Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 1

 | 
Sandra Gatti
, 
Maria Romana Picuti

Anagnia (Anagni)

Anagnia (Anagni). Introduzione

Cristina Ferrante, Sandra Gatti et Vincenzo Fiocchi Nicolai

Entrées d'index

Géographique :

Anagni

Texte intégral

  • 1 Cristofani 1987, con bibliografia precedente.
  • 2 G. Colonna, in Colonna-Gatti 1990, 246, nt. 2; Colonna 1995, 7.

1Anagni sorge su un’altura di m 460, in posizione dominante la valle del Sacco (fig. 10). La localizzazione strategica della città, posta su uno sperone a controllo di un agevole itinerario di comunicazione fra Lazio settentrionale (in particolare l’area tiberina e interna) e Campania, è stata più volte evidenziata1: essa favorì certamente i contatti e gli scambi fra questo centro e i gruppi allogeni limitrofi che transitavano lungo questa direttrice, come la documentazione archeologica dimostra in modo inequivocabile, permettendo l’assorbimento di modelli culturali diversi e la nascita di produzioni locali ad essi ispirati. Da non sottovalutare comunque, in tale prospettiva, anche la potenzialità offerta dalle fertili pianure della vallata sottostante Anagni, tanto che esse costituirono l’oggetto della prima legge agraria della storia di Roma (486 a.C.), come ricordato dalle fonti2.

Fig. 10

Fig. 10

Il territorio di Anagni.

© DR

  • 3 Liv. 9, 42, 11.
  • 4 Cfr. Mazzolani 1969, 18-19; Humbert 1978, 215-216.

2Fu il più importante centro politico e religioso degli Ernici e la probabile sede della loro confederazione. Nel 307-306 a.C. gli Anagnini convocarono un concilio di tutte le genti erniche in un luogo indicato come il circus quem maritimum vocant, da localizzare verosimilmente presso la città. In quell’occasione una parte della lega, tranne Alatri, Ferentino e Veroli, decise di dichiarare guerra a Roma3. Lo scontro si concluse rapidamente con una pesante sconfitta ernica, che determinò lo scioglimento della confederazione e gravi conseguenze per Anagni che aveva guidato la rivolta. Piegata la città più importante, tutto il popolo ernico perse il suo peso politico. Dopo il 306 a.C. Anagni e gli altri sconfitti ebbero la civitas sine suffragio, videro abolite le strutture governative locali, tranne le magistrature sacerdotali, persero il diritto di riunione e lo ius connubii4 (Liv. 9, 43, 23-24. Sul significato di queste misure straordinarie, probabilmente provvisorie, aggiunte alla concessione della civitas sine suffragio).

  • 5 Fest. p. 233 M.
  • 6 Cic. Dom. 30, 81.
  • 7 App. Sam. 10, 3.
  • 8 Liv. 26, 9, 11; 23, 5.
  • 9 Cic. Phil. 2, 106; Dom. 30, 81; de Orat. 3, 269.

3Dopo la conquista romana gli autori antichi raramente menzionano la città. Festo ci informa che divenne praefectura5 poi, non si sa bene quando, ebbe il suffragium e venne ascritta alla tribù Publilia (CIL VI, 2377; CIL X, 5919; 5928; 5929; 5937; 5955). Era sicuramente municipium all’epoca di Cicerone6 e durante l’impero (CIL X, 5919). Appiano la ricorda, per il 280 a.C., come una tappa della marcia verso Roma di Pirro7; Livio accenna alle devastazioni compiute da Annibale nel suo territorio nel 211 a.C.8. Da alcuni passi di Cicerone deduciamo che durante le guerre civili ci furono nella città dei partigiani di Antonio9.

  • 10 Gatti 1999, 19-26; Fentress et al. 2006.

4Essa ebbe poi una certa rilevanza anche nel periodo degli Antonini e dei Severi, quando, nella parte meridionale del suo territorio, esisteva una grande proprietà imperiale, Villamagna, posta alle falde dei Monti Lepini, tra Sgurgola e Segni10.

5I magistrati attestati epigraficamente sono i praetores, che compaiono fino all’età imperiale (CIL I², 2536; 3103; CIL X, 5919; 5920; 5925; 5926; 5927; 5929).; i duoviri (CIL X, 5928; 5932); gli aediles (CIL X, 5914; 5916; 5922; 5926).

6Come sacerdoti sono noti pontifices (CIL X, 5914; 5922; 5924; 5926), augures (CIL X, 5914; 5922), salii (CIL X, 5925; 5926), seviri Augustales (CIL X, 5921; 5929), seviri (CIL X, 5917; 5918; 5923).

  • 11 Aur. Fro. 4, 4.

7L’importanza che la sfera religiosa rivestiva nella città traspare dalle parole di Marco Aurelio, il quale, diretto alla proprietà imperiale di Villamagna, raccontava al suo maestro Frontone che delubra, fana e templa sorgevano in ogni angolo di Anagni, e ricordava che nella città erano custoditi molti libri lintei contenenti cose sacre11.

  • 12 Gatti 1997, 367-370.
  • 13 Su questo argomento, Mazzolani 1969, 19-21; 33, Enea nel Lazio 1981, 61.

8La città conserva ancora oggi un circuito murario quasi integro, costruito in blocchi di pietra squadrati, la cui realizzazione va riferita ad un’epoca posteriore al IV sec. a.C., con vari rifacimenti nei secoli successivi. Tale cinta difensiva circonda quella che doveva essere l’estensione della città romana12, mentre la città arcaica occupava un’area sicuramente molto più ristretta, limitata alla parte più elevata del rilievo montuoso, fortificata per lo più da difese naturali, forse rafforzate solo nei punti più esposti da strutture, ipoteticamente riconoscibili in esigui tratti in blocchi di travertino conservati sul versante settentrionale13.

  • 14 Mazzolani 1969, 83, n. 49; 85, n. 56; 89, nn. 65-66; Gatti 1997.
  • 15 Gatti 1997, 345-370.
  • 16 Mazzolani 1966, 57; Mazzolani 1969, 89.

9I limiti del centro arcaico sono rintracciabili da tombe databili alla metà del IV sec. a.C., situate in aree che vennero poi inserite nel circuito delle mura romane14. Un esempio è costituito da una sepoltura della seconda metà del IV sec. a.C., rinvenuta nelle adiacenze di S. Maria del Popolo15 (proprietà Ciccotti: fig. 11, n. 7). Nella zona è documentato un luogo di culto in un periodo compreso tra la prima metà del V e il III-II sec. a.C.16 (cfr. scheda Santa Maria del Popolo, Chiesa; fig. 11, nn. 5, 6, 7).

Fig. 11

Fig. 11

Anagni, pianta della città (da Mazzolani 1969). 1. Acropoli, Cattedrale. 2. Acropoli. Orto dei Canonici. 3. Acropoli, Piazza Innocenzo III. 4. Monastero delle Cistercensi. 5. Chiesa di Sant’Angelo. 6. Chiesa di S. Maria del Popolo, Orto De Cesaris. 7. Proprietà Ciccotti. Scala 1: 500.

© DR

  • 17 Gatti 1994-1995.
  • 18 Gatti 2002; Gatti 2004.

10Le testimonianze della fase preromana della città provengono soprattutto da indagini di scavo effettuate dalla Soprintendenza nei santuari di S. Cecilia, suburbano, situato poco lontano dall’acropoli17 (scheda Capitolo S. Cecilia, contrada), e di Osteria della Fontana, extraurbano, localizzato in corrispondenza del Compitum Anagninum, all’incrocio fra le vie Latina e Labicana, con ogni probabilità identificabile con il santuario federale degli Ernici ricordato dalle fonti18 (scheda Osteria della Fontana. Lucus Dianae ad compitum Anagninum (?); fig. 10).

  • 19 Gatti 1997.
  • 20 Gatti 2006a.

11Ulteriori tracce dell’insediamento arcaico e tardo arcaico urbano sono state individuate nei pressi di Porta Garibaldi19, ma soprattutto nell’area dell’acropoli, in seguito a scavi della Soprintendenza Archeologica degli anni 2002-2004, che hanno interessato l’area a nord-est della Cattedrale, detta Orto dei Canonici, ed un settore di Piazza Innocenzo III20.

  • 21 Gatti 2006a, 42-49.

12Nella prima zona sono venuti in luce alcuni tratti delle mura in opera quadrata della fortificazione della città, databili alla fine del IV-inizi del III sec. a.C., alla quale si addossa, in una seconda fase, un edificio di epoca tardo-repubblicana, probabilmente di una domus. Della costruzione sono state individuate alcune murature in opera quasi reticolata ed un pavimento a mosaico a fondo bianco, decorato da un motivo di crocette in nero, che indicano una cronologia fra periodo sillano ed epoca augustea. L’area fu in seguito interessata da costruzioni di epoca medievale: lo scavo dei livelli di riempimento ha restituito una notevole quantità di materiali archeologici di grande interesse, databili fra la fine del VI e il III-II sec. a.C., fra cui soprattutto ceramica e terrecotte architettoniche, da cui traspare un forte legame delle forme stilistiche della decorazione architettonica di Anagni sia con l’area etrusco-meridionale (Veio e Cerveteri, ed in particolare Pyrgi), sia con Falerii, Roma e Satricum, e quindi una profonda partecipazione e adesione ai modelli etrusco-italici21 (cfr. scheda Acropoli, Orto dei Canonici).

  • 22 Gatti 2006a, 49-55.

13Lo scavo in Piazza Innocenzo III ha portato in luce una serie di fosse e buchi di palo, forse riferibili ad un fondo di capanna della prima età del Ferro. A poca distanza è stata rinvenuta una struttura a blocchi di travertino, identificabile con un thesauròs, databile in epoca tardo-repubblicana, probabilmente pertinente al tempio i cui resti sono inglobati nella Cattedrale. Nei pressi è stata portata in luce una seconda struttura di grandi blocchi di travertino, purtroppo molto danneggiata da interventi moderni, forse anch’essa un thesauròs o un contenitore per offerte votive. In seguito nell’area fu costruito un ninfeo ad esedra in laterizio, databile al II sec. d.C.22.

  • 23 Mazzolani 1969, 167; Fortini 1990, 255-256; Onorati 1993, 113, 10.15.

14Particolare attenzione merita una testa votiva indicata come proveniente dal territorio di Acuto (fig. 24). Essa, recentemente datata entro la fine del VI sec. a.C., costituisce uno dei più antichi esempi di teste votive attualmente note per l’Italia centrale e mostra come sia stata precoce la penetrazione, nel Lazio interno, di modelli attestati in Etruria meridionale e nella Campania etruschizzata23.

Fig. 24

Fig. 24

Acuto. Testa votiva femminile (Onorati 1993).

© DR

  • 24 Zappasodi 1908, II, 85.
  • 25 Mazzolani 1969, 75.

15Lo Zappasodi, un erudito locale che scrisse, all’inizio del ’900, una monografia sulla storia di Anagni, dalle origini fino all’età contemporanea, afferma che il «…proprietario della porzione restata in piedi del palazzo d’Innocenzo III e di Gregorio IX, cavando attorno nell’ottobre del 1901, trovò ivi un antico cemetero…, nonché ruderi di una chiesa antica fabbricata sopra i resti di un tempio pagano, come appariva dalle pitture ivi conservate sulle pareti. Erano i resti della chiesa di S. Cristina…»24. Attualmente non resta alcuna traccia di queste strutture; dallo stesso scavo proviene probabilmente un rocchio di colonna scanalato in marmo bianco, conservato nel giardino vescovile25. Se effettivamente esisteva un tempio nei pressi del Palazzo dei Papi, non è escluso, data la contiguità topografica, che ad esso potesse riferirsi un’iscrizione, menzionate una aedes, rinvenuta, alla fine dell’800, nell’area compresa tra il terrapieno su cui si trova il giardino delle Cistercensi e la sottostante piazza S. Michele (scheda Monastero delle Cistercensi. Aedes).

  • 26 Zappasodi 1908, I, 66; Mazzolani 1969, 113, n. 24; Fenelli 1975, 252; Rizzello 1980, 176; Bouma 199 (...)

16Secondo lo Zappasodi un ripostiglio votivo sarebbe stato rinvenuto «…sul versante sud del piccolo colle fuori la porta degli Idoli ove sorse poi la piccola chiesa di S. Giorgio…». La notizia, però, non è in alcun modo verificabile: non si ha nessuna informazione sul punto esatto del rinvenimento, né sul contenuto del deposito, né su dove siano finiti i reperti26.

  • 27 Archivio SBAL, Anagni 4, Arch. prot., filza “Anagni varie”, prot. n. 4585 = C.T.R. n. 389100, Sgurg (...)

17Una notizia d’archivio non supportata, per il momento, da documentazione archeologica, segnala la presenza di un tempio repubblicano-imperiale nel territorio di Sgurgola, presso casa Cardinali27.

Cristina Ferrante – Sandra Gatti

  • 28 Mansi 1960, VII, c. 1171; Lanzoni 1927, 166-167.
  • 29 Lib. Pont., 2, 125; cfr. Kehr 1907, 135; Pani Ermini-Giordani 1977, 88-91.
  • 30 Pani Ermini-Giordani 1977, 91-92; Ramieri 1986, 89-90; Pani Ermini 1992, 528-530; Pani Ermini 1998, (...)

18La città fu sede vescovile almeno dal 48728; nell’alto-medioevo la basilica cattedrale era quasi certamente l’ecclesia beatae Dei Genitricis semperque virginis Mariae dominae nostrae citata in un buon numero di fonti letterarie ed epigrafiche della prima metà del IX secolo29; essa doveva verosimilmente trovarsi nel sito poi occupato dalla costruzione attuale, risalente alla fine dell’XI secolo; resta tuttavia tutto da dimostrare che anche la cattedrale paleocristiana (da supporre già esistente all’epoca della prima menzione dell’episcopato) sorgesse nel medesimo luogo30.

  • 31 Jubaru 1905, 307-308; Ferrua 1958, 10.
  • 32 Acta 1743, 63-64; Ambrosi De Magistris 1889, 371, nt. 1; cfr. Jubaru 1905, 307-308; Ferrua 1958, 1- (...)
  • 33 Fiocchi Nicolai 1999, 445-485.

19Un edificio di culto di età non definita fu visto, agli inizi del ‘900, in località Monte Vico, a circa 5 km a nord-ovest di Anagni31; la costruzione ha qualche probabilità di essere di origine tardoantica, in quanto ad essa erano associate due piccole catacombe del IV secolo, certamente al servizio di una comunità cristiana locale, insediata nel vicus Moricinus, attestato in un documento di età medievale32. L’edificio di culto rurale poteva essere sorto in funzione della cura animarum degli abitanti dell’area33.

  • 34 Ferrua 1960, 5-18.
  • 35 Luttazzi 1988, 10-13.
  • 36 Ibid.
  • 37 Ferrua 1958, 14.

20Forse ancora al territorio della diocesi di Anagni è possibile riferire il sito di Colle S. Quirico, all’altezza del km 48,200 della via Prenestina, nel territorio di Paliano, ove, oltre ad un importante complesso catacombale del IV secolo34, è attestato un probabile edificio di culto cristiano, con strutture in opera listata, di età non precisabile, cui erano associate alcune sepolture35. Area funeraria e probabile chiesa sono state ipoteticamente messe in relazione con la statio di Treblis del XXXVI miglio della via Prenestina36 e alla comunità cristiana locale, dotata del resto di un’organizzazione ecclesiastica già nel IV secolo, come rivela la menzione di un diacono in una delle iscrizioni che ha restituito la catacomba37.

Vincenzo Fiocchi Nicolai

21I luoghi di culto presenti in epoca preromana e romana si ripartiscono nella città e nel territorio come segue:

22FASE PREROMANA
Luoghi di culto urbani
Acropoli, cattedrale
Acropoli, Orto dei Canonici
Acropoli, piazza Innocenzo III
Luoghi di culto suburbani
Capitolo Santa Cecilia, contrada
Santa Maria del Popolo, chiesa
Luoghi di culto extra-urbani
Osteria della Fontana
Sgurgola

23FASE ROMANA
Luoghi di culto urbani
a. Luoghi di culto pubblici
Acropoli, cattedrale
Acropoli, Orto dei Canonici
Acropoli, piazza Innocenzo III
Monastero delle Cistercensi. Aedes
Sant’Angelo, chiesa
Luoghi di culto extra-urbani
a. Luoghi di culto pubblici
Colle Marino
Osteria della Fontana. Delubrum Lavernae
Osteria della Fontana. Nymphae
Pontificio Collegio Leoniano
Sgurgola
Vadolargo, contrada
b. Luoghi di culto privati
Acuto. Fides
Sgurgola. Iuppiter Stator

Bibliographie

Ambrosi De Magistris 1889: R. Ambrosi De Magistris, Storia di Anagni, I, Roma 1889.

Acta 1743: Acta passionis atque translationum S. Magni episcopi Tranensis, Aesi 1743.

Bouma 1996: J.W. Bouma, Religio votiva: the archaeology of Latial votive religion, Oxford 1996.

Colonna 1995: G. Colonna, «Appunti su Ernici e Volsci», Eutopia, 4, 2, 1995, 3-17.

Colonna, Gatti 1990: G. Colonna, S. Gatti, «Graffiti arcaici dai santuari degli Ernici», ArchLaz, X (QuadAEI, 19), 1990, 241-247.

Cristofani 1987: M. Cristofani, «Un’antefissa tardo-arcaica da Frosinone», ArchLaz, VIII (QuadAEI, 14), 1987, 294-298.

Enea nel Lazio 1981: Enea nel Lazio. Archeologia e mito, Catalogo della Mostra, Roma 1981.

Fenelli 1975: M. Fenelli, «Contributo per lo studio del votivo anatomico: i votivi anatomici di Lavino», ArchClass, 27, 1975, 206-252.

Fentress et al. 2006: E. Fentress, S. Gatti, C. Goodson, S. Hary, A. Kuttner, M. Maiuro, «Excavation at Villamagna», Fastionline, Folder-it, 2006-68.

Ferrua 1958: A. Ferrua, «Di una piccola catacomba nei pressi di Anagni», Bollettino della Sez. di Anagni della Società Romana di Storia Patria, 3, 1958, 1-10.

Ferrua 1960: A. Ferrua, «La catacomba di Paliano», RAC, 36, 1960, 5-18.

Fiocchi Nicolai 1999: V. Fiocchi Nicolai, «Alle origini della parrocchia rurale nel Lazio (IV-VI sec.)», in Alle origini della parrocchia rurale (IV-VIII sec.). Atti della giornata tematica dei Seminari di Archeolo- gia Cristiana, Roma 19 marzo 1998, Città del Vaticano 1999.

Fortini 1990: P. Fortini, «Testimonianze di età arcaica ed ellenistica da Veroli», ArchLaz, X (QuadAEI, 19), 1990, 253-256.

Gatti 1994-1995: S. Gatti, «Anagni (Frosinone). Località S. Cecilia. Indagini sul santuario ernico: il deposito votivo arcaico», NSA, 1994-1995, 5-153.

Gatti 1997: S. Gatti, «Contributo per la conoscenza dello sviluppo urbano di Anagnia», in G. Nardi, M. Pandolfini (a cura di), Etrusca et Italica. Scritti in onore di Massimo Pallottino, II, Pisa 1997, 345-370.

Gatti 1999: S. Gatti, «Una proprietà imperiale nella Valle del Sacco», in G. Giammaria (a cura di), Villamagna, (Monumenti di Anagni, 3), (Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale), Anagni 1999, 19-26.

Gatti 2002: S. Gatti, «Anagni. Il santuario ernico di Osteria della Fontana», in S. Gatti, G. Cetorelli Schivo (a cura di), Il Lazio Regione di Roma, Roma 2002, 52-64.

Gatti 2004: S. Gatti, «Il santuario ernico di Osteria della Fontana di Anagni», in Religio. Santuari ed ex voto nel Lazio meridionale, Formia 2004, 84-94.

Gatti 2006a: S. Gatti, «Indagini archeologiche nell’area dell’acropoli di Anagnia», con appendice di L. Bressanello, R. Frasca, in G. Palandri (a cura di), La Cattedrale di Anagni. Materiali per il restauro, la valorizzazione, BdA, volume speciale, 2006, 41-67.

Humbert 1978: M. Humbert, Municipium et civitas sine suffragio. L’organisation de la conquête jusqu’à la guerre sociale, Roma 1978.

Jubaru 1905: F. Jubaru, «Anagni. Scoperta di un antico cimitero cristiano», Nuovo Bullettino di Archeologia Cristiana, 11, 1905, 306-308.

Kehr 1907: P.F. Kehr, Italia Pontificia. Regesta Pontificum Romanorum, II, Latium, Berolini 1907.

Lanzoni 1927: F. Lanzoni, Le diocesi d’Italia dalle origini al principio del secolo VII (an. 604), (Studi e Testi, 35), Faenza 1927.

Lib. Pont.: L. Duchesne, Le Liber Pontificalis. Texte, introduction et commentaire, II, Paris 1892.

Luttazzi 1988 : A. Luttazzi, «Aspetti topografici del territorio tra Segni e Paliano dalla età repubblicana all’altomedioevo», Latium, 5, 1988, 3-18.

Mansi 1960: J.D. Mansi, Sacrorum Conciliorum Nova et Amplissima Collectio, VII, IX, XII, Graz 1960.

Mazzolani 1966: M. Mazzolani, «Anagni», QuadTopAnt, 2, 1966, 49-60.

Mazzolani 1969: M. Mazzolani, Anagnia (Forma Italiane, Regio I, 6), Roma 1969.

Onorati 1993: M.T. Onorati, «Terrecotte votive», in S. Gatti (a cura di), Dives Anagnia. Archeologia nella valle del Sacco. Catalogo della Mostra, Roma 1993, 113-118.

Pani Ermini 1992: L. Pani Ermini, «Renovatio murorum tra programma urbanistico e restauro conservativo: Roma e il Ducato rimano», in Committenti e produzione artistico-letteraria nell’altomedioevo oc- cidentale, Spoleto 4-10 aprile 1991 (Settimane di Studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 39), Spoleto 1992, 485-530.

Pani Ermini 1998: L. Pani Ermini, «Ferentino dalla tarda antichità al medioevo», in Ambrogio Centurione 1998, 21-47.

Pani Ermini, Giordani 1977: L. Pani Ermini, R. Giordani, «Note di topografia religiosa della Ciociaria in età paleocristiana e altomedievale: una messa a punto», in Paleocristiano in Ciociaria 1978, 63-95.

Ramieri 1975: A.M. Ramieri, «Una nuova catacomba scoperta presso Anagni», RAC, 51, 1975, 168-178.

Ramieri 1986 : A.M. Ramieri, «La Ciociaria tra tardo antico e alto medioevo: le diocesi di Anagni, Feren- tino, Alatri e Veroli», in Scritti in onore di Filippo Caraffa, Anagni 1986, 83-104.

Rizzello 1980: M. Rizzello, I santuari della Media Valle del Liri IV-I sec. a.C., Sora, 1980.

Zappasodi 1908: P. Zappasodi, Anagni attraverso i secoli, Veroli 1908.

Notes

1 Cristofani 1987, con bibliografia precedente.

2 G. Colonna, in Colonna-Gatti 1990, 246, nt. 2; Colonna 1995, 7.

3 Liv. 9, 42, 11.

4 Cfr. Mazzolani 1969, 18-19; Humbert 1978, 215-216.

5 Fest. p. 233 M.

6 Cic. Dom. 30, 81.

7 App. Sam. 10, 3.

8 Liv. 26, 9, 11; 23, 5.

9 Cic. Phil. 2, 106; Dom. 30, 81; de Orat. 3, 269.

10 Gatti 1999, 19-26; Fentress et al. 2006.

11 Aur. Fro. 4, 4.

12 Gatti 1997, 367-370.

13 Su questo argomento, Mazzolani 1969, 19-21; 33, Enea nel Lazio 1981, 61.

14 Mazzolani 1969, 83, n. 49; 85, n. 56; 89, nn. 65-66; Gatti 1997.

15 Gatti 1997, 345-370.

16 Mazzolani 1966, 57; Mazzolani 1969, 89.

17 Gatti 1994-1995.

18 Gatti 2002; Gatti 2004.

19 Gatti 1997.

20 Gatti 2006a.

21 Gatti 2006a, 42-49.

22 Gatti 2006a, 49-55.

23 Mazzolani 1969, 167; Fortini 1990, 255-256; Onorati 1993, 113, 10.15.

24 Zappasodi 1908, II, 85.

25 Mazzolani 1969, 75.

26 Zappasodi 1908, I, 66; Mazzolani 1969, 113, n. 24; Fenelli 1975, 252; Rizzello 1980, 176; Bouma 1996, 12, n. 6c.

27 Archivio SBAL, Anagni 4, Arch. prot., filza “Anagni varie”, prot. n. 4585 = C.T.R. n. 389100, Sgurgola b: 38 = Rif. scheda T.A.V. 191.

28 Mansi 1960, VII, c. 1171; Lanzoni 1927, 166-167.

29 Lib. Pont., 2, 125; cfr. Kehr 1907, 135; Pani Ermini-Giordani 1977, 88-91.

30 Pani Ermini-Giordani 1977, 91-92; Ramieri 1986, 89-90; Pani Ermini 1992, 528-530; Pani Ermini 1998, 24-25.

31 Jubaru 1905, 307-308; Ferrua 1958, 10.

32 Acta 1743, 63-64; Ambrosi De Magistris 1889, 371, nt. 1; cfr. Jubaru 1905, 307-308; Ferrua 1958, 1-10; Mazzolani 1969, 41-42, nt. 9; 152-153, n. 144; Ramieri 1975, 169-178; Ramieri 1986, 87-89.

33 Fiocchi Nicolai 1999, 445-485.

34 Ferrua 1960, 5-18.

35 Luttazzi 1988, 10-13.

36 Ibid.

37 Ferrua 1958, 14.

Table des illustrations

Titre Fig. 10
Légende Il territorio di Anagni.
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3959/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 512k
Titre Fig. 11
Légende Anagni, pianta della città (da Mazzolani 1969). 1. Acropoli, Cattedrale. 2. Acropoli. Orto dei Canonici. 3. Acropoli, Piazza Innocenzo III. 4. Monastero delle Cistercensi. 5. Chiesa di Sant’Angelo. 6. Chiesa di S. Maria del Popolo, Orto De Cesaris. 7. Proprietà Ciccotti. Scala 1: 500.
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3959/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 236k
Titre Fig. 24
Légende Acuto. Testa votiva femminile (Onorati 1993).
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3959/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 74k

Auteurs

Archeologa
Funzionario archeologo presso il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Palestrina (Italia)
Professore ordinario di Archeologia cristiana presso Università di Roma Tor Vergata. Macroarea di Lettere e Filosogia. Dipartimento di Scienze Storiche, Filosofico-Sociali, de Beni Culturali e del Territorio (Italia)

© Collège de France, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr