Version classiqueVersion mobile

Molly Picon e gli artisti yiddish born in Usa

 | 
Marida Rizzuti

Appendice

Texte intégral

Molly Picon autrice

1La natura polivalente di Molly Picon si manifesta anche dal punto di vista autoriale. L’attrice ha sempre affiancato alla pratica del palcoscenico una routine di scrittura dei testi delle canzoni che costellavano i suoi spettacoli. Jakob si occupava della drammaturgia e Molly curava le canzoni.

2Presso il Center for Jewish Music di New York sono conservati i manoscritti di Molly Picon, materiali che includono lavori teatrali, sceneggiature, spartiti, programmi e altro inerente il teatro. Il fondo archivistico comprende anche materiale privato, come corrispondenza, fotografie e dossier di ritagli stampa. Per lo più i testi sono in yiddish. Gran parte del materiale non è datata, il resto è compreso nell’arco cronologico 1877–1971. Il fondo è organizzato in undici serie: le serie I-VI, IX e X sono organizzate in ordine alfabetico, le serie VII e XI in ordine cronologico. La serie VIII, Corrispondenza, è organizzata per destinatario del carteggio, e in un secondo livello in ordine cronologico e successivamente per soggetto. Questa serie in particolare offre numerosi spunti interpretativi per comprendere meglio la figura dell’attrice e il ruolo cardine avuto nella storia del teatro yiddish. La corrispondenza consente di comprendere più in profondità l’apporto creativo di Molly ai suoi spettacoli, parimenti coadiuva gli studiosi a definire meglio l’intellettualità dell’attrice. Nel caso specifico di Abi Gezunt disponiamo di un fruttuoso carteggio sia con Abe Ellstein, autore della prima versione della canzone, sia con Joseph Rumshinsky, autore dello spettacolo omonimo del 1949: da questo secondo carteggio emergono sia il lavoro, sia le riflessioni critiche svolti da Molly per rendere accattivante il revival della canzone, e nel contempo rendere unico e inedito lo spettacolo teatrale.

  1. Series I: Yiddish Manuscript Plays, undated, 1877-1950
  2. Series II: Yiddish Songs and Lyrics, undated, 1907-1957
  3. Series III: Yiddish Radio Scripts, undated, 1946-1952
  4. Series IV: Manuscript Plays, undated, 1926-1969
  5. Series V: Radio and Television Scripts, undated, 1938-1971
  6. Series VI: Songbooks and Sheet Music, undated, 1897-1959
  7. Subseries A: Songbooks, undated, 1897-1943
  8. Subseries B: Sheet Music, undated, 1907-1948
  9. Series VII: Programs and Announcements, undated, 1921-1971
  10. Series VIII: Correspondence, undated, 1917-1970
  11. Series IX: Subject Files, undated, 1915-1970
  12. Series X: Photographs, undated, 1920-1970
  13. Subseries A: Alphabetical by Production Title, 1921-1965
  14. Subseries B: Alphabetical by Subject, undated, 1921-1970
  15. Series XI: Scrapbooks, 1919-1967.

3Ciascuna serie è una miniera preziosissima di informazioni, di testi inediti e originali utili per uno studio del processo creativo e la ricostruzione degli spettacoli, della carriera dell’attrice e più in generale del suo ruolo nel teatro yiddish.

4Un esempio interessante della autorialità di Molly Picon è la canzone Abi Gezunt.1

5Fra il 1948 e il 1949 Jacob elabora uno spettacolo a partire da quella canzone, coinvolgendo il gotha degli artisti in quel momento disponibili: Jacob si avvale per il testo della collaborazione di Sholem Perlmutter, per la musica di Joseph Rumshinsky, mentre i testi delle canzoni sono naturalmente affidati a Molly.

6Lo spettacolo è particolarmente significativo, perché getta luce su alcune pratiche del teatro yiddish. La canzone in origine era stata composta da Abe Ellstein per il film polacco Mamele.

7Lo spettacolo Abi Gezunt è andato in scena al Second Avenue Theatre, New York City, l’11 dicembre 1949. La première era avvenuta qualche mese prima, l'8 ottobre 1949. Si riproduce qui una fotografia di Molly Picon con Kate Smith, nel periodo in cui Abi Gezunt era in scena. Le due attrici hanno in mano lo spartito della canzone “Azoi Zolstu Zain”.

Fig. 1

Fig. 1

Foto Howard e Zausner, New York City

8Ecco la sinossi dello spettacolo:

Atto 1

Scena 1: Il Bialystok Manor, hotel di terza categoria sulle montagne Catskill.

9Il balletto d’apertura raffigura un’attività tipica di tali luoghi, mentre è in corso una animata partita a carte. Uno dei proprietari dell’hotel, Pempick (Irving Jacobson), ascolta le lamentele dei vari ospiti. Cooky, la cuoca dell’hotel (Henrietta Jacobson), è arrabbiata perché il socio di Pempick, Resnick (Muni Serebroff), sposato da appena un anno, presta troppe attenzioni alla moglie del direttore-animatore, Jeanette. Lei si lamenta di come questa amicizia non sia “kosher” e contro le politiche di questo hotel “rigorosamente kosher”: è lo spunto perfetto per il loro delizioso numero intitolato Strictly Kosher.

Scena 2:

10Il direttore-animatore Happy (Julius Adler) è chiamato da uno degli ospiti, la signora Viernick (Reizl Bozyk), che si lamenta che non ci siano abbastanza “attività”. Ciò induce il direttore delle attività di socializzazione a fare commenti musicali sul proprio ruolo.

Scena 3:

11Ci troviamo in un angolo appartato, dove Resnick e Jeanette (Mae Schoenfeld) danno adito, con la loro condotta, alle lamentele di Cooky. Un indignato Pempick entra e sgrida il suo compagno ricordandogli che soltanto un anno fa Resnick era andato nella sua città natale in Europa come delegato della sua organizzazione con alcuni pacchi per il soccorso degli ebrei di quella città colpita dalla guerra.

12In un flashback si vede Tzirele (Molly Picon), vestita con gli abiti di scarto del pacco americano. Si esibisce in un numero canoro satirico sul contenuto dei pacchi. Resnick entra e dichiara il suo amore per Tzirele. Con un balletto si rappresenta il matrimonio di Resnick e Tzirele.

13Tempo presente: entra in scena Tzirele, che si rende subito conto di ciò che sta acadendo e mette in guardia Jeanette dal marito. Resnick difende Jeanette, dicendo che lei ha un grande fascino, che è una donna francese di grande raffinatezza, che al confronto Tzirele è noiosa. Tzirele ribatte che se Resnick è così interessato al fascino francese può invitare la sua sorella gemella, Mirele, appena arrivata da Parigi.

14Resnick lamenta che Tzirele è troppo ortodossa e pia, che insiste nell’osservare il digiuno anche nei giorni di festa minori a scapito degli ospiti. Dice che queste osservanze rigorose non sono più necessarie, dal momento che gli ebrei hanno una loro patria, Israele. Tzirele si dichiara non d’accordo con questo punto di vista, perché il passato deve essere ricordato, poi canta una canzone che mostra come il passato abbia portato al presente, Israele.

Scena 4:

15La scena si svolge nella sala sociale del Bialystok Manor, mentre Happy si sta preparando per l’intrattenimento della serata. Le due figlie di Cooky (interpretate dalle sorelle Feder), stanno provando il loro numero, Say it with a song. Resnick entra e dice a Happy che Tzirele questa sera non ci sarà perché quando è arrivata a New York per prendere sua sorella gemella, Mirele ha ricevuto un telegramma per andare a Pittsburgh dalla nonna malata. Ma Mirele, la sofisticata sorella francese, è già arrivata all’hotel, ed è così entusiasticamente bella che vuole essere presentata da Happy nello spettacolo della sera.

Atto 2

Scena 1: Il prato davanti all’Hotel Bialystok.

16Happy e Jeanette decantano le gioie della vita di campagna attraverso il balletto La danza degli insetti. Pempick è ormai così innamorato di Mirele da non vedere con chiarezza. Canta Abi Gezunt (Finché c’è la salute).

Scena 2: Camera di Mirele.

17Resnick ha un incontro molto passionale con la sorella gemella di sua moglie. Mirele si sta lentamente ubriacando. Pungola Resnick cercando di scoprire esattamente perché non è più innamorato di Tzirele. Resnick dichiara che ama così tanto Mirele da divorziare da Tzirele ed esce per scrivere una lettera alla moglie, comunicandole la sua grande decisione. Tzirele approfitta della situazione per cantare il divertentissimo Manhattan Cocktail.

18Entra lo zio di Tzirele, Pinya, di Pittsburgh (Max Bozyk) con una grande rivelazione per Resnick: Tzirele non è a Pittsburgh e sua nonna non è malata. E comincia a rivelare che Tzirele non ha mai avuto una gemella, ma quest’ultima riesce, a gesti, a farlo tacere. Resnick esce per consegnare la sua lettera a Tzirele. Zio e nipote cantano un duetto, esaltando il meraviglioso fascino dello yiddish come lingua. Cantano Mama-Loshn (lingua madre).

Scena 3: Davanti all’Hotel Bialystok

19Entrano Cooky con le sue due figlie, la signora Viernick e Jeanette. Il quintetto, proveniente dalla Contea di Sullivan, si lamenta che la “francese” Mirele abbia attirato l’attenzione di tutti gli uomini dell’hotel, lasciandole senza nemmeno un compagno di ballo. Così ballano tra loro la Tzimmis Polka.

20Pempick rimprovera Resnick di voler divorziare da sua moglie. Zio Pinya annuncia che Tzirele è tornata da Pittsburgh e sta seguendo l’esempio del marito: anche lei ha trovato un nuovo amore. Entra Happy e Resnick lo accusa di avergli rubato l’affetto della moglie.

21Nel frattempo, Pempick e Cooky si sono sposati. Tzirele dice a Resnick che lo lascia, perché anche lei ha un nuovo amore. Resnick la supplica, dicendo che si trattava soltanto di una infatuazione e che vuole soltanto Tzirele. Tzirele gli risponde: “Beh, va bene. Allora dillo a Mirele”. In questo preciso momento Tzirele si spoglia del suo abito pudico e rivela di essere Mirele. Questo risolve tutte le questioni in sospeso, con soddisfazione unanime. Ma c’è tempo ancora per un finale a effetto, creato da Jacob Kalick: una sfilata di tutti i personaggi che Molly ha interpretato in questo stesso teatro, il Second Avenue Theatre.

22I vari membri della compagnia appaiono vestiti come i personaggi resi famosi da Molly Picon. Infine, Molly stessa esce come Yonkele, il primo ruolo scritto da Jacob appositamente per lei.

23In Abi Gezunt gli elementi caratteristici del teatro di Molly Picon e Jacob Kalich sono tutti presenti: il gusto per travestimento, il gioco degli equivoci, l’autoironia, ecc. Il testo della canzone Abi Gezunt non è cambiato rispetto all’originale in Mamele, l’arrangiamento musicale è lo stesso. L’apporto autoriale di Molly riguarda anche tutte le altre canzoni dello spettacolo, spettacolo dallo smaccato aspetto celebrativo delle capacità dell’attrice; per questo Jakob concepisce il gran finale con la chiamata alla ribalta del personaggio en travesti Yonkele, il Peter Pan furbetto che ha dato il primo grande successo all’attrice.

24I materiali d’archivio sono interessanti perché comparando le due versioni, quella cinematografica e quella teatrale, emerge come quest’ultima abbia una funzione di revival del successo di dieci anni prima, di forte richiamo per il pubblico, successo che era stato dettato soprattutto dalle rielaborazioni jazzistiche che sarebbero tornate nel repertorio popolare negli anni successivi (fra tutti si ricordano le famose rielaborazioni di Cab Calloway e l’interpretazione del duo yiddish delle Barry Sisters).

Table des illustrations

Titre Fig. 1
Crédits Foto Howard e Zausner, New York City
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/9621/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 413k
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search