, che lo sottrae ai mali della sconfitta: O felix, cui summa dies fuit obvia victo, esclama Catone, quando ne fa l’elogio funebre, siglando con un makarismós, secondo la morale stoica, e con un puntuale ricordo del primo coro delle Troiane di Seneca, la somma antitesi di un’esperienza straordinaria sospesa tra il massimo della fortuna e il massimo della sventura13. L’escursione estrema della sorte, che la formula richiamava all’attenzione, si era già cristallizzata in paradigma, nella logica degli exempla e della letteratura consolatoria, oltre che nei dibattiti sulla mors opportuna. Secondo questa tradizione, iniziata da un passo delle Tusculanae di Cicerone, scritto a caldo e con intensa partecipazione emotiva, per Pompeo sarebbe stato preferibile morire prima di dare inizio alla guerra civile e di incorrere nei rovesci della sorte: un passo che univa la pietà umana verso lo sfortunato amico e la commiserazione per la fine cruenta della res publica14. Cicerone vi ripensava la storia recente nella prospettiva di una piega diversa che gli avvenimenti avrebbero potuto prendere, se solo Pompeo fosse deceduto in seguito alla grave malattia che lo aveva colto a Napoli, mentre quei pochi anni rimastigli da vivere dopo la guarigione avevano portato allo sfascio il suo destino e quello di Roma15. Il pensiero ciceroniano articola una griglia interpretativa, in fondo congeniale ad una visione critica degli eventi, tesa a giudicare le ‘opportunità’ delle circostanze verificatesi nella storia evenemenziale e quindi pronta a porsi la domanda riguardo i corsi variabili del destino.

17In questo senso il Bruto di Lucano, fermato nell’atto della battaglia perché non si arrischi ad ‘anticipare’ la sua morte, assomiglia al Pompeo della meditazione ciceroniana, che invece ‘ritarda’ purtroppo di concludere la sua vita.

  • 16 Sen. Cons. ad Marc. 20, 4: Cogita quantum boni opportuna mors habeat, quam multis diutius vixisse (...)

18Si può segnalare la sicura presenza nella Pharsalia di questa linea interpretativa, per es., nel commento con cui il narratore accompagna lo sgomento di Pompeo durante la fuga. Il poeta amaramente considera che il glorioso condottiero sta scontando il lungo favore del destino (… poenas longi Fortuna favoris / exigit a misero …, 8, 21 s.) mentre la fama trascorsa gli crea ostacolo. Da qui lamenta che una vita troppo lunga, superstite alla perdita del potere, quando non sopraggiunga una celere morte a prevenire la disgrazia, trasforma in vergogna la passata fortuna (8, 27 ss.). Il longius aevum di Pompeo, su cui Lucano concentra la sua osservazione morale, era stato appunto l’oggetto di una lunga riflessione, inaugurata da Cicerone e continuata da Seneca, che aveva eletto questa idea, della vita di Pompeo protratta oltre il limite della buona sorte, a modello di interpretazione storica16.

19Tragici, ossimoricamente, per via dell’evoluzione infausta che avevano poi subito nella realtà, i prospera fata di Pompeo significavano naturalmente innanzitutto i suoi trionfi, con un’allusione anche al felice accordo con la volontà degli dei, fautrice delle vittorie. Ogni imperator che conduca il suo esercito alla battaglia mette alla prova il cielo e, come si sa, la crisi dell’epos viene dalla lacerazione di questo patto.

  • 17 Cfr. Narducci 2002, 299 ss.

20Ora è proprio la passata sintonia tra Pompeo e gli dei, simbolicamente figurata dai prospera fata che, con ironia tragica, si fa strumento della disfatta, obbligando il Grande a prendere la decisione non voluta di attaccare battaglia a Farsalo. La volontà di Pompeo è infatti piegata, nel poema, dall’intervento di Cicerone17, che poggia il suo discorso sulla fortuna sempre favorevole al condottiero, per imporgli lo scontro armato, come un dovuto atto di riconoscenza e di fiducia verso gli dei benevoli.

21Pompeo temporeggia riluttante, nella speranza di un accordo, ma Cicerone lo mette alle strette, richiamandolo al dovere di non rinnegare la sua buona stella, Hoc pro tot meritis solum te, Magne, precatur / uti se Fortuna velis (7, 68 s.). Affidare agli dei la giusta causa del senato, affrontando la battaglia con la certezza della vittoria, viene presentato dalle parole di Cicerone come un imperativo etico, se Pompeo non vuole mostrarsi ingrato verso il cielo: De superis, ingrate, times causamque senatus / credere dis dubitas? (7, 76 s.). Sospettato di non voler ricambiare il favore divino, il Grande deve cedere all’altrui volontà belligerante.

22Con questa ricostruzione poetica l’epos tragico di Lucano mostra letteralmente il rovescio della fortuna, perché fa scaturire dal tradizionale motivo dei prospera fata di Pompeo l’impossibilità per lui di sottrarsi all’ordalia della guerra, nonostante i presentimenti e le intenzioni differenti. Così le precedenti benemerenze dell’eroe si trasformano in un fardello, e la trascorsa predilezione della sorte, rinfacciatagli da Cicerone, diviene uno strumento di pressione, che spinge verso l’annullamento della volontà personale, per affidarsi alla fortuna.

23Dalla risposta di Pompeo a Cicerone si conferma il ruolo ambiguamente contraddittorio di quella proverbiale prosperità, che agisce come una sorta di maledizione. Egli afferma di voler differire il rischio, mentre Cicerone, al contrario, in vista dei favori della fortuna, vuole che la soluzione finale sia affidata alle spade, et differre potest. Placet haec tam prospera rerum / tradere Fortunae, gladio permittere mundi (7, 107 s.). Il ricorso alle armi viene letto dunque come un cedimento di Pompeo, ormai consapevole delle avverse disposizioni degli dei, alla forza trascinante della sua assiomatica felicità, che necessita di venire nuovamente autenticata: per sdebitarsi dei suoi prospera fata egli deve quindi sottoporre al discrimine della potenza divina i prospera rerum, il benessere generale.

24Al centro dell’interpretazione tragica di Lucano, la fortuna di Pompeo gli si ritorce dunque contro. Il Cicerone personaggio della Pharsalia profitta infatti dei prospera fata del generale per sopraffarne la volontà e le giuste esitazioni.

25Se scrive una perfetta metabolé tragica, Lucano si sbilancia però in una valutazione storicamente inattendibile, perché le cose erano andate assai diversamente, anzi, a sentire la testimonianza di Cicerone, peraltro addirittura assente a Farsalo, esattamente al contrario.

  • 18 Cfr. Malcovati 1953, 288–297.

26La falsificazione è tale da far sospettare un intento da parte del poeta di contrastare il racconto ciceroniano dei fatti, capovolgendone puntualmente le affermazioni18.

  • 19 L’autenticità della narrazione ciceroniana è qui garantita dai Commentarii cesariani; cfr. Caes. c (...)

27Nell’epistola 7, 3 a Marco Mario, l’Arpinate racconta dei suoi tentativi di convincere Pompeo alla pace o, vistane l’inutilità, almeno a tirare in lungo la guerra (coepi suadere pacem…; deinde institui ut bellum duceret). Forse ci sarebbe riuscito, se da un certo combattimento in poi Pompeo non avesse cominciato a nutrire fiducia nelle sue truppe (suis militibus confidere)19. Da quel momento, accusa Cicerone, quel grand’uomo cessò di essere un generale. Con reclute e un esercito raccogliticcio attaccò battaglia contro legioni perfettamente addestrate; sconfitto ignominiosamente, perduti perfino gli accampamenti, se ne fuggì da solo (7, 3, 2). Con l’antitesi, vir ille summus nullus imperator fuit, Cicerone sottolinea il venir meno delle capacità militari di Pompeo, il suo deficit di stratega nella valutazione delle forze in campo e il fallimento totale di una sconfitta ignominiosa e senza limiti. L’oratore consegnava ai contemporanei e ai posteri un’opinione sicura sull’andamento dei fatti, onde motivare la sua scelta di abbandonare il teatro di guerra, esponendo le propri ragioni di fronte ai molti vituperatores. L’epigrafico giudizio sul comportamento del campione del senato, tuttavia, gli negava di aver agito secondo le attribuzioni necessarie alla qualità di imperator. Aprecedere la vergogna della disfatta, già l’inettitudine al comando di Pompeo si era vista, secondo Cicerone, dall’eccesso di fiducia nelle sue truppe, giudicate da Cicerone chiaramente insufficienti e impreparate (neque magnas copias bellicosas), che lo aveva indotto con colpevole approssimazione ad affrontare un esercito ben più solido e allenato a combattere.

28Lucano sembra conoscere bene le implicazioni del punto di vista ciceroniano, dal momento che le smonta quasi con accanimento, mantenendo tuttavia in piedi la rappresentazione di Pompeo quale nullus imperator, di cui fornisce però con abilità un’altra spiegazione. A parti inverse, Lucano, si è visto, fa indossare a Cicerone i panni inconsueti di consigliere di guerra, nei confronti di un Pompeo orientato piuttosto a rimandare il conflitto.

29All’influenza della parola dell’oratore viene assegnato in questo modo il peso della decisione colpevole: addidit invalidae robur facundia causae (7, 67). Il verso, che esprime, con efficace sigla, una sentenza soggettiva dell’autore, deforma con acutezza intellettualistica l’incidenza del discorso ciceroniano, attribuendogli un valore militare.

30Il lessico di questa formulazione è fatto apposta per mischiare le carte, poiché rappresenta l’energica eloquenza dell’oratore secondo la categoria di una forza bellica (robur), mentre la causa invalida, secondo la semantica dell’aggettivo, allude alla disparità delle milizie in gioco e alla debolezza dei pompeiani, identificate tuttavia con sottigliezza con la causa erronea, difesa dall’oratore in quel frangente.

  • 20 Narducci 1991, 165–190.

31Il risultato di questa mistificazione del linguaggio è che l’accusa d’aver fatto male i conti strategici viene sensibilmente spostata dall’imperator all’orator. L’oratoria ciceroniana, tradotta a bella posta in una terminologia militare e pensata nei termini di rapporti di forza, come avviene per gli eserciti, cui attengono termini quali robur e invalidus, suggerisce che Cicerone ha alterato impropriamente l’equilibrio bellico, portandovi l’illusione di un valore aggiunto e dunque il fraintendimento riguardo la potenza delle truppe pompeiane. Il vigore che rafforza la causa debole proviene dalla facondia dell’oratore; potremmo dire dalla toga e non dalle armi. Ma si tratta appunto di imbracciare le armi e per le decisioni di questo genere la competenza appartiene al capo dell’esercito. L’eloquenza di Cicerone si è dunque sostituita alle prerogative del comandante, prevaricandolo sul piano di quanto invece unicamente gli spetta quale imperator. Il racconto epico ha scritto qui un pezzo che pienamente risponde alla lode rivolta da Catone a Pompeo, secondo cui praetulit arma togae, sed pacem armatus amavit (9, 199), in cui si è giustamente ravvisata una perfida frecciata a Cicerone, rappresentato dal famigerato verso sul suo consolato20. L’espressione messa in bocca a Catone infatti configura una relazione inversa, rispetto alla norma e all’opinione comune, tra potere militare e magistratura civile, in cui la prudenza responsabile viene incarnata dall’atteggiamento del capo militare, Pompeo, di contro alla violenza di una parola incauta, personificata da Cicerone.

32L’impasse del nullus imperator sembra così confermata ma al contempo legittimata.

33La difesa di Lucano si continua a notare nella immediata reazione di Pompeo, che, alla richiesta di Cicerone, risponde prendendo atto del crollo della propria autorità: ormai tutti lo vogliono come soldato e non più come condottiero, … si milite magno, / non duce tempus eget … (7, 87 s.). Pompeo dunque si spoglia dell’investitura di dux, che avverte ormai vanificata, e si retrocede umilmente a soldato, a causa della volontà degli altri, manifestata per bocca di Cicerone, si placet hoc … cunctis.

34Il suo acconsentire alla furia di guerra viene descritto dall’immagine del marinaio che abbandona la nave alla violenza dei venti, rinunciando a manovrarla secondo la propria abilità, dat regimen ventis … arte relicta (7, 126). Consegnare la nave dello stato alla tempesta, abdicando al compito di guida della res publica che svolge il gubernator, secondo una simbologia politica di lunghissimo corso, equivale da parte di Pompeo all’abbandono del compito di imperator. L’immagine rimanda un palpabile segnale che c’è stata sì a Farsalo un’assenza di comando ma per altre ragioni che attengono non alle qualità indiscutibili del comandante ma all’impossibilità di metterle in atto. Con il nesso arte relicta viene messa infatti in risalto la mancanza di ogni risoluzione strategica, in quanto l’ars del marinaio sottintende l’ars militare.

35L’obbligato consenso di Pompeo alla volontà, del suo partito e degli dei crudeli, di cui è portavoce e artefice Cicerone, comporta quindi, nella visione di Lucano, l’abbandono di ogni orizzonte strategico per una rassegnata sottomissione ai fati. Il quadro delineato dalla Pharsalia sembra costruito appositamente per scagionare Pompeo, ma ritrova in questo una ragione per l’epos, nella stima che il condottiero sembra ancora meritarsi.

36In conclusione, nei brani citati, fati, emozioni e libera volontà ci pare abbiano tessuto la trama dell’epos. La preghiera di Lucano a Bruto ottiene lo scopo di rimandarne la morte per consentirgli di uccidere Cesare al tempo opportuno, rallegrando così il suo progenitore con un ritorno e una ripetizione del tirannicidio. Pompeo, invece, non riesce, come vorrebbe, a dilazionare sine die lo spargimento di sangue civile, in seguito ad una ritorsione dei suoi prospera fata, e ad una ricaduta perversa della sua passata fortuna.

37Nella revisione disperante cui Lucano sottopone l’epos, forse le emozioni più forti nascono dalla passione intellettualistica con cui cerca di dare un senso alla storia.

Notes

1 L’apostrofe, come meccanismo narrativo, instaura una relazione affettiva tra il narratore e il personaggio, ma introduce un elemento di disgregazione del racconto, soprattutto quando propone scenari ipotetici, come ha finemente osservato Perutelli 2000, 150 ss.

2 L’accostamento era già proposto da Phars. 5, 207, regnaque ad ultores iterum redeuntia Brutos, che segnalava l’analogia e la annoverava come una ‘ripetizione’ (iterum).

3 Cfr. Phars. 7, 581 ss.: … Permixta secundo / ordine nobilitas venerandaque corpora ferro / urgentur; caedunt Lepidos caeduntque Metellos / Corvinosque simul Torquat aque nomina, rerum / saepe duces summosque hominum te, Magne, remoto. / Illic plebeia contectus casside vultus / ignotusque hosti, quod ferrum, Brute, tenebas?

4 Dopo il monumentale commento al 6° libro di Norden 1903 e la classica ricerca di Heinze 1996, all’architettura della narrazione virgiliana, in quanto legata alle norme dell’epos, ha dedicato studi importanti Conte 2002. La struttura spazio-temporale della rassegna degli eroi, secondo il cui raffinato meccanismo Anchise presenta ad Enea i grandi romani, sotto forma della sua discendenza, che gli viene incontro nell’ordine di un funerale gentilizio, dal più antico al più recente dei nepotes, è stata chiarita da Bettini 1986.

5 Da sempre oggetto di un’attenzione privilegiata per il suo rapporto con l’Eneide (cfr. Pichon 1912), l’episodio della necromanzia mette esemplarmente in risalto l’antivirgilianismo di Lucano, così bene indagato da Narducci 1979. Lucano in quanto Anti-Virgilio (secondo la definizione di Thierfelder 1934, 1–20) ha contrapposto alla catabasi di Enea l’ambientazione nella Tessaglia, luogo carico di valenze negative (Nicolai 1989, 119–134). Un’analisi completa in Narducci 2002, 126 ss. Sulla base dell’excursus sulla Tessaglia e dell’episodio di Erichto, Masters 1992, parla di una poesia del nefas.

6 Già gli scoli annotavano: Merito ergo gaudens videtur, quia Brutus, qui de familia eius es. Occisurus est Caesarem (Adnotationes super Lucanum, ad loc.). Cfr. Narducci 2002, 132: “Fra le ombre dei giusti, solo quella di Bruto appare felice, pregustando la vendetta del suo (preteso) discendente”. Sempre al fondamentale volume di Narducci si può fare riferimento per le consonanze dell’episodio di Erictho con l’evocazione dell’ombra di Laio nell’Edipo senecano. Sull’oltretomba raffigurato da Lucano è tornato Casamento 2005, 189 ss., sottolineandone efficacemente la “visione orientata in senso aristocratico e filosenatorio”, evidente nella divisione manichea tra i buoni e i cattivi e nell’incongrua collocazione di Silla tra i beati.

7 Cfr. Petrone 1996, 93 ss.

8 Questo tipo di tensioni simboliche tra personaggi storici e loro ‘controfigure’ ideali nel passato leggendario o mitico animò anche la ‘letteratura delle guerre civili’; cfr. Jal 1963.

9 Anche nel puntuale contraddittorio di questa aggettivazione contrapposta può vedersi la spinta lucanea all’anti-modello: cfr. Conte 1988, 33 ss. Casamento 2005, 194: “In questo senso, la ripresa lucanea, che prevede un Bruto gaudens, costituirebbe un’evidente, ulteriore correzione al dettato virgiliano”.

10 Un’ampia indagine sulle tipologie declamatorie in Berti 2007. Per le connessioni ‘poetiche’ di tale retorica cfr. Casamento 2002.

11 Rambaud 1955, 278–296; diversamente Johnson 1987; Masters 1987, 99 ss.; ne ridiscute Leigh 1997. Di “Pompey as Pivot” parla Bartsch 1997, 73 ss. Rimando per l’approfondita disamina del problema a Narducci 2002, 298 ss.

12 Come dimostra Casamento 2005, 216, il concetto della felicitas sillana è sottoposto da Lucano ad una accurata ridefinizione e subisce un “riorientamento”.

13 Sen. Tro. 145 ss.: Felix Priamus dicite cunctae: / liber Manes vadit ad imos … / Felix quisquis bello moriens / omnia secum consumpta tulit. La morte di Priamo pianta dal coro era già d’altronde allusiva alla morte di Pompeo: cfr. Caviglia 1982, 229 s.

14 Cfr. Petrone 2008.

15 Cic. Tusc. 1, 86: Pompeio, nostro familiari, cum graviter aegrotavit Neapoli, melius est factum … Utrum igitur, si tum esset extinctus, a bonis rebus an a malis discessisset? Certe a miseris. Non enim cum socero bellum gessisset, non imparatus arma sumpsisset, non domum reliquisset, non ex Italia fugisset, non exercitu amisso nudus in servorum ferrum et manus incidisset.

16 Sen. Cons. ad Marc. 20, 4: Cogita quantum boni opportuna mors habeat, quam multis diutius vixisse nocuerit. Si Cn. Pompeium, decus istud firmamentumque imperii, Neapoli valetudo abstulisset, indubitatus populi Romani princeps excesserat: at nunc exigui temporis adiectio fastigio illum suo depulit. Vidit legiones in conspectu suo caesas et ex illo proelio … ipsum imperatorem superfuisse; vidit Aegyptium carnificem … È interessante come questo motivo, articolato su formulazioni di Cicerone, che aveva citato in proposito anche l’espressione proverbiale di un verso drammatico, Ubi non sis qui fueris, non esse cur velis vivere (su cui cfr. Degl’Innocenti Pierini 1988, 49–54) venga codificato dalla tradizione declamatoria stabilitasi intorno alla morte di Cicerone stesso; cfr. Degl’Innocenti Pierini 2003, 3–54.

17 Cfr. Narducci 2002, 299 ss.

18 Cfr. Malcovati 1953, 288–297.

19 L’autenticità della narrazione ciceroniana è qui garantita dai Commentarii cesariani; cfr. Caes. civ. 3, 72, 1: “Questi avvenimenti accrebbero tanto la fiducia e l’orgoglio dei pompeiani che non pensavano più al modo di condurre la guerra, ma si ritenevano già vincitori” (trad. di A. La Penna). Cavarzere 2007, I, 659 n. 28.

20 Narducci 1991, 165–190.

© C.H.Beck, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr