Desktop versionMobile version
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 3

 | 
Stefania Capini
, 
Patrizia Curci
, 
Maria Romana Picuti

Saepinum (Altilia)

Sepino, ubicazione incerta, Magna Mater

Valeria Scocca

Index terms

Geographical index :

Sepino

Full text

1Cippo in calcare (cm 110 × 51, prof. non misurabile; alt. lett. 4,5-5). Rinvenuto ad Altilia, attualmente in reimpiego nella masseria Giacchi, oggi Maglieri.

Fonti epigrafiche

2CIL IX, 2480; Gaggiotti 1979, 37; Gaggiotti 1982, 38 ; EDR 133207 (Simone Di Mauro).

D(is) M(anibus)
Enniae
Prisce col(legium)
Canofora=
rum
«Agli Dei Mani di Ennia Prisca, il collegio delle Canofore».

3Non identificabile con alcuna struttura nota è un luogo di culto dedicato a Magna Mater, documentato dall’iscrizione di questo cippo funerario menzionante un collegium Canoforarum ad esso delegato (sulle testimonianze archeologiche del culto a Magna Mater, una statuetta e due cimbali di bronzo, si rimanda all’introduzione).

4L’iscrizione si data nel II sec. d.C.

Bibliography

Gaggiotti 1979: M. Gaggiotti, «I culti», in Sepino 1979, 37-39.

Gaggiotti 1982: M. Gaggiotti, «Il periodo romano», «La stratificazione sociale», «I culti», «La gens Neratia», «Le terme del foro», «La basilica», «Il teatro», in Saepinum 1982, 27-49; 107-110; 127-156.

Author

Dottoranda in Storia delle Arti, Università di Verona e di Venezia Ca’ Foscari/IUAV (Italia)

© Collège de France, 2015

Terms of use: http://www.openedition.org/6540