Version classiqueVersion mobile

Traduire en poète

 | 
Geneviève Henrot Sostero
, 
Simona Pollicino

Partie II. Le traducteur poète : apologues

(Ri)tradurre Keats: Il prestito della lingua

Roberto Deidier

Résumé

La poesia, per le sue caratteristiche precipue, è l’ambito in cui la lingua viene spinta all’estremo delle sue potenzialità ; ne deriva che il poeta è un continuo artigiano dell’espressione, poiché porta la lingua letteraria sempre oltre i suoi limiti. La lingua dei poeti è storicamente più avanzata rispetto a quella degli altri generi, nonostante la poesia, per la sua storia e per la sua notevole codificazione, possa sembrare al contrario l’ambito più conservativo. Con l’avvento della modernità la poesia conquista invece una libertà estrema di rimodulazione di lingua e sintassi, nonché di creazione di immagini e simboli ; per questo la traduzione en poète è anzitutto un prestito differito nel tempo, quando si applica ad autori del passato, che non avrebbe più senso tradurre in una lingua fittizia e simil-coeva. Un poeta del Duemila concede la sua lingua a un poeta del primo Ottocento ; forse è proprio questa diffrazione a mettere in rilievo come la figura di Keats, in questo caso, non sia pienamente riconducibile a certe linee portanti del romanticismo, che si mostra sempre più, a distanza di secoli, come una categoria generica e astratta. La traduzione come interpretazione : non solo delle singole immagini, ma del sistema complessivo al cui interno si sono formate.

Entrées d'index

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Un autore come John Keats, modello universalmente riconosciuto della cultura romantica non solo inglese, ma europea, è stato oggetto di numerose traduzioni nelle lingue più disparate, a riprova sia della sua indiscussa presenza nel canone delle patrie lettere che in un canone ideale di marca sovranazionale. Accostarsi a lui, per la posizione e l’auctoritas di cui gode con tutta evidenza, non porrebbe, per le scelte del traduttore, quelle responsabilità di politica culturale, o di politica tout court, che investono talora altri autori meno noti e più problematici, rispetto alla presunta inossidabilità di un canone: sia che si tratti di quello della lingua di partenza, che di quello della lingua d’arrivo. Con il senno di poi e nonostante la sua affermazione, in vita ma anche negli anni successivi alla sua scomparsa, fu ostacolata da pregiudizi sociali (la condizione di povertà, l’essere stato un autodidatta) e da riserve talora pesanti specie sui due poemi, il nome di Keats appare ogg...

Auteur

Università Kore di Enna
Roberto Deidier, poeta e saggista, è professore ordinario di Letterature comparate presso l’Università di Enna “Kore”. Tra i suoi volumi più recenti si segnalano Persefone. Variazioni sul mito (Marsilio 2010), Il lampo e la notte. Per una poetica del moderno (Sellerio, 2012), la curatela dell’opera in versi di Dario Bellezza (Tutte le poesie, Mondadori 2015) e le poesie di Solstizio (Mondadori 2014). www.robertodeidier.it

© Artois Presses Université, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search