Version classiqueVersion mobile

Fondements et crises du pouvoir

 | 
Valérie Fromentin
, 
Jean-Michel Roddaz
, 
Sophie Gotteland
, 
et al.

III. Crises du pouvoir en Grèce et à Rome

Iterum mutatur forma civitatis (Livio, 3.33.1) : il decemvirato

Gabriella Poma

Texte intégral

  • 1 CIL, XIII, 1668,1.31 sq. (ILS, 212). Cf. Tac., Ann. 11.24.

1Il decemvirato è un momento forte della vicenda istituzionale della prima repubblica. Come tale lo intende ancora Claudio nel suo discorso al senato del 48 d.C. : quid a consulibus ad decemviros translatum imperium, solutoque postea decemvirati regno ad consules rursus reditum1.

  • 2 Liv. 3.33.1.

2È, in buona sostanza, una ripresa dell'interpretazione liviana espressa con grande solennità all’inizio del capitolo 33 del III libro delle Storie : anno trecentesimo altero quarn condita Roma erat iterum mutatur forma civitatis2.

  • 3 Id., 3.33.2 : minus insignis, quia non diuturna, mutatio fuit. Laeta enim principia magistratus ei (...)

3La translatio imperii dai consoli ai decemviri, prosegue poi Livio in una sorta di commento posto a preambolo della successiva diffusa narrazione, era analoga a quella appena avvenuta tra re e consoli ; ciò che fece la differenza fu un elemento “esterno”, per così dire : la minore durata determinata non dalla natura transitoria della nuova forma civitatis, ma dall’imprevista degenerazione della stessa per errori umani3.

  • 4 Sul problema storiografico relativo al decemvirato, cf. Poma 1984, 15-52.

4L'interpretazione liviana è da assumersi come tale (un’interpretazione appunto non si sa quanto originale) o fonda su dati di fatto ? In altre parole, esistono elementi che possano suffragare una valutazione del decemvirato in termini non solo di una commissione di legislatori a tempo, ma anche di una nuova forma civitatis, meno importante del passaggio dall’assetto monarchico a quello repubblicano per la limitata durata, ma di analoga qualità costituzionale ? E, se questa seconda ipotesi è praticabile, quali ne furono i motivi generatori ? E quali le cause del fallimento ? È il problema della natura istituzionale del decemvirato4.

  • 5 Il tema non cessa d’essere termine di confronto fin dal Perizonius ; basti richiamare i contributi (...)

5Il Decemvirato è, come tutti i temi di storia repubblicana arcaica, innanzitutto un problema di fonti. È ben noto come sia artificiosa la prospettiva in cui l’annalistica pone il processo di sviluppo delle istituzioni repubblicane, visto e presentato come una progressiva acquisizione di più compiuta libertas. Ed è altrettanto noto come sulla tradizione annalistica, di tarda formazione, cali l’ombra pesante di interventi manipolatori (anticipazioni, reduplicazioni), nonché di incomprensioni5.

6Quasi tre secoli dividono i primi annalisti dai momenti iniziali dell’età repubblicana ed è facile intuire come fosse difficile per essi misurare la distanza dai fatti remoti, quando pur sempre si trattava di occuparsi di consoli e senato, patrizi e plebei, clienti.

  • 6 Ben nota è la tesi di A. Alföldi 1963, che chiama in causa Fabio Pittore come deliberato falsifica (...)
  • 7 Momigliano 1977, 14.

7Il punto centrale, sul piano metodologico, è stabilire se gli annalisti, primi o tardi, tutti o in parte, testimonino di una volontà sistematica di deformare gli avvenimenti6 o se, al di là delle omissioni, degli anacronismi, delle anticipazioni, e soprattutto del processo di interpretazione politica necessariamente attualizzante, sia possibile attingere ad un nucleo di dati di fondo “strutturali” (per dirla col Momigliano7) della tradizione. Su questi aspetti basilari dell'intera problematica le contrappo sizioni restano inconciliabili, anche se alcune posizioni radicali di critica sono in via di attenuazione e un qualche rinnovamento nell’approccio ai problemi si profila.

8Non c’è più spazio per posizioni ipercritiche, ma neppure per un’incondizionata accettazione della tradizione : essa “esiste” (e in un certo senso, spadroneggia, in età arcaica, per la rarefazione di altri tipi di fonti) e per ciò stesso reclama d’essere decifrata nella sua ragion d’essere. Il problema critico sta quindi nell’operare sulla tradizione su di un duplice livello : l’individuazione degli “elementi di struttura” e la verifica della loro fondatezza storica, da un lato, e l’identificazione degli strati successivi di interpretazione ideologica, di invenzione retorica, di arricchimento narrativo e la decifrazione delle loro motivazioni, dall'altro.

  • 8 Liv. 3.33-55.
  • 9 Dionigi dedica ai prodromi del decemvirato l’intero libro 10 della sua Romaike Archaiologia, per p (...)
  • 10 Analogo, sostanzialmente, è lo schema in cui si inquadra la vicenda, dalla lex Terentilia (Liv. 3. (...)
  • 11 Diod. 12.23-25.
  • 12 Bretone 1987, 37 sq.

9La tradizione sul decemvirato è, da questo punto di vista, esemplare. L’identità di fondo della tradizione che è accolta in Livio8 e Dionigi9 presenta i tratti caratteristici di una vulgata, ormai fissatasi alla fine dell’età repubblicana10. Tuttavia queste affinità non riescono a celare del tutto significative divergenze (sul decennio predecemvirale, sulla pubblicazione delle leggi, sulla genesi del secondo anno decemvirale), divergenze che diventano ancora più marcate nel raffronto con il testo di Diodoro11. Sulla realtà storica del decemvirato non si può dubitare ; anzi, è uno dei pochi elementi del V secolo a.C., che, pur presentandosi con un apparato narrativo che rivela tarde rielaborazioni, si afferma appunto con i caratteri di elemento “strutturale”, in quanto poggia su uno dei dati più saldi dell’incerta storia della prima repubblica, la codificazione decemvirale. Le XII Tavole, proprio perchè rappresentano un unicum nella storia giuridica di Roma, hanno un ricordo saldamente fissato nei secoli12. A livello della reinterpretazione e della riscrittura sembra, invece, appartenere lo sviluppo narrativo dell’esperienza decemvirale, che è rimarchevole, in Livio e Dionigi, quanto ad ampiezza, a sapienza descrittiva, a ricerca di effetti drammatici.

  • 13 Raaflaub éd. 1986 ; Mitchell 1990.
  • 14 Un punto storiografico in Musti 1988, 367-72.
  • 15 In merito, cf. Poma 1984, 203 sq., con bibliografia.

10I problemi si presentano subito, non appena si cerca di chiarire le linee della crisi politica e sociale che portò al decemvirato. Le fonti con grande nettezza collocano il tutto nel contesto del conflitto tra patriziato e plebe. Ma quanto sia ancora problematico decifrare il tessuto politico e sociale della Roma del V secolo a.C. emerge dai dibattiti recenti13, e non solo per quanto riguarda la scansione cronologica dei processi di formazione del patriziato e della plebe14, ma anche per le stratificazioni che emergono all'interno dei due blocchi (patresconscripti ; maiores-minores gentes ; patricii-proci patricii ; plebs urbana-rurale ; plebs e clientes), la cui natura e i cui rapporti reciproci continuano a restare in gran parte enigmatici15.

  • 16 Si veda Gagé 1977.
  • 17 Magdelain 1964, 427-473 ; Momigliano 1967, 199 sq.

11Che, del resto, non sia sostenibile un’immagine del patriziato come un’entità monolitica lo indicano le fonti, annalistiche ed antiquarie, quando fanno emergere con chiarezza la presenza di diverse tradizioni gentilizie, culturali, rituali, di diverse strutture militari e organizzative, di diverse vocazioni politiche16. Si può supporre che la tradizione semplifichi in una opposizione tra nobilità filoplebea (Valerii ed Horatii, ad esempio) e nobiltà chiusa ad ogni concessione (tipica la caratterizzazione dei Claudii) una realtà molto più frammentata, anche se i parametri sia economici sia politici sia religiosi che, nelle fonti, identificano il patriziato sono chiaramente definiti (la proprietà delle terre ; l’accesso al consolato e ai sacerdozi ; il monopolio degli auspici – ossia la pretesa (mai contestata) dei patrizi di essere per diritto di nascita gli unici legittimati a comunicare con gli dei e a sondarne la volontà)17.

  • 18 Ampolo 1976-77, 333-345 ; cf. Raaflaub 1986, 232.

12La realtà del Lazio arcaico (le ricerche di Ampolo)18, che trovano conferma nei dati archeologici, ce ne hanno fatto da tempo accorti) è di grande mobilità territoriale all’interno dell'aristocrazia, con scambi e relazioni matrimoniali, con processi sinecistici che vedono riconosciuta nell’interno della nuova comunità l'originario status nobiliare, con vaste presenze di bande (sodales, condottieri) che progressivamente vennero imbrigliate dalle norme e dagli ordinamenti delle civitates.

  • 19 Stibbe et al. 1980.
  • 20 Richard 1990, 245-262.
  • 21 Tab. VIII, 27.

13Ancora nei primi anni della repubblica, nel 495 a.C., Attus Clausus migra dalla Sabina con gran seguito di clienti, riceve terre e viene accolto inter patres giungendo rapidamente alle alte cariche ; è forse uno dei tanti che vengono dall’Etruria, dagli Equi, dai Volsci, come i nomi dei consoli nei Fasti fanno trapelare, da soli o con seguito più o meno ampio. Se ancora attorno al 500 a.C. i suodales di Poplios Valesios erano attivi a Satrico come gruppi personali attorno a un capo19, a Roma nel 477 a.C. la sconfitta dei Fabi al Cremerà pare segnare ormai la fine delle gentes e dei loro sodales come strutture politico-militari dotate di una certa capacità di iniziativa privata all'interno della civitas20. E le leggi delle XII Tavole, dopo qualche decennio, sanciranno il limite che la città pone a queste forme di sodalità, garantendone la libertà dum ne quid ex publica lege corrumpant21.

  • 22 Brizzi 2001, 115 sq.

14Come suggerisce Giovanni Brizzi22, in una suggestiva analisi dell’origine del ius connubii, il definirsi delle strutture della civitas repubblicana e lo sviluppo delle vicende politiche portarono alla cessazione sia dell’assimilazione in blocco dei patriziati locali nella comunità romana sia del trasferimento di intere gentes da un territorio all’altro, per cui “quelli attuati da un certo momento in poi sul tronco della res publica non furono che semplici innesti individuali, i germogli trapiantati da grandi clan”, che dovettero finire (una volta chiuso il processo di aggregazione di minores gentes) nel novero dei plebei.

  • 23 Fest., s.v. Qui patres, p. 304 L. ; p. 36 L. (s.v. conscripti).

15Ci si potrebbe a questo punto chiedere se questi “innesti individuali” possano essere identificati in quella categoria dei conscripti che, secondo Festo23, il console P. Valerio propter inopiam patriciorum ex plebe adlegit in numerum senatorum.

  • 24 Liv. 2.1.10-11 (provenienza dagli equites, che però appaiono diversi dal fior fiore del patriziato (...)

16I conscripti, registrati (come il termine induce a supporre) in appositi elenchi, entrano in senato per scelta consolare dettata da opportunità politica, quella, cioè, di consolidare il nuovo regime con gruppi esterni al patriziato che al prestigio della nobiltà ereditaria oppongono quello, verosimilmente, della forza della ricchezza24.

  • 25 Liv. 2.1.11.
  • 26 Problema annoso : cf., tra gli altri, Richard 1978, 519 sq. È il Momigliano a supporre che nei nom (...)
  • 27 Su questo cf. Richard 1978, 522 sq.

17Fa riflettere il commento di Livio ai provvedimenti del console Valerio : id mirum quantum profuit ad concordiam civitatis iungendosque patribus plebis animos25. In che senso, ci si può chiedere, l’elezione dei conscripti può aver contribuito alla concordia tra le due parti ? Il ricordo di questa particolare categoria di senatori in età classica è oramai sfumato, al punto che l’espressione, non più distinta, patres conscripti passa ad indicare i membri del senato in quanto tali. Ma così non dovette essere in origine e non è da escludere che proprio in questo novus videlicet senatus si possa trovare una giustificazione alla presenza di nomi "plebei" nei Fasti26.I Fasti stessi sembrano aprire la strada a questa ipotesi quando presentano i nomi di tale “qualità” raggruppati in periodi politicamente ben connotati, in coincidenza con sviluppi di una certa novità : dal 502 al 500 a.C. (Sp. Cassius nel 502 ; Post. Cominius nel 501 ; M’. Tullius nel 500), nel momento di maggior concordia per la fresca repubblica ; dal 493 al 491 a.C. all’indomani della prima secessione, in un quadro di riassestamento dell’equilibrio interno (Post. Cominius e Sp. Cassius nel 493, P. Minucius nel 492, M.Minucius nel 497 e 491)27.

18Colpisce il fatto che anche alcune coppie consolari dal 461 al 451 a.C. (il decennio predecemvirale che si apre con le agitazioni connesse con la rogatio Terentilia) non abbiano storia politica alle spalle e ci si potrebbe chiedere se esse rappresentino l’emergere di forze diverse dal patriziato tradizionale, portatrici di istanze di sviluppo innovativo politico e sociale.

19Prima ancora della vicenda di Ap. Claudius e dei decemviri, le iniziative di uno Sp. Cassius, anch’essa realtà molesta spazzata via con l’accusa di voler instaurare un potere personale, suscitano analoghi dubbi.

  • 28 Cf. De Sanctis 1980, I, 241. Per recenti riprese di dibattito sulla fisionomia della serrata, Must (...)

20Il processo di maturazione politica che trova il suo punto d'approdo nell’esperienza decemvirale si viene a meglio chiarire, se si ipotizza che i conscripti, nel ruolo che già in altri momenti avevano assunto di “cerniera” tra le esigenze plebee e il patriziato, si facciano promotori, alla metà del V secolo a.C., di un'azione politica più ricca di potenzialità, più fluida nei rapporti tra gli ordini, dopo la crisi aperta con la “serrata del patriziato” fissata nel 486 a.C.28

  • 29 Liv. 2.3 ; Dion. H. 5.63.1-67.3.
  • 30 Peppe 1981 ; Richard 1986, 125 sq., con riferimenti bibliografici.
  • 31 Cf. Raaflaub 1986, 14 sq. ; 210 sq.

21Se andiamo a considerare da vicino il “pacchetto” delle rivendicazioni plebee, secondo l’impostazione annalistica, si coglie subito la priorità del tema dei debiti : è il motore primo della secessione plebea del 494-93 a.C.29. Si può discutere a lungo sulle realtà giuridiche che si celano nei termini nexi o addicti, ma sembra diffìcilmente negabile la gravità del problema dei debiti30. Le norme delle XII Tavole sull’esecuzione del debitore stanno a confermarne la fondatezza, nella loro tragica arcaicità ; troppo limitati erano i margini di autosufficienza dell’economia agricola per non supporre che bastasse un saccheggio, un disastro climatico, una pestilenza per determinare frequenti carestie31.

22E per quanto si possano sollevare dubbi sulla portata della crisi economica che colpì la Roma del V secolo a.C. e per quanto si possa convenire sul fatto che nella tradizione annalistica relativa all’età arcaica si riflettano situazioni più proprie alla tarda età repubblicana, crisi in effetti ci dovette essere nella Roma uscita dall’orbita etrusca e pressata dalle minacce dei popoli vicini. Lo indicano dati di grande rilevanza, come le continue crisi alimentari, il cessare delle importazioni di ceramica greca, il blocco dell'erezione dei templi.

  • 32 Bretone 1987, 98 sq.

23Il tenore stesso del codice decemvirale, con la sua insistenza sui temi della tutela della proprietà, della difesa del raccolto e del bestiame e la contemporanea assenza di norme di tutela del commercio, porta a delineare una fisionomia di società agraria32, chiusa in se stessa, tesa a limitare ostentazioni di ricchezza attraverso le norme di divieto del lusso dei funerali.

  • 33 Liv. 2.41 ; Dion. H. 8.69 sq.
  • 34 Id., 2.42.6.
  • 35 Id., 2,54.1.

24La richiesta di distribuzione di terre irrompe nel 486 a.C., a seguito della proposta del console Sp. Cassius di una divisione viritana dell’ager publicus aperta anche ai Latini e agli Ernici33 ; da quel momento i tribuni adoperarono per decenni la dulcedo agrariae legis per allettare l’animo della plebe34 e per stimolarla alla lotta35 ; processi ai consoli, morte misteriosa del tribuno Genucio, profondi mutamenti del tribunato della plebe, tutto avviene all’ombra della legge agraria, richiesta, minacciata, sempre respinta.

  • 36 Id., 3.31.1
  • 37 Dion. H. 10.32.3

25L’unica concessione agraria che la plebe ottiene però è la destinazione ad edificazione plebea del colle Aventino nel 456 a.C. (su cui Dionigi si diffonde in particolari, a confronto del lapidario de Aventino publicando lata lex est di Livio36). Interessante è il commento di Dionigi, che sembra voler giustificare la modestia del risultato : i plebei potevano ritenersi soddisfatti di ottenere della terra urbana, visto che la regione attorno era intoccabile, posseduta come era da molti potenti37. Tanto agitarsi per così poco, sembra dire Dionigi.

  • 38 Cf., tra gli altri, Raaflaub 1986, 211 sq. ; Gabba 1993, 16.

26I dubbi sulla accettabilità della tradizione quando pone al V secolo a.C. l’avvio della contesa sull’ager publicus sono ben noti e non infondati38 ; è ben vero che l’annalistica pone tutto un susseguirsi di guerre, di città prese, di terre tolte, ma il primo sostanzioso incremento di territorio si ha solo con Veio e la prima legge agraria su cui si può essere sufficientemente sicuri è del 367 a.C., ben più di un secolo dopo la legge Icilia. Il che non vuol dire che il tema della terra non si intrecciasse con quello dei debiti, ma che probabilmente non si presentava secondo lo schema “graccano” del contrasto per l’utilizzazione delle terre pubbliche.

27Nei frammenti a noi pervenuti delle leggi delle XII Tavole non c’è alcuna menzione di ager publicus, e questo (anche se non si può del tutto escludere che possa essere un frutto del caso) pare tuttavia elemento indicativo.

  • 39 Cf. da ultimo, Capogrossi Colognesi 1988, 163-289.
  • 40 Id., 266 sq.
  • 41 Dion. H. 2.7.4.

28Certamente, se fossimo in grado di sciogliere i dubbi sull’assetto delle proprietà delle terre nel V secolo a.C., problema tra i più discussi in inevitabile connessione con quello del carattere delle gentes39, meglio sapremmo valutare la natura e la portata dei conflitti interni nella Roma della prima età repubblicana. Anche se si accetta l'ipotesi, di conciliazione, che si affiancassero due situazioni di proprietà delle terre (quella dei gentiles grandi proprietari di terre sostenuti dai loro clienti – da cui la denominazione delle più antiche tribù rustiche – e quella dei piccoli e medi agricoltori indipendenti – che si riflette nell’ordinamento “serviano”40) resta pur sempre la difficoltà di fissare l' origine dell’appropriazione personale ed individuale delle terre, che la tradizione faceva risalire ai bina iugera della distribuzione romulea41.

  • 42 Liv. 3.31.7 sq.

29L’azione della plebe, nella prima metà del V secolo a.C., riguarda l’ordinamento plebeo, la difesa delle prerogative dei tribuni, l’apertura di processi contro i magistrati ; non ha mai come obiettivo la riforma dell’ordinamento della res publica. Il tema dell’integrazione politica appare solo in un tempo successivo ; è un portato del decemvirato, almeno in Livio, con la discussione sulla partecipazione o no di plebei al collegio decemvirale nel 454 a.C.42

  • 43 Id., 4.1.2.
  • 44 Id., 4.1.3.

30La rivendicazione esplicita del consolato (in una duplice soluzione, prima ut alterum ex plebe consulem liceret fieri43, poi che si potessero eleggere liberamente i consoli seu de plebe seu de patribus44) appare infatti per la prima volta in connessione con la richiesta di abolizione del divieto di connubio nel 445 a.C.

  • 45 Momigliano 1967, 297-312 ; Ménager 1972, 367-397 ; Richard 1978, 433 sq. ; Raaflaub 1993, 129-147.

31La compresenza di rivendicazioni economiche e di rivendicazioni politiche da parte della plebe ha sollecitato da tempo una riflessione sulla fisionomia del movimento plebeo della prima repubblica45. È una questione, bene lo sappiamo, che non turba Livio o Dionigi, che accolgono una tradizione di una lenta, ma lineare e progressiva conquista plebea di spazi politici, dalla prima secessione fino alla lex Hortensia.

  • 46 Il dibattito sul ruolo militare della plebe, e sulla datazione dell’introduzione dell’ordinamento (...)

32Il termine plebs chiaramente ricopre una realtà non identificabile in toto con la massa dei piccoli proprietari in crisi, degli artigiani e dei commercianti caduti in miseria dopo la contrazione degli scambi commerciali dell’area etrusca, che devono difendere la propria libertà dalla minaccia del nexum. Se solo tale fosse la plebe, avrebbe poco senso richiedere l'accesso al consolato e, dopo le XII Tavole, al connubio e tanto meno sarebbe comprensibile il costante raccordo tra lotta plebea e rifiuto della leva46.

33Evidentemente il quadro sociale plebeo è più complesso. La tradizione ce lo fa intuire quando sempre più, nello scorrere delle vicende, diventa visibile, nel movimento plebeo, la presenza di personaggi e gruppi che si fanno sì portavoce delle richieste di distribuzione di terre e di cancellazione di debiti, ma che fanno anche perno sulle masse plebee in rivolta per avanzare istanze di integrazione politica e che, quindi, l’integrazione politica la possono sostenere.

  • 47 Liv. 3.9.5. È difficile mettere in dubbio la storicità della rogatio, il cui ricordo si giustifica (...)

34In questo contesto va collocata la genesi del decemvirato. Esso ha alle spalle una svolta politica di non poco rilievo : dopo decenni di vane lotte per l’approvazione di una legge agraria l’oscuro tribuno C. Terentilius Harsa presenta la legge ut quinque viri creentur legibus de imperio consulari scribendis47, cambiando, abbastanza repentinamente almeno in Livio, l’obiettivo dell’azione.

  • 48 Liv. 3.9.2-4.

35L’obiettivo diventa dunque porre limiti ad un imperium consolare prope atrocius quam regium48, che trovava nel ius coercitionis lo strumento (almeno a stare alla tradizione) di una gestione autoritaria ed arbitraria del potere, non più di tanto attenuata né dal ius auxilii tribunizio né dalla provocatio. Non c’è la rivendicazione dell’accesso al consolato, ma di una regolamentazione del consolato.

  • 49 Dion. H. 10.3.4.

36Dionigi d’Alicarnasso, invece, attribuisce alla proposta del tribuno un contenuto che più direttamente porta alla legge di istituzione del decemvirato49 : un collegio di dieci uomini, i più anziani e i più saggi, cui venga attribuito il compito di redigere leggi su tutta la materia pubblica e privata.

  • 50 Id., 10.3.2.

37Ciò significa, per Dionigi, il raggiungimento, in prospettiva, dell’eunomia, intesa come insieme di norme non solo scritte e certe, ma anche tali da garantire un’uguaglianza di diritti e una libertà politica50.

  • 51 Liv. 3.15.
  • 52 Id., 3.31.7.
  • 53 Id.,, ibid. : si plebeiae leges displicerent, al illi communiter legum latores et ex plebe et ex p (...)
  • 54 Diverso è lo sviluppo degli avvenimenti in Dionigi, in cui non c'è frattura tra la rogatio Terenti (...)
  • 55 Liv. 3.32.7 ; Dion. H. 10.56.2.

38Dopo un decennio di lotte, di minacce di secessione, di oscuri episodi, come il tentativo del sabino Appius Herdonius di occupazione del Campidoglio alla testa di un movimento servile51, di iterazioni del tribunato che sfociano nel raddoppio del collegio, tutto questo si incanala, con una rapida svolta, in una soluzione che è presentata dalle fonti come di compromesso tra i patrizi e i plebe : non più la proposta di limitare i poteri dei consoli, ma la richiesta di una redazione di un codice di leggi52. Richiesta che nella sostanza i patrizi accettano, aprendo la via all’accordo per il decemvirato. Non viene eletta una commissione mista di legislatori come la plebe chiedeva53, ma un collegio decemvirale di legislatori54. Non fu accettata la richiesta plebea di ammissione al collegio, ma la rinuncia fu compensata dal mantenimento della legge Icilia e delle aliae sacratele leges55.

39È un’innovazione sul piano magistratuale, che non cambia la sostanza del potere (decemviri consulari imperio legibus scribundis, registrano i Fasti), ma azzera il quadro istituzionale. Si prevede la sospensione eo anno di ogni altra magistratura e della legge sulla provocazione.

  • 56 Cf. Poma 1984, 208 sq. ; sul tema da ultimo Humbert 1990, 264 sq.
  • 57 Bretone 1987, 76.

40La critica moderna si è chiesto a lungo se vi sia congruenza o no tra la prima richiesta di Terentilius di fissare con leggi l’imperium dei consoli e quanto col decemvirato si venne a determinare, dando risposte non univoche56. E tuttavia evidente che un corpo di leggi scritte già di per sé consentiva un “qualche controllo dei meccanismi giurisdizionali e giudiziari”57.

  • 58 Liv. 3.31.7.
  • 59 Dion. H. 10.30.4.

41In un dato, in sostanza, la tradizione di Livio e quella di Dionigi d'Alicarnasso concordano : le leggi delle XII Tavole tradussero in realtà il principio sotteso alla rogatio Terentilia. Le leggi scritte devono divenire il punto di riferimento della res publica, devono dare sostanza alla libertas da poco conquistata : la libertas diventa aequa in Livio58. Dionigi, alla greca, parla di isonomia59.

  • 60 Duas civitates ex una factas, scrive Livio (2.44.9).

42Ora è evidente che il progetto di codificazione è manifestazione di una volontà unitaria. La plebe rinuncia al suo separatismo60, il patriziato acconsente a non difendere il monopolio dell’amministrazione della giustizia.

43Il problema che si pone è, allora : se il decemvirato è la risposta ad una crisi, in che direzione la crisi doveva (o avrebbe dovuto) essere risolta ? In altre parole, l'esperienza decemvirale era destinata a conchiudersi nella redazione di un corpo di leggi o la codificazione è solo un aspetto del progetto di nuovo assetto costituzionale ?

44La risposta ce la dà Livio quando presenta il decemvirato come una soluzione diversa dalla costituzione di una semplice commissione con mandato legislativo : c’è l’eliminazione dei punti di scontro del consolato e del tribunato ; c’è la proposta di un modello organizzativo, il collegio decemvirale, più ampio e più rappresentativo ; c’è il contestuale avvio di una legislazione scritta che offre numerose garanzie sul piano personale contro gli arbitri dei pubblici poteri ; c’è, insomma, la mutata forma civitatis.

  • 61 T. Minucius (Diod. 12.23.1) ; T. Genucius (Liv. 3.33.3 ; Dion. H. 10.56.2). Cf. Poma 1984, 223-224
  • 62 Liv. 3.35.10.
  • 63 Dion. H. 10.58.4.

45I nomi dei decemviri componenti i due collegi sono guida a decifrare il progetto politico. Il primo collegio è patrizio, totalmente formato di ex-consoli (a parte l’incertezza su Genucius/Minucius61), ma senza esponenti di importanti gentes, escluso Ap. Claudius ; il secondo collegio ha uomini di scarsa rinomanza per Livio62, dichiaratamente plebei, in parte, per Dionigi63, senz’altro personaggi – alcuni – senza passato politico alle spalle e senza futuro o con futuro nei quadri plebei.

  • 64 Cf. Poma 1984, 234 sq.
  • 65 Liv. 3.36.5 ; Dion. H. 11.22.6-7 ; Cic., Rep., 3.32.44.
  • 66 Sulla matrice politica della rivisitazione di episodi di storia repubblicana arcaica cf. Lintott 1 (...)
  • 67 Per una acuta analisi della figura del censore cf. Garzetti 1947, 175-224.
  • 68 Mommsen 1864, 287-318. La tesi del Mommsen fonda sulla tradizione deodorea che presenta Ap. Claudi (...)
  • 69 In Livio e in Dionigi i Claudii sono nemici della plebe ; si deve al Mazzarino 1966, 2, 311 l’anal (...)
  • 70 Liv. 3.19.9, nelle parole di Cincinnato.
  • 71 Un’indicazione in tal senso in Musti 1988, 377.

46Il secondo collegio (ed anno) decemvirale, punctum dolens della tradizione, quello su cui si misurano le opposte tesi, moderne, sulle finalità e sui limiti temporali del decemvirato64, appare la chiave di volta per comprendere il nuovo che tenta di affermarsi in Roma. L’accusa di tirannide, infatti, che coinvolge Ap. Claudius65 e i suoi, ripropone temi polemici della fine della repubblica66, intrecciandosi probabilmente con antiche polemiche contro un altro Claudius, il censore67, e rivela dunque la sua origine artificiosa, in cui hanno buon gioco le rivalità gentilizie e si riflettono i più immediati conflitti di una res publica che si avvia alla fine. La presenza di Appius, come già il Mommsen aveva messo in luce68, non è certamente inquadrabile negli schemi annalistici in cui la sua gens viene tradizionalmente collocata69. L’azione di Ap. Claudius, che del decemvirato si fa promotore alla testa di un vasto fronte di alleanze che vede patrizi muoversi in accordo, a quanto pare, con esponenti di gruppi politicamente minori ma emergenti o che al patriziato non appartengono (i conscripti ?), conferma che nel conflitto patrizi-plebei non si fronteggiano due monoliti, ma due mondi compositi, e rende evidente che il decemvirato è frutto di un accordo innovativo, che fa uscire la plebe dalla sua parse, i tribuni dal loro intoccabile feudo70 e i patrizi (o almeno, determinati gruppi71) dal loro contrapposto accaparramento del potere.

47Il fallimento mise fine per decenni all’apertura politica verso l’élite plebea ; segnò l’emarginazione di genti patrizie, non solo i Claudii, ma anche i Sextii, i Curiatii, i Minucii, i Romulii, i Veturii spariscono. Tornano alla ribalta, per quella che la tradizione presenta come una esplicita riproposizione della rifondazione della repubblica, i Valerii e gli Horatii.

48Perché l’accordo salta e quale forma civitatis viene rispristinata ?

  • 72 Giua 1967, 308-29.

49Sgombrato il campo dall’accusa di tirannide, che è funzionale, nella tradizione annalistica, a eliminare moleste ed inspiegate presenze72, la comprensione di tale sviluppo ci viene resa possibile dalla vicenda del divieto di connubio.

  • 73 La tesi delle due fasi legislative, non in rapporto però con l’introduzione del divieto di connubi (...)

50Le fonti sono unanimi nell’affermare che il primo collegio redasse solo una parte delle tavole, esattamente dieci quanti erano i decemviri, e che solo in un secondo tempo la codificazione venne completata con le due tavole inique73.

  • 74 Per le fonti, cf. Poma 1984, 275.
  • 75 Diod. 12.25.2-3.

51L’unanimità si spezza però quando si tratta di attribuire una paternità alle ultime due tavole e, ancor di più, di determinare il momento e le modalità della loro approvazione. Livio, Dionigi, Cicerone, Pomponio e Zonara attribuiscono il completamento al secondo collegio74 ; Diodoro invece riferisce tutto al successivo collegio consolare75. La natura fortemente oligarchica della norma è fuori di discussione ; la questione è quindi se essa chiuda la parabola politica del decemvirato o se invece, seguendo la linea diodorea, sia da attribuire all’opera dei successivi consoli.

  • 76 Cic., Rep., 2.37.
  • 77 Liv. 4.4.10.

52Che cosa significava l'inhumanissima lex di cui parla Cicerone76 ? L’introduzione di un divieto o la traduzione in legge, come Livio suggerisce attraverso il discorso di Canuleius77, di un privatum consilium che non aveva impedito legami interclasse ?

  • 78 Liv. 4.2.6 indica chiaramente che secondo i patrizi i matrimoni misti avrebbero comportato che i f (...)
  • 79 Cic., Rep., 2.63.

53L’atto stesso di fissare per via di legge il divieto di matrimonio ha in sé implicito che esistessero sia le possibilità sia le realtà di queste unioni ; ciò che la legge, allora, deve tutelare è l’appartenenza al patriziato nel momento in cui si riafferma che essa è la condizione essenziale per accedere alle magistrature78, e ciò avviene in un contesto in cui i patres (almeno, certi gruppi) intendono riaffermare il loro monopolio politico, basato e giustificato dalla gestione degli auspici. In tal senso, la norma non appartiene allo schema originario della codificazione e questa estraneità è sottolineata dalle fonti stesse quando ne attribuiscono l’introduzione ad un secondo momento codificatorio, definito iniquo79.

  • 80 Questo porta di conseguenza attribuire storicità al secondo decemvirato, che appare tutt’altro che (...)
  • 81 Liv. 3.39.5, secondo lo schema politico della tarda repubblica.

54In conclusione, la codificazione decemvirale doveva essere di supporto ad un mutamento costituzionale che fu tentato, ma fallì per la reazione della parte più conservatrice del patriziato80. I Valerii e gli Horatii, presentati di nuovo come rifondatori della res publica, cancellano i decemviri (né populares optimates81) ; ripristinano consolato e tribunato e, conseguentemente, decretano il divieto di connubio.

  • 82 È l’unico caso, a nostra conoscenza, di abrogazione di una norma decemvirale.

55Dal dopo decemvirato, in ogni modo, il tema della rivendicazione politica plebea diventa, nelle pagine degli annalisti, preminente. Quello che avvenne è noto : sulla norma relativa al connubio si misurò di lì a poco l’opposizione plebea guidata dal tribuno Canuleius e il divieto resse ben poco82 ; il consolato lasciò il passo per larghi tratti del v e iv secolo a.C. alla collegialità più ampia del tribunato militare con potestà consolare, che vide la, seppur sporadica, partecipazione di plebei. Il che, quanto meno, sta a significare che il germe decemvirale continuava ad essere vitale.

Bibliographie

Bibliografia

Alföldi, A. (1963) : Early Rome and the Latins, Ann Arbor.

Bretone, M. (1987) : Storia del diritto romano, Bari-Rome.

Brizzi, G. (2001) : “Forme di integrazione a Roma tra l’età monarchica e la prima repubblica”, in : Integrazione mescolanza rifiuto. Incontri di popoli, lingue e culture in Europa dall’antichità all’Umanesimo, Atti del Convegno Internazionale, Cividale del Friuli 21-23 settembre 2000, Rome, 115-127.

Capogrossi Colognesi, L. (1988) : “La città e la sua terra” in : Storia di Roma. I. Roma in Italia, Turin, 263-289.

Cels-Saint-Hilaire, J. (1995) : La République des tribus. Du droit de vote et de ses enjeux aux débuts de la République Romaine (495-300 av.-J.-C.), Toulouse.

Gabba, E. (1967) : “Considerazioni sulla tradizione letteraria sulle origini della repubblica” in : Les origines de la république romaine, Fondation Hardt, Entretiens 13, Genève, 135-169.

— (1993) : “Problemi di metodo per la storia di Roma arcaica”, in : Bilancio critico su Roma arcaica fra monarchia e repubblica, Convegno in memoria di F. Castagnoli (Roma, 3-4 giugno 1991), Rome, 13-24.

Gagé, J. (1977) : Enquêtes sur les structures sociales et religieuses de la Rome primitive, Bruxelles.

Garzetti, A. (1947) : “Appio Claudio Cieco nella storia politica del suo tempo”, Athenaeum, 25, 175-224.

Giua, M. A. (1967) : “La valutazione della monarchia in età repubblicana”, SCO, 16, 308-329.

Humbert, M. (1990) : “La crise politique du ve siècle et la législation décemvirale” in : Crise et transformation des sociétés archaïques de l’Italie antique au ve siècle av. J.-C., Rome, 263-287.

Lintott, A. W. (1970) : “The Tradition of Violence in the Annals of the Early Roman Republic”, Historia, 19, 12-29.

Magdelain, A. (1964) : “Auspicia ad patres redeunt” in : Hommages à J. Bayet, Bruxelles, 427-73.

Mazzarino, S. (1966) : Il pensiero storico classico, 2, Bari-Rome.

Ménager, L. R. (1972) : “Nature et mobiles de l’opposition entre la plèbe et le patriciat”, RIDA, 3rd ser., 19, 367-397.

Momigliano, A. (1957) : “Perizonius, Niebuhr and the Character of Early Roman Tradition”, JRS, 47, 104-114 (= Secondo Contributo,69-87).

— (1966) : “Osservazione sulla distinzione tra patrizi e plebei”, in : Les origines de la république romaine, Fondation Hardt, Entretiens 13, Genève, 199-221 (= Quarto Contributo,419-436).

— (1967) : “L’ascesa della plebe nella storia arcaica di Roma”, RSI, 297-312 (= Quarto Contributo,437-454).

— (1977) : “Prolegomena a ogni futura metafisica sulla plebe romana”, Labeo, 23, 7-15 (= Sesto Contributo, 476-486).

Mommsen, Th. (1861) : “Die patricischen Claudier”, in : Römisclie Forschungen, I, 287-318.

Musti, D. (1988) : “Lotte sociali e storia della magistratura” in : Storia di Roma. I. Roma in Italia, Turin, 367-395.

Peppe, L. (1981) : Studi sull’esecuzione personale. I. Debiti e debitorin ei primi due secoli della repubblica romana. Milan.

Poma, G. (1984) : Tra legislatori e tiranni. Problemi storici e storiografici sull’età delle XII Tavole, Bologne.

Raaflaub, Kurt A. (1986) : “The Conflict of the Orders in Archaic Rome : A Comprehensive and Comparative Approach”, in : Raaflaub 1986b, 1-51.

—, éd. (1986b) : Social Struggles in Archaic Rome. New Perspectives on the Conflict of the Orders, Berkeley-Los Angeles.

— (1993) : “Politics and Society in Fifth-Century Rome”, in : Bilancio critico su Roma arcaica fra monarchia e repubblica, Convegno in memoria di F. Castagnoli (Roma, 3-4 giugno 1991), 129-157.

Richard, J.-Cl. (1978) : Les origines de la plèbe romaine. Essai sur la formation du dualisme patricio-plébéien, Rome.

— (1990) : “Les Fabii à la Crèmère : grandeur et décadence de l’organisation gentilice”, in : Crise et transformation des sociétés archaïques de l’Italie antique au ve siècle av. J.-C., Rome, 245-262.

Stibbe, C. M., G. Colonna, C. de Simone et H. Versnel (1980) : Lapis Satricanus, s’Gravenhagen.

Notes

1 CIL, XIII, 1668,1.31 sq. (ILS, 212). Cf. Tac., Ann. 11.24.

2 Liv. 3.33.1.

3 Id., 3.33.2 : minus insignis, quia non diuturna, mutatio fuit. Laeta enim principia magistratus eius nimis luxuriavere ; eo citius lapsa res est...

4 Sul problema storiografico relativo al decemvirato, cf. Poma 1984, 15-52.

5 Il tema non cessa d’essere termine di confronto fin dal Perizonius ; basti richiamare i contributi del Momigliano 1957, 271 sq ; del Gabba 1967, 135 sq., e, da ultimo, i saggi di vario orientamento di T. J. Cornell e J. Von Ungern-Sternberg, in : Raaflaub, éd. 1986, 52-104.

6 Ben nota è la tesi di A. Alföldi 1963, che chiama in causa Fabio Pittore come deliberato falsificatore.

7 Momigliano 1977, 14.

8 Liv. 3.33-55.

9 Dionigi dedica ai prodromi del decemvirato l’intero libro 10 della sua Romaike Archaiologia, per poi condurre diffusamente la narrazione dei fatti decemvirali nel libro successivo ; una lacuna del testo ha fatto cadere la trattazione relativa alla fase ultima della vicenda dei decemviri.

10 Analogo, sostanzialmente, è lo schema in cui si inquadra la vicenda, dalla lex Terentilia (Liv. 3.9 ; Dion. H. 10.1) alle leggi Valérie e Orazie (Liv. 3.55 ; Dion. H. 11.45). Cf. Cic., Rep., 2.37.63.

11 Diod. 12.23-25.

12 Bretone 1987, 37 sq.

13 Raaflaub éd. 1986 ; Mitchell 1990.

14 Un punto storiografico in Musti 1988, 367-72.

15 In merito, cf. Poma 1984, 203 sq., con bibliografia.

16 Si veda Gagé 1977.

17 Magdelain 1964, 427-473 ; Momigliano 1967, 199 sq.

18 Ampolo 1976-77, 333-345 ; cf. Raaflaub 1986, 232.

19 Stibbe et al. 1980.

20 Richard 1990, 245-262.

21 Tab. VIII, 27.

22 Brizzi 2001, 115 sq.

23 Fest., s.v. Qui patres, p. 304 L. ; p. 36 L. (s.v. conscripti).

24 Liv. 2.1.10-11 (provenienza dagli equites, che però appaiono diversi dal fior fiore del patriziato). Un altro filone della tradizione ne afferma la creazione in età monarchica (Dion. H. 2.12.3 ; 3.67.1 ; 3.41.4).

25 Liv. 2.1.11.

26 Problema annoso : cf., tra gli altri, Richard 1978, 519 sq. È il Momigliano a supporre che nei nomi plebei possano essere identificati i conscripti, non patrizi per nascita ma aventi titolo per accedere al consolato (Momigliano 1966, 218).

27 Su questo cf. Richard 1978, 522 sq.

28 Cf. De Sanctis 1980, I, 241. Per recenti riprese di dibattito sulla fisionomia della serrata, Musti 1988, 370 sq.

29 Liv. 2.3 ; Dion. H. 5.63.1-67.3.

30 Peppe 1981 ; Richard 1986, 125 sq., con riferimenti bibliografici.

31 Cf. Raaflaub 1986, 14 sq. ; 210 sq.

32 Bretone 1987, 98 sq.

33 Liv. 2.41 ; Dion. H. 8.69 sq.

34 Id., 2.42.6.

35 Id., 2,54.1.

36 Id., 3.31.1

37 Dion. H. 10.32.3

38 Cf., tra gli altri, Raaflaub 1986, 211 sq. ; Gabba 1993, 16.

39 Cf. da ultimo, Capogrossi Colognesi 1988, 163-289.

40 Id., 266 sq.

41 Dion. H. 2.7.4.

42 Liv. 3.31.7 sq.

43 Id., 4.1.2.

44 Id., 4.1.3.

45 Momigliano 1967, 297-312 ; Ménager 1972, 367-397 ; Richard 1978, 433 sq. ; Raaflaub 1993, 129-147.

46 Il dibattito sul ruolo militare della plebe, e sulla datazione dell’introduzione dell’ordinamento centuriato, resta al centro della problematica sulla plebe, cf. di recente Musti 1988, 379 sq.

47 Liv. 3.9.5. È difficile mettere in dubbio la storicità della rogatio, il cui ricordo si giustifica solo con il collegamento con le vicende decemvirali.

48 Liv. 3.9.2-4.

49 Dion. H. 10.3.4.

50 Id., 10.3.2.

51 Liv. 3.15.

52 Id., 3.31.7.

53 Id.,, ibid. : si plebeiae leges displicerent, al illi communiter legum latores et ex plebe et ex patribus, qui utrisque utilia ferrent quaeque aequandae libertatis essent, sinerent creari.

54 Diverso è lo sviluppo degli avvenimenti in Dionigi, in cui non c'è frattura tra la rogatio Terentilia e la proposta decemvirale ; cf. Poma 1984, 186 sq.

55 Liv. 3.32.7 ; Dion. H. 10.56.2.

56 Cf. Poma 1984, 208 sq. ; sul tema da ultimo Humbert 1990, 264 sq.

57 Bretone 1987, 76.

58 Liv. 3.31.7.

59 Dion. H. 10.30.4.

60 Duas civitates ex una factas, scrive Livio (2.44.9).

61 T. Minucius (Diod. 12.23.1) ; T. Genucius (Liv. 3.33.3 ; Dion. H. 10.56.2). Cf. Poma 1984, 223-224.

62 Liv. 3.35.10.

63 Dion. H. 10.58.4.

64 Cf. Poma 1984, 234 sq.

65 Liv. 3.36.5 ; Dion. H. 11.22.6-7 ; Cic., Rep., 3.32.44.

66 Sulla matrice politica della rivisitazione di episodi di storia repubblicana arcaica cf. Lintott 1970, 12-29.

67 Per una acuta analisi della figura del censore cf. Garzetti 1947, 175-224.

68 Mommsen 1864, 287-318. La tesi del Mommsen fonda sulla tradizione deodorea che presenta Ap. Claudius come favorevole alle istanze plebee.

69 In Livio e in Dionigi i Claudii sono nemici della plebe ; si deve al Mazzarino 1966, 2, 311 l’analisi dei filoni di tradizione annalistica.

70 Liv. 3.19.9, nelle parole di Cincinnato.

71 Un’indicazione in tal senso in Musti 1988, 377.

72 Giua 1967, 308-29.

73 La tesi delle due fasi legislative, non in rapporto però con l’introduzione del divieto di connubio ma con l’intercalazione, è già in Sempronius Tuditanus (Macr. 1.13.21 : Tuditanus refert...decemviros qui decem tabulis duas addiderunt...).

74 Per le fonti, cf. Poma 1984, 275.

75 Diod. 12.25.2-3.

76 Cic., Rep., 2.37.

77 Liv. 4.4.10.

78 Liv. 4.2.6 indica chiaramente che secondo i patrizi i matrimoni misti avrebbero comportato che i figli non avrebbero saputo dire a quale sangue appartenessero, né di quali riti fossero titolari.

79 Cic., Rep., 2.63.

80 Questo porta di conseguenza attribuire storicità al secondo decemvirato, che appare tutt’altro che un’invenzione annalistica, ma anzi la traduzione del tentativo di unificazione politica della civitas, promossa da un accordo tra élite plebea e una fazione patrizia. L’accusa di tirannide, con cui si elimina il decemvirato, è la spia, nella sua funzionalità topica, dell’intervento di manipolazione e di mistificazione attuato.

81 Liv. 3.39.5, secondo lo schema politico della tarda repubblica.

82 È l’unico caso, a nostra conoscenza, di abrogazione di una norma decemvirale.

Auteur

Dipartimento di storia antica - Università di Bologna

© Ausonius Éditions, 2003

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search