Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 2

 | 
Teresa Cinquantaquattro
, 
Gabriella Pescatori

Salernum (Salerno)

Salerno, Fratte loc.

Alfonso Santoriello

Entrées d'index

Géographique :

Atripalda

Texte intégral

1L’insediamento antico di Fratte sorge alla periferia settentrionale della città di Salerno su una bassa collina pianeggiante che corrisponde al toponimo di Scigliato (fig. 51.3). L’area è parte di un più vasto insediamento collocato in posizione dominante alla confluenza del fiume Irno con i torrenti Pastorano e Grancano (fig. 52). I primi indizi della presenza di un insediamento antico nella zona di Fratte risalgono agli inizi dell’Ottocento. Più di un secolo dopo, tra il 1927 e il 1929, A. Maiuri indagò una necropoli. L’indagine dell’abitato fu avviata nel 1947 da P.C. Sestieri, nel cuore del moderno rione di Fratte e nel corso degli anni Cinquanta fu condotto da V. Panebianco uno scavo estensivo che rivelò la presenza di un importante nucleo abitativo attualmente inserito nel parco archeologico. Una nuova fase della ricerca ha avuto inizio nel 1985 quando, nell’ambito di una più ampia rivalutazione del territorio attraversato dall’Irno, è stata stabilita una proficua collaborazione tra l’Amministrazione Provinciale di Salerno, la Soprintendenza Archeologica Territoriale e l’Università degli Studi di Salerno. Dal 1995 l’attività esplorativa è proseguita ininterrottamente fino ad oggi con lo scopo di individuare gli elementi di conoscenza utili alla comprensione ed alla ricostruzione della sequenza delle attività antropiche e degli eventi naturali.

Fig. 51

Fig. 51

Salerno, pianta schematica delle aree sacre (Elaborazione grafica di G. Di Maio, GEOMED).

© DR

Fig. 52

Fig. 52

Salerno, pianta schematica delle aree sacre (Elaborazione grafica di G. Di Maio, GEOMED).

© DR

  • 1 Pontrandolfo Greco 2009.

2La ricerca ha permesso di articolare il popolamento di Fratte in tre principali fasi di vita distinte comprese tra la prima metà del VI e la metà del III sec. a.C., momento in cui l’espansione romana modifica in profondità l’organizzazione della regione. Il periodo più antico è caratterizzato dalle testimonianze costruttive più monumentali. La parte settentrionale della collina è occupata da un complesso monumentale, con diverse fasi costruttive, disposto su una superficie di ca 900 mq. La prima fase è datata intorno alla metà del VI sec. a.C. ed è costituita da tre blocchi edilizi che si sviluppano da ovest a est secondo il declivio naturale della collina. Le dimensioni complessive dell’edificio, la sua composizione e la documentazione archeologica inducono a ritenere che debba trattarsi di una residenza aristocratica tardo-arcaica funzionale ad attività politiche e religiose. Il complesso edilizio e altre costruzioni presenti nell’area evidenziano per questa fase un programma edilizio coerente, organizzato verosimilmente secondo un impianto regolare assiale1. Verso la fine del V sec. a.C. l’abitato di Fratte subì forti mutamenti e l’area fu rioccupata da elementi sanniti. Alcune strutture in precedenza definite dal carattere monumentale e aristocratico furono destinate a luoghi di abitazione, mentre il versante occidentale della collina venne occupato da un nucleo di tombe a cassa e a camera. Contestualmente il territorio della valle dell’Irno si popolò di puntuali e limitate istallazioni rurali dedite ad un’agricoltura di tipo specialistico ed intensivo. Questa fase durò fino alla seconda metà del III sec. a.C. quando Fratte venne abbandonato o forse distrutto, come documentano il rinvenimento di scarichi di materiale e strati di livellamento. Una ulteriore risistemazione e rioccupazione dell’area si registra quando il territorio divenne parte della colonia romana di Salerno.

Bibliographie

Pontrandolfo Greco 2009: A. Pontrandolfo Greco, Fratte: il complesso monumentale arcaico, Salerno 2009.

Notes

1 Pontrandolfo Greco 2009.

Table des illustrations

Titre Fig. 51
Légende Salerno, pianta schematica delle aree sacre (Elaborazione grafica di G. Di Maio, GEOMED).
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3933/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 732k
Titre Fig. 52
Légende Salerno, pianta schematica delle aree sacre (Elaborazione grafica di G. Di Maio, GEOMED).
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3933/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 175k

Auteur

Professore, dipertimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC Università degli studi di salerno (Italia)

© Collège de France, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540