Version classiqueVersion mobile

Religioni e sviluppo sostenibile

 | 
Luca Battaglini
, 
Ilaria Zuanazzi

I.1. Gli obiettivi dello sviluppo sostenibile

Agricoltura sostenibile e biodiversità: le produzioni vegetali

Cristiana Peano, Anna Gregis et Chiara Ghisalberti

Texte intégral

Premessa

  • 1 G. Barbera, Antropocene, agricoltura e paesaggio, Aboca Sansepolcro (Ar), Arezzo 2019, pp. 13-88.
  • 2 D. Q. Fuller et al., The contribution of rice agriculture and livestock pastoralism to prehistoric (...)

1L’agricoltura e i sistemi alimentari sono tra i principali motori dei cambiamenti globali sulla Terra e si collocano al centro dei sistemi socio-economici, esito dell’Antropocene1. Sin dalle sue origini, l’agricoltura ha generato cambiamenti più o meno repentini sul paesaggio, nell’uso delle risorse naturali e sulla biodiversità vegetale e animale2. In particolare le innovazioni introdotte nel periodo industriale, iniziato intorno al 1800, hanno influito in modo importante sul tasso di biodiversità presente nei sistemi agricoli determinandone una graduale, ma sempre più accelerata, perdita.

2La Convenzione delle Nazioni Unite sulla Diversità Biologica, firmata a Rio de Janeiro il 5 giugno 1992, definisce la biodiversità (Biological Diversity) come «the variability among living organisms from all sources including, inter alia, terrestrial, marine and other aquatic ecosystems and the ecological complexes of which they are part; this includes diversity within species, between species and of ecosystems» (Onu, 1992). In tale occasione vennero delineati i tre importanti obiettivi della Convenzione stessa, ovvero la conservazione della diversità biologica, l’uso sostenibile dei componenti della diversità e la giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche.

  • 3 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, The 2030 Agenda and Ecosystems - A discussion paper on the (...)

3È evidente che la biodiversità è stata riconosciuta come la base per i sistemi naturali di supporto alla vita sulla Terra, in quanto fornitrice di servizi ecosistemici; ma andando al di là del punto di vista ecologico, la biodiversità ha anche una valenza simbolica, culturale e sociale. Basti ricordare il ruolo decisivo che hanno i popoli indigeni nella sua conservazione e nell’identità culturale che si crea attorno a un prodotto agro-alimentare, seme, pianta, animale o trasformato che sia3.

4Nel 2009 sulla rivista Nature è stato inserito, da un gruppo di esperti di scienze del sistema Terra e della sostenibilità guidato da Johan Rockström, il concetto di ‘confine planetario’ che ha l’ambizione di definire uno “spazio operativo sicuro” in cui poter agire senza compromettere il futuro del pianeta.

  • 4 L. P. Stuart, N. J. Clinton, V. L. Binbin, How to protect half of Earth to ensure it protects suff (...)
  • 5 WWF, Risk and resilience in a new era. Living Planet Report WWF International, Gland 2016.

5Dei 9 confini planetari identificati nell’articolo, uno fa specifico riferimento ai cambiamenti nell’integrità della biosfera (perdita di biodiversità ed estinzioni) ed è considerato, insieme a quello relativo al cambiamento climatico, un confine fondamentale da non superare per evitare che il Sistema Terra raggiunga ‘un nuovo stato’4. Queste considerazioni derivano dalla consapevolezza che quasi un quarto delle specie vegetali del pianeta è a rischio di estinzione, mentre le popolazioni globali di pesci, uccelli, mammiferi, anfibi e rettili sono diminuite del 58% tra il 1970 e il 2012, riduzione che potrebbe aumentare nel corso dei prossimi anni ad un tasso sempre maggiore5.

6Inoltre un recente studio del 2016 condotto nell’ambito della Piattaforma intergovernativa sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES) mostra che il 40% delle specie impollinatrici sono a rischio di estinzione, con potenziali conseguenze devastanti per il cibo e i mezzi di sussistenza, considerando che il 75% delle nostre colture alimentari dipende dagli impollinatori.

1. Biodiversità e agrobiodiversità al centro di accordi internazionali, quadro di riferimento per la sostenibilità planetaria

7L’agricoltura e la conseguente disponibilità di materie prime sono parametri essenziali che hanno accompagnato l’uomo nel corso della sua evoluzione, influenzando bisogni, culture e strutture sociali. Il rapporto tra uomo ed ecosistema non è quindi da considerarsi unidirezionale, bensì come un fenomeno co-evolutivo. La biodiversità è un elemento identitario di tale rapporto ed in particolare l’agrobiodiversità definita dalla FAO (Food and Agriculture Organization) nel 1999 come la varietà e variabilità di animali, piante e microrganismi che sono importanti per il cibo e l’agricoltura e che sono il risultato delle interazioni tra l’ambiente, le risorse genetiche, i sistemi di gestione e le pratiche usate dagli uomini.

  • 6 Y.N. Harari, Sapiens. A brief history of humankind, Random UK, London 2015.

8Per decenni l’uomo, nel suo costante evolversi in termini demografici, spaziali e tecnologici, si è auto-identificato come l’unica specie in grado di dominare la natura, plasmandola secondo le sue necessità e provocando una trasformazione evidente del pianeta Terra6.

9Tale processo è sì cruciale per la vita dell’essere umano ma è determinante anche per tutte le altre specie viventi che abitano l’ecosistema terrestre. Infatti, un ecosistema caratterizzato da poche singole specie appartenenti ai gruppi più resilienti, è più vulnerabile e più soggetto a rischi come la desertificazione, la salinizzazione, la colonizzazione da parte di specie allogene, l’interruzione di servizi eco-sistemici fondamentali e l’insicurezza alimentare, con gravi conseguenze e ripercussioni soprattutto nei contesti socio-economici fragili. È pertanto nella relazione fra natura e cultura, fra umano e non-umano che si cela il fondamentale ruolo della tutela della biodiversità. Nel corso degli ultimi cinquanta anni molti accordi internazionali sono stati negoziati per cercare di garantire la salvaguardia, la conservazione e la valorizzazione della biodiversità e dell’agrobiodiversità per sottolineare come essa sia fondamentale nel definire lo stato di salute di un sistema. All’inizio degli anni 2000 e più precisamente nell’aprile 2002, nell’ambito della Convenzione sulla Diversità Biologica, durante la sua Sesta conferenza delle parti (https://www.cbd.int/​), e poi confermato dai capi di Stato al Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile tenutosi sempre nel 2002 a Johannesburg in Sudafrica, è stato siglato l’impegno a raggiungere entro il 2010 (Anno Internazionale della biodiversità) una riduzione significativa del tasso di perdita di biodiversità a livello globale, regionale e nazionale quale contributo alla riduzione della povertà e al raggiungimento di un modello di sviluppo sostenibile. La decima riunione della conferenza delle parti, tenutasi dal 18 al 29 ottobre 2010, a Nagoya, nella prefettura di Aichi, in Giappone, ha adottato un piano strategico rivisto e aggiornato per la biodiversità, definendo gli obiettivi di Aichi (Aichi Target) per la biodiversità, per il periodo 2011-2020. L’aspetto interessante è che gli SDGs (UN Sustainable Development Goals 2030) e il piano strategico per la biodiversità si integrano e sostengono a vicenda al punto che l’attuazione di uno contribuisce al raggiungimento dell’altro.

10A questo punto è possibile chiedersi: perché la biodiversità è importante per lo sviluppo sostenibile?

11Come già affermato in precedenza la biodiversità è fondamentale per assicurare quei servizi ecosistemici essenziali per le aree rurali e urbane ed è possibile affermare che il benessere delle generazioni attuali e future dipende in gran parte dalla sua salvaguardia.

12E l’altra domanda che dobbiamo porci è: perché lo sviluppo sostenibile è importante per la biodiversità?

13Gli SDGs promuovono, in particolar modo, un cambiamento trasformativo nelle economie e nelle società ed è quindi auspicabile che porteranno a una nuova idea di governance, a livello mondiale, che integri maggiormente la salvaguardia della biodiversità con le politiche dei governi. In particolar modo l’auspicata crescita economica che contribuisce all’eradicazione della povertà deve essere perseguita in modo socialmente equo e sostenibile dal punto di vista ambientale. Conseguentemente le agende dei vari governi dovranno tenere in conto un impatto ridotto sulla biodiversità e sugli ecosistemi, in modo da affrontare le molteplici dimensioni del benessere umano in modo sostenibile.

14I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) hanno, infatti, l’obiettivo di mobilitare gli sforzi comuni per porre fine a tutte le forme di povertà, ridurre le disuguaglianze, affrontare il cambiamento climatico e promuovere la salvaguardia dell’ambiente (CBD, 2017).

15Con l’adozione dell’Agenda 2030 non solo è stato espresso un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, ma si è superata l’idea che la sostenibilità sia unicamente una questione ambientale, a favore di una visione integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo (economia, ambiente, società, istituzioni).

2. Simmetrie e asimmetrie fra i Goals dell’Agenda 2030 e gli Aichi Target

  • 7 FAO, Commission on genetic resources for food and agriculture assessment, The state of the world’s (...)

16L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura stima che il 75% della diversità delle colture sia scomparso tra il 1900 e il 20007.

17Ad oggi, come sottolineato dai dati riportati dalla FAO stessa, 1,5 miliardi di ettari, circa il 30% delle terre emerse è dedicato all’agricoltura, le specie vegetali utilizzabili dall’uomo per la propria alimentazione sono circa 7.000, ma solamente 150 vengono coltivate in maniera estensiva a questo scopo. Di queste, 12 forniscono quasi tre quarti dei nostri alimenti, e 4 di esse (riso, mais, grano, patata) provvedono a più della metà dell’alimentazione quotidiana mondiale. Pertanto la riduzione di agrobiodiversità, si inserisce in un più ampio fenomeno di perdita globale della biodiversità.

18La biodiversità, al centro degli Aichi Targets, è un elemento trasversale, che esplicitamente o implicitamente diviene un tema rilevante per il raggiungimento di tutti gli SDGs, in particolare gli SGDs 2, 12, e 15 si occupano della sua diretta promozione e tutela (CBD, 2017).

Tabella 1 – Goal 2 (SDGs) e Aichi Targets

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Aichi Targets per la Biodiversità

GOAL 2 Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare e una migliore nutrizione, promuovere un’agricoltura sostenibile

2 - Valori integrati di biodiversità

6 - Gestione sostenibile delle fonti di vita acquatiche

7 - Agricoltura, acquacoltura e silvicoltura sostenibili

13 - Salvaguardare la diversità genetica

18 - Conoscenza della tradizione

19È chiaro che la biodiversità è essenziale per l’approvvigionamento alimentare ed è un fattore determinante per la qualità del cibo. Le diverse varietà di colture e razze animali utilizzate in agricoltura derivano infatti dalla diversità genetica presente nel mondo.

  • 8 FAO, Statistical Yearbook, World Food and Agriculture, Rome 2013.

20Più di 3 miliardi di persone – quasi la metà dell’attuale popolazione mondiale – vive in aree rurali e circa 2,5 miliardi di esse traggono il loro sostentamento dall’agricoltura, dall’allevamento, raccolta, caccia e pesca8.

  • 9 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

21Il forte aumento della popolazione mondiale esercita un’ulteriore pressione sui sistemi di produzione alimentare attraverso la rapida crescita della domanda di cibo – il quale dovrebbe aumentare del 70% entro il 20509.

  • 10 D. Hunter et al., Agrobiodiversity for healthy, diverse diets and food systems, «CGIAR», 2016.

22Una delle maggiori sfide del mondo è garantire l’accesso universale a cibo sufficiente, sano, economico e prodotto in modo sostenibile. Tuttavia, nonostante i grandi progressi tecnologici e la crescita economica della società, il sistema alimentare globale attuale non garantisce una adeguata e sana nutrizione per l’intera umanità, dominata da forti disuguaglianze economiche e sociali. Nel xxi secolo, nonostante possa apparire strano, la malnutrizione risulta come seconda causa di morte al mondo e, assieme al cambiamento climatico, si profila come una delle più importanti sfide globali. Attualmente, a livello mondiale circa 795 milioni di persone sono considerate sottonutrite, due miliardi considerate sovrappeso o obese, mentre due miliardi mancano delle vitamine e dei minerali essenziali necessari per una nutrizione adeguata. I fattori di rischio dietetici sono oggi la prima causa di morbilità e mortalità, tra questi spicca la scarsa qualità della dieta associata alla scarsa assunzione di frutta e verdura e di altri alimenti vegetali e animali ricchi di sostanze nutritive. Questi elementi, che ricoprono perciò vitale importanza possono essere in gran parte forniti dalla biodiversità alimentare. Nonostante ciò, le diete alimentari stanno diventando sempre più uniformi e semplificate, povere di micronutrienti, e il settore agro-alimentare attuale si concentra sull’aumento della produzione di un numero ristretto di colture di base10. A livello globale, l’incidenza della fame nel mondo è scesa dal 15% del 2000-2002 all’11% del 2014-2016. Tuttavia, se la tendenza attuale dovesse confermarsi, sarà in ogni caso molto difficile raggiungere il goal 2 entro il 2030. Il punto di congiunzione tra il Goal 2 e gli Aichi Targets sta proprio nella considerazione che tutti gli approcci all’agricoltura a basso input e basati sulla ri-costruzione di agroecosistemi sono particolarmente adatti per sostenere la conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità. Infatti la diversità genetica in agricoltura è un elemento chiave della sicurezza alimentare in quanto contribuisce a garantire l’evoluzione delle specie in grado di adattarsi alle mutevoli condizioni ambientali, nonché alla resistenza a particolari malattie e parassiti.

23Inoltre le conoscenze e le pratiche tradizionali ereditate da generazioni dalle comunità indigene e locali possono spesso fornire misure preziose e comprovate di conservazione e uso sostenibile delle specie vegetali e delle razze animali.

24Infine è possibile sottolineare che una governance più attenta e responsabile nel complesso migliorerebbe anche la componente reddituale dei piccoli agricoltori e delle comunità locali (ASVIS, 2020).

  • 11 A. J. Bennett, et al., Meeting the demand for crop production: the challenge of yield decline in c (...)

25La ricerca sviluppata negli ultimi anni11 dimostra infatti che il grado di diversificazione all’interno dei sistemi di coltivazione può avere effetti importanti sulla produttività delle colture stesse. Infatti, i rendimenti possono essere ridotti tra il 3 e il 57% per le colture principali coltivate in sequenze a rotazione breve e monocolture rispetto a quelle in sequenze a rotazione estesa che includono più specie di colture. Minore produttività in cicli di rotazione meno diversificata è attribuibile a numerosi fattori interattivi, tra cui l’aumento e maggiori danni causati da insetti nocivi ed erbacce, la compattazione del suolo, l’esaurimento e la perdita di nutrienti, la ridotta fertilità e la ridotta disponibilità di acqua nel suolo.

  • 12 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

26La produzione sostenibile di cibo per una popolazione mondiale in crescita richiede quindi diverse sfide da affrontare, e deve essere affiancata a modelli di produzione e consumo sostenibili, per evitare che gli sforzi fatti alle base della filiera non vadano vanificati12. A tal riguardo, il concetto di “modelli di produzione e consumo sostenibili” non è nuovo nel dibattito internazionale. Già da diversi decenni si è affermata l’importanza di agire dal lato della produzione, riducendo al minimo l’uso delle risorse naturali e attraverso un uso efficace e dal lato del consumo, sensibilizzando i cittadini a forme di consumo responsabili. Tale approccio è inserito nel Goal 12.

Tabella 2 – Goal 12 (SDGs) e Aichi Targets

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Aichi Targets per la Biodiversità

GOAL 12 - Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo

1 - Consapevolezza dell’incremento di biodiversità

7 - Agricoltura, acquacoltura e silvicoltura sostenibili

4 - Produzione e consumo sostenibili

8 - Riduzione dell’inquinamento

6 - Gestione sostenibile delle fonti di vita acquatiche

19 - Condivisione di informazioni e conoscenze

27Il consumo e la produzione di tutti i beni e servizi richiedono la trasformazione di molte risorse naturali, che a loro volta incidono sulla biodiversità. Gli attuali modelli di consumo e produzione non sostenibili possono minare la capacità degli ecosistemi di fornire servizi alle industrie e alle comunità che si basano su di essi.

  • 13 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

28Gli ecosistemi sani sono la base per un consumo e una produzione sostenibile. A sua volta, il consumo e la produzione sostenibili sono necessari per ridurre al minimo gli effetti negativi sulla biodiversità e garantire la disponibilità a lungo termine dei benefici che gli ecosistemi sani offrono. Pertanto, non riconoscere i legami tra ecosistemi, consumo e produzione, genera gravi problemi all’intero sistema. Al contrario, se i legami vengono riconosciuti generando equilibrio agli agroecosistemi, la biodiversità può rivelarsi un valore fondamentale per uno sviluppo economico e sociale continuo, equo e resiliente a shock come il cambiamento climatico e le fluttuazioni dei mercati finanziari13.

  • 14 K. S. Zimmerer, The biodiversity of food and agriculture (Agrobiodiversity) in the anthropocene: R (...)

29Il numero di disastri estremi legati al clima, tra cui l’innalzamento delle temperature, siccità, inondazioni e tempeste, è raddoppiato dall’inizio degli anni ’90. Gli impatti diretti, come la riduzione, il riadattamento e la riconversione degli habitat, possono portare alla perdita e all’estinzione dell’agrobiodiversità e hanno forti impatti sui sistemi alimentari14. Essi danneggiano la produttività agricola, contribuendo a ridurre la disponibilità di cibo, con effetti a catena che causano l’aumento dei prezzi di prodotti agro-alimentari e perdite di reddito, che riducono l’accesso delle persone al cibo, limitando la domanda.

  • 15 K. S. Zimmerer, The biodiversity cit.

30In molte aree, eventi climatici estremi sono aumentati in numero ed intensità, in particolare le temperature medie si stanno spostando verso l’alto. Il calore estremo è associato a un aumento della mortalità, a una minore capacità di lavoro, a rendimenti agricoli più bassi e ad altre conseguenze che minano la sicurezza alimentare e la nutrizione. La fame è significativamente peggiore nei paesi con sistemi agricoli altamente sensibili alle precipitazioni, alla variabilità della temperatura e alla grave siccità; dove il sostentamento di un’alta percentuale della popolazione dipende dall’agricoltura e dove il paese non dispone di misure di sostegno sufficienti per contrastare il fenomeno. In sintesi, per quasi il 36% dei paesi che hanno registrato un aumento della denutrizione dal 2005, ciò è coinciso con il verificarsi di una grave siccità agricola in questi luoghi. La ricerca sulla perdita dell’agrobiodiversità causata da tali cambiamenti globali si è finora concentrata sulla capacità di adattamento delle specie e delle varietà vegetali, molto meno si sa sui processi sociali e politico-ecologici di vulnerabilità, resilienza e trasformazione dei territori15. Inoltre il cambiamento dei modelli di consumo richiederà un coinvolgimento attivo del pubblico poiché un numero crescente di paesi e di popolazione adotta i modelli di consumo delle società economicamente avanzate. La sensibilizzazione e l’accesso alle informazioni su varie dimensioni dello sviluppo sostenibile, compresi la biodiversità e l’ecosistema, sono i prerequisiti per spostare le scelte di consumo e gli stili di vita.

31Sempre in riferimento all’Agenda 2030, l’obiettivo che più in specifico si preoccupa del servizio e sull’uso sostenibile degli ecosistemi e delle specie del pianeta, è il Goal 15.

Tabella 3 – Goal 15 (SDGs) e Aichi Targets

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Aichi Targets per la Biodiversità

Goal 15 -proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre, gestire sostenibilmente le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica

2 - Valori integrati di biodiversità

4 - Produzione e consumo sostenibili

5 - Perdita dimezzata o ridotta di habitat

7 - Agricoltura, acquacoltura e silvicoltura sostenibili

9 - Specie aliene invasive prevenute e controllate

11 - Aree protette

12 - Riduzione del rischio di estinzione delle risorse

14 - Servizi ecosistemici

15 - Restauro e resilienza dell’ecosistema

16 - Accesso ai benefici genetici e condivisione dei benefici

32La conservazione, il ripristino e l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri e delle acque dolci interne sono essenziali per lo sviluppo sostenibile. In tale contesto è bene ricordare ecosistemi a volte dimenticati come le foreste e i sistemi montani. Le foreste coprono circa il 30% dell’area terrestre, contengono l’80% della biomassa terrestre e forniscono l’habitat per oltre la metà delle specie animali e vegetali conosciute al mondo. Anche se il tasso di perdita delle foreste annuale sta rallentando negli ultimi decenni, è ancora motivo di forte preoccupazione a causa della perdita costanti in aree con un valore ecologico particolarmente elevato. I dati dimostrano come tra il 1990 e il 2015, le aree occupate dalle foreste siano diminuite dal 31,7% sul totale delle terre emerse al 30,7%. Questa perdita è riconducibile alla conversione delle foreste in terre per altri tipi di uso, come l’agricoltura, o alla costruzione di infrastrutture. Allo stesso tempo, però, molte terre sono state trasformate in foreste grazie alla piantumazione di alberi e piante. Se si mettono i due processi a confronto, si può stimare che la perdita annuale globale di aree coperte da foreste è passata dai 7,3 milioni di ettari del 1990 ai 3,3 milioni di ettari all’anno tra il 2010 e il 2015 (ASVIS, 2020). A livello globale è interessante sottolineare la presenza di programmi legati alla realizzazione di aree protette che potrebbero arricchire in modo sostanziale il potenziale della biodiversità (Aichi target 11).

  • 16 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

33La ricerca delle simmetrie e delle asimmetrie tra i due strumenti è utile per comprendere come l’Agenda 2030 possa contribuire all’attuazione dell’attuale Piano Strategico per la Biodiversità 2011-2020 (e viceversa) in quanto è necessario considerare un possibile processo per lo sviluppo di un quadro post-202016.

  • 17 D. Hunter et al., Agrobiodiversity cit.

34Tuttavia è possibile sottolineare come spesso quanto messo in rilievo dagli Aichi Targets, non si rifletta adeguatamente negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). Infatti molto spesso non sono così chiari i collegamenti che si possano instaurare tra indicatori. Probabilmente sarebbe necessario che gli indicatori andassero oltre le misure convenzionali della produzione agricola e della resa produttiva, per misurare meglio ad esempio la qualità nutrizionale, la diversità nutrizionale dei sistemi alimentari e la diversità dietetica. È dunque necessario un maggiore sforzo di integrazione sul tema biodiversità in modo che i molteplici beni e servizi ecosistemici che essa può fornire per la nutrizione e il benessere umano siano meglio tracciati ed evidenziati17. L’integrazione dei valori della biodiversità nei processi di pianificazione e nei sistemi nazionali di contabilità e rendicontazione richiederà alla governance di valutare adeguatamente i vari aspetti. Gli sforzi per migliorare la valutazione della biodiversità dovrebbero includere strumenti e metodi che riconoscano i valori sociali e culturali, oltre ai valori economici, e dovrebbero essere condotti in modi che incoraggino l’uso sostenibile della biodiversità a tutti i livelli. Per raggiungere questo obiettivo sarà necessaria una combinazione di politiche nazionali e locali.

Conclusioni

  • 18 K. S. Zimmerer, op. cit.

35L’agrobiodiversità è un elemento cardine per l’attuazione di specifiche soluzioni gestionali e politiche necessarie per lo sviluppo sostenibile, la sicurezza alimentare e nutrizionale, la conservazione della biodiversità, l’equità sociale e la giustizia. L’analisi dell’agrobiodiversità dimostra quindi una particolare promessa nell’aiutare a comprendere e a rispondere alle intensificate interazioni umane con i sistemi terrestri e all’accelerazione dei cambiamenti globali18.

36Al termine “dieta sana” non corrisponde una definizione unica, tuttavia tra le componenti generali di una dieta sana secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) vi è una varietà di prodotti agroalimentari esito della diversità alimentare. Seppure gran parte di essa sia stata trascurata o persa ha un enorme potenziale per fornire la ricchezza naturale di nutrienti di cui l’essere umano ha bisogno. Pertanto la promozione della diversificazione dei sistemi di produzione e del consumo di cibo è e sarà necessaria per ottenere risultati nutrizionali ottimali, ma non solo, è e sarà anche importante per la resilienza e la sostenibilità dei sistemi agro-alimentari attuali e futuri.

37Molte agenzie, tra cui FAI, la Convenzione sulla diversità biologica (CBD), l’OMS e Bioversity International riconoscono l’importante ruolo della biodiversità alimentare in questo slancio per rimodellare i sistemi alimentari.

  • 19 P. Bridgewater, M. Régnier, R. Cruz García, Implementing Sdg 15: Can large-scale public programs h (...)

38I paesaggi sono diventati sistemi socio-ecologici complessi in cui le attività antropogeniche e i fattori biofisici interagiscono su più scale. L’integrazione dei processi di sviluppo socio-economico nelle strategie di conservazione come mezzo di gestione sostenibile delle risorse richiede una profonda comprensione delle interazioni tra attività umane e processi naturali. Recenti studi confermano la necessità di promuovere sinergie tra la conservazione della biodiversità, la sua gestione e l’attuazione di politiche volte a migliorare i mezzi di sussistenza umani19.

  • 20 D. Hunter et al., op. cit.

39Sfruttare le opportunità per promuovere meglio la biodiversità alimentare come strategia chiave per diete sane e sistemi alimentari sostenibili è necessario per il sistema globale attuale il quale si trova di fronte all’impellente sfida del cambiamento climatico20. Ecco dunque che c’è un urgente bisogno di un approccio integrato, che affronti gli ostacoli di natura tecnica, economica o sociale, che mantenga i sistemi di supporto vitale della Terra garantendo al contempo un continuo progresso sociale.

Bibliographie

Barbera G. 2019. Antropocene, agricoltura e paesaggio, Aboca Sansepolcro (Ar), Arezzo.

Bennett A.J. et al. 2012. Meeting the demand for crop production: the challenge of yield decline in crops grown in short rotations, «Biological Reviews», 87, pp. 52-71.

Bridgewater P., Régnier M., Cruz García R. 2016. Implementing Sdg 15: Can large-scale public programs help deliver biodiversity conservation, restoration and management, while assisting human development?, «Natural Resources Forum», 39, pp. 214-223.

Fao. 2019. Commission on genetic resources for food and agriculture assessment, The state of the world’s biodiversity for food and Agriculture, Rome, Italy.

Fao. 2013. Statistical Yearbook, World Food and Agriculture, Rome, Italy.

Fuller D.Q. et al. 2011. The contribution of rice agriculture and livestock pastoralism to prehistoric methane levels: an archaeological assessment, «The Holocene», 21, pp. 743-759.

Harari Y.N. 2015. Sapiens. A brief history of humankind, Random UK, London.

Hunter D. et al. 2016. Agrobiodiversity for healthy, diverse diets and food systems, «CGIAR».

IPBES. 2016. Summary for policymakers of the assessment report of the intergovernmental science-policy platform on biodiversity and ecosystem services on pollinators, pollination and food production, Bonn, Germany.

Lim, M. M. L., P. Søgaard Jørgensen, C. A. Wyborn. 2018. Reframing the sustainable development goals to achieve sustainable development in the Anthropocene – a systems approach, «Ecology and Society», 23, pp. 22 sgg.

Opoku A. 2018. Biodiversity and the built environment: Implications for the Sustainable Development Goals (Sdgs), «Resources Conservation and Recycling», 141, pp.1-7.

Rockstrom, J. et al. 2009. A safe operating space for humanity, «Nature» 461, pp. 472–475.

Salleh A. 2016. Climate, Water, and Livelihood Skills: A Post-Development Reading of the Sdgs, «Globalizations», 13, pp. 952-959.

Schultz M., Tyrrell T.D., Ebenhard, T. 2016. The 2030 Agenda and Ecosystems - A discussion paper on the links between the Aichi Biodiversity Targets and the Sustainable Development Goals, SwedBio at Stockholm Resilience Centre, Stockholm, Sweden.

Smith B. D., Zeder M. A. 2013. The onset of Anthropocene, «Anthropocene», 4, pp. 8-13.

Stuart L. P., Clinton N. J. Binbin V. L. 2018. How to protect half of Earth to ensure it protects sufficient biodiversity, «Science Advances».

United Nations. 1992. Conventions on Biological Diversity. https://www.cbd.int/convention/text/

WWF. 2016. Risk and resilience in a new era. Living Planet Report WWF International, Gland, Switzerland.

Zimmerer K. S. 2019. The biodiversity of food and agriculture (Agrobiodiversity) in the anthropocene: Research advances and conceptual framework, «Anthropocene», 25.

Notes

1 G. Barbera, Antropocene, agricoltura e paesaggio, Aboca Sansepolcro (Ar), Arezzo 2019, pp. 13-88.

2 D. Q. Fuller et al., The contribution of rice agriculture and livestock pastoralism to prehistoric methane levels: an archaeological assessment, «The Holocene», 21 (2011), pp. 743-759; B. D. Smith, M. A. Zeder, The onset of Anthropocene, «Anthropocene», 4 (2013), pp. 8-13.

3 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, The 2030 Agenda and Ecosystems - A discussion paper on the links between the Aichi Biodiversity Targets and the Sustainable Development Goals, SwedBio at Stockholm Resilience Centre, Stockholm 2016.

4 L. P. Stuart, N. J. Clinton, V. L. Binbin, How to protect half of Earth to ensure it protects sufficient biodiversity, «Science Advances», 2018.

5 WWF, Risk and resilience in a new era. Living Planet Report WWF International, Gland 2016.

6 Y.N. Harari, Sapiens. A brief history of humankind, Random UK, London 2015.

7 FAO, Commission on genetic resources for food and agriculture assessment, The state of the world’s biodiversity for food and Agriculture, Rome 2019.

8 FAO, Statistical Yearbook, World Food and Agriculture, Rome 2013.

9 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

10 D. Hunter et al., Agrobiodiversity for healthy, diverse diets and food systems, «CGIAR», 2016.

11 A. J. Bennett, et al., Meeting the demand for crop production: the challenge of yield decline in crops grown in short rotations, «Biological Reviews», 87 (2012), pp. 52-71.

12 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

13 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

14 K. S. Zimmerer, The biodiversity of food and agriculture (Agrobiodiversity) in the anthropocene: Research advances and conceptual framework, «Anthropocene», 25 (2019).

15 K. S. Zimmerer, The biodiversity cit.

16 M. Schultz, T.D. Tyrrell, T. Ebenhard, op. cit.

17 D. Hunter et al., Agrobiodiversity cit.

18 K. S. Zimmerer, op. cit.

19 P. Bridgewater, M. Régnier, R. Cruz García, Implementing Sdg 15: Can large-scale public programs help deliver biodiversity conservation, restoration and management, while assisting human development?, «Natural Resources Forum», 39 (2016), pp. 214-223.

20 D. Hunter et al., op. cit.

Auteurs

É laureata in Scienze Agrarie presso l’Università di Torino. Dal 1989 svolge attività di ricerca e didattica presso l’Università degli Studi di Torino dove attualmente è inquadrata nel ruolo di professore associato. Il driver di tutta l’attività di ricerca è l’adozione dell’innovazione nella gestione della produzione e dei processi di prodotti frutticoli che possono essere in grado di soddisfare i criteri di sostenibilità (economici, ecologici e sociali). A partire dal 2014 uno dei temi di ricerca e public engagement sviluppati sono state le dinamiche ambientali, sociali ed economiche legate alla Politiche locali del cibo. Queste attività sono state sviluppate all’interno di gruppi di ricerca multidisciplinari (agronomi, sociologi, geografi, economisti) formatesi all’interno dell’Università di Torino ed in particolare nel percorso segnato dalla presenza della Cattedra Unesco in Sustainable Development and Territory Management e la direzione del master MASRA.

Ha conseguito la laurea triennale in filosofia presso l’Università degli Studi di Milano e ha approfondito le sue conoscenze sulle filiere agroalimentari e sulla sostenibilità grazie alla partecipazione al Master MASRA dell’Università degli Studi di Torino.

Ha conseguito la laurea triennale in scienze gastronomiche presso l’Università degli Studi di Parma e ha approfondito le sue conoscenze sulle filiere agroalimentari e sulla sostenibilità grazie alla partecipazione al Master MASRA dell’Università degli Studi di Torino.

Lire

Open access

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search