Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 2

 | 
Teresa Cinquantaquattro
, 
Gabriella Pescatori

Abella (Avella)

Avella, S. Paolino, loc.

Teresa Cinquantaquattro et Chiara Lambert

Entrées d'index

Géographique :

Avella

Texte intégral

1Basilica paleocristiana/alto medievale (fig. 11.1-2).

Fig. 11.1

Fig. 11.1

Avella, S. Paolino (Foto Soprintendenza Salerno). Veduta di insieme dei resti della basilica.

© DR

Fig. 11.2

Fig. 11.2

Avella, S. Paolino (Foto Soprintendenza Salerno). Iscrizione.

© DR

  • 1 d’Henry 1973, 293-294; Johannowsky 1979, 28; Colucci Pescatori 1984, 340-341.

2In località S. Paolino, che individua un’area pedecollinare lievemente digradante da nord a sud sulla sinistra del fiume Clanis, nel 1970 fu portato alla luce un edificio a pianta absidata, in un’area occupata da sepolture tardo-romane e, precedentemente, da una necropoli di età orientalizzante-tardo arcaica1. All’interno dell’edificio di culto sono state rinvenute sei sepolture a cassa vuote, con piano di deposizione costituito da tegole. Due di queste sepolture risultano chiaramente tagliate dall’abside della basilica; le altre quattro sembrano invece disporsi in modo organico rispetto ai muri dell’edificio, a sud dell’abside e lungo il lato orientale.

Teresa Cinquantaquattro

Fonti epigrafiche

3Tra i materiali recuperati in un saggio di approfondimento condotto nella navata centrale, si segnala un’iscrizione (fig. 11.2), reimpiegata all’interno di una sepoltura, di cui restano quattro frammenti di marmo bianco venato di grigio (misure totali dei frr. alt. 35 cm; largh. 33 cm; sp. 3,2 cm).

4Inedita

]con[…]
(vacat?) co(n)ss(ulibus u[uiris cclarissimis]
[…]+o quaỊ/ẹ[…]
[…ạ]edificatạ
[p̣ṛ]udentia cu[nctarum]

5Il riferimento agli imperatori in carica posto in apertura del testo fa propendere per una natura celebrativo-onorifica dell’iscrizione, ma non si può escludere che ad essa fosse anche contestualmente assegnata una funzione funeraria. Potrebbe trattarsi di una memoria epigrafica legata all’edificazione o a un rifacimento dell’edificio di culto da parte di un facoltoso evergeta privato, il quale vi avrebbe predisposto la propria sepoltura.

6È proponibile una datazione tra la prima metà e la fine del IV sec. d.C., sia per i caratteri paleografici, che per una possibile integrazione del primo rigo mediante l’antroponimo di uno dei consoli di età tardo costantiniana, quale Flavio Giulio Costante (339; 343; 346). Questa integrazione, per la coppia degli eponimi richiesta dalla presenza del plurale alla l. 2, restringerebbe la cronologia della lapide tra la metà degli anni venti e la metà degli anni cinquanta del IV sec. d.C.

Chiara Lambert

Fonti archeologiche

Strutture

7L’edificio di culto è orientato nord-est/sud-ovest, con abside a nord-est (fig. 11.1). Le strutture murarie emergevano a poca profondità rispetto al piano di campagna, circostanza che ha comportato la distruzione dei livelli d’uso e di abbandono. Per tale motivo non è possibile definire nei dettagli lo sviluppo diacronico e planimetrico del monumento che, sulla base della documentazione di scavo e dei rilievi, mostra il succedersi di diverse fasi edilizie che hanno portato alla formazione di una pianta complessa. Di forma quadrangolare (larg. 10,50 m; lungh. 10 m), l’edificio era probabilmente diviso in tre navate, come sembrano testimoniare i due muri paralleli posti in corrispondenza delle testate dell’abside. Quest’ultima ha un diametro di ca 4,40 m ed era probabilmente preceduta da un transetto. La presenza di un setto murario ad est dell’abside permette di ipotizzare che, esternamente al suo estradosso, si sviluppasse un ambiente adibito forse a servizio del culto. La navata centrale presenta un pavimento di malta, come lo spazio antistante l’abside, che risulta però lievemente sopraelevato. Un saggio condotto all’interno della navata centrale ha verificato l’esistenza di due fasi pavimentali successive.

8Poco o nulla si conserva dell’elevato; sul lato occidentale e meglio conservato, il muro che definisce a nord la navata centrale mostra una faccia a vista rivestita da pietre di medie dimensioni piuttosto irregolari, disposte in filari orizzontali.

  • 2 Ebanista 2003, 158 sgg.

9Dal punto di vista planimetrico l’edificio può confrontarsi con la basilica orientale del complesso di Cimitile, con fasi costruttive comprese tra il IV e il VI sec. d.C.2.

10Per quanto concerne la cronologia, un’indicazione utile proviene dall’epigrafe sopra riportata, che, benché rinvenuta in condizioni di reimpiego, contiene con ogni probabilità un riferimento diretto alla basilica. Altro elemento significativo è la datazione delle sepolture che si dispongono in connessione al luogo di culto. Tra esse, l’unica ad aver restituito oggetti di corredo è la T. 20/1970, rinvenuta in prossimità dell’abside, al cui interno fu rinvenuta un’anforetta di ceramica steccata, databile tra il IV e il VII sec. d.C.

11È probabile che la basilica sia stata attiva tra il periodo tardo-antico e l’alto medioevo. All’interno sono stato rinvenuti diversi frammenti di intonaco dipinto: tra essi spicca un frammento nel quale è raffigurato l’occhio di un personaggio, la cui resa stilistica riconduce alle pitture di IX-X sec. d.C.

Teresa Cinquantaquattro

Bibliographie

  

Colucci Pescatori 1984: G. Colucci Pescatori, s.v. Avella, in BTCGI, III, Pisa, Roma, Napoli 1984, 339-344.

d’Henry 1973: G. d’Henry, in Rassegne archeologiche: La Campania, in Economia e società nella Magna Grecia, Atti del XII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 8-14 ottobre 1972, Napoli 1973, 293-294.

Ebanista 2003: C. Ebanista, Et manet in mediis quasi gemma intersita tectis. La Basilica di S. Felice a Cimitile. Storia degli scavi, fasi edilizie, reperti, Napoli 2003.

Johannowsky 1979: W. Johannowsky, «Archeologia», in Avella. Appunti e note, Avella 1979, 17-28.

Notes

1 d’Henry 1973, 293-294; Johannowsky 1979, 28; Colucci Pescatori 1984, 340-341.

2 Ebanista 2003, 158 sgg.

Table des illustrations

Titre Fig. 11.1
Légende Avella, S. Paolino (Foto Soprintendenza Salerno). Veduta di insieme dei resti della basilica.
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3899/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 188k
Titre Fig. 11.2
Légende Avella, S. Paolino (Foto Soprintendenza Salerno). Iscrizione.
Crédits © DR
URL http://books.openedition.org/cdf/docannexe/image/3899/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 147k

© Collège de France, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540