Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 2

 | 
Teresa Cinquantaquattro
, 
Gabriella Pescatori

Abella (Avella)

Ubicazione incerta, Venus Iovia, luogo di culto?

Teresa Cinquantaquattro

Entrées d'index

Géographique :

Avella

Texte intégral

1Al culto di Venus Iovia rimanda un’iscrizione relativa ad una sacerdotessa pubblica Avillia Eliana, già non più reperibile ai tempi del Mommsen e per la quale lo studioso aveva avanzato il dubbio che fosse stata interpolata. Non si conosce l’ubicazione del culto.

Fonti epigrafiche

2CIL X, 1207.

Auillia[e]
Aeliane, m[atri]
Egnati Rufi,
equitis Ro[ma-]
ni, sacerdot[i]
Iouia[e] V[e]ner[is]
Abellanor[um,]
[---]
[---]CIE[---]
«Ad Avillia Eliana, madre del cavaliere romano Egnatio Rufo, sacerdotessa di Venere Iovia degli Abellani....»

36 V[e]ner[iae] CIL.

  • 1 Remondini 1747, I, 263, cap. 45, n. 130.
  • 2 Napolitano 1922, 104.

4L’iscrizione è riportata da G. Remondini senza indicazione del luogo di provenienza e di conservazione; all’ultima riga il Remondini1, seguito dal Napolitano2, riporta [...]CIAE, sciogliendo in [prouin]ciae e sostenendo una datazione dell’epigrafe alla tarda-antichità.

  • 3 Castrén 1983, 163, n. 156.

5La datazione dell’epigrafe, nell’impossibilità di prendere in considerazione i dati paleografici, può essere ipoteticamente desunta dalla citazione dell’eques Romanus Egnatio Rufo, che compare anche in CIL X, 1208, datata su base consolare al 155 d.C.; per l’iscrizione di dedica ad Avillia Eliana, che contiene (con CIL X, 1208 e 1211) la terza citazione della gens Egnatia ad Avella, è possibile proporre un’analoga datazione. La gens Egnatia è nota in Campania anche a Pompei e a Capua3.

  • 4 Coarelli 1995, 379 sgg.
  • 5 Pedley, Torelli 1993, 210-211.
  • 6 Camodeca 2005, 181.

6Le testimonianze del culto di Venere Iovia non sono molto frequenti: in Campania le attestazioni riguardano Capua, Paestum e Nola. Nel primo caso (CIL X, 3776 = ILS 3185) alla divinità si è attribuito il santuario di Fondo Patturelli4, situato appena al di fuori della città, probabilmente in connessione con un’area di necropoli. A Paestum analoga collocazione, all’esterno della città e nei pressi di una necropoli, ha il santuario di S. Venera, al quale è ricondotto il culto di Venere Iovia documentato da un’iscrizione latina5. La terza attestazione del culto (in questo caso Venere Iovia è associata al genio della colonia: Numen Veneris Iouiae et coloniae) si riferisce a Nola (AE 1969/70, 106) ed è documentata da un’iscrizione della I metà del II d.C., riutilizzata nella tomba del vescovo Paolino iunior a Cimitile6.

Bibliographie

Camodeca 2005: G. Camodeca, «Donne e vita cittadina: nuovi dati da Puteoli, Cumae e Nola del I sec. d.C.», in Buonopane, Cenerini 2005, 163-182.

Castrén 1983: P. Castrén, Ordo Populusque Pompeianus. Polity and Society in Roman Pompeii, Roma 1983.

Coarelli 1995: F. Coarelli, «Il santuario di Fondo Patturelli a Capua», in A. Storchi Marino (a cura di), L’incidenza dell’antico, Studi in onore di E. Lepore, I, Napoli 1995, 371-387.

Pedley, Torelli 1993: J.P. Pedley, M. Torelli, The sanctuary of Santa Venera at Paestum, I, Rome 1993.

Napolitano 1922: L. Napolitano, Memorie archeologiche e storiche di Avella, Castellammare di Stabia 1922.

Remondini 1747: G. Remondini, Della Nolana Ecclesiatica Storia, II, Nola 1747.

Notes

1 Remondini 1747, I, 263, cap. 45, n. 130.

2 Napolitano 1922, 104.

3 Castrén 1983, 163, n. 156.

4 Coarelli 1995, 379 sgg.

5 Pedley, Torelli 1993, 210-211.

6 Camodeca 2005, 181.

Auteur

Dirigente - Soprintendente Speciale Beni Archeologici di Napoli e Pompei (Italia)

© Collège de France, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540