Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 1

 | 
Sandra Gatti
, 
Maria Romana Picuti

Ferentinum (Ferentino)

Supino, località Quattro Strade. Spes

Cristina Ferrante

Entrées d'index

Géographique :

Ferentino

Texte intégral

1Un’iscrizione incisa su un’ara semicircolare di marmo bianco, reimpiegata nella fontana di un giardino privato a Supino, in località Quattro Strade, attesta una dedica a Spes, posta da un Demetrius, schiavo di una Serrana, moglie di Antonius. Il dedicante è connotato come minister, addetto probabilmente al culto di Spes. Secondo il proprietario della casa, il pezzo sarebbe stato scambiato, dai suoi antenati, con prodotti agricoli, in una fiera a Grottaferrata, tuttavia Solin, in mancanza di prove sicure dell’attendibilità della notizia, ritiene preferibile considerarlo di provenienza locale.

Fonti epigrafiche

2Solin 1998, 138, n. 3.

Demetrius
Serranae Antoni
[m]inister Spei sacr(um)
«Demetrius (servo di) Serrana (moglie di) Antonius, ministro. Consacrato a Spes».

Bibliographie

Solin 1998: H. Solin, «Iscrizioni antiche di Ferentino e Alfonso Giorgi», in H. Solin (a cura di), Epigrafi e studi epigrafici in Finlandia (Acta Instituti Romani Finlandiae, 19), Roma 1998, 135-159.

Auteur

Archeologa

© Collège de France, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr