Version classiqueVersion mobile

Religioni e sviluppo sostenibile

 | 
Luca Battaglini
, 
Ilaria Zuanazzi

I.1. Gli obiettivi dello sviluppo sostenibile

Consumo responsabile e lotta allo spreco

Roberto Cavallo

Texte intégral

Introduzione

1I rifiuti sono il risultato di un processo di consumo.

2Ogni processo, anche naturale produce rifiuti, scarti. La coevoluzione degli organismi nel corso dello sviluppo della vita sulla terra ha portato allo sviluppo di cicli basati sull’utilizzo di uno scarto di un ciclo per alimentarne un altro.

3D’altro canto, però, un processo è via via più efficiente, quanti meno scarti produce, massimizzando la trasformazione dei materiali in ingresso.

4Oggi l’uomo si sta rivelando la specie vivente che accumula più rifiuti senza che nel frattempo si siano evolute altre specie in grado di metabolizzarne gli scarti. Ciò è dovuto da un lato alla velocità di accumulo, dall’altro dalla sintesi di molecole nuove.

5Per tale ragione le norme più recenti si ispirano alla natura cercando di spostare l’economia da un approccio lineare ad uno circolare.

6In particolare, il pacchetto di direttive comunitarie sull’economia circolare dell’Unione Europea prevede, tra diverse misure, il dimezzamento degli sprechi alimentari globali pro capite entro il 2030.

7Sono escluse dall’ambito di applicazione della direttiva tutte le sostanze destinate ad essere utilizzate come materie prime per mangimi.

  • 1 R. Cavallo, La Bibbia dell’Ecologia. Riflessioni sulla cura del Creato, ElleDiCi, Torino 2018.

8Il testo che segue è estratto dal capitolo 3 de “La Bibbia dell’Ecologia” pubblicato per EllediCi editrice nel 20181.

1. Gli sprechi alimentari

9Stando agli ultimi dati pubblicati dall’ISTAT, relativi all’annata agraria del 2011, circa il 2% del prodotto resta in campo. Ho provato a selezionare le coltivazioni più diffuse in Italia e ad elaborare i dati di produzione e raccolta.

10Le spighe, che mio nonno mi faceva raccogliere, sono relativamente poche: solo lo 0,74% resta in campo. Ma se guardiamo agli ortaggi coltivati in serra la percentuale che viene sprecata supera il 3,5%!

Perdite medie in campo delle principali coltivazioni in Italia

Perdite medie in campo delle principali coltivazioni in Italia

(Rielaborazione ERICA su dati ISTAT, 2011)

11Se consideriamo il valore medio dei vari prodotti il dato è impressionante.

12Difficile fare una media, ma pensando che il frumento si paga tra i 200 e i 270 euro a tonnellata, il granoturco tra i 180 e i 240 euro a tonnellata, l’orzo tra i 200 e i 260, il sorgo tra i 175 e i 275 euro a tonnellata, possiamo stimare il valore medio dei cereali, al ribasso, attorno ai 200 euro a tonnellata, ovvero 20 euro a quintale. Con lo stesso principio, per le patate all’ingrosso possiamo assumere un valore di 25 euro al quintale, e per gli ortaggi 70 euro al quintale, dal minimo delle cipolle a 25 euro al quintale ai pomodorini ciliegina da 185 euro al quintale, e così via.

13Quindi solo in Italia, con i prodotti rimasti in campo, avremmo nel portafoglio quasi 700 milioni di euro all’anno, senza nemmeno aver pagato per produrre tutto questo bendidio. A livello mondiale la stima del valore delle perdite in campo potrebbe aggirarsi attorno ai 43 miliardi di dollari.

  • 2 forbes.com, marzo 2017.

14In pratica, stando alla classifica stilata ogni anno da Forbes2, saremmo, nel 2016, attorno al settimo posto tra gli uomini «più ricchi della terra», subito dietro a Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook.

15Purtroppo, però ciò che resta nei campi non può trasformarsi in banconote da piegare nel portafoglio, come mi diceva mio nonno.

16A parte che non ci starebbe in nessun portafoglio, ma soprattutto non si conserva, proprio come la manna del deserto dell’Esodo.

  • 3 Vedi anche Numeri 11, 7-9 e Giosuè 5, 10-12.

17Esodo 16, 3-203:

Al mattino poi, intorno all’accampamento, c’era uno strato di rugiada. Essa sparì e sulla superficie del deserto, per terra, rimase una cosa fine e granulosa, fine come la brina. Gli Israeliti la videro e non sapevano che cosa era. Perciò si chiedevano l’un l’altro: «Che cos’è?».
Mosè disse loro: «È il pane che il Signore vi ha dato da mangiare. Ed egli vi comanda di raccoglierne quanto ciascuno può mangiarne: la misura di un omer a testa, secondo il numero delle persone che sono con voi. Ciascuno ne prenda per quelli della sua tenda».
Gli Israeliti fecero così: alcuni ne raccolsero molto, altri poco. Quando si misurò la quantità, si vide che chi ne aveva raccolto molto, non ne aveva più degli altri, mentre chi ne aveva raccolto poco, ne aveva a sufficienza. Ciascuno ne aveva quanto poteva mangiarne.
Poi Mosè disse loro: «Non dovete farne avanzare fino a domani mattina!». Alcuni però non gli ubbidirono e ne conservarono un po’ fino al mattino seguente; ma vi nacquero dentro dei vermi e marcì. Mosè andò in collera contro quelle persone.

18Abbastanza. Che ti sia sufficiente. Che tu ne possa mangiare oggi, perché domani ne avrai ancora. Senza sprecare. Quanto è moderna questa riflessione! Quanto è moderno l’invito di Mosè: inascoltato allora e ancor di più oggi. Lo spreco alimentare, infatti, non si ferma al campo, ma prosegue lungo tutta la catena di distribuzione e consumo, fino al nostro frigorifero di casa.

  • 4 Commissione Europea – DG Ambiente Unità C1, Food Waste in the EU: a study by the European Commiss (...)

19La Commissione Europea4 classifica gli sprechi a seconda delle fasi:

  • manufacturing: i processi di trattamento e trasformazione dei prodotti alimentari destinati alla distribuzione;
  • retail/wholesale: le attività di distribuzione e vendita a individui o organizzazioni;
  • food service sector: catering e ristorazione;
  • households: consumo famigliare.
  • 5 Barilla Center for Food and Nutrition, Lo spreco alimentare: cause, impatti e proposte, giugno 201 (...)
  • 6 Andrea Segrè, Luca Falasconi, Il libro nero dello spreco in Italia: il cibo, Edizioni Ambiente, M (...)

20In Europa, ogni anno, la quantità di cibo che viene sprecato è di circa 90 milioni di tonnellate, in pratica 180 chili a testa. La quantità maggiore di questo spreco, 76 chili all’anno, è nelle nostre case, dopo che abbiamo fatto la spesa5. In Italia questo valore è addirittura più alto: buttiamo nella spazzatura più di 100 chili di cibo per persona all’anno6.

21Questo spreco ha numerose ripercussioni. Certamente genera un danno economico, come già suggeriva mio nonno, ma genera anche disagi sociali e impatti ambientali. Per completare il ragionamento economico, se i prodotti rimasti in campo, solo in Italia, per un solo anno, hanno un valore stimabile attorno ai 700 milioni di euro, l’intero spreco alimentare assomma a 10 miliardi di euro!

2. Gli impatti ambientali degli sprechi alimentari

22Dal punto di vista ambientale occorre considerare che la produzione di cibo richiede acqua, energia, fitofarmaci.

23Per calcolare l’impatto ambientale degli sprechi alimentari si utilizzano normalmente tre indicatori:

  • l’impronta di carbonio (carbon footprint);
  • l’impronta ecologica (ecological footprint);
  • l’impronta idrica (water footprint).

24L’impronta di carbonio stima la somma di tutte le emissioni di gas che possono avere un effetto climalterante, ovvero di quei gas, cosiddetti ad effetto serra, che vengono liberati in atmosfera nelle varie fasi di ottenimento di un prodotto. In agricoltura e nelle successive trasformazioni, fino all’ottenimento di un cibo per l’uomo, le emissioni derivano dal consumo di carburanti per le lavorazioni del terreno, per i trasporti, per la produzione degli imballaggi, per mantenere i cibi al freddo. Altre emissioni sono originate dagli allevamenti, in particolare, dal biogas, con prevalente presenza di metano, derivante dalle deiezioni animali. Occorre considerare che il metano ha un potere di modificare il clima tra le 21 e le 25 volte superiore al CO2.

  • 7 wupperinst.org, novembre 2017.
  • 8 ressourcen-rechner.de, giugno 2017.

25Ci sono poi le emissioni dei fertilizzanti a base di azoto che tende a liberarsi in atmosfera sotto forma di protossido di azoto (N2O). L’impronta ecologica, come ho avuto modo di descrivere in altro capitolo, è la quantità di superficie di terra e mare necessaria a produrre le risorse indispensabili per ottenere un determinato prodotto o ospitare una certa popolazione ed assorbirne i relativi rifiuti prodotti. Lo stesso indicatore, anziché in termini di superficie, può essere sviluppato in volume e in peso: è ciò che hanno fatto i ricercatori del Wuppertal Institut7 definendo lo «zainetto ecologico» (Ecological Rucksack)8.

26In pratica quando acquistiamo o consumiamo o buttiamo un oggetto, ciò che abbiamo tra le mani ha un peso ecologico molto superiore al reale peso sulla bilancia. Lo zaino ecologico infatti porta con sé i chili di natura estratti e utilizzati e in gran parte buttati via per realizzare un bene.

27E poi c’è la quantità d’acqua utilizzata nel processo di ottenimento di un bene. Quando studiavo alla Scuola Enologica di Alba il professore di economia ci insegnava come nel bilancio di una cantina occorresse considerare un consumo di acqua pari al doppio del vino prodotto: e non per allungar- lo, ma solo per le operazioni di lavaggio delle attrezzature e dei locali.

28L’impronta idrica (Water Footprint o Virtual water content) calcola non solo la quantità di acqua dolce utilizzata, ma anche come l’acqua è consumata; ad esempio, nel caso dell’ottenimento di alimenti viene considerata sia l’acqua usata per irrigare le coltivazioni sia quella di- spersa attraverso l’evaporazione del terreno e delle piante, fino all’acqua consumata nelle fasi di trasformazione, confezionamento, trasporto e vendita del prodotto finale.

29Il centro studi della Barilla per il cibo e la nutrizione (Bcfn) ha elaborato una serie di dati forniti dal Ministero della Pesca e dell’Agricoltura della Danimarca fornendo calcoli precisi sull’impatto ambientale dei cibi. Ad esempio, la preparazione di un chilo di sogliola fresca, con i vari passaggi dalla pesca al confezionamento, genera 3,3 kg di CO2; analogamente la preparazione di un kg di gamberi surgelati produce 10 kg di emissioni di CO2 e ancora un kg di aragosta produce 20 kg di CO2! Lo studio arriva a classificare i cibi ponendoli su diversi livelli, che formano una doppia piramide: una è quella classica alimentare e l’altra, invertita, è quella ambientale.

30All’interno di ogni livello ci sono cibi con valori nutrizionali analoghi e impatto ambientale equiparabile. Consultando la piramide alimentare e quella ambientale possiamo orientare la nostra scelta alimentare a parità di kcal verso il minor impatto ambientale.

La piramide alimentare e la piramide ambentale del nostro piatto

La piramide alimentare e la piramide ambentale del nostro piatto

(Fonte: Barilla Center for Food&Nutrition, 2015)

31Ad esempio, per ottenere un chilo di formaggio servono 5.000 litri di acqua e si emettono 9 kg di CO2 mentre per una quantità di yogurt equivalente dal punto di vista alimentare, si emette un solo chilo di CO2 e si consuma cinque volte meno di acqua.

32I dati sono ancora relativamente approssimativi, soprattutto per alcuni cibi, basti pensare alle diverse specie di pesce, ma anche per la complessità di analisi e comparazione dei parametri e relativi valori, come ad esempio la diversa origine dell’energia a seconda che lo stesso cibo sia prodotto in Svezia (energia dal vento e dall’acqua) o in Francia (energia nucleare) o in Italia (energia dal gas metano).

33La piramide è costruita per classi di alimenti, senza valori puntuali e, anche se nei prossimi anni si avranno dati più precisi, l’attuale distribuzione tra i diversi livelli non dovrebbe cambiare.

  • 9 Tiziana Moriconi, Buon appetito, e salverai la terra, «espresso.repubblica.it», 28 giugno 2010.

34Ad esempio «le patate, per cui ora è stimata un’impronta ecologica media di sette metri quadrati, compresa la cottura, potranno alzarsi o abbassarsi di un livello, ma non andranno mai oltre il formaggio, che occupa 75 metri quadrati»9.

35La piramide aiuta dunque anche a scegliere i cibi meno impattanti all’interno di una stessa categoria, ad esempio tra le carni quella avicola ha un’impronta ecologica di 46 metri quadri, quella bovina di 105, ma anche i tagli della carne hanno un impatto diverso: per produrre un chi- lo di filetto si emettono 68 kg di CO2; per un chilo di bistecca “solo” 42.

36La frutta è il cibo più ecologico anche rispetto alla verdura, perché in media si usano meno fitofarmaci e concimi e la raccolta non elimina l’intera pianta, anche se consumare frutta fuori stagione inquina tre volte tanto rispetto alle disponibilità del momento.

37Chi vive attorno al Mediterraneo, magari nelle regioni in cui è stata scritta la Bibbia, ha una dieta in genere migliore rispetto ad altre culture. La dieta mediterranea inquina circa la metà di quella nordamericana.

Notes

1 R. Cavallo, La Bibbia dell’Ecologia. Riflessioni sulla cura del Creato, ElleDiCi, Torino 2018.

2 forbes.com, marzo 2017.

3 Vedi anche Numeri 11, 7-9 e Giosuè 5, 10-12.

4 Commissione Europea – DG Ambiente Unità C1, Food Waste in the EU: a study by the European Commission, Workshop on Municipal Waste Prevention, Barcellona, 24 novembre 2011.

5 Barilla Center for Food and Nutrition, Lo spreco alimentare: cause, impatti e proposte, giugno 2012.

6 Andrea Segrè, Luca Falasconi, Il libro nero dello spreco in Italia: il cibo, Edizioni Ambiente, Milano 2011.

7 wupperinst.org, novembre 2017.

8 ressourcen-rechner.de, giugno 2017.

9 Tiziana Moriconi, Buon appetito, e salverai la terra, «espresso.repubblica.it», 28 giugno 2010.

Table des illustrations

Titre Perdite medie in campo delle principali coltivazioni in Italia
Crédits (Rielaborazione ERICA su dati ISTAT, 2011)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/9805/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 110k
Titre La piramide alimentare e la piramide ambentale del nostro piatto
Crédits (Fonte: Barilla Center for Food&Nutrition, 2015)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/9805/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 109k

Auteur

Si è laureato in Scienze Agrarie all’Università di Torino. Già assessore all’ambiente, agricoltura e protezione civile al Comune di Alba, è fondatore e amministratore delegato di ERICA società cooperativa. Valutatore esperto della DG Ricerca della Commissione Ambiente ed esperto prevenzione rifiuti ed economia circolare del Ministero dell’Ambiente. Autore di oltre 80 pubblicazioni e libri sui temi ambientali e naturalistici. Protagonista dei film “Meno 100 chili - ricette per la dieta della nostra pattumiera” di Emanuele Caruso e “Immondezza – la bellezza salverà il mondo” di Mimmo Calopresti. Consulente, autore e conduttore di alcune trasmissioni radio televisive nazionali sui temi ambientali e della striscia quotidiana #envinews.

Lire

Open access

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search