Version classiqueVersion mobile

Traduire en poète

 | 
Geneviève Henrot Sostero
, 
Simona Pollicino

Partie I. Le poète traducteur : dialogues

The Rime of the Ancient Mariner nelle traduzioni Di Beppe Fenoglio e Mario Luzi

Francesco Laurenti

Résumé

Dopo una breve contestualizzazione della poesia di Coleridge e delle traduzioni della Rime of the Ancient Mariner di Luzi (1949) e Fenoglio (1955) nella tradizione letteraria italiana, attraverso richiami alla produzione in proprio, si analizzano gli influssi che l’incontro col poeta inglese produsse nella scrittura in proprio di Luzi e Fenoglio. Nei romanzi di Fenoglio, il testo coleridgeano si imprimerà veicolato dalla peculiare commistione linguistica tra italiano e inglese ; nel caso di Luzi invece, seppure influenti sul piano linguistico, le soluzioni generate dall’esercizio sul testo straniero costituiranno piuttosto una risorsa dal punto di vista simbolico. Quest’analisi pone in stretto rapporto la traduzione con la produzione in proprio dei due scrittori italiani, evidenziando come questi intendano tale esercizio, anche come una risorsa utilissima all’ispirazione e alla risoluzione di personali difficoltà di tipo tecnico-stilistiche.

Entrées d'index

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Premessa

Le prime due traduzioni in italiano della Rime of the Ancient Mariner risalgono entrambe allo stesso anno, il 1889. Scritta in una prosa di scarso interesse l’una (di Enrico Nencioni) e caratterizzata da rima e versi regolari l’altra (di Emilio Teza), entrambe le versioni restarono a lungo le uniche in Italia, almeno fino al 1925, anno in cui Mario Praz diede alle stampe Poeti inglesi dell’Ottocento. L’antologia praziana, se ebbe un notevole impatto nel fornire in Italia un’immagine dell’Ottocento inglese, risentiva però troppo dell’idioletto del traduttore, ricco d’arcaismi e caratterizzato, nel tentativo di riprodurre il metro originale, da un’eccessiva meccanicità del dettato. La ristampa del 1947 della Ballata, seppure arricchita di un più nutrito apparato critico, riproponeva ancora la stessa versione della precedente edizione.

Relativamente alle versioni successive, si deve a Mario Luzi la prima significativa traduzione poetica del testo nel 1949 e a Beppe Fenoglio, la ...

Auteur

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano
Francesco Laurenti insegna Teoria e Prassi della Traduzione presso l’Università IULM di Milano e presso la SSML Carlo Bo. Ha pubblicato le monografie Alla ricerca del canto perduto : Ungaretti traduttore e scrittore (2014), Tradurre. Storie, teorie, pratiche dall’Antichità al xix secolo (2015)

© Artois Presses Université, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search