Version classiqueVersion mobile

Qu'est-ce qu'un auctor ?

 | 
Élisabeth Gavoille

IV - MOYEN ÂGE ET RENAISSANCE

L’auctor fra scrittura e riscrittura agiografica

Alberto Ricciardi

Texte intégral

  • 1 Cfr. Boesch Gajano 1976 ; Brown 1983 ; Van Uytfanghe 1987 ; Gibson 2015, 621-629.
  • 2 Cfr. Goullet 2005 ; ead. et al., éd. 2010 ; ead. 2014, 436-445.

11. Ormai da tempo gli studi sull’agiografia hanno dimostrato che la composizione di tali opere non puó essere pensata come un mero processo di riproduzione in forma scritta di leggende fino a quel momento circolanti solo in forma orale, come una sorta di processo di “canonizzazione” di credenze diffuse a livello popolare per iniziativa di ecclesiastici che se ne volevano assicurare il monopolio. Troppo variegate e complesse sono infatti le istanze da cui tali operazioni muovono, soprattutto quando le si consideri in relazione con gli sviluppi coevi della religiosità cristiana1. Lo stesso discorso vale per le riscritture dei testi agiografici di cui, seppure in tempi più recenti, sono state vagliate le implicazioni ed evidenziata la pluralità di dinamiche, e altresì di interferenze, che ne innervano la composizione2.

2A questo riguardo nelle pagine che seguono prenderò in esame alcuni aspetti delle relazioni che intercorrono fra autore, committente e opera nell’ambito della produzione agiografica di età carolingia.

32. Una prima casistica che possiamo esaminare è la riscrittura come procedimento finalizzato a creare un testo che risponda con maggior aderenza alle esigenze delle comunità che si identificano sotto il patronato di un santo, il cui culto viene promosso contestualmente alla redazione della nuova agiografia. Nella maggior parte dei casi si tratta di iniziative di cui si fanno promotori vescovi e abati ma la cui esecuzione materiale viene affidata o a membri della comunità, come nel caso della Vita Sigiramni (fine VIII-inizio IX secolo), della Vita Severini nella versione A (metà del secolo IX), o a personaggi esterni in considerazione della loro preparazione culturale e del loro ruolo istituzionale, come avviene per la Vita Maximini scritta da Lupo di Ferrières nell’839 e per i Miracula Martini Vertavensis (seconda metà del secolo IX).

  • 3 Cfr. Heen 1989, 415-428 ; ead. 1991, 146-163 ; Goullet & Heinzelmann 2006 ; Banniard 1992, 305-42 (...)
  • 4 Vita Sigiramni abbatis Longoretensis, éd. Krusch (1902), 606 : Nam cum prefati vita beati huius S (...)
  • 5 Vita Severini abbatis Acaunesis, éd. Krusch (1896), 168 ; Vita Maximini episcopi Trevirensis auct (...)

4È stato giustamente notato come operazioni di questo tipo nascessero in varia misura dall’insofferenza di committenti e autori, ormai assuefatti al latino riformato imposto con la rinascita culturale carolingia, nei confronti del latino “barbarico” in cui erano state redatte le versioni merovinge della vita di un santo e dalla volontà di attenuare gli elementi più schiettamente storiografici contenuti in quei testi a vantaggio delle componenti parenetiche nell’ambito di un uso dei testi agiografici a fini pastorali ed edificatori3. Anche tenendo a mente queste considerazioni, occorre tuttavia notare come, indipendentemente dallo status di colui che è incaricato della riscrittura, quest’ultima non venga mai percepita come una semplice trascrizione “in bello stile”. L’autore della Vita Sigiramni dichiara esplicitamente di essersi trovato di fronte a un’opera che “nimis esset absurda valdeque depravata” tanto a causa degli errori del suo primo autore quanto dell’inhercia dei copisti e di coloro che ne avevano fatto uso nei decenni successivi. Constatazione che lo porta a concludere che correggere ed emendare un testo è inutile se “in scribendo aut recitando, quod racionabiliter insitum est, omnimodis conservetur4”. Affermazioni analoghe le riscontriamo in apertura della Vita Serverini A e nella lettera di Lupo di Ferrières che accompagna il testo della Vita Maximini, laddove Lupo dichiara che con il passare del tempo molte delle gesta del santo erano cadute nell’oblio o erano state rimpiazzate da narrazioni prive di credibilità che andavano espunte dalla nuova redazione5.

5Simili constatazioni esprimono la consapevolezza da parte dei nostri autori di trovarsi di fronte a un testo composito, stratificato, la cui riscrittura non può svolgersi come un semplice ripianamento stilistico-letterario rispetto al testo di partenza. Al contrario, è necessario che l’autore adotti, nei confronti del testo di partenza, un atteggiamento critico grazie al quale l’azione di distinguere ciò che è “vera” testimonianza e “vero” fatto storico e spirituale, rispetto a ciò che è concrezione accumulatasi sul testo con il passare del tempo, procede di pari passo con la necessità di redigere uno scritto in cui la salvaguardia del significato più profondo della conversatio e dei prodigi operati dal santo si coniuga con l’esigenza di restituire un testo più chiaro e comprensibile.

  • 6 Vita Sigiramni abbatis Longoretensis, éd. Krusch (1902), 606.
  • 7 Vita Severini abbatis Acaunesis, éd. Krusch (1896), 168 : Sacram sane libelli seriem, quam Faustu (...)
  • 8 Cfr. ad es. Hrabans Maurus, Epistula 14, éd. Dümmler 1899, 402 : Ibi enim inveniet quid pater Aug (...)

6Per queste ragioni l’autore della Vita Sigiramni dichiara di aver agito emendando il testo in meglio ma altresì che “non […] me aliquid quod foret inopinatum referre, vel quod racionabiliter insitum erat minuere decrevissem, set pocius quod erat ineptum ac sui perfeccionis nil intellectu haberet […] lucidius vel in melius propalarem6”. Affermazioni simili sono constatabili nella Vita Severini e all’inizio dei Miracula Martini Vertavensis, in cui l’autore, incaricato di stendere in prosa una versione in versi dei miracoli del santo, scrive di aver proceduto omettendo esclusivamente ciò che “poetice dicebantur” e di aver agito “more interpretis non verbum e verbo, sed sensum ex sensu7. Da questo punto di vista l’atteggiamento “ermeneutico” di cui l’agiografo si fa portavoce, laddove dichiara di aver conservato, nella riscrittura, il senso profondo di quanto contenuto nel testo di partenza, è assimilabile a quello adottato dagli esegeti dei secoli fine VIII e IX nei confronti della massa degli scritti patristici dai quali traggono il materiale per i loro trattati. Nell’impossibilità di produrre uno scritto che riproducesse parola per parola i commenti alle Scritture di Girolamo, Ambrogio, Agostino o Gregorio Magno costoro ammettono infatti la possibilità di poterli trascrivere in forma compendiata, in modo da offrire ai propri lettori uno strumento di più agevole consultazione salvaguardando tuttavia il nucleo argomentativo portante dei passaggi riportati8.

  • 9 Bisogno 2008, 101-110 ; id., 2016, 99-118.
  • 10 Cfr. Heen 1989, Gy 1996, 85-89 ; Van Uytfanghe 1996, 151-166 ; Fouracre 2012, saggi III e V.

7La diffusione di questa metodologia didattica ed ermeneutica fondata sull’esegesi biblica come una delle colonne portanti dell’insegnamento scolastico in età carolingia9, unitamente a una nuova percezione della figura e del ruolo del santo nelle pratiche cultuali ci offre inoltre una chiave di lettura nei confronti di un aspetto peculiare della riscrittura dei testi agiografici. Mi riferisco alla progressiva obliterazione, nelle riscritture di testi di età merovingia, di quelli che possiamo definire i “dati” di carattere storico contenuti in questi scritti a vantaggio sia di quelle componenti edificanti incentrate sul santo come modello di virtù cristiana verso il quale tendere sia alla valorizzazione della componente meravigliosa presente in questi scritti attraverso l’inserimento dei resoconti dei miracoli operati dai santi anche nella contemporaneità. Questa tendenza è stata posta in correlazione vuoi con un cambiamento nelle finalità che la produzione agiografica di età carolingia si prefiggeva, vuoi, attraverso una lettura di carattere ideologico, come una “direttiva” imposta dai Carolingi al fine di obliterare quei riferimenti storici che ancora potevano risvegliare nel pubblico il ricordo del tempo dei re merovingi10.

  • 11 Cfr. Chazelle & Ewards 2003 ; Mayesky 2003, 90-100.

8Accanto a queste componenti, tuttavia, credo vada tenuto conto di quanto il metodo esegetico, inteso tanto come strumento di formazione pedagogica per giovani chierici e monaci quanto come strumento euristico e di conoscenza possa aver influito sull’atteggiamento e sulle inclinazioni con cui gli auctores si confrontavano con gli scritti agiografici più antichi nel momento in cui li riscrivevano. L’esegesi scritturale, in particolare quella veterotestamentaria, postulava in sostanza la necessità di subordinare il senso storico di un resoconto rispetto agli altri non perché meno importante ma in quanto strato superficiale sotto il quale giacevano i significati più “nascosti” e profondi, quelli che dovevano essere l’oggetto finale di riflessione da parte del dotto11. In tal modo il coinvolgimento dei santi di età merovingia nelle vicende politiche e sociali del loro tempo finiva per risultare come un particolare accessorio, come un’intelaiatura in cui si inquadrava lo svolgimento della vita terrena come fatto biologico che il santo condivideva con tutti gli altri uomini che santi non erano. Per contro la storicità del vir Dei in quanto individuo distinto e superiore dagli altri si realizzava in altre forme. Attraverso la conversatio, che ne sanciva l’appartenenza a un gruppo di uomini ristretto e inaccessibile ai più, e soprattutto attraverso la realizzazione dei miracoli intesi come fatto storico, nella misura in cui testimoniavano dell’intervento divino per tramite del santo in circostanze definite e precise delle vicende umane.

  • 12 Devisse 1976, 1011.

93. Il testo in cui si può cogliere in forma più compiuta l’assommarsi delle tensioni fin qui descritte è probabilmente la riscrittura della vita di Remigio di Reims, redatta dall’arcivescovo Incmaro entro l’87712.

  • 13 Vita Remigii episcopi Remensis auctore Hincmaro, éd. Krusch 1896, p. 251
  • 14 Ibid. : Ipse magnus codex a neglegentibus neglegentius cepit haberi, usque dum tempore Karli prin (...)
  • 15 Ibid., 252.

10Nel proemio Incmaro dichiara di aver saputo, fin dalla giovinezza, dell’esistenza di un libro in cui erano narrate nel dettaglio la vita, i miracoli e la morte di Remigio. Questo volume era in seguito andato perduto poiché il vescovo Tilpino (v. 573) ne aveva fatto redigere un’epitome a uso del populus, che per la sua brevità e semplicità, aveva cominciato a essere letto e copiato con maggiore frequenza comportando che “ipse magnus codex a neglegentibus neglegentius cepit haberi13”. Con il passare del tempo l’incuria verso quel volume era andata crescendo e aveva toccato il suo culmine quando il maestro di palazzo Carlo Martello, nel corso delle guerre che lo opponevano a Ragamfredo, aveva spogliato la chiesa di Reims dei suoi beni ponendovi a capo un vescovo indegno14. La decadenza economica e istituzionale che aveva colpito Reims si riverbera perciò sul destino del libro che “partim stillicidio putrefactus, partim sorcibus conrosus, partim foliorum abscisione divisus in tantum deperiit, ut pauca et dispersa inde folia reperta fuerint15”. Questa tendenza era mutata solo più tardi, in coincidenza con il verificarsi di un prodigio, intorno al 745 infatti al vescovo Eucherio di Orléans era stata rivelata, in una visione, la dannazione che aveva colpito Carlo Martello, rivelazione che aveva indotto il figlio di costui, Pipino, a restituire alla chiesa una parte dei beni sottratti.

  • 16 Ibid., 252 : Desides enim cum essent Iudei, nec desides modo, sed et impii, alia [scripta] quidem (...)
  • 17 Ibid., 253 : Vastata namque a Chaldeis Iudea […], etiam bibliotheca antiquitus congregata inter a (...)
  • 18 Ibid., 253 ; 254 : Verum et non ab re agere a quoquam videri puto, si ea que de ortu et actu atqu (...)
  • 19 Ibid., 321-324. I miracoli di Remigio sono : la fustigazione di Pipino III che aveva usurpato una (...)

11Lo scopo di Incmaro, tuttavia, non è solo quello di istituire un parallelismo fra il deterioramento dell’antico codice e le spoliazioni subite. Queste ultime sono infatti la diretta conseguenza del fatto che la mancanza di un culto adeguato da tributarsi a Remigio, in ragione dell’oblio in cui era caduta la fonte che ne narrava compiutamente la conversatio e i miracoli in favore dell’epitome, aveva comportato il venire meno della protezione che il santo esercitava sulla diocesi, lasciandola in balia delle violenze perpetrate dai laici. Questo concetto è chiarito allorché Incmaro mette in parallelo quanto è accaduto “in novissimo saeculi tempore de libro memorato” con il destino subito “antiquo tempore de autenticis scripturis”, cioè di quei libri che facevano parte delle Sacre Scritture ma che erano andati distrutti per l’empietà degli Ebrei, empietà a causa della quale Dio li aveva respinti in quanto Popolo Eletto e abbandonati nelle mani di conquistatori stranieri16. L’episodio culminante di questa ricostruzione in parallelo è la distruzione da parte dei Caldei della biblioteca in cui erano contenuti i rotoli delle Sacre Scritture e la loro successiva restauratio da parte di Esdra a sancire la riconciliazione fra Dio e popolo ebraico dopo la cattività babilonese17. L’opera in cui Incamaro si è impegnato rappresenta dunque il corrispettivo tipologico di quella intrapresa dal profeta : un atto di amorevole recupero della documentazione supersite che implica la riconciliazione fra il santo, la sua chiesa e la comunità dei fedeli per tramite della composizione di un’agiografia degna della sua fama18. Questa componente, per altro, si esprime con forza particolare nei miracoli verificatisi post mortem. Questi ultimi, che andavano letti durante la festività della translatio delle spoglie del santo, non solo riguardano esclusivamente episodi che si sono verificati nella contemporaneità ma sono altresì incentrati sui tentativi dei re carolingi e dei loro fideles di impadronirsi dei beni della chiesa di Reims, tentativi a fronte dei quali il santo, tornato a proteggere la propria chiesa, interviene con estrema durezza fustigando e causando la morte dei laici pervasores19.

  • 20 Ibid., 253 : Quo contra et nos, multis aliis perditis , plura in quibusdam historiis et diversis (...)
  • 21 Ibid., 253.
  • 22 Ibid., 258.

12Proponendosi come corrispettivo di Esdra, Incmaro illustra in seguito come ha proceduto a organizzare la sua riscrittura e quali ne sono gli scopi. Consapevole che il testo primitivo della Vita Remigii è ormai andato perduto egli ha proceduto a mettere insieme tutte quelle notizie che ha potuto ricavare dai resoconti orali, da altri libri in cui si parla di Remigio e dai fogli sciolti che ancora erano sopravvissuti20. Qui, in particolare, possiamo constatare il rimodularsi di quelle tendenze nei confronti delle riscritture su cui ci siamo soffermati nel paragrafo precedente. Incmaro afferma infatti che non ordinerà le gesta di Remigio seguendo una cronologia dettagliata ma nell’ordine in cui li ha trovati nelle diverse fonti che ha consultato. Questo procedimento non solo è giustificato da un precedente illustre, il fatto che san Girolamo avesse ordinato i Salmi “non sicut fuerunt editi, sed sicut ab Esdra diversis temporibus fuerunt inventi”, ma si fonda altresì sulla convinzione, ancora una volta desunta da Esdra, che “vera est lex hystoriae simpliciter ea que fama vulgante colligitur ad instructionem posteritatis litteris commendare21”. E quali sono gli eventi sopravvissuti grazie alla fama e degni di essere riportati? Ancora una volta i prodigi operati dal santo per volontà divina, tanto è vero che, dopo aver trascritto l’indice degli avvenimenti contenuti nella Vita Remigii da lui ricostruita, Incmaro non esita a definirli semplicemente miracula22.

  • 23 Ibid., 258-259 : His a miraculorum premissis capitulis, quedam sunt in sequenti opusculo de sanct (...)

13Ma nella sua opera di ricomposizione e riscrittura della Vita Remigii, Incmaro si spinge ancora più in là. Temendo che in futuro la gloria e il culto di Remigio possano essere offuscate come è avvenuto in passato, al termine di ogni capitolum-miraculum egli ha riportato brani desunti dalle Sacre Scritture, dalla Patristica e sue riflessioni personali che consentano, distinguendo tale materiale per mezzo di richiami a margine, fra ciò che dovrà essere letto in presenta della popolazione durante le festività riservate al santo e ciò su cui dovranno meditare solo i chierici istruiti più istruiti23. Come si è accennato la Vita Remigii rappresenta dunque l’esempio più compiuto del processo di fusione fra riscrittura agiografica, esegesi compiuta sul testo di partenza al fine di crearne uno nuovo e finalità pedagogiche e cultuali. È infatti l’auctor stesso, all’atto della composizione della sua opera, a imporsi l’obbligo di instradare coloro che leggono il testo e coloro che ne ascoltano la recitazione verso la corretta interpretazione del significato delle virtutes operate da Remigio.

  • 24 Sull’opera agiografica di Alcuino cfr. Deug-Su 1983 ; Veyrard-Cosme 2003 ; ead., 2009, 55-65 ; Ri (...)

144. Se nei casi fin qui esaminati, con l’eccezione della Vita Remigii, scrittura e riscrittura agiografica si pongono sotto il segno dell’obbedienza dell’autore nei confronti di precise richieste da parte del committente, in altri contesti la redazione della vita di un santo si sviluppa sotto il segno di una maggiore libertà dell’auctor nei confronti del proprio lavoro e di colui che lo ha commissionato. Due testi composti da Alcuino di York, abate di Saint-Martin di Tours, il corpus di testi che va sotto il nome di Vita Willibrordi (ante 797) e la Vita Richarii (scritta nell’800) esemplificano con chiarezza l’ampiezza di questa oscillazione24.

  • 25 Sulla parentela fra Alcuino e Beornredo cfr. Bullough 2004 146-153.
  • 26 Cfr. Wood 2001, 81-83.

15La Vita Willibrordi fu commissionata da Beornredo, cugino di Alcuino, arcivescovo di Sens e abate del monastero di Echternach, dedicato appunto a san Willibrord, antenato comune dei due abati25. Le ragioni di questa richiesta sono certamente da porre in relazione con il fatto che il monastero di Echternach era uno dei centri da cui partivano i monaci-missionari incaricati dell’evangelizzazione delle popolazioni situate al di qua e al di là dei confini nord-orientali del regno franco26. La stesura della vita di Willibrord, considerato ormai da tempo “l’apostolo dei Frisoni”, andava quindi nella direzione di proporre alla comunità di Echternach un modello di santo-missionario che pur non avendo concluso la propria esistenza con il martirio si era comunque strenuamente adoperato a diffondere la fede cristiana fra i pagani. A fronte di ciò, e di numerose corrispondenze interne al nostro corpus testuale, è inoltre ragionevole pensare che Beornredo stesso avesse fornito ad Alcuino precise istruzioni su come e rispetto a quali temi sviluppare il proprio racconto.

  • 27 Vita Willibrordi archiepiscopi Traiectensis auctore Alcuino, éd. Levison 1917, 113 : Duos digessi (...)

16Sul piano schiettamente contenutistico la volontà dell’abate di Saint-Martin di adeguarsi alle richieste del committente risulta chiara, laddove invece l’autore ritiene lecito agire in modo autonomo è sul piano formale. Nel presentare il proprio lavoro Alcuino dichiara infatti di aver scritto due redazioni della Vita Willibrordi : una in prosa, destinata alla lettura corale da parte dei monaci, l’altra in versi destinata alla letteratura individuale da svolgersi “in secreto cubili inter scolasticos tuos27”. La volontà di Alcuino, come abbiamo già constatato per Incmaro di Reims, è dunque di far sì che la presenza spirituale ed edificante di Willibrord all’interno di Echternach si manifesti lungo due direttrici : nei momenti della vita comunitaria, in occasione delle celebrazioni dedicate al santo, quando le sue gesta vengono per così dire calate dall’alto attraverso la lettura ad alta voce e in circostanze più delimitate, in cui divenendo oggetto della ruminatio monastica, esse sono sottoposte al vaglio e alla riflessione dei singoli monaci.

  • 28 Ibid., 114 : Unam quoque priori libello superaddidi omeliam, quae […] tuo venerando ore populo pr (...)
  • 29 Godman 1981, 215-229.

17Il significato che possiamo attribuire al corpus di testi composto da Alcuino, tuttavia, non si esaurisce nella sua componente più specificamente pedagogica. Egli spiega infatti a Beornredo di aver aggiunto al testo in prosa una omelia su Willibrord da pronunciare dinanzi alla popolazione e di aver concluso quello in versi con un carmen celebrativo di Wilgils, padre di Willibrord e antenato dei due abati, le cui reliquie riposano in un monastero retto dallo stesso Alcuino28. Le scelte operate dall’abate di Saint-Martin mi sembrano espressione della volontà di voler superare il nesso contingente che lega un auctor alla sua opera e all’eventuale committente di quest’ultima. Come è stato osservato nei primi secoli del medioevo l’opus geminatum non ebbe quasi diffusione sul Continente e fu reintrodotto solo verso la fine del secolo VIII da uomini di cultura provenienti dai regni anglosassoni29. La duplice redazione della Vita Willibrordi costituisce dunque un chiaro riferimento al patrimonio etnico-culturale che i due abati condividono. Patrimonio che con l’aggiunta dell’omelia e del carmen stabilizza la comune identità di Alcuino e Beornredo sul piano della consanguineità orizzontale, che i due condividono in quanto cugini, e su quello della consanguineità verticale, che attraverso loro risale fino a Willibrord e Wilgils, i due santi di cui sono chiamati a conservare la memoria e a celebrarla nel tempo presente.

18Se nella Vita Willibrordi assistiamo alla rivendicazione da parte dell’auctor di poter adattare la materia agiografica a finalità non previste nel momento in cui un’opera viene commissionata, nella riscrittura della Vita Richarii ci troviamo di fronte alla rottura di un paradigma tipico della letteratura latina cristiana, paradigma che prevedeva che il committente di un’opera ne fosse anche il conseguente dedicatario. Mentre infatti il committente della riscrittura è identificato nell’abate di Saint-Riquier, Angilberto, il dedicatario finale dell’opera è Carlo Magno, come apprendiamo dall’epistola premessa alla Vita Richarii.

  • 30 Vita Richarii confessoris Centulensis auctore Alcuino, éd. Krusch 1902, 389 : Remorante vestrae e (...)
  • 31 Ricciardi 2010, 729-731 ; 739-740.
  • 32 Godman 1987, 64-74 ; Gandino 2004, 42-45.
  • 33 Ricciardi 2008, 39-52.

19La richiesta di emendare la versione precedente dell’agiografia è avanzata da Angilberto allorché Alcuino si trova a Saint-Riquier in attesa dell’arrivo dell’imperatore franco30. Che la presenza di un dotto appartenete a un altro ente religioso potesse costituire l’occasione per la riscrittura di un testo agiografico, sulla cui composizione era così posto il suggello di un intellettuale conosciuto e stimato, è testimoniato anche in altre fonti31. Ciò che colpisce, in questo caso, è che sotto il profilo culturale Angilberto possedeva una preparazione comparabile a quella del suo più anziano maestro. La decisione di affidare la riscrittura della vita del fondatore del cenobio proprio ad Alcuino, che per anni era stato consigliere di Carlo e maestro della schola palatina, potrebbe allora essere dipesa da ragioni più complesse, probabilmente legate all’antagonismo fra gli intellettuali di corte, tratto che aveva contraddistinto fin dagli esordi le dinamiche interne alle cerchie dei dotti di cui Carlo Magno si era circondato a partire dalla tarda seconda metà del secolo VIII32. A questo proposito va ricordato fra il 796 e il 798 si era accesa una brusca contesa fra Alcuino, già abate di Saint-Martin, e i più giovani intellettuali di corte, di cui Angilberto faceva parte, durante la quale Carlo Magno si era apertamente schierato in favore di questi ultimi33.

  • 34 Vita Richarii confessoris Centulensis auctore Alcuino, éd. Krusch 1902, 389 : Dumque, exauditis c (...)
  • 35 Ibid.
  • 36 Deug-Su 1983, 115-125 ; Veyrard-Cosme 2003, 76-80.
  • 37 Vita Richarii confessoris Centulensis auctore Alcuino, éd. Krusch 1902, 389 : Hinc ego, vocato no (...)

20In questa prospettiva la richiesta da parte di Angilberto di far riscrivere ad Alcuino la Vita Richarii in concomitanza con l’arrivo di Carlo Magno può allora essere letta come un modo per sottolineare, anche in quella occasione, la posizione subordinata in cui ormai, grazie all’appoggio regio, il maestro si collocava nei confronti dell’allievo. Ciò spiegherebbe da un lato l’affermazione di Alcuino di aver obbedito alle richieste di Angilberto nella consapevolezza che erano particolarmente exaudibiles et carae alle orecchie di Carlo Magno e dall’altro il tono sottilmente polemico con cui Alcuino fa notare al re, nell’epistola che accompagna la Vita Richarii, che l’abate e i monaci si limitavano a leggere la vita del santo riportata in un “libellus stilo simpliciori digestum” mentre un altro, in cui erano riportati i numerosi miracoli operati da Richarius, era usato esclusivamente per la predicazione pubblica34. L’occasione per Alcuino di modificare la posizione di subordine che si è così venuta a creare si verifica quando gli giunge la notizia che doveva svolgere la riscrittura della Vita Richariisicut re vera vestrae sapientiae [di Carlo Magno] auribus inferenda35”. È questo infatti il vero momento in cui materialmente Alcuino afferma di aver iniziato la stesura della Vita Richarii, nella consapevolezza che l’interesse dimostrato da Carlo Magno gli consente sia di ricalibrarne i contenuti presentando il santo secondo il modello del miles Christi a cui il re e l’aristocrazia laica potevano ispirarsi36, sia di derogare alle implicazioni normalmente insite nel vincolo fra autore e committente, scegliendo come dedicatario dell’opera colui che nel contesto della redazione dell’opera incarnava un’autorità superiore a quella dell’abate di Saint-Riquier37.

  • 38 Goullet (2014), 443-444.

215. “Hors de la sphère juridique, la notion d’autorité est floue et fluctuante. Elle ne se réduit pas à l’estampille ‘canonique’ ou ‘apocryphe’. Il est illusoire de prétendre placer une limite entre ce que les hagiographes considèrent comme fabuleux et ce qu’ils considèrent comme vraisemblable38”. Le riflessioni sviluppate in queste pagine confermano la validità di queste considerazioni da Monique Goullet. Come abbiamo visto l’intervento dell’auctor nella scrittura e nella riscrittura dei testi agiografici non possiede mai una dimensione definita o canonizzata. Anche laddove egli agisce dietro mandato di un committente, il modo in cui si rapporta al testo che si accinge a scrivere varia caso per caso e risente di categorie mentali e interpretative che a prima vista potrebbero sembrare estranee al processo di redazione o di riscrittura di un testo agiografico. Ciò vale per l’atteggiamento con cui l’auctor si confronta con un testo dato ma altresì quando le necessità cultuali e pedagogiche gli impongono di confrontarsi con un testo che nella sua forma compiuta non esiste più. Ma un discorso del genere vale anche quando scrittura e riscrittura agiografiche sono ripensate come ambiti d’azione letteraria in cui l’autore può e deve richiamare il carattere autonomo della sua opera.

Bibliographie

Alcuinus, éd. Krusch B. (1902) : Vita Richarii confessoris Centulensis, Monumenta Germaniae Historica, Scriptore Rerum Merovingicarum, IV, Hannover.

Alcuinus, éd. Krusch B. éd. Levison W. (1917) : Vita Willibrordi archiepiscopi Traiectensis, Monumenta Germaniae Historica, Scriptore Rerum Merovingicarum, VII, Hannover.

Hrabanus Maurus, éd. Dümmler E. (1899) : Epistula 14, Monumenta Germaniae Historica, Epistolae Aevi Karolini, III, Berlin.

Hincmarus, éd. Krusch B. (1896) : Vita Remigii episcopi Remensis, Monumenta Germaniae Historica, Scriptores Rerum Merovingicarum, III, Hannover.

Lupus, éd. Krusch B. (1896) : Vita Maximini episcopi Trevirensis auctore Lupo, Monumenta Germaniae Historica, Scriptores Rerum Merovingicarum, III, Hannover.

Krusch, B., éd. (1896) : Miracula Martini abbatis Vertavensis, Monumenta Germaniae Historica, Scriptores Rerum Merovingicarum, III, Hannover.

Krusch, B., éd. (1896) : Vita Severini abbatis Acaunensis, Monumenta Germaniae Historica, Scriptores Rerum Merovingicarum, III, Hannover.

Krusch, B., éd. (1902) : Vita Sigiramni abbatis Longoretensis, Monumenta Germaniae Historica, Scriptores Rerum Merovingicarum, IV, Hannover.

Banniard, M. (1992) : Viva voce. Communication écrite et communication orale du ive au ixe siècle en Occident latin, Paris.

Bisogno, A. (2008) : Il metodo carolingio: identità culturale e dibattito teologico nel secolo nono, Turnhout.

Bisogno, A. (2016) : “La dimensione comunitaria dello studium sapientiae dalla Patristica all'età carolingia”, in Pagan I., Santi F. éd. (2016) : Il secolo di Carlo Magno. Istituzioni, letterature e cultura del tempo carolingio, Firenze, 99-118.

Boesch Gajano, S. éd. (1976) : Agiografia altomedievale, Bologna.

Bullough, D. A. (2004) : Alcuin. Achievement and Reputation, Leiden-Boston, 2004.

Brown, P. (1983) : Il culto dei santi. L'origine e la diffusione di una nuova religiosità, Torino.

Cantelli Beranducci, S. (1996) : “L'esegesi della Rinascita carolingia”, in Cremascoli, G. & Leonardi, C., éd. (1996), La Bibbia nel medioevo, Bologna, 167-198.

Chazelle, C. & Edwards., B. éd. (2003) : The Study of the Bible in the Carolingian Era, Turnhout.

Contreni, J. J. (2011) : Learning and Culture in Carolingian Europe: Letters, Numbers, Exegesis, and Manuscripts, Farnham.

Fouracre, P. J. (2012) : Frankish History. Studies in the Construction of Power, Ashgate.

Devisse, J. (1976) : Hincmar, archevêque de Reims 845-882, I-III, Genève.

Deug-Su, I. (1983) : L'opera agiografica di Alcuino, Spoleto.

Gandino, G. (2004) : “La dialettica tra il passato e il presente nelle opere di Paolo Diacono”, in ead. (2004) : Contemplare l’ordine: intellettuali e potenti dell’alto Medioevo, Napoli, 67-97.

Garrison, M. (1994) : “The Emergence of Carolingian Latin Literature and the Court of Charlemagne (780-814)”, in McKitterick R. éd. (1994) : Carolingian Culture: Emulation and Innovation, Cambridge, 111-140.

Gibson, K. L. (2015) : “The Carolingian World through Hagiography”, History Compass, 13, 621-629.

Godman, P. (1981) : The Anglo-Latin opus geminatum : from Aldhelm to Alcuin, Medium aevum, 50, 215-229.

Godman, P. (1985) : Poetry of the Carolingian Renaissance, London.

Goullet, M. (2005) : Écriture et réécriture hagiographiques. Essai sur les réécritures de Vies de saints dans l’Occident latin médiéval (viiie - xiiie s.), Turnhout.

Goullet, M. (2014) : “Quelle autorité pour une réécriture hagiographique ?”, in : Auctor et auctoritas in Latinis Medii Aevi litteris-Author and Authorship in Medieval Latin Literature, Proceedings of the VIth Congress of the International Medieval Latin Committee, Firenze, 435-446.

Goullet, M. & Heinzelmann, M. éd. (2006) : Miracles, vies et réécritures dans l’Occident médiéval, Stuttgart.

Goullet, M., Heinzelmann, M. & Veyrard-Cosme, C. éd. (2010) : L’hagiographie mérovingienne à travers ses réécritures, Ostfildern.

Gy, P.-M. (1995) : “Le culte des saints dans la liturgie d’Occident entre le ixe et le xiiie siècle”, in : Le culte des saints aux ixe-xiiie siècles. Actes du Colloque tenu à Poitiers les 15-16-17 septembre 1993, Poitiers, 85-89.

Heen, K. (1989) : “Merovingian and Carolingian Hagiography. Continuity or Change in Publics and Aims?”, Analecta Bollandiana, 107, 415-428.

Heen, K. (1991) : “Audire, Legere, Vulgo: An Attempt to Define Public Use and Comprehensibility of Carolingian Hagiography”, in Latin and the Romance Languages in the Early Middle Ages, London, 146-163.

Mayesky, M. A. (2003) : “Early Medieval Exegesis: Gregory I to Twelfth Century”, in Hauser, A. J. & Watson, D. F. éd. (2003) : A History of Biblical Interpretation, II, The Medieval through the Reformation Periods, Cambridge 2003, 85-113.

Ricciardi, A. (2008) : “Dal palatium di Aquisgrana al cenobio di Saint-Martin. Le nozioni di ordo e correctio in Alcuino di York tra l'esperienza della renovatio carolingia e i primi anni del soggiorno a Tours, Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medio evo, 110, 3-55.

Ricciardi, A. (2010) : “Autore e committente nei proemi agiografici altomedievali”, Studi medievali, 51, 701-754.

Veyrard-Cosme, C. éd. (2003) : L’œuvre hagiographique en prose d'Alcuin : Vitae Willibrordi, Vedasti, Richarii, Firenze.

Veyrard-Cosme, C. “I Deug-Su et Alcuin hagiographe : une ‘défense et illustration’ de la littérature hagiographique carolingienne”, in Leonardi, C. & Stella, F. éd. (2009) : Un ponte fra le culture. Studi medievistici di e per I Deug-Su, Firenze, 49-67.

Veyrard-Cosme, C. (2010) : “La Vita mérovingienne de Maximin de Trèves à travers sa réécriture par Loup de Ferrières : hypotexte ou prétexte ?”, in : Goullet, Heinzelmann, Veyrard-Cosme, 2010, 193-200.

Van Uytfanghe, M. (1987) : Stylisation biblique et condition humaine dans l’hagiographie mérovingienne, Brussel.

Van Uytfanghe, M. (1995) : “Le culte des saints et la prétendue Aufklärung carolingienne”, in Le culte des saints aux ixe-xiiie siècles. Actes du Colloque tenu à Poitiers les 15-16-17 septembre 1993, Poitiers, 151-166.

Wood, I. (2001) : The Missionary Life. Saints and the Evangelisation of Europe, 400-1050, Edimburg.

Notes

1 Cfr. Boesch Gajano 1976 ; Brown 1983 ; Van Uytfanghe 1987 ; Gibson 2015, 621-629.

2 Cfr. Goullet 2005 ; ead. et al., éd. 2010 ; ead. 2014, 436-445.

3 Cfr. Heen 1989, 415-428 ; ead. 1991, 146-163 ; Goullet & Heinzelmann 2006 ; Banniard 1992, 305-422 ; Garrison (1994), 111-140.

4 Vita Sigiramni abbatis Longoretensis, éd. Krusch (1902), 606 : Nam cum prefati vita beati huius Sigiranni iam dudum eius in monasterio descripta habere d videretur, et haec tam vicio scriptoris quam primi etiam inhercia tractatoris nimis esset absurda valdeque depravata […] in melius ac lucidius propalarem […] emendandam suscepi : non quod me aliquid quod foret inopinatum referre, vel quod racionabiliter insitum erat minuere decrevissem, set pocius quod erat ineptum ac sui perfeccionis nil intellectum haberet, Domino opitulante, lucidius vel in melius propalarem.

5 Vita Severini abbatis Acaunesis, éd. Krusch (1896), 168 ; Vita Maximini episcopi Trevirensis auctore Lupo, éd. Krusch (1896), 74 : Verum in hoc opere illud me admodum coartat, quod, multis quae, dum adviveret , egit , ut palam est, silentio suppressis, vix parva gestorum illius monimenta exstant, et in his ipsis quaedam fabulosis inveniuntur similia. Quo fit, ut […] angusta scribendi materia parum respondere videatur. Omissis itaque his quae fidem ceteris poterant derogare. Cfr. inoltre Veyrard-Cosme 2010, 193-200.

6 Vita Sigiramni abbatis Longoretensis, éd. Krusch (1902), 606.

7 Vita Severini abbatis Acaunesis, éd. Krusch (1896), 168 : Sacram sane libelli seriem, quam Faustus presbite […] ediderat […] transcribentes […] vitia scriptoris corrigere curantes, commodum duximus secundum ingenioli nostri capacitatem eiusdem historiae textum aliquanto clariore propagare sermone, et licet verba non ipsa, sensum tamen et ordinem eiusdem lectionis funditus exequendo nec etiam diversum aliquid huic textui inserendo ; Miracula Martini abbatis Vertavensis, éd. Krusch (1896), 567.

8 Cfr. ad es. Hrabans Maurus, Epistula 14, éd. Dümmler 1899, 402 : Ibi enim inveniet quid pater Augustinus , quidve […] Hieronimus senserint ; quid […] Gregorius , quidve Isidorus Hispaniensis episcopus , et quid Beda […] ac ceteri patres […]. Quorum omnium sententias aut, sicut ab ipsis conscriptę sunt, posui aut sensum eorum meis verbis breviando explanavi. […] ubi vero sensum eorum meis verbis expressi aut ubi iuxta sensus eorum similitudinem, […] de novo dictavi, M litteram Mauri nomen exprimentem […] prenotare curavi. Cfr. inoltre Cantelli 1996, 167-198 ; Contreni 2011, saggi VII e VIII.

9 Bisogno 2008, 101-110 ; id., 2016, 99-118.

10 Cfr. Heen 1989, Gy 1996, 85-89 ; Van Uytfanghe 1996, 151-166 ; Fouracre 2012, saggi III e V.

11 Cfr. Chazelle & Ewards 2003 ; Mayesky 2003, 90-100.

12 Devisse 1976, 1011.

13 Vita Remigii episcopi Remensis auctore Hincmaro, éd. Krusch 1896, p. 251

14 Ibid. : Ipse magnus codex a neglegentibus neglegentius cepit haberi, usque dum tempore Karli principis , quando propter discordiam et contentionem de principatu inter eum et Ragamfredum […] religio christianitatis pene fuit abolita […] adeo ut Milo quidam tonsura clericus, moribus, habitu et actu inreligiosus laicus episcopia Remorum ac Trevirorum usurpans insimul per XL 8 circiter annos pessumdederit.

15 Ibid., 252.

16 Ibid., 252 : Desides enim cum essent Iudei, nec desides modo, sed et impii, alia [scripta] quidem perdiderunt neglegenter, alia vero tum incenderunt, tum conciderunt profane.

17 Ibid., 253 : Vastata namque a Chaldeis Iudea […], etiam bibliotheca antiquitus congregata inter alias provinciae opes hostili est igne consumpta, ex qua pauci, qui nunc in sancta Scriptura continentur libr , postmodum Esdrae pontificis et prophetae sunt industria restaurati.

18 Ibid., 253 ; 254 : Verum et non ab re agere a quoquam videri puto, si ea que de ortu et actu atque obitu domni et patroni ac protectoris nostri in scedulis vetustate prope deletis inventa sunt reparo et de abditis ad lucem reduco et ea que veterum certa relatione cognovi litteris commendare procuro, cum, sicuti premisi, sancti Esdrae pontificis studio sacras Scripturas , desidia et profanitate impiorum Iudaeorum abolitas noscamus fuisse restauratas.

19 Ibid., 321-324. I miracoli di Remigio sono : la fustigazione di Pipino III che aveva usurpato una curtis di proprietà della chiesa di Reims e la sconfitta di Ludovico il Germanico che si era impadronito di quello stesso bene ; causare la follia dei pastori e degli animali che gli amministratori del fisco regio facevano pascolare sulle terre di un colono della chiesa ; causare la morte di due agenti del fisco regio che si volevano impadronire di una foresta ; causare la morte di un aristocratico aquitano che aveva fatto irruzione in un oratorio dedicato al santo ; far ammalare e morire la moglie di un aristocratico che si era impadronito di una curtis.

20 Ibid., 253 : Quo contra et nos, multis aliis perditis , plura in quibusdam historiis et diversis pitaciolis ac usitata relatione, a precedentibus relicta posteris, de ortu et vita seu virtutibus et obitu domni et sanctissimi patris ac protectoris nostri Remigii habemus , que in memo rata exceptione non continentur [...] et sic tam ea quae in historiis a maioribus editis de illo inveni, quam et illa que in diversis scedulis dispersa repperi, verum et illa in serie digerens quae vulgata relatione percepi.

21 Ibid., 253.

22 Ibid., 258.

23 Ibid., 258-259 : His a miraculorum premissis capitulis, quedam sunt in sequenti opusculo de sanctis scripturis et catholicorum dictis sed et de hystoriis ad instructionem et exortationem legentium interposita. Que ut ad recitandum omnia in populi audientia non increscant, cui pro captu audientium mensuram verbi convenit ministrari , et excerpta per se alia lectioni studiosorum non depereant, sicut quondam contigisse hac occasione in prefatione huius operis commemoravi […]. Quantum inde, populo audiente, legantur, et que instructioribus […] legenda serventur, designare curavi : eo videlicet modo , ut illa que populo recitanda sunt nota quae asteriscus vocatur […] prenotentur ; eis vero quae per Dei gratiam illuminatis legenda reservari debent nota paragraphus preponatur ad separandas res a rebus […] ; antisimma vero subiungatur, ubi sunt finienda, quae paragraphus prenotavit. Su come si dovessero svolgere le letture cfr. Devisse 1976, 1023-1037.

24 Sull’opera agiografica di Alcuino cfr. Deug-Su 1983 ; Veyrard-Cosme 2003 ; ead., 2009, 55-65 ; Ricciardi 2010, 731-734 ; 740-742.

25 Sulla parentela fra Alcuino e Beornredo cfr. Bullough 2004 146-153.

26 Cfr. Wood 2001, 81-83.

27 Vita Willibrordi archiepiscopi Traiectensis auctore Alcuino, éd. Levison 1917, 113 : Duos digessi libellos, unum prosaico sermone gradientem, qui puplice fratribus in ecclesia […] legi potuisset ; alterum Piereo pede currentem, qui in secreto cubili inter scolasticos tuos tantummodo ruminare debuisse.

28 Ibid., 114 : Unam quoque priori libello superaddidi omeliam, quae […] tuo venerando ore populo praedicari. Item secundo adieci sermoni heleiacum carmen de viro venerabili Wilgilso, patri scilicet sanctissimi pontificis Wilbrord, cuius corpus requiescit in cellula […], cui ego […] praesedeo.

29 Godman 1981, 215-229.

30 Vita Richarii confessoris Centulensis auctore Alcuino, éd. Krusch 1902, 389 : Remorante vestrae excellentiae pietate in loco sancto […] Centulo, cum et ego vestrae gloriae servus , vestrae pietatis vestigia ibidem prosecutus, aliquantisper commorarer, oraverat meam parvitatem […] abbas Angilbertus […] quendam libellum stilo simpliciori digestum de vita sanctissimi ac vere magnifici confessoris Richarii cultius adnotarem.

31 Ricciardi 2010, 729-731 ; 739-740.

32 Godman 1987, 64-74 ; Gandino 2004, 42-45.

33 Ricciardi 2008, 39-52.

34 Vita Richarii confessoris Centulensis auctore Alcuino, éd. Krusch 1902, 389 : Dumque, exauditis continuo precibus eius, quae ipsi divinae maiestati exaudibiles et carae noscuntur, eundem mihi exhiberi libellum petissem, non parum miratus sum, cur tanti nominis confessor […], tam modico gestorum volumine potiretur. Idque mihi stupescenti innotuit iam dictus memorabilis vir Angilbertus, ac spiritales fratres eiusdem sancti loci, haberi apud se […] codicem alium grandioris quantitatis, in quo scilicet illa miracula legebantur […]. Cuius simplex et minus polita locutio quia fratribus ad recitandum in populo aptior videbatur, sufficere sibi eandem descriptionem consenserunt.

35 Ibid.

36 Deug-Su 1983, 115-125 ; Veyrard-Cosme 2003, 76-80.

37 Vita Richarii confessoris Centulensis auctore Alcuino, éd. Krusch 1902, 389 : Hinc ego, vocato notario et fixo prae oculis iam dicto libello, ea quae referre videbatur […] dictatu admodum compendioso titulo vitae beatissimi patris Richarii aptavimus, et nisi propria decipior inperitia, veluti pretiosum obrizum vestrae prudentissimae sapientiae ad ornandum diadema christianae philosophiae fide humili devotissime commendamus. Et […] hanc nostri tam beati opusculi praefationem vestrae in Domino beatae honorificentiae dedicamus.

38 Goullet (2014), 443-444.

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search