Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 3

 | 
Stefania Capini
, 
Patrizia Curci
, 
Maria Romana Picuti

Allifae (Alife)

Ubicazione incerta, Iuno

Giuseppe Camodeca et Enrico Angelo Stanco

Entrées d'index

Géographique :

Alife

Texte intégral

1Alcune iscrizioni documentano la presenza nel territorio alifano di magistri sacrorum Iunonis, mancano però elementi certi per localizzare il relativo luogo di culto. Ad Alife è attestato il culto di Iuno Regina e, forse, quello di Iuno Lucina (schede Alife, ubicazione incerta, Iuno Regina e Alife, S. Caterina d’Alessandria, piazza).

Fonti epigrafiche

2a. CIL IX, 2363 = ILS 6514

[---]E[---]
Serviliae ser(vus / a) vix(it) ann(os ) [- - -]
[M(arcus)] Aedius, Serviliae l[ib(ertus),]
[E]paphra Aug(ustalis) Allifis, q(uaestor) [Aug(ustalium),]
mag(ister) sacr(orum) Iunonis, sibi e[t]
[Ae]diae Megiste co janvier 2015niugi s[uae]
[et] <M>artiali et Anterot[i]
fratribus eius
«(...) Marco Edio Epafra, liberto di Servilia, Augustale ad Alife e questore degli Augustali, magister del culto di Giunone (fece) per sé e per Edia Megiste sua coniuge e per Marziale e Anterote suoi fratelli».

3Datazione: metà I sec. d.C.

4b. CIL IX, 2365 (corretto in Camodeca, Parma c.s.)

[M(arcus) Aediu]s, Serviliae l(ibertus), Pylade[s]
[mag(ister) Iun(onis) sac]r(orum), q(uaestor) Aug(ustalium) Allif(is) honorat(us) d(ecreto) d(ecurionum),
sibi et
[M(arco) Aedio,] M(arci) l(ibertus), Rhodoni p(atri), Aug(ustali) Allifis,
[ex] testamento suo HS (viginti milia)
[arbitr(atu)] Aediae Irenes matris fieri iussit.
«Marco Edio Pilade, liberto di Servilia, magister del culto di Giunone, questore degli Augustali ad Alife, dignitario per decreto dei decurioni, dispose nel suo testamento che, con 20.000 sesterzi e a cura della madre Edia Irene, si facesse (il sepolcro) a sé e a suo padre, Marco Edio Rodone, liberto di Marco, Augustale ad Alife».

5Datazione: metà I sec. d.C.

6c. CIL IX, 2362

L(ucius) Acilius, L(uci) l(ibertus), Philom[usus]
Aug(ustalis) Allifis, magist[er]
Iunonis sacror[um,]
sibi et suis
«Lucio Acilio Filomuso, liberto di Lucio, Augustale ad Alife, magister del culto di Giunone, (fece il sepolcro) per sé e per i suoi».

7Datazione: I sec. d.C.

Auteurs

Professore ordinario di Storia Romana e Epigrafia Latina presso il Dipartimento Asia, Africa e Mediterraneo, Università di Napoli «L’Orientale» (Italia)
Archeologo direttore coordinatore, in servizio presso la Soprintendenza per i beni archeologici di Napoli, Napoli (Italia)

© Collège de France, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr