Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 5

 | 
Emanuela Murgia

Emona

Ljubljana, Zgornja Šiška

Emanuela Murgia

Texte intégral

Fonti epigrafiche

1CIL III, 3838, AIJ 152; Mócsy 1959, 2/22; Zaccaria 1985, 113, n. 51; Šašel Kos 1998e, 330-332, 346, n. 1; Šašel Kos 2008a, 700; EDR134948; Lupa 8866.

Herculi Aug(usto) sacr(um)
L(ucius) Clodius C(ai) f(ilius) Vel(ina)
Alpinus,
C(aius) Clodius L(uci) f(ilius) Cla(udia)
Clemens
d(edicaverunt).
«Consacrato a Ercole Augusto. Lucius Clodius Alpinus, figlio di Gaius, della tribù Velina, e Gaius Clodius Clemens, figlio di Lucius, della tribù Claudia, dedicarono».

2Lastra in calcare a Ercole Augusto (101,5 × 116 cm. Alt. lett.: 6-4,5 cm). L’iscrizione, stando alle notizie riportate in un manoscritto di Ioannes Gregorius Thanitscher, fu rinvenuta il 13 settembre del 1701, a Šiška, presso Ljubljana. Sia nella prima (1690) sia nella seconda (1693) edizione delle Antiquitates urbis Labacensis (rispettivamente f. 42 e p. 39, f. 45’ n. 10) è scritto Extra urbem in superiori Siscia (Ober-Schischka) in aede, seu coemeterio S. Margaritae e, più avanti, in cathedrali ecclesia. Una notazione differente è presente in un’altra pagina (f. 53’) della prima edizione: 29. Aug. 1697...descripsi...eretus est in ecclesia S. Margaritae. Pur non essendoci corrispondenza tra le date di rinvenimento, il sito è il medesimo: ciò induce a pensare che l’iscrizione fu effettivamente individuata, in posizione di reimpiego, nella chiesa di Sv. Marjeta della Zgornja Šiška, identificabile con la vecchia chiesa di Koseze. L’iscrizione è reimpiegata nella cattedrale di Ljubljana (1701-1706). Lucius Clodius Alpinus è un aquileiese come attesta l’appartenenza alla tribù Velina, mentre il figlio Gaius Clodius Clemens è un emonense della tribù Claudia. Ciò ha indotto a ritenere che l’iscrizione fosse una delle prime di Emona, ascrivibile alla prima metà del I secolo d.C., e che il culto ad Ercole un riflesso diretto di quello attestato nella città nordadriatica (Šašel Kos 1998e, 330-332, 346). È possibile che anche l’iscrizione di Lucius Appuleius Proculus (CIL III, 3837) provenga dal medesimo luogo di culto.

Bibliographie

  

Mócsy 1959: A. Mócsy, Die Bevölkerung von Pannonien bis zu den Markomannenkriegen, Budapest 1959.

Šašel Kos 1998e: M. Šašel Kos, «Dolničarjev lapidarij. The Thalnitscher lapidarium», AVes, 49, 1998, 329-353.

Šašel Kos 2008a: M. Šašel Kos, «Divinities, priests and dedicators at Emona», in M.L. Caldelli, G.L. Gregori, S. Orlandi (a cura di), Epigrafia 2006. Atti della XIVe Rencontre sur l’épigraphie in onore di Silvio Panciera con altri contributi di colleghi, allievi e collaboratori, Roma 2008, 687-710.

Zaccaria 1985: C. Zaccaria, «Testimonianze epigrafiche dei rapporti tra Aquileia e l’Illirico in età imperiale romana», in Aquileia, la Dalmazia e l’Illirico, Atti della XIV Settimana di Studi Aquileiesi, 23-29 aprile 1983, Udine 1985, 85-127.

Auteur

Dott.ssa, Assegnista di ricerca, Dipartimento di Studi Umanistici, Università degli studi di Trieste

© Collège de France, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540