Desktop versionMobile Version
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 2

 | 
Teresa Cinquantaquattro
, 
Gabriella Pescatori

Abella (Avella)

Avella, S. Candida (loc.)

Teresa Cinquantaquattro

Indexeinträge

Géographique :

Avella

Volltext

  • 1 Cinquantaquattro 2000, 68-69, fig. 4; Carafa 2008, 107.
  • 2 Cinquantaquattro 2009b, 123 ss.

1L’area sacra (fig. 6, H) è localizzata in una zona situata a nord-ovest della città di Abella, in una fascia suburbana compresa tra il fiume Clanis e la necropoli di S. Nazzaro1 (fig. 13). L’esatta provenienza dei reperti (soprattutto ceramica miniaturistica) rimane ignota in quanto i materiali, recuperati fortuitamente, sono stati consegnati alla Soprintendenza nel 1971 senza ulteriori indicazioni. Sulla base della ricostruzione della topografia della necropoli occidentale, l’area di culto potrebbe essere posizionata in stretta contiguità con il margine settentrionale del sepolcreto2.

Fig. 6

Fig. 6

Avella, pianta della città.

© DR

Fig. 13

Fig. 13

Avella, S. Candida. Materiali dall’area sacra (Foto Soprintendenza Salerno). 1-2. Testine fittili. 3. Fr. di statuetta. 4. Statuetta femminile con porcellino. 5. Statuetta del tipo della «piccola Ercolanense». 6. Statuetta femminile con porcellino. 7-8. Frr. di statuette. 9. Tazzina miniaturistica. 10. Brocchetta. 11. Ollette. 12. Coppetta a fasce. 13. Balsamario.

© DR

Fonti archeologiche

Reperti

2La maggior parte della documentazione copre un arco cronologico compreso tra l’età tardo-arcaica e il IV-III sec. a.C., mentre molto limitati sono i reperti riconducibili ad un periodo più antico (fr. di ceramica etrusco-corinzia, bucchero) o più recente (unguentari fusiformi). Una recente revisione del materiale, inedito e al momento non esattamente quantificabile (nonché con qualche caso di incerta attribuzione al contesto) ha portato ad identificare le seguenti categorie di oggetti:

Coroplastica

3Statuette. Sono attestate statuette femminili stanti che riproducono il tipo dell’offerente con porcellino. Due esemplari frammentari sono riferibili a modelli pestani: il tipo con cesta e porcellino (fig. 13.4) e il tipo con porcellino lungo il fianco (fig. 13.6); ad essi va probabilmente associato un fr. di busto (fig. 13.8). Oltre a un esemplare riferibile al tipo cd. piccola Ercolanese (fr. del corpo) (fig. 13.5), sono presenti due testine (fig. 13.1-2), delle quali una con polos, un fr. di busto e un fr. della parte inferiore di una statuetta con base di colonna sulla destra.

Ceramica

4Oltre a due frammenti, forse non pertinenti (un fr. di oinochoe etrusco-corinzia e il fondo di una forma chiusa di bucchero), l’evidenza è rappresentata soprattutto da ceramica miniaturistica, che comprende oltre un centinaio di vasetti tra i quali una coppetta a fasce (fig. 13.12), una kotyle e numerose brocchette parzialmente verniciate, nonché una tazzina miniaturistica acroma (fig. 13.9). Tra la ceramica a vernice nera si segnalano un piattello su piede, skyphoi, coppe, ciotole concavo-convesse, coppe monoansate, coppette ad orlo rientrante e un coperchio. Sono presenti brocchette di ceramica depurata acroma (fig. 13.10), ollette (fig. 13.11), coperchi, un fr. di tegame d’argilla grezza e balsamari (fig. 13.13).

Literaturverzeichnis

Carafa 2008: P. Carafa, Culti e santuari della Campania antica, Roma 2008.

Cinquantaquattro 2000: T. Cinquantaquattro, «Abella, un insediamento della mesogaia campana: note di topografia», AION(archeol), n.s., 7, 2000, 61-85.

Cinquantaquattro 2009b: T. Cinquantaquattro, «Organizzazione e uso delle aree funerarie: le necropoli di Avella tra VII e V sec. a.C.», in R. Bonaudo, L. Cerchiai, C. Pellegrino (a cura di), Tra Etruria, Lazio e Magna Grecia: indagini sulle necropoli, Paestum 2009, 119-142.

Anmerkungen

1 Cinquantaquattro 2000, 68-69, fig. 4; Carafa 2008, 107.

2 Cinquantaquattro 2009b, 123 ss.

Abbildungsverzeichnis

Titel Fig. 6
Bildunterschrift Avella, pianta della città.
Impressum © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3902/img-1.jpg
Datei image/jpeg, 292k
Titel Fig. 13
Bildunterschrift Avella, S. Candida. Materiali dall’area sacra (Foto Soprintendenza Salerno). 1-2. Testine fittili. 3. Fr. di statuetta. 4. Statuetta femminile con porcellino. 5. Statuetta del tipo della «piccola Ercolanense». 6. Statuetta femminile con porcellino. 7-8. Frr. di statuette. 9. Tazzina miniaturistica. 10. Brocchetta. 11. Ollette. 12. Coppetta a fasce. 13. Balsamario.
Impressum © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3902/img-2.jpg
Datei image/jpeg, 183k

Autor

Dirigente - Soprintendente Speciale Beni Archeologici di Napoli e Pompei (Italia)

© Collège de France, 2013

Nutzungsbedingungen http://www.openedition.org/6540

Kaufen

Printversion

amazon.fr