Version classiqueVersion mobile

Architecture, décor, organisation de l'espace

 | 
Nicolas Reveyron
, 
Olivia Puel
, 
Charlotte Gaillard

Thème 1 : L'église de l'antiquité tardive à l'époque romane

La cattedrale di Aosta, aggiornamento sulle ultime ricerche

Renato Perinetti

Texte intégral

1Le prime indagini archeologiche della cattedrale aostana cominciarono con lo studio della cripta nel 1976. Negli anni successivi furono avviate numerose campagne di scavo che si sono estese a tutta la chiesa e alle sue immediate adiacenze. Il ritrovamento di un «terzo» battistero unitamente ai risultati emersi durante lo scavo della piazza Giovanni XXIII, ha portato nuovi elementi per la definizione delle dinamiche costruttive del monumento e pertanto si è proceduto al riesame di alcuni dei risultati già acquisiti.

2Come noto il complesso episcopale aostano era ubicato nel quadrante nord-orientale dell’antica Augusta Praetoria, a ridosso dell’area sacra del foro; brevemente, le principali fasi costruttive (fig. 1), del sito sinora edite (Bonnet 1986; Bonnet, Perinetti 1986, p. 1-33; Bonnet 1987; Perinetti 2000; Cortelazzo, Perinetti 2004; Perinetti 2005), si possono così riassumere:

  • costruzione, verso la fine del I secolo a. C., di una domus sita tra l’ala est del criptoportico forense e il primo cardo minore orientale;

  • ricostruzione, tra la fine del III e l’inizio del IV secolo, della domus precedente. Verso la metà del IV secolo, la residenza viene nuovamente ristrutturata e ampliata verso est con l’aggiunta di un nuovo corpo di fabbrica che invade e oblitera il cardo minore; alcuni ambienti potrebbero forse già essere stati adattati a luogo di culto cristiano;

  • costruzione, verso la fine del IV secolo, del complesso episcopale;

  • ricostruzione e ampliamento, durante l’alto medioevo, del presbiterio;

  • ricostruzione totale, verso l’anno 1000, dell’intera chiesa cattedrale.

1. IL BATTISTERO DEL CRIPTOPORTICO

3In occasione dei lavori di restauro del criptoportico si è proceduto al completamento dello scavo archeologico dell’estremità meridionale dell’ala orientale (Bonnet, Perrinetti 2007) che ha evidenziato le trasformazioni avvenute nella tarda antichità. Verso la fine del III e l’inizio del IV secolo la quota d’uso dell’area in questione viene sopraelevata mediante il riporto di uno spesso strato di limo argilloso all’interno del quale vengono realizzati, in ciascuna delle due corsie, dei canali per la raccolta e il deflusso delle acque; questi ultimi sono associati a degli allineamenti di pioli lignei, disposti parallelamente al muro perimetrale est e distanti da esso cm 60,00. La trasformazione è legata ai lavori di ricostruzione della domus ubicata a est dell’area sacra. Successivamente, verso la metà del IV secolo, questa zona viene chiusa tramite due muri trasversali e il tamponamento di tre arcate, in maniera tale da ricavare un ambiente di m 11,40 x m 4,40. Al centro di questo nuovo vano è stata rinvenuta una grande fossa, del diametro di m 1,90; l’analisi e lo studio dei bordi ha permesso di individuare le impronte delle lastre lapidee che delimitavano una vasca a pianta ottagonale (fig. 2); quest’ultima risulta molto vicina, circa m 2,50, al fonte del battistero della cattedrale, ma è da essa separata dal muro perimetrale. Curiosamente la vasca è disposta secondo l’asse dei vertici dell’ottagono perpendicolarmente all’andamento del muro perimetrale del criptoportico; tale assetto planimetrico è identico a quello della vasca del battistero principale della cattedrale.

4La realizzazione di un vano all’interno del criptoportico con al centro una vasca ottagonale, autonomo rispetto alla cattedrale e ai suoi due battisteri, pongono numerosi problemi interpretativi, ma tutto lascia presupporre che si tratti di un vero e proprio battistero, in uso prima e durante la costruzione del complesso episcopale. In proposito bisogna rilevare che la vasca in questione sarà utilizzata, dopo la costruzione della cattedrale, per disperdere le acque del fonte del battistero principale; nel muro che separa i due battisteri è ancora visibile la traccia del foro utilizzato per la messa in opera del condotto di scarico.

5L’esistenza di un battistero antecedente la costruzione della cattedrale presuppone anche la presenza di un aula di culto, forse realizzata nel portico sovrastante. Questo primo nucleo cultuale, databile verso la metà del IV secolo, interessa unicamente l’adeguamento funzionale di strutture esistenti, il criptoportico e la domus.

Fig. 1: Aoste, cattedrale: battistero criptoportico (fotografia: R. Perinetti).

2. IL «SACELLO»

6Gli scavi archeologici eseguiti a ovest dell’attuale ingresso principale della cattedrale hanno riportato alla luce importanti strutture dell’antico complesso episcopale. In particolare si tratta di alcuni muri e di una «pavimentazione» in lastre lapidee.

7La «pavimentazione» o «piattaforma» è stata ritrovata durante lo scavo della metà settentrionale (fig. coul. 13) dell’abside occidentale della cattedrale romanica. Purtroppo, l’esigua superficie indagata ha permesso di riportare alla luce unicamente parte della struttura, di cui sono visibili sei grandi lastre di reimpiego, cinque di marmo bardiglio e una di travertino. Le lastre formano una sorta di piattaforma, larga almeno m 3,20 e profonda m 3,70, che si addossa alla canaletta di travertino che corre lungo tutto il perimetro del criptoportico, ma è situata ad una quota inferiore rispetto a quest’ultima (circa cm 30,00). Tenuto conto della sua ubicazione e di quanto emerso dallo scavo dell’area nord–occidentale della piazza, possiamo escludere che si tratti di un lacerto della pavimentazione dell’area che attorniava i templi di epoca romana. Pur non disponendo di elementi datanti, riteniamo, sulla base di quanto emerso complessivamente dagli scavi, che la struttura possa essere datata genericamente al V-VI secolo. Recenti scavi condotti dalla Soprintendenza per i Beni Culturali indicano che la «pavimentazione» è associata e coeva ad alcune strutture murarie (fig. 1), tra di loro parallele, che si prolungano obliquamente in direzione sud-ovest. La struttura settentrionale è conservata per una lunghezza di circa m 6,00, mentre quelle meridionali, conservate a tratti, si prolungano per più di m 20,00. Il muro settentrionale, realizzato con una tecnica simile all’opus africanum, i cui elementi verticali sono costituiti da basi di colonne di epoca romana reimpiegati, precede cronologicamente gli altri due e separa l’area dei templi da quella della cattedrale. Gli altri due, coevi e di poco posteriori al precedente, delineano l’andamento di un percorso di cui però si conosce, al momento, un solo punto di collegamento, la «pavimentazione» di cui sopra. Il «percorso» aostano presenta alcune analogie con quanto ritrovato a Ginevra dal prof. Ch. Bonnet che ringrazio per la segnalazione. Qualora il percorso si prolungasse nella stessa direzione, potrebbe raccordarsi con un grande vano, simmetrico a quello ritrovato l’anno scorso all’estremità occidentale dell’ala sud-orientale del criptoportico.

8Come già accennato non è stato possibile riportare alla luce l’intera superficie delle lastre lapidee e pertanto risulta arduo ipotizzare la sua precisa funzione; riteniamo che la struttura in questione sia stata l’elemento che ha dato origine al percorso di cui sopra e al polo cultuale occidentale della cattedrale. In carenza di dati significativi e in attesa del proseguimento degli scavi, definiremo la struttura con termine di «sacello», sottolineandone l’indeterminatezza del termine; ipoteticamente potrebbe trattarsi di una struttura funeraria. L’ubicazione del sacello, al centro del complesso episcopale e in asse con la cattedrale, è da considerarsi quale elemento di congiunzione tra due grandi spazi situati a cavallo dell’ala orientale dell’antico criptoportico che, con la sua altezza e imponenza ha condizionato la cattedrale sino al primo decennio del XVI secolo. L’orientamento della recinzione e del percorso condizionerà invece l’urbanistica di quest’area per tutto il medioevo.

Fig. 2: Aoste, cattedrale: abside romanica ouest (fotografia: R. Perinetti).

3. LA CATTEDRALE ALTOMEDIEVALE

9Le trasformazioni altomedioevali riguardano l’ampliamento e la sopraelevazione del coro, la costruzione della relativa cripta e l’utilizzo di parte del criptoportico quale polo di culto occidentale; l’aula dei fedeli rimane invece inalterata.

10L’indagine archeologica degli elevati della cripta anselmiana, eseguita nel 1976, aveva rilevato la presenza di alcune strutture, attribuibili ad un coro e una cripta (Bonnet, Perrinetti 1977, p. 17-19, pl. 11-17) precedenti la cattedrale del 1000; si tratta di alcuni segmenti murari, divergenti rispetto a quelli più antichi, situati all’esterno delle pareti longitudinali della cripta stessa. L’analisi delle murature permette di ipotizzare l’esistenza di una cripta, forse semianulare, di cui si conosce anche uno degli ingressi laterali, coincidente con l’attuale accesso meridionale. Il nuovo coro, sopraelevato a causa della sottostante cripta, viene realizzato al di là dell’abside paleocristiana, con il chiaro intento di evitare l’interruzione del culto durante i lavori. Le leggera divergenza dell’asse generale del nuovo presbiterio, certamente condizionata dalle strutture preesistenti, determinerà l’orientamento di tutti i muri con andamento nord-sud della cattedrale anselmiana. I lavori di ampliamento del coro sono quasi certamente legati alle necessità liturgiche del Capitolo dei canonici. Questi ultimi sono documentati solamente nei primi decenni dell’XI secolo (Frutaz 1966, p. 276-277; Brunod 1975).

11L’antico battistero principale, ubicato a ovest della navata, perde la sua funzione primaria e la vasca viene riempita con pietrame legato con malta e sigillata da una grande lastra di bardiglio prevista per sostenere un altare o un pesante fonte battesimale in pietra, in continuità rispetto ad un punto particolarmente significativo e venerato.

12Probabilmente, sopra le volte del criptoportico, viene realizzato il coro occidentale, che troverà il suo definitivo assetto nella seconda metà dell’XI secolo con la costruzione di un’abside saliente. L’origine di questo nuovo polo liturgico è certamente legato al «sacello» addossato al muro del criptoportico e ai vicini battisteri.

4. LA CATTEDRALE ANSELMIANA

13Durante gli episcopati di Anselmo (994-1025), discendente da una importante famiglia borgognona imparentata con il re Rodolfo III e Burcardo (1026-1031), figlio di Umberto I, la cattedrale venne interamente ricostruita. I lavori vennero però eseguiti in due fasi distinte: nella prima si costruiscono il coro, le navate e i campanili (990 circa-1031) e, nella seconda, il massiccio occidentale (1060-1080) e il chiostro. Le datazioni assolute ottenute con l’analisi dendrometrica di ben 163 campioni lignei (Orcel et al. 2000, p. 47-58) ci hanno permesso di seguire l’andamento del cantiere cattedrale in tutto il suo divenire con proposte di datazione coerenti e affidabili.

14I lavori eseguiti nel periodo 990/1031 riguardano la costruzione di una chiesa a pianta basilicale (fig. coul. 14) suddivisa in tre navate affiancate da due campanili absidati salienti, quasi a formare un falso transetto o meglio un massiccio orientale costituito da cappelle sovrapposte accessibili da corpi scalari addossati ai lati occidentali dei campanili; le cappelle delle navate sono unite a quelle dei campanili da grandi archi a tutto sesto.

15La cripta, del tipo a oratorio, era suddivisa in tre navate concluse da altrettante absidi in linea all’interno delle quali si sono ritrovate le tracce dei relativi altari. Lo spazio interno è scandito da quattro coppie di colonne con capitelli sui quali erano impostati gli archi che sostenevano le volte a crociera. Essa era accessibile da due ingressi, preceduti da gradini, il primo era situato all’estremità settentrionale della parete ovest e il secondo all’estremità occidentale della parete sud. L’altra apertura della parete ovest, prima degli scavi interpretata come ingresso, è risultata essere la fenestella di un vano funerario (m 3,60 x m 4,20) realizzato al di là del muro della cripta; le tracce di un arcosolio curiosamente realizzato con una stretta volta a crociera, sottolineano l’importanza della sepoltura principale del vano, forse oggetto di culto. L’ambiente, accessibile solamente dalla navata della chiesa, è stato realizzato probabilmente per ospitare le sepolture vescovili come sembrano indicare anche alcuni documenti che menzionano quest’area della chiesa come tumulus episcoporum. A questo proposito si deve far rilevare il ritrovamento, nelle immediate vicinanze del vano, di tombe vescovili risalenti al XII secolo. L’ambiente verrà demolito nella seconda metà del XIII secolo per far posto allo Jubé della seconda metà del XIII secolo. Nello strato di demolizione del vano è stata rinvenuta un’altra sepoltura vescovile, risalente al XV secolo. La situazione sembra rifarsi, almeno in parte, al vano ritrovato davanti alla cripta della chiesa di Sant’Orso che però si sviluppa per tutta la larghezza della navata (Bonnet, Perrinetti 2001).

16Il coro, fortemente sopraelevato rispetto alla navata (m 2,65) a causa del modesto interramento della cripta, si sviluppa per tutta la lunghezza della cripta (circa m 17,50) ed era unito alla navata da uno scalone centrale. Sul lato meridionale il presbiterio si estendeva anche sulla superficie di copertura del vano funerario sottostante dove trovava posto un lettorino. L’altare, dedicato a Santa Maria, era ubicato al centro della prima campata davanti all’abside.

17La chiesa terminava a ovest con una «facciata» addossata al muro orientale del criptoportico, con il preciso intento di salvaguardarlo. Tenuto conto delle differenze di quota esistenti tra il suolo naturale esterno, il porticato antico e la chiesa, è impossibile ipotizzare un ingresso assiale a occidente. In effetti l’entrata principale della cattedrale è stata ritrovata al centro del muro perimetrale della navata sud. La facciata, o meglio la falsa facciata, ha avuto l’unica funzione di creare una cesura tra il cantiere e l’antico polo cultuale occidentale.

18Nella seconda metà dell’XI secolo il precedente polo cultuale occidentale viene demolito e sostituito da un coro absidato, accessibile da uno scalone centrale e affiancato da due campanili. Sotto il coro, in corrispondenza dell’antica pavimentazione del sacello, viene ricavata una cripta, accessibile unicamente dal fianco settentrionale con un altare dedicato a San Bernardo di Aosta. La cripta sfrutta il volume tecnico di risulta determinato dall’accentuata altezza dei muri dell’abside, necessaria per raccordarsi alla quota extradossale delle volte del criptoportico. Queste ragioni sono forse alla base di certe anomalie della cripta (Sapin 2010), come ad esempio l’entrata unica.

19La continuità di culto legata all’esistenza del sacello e del battistero antico costituisce certamente uno degli elementi che hanno dato origine e sviluppo al massiccio occidentale della cattedrale dedicato a San Giovanni Battista. Da rilevare che la lastra di copertura dell’antica vasca battesimale viene inglobata al centro di un vano sottostante la scalinata di acceso al coro. Lungo le due pareti laterali vi sono alcune aperture che permettono di vedere lo spazio interno; forse sulla grande lastra era posato un reliquiario. La chiesa è dunque caratterizzata dallo svolgersi di due funzioni distinte in un unico edificio, a est la chiesa del vescovo e dei suoi canonici e a ovest la chiesa parrocchiale (Rivolin 2000).

20Le riforme dei capitoli canoniali di epoca carolingia e dell’XI secolo, che imponevano la vita comunitaria ai canonici, concedevano ai capitoli le prerogative parrocchiali legate alla cura d’anime; divenne quindi necessario distinguere il luogo della recita dell’ufficio da quello del servizio parrocchiale (Erlande-Brandenburg 1989, p. 103-171; Esquieu 1994). In alcuni casi si è mantenuta l’antica struttura di origine paleocristiana continuando ad officiare nelle due chiese del complesso episcopale, in altri casi, come ad Aosta si è preferito concentrare le due funzioni in un unico edificio con absidi opposte e doppie torri armoniche (Piva 2006; Piva 2007; Tosco 1992; Peirani Baricco 2002).

Bibliographie

Bibliografia

Bonnet Ch. 1986: Les premiers édifices chrétiens d’Augusta Praetoria (Aoste, Italie). In Bonnet Ch. (dir.), Perinetti R. (collab.). Comptes rendus des séances de l’année 1986 (juillet-octobre) de l’Académie des inscriptions et belles-lettres. Paris: Éd. de Boccard, p. 478-488.

Bonnet Ch. 1987: La ville d’Aoste à l’époque de la christianisation. In Cuaz M. (a cura di). Aosta progetto per una storia della città. Quart (Aosta): Musumeci Ed., p. 97-120.

Bonnet Ch., Perinetti R. 1977: Remarques sur la crypte de la cathédrale d’Aoste. Aosta: [s. n.]. 31 p. (Conservazione dei beni culturali; 1).

Bonnet Ch., Perinetti R. 1986: Aoste aux premiers temps chrétiens: XIe Congrès international d’archéologie chrétienne. Lyon, Vienne, Grenoble, Genève, Aoste, septembre 1986. Quart (Aoste): Musumeci Ed. 67 p.

Bonnet Ch., Perinetti R. 2001: La collegiata di Sant’Orso dalle origini al XIII secolo. In Orlandoni B., Rossetti-Brezzi E. (a cura di). Sant’Orso di Aosta. Il complesso monumentale. Saggi I. Aosta: Tipografia valdostana, p. 9-34.

Bonnet Ch., Perinetti R. 2007: I battisteri della cattedrale di Aosta. In Marcenaro M. (a cura di). Albenga città episcopale. Tempi e dinamiche della cristianizzazione tra Liguria di Ponente e Provenza: atti del Convegno Internazionale e tavola rotonda, Albenga, 21-23 settembre 2006. II. Geneva: Albenga: Istituto Internazionale di Studi Liguri, p. 821-837.

Brunod E. 1975: La cattedrale di Aosta. Arte sacra. In Valle d’Aosta. Aosta: Musumeci, p. 17-53.

Cortelazzo M., Perinetti R. 2004: Il materiale ceramico dello scavo della cattedrale di Aosta: prime considerazioni. In Panto G. (a cura di). Produzione e circolazione dei materiali ceramici in Italia settentrionale tra VI e X secolo. II Incontro di studio sulle ceramiche tardoantiche e altomedievali, Torino, 13-14 dicembre 2002. Mantova: SAP impr., p. 9-23. (Documenti di archeologia; 35).

Erlande-Brandenburg A. 1990: La cathédrale. Paris: Fayard. 426 p.

Esquieu Y. 1994: Quartier cathédral. Une cité dans la ville. In Picard J.-Ch. (dir.). Les chanoines dans la ville. Recherches sur la topographie des quartiers canobiaux en France. Paris: Éd. de Boccard, p. 21-23. (De l’archéologie à l’histoire; Paris).

Frutaz A.-P. 1966: Le fonti per la storia della Valle d’Aosta. Roma: Ed. di storia e letteratura. 378 p.

Orcel A., Orcel Ch., Tercier J. 2000: Synthèse dendrochronologique relative au bois de la cathédrale d’Aoste. In Medioevo aostano. La pittura intorno all’anno mille in cattedrale e in Sant’Orso: atti del Convegno internazionale, Aosta 15-16 maggio 1992. Turino: U. Allemandi. 2 vol. (308 p., 141 p.). (Documenti; 6).

Peirani Baricco L. 2002: La crypte occidentale de la cathédrale d’Ivrée. In Sapin Chr (dir.). Avant-nefs et espaces d’accueil dans l’église entre le IVe et le XIIe siècle: actes du colloque du CNRS, Auxerre, 17-20 juin 1999. Paris: Éd. du Comité des travaux historiques et scientifiques, p. 386-395.

Perinetti R. 2000: La cattedrale medievale di Aosta. In Medioevo aostano. La pittura intorno all’anno mille in cattedrale e in Sant’Orso: atti del Convegno internazionale, Aosta 15-16 maggio 1992. I. Torino: U. Allemandi, p. 31-46. (Documenti; 6).

Perinetti R. 2005: Valle d’Aosta. Le chiese altomedievali. In Salvarani R., Andenna G., Brogiolo G. P.(a cura di). Alle origini del romanico. Brescia: CESIMB, p. 149-164.

Piva P. 2006: Le chiese medievali dell’abbazia di Leno. Un problema storico-archeologico. Brixia Sacra 2-2006, p. 141-158.

Piva P. 2007: Edifici di culto e committenti «imperiali» nell’XI secolo: il caso bresciano. In Quintavalle C. (a cura di). Medioevo: la chiesa e il palazzo: atti del convegno internazionale di studi, Parma, 20-24 settembre 2005. Milano: Electa, p. 67.

Rivolin J.-G. 2000: Le principali chiese aostane nei secoli XI e XII. In Medioevo aostano. La pittura intorno all’anno mille in cattedrale e in Sant’Orso: atti del Convegno internazionale, Aosta 15-16 maggio 1992. I. Torino: U. Allemandi, p. 19-29.

Sapin Chr. 2010: L’autel, son rôle et sa place dans la crypte. In Baud A. (dir.). Espace ecclésial et liturgie au Moyen Âge: colloque internatioanl de Nantua, novembre 2006. Lyon: Maison de l’Orient et de la Méditerranée–Jean Pouilloux; Paris: Éd. De Boccard, p. 331-346.

Tosco C. 1992: Le chiese ad absidi contrapposte in Italia. Rivista dell’Istituto Nazionale d’archeologia e storia dell’arte III serie, Anni XIV-XV, 1991-1992, p. 219-267.

Table des illustrations

Légende Fig. 1: Aoste, cattedrale: battistero criptoportico (fotografia: R. Perinetti).
URL http://books.openedition.org/alpara/docannexe/image/3719/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 372k
Légende Fig. 2: Aoste, cattedrale: abside romanica ouest (fotografia: R. Perinetti).
URL http://books.openedition.org/alpara/docannexe/image/3719/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 177k

Auteur

Ancien Surintendant des Activités et des Biens Culturels pour la Vallée d’Aoste

© Alpara, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search