Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Ombres de Thucydide

 | 
Valérie Fromentin
, 
Sophie Gotteland
, 
Pascal Payen

Première partie. Thucydide source des historiens anciens

Senofonte e Tucidide : una ricezione in negativo

Roberto Nicolai

Texte intégral

Premesse

  • 1 Sui problemi di definizione del genere delle Elleniche in rapporto al modello tucidideo vd. Rood 2 (...)
  • 2 Recentemente Roscalla 2008, 212 s. ha rivendicato l’unità del corpus di Senofonte e lo ha paragona (...)

1Gli studi sui rapporti tra Tucidide e Senofonte si sono concentrati sulle Elleniche1 sia perché sono una continuazione dell’opera di Tucidide sia perché siamo condizionati dalle moderne categorie storico-letterarie e finiamo per sovrapporre all’antichità le griglie con cui organizziamo il sapere. In particolare un’erronea interpretazione dei confini del genere storiografico ha portato a non affrontare il confronto con le altre opere di Senofonte. Il corpus di Senofonte è una galassia di opere che in varia misura costeggiano il genere storico senza identificarsi con le forme che aveva preso fino a quel momento. Se e in quale misura possano definirsi ‘storiche’ è in realtà un problema aperto o, come credo, un falso problema. In forma diversa dalle Elleniche anche Ciropedia e Agesilao raccontano fatti e creano paradigmi. Occorre inoltre attenuare la frattura tra le opere cosiddette socratiche e quelle afferenti all’ambito storico. Senofonte non è il suo imitatore Arriano, seguace di Epittetto e al tempo stesso uomo politico e storiografo. Credo che nel suo sperimentalismo letterario Senofonte si possa avvicinare piuttosto a Isocrate2, anche se in Senofonte manca la consapevolezza di Isocrate, costretto a riflettere sulla letteratura dalla sua stessa professione di retore.

  • 3 Humble 2004, 226.

2Noreen Humble3 ha notato la tendenza a considerare le opere di Senofonte isolatamente, invece di trattarle nel loro complesso come una coerente disseminazione delle sue visioni politiche e filosofiche. Il problema principale risiede nel fatto che a Senofonte viene negato un progetto paideutico, che si deve invece considerare come presente in un allievo di Socrate. Le forme letterarie in cui questo progetto è stato perseguito sono diverse tra loro e in buona parte diverse anche dai modelli disponibili. L’unico termine di paragone, per noi purtroppo perduto, sono i corpora dei sofisti.

  • 4 Vd., ad esempio, Lendon 2006, relativo alla concezione dei rapporti internazionali, basati sulla p (...)

3L’ipotesi di lavoro è che in tutta la produzione di Senofonte, in forme diverse, si possano trovare punti di opposizione rispetto a Tucidide, e, in particolare, rispetto al suo progetto paideutico (la τέχνη politica insegnata attraverso la storia) e ai paradigmi da lui (ri)costruiti (le vicende della guerra del Peloponneso). Senofonte sceglie di volta in volta forme letterarie diverse per precisare e approfondire il proprio progetto paideutico : il suo corpus, ai nostri occhi, avvezzi alla specializzazione, appare invece come l’opera di un poligrafo o di un dilettante. Una simile prospettiva è pressoché assente nella letteratura secondaria, dove al massimo si insiste su singole opposizioni di natura ideologico-politica4.

La ἀρχή : la Ciropedia e la riflessione sull’esercizio del potere

4Punto di partenza sarà l’opera più dichiaratamente paideutica, la Ciropedia (1.1.1) :

Ἔννοιά ποθ’ ἡμῖν ἑγένετο ὅσαι δημοκρατίαι κατελύθησαν ὑπò τῶν ἄλλως πως βσυλομένων πολιτεύεσθαι μᾶλλον ἤ ἐν δημοκρατίᾳ, ὅσαι τ’ αὖ μοναρχίαι, ὅσαι τε ὀλχιγαρχίαι ἀνῄρνται ἤδη ὑπò δήμων, καὶ ὅσαι τυραννεῖν ἐπιχειρήσαντες οἱ μὲν αὐτῶν καὶ ταχὺ πάμπαν κατελύθησαν, οἱ δὲ κἂν ὁποσονοῦν χρóνον ἄρχοντες διαγένωνται, θαύμάζονται ὡς σοφοί τε καὶ εὐτυχεῖς ἄνδρες γεγενημένοι.

5Dopo aver proposto l’esempio del gregge che obbedisce al pastore e aver concluso che per l’uomo è più facile comandare sugli animali che sui suoi simili (1.1.3 ὅτε μὲν δὴ ταῦτα ἐνέθυμούμεθα, οὕτως ἐγιγνώσκομεν περὶ αὐτῶν, ὡς ἀνθρώπῳ πεφυκóτι πάντων τῶν ἄλλων ῥᾷον εἴη ζῴων ἢ ἀνθρώπων ἄρχειν), Senofonte si sofferma sul paradigma di Ciro (1.1.3) :

ἐπειδὴ δὲ ἐνενοήσαμεν ὅτι Κῦρος ἐγένετο Πέρσης, ὅς παμπóλλους μὲν ἀνθρώπους ἐκτήσατο πειθομένους αὑτῷ, πάμπολλας δὲ πóλέις, πάμπολλα δὲ ἔθνη, ἐκ τούτου δὴ ἠναγκαζομεθα μετονοεῖν μὴ οὒτε τῶν ἀδυνάτων οὔτε τῶν χαλεπῶν ἔργων ᾖ τò ἀνθρώπων ἄρχειν, ἤν τις ἐπιστάμενως τοῦτο πράττῃ.

6Dopo una breve sintesi sulle qualità di comandante di Ciro e sulle sue conquiste, Senofonte conclude (1.1.6) :

ἡμεῖς μὲν δὴ ὡς ἄξιον ὄντα θαυμάζεσθαι το ῦτον τòν ἄνδρα ἐσκεψάμεθα τίς ποτ’ ὢν γενεὰν καὶ ποίαν τινὰ φύσιν ἔχων καὶ ποίᾳ τινὶ παιδευθεὶς παιδείᾳ τοσοῦτον διήνεγκεν εἰς τò ἄρχειν ἀνθρώπων, ὅσα οὖν καὶ ἐπυθόμεθα καὶ ᾐσθῆσθαι δοκοῦμεν περὶ αὐτοῦ, ταῦτα πειρασόμεθα διηγήσασθαι.

7I tre elementi (stirpe, indole, educazione) saranno propri del genere biografico, ma la Ciropedia non è una biografia perché il proemio chiarisce lo scopo dell’opera : dimostrare che esiste una ἐπιστήμη relativa all’esercizio del potere dell’uomo su altri uomini. La Ciropedia è in qualche misura un lungo discorso dimostrativo su questo tema. La scienza del potere si fonda sulla paideia del sovrano, senza la quale non vi può essere ordinata convivenza. Il sovrano è modello per il suo popolo : quando viene meno un buon modello, si verifica una degenerazione. Quel che va segnalato è che Ciro è proposto come l’eccezione rispetto a un quadro generalmente negativo, per cui, qualunque sia il regime, è estremamente difficile esercitare il potere. Inoltre Ciro è un singolo sovrano, non è una città o un regno che esercitano la loro egemonia su altri popoli e città.

8La riflessione sulla ἀρχή percorre tutta l’opera di Tucidide. Qui accennerò soltanto a due luoghi capitali : l’epitafio fatto pronunciare a Pericle e il discorso di Cleone. Nell’epitafio il tema della ἀρχή si incontra immediatamente dopo il proemio e si lega con il cuore del discorso, dedicato alle istituzioni e allo stile di vita degli Ateniesi (2.36) :

Ἄρχομαι δὲ ἀπò τῶν προγόνων πρῶτον∙δίκαιον γὰρ αὐτοῖς καὶ πρέπον δὲ ἅμα ἐν τῷ τοιῷδε τῆν τιμὴν ταύτην τῆς μνήμης δίδοσθαι. τὴν γὰρ χώραν οἱ αὐτοὶ αἰεὶ οἰκοῦντες διαδοχῇ τῶν ἐπιγιγνομένων μέχρι τοῦδε ἐλευθέραν δι’ ἀρετὴν παρέδοσαν. Καὶ ἐκεῖνοί τε ἄξιοι ἐπαίνου καὶ ἔτι μᾶλλον οἰ πάτερες ἡμῶν∙ κτησάμενοι γὰρ πρòς οἷς ἐδέξαντο ὅσην ἔχομεν ἀρχὴν οὐκ ἀπóνως ἡμῖν τοῖς νῦν πρòςκατέλιπον. τὰ δὲ πλείω αὐτής αὐτοὶ ἡμεῖς οἵδε οἱ νῦν ἔτι ὄντες μάλιστα ἐν τῇ καθεστηκυίᾳ ἡλικίᾳ ἐπηυξήσαμεν καὶ τὴν πóλιν τοῖς πᾶσι παρεσκευάσαμεν καὶ ἐς πόλεμον καὶ ἐς εἰρήνην αὐταρκεστάτην. ὧν ἐγὼ τὰ μὲν κατὰ πολέμους ἔργα, οἷς ἕκαστα ἐκτήθη, ἢ εἴ τι αὐτοὶ ἢ οἱ πάτερες ἡμῶν βὰρβαρον ἤ Ἕλληνα πολέμιον ἐπίοντα προθύμως ἠμυνάμεθα, μακρήγορεῖν ἐν εἰδóσιν οὐ βούλóμενος ἐάσω ἀπò δὲ οἵας τε ἐπιτηδεύσεως ἤλθομεν ἐπ’ αὐτὰ καὶ μεθ’ οἵας πολιτείας καὶ τρóπων ἐξ οἵων μεγάλα ἐγένετο, ταῦτα δηλώσας πρῶτον εἶμι καὶ ἐπὶ τòν τῶνδε ἔπαινον, νομίζων ἐπὶ τε τῷ παρóντι οὐκ ἄν ἀπρεπῆ λεχθῆναι αὐτὰ καὶ τòν πάντα ὅμιλον καὶ ἀστῶν καὶ ξένων ξύμφορον εἶναι ἐπακοῦσαι αὐτῶν.

9La ἀρχή degli Ateniesi è presentata come il risultato dell’impegno collettivo di più generazioni e la base su cui si fonda non sono la stirpe, l’indole e l’educazione di un sovrano, ma comportamenti, istituzioni e inclinazioni di un’intera comunità.

10Nel discorso di Cleone è la democrazia ad essere messa sotto accusa in quanto incapace di esercitare il dominio (3.37.1) :

Πολλάκις μὲν ἤδή ἔγωγε καὶ ἄλλοτε ἔγνων δημοκρατίαν ὅτι ἀδυνατóν ἐστιν ἑτέρων ἄρχειν, μάλιστα δ’ ἐν τῇ νῦν ὑμετέρᾳ περὶ Μυτιληναίων μεταμέλείᾳ.

  • 5 Sul problema della continuità della politica di Cleone rispetto a quella di Pericle nel giudizio d (...)

11Non posso soffermarmi sulle differenze profonde tra l’Atene delineata da Pericle e l’ideologia di Cleone5. Quel che mi preme notare è che Senofonte respinge sia la linea di Pericle sia quella opposta di Cleone e riporta la capacità di esercitare il potere alla sfera personale, sottraendola a quella istituzionale : nessuna delle forme di governo conosciute permette di esercitare il dominio su altri uomini, ma solo l’attitudine di un singolo individuo. Una conferma eclatante di questa esegesi viene dall’esordio dei Πóροι (1.1) :

Ἐγὼ μὲν τοῦτο ἀεί ποτε νομίζω, ὁποῖοί τινες ἂν οἱ πρoστάται ὦσι, τοιαύτας καὶ τὰς πολιτείας γίγνεσθαι.

12Il passo va confrontato con Cyr. 8.8.5, il capitolo in cui Senofonte analizza la decadenza dell’impero persiano :

ὁποῖοί τινες γὰρ ἂν οἱ πρoστάται ὦσι, τοιοῦτοι καὶ οἱ ὑπ’ αὐτοὺς ὡς ἐπὶ τò πóλυ γίγνονται.

3. La στάσις e la decadenza

13Al tema dell’esercizio del potere si lega quello del conflitto intestino e della decadenza, che Senofonte affronta nella conclusione della Ciropedia e nel discusso cap. XIV della Costituzione degli Spartani.

14La morte di Ciro coincide con l’esplosione della στάσις tra i suoi figli e delle spinte separatiste delle città e dei popoli sottoposti (Cyr. 8.8.1 s.) :

Ὅτι μὲν δὴ καλλίστη καὶ μεγίστη τῶν ἐν τῇ Ἀσίᾳ ἡ Κύρου βασιλεία ἐγένετο αὐτὴ ἐαυτῇ μαρτυρεῖ. ὡρίσθη γὰρ πρòς ἕω μὲν τῇ Ἐρυθρᾷ θαλάττῃ, πρòς ἄρκτον δὲ τῷ Εὐξείνῳ πóντῳ, πρòς ἑσπέραν δὲ Κύπρῳ καὶ Αἰγύπτῳ, πρòς μεσημβρίαν δὲ Αἰθιοπίᾳ. τοσαύτη δὲ γενομένη μιᾷ γνώμῃ τῇ Κύρού ἐκυβερνᾶτο, καὶ ἐκεῖνóς τε τοὺς ὑφ’ ἑαυτῷ ὥσπερ ἑαυτοῦ παῖδας ἐτίμα τε καὶ ἐθεράπευεν, οἵ τε ἀρχόμενοι Κῦρον ὡς πατέρα ἐσέβοντο. ἐπεὶ μέντοι Κῦρος ἐτελεύτησεν, εὐθὺς μὲν αὐτοῦ οἱ παῖδες ἐστασίαζoν, εὐθῦς δὲ πóλεις καὶ ἔθνη ἀφισταντο, πάντα δ’ ἐπι τò χεῖρον ἐτρέποντο.

15Dopo aver esaminato in dettaglio le usanze dei Persiani, dalla religione, ai banchetti, alla caccia, alla guerra, Senofonte conclude (8.8.27) :

Ἐγὼ μὲν δὴ οἶμαι ἅπερ ὑπεθέμην ἀπειργάσθαι μοι. φημὶ γὰρ Πέρσας καὶ τοὺς σὺν αύτοις καὶ ασεβεστερους περι θεούς καὶ ανοσιωτερους περι συγγενεις καὶ αδικωτερους περι τοὺς ἄλλους καὶ ἀνανδροτέρους τὰ εἰς τòν πóλεμον νῦν ἢ πρóςθεν ἀποδεδεῖχθαι. εἰ δέ τις τἀναντία ἐμοὶ γιγνώσκοι, τὰ ἔργα αὐτῶν ἐπισκοπῶν εὑρήσει αὐτὰ μαρτυροῦντα τοῖς εμοῖς λογοῖς.

16Appare evidente che questa affermazione si riferisce soltanto alla sezione conclusiva. Il resto dell’opera corrisponde, in parte, al programma iniziale, che è perseguito attraverso una ricostruzione idealizzata della vita di Ciro e soprattutto del suo comportamento come comandante militare. Ma questa conclusione può avere anche un’altra funzione : affermando che i Persiani contemporanei non sono più quelli di un tempo viene a crearsi una distanza, che è insieme etica e temporale, rispetto all’epoca di Ciro e Ciro stesso diventa un paradigma, in questo aiutato anche dalla distanza spaziale. L’espediente delle distanza spaziale (e antropologica) che crea un paradigma era già stato messo in opera da Eschilo nei Persiani.

17Nella sezione conclusiva si osserva Ringcomposition sul tema della testimonianza, con le azioni dei Persiani contemporanei che sostituiscono il regno stesso di Ciro. Il perfetto esercizio del potere da parte di un sovrano è relegato in un tempo lontano e irrecuperabile e il paradigma diventa utopia e sogno.

18Il confronto più diretto che si può proporre è quello con il celebre capitolo in cui Tucidide, prendendo spunto dalla στάσις di Corcira, analizza la dinamica dei conflitti civili. A fronte della minuta disanima di Senofonte, interessato a elencare in dettaglio la degenerazione dei comportamenti, Tucidide appare più interessato a cogliere costanti antropologiche. Alcuni aspetti dell’analisi tucididea si ritrovano in Senofonte : il motivo dei giuramenti traditi e quello connesso della diffidenza reciproca (Thc. 3.82.7 ; 3.83.2 ; Xen., Cyr., 8.8.2 s.) ; la svalutazione dei vincoli di parentela (Thc. 3.82.6 ; Xen., Cyr., 8.8.27) ; l’ingiustizia e l’illegalità (Thc. 3.82.6 ; 3.82.8 ; Xen., Cyr., 8.8.5 ; 8.8.27) ; l’empietà (Thc. 3.82.8 ; Xen., Cyr., 8.8.27). Ma è l’ottica che è completamente diversa. Tucidide riconduce la στάσις con i suoi devastanti effetti alla guerra, “maestro violento” che scatena comportamenti deviati (3.82.2) ; Senofonte alla morte di Ciro e alla fine del rapporto paterno con i sudditi (8.8.1 ; 8.8.5).

19Dalle differenze profonde tra Tucidide e Senofonte derivano le diverse forme letterarie adottate : al tentativo di ricostruire con accuratezza una vicenda recente altamente paradigmatica per far nascere una competenza tecnica politico-militare Senofonte oppone un paradigma lontano ; a una vicenda storica complessa oppone un singolo personaggio.

  • 6 Tatum 1989, XV. All’elencazione di Tatum, Christensen 2006 aggiunge la possibilità di leggere l’op (...)
  • 7 Tuplin 1997, 67.

20Il dibattito sul genere letterario della Ciropedia ha prodotto risultati paradossali : la soluzione più comoda è stata l’accumulazione di generi diversi proposta da Tatum (romanzo pedagogico, romanzo storico, biografia romanzata, speculum principis, ideal romance, romanzo prima del romanzo, contributo alla teoria costituzionale greca)6 e ormai accettata da molti studiosi. Mi domando che senso abbia definire un’opera in termini di generi che all’epoca della sua composizione non esistevano ancora o non avevano caratteristiche definite e autonome in opposizione ad altri generi. Questo modo di descrivere la Ciropedia presuppone un Senofonte geniale anticipatore, visione che contrasta singolarmente con la valutazione corrente, specie del Senofonte storiografo. Una proposta ben più solida viene da Christopher Tuplin, secondo cui la Ciropedia si troverebbe “in a crosscut of four ‘ordinary’ genres”, che sarebbero storiografia, encomio, dialettica socratica, trattatistica tecnica7. Si tratta di generi preesistenti che avrebbero fornito modelli per vari aspetti dell’opera, che va comunque considerata come un prodotto di genere nuovo e sperimentale.

21Il tema della decadenza rispetto a un paradigma di eccellenza si ritrova, diversamente declinato, in Lac. resp. 14 :

Εἰ δέ τίς με ἔροιτο εἰ καὶ νῦν ἔτι μοι δοκοῦσιν οἱ Λυκούργου νόμοι ἀκίνητοι διαμένειν, τοῦτο μὰ Δία οὐκ ἂν ἔτι θράσέως εἴοιμι. Οἶδα γὰρ πρóτερον μὲν Λακεδαιμονέους αἰαρουμένους οἴκοι τὰ μέτρια ἔχοντας ἀλλήλοις συνεῖναι μᾶλλον ἢ ἁρμóζοντας ἐν ταῖς πóλεσι καὶ κολακευομένους διαφθείρεσθαι. Καὶ πρóσθεν μὲν οἶδα αὐτοὺς φοβουμένους χρυσίον ἔχοντας φαίνεσθαι∙ νῦν δ’ἔστιν οὓς καὶ καλλωπιζομένους ἐπὶ τῷ κεκτῆσθαι. Ἐπίσταμαι δὲ καὶ πρóσθεν τούτου ἕνεκά ξενηλασίας γινομένας καὶ ἀποδημεῖν οὐκ ἐξóν, ὅπως μὴ ῥᾳδιoυργίας οἱ πολῖται ἀπò τῶν ξένων ἐμπίπλαιντο∙ νῦν δ’ ἐπίσταμαι τοὺς δοκοῦντας πρώτους εἶναι ἐσπουδάκóτας ὡς μηδέποτε παύωνται ἁρμóζοντες ἐπὶ ξένης. Καὶ ἦν μὲν ὅτε ἐπέμελοῦντο ὅπως ἄξιοι εἶεν ἡγε~ ισθαι∙ νῦν δὲ πολὺ μᾶλλον πpαγματέύoνται ὅπως ἄρξουσιν ἢ ὅπως ἄξιοι τούτων ἔσοντάι. Τοιγάροῦν οἱ Ἕλληνες πρóτερον μὲν ἰóντες εἰς Λακεδαίμονα ἐδέοντο αὐτῶν ἡγεῖσθαι ἐπὶ τοὺς δοκοῦντας ἀδικεῖν∙ νῦν δὲ πολλοὶ παρακαλοῦσιν ἀλλήλους ἐπὶ τò διακωλύειν ἄρξαι πάλιν αὐτοὺς. Οὐδὲν μέντοι δεῖ θαυμάζειν τούτων τῶν ἐπιψóγων αὐτοῖς γιγνομένων, ἐπειδὴ φανεροί εἰσιν οὔτε τῷ θεῷ πειθóμενοι οὔτε τοῖς Λυκούργου νóμοις.

  • 8 Una discussione dello status quaestionis in Bianco 1993, 12-18. Per i problemi di composizione del (...)
  • 9 Su questo punto, e in particolare per l’implicita polemica con l’Archeologia di Tucidide, vd. più (...)
  • 10 Bianco 1993, 23. La sua interpretazione si connette con una proposta di datazione alta, poco lonta (...)

22Questa sezione è stata a lungo sospettata di inautenticità, a mio parere a torto8. Un argomento a favore dell’autenticità di questo passo, che va ad aggiungersi a quelli già proposti, è il rapporto stretto che si stabilisce tra la regalità spartana e le riflessioni sulla decadenza di Sparta. Il cap. XIV è collocato tra la sezione relativa ai poteri e agli onori del re (XIII) e quella sui patti tra il re e la città (XV). In particolare, all’inizio di quest’ultimo capitolo, Senofonte si sofferma sul fatto che quella del re è l’unica carica a essere rimasta qual era dal tempo di Licurgo, mentre le altre istituzioni hanno subito e continuano a subire dei mutamenti9. Come ha osservato Elisabetta Bianco10, la regalità viene presentata come l’unica istituzione in grado di ridare stabilità a Sparta e, si può aggiungere, come l’unico elemento di continuità rispetto alle leggi di Licurgo. Senofonte sembra indicare che soltanto l’autorità di un personaggio al di fuori del comune, che ricopra il ruolo di re, può fare uscire Sparta dalla crisi in cui è precipitata.

La πολιτεία

23La Costituzione degli Spartani sembra opporsi al modello di società tratteggiato da Tucidide nell’epitafio pericleo. Dal punto di vista del genere letterario i due testi non sono incomparabili. Con grande lucidità Gianfranco Gianotti ha posto i termini del problema del genere letterario dell’opera senofontea :

  • 11 Gianotti 1990, 33.

Il secondo problema [il primo è quello dell’unità dell’opera e dei rapporti del cap. XIV con il resto dello scritto] è di ordine generale e riguarda il posto che compete all’operetta tra i generi a noi noti della trattatistica greca, perché si è da tempo osservato che intenzione di Senofonte non sembra quella di comporre un vero trattato sulla costituzione di Sparta. Dettagli costituzionali compaiono, sì, nel corso dell’esposizione, ma sono dati per scontati, mentre manca un’effettiva volontà di descrivere l’organizzazione politica (e sociale) spartana nella sua interezza. Tutto l’interesse è invece rivolto all’elogio del modo di vita spartano, per sottolineare con insistenza l’eccezionalità dei provvedimenti attribuiti a Licurgo e ritenuti responsabili primi dell’eudamonia della città. Bisogna quindi ammettere che lo scritto non appartiene a pieno diritto al genere delle politeiai quali si è soliti ricostruire in base agli esempi aristotelici, anche se è fuor di dubbio che Senofonte abbia tenuto presente almeno un’opera che doveva inserirsi in tale filone (di cui comunque andrebbero sottolineati i margini di flessibilità tematica)11.

  • 12 Lipka 2002, 31.
  • 13 Lipka 2002, 32.

24Secondo Lipka12, l’opera appartiene al gruppo delle costituzioni ideali, sulla linea dell’analoga opera di Crizia e in opposizione alla ’Aθηναίων πολιτεία di Aristotele. Il proposito generale sarebbe didattico. Inoltre la questione dello Stato ideale e le convergenze con i Memorabili nei capp. 1-10 darebbero all’opera una forte impronta filosofica13. L’opera combinerebbe elementi storici, encomiastici e filosofici che sono sviluppati nelle Elleniche, nell’Agesilao e nei Memorabili. Sarebbe stata destinata ai giovani aristocratici ateniesi, ma Senofonte sarebbe stato interrotto prima dell’ultima revisione perché fu bandito da Atene, forse per il sostegno a Sparta nella battaglia di Coronea. L’opera avrebbe in questo modo perso scopo e pubblico e sarebbe rimasta allo stato di bozza.

  • 14 Lipka 2002, 21 s.

25Lipka14 ha messo a confronto la Costituzione degli Spartani con l’epitafio di Pericle di Tucidide, evidenziando quattro punti di divergenza :

  1. Pericle elogia il fatto che gli Ateniesi non schiacciano la libertà dei cittadini (2.37.2) ; Senofonte elogia il controllo reciproco dei cittadini spartani (5.2 ; 7.5 s.).
  2. Pericle elogia il fatto che ad Atene arrivano prodotti da tutto il mondo (2. 38. 2) ; Senofonte elogia le restrizioni, specie in tema di alimentazione (2.5 ; 5.3).
  3. Pericle elogia l’apertura di Atene nei confronti degli stranieri (2.39.1) ; Senofonte lamenta che Sparta è aperta a influssi stranieri (14.4).
  4. Pericle afferma che l’addestramento degli Spartani è basato sulla fatica e giudica diverso e superiore quello ateniese (2.38.1 ; 2.39.1-4 ; 2.41.3) ; Senofonte esalta l’addestramento alla fatica come uno dei punti di vantaggio di Sparta.

26Veniamo alle convergenze segnalate da Lipka : Pericle e Senofonte elogiano le costituzioni di Sparta e di Atene perché non imitano le altre ; Pericle afferma che non sono la nobiltà di stirpe o il denaro a far scegliere un cittadino per una carica, ma l’affidabilità personale (2.37.1) : cf. Xen. 10.3-7 ; l’obbedienza ateniese viene dalla paura delle leggi e di chi detiene il potere (2.37.3), quella spartana dall’ aidos (2.2). Sempre secondo Lipka i casi in cui le stesse istituzioni o gli stessi costumi sono elogiati sia da Pericle sia da Senofonte derivano dal fatto che si tratta di topoi del panegirico.

  • 15 Per un’analisi dell’Archeologia rinvio a Nicolai 2001.

27Se è certamente corretto e fruttuoso confrontare la Costituzione degli Spartani con l’epitafio pericleo, occorre segnalare che nello scritto di Senofonte sono presenti alcune chiare allusioni anche ad altre sezioni dell’opera tucididea, in particolare all’Archeologia del libro I15. Già l’esordio dell’opera, una sezione importante perché fornisce al lettore le coordinate e i riferimenti essenziali per la comprensione del testo, contiene una serie di motivi appena accennati che rinviano sia all’Archeologia sia all’epitafio (Lac. resp. 1) :

Ἀλλ’ ἐγὼ ἐννοήσας ποτὲ ὡς ἡ Σπάρτη τῶν ὀλιγανθρωποτάτων πóλεων οὖσα δυνατωτάτη τε καὶ ὀνομαστοτάτη ἐν τῇ Ἑλλάδι έφανη, ἐθαύμασα ὅτῳ ποτὲ τρóπῳ τοῦτ’ ἐγένετο∙ ἐπεὶ μέντοι κατενóησα τὰ ἐπιτηδεύματα τῶν Σπαρτιατῶν, οὐκέτι ἐθαύμαζον. Λυκούργον μέντοι τòν θέντα αὐτοῖς τοὺς νóμους, οἷς πειθóμενοι ηὐδαιμóνησαν, τοῦτον καὶ θαυμάζω καὶ εἰς τὰ ἐσχατα [μάλα] σοφòν ἠγοῦμαι. ἐκεῖνος γὰρ οὐ μιμησάμενος τὰς ἄλλάς πóλεις, ἀλλὰ καὶ ἐναντία γνοὺς ταῖς πλείσταις, προέχουσαν εὐδάιμονίᾳ τὴν πατρίδα ἐπέδειξεν.

  • 16 Si veda, per il motivo contrario, 1.2 6 πλήθει ἀνθpώπων.

28Il motivo della ὀλιγανθpωπία è pienamente tucidideo (nell’Archeologia, 1.11.1)16, come lo è quello della crescita in potenza (che nell’Archeologia è di importanza centrale) e in fama (1.11.2). Gli ἐπιτηδεύματα si ritrovano in Thc. 2.37.2 a proposito dello stile di vita degli Ateniesi. οὐ μιμησάμενος τὰς ἄλλας πóλεις rinvia ancora all’epitafio di Pericle (2.37.1). Nella parte finale della Costituzione si incontra un punto di divergenza significatica con l’Archeologia (15.1) :

Βούλομαι δὲ καὶ ἂς βασιλεῖ πρòς τὴν πóλιν συνθήκας ὁ Λυκοῦργος ἐποίησε διηγήσασθαι∙μóνη γὰρ δὴ αὕτη ἀρχὴ διατελεῖ οἵαπερ ἐξ ἀρχῆς κατεστάθη∙ τὰς δὲ ἄλλας πολιτείας εὕροι ἄν τις μετακεκινημένας καὶ ἔτι καὶ νῦν μετακινουμένας.

29Si confronti Thc. 1.18.1 :

ἔτη γάρ ἐστι μάλιστα τετρακóσια καὶ ὀλίγῳ πλείω ἐς τὴν τελευτὴν τοῦδε τοῦ πολέμου ἀφ’ οὗ Λακεδαιμóνιοι τῇ αὐτῇ πολιτείᾳ χρῶνται, κτλ.

30Mentre per Tucidide la costituzione spartana nel suo complesso è rimasta immutata negli ultimi quattrocento anni, per Senofonte soltanto l’istituzione dei re non ha subito mutamenti, mentre tutto il resto è cambiato e continua a cambiare.

31Al di là dei confronti puntuali, quello che colpisce è l’analisi della situazione contemporanea : se le istituzioni e lo stile di vita degli Ateniesi erano per Tucidide il presupposto dell’egemonia, Senofonte sottolinea l’abbandono delle leggi di Licurgo e individua nei re l’unica possibile via d’uscita per la città di Sparta, quasi a dimostrare che le istituzioni non sono di per sé sufficienti a garantire un corretto esercizio del potere.

Gli μνημεῖα

  • 17 Luppino Manes 1991, 134 osserva nell’opera un’intenzione polemica per cui alla proposta di elogio (...)

32L’Agesilao è dichiaratamente un encomio (1.1)17. L’esordio richiama il topos della difficoltà del compito a cui è chiamato l’oratore, già impiegato da Tucidide nell’epitafio di Pericle (2.35). La conclusione (Ag., 11.14-16) richiama un passo dello stesso discorso (i monumenti lasciati dagli Ateniesi per terra e per mare : 2.41.4).

Δοκεῖ δ’ ἔμοιγε καὶ τóδε μóνος ἀνθρώπων ἐπιδεῖξάι, ὅτι ἡ μὲν τοῦ σώματος ἰσχὺς γηράσκει, ἡ δὲ τῆς ψυχῆς ῥώμη τὼν ἀγαθῶν ἀνδρῶν ἀγήρατóς ἐστιν. Ἐκεῖνος γοῦν οὐκ ἀπεῖπε μεγάλην καὶ καλὴν ἐφιέμενος <δóξαν, ἔστε> τò σῶμα φέρειν ἐδύνατο τὴν τῆς ψυχῆς αὐτοῦ ῥώμην. τοιγαροῦν ποίας οὐ νεóτητος κρεῖττον τò ἐκεῖνου γῆρας ἐφάνη; τίς μὲν γὰρ τοῖς ἐχθροῖς ἀκμάζων οὕτω φοβηρòς ἦν ὡς Ἀγησίλαος τò μήκιστον τοῦ αἰῶνος ἔχων; τίνος δ’ ἐκποδὼν γενομένου μᾶλλον ἤσθησαν οἱ πολέμιοι ἤ Ἀγησιλάου καίπερ γηραιοῦ τελευτήσαντος; τίς δὲ συμμάχοις θάρσος παρέσχεν ὅσον Ἀγησίλαος, καίπερ ἤδη πρòς τῷ στóματι τοῦ βίου ὤν; τίνα δὲ νέον οἱ φιλοι πλέον ἐπóθησαν ἢ Ἀγησίλαον γηραιοὺ ἀποθανóντα; οὕτω δὲ τελέως ὁ ἀνὴρ τῇ πατρίδι ὠφελιμος ὢν διεγένετο ὡς καὶ τετελευτηκὼς ἤδη ἔτι μεγαλείως ὠφελῶν τὴν πóλιν εἰς τὴν ἀίδιον οἴκησιν κατηγάγετο, μνημεῖα μὲν τῆς ἑαυτοῦ ἀρετῆς ἀνὰ πᾶσαν τὴν γῆν κτησάμενος, τῆς δὲ βασιλικῆς ταφῆς ἐν τῇ πατρίδι τυχών.

μετὰ μεγαλων δὲ σημείων καὶ οὐ δή τοι ἀμάρτυρóν γε τὴν δύναμιν παρασχóμενοι τοῖς τε νῦν καὶ τοῖς ἔπειτα θαυμασθησóμεθα, καὶ οὐδὲν πρoςδεóμενοι οὔτε Ὁμήρου ἐπαινέτου οὔτε ὅστις ἔπεσι μὲν τò αὐτίκα τέρψει, τῶν δ’ ἔργων τὴν ὑπóνοιαν ἡ ἀλήθεια βλάψει, ἀλλὰ πᾶσαν μὲν θάλασσαν καὶ γῆν ἐσβατòν τῇ ἡμετέρᾳ τóλμῃ καταναγκάσαντες γενέσθαι, πανταχοῦ δὲ μνημεῖα κακῶν τε κἀγαθῶν ἀίδια ξυγκατοικίσαντες.

33In Senofonte incontriamo μνημεῖον in Ag., 6.2, sempre in riferimento al ricordo immortale del valore di Agesilao (ἔνθα γε μὴν ἠθέλησαν αὐτῷ οἱ πολέμιοι μάχην συνάψαι, οὐ φóβῳ τρεψάμενος νίκης ἔτυχεν, ἀλλὰ μάχῃ ἀντιτύπῳ κρατήσας τρóπαιον ἐστήσατο, ἀθάνατα μὲν τῆς ἑαυτοῦ ἀρετῆς μνημεῖα καταλιπών, σαφῆ δὲ καὶ αύτòς σημεῖα ἀπενεγκάμενος τοῦ θυμῷ μάχεσθαι) e 11.7 (καὶ τοῦ μὲν σώματος εἰκóνα στήσασθαι ἀπέσχετο, πολλῶν αὐτῷ τοῦτο δωρεῖσθαι θελóντων, τῆς δὲ ψυχῆς οὐδέποτε ἐπαύετο μνημεῖα διαπονούμενος, ἡγούμενος τò μὲν ἀνδριαντοποιῶν, τò δὲ αὑτοῦ ἔργον εἶναι, καὶ τò μὲν πλουσίων, τò δὲ τῶν ἀγαθῶν).. In Hell., 2.4.17 e cyneg., 1.16 il termine è relativo al ricordo delle imprese compiute.

  • 18 Sul contesto di questo passo vd. Nicolai 2004, 98 s.
  • 19 Resa certa da Lys. 11.10.

Se andiamo ad esaminare le occorrenze di μνημεῖον nella produzione coeva, troviamo che il termine ricorre in riferimento sia a concreti monumenti sia al ricordo delle grandi imprese. Se ne dà qui una rassegna parziale. In Isocrate lo incontriamo al plurale in Plat., 59 (τὰ γὰρ μνημεῖα τῶν τóτε γενομένων αἰσχύνη τούτοις [scil. per i Tebani] ἐστίν) e in Euag., 73 (Ἐγὼ) δ’, ὦ Νικóκλεις, ἠγοῦμαι μImageν εἶναι καλὰ μνημεῖα καὶ τὰς τῶν σωμάτων εἰκóνας, πολὺ μέντοι πλείονος ἀξίας τὰς τῶν πράξεων καὶ τῆς διανοίας, ἄς ἐν τοῖς λóγοις ἄν τις μóνον τοῖς τεχνικῶς ἔχουσιν θεωρήσειεν). In questo secondo passo in particolare il ricordo delle imprese e delle doti intellettuali si conserva soltanto in λóγοι elaborati secondo le regole dell’arte retorica. Lo stesso valore ha il termine al singolare in antid., 7 (διὰ τούτου γὰρ ἤλπιζον καὶ τὰ περὶ ἐμὲ μάλιστα γνωσθήσεσθάι καὶ τòν αὐτòν τοῦτον μνημεῖóν μου καταλειφθήσεται πολὺ κάλλιον τῶν χαλκῶν ἀναθημάτων)18. Il confronto tra le statue e le opere letteraria richiama quello senofonteo tra le statue e i τῆς... ψυχῆς... μνημεῖα lasciati da Agesilao (Ag., 11.7 ; vd. sopra). Al singolare ricorre ancora in big., 25, Bus., 10, paneg., 89 e 186, areop., 38, Phil., 112. In Lys. 10.28, se accogliamo l’integrazione di Contius19, gli μνημεῖα sono trofei collocati nei templi (οὗ ἔτι καὶ νῦν, ὦ ἄνδρες δικασταί, τῆς ἀρετῆς τὰ μνημεῖα πρòς τοῖς ὑμετέροις ἱεροῖς ἀνάκειται) ; mentre in Lys 34.1 si riferiscono alla lezione della storia (“Ὅτε ἐνομίζομεν, ὦ Ἀθήναῖοι, τὰς γεγενημένας σομφορὰς ἰκανὰ μνημεῖα τῇ πóλει καταλελεῖφθαι, κτλ.). In Platone (resp., 599b 5 s.) è ancora relativo alle grandi azioni compiute (καὶ πειρῷτο ἂν πολλὰ καὶ καλὰ ἔργα ἑαυτοῦ καταλιπεὶν μνημεῖα). In Iseo il termine compare due volte al plurale in riferimento a oggetti concreti (Dic., 41 ; Apoll., 40).

34Da questa pur incompleta rassegna appare evidente che il termine faceva parte del linguaggio politico corrente e che rientrava in un topos frequentemente usato. Non si può quindi parlare di un rapporto intertestuale, semmai di un rapporto tra due contesti. In linea generale, quel che mi sembra notevole è che l’encomio di una città e delle sue istituzioni dell’epitafio pericleo è sostituito nell’Agesilao dall’encomio di un singolo personaggio eccezionale. E lo stesso accade per gli μνημεῖα, lasciati dagli Ateniesi quelli di Tucidide, dal solo Agesilao quelli di Senofonte. Anche nel ricordo a prevalere è l’individuo sulla collettività e sulle sue istituzioni.

Lo κτῆμα

  • 20 Sulla fortuna antica della celebre formulazione tucididea vd. Nicolai 1995.

35Lo Ierone è un dialogo filosofico sul tema della vita dell’uomo comune confrontata con quella del tiranno. Simonide svolge il ruolo dell’interlocutore del tiranno Ierone, secondo lo schema dei dialoghi socratici. La riflessione sul potere lo rende interessante anche in prospettiva storiografica. L’esercizio del potere secondo i principi etici esposti da Simonide non conduce alla potenza, bensì a una εὐδαιμονία non accompagnata da invidia. Il ritratto del tiranno ideale che ne risulta anticipa per molti versi l’evergetismo ellenistico. La conclusione sembra una replica a Thc. 1.22.4, con il motivo dello κτῆμα 20 (Hier., 11.14-15) :

νóμιζε δὲ τὴν μὲν πατρίδα οἶκον, τοὺς δὲ πολίτας ἑταίρους, τοὺς δὲ φίλους τέκνα σεαυτοῦ, τοὺς δὲ παῖδας ὄ τιπερ τὴν σὴν ψυχήν, καὶ τούτους πάντας πειρῶ νικᾶν εὖ ποιῶν ἐὰν γὰρ τοὺς φίλους κρατῇς εὖ ποιῶν, οὐ μή σοι δύνωνται ἀντέχειν οἱ πολέμιοι κἂν ταῦτα πάντα ποιῇς, εὖ ἴσθι, πάντων τῶν ἐν ἀνθρώποις κάλλιστον καὶ μακαριώτατον κτήμα κεκτήσει∙ εὐδαιμονῶν γὰρ οὐ φθονηθήσῃ.

  • 21 Sevieri 2004.
  • 22 Sevieri 2004, 285 s.

36Roberta Sevieri21 si sofferma sulla scelta di un poeta di epinici come interlocutore di Ierone e indaga sugli elementi dell’epinicio all’interno del dialogo. Tra l’altro nota che Senofonte usa gli strumenti dell’epinicio perché i destinatari degli epinici appartenevano alla stessa classe sociale di Senofonte e dei suoi lettori, un pubblico imbevuto di valori aristocratici trasmessi nei simposi. Il tiranno sarebbe l’ultima incarnazione del modello di vita eroico proprio delle aristocrazie22.

  • 23 Su questi temi vd. Musti 1985.

37Anche in questo caso si riscontra la centralità di un singolo personaggio, per giunta un tiranno : la fobia ateniese per i tiranni è stata evidentemente superata e un tiranno, sia pure del tempo antico e protettore di poeti, può diventare persino paradigma di comportamento. Se in Tucidide, nel celebre giudizio su Pericle, il governo di uno solo era nei fatti e non nelle forme istituzionali (2.65.9), l’emergere di forti personalità politiche negli ultimi anni del V secolo (Alcibiade, Crizia)23, unitamente al modello della regalità spartana, anch’essa con forti personalità, nonché il paradigma persiano rivitalizzato dalla breve esperienza di Ciro il Giovane, hanno condotto Senofonte a considerare possibile un solo tipo di ἀρχή, quella esercitata da un monarca saggio e giusto.

Bibliographie

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Andrews, J. A. (2000) : “Cleon’s Hidden Appeal”, CQ, 50, 45-62.

Bianco, E. (1993) : “Il capitolo XIV della Lakedaimonion Politeia attribuita a Senofonte”, MH, 53, 12-24.

Christensen, P. (2006) : “Xenophon’s Cyropaedia and Military Reform in Sparta”, JHS, 126, 47-65.

Cuniberti, G. (2007) : “Per chi scrive Senofonte ? Il ruolo dei Lacedemoni nella produzione e ricezione dell’opera di Senofonte”, Ktema, 32, 379-390.

Gianotti, G. F. (1990) : “Gli Eguali di Sparta”, in : Gianotti 1990, 17-34.

–, a cura di (1990) : Senofonte. L’ordinamento politico degli Spartani, Palermo.

Humble, N. (2004) : “The Author, Date and Purpose of Chapter 14 of the Lakedaimonion Politeia”, in : Tuplin 2004, 215-228.

Lendon, J. E. (2006) : “Xenophon and the Alternative to Realist Foreign Policy : Cyropaedia 3. 1. 14-31”, JHS, 126, 82-98.

Lipka, M. (2002) : Xenophon’s Spartan Constitution. Introduction, Text, Commentary, Berlin.

Luppino Manes, E. (1991) : “L’Agesilao di Senofonte : tra commiato ed encomio”, in : Miscellanea greca e romana, XVI, Milano (Studi pubblicati dall’Istituto italiano per la storia antica XLVIII), 133-163.

Luraghi, N. ed. (2001) : The Historian’s Craft in the Age of Herodotus, Oxford.

Musti, D. (1985) : “Pubblico e privato nella democrazia periclea”, QUCC, n. s. 20 (49), 128-138.

Nicolai, R. (1995) : “KTHMA ΕΣ AIEI. Aspetti della fortuna di Tucidide nel mondo antico”, RFIC, 123, 5-26.

– (2001) : “Thucydides’Archaeology Between Epic and Oral Traditions”, in : Luraghi 2001, 263-285.

– (2004) : Studi su Isocrate. La comunicazione letteraria nel IV sec. a. C. e i nuovi generi della prosa, Roma (Quaderni di “Seminari Romani di cultura greca” 7).

– (2006) : “Thucydides Continued”, in : Rengakos & Tsakmakis 2006, 691-719.

Rebenich, S. (1998) : Die Verfassung der Spartaner, Darmstadt.

Rengakos, A. e A. Tsakmakis, edd. (2006) : A Companion to Thucydides, Leiden.

Rood, T. (2004) : “Xenophon and Diodorus : Continuing Thucydides”, in : Tuplin 2004, 341-395.

Roscalla, F. (2008) : “Vicissitudes de la souveraineté. Xénophon à la lumière de l’intertexte”, europe, 86, n. 945-946, janvier-février 2008, 212-235.

Sevieri, R. (2004) : “The Imperfect Hero : Xenophon’s Hiero as the (Self-) Taming of a Tyrant”, in : Tuplin 2004, 277-287.

Sommerstein, A. H. e C. Atherton (1997) : Education in Greek Fiction, Bari.

Tatum, J. (1989) : Xenophon’s Imperial Fiction : On the Education of Cyrus, Princeton.

Tuplin, Chr. J. (1997) : “Xenophon’s Cyropaedia : Education and Fiction”, in : Sommerstein & Atherton 1997, 65-162.

– ed. (2004) : Xenophon and His World. Papers from a conference held in Liverpool 1999, Stuttgart (“Historia” Einzelschr. 172).

Notes

1 Sui problemi di definizione del genere delle Elleniche in rapporto al modello tucidideo vd. Rood 2004 e Nicolai 2006, con bibliografia.

2 Recentemente Roscalla 2008, 212 s. ha rivendicato l’unità del corpus di Senofonte e lo ha paragonato proprio al corpus delle opere di Isocrate.

3 Humble 2004, 226.

4 Vd., ad esempio, Lendon 2006, relativo alla concezione dei rapporti internazionali, basati sulla paura determinata in modo meccanico dalle differenze di potenza per Tucidide, sulla hybris per Senofonte (Ciropedia). Alla base, per Senofonte, ci sarebbero un difetto morale e un fenomeno psicologico.

5 Sul problema della continuità della politica di Cleone rispetto a quella di Pericle nel giudizio di Tucidide vd. da ultimo Andrews 2000, 27 s. con bibliografia. Credo che le due principali posizioni critiche, fondate entrambe su alcuni chiari richiami a formulazione attribuite a Pericle all’interno del discorso di Cleone, siano eccessivamente rigide : l’alternativa non è tra un Cleone convintamente pericleo e un Cleone che Tucidide rappresenterebbe nell’atto di scimmiottare Pericle. Occorrerebbe piuttosto analizzare i tratti di continuità e di differenza, che coesistevano sia nella realtà storica sia nell’interpretazione che ne dà Tucidide.

6 Tatum 1989, XV. All’elencazione di Tatum, Christensen 2006 aggiunge la possibilità di leggere l’opera come un pamphlet su una riforma militare applicabile allo stato spartano.

7 Tuplin 1997, 67.

8 Una discussione dello status quaestionis in Bianco 1993, 12-18. Per i problemi di composizione dell’opera in relazione al cap. XIV vd. Lipka 2002, 27-31. Secondo Humble 2004, 217, Senofonte si vuole mostrare come un attento e acuto osservatore della situazione politica : in questa chiave il cap. XIV sarebbe una parte integrante dell’opera e consentirebbe di comprendere l’intento dell’autore.

9 Su questo punto, e in particolare per l’implicita polemica con l’Archeologia di Tucidide, vd. più oltre.

10 Bianco 1993, 23. La sua interpretazione si connette con una proposta di datazione alta, poco lontana dal 394 a. C. Meulder 1989, che pure considera autentico il cap. XIV, colloca invece l’opera tra l’estate del 377 e l’estate del 376.

11 Gianotti 1990, 33.

12 Lipka 2002, 31.

13 Lipka 2002, 32.

14 Lipka 2002, 21 s.

15 Per un’analisi dell’Archeologia rinvio a Nicolai 2001.

16 Si veda, per il motivo contrario, 1.2 6 πλήθει ἀνθpώπων.

17 Luppino Manes 1991, 134 osserva nell’opera un’intenzione polemica per cui alla proposta di elogio vengono assegnati un significato e una valenza più complessi. Di conseguenza il tema si amplierebbe immediatamente e verrebbe superato il limite connesso con la tecnica encomiastica richiesta dal nuovo genere letterario. A p. 134 n. 2 afferma inoltre che non ad è escludere una polemica contro l’Evagora di Isocrate. Su Ag., 10.3, dove Senofonte opera una precisa distinzione tra encomio e threnos, vd. ora Cuniberti 2007, 385 : “Si avverte la necessità dell’autore di segnalare la natura pubblica della laudatio del re Agesilao : Senofonte propone così un encomio di fronte a tutti, una sorta di panegirico rivolto, come quello di Isocrate, a tutti i Greci e finalizzato a celebrare il re spartano, per il quale è inutile chiedere onori, [...] ma è necessario perpetuarne la memoria”. Un aspetto non ancora adeguatamente indagato è l’intersezione di encomio e storiografia nell’Agesilao : su questo rinvio a un mio lavoro di prossima pubblicazione.

18 Sul contesto di questo passo vd. Nicolai 2004, 98 s.

19 Resa certa da Lys. 11.10.

20 Sulla fortuna antica della celebre formulazione tucididea vd. Nicolai 1995.

21 Sevieri 2004.

22 Sevieri 2004, 285 s.

23 Su questi temi vd. Musti 1985.

© Ausonius Éditions, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540