Version classiqueVersion mobile

Religioni e sviluppo sostenibile

 | 
Luca Battaglini
, 
Ilaria Zuanazzi

Introduzioni

Agricoltura e Ambiente: una sfida complessa

Amedeo Reyneri

Texte intégral

1Nel sottoscrivere e promuovere i 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile – Sustainable Development Goals, Sdgs – la comunità internazionale ha assunto l’impegno di adottare e indirizzare politiche coerenti con lo sviluppo sostenibile.

2In questo contesto il settore primario ed in particolare l’Agricoltura, nella sua accezione più ampia di attività agro-silvo-pastorale, svolge un ruolo chiave risultando coinvolta a titolo principale o secondario in ben 13 dei Sdgs. Per tale motivo l’attenzione verso questo settore è sensibilmente cresciuta, attraverso il riconoscimento del ruolo cruciale che esso svolge nei confronti della società non solo per la funzione chiave dell’alimentazione, ma più in generale dell’ambiente e dei servizi connessi. Peraltro, tale riconoscimento non è certamente nuovo dal momento che già le cronache del passato hanno riconosciuto l’influenza reciproca dell’attività agricola sui sistemi ecologici che poi, solo dagli albori del xix secolo, abbiamo imparato a chiamare “ambiente”. Con andamento spesso ciclico le società hanno sfruttato severamente le risorse naturali subendo le conseguenze degli squilibri, tanto da fare decadere intere civiltà un tempo potenti, quali quelle che hanno popolato la Mesopotamia o la più piccola Isola di Pasqua. Tuttavia a partire dal xviii secolo lo sfruttamento delle risorse ai fini agricoli ha subito un’accelerazione spinta dalla crescente domanda di prodotti, non solo alimentari, espressa da una popolazione sempre più numerosa ed esigente. Le due rivoluzioni agricole, la prima che ha diffuso i paradigmi dell’agricoltura intensiva a ciclo continuo e, successivamente, la seconda che nel xx secolo ha incrementato ancora di più le rese facendo ricorso in modo scientifico alle innovazioni offerte dalla genetica, dalla chimica e dalla meccanica, hanno permesso di sostenere fin qui e in modo straordinario la crescita della domanda; ciò è avvenuto in misura tale da offrire oggi risorse alimentari in misura pro capite superiori a quelle mai prima sperimentate dall’umanità. Più in dettaglio, questo risultato è stato ottenuto attraverso un triplice percorso: fino alla metà del secolo scorso con l’ampliamento delle superfici coltivate e a discapito degli ecosistemi naturali, quindi con l’aumento delle rese e, più recentemente, attraverso una rete logistica più capillare ed efficiente, tale da consentire una distribuzione geografica delle risorse alimentari più rispondente alla domanda. Questo percorso indubbiamente ha concorso in modo determinante a ridurre il drammatico verificarsi delle carestie e più in generale ad offrire le derrate alimentari di base, si pensi ad esempio ai cereali, alla carne e al latte, a costi reali sempre più ridotti e più accessibili a fasce crescenti della popolazione. Per perseguire questi risultati si è però aumentato lo sfruttamento del suolo e l’uso di risorse non rinnovabili, in particolare con l’impiego di fonti energetiche fossili, con riflessi importanti su biodiversità e cambiamenti climatici, oltre che sulla qualità dell’aria e dell’acqua.

3Dov’è quindi la sfida che gli Sdgs rilanciano sull’Agricoltura? Rispondere alla domanda di beni e servizi che l’umanità reclama a fronte di un crescente rispetto delle risorse ambientali, cioè alimentare il mondo in un contesto di neutralità carbonica, di tutela della qualità ambientale e della biodiversità e di equità sociale. Ciò è quanto è stato espressamente delineato dalla Commissione dell’Unione Europea all’atto del suo insediamento nella primavera del 2020 e riassunto nel Green Deal Europeo attraverso i 2 Programmi strategici per la biodiversità e per l’alimentazione (From farm to fork).

4Il problema è che questa è una sfida urgente che non possiamo perdere, ma per aumentare la probabilità di successo occorre che le diverse dimensioni del sapere scientifico, della cultura e delle differenti espressioni della religiosità siano in sintonia. La dimensione religiosa, seppure con diversa sensibilità tra le fedi, ha avuto un rilevante merito: quello di avere manifestato e comunicato con coraggio il significato profondo delle nostre azioni e la responsabilità verso la “casa comune” che grava sulle nostre spalle di cittadini del pianeta.

5Con il crescere della sensibilità del rapporto tra agricoltura e ambiente e con il varo di politiche a favore della sostenibilità, si manifesta in modo più evidente il conflitto tra diversi approcci; ciò genera un rischio, quanto mai concreto, di ostacolare la loro attuazione. In tale senso alcuni errori debbono essere evitati: attribuire acriticamente alla natura un ruolo positivo e all’uomo un ruolo negativo bocciando così a priori ogni nuova introduzione tecnologica; scegliere modelli ispirati ad un passato mitizzato e forse mai esistito e che non può essere riproposto; dettare soluzioni generaliste dimenticando la grande variabilità nel mondo delle condizioni ambientali, economiche e sociali, con il rischio di proporre un modello agro-alimentare adatto solo ai paesi più ricchi.

6Alle confessioni religiose si chiede quindi di contribuire in grande misura ad indirizzare questa sfida fornendo quel senso profondo e insostituibile di appartenenza, di comunione e soprattutto di forza per affermare nuovi modelli di sviluppo sostenibile.

Auteur

É professore ordinario di agronomia e coltivazioni erbacee presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino. Oltre al corso di Coltivazione erbacee, insegna Ecologia agraria ed Ecologia del paesaggio presso il Politecnico di Torino e l’Università di Genova. Dal 2015 al 2018 è stato vicepresidente della Società Italiana di Agronomia.

Lire

Open access

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search