Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Carmelo Bene fra teatro e spettacolo

 | 
Salvatore Vendittelli

Faust o Margherita

Texte intégral

1La “guerra al testo” fatta da Carmelo dopo la scoperta di Artaud è smentita dai fatti, perché prima del ’71 ogni suo lavoro ha avuto un testo. Carmelo venne in studio e mi portò il copione di Faust o Margherita, scritto da lui e da Franco Cuomo (che io ho ancora), e su questo si cominciò a lavorare. Il Teatro de’ Servi era impegnato, così ci orientammo verso il Teatro dei Satiri. I suoi genitori spedirono i soldi al conte Partanna per l’affitto della sala.

Foto 19. Annuncio di Faust o Margherita (1966)

Foto 19. Annuncio di Faust o Margherita (1966)

2Come è accaduto per tutti i lavori che abbiamo rappresentato, anche in questa occasione il testo serviva come pretesto. Nelle discussioni fatte durante la lettura era cambiato quasi tutto, per esempio era saltato il secondo atto, che è stato sacrificato per una soluzione provocatoria. Lo spettacolo iniziava con un preambolo: le sartine cuciono l’abito da sposa di Margherita che da trecento anni aspetta il matrimonio e intanto lo strascico gira per tutta la platea; una Penelope semi-contemporanea. Subito dopo inizia lo spettacolo ambientato in un night. Poi, alla fine del primo tempo nella notte del Sabba le sartine si trasformeranno in streghe.

3Il testo è molto bello da leggere ma con lo spettacolo non ha più niente a che vedere. Gli attori erano: Carmelo (Faust), la Mancinelli (Margherita), Vida (Wagner); e poi Angelucci, Kustermann, Nardone e Vadacca (sartine-streghe). La scena era tutta nera. Ai lati del palcoscenico furono aggiunti due praticabili di due metri ciascuno che avanzavano verso la platea. Nel vuoto ottenuto al centro del proscenio e a livello platea si esibivano le sartine. Sul praticabile di sinistra un tavolinetto tondo da bar con una sedia per l’Uomo Mascherato, unico cliente oltre ai due protagonisti intenti a ballare.

Fig. 20. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

Fig. 20. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

4Sul praticabile a destra un manichino di plastica con velo da sposa. A metà palcoscenico sulla sinistra altro praticabile con sopra un trono gotico. Al centro un tavolo pieno di libri. Sulla destra in fondo quattro manichini vestiti da vecchi professori universitari intenti a leggere enormi libroni. In fondo una grande libreria, un mappamondo, alambicchi e ragnatele. In alto un globo di specchi da night girevole.

5Lo spettacolo iniziava con un ballo in un night: Faust, vestito da playboy, con giacca nera di pelle lucida e blue jeans, con una bottiglia di whisky in mano, ballava con Margherita vestita da sposa. In un angolo qualcuno li stava osservando, era l’Uomo Mascherato. C’era una luce psichedelica sui ballerini, mentre la canzone Amado mio incalzava languida. Faust la baciava, la leccava, la denudava lentamente, pezzo per pezzo e baciava, leccava, cercando di provocare l’unico cliente del night. C’erano cotillons e confetti dappertutto, tanti confetti. Nell’angolo, l’Uomo Mascherato bramava con le mani in bocca di poter ballare almeno una volta con una donna come quella.

Fig. 21. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

Fig. 21. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

6Margherita, inebriata dai baci, sussurra: «Siamo bellissimi» e Faust in risposta «Di gran lunga i più belli». L’Uomo Mascherato dice: «Potessi ballare con una donna come quella…». Margherita: «Li senti quegli sguardi? Li senti, Giovanni, quegli occhi d’invidia?». Faust: «Sì, tra le scapole. L’invidia è un ago sottile… bella… bella…bella». L’Uomo Mascherato: «Potessi ballare con una…». Dopo una prolungata manfrina di ballo licenzioso, atto solo a provocare l’unico altro uomo presente, la scena si dissolveva per evidenziare le sartine ai piedi della ribalta, intente a cucire il velo nuziale che vagava nello spazio e che col tempo si era allungato come la tela di Penelope.

7Le sartine commentano: «Bella, bella… Lui non la merita», cuciono e spettegolano: «Bella, bella… bella». Loro cuciono. Fanno. Disfanno. Bagliori sul palcoscenico. Fuochi fatui danzano sul fondale. È la sinfonia dei sogni sedotti. Le sartine inventano una storia. Aghi zelanti sono intenti al racconto: «Bella… bella… lui non la merita…». Ai loro piedi un gran calderone da cui estraggono un velo dietro l’altro, un ectoplasma delle speranze di ognuna. Si sposeranno tutte.

8La scena ora era un night, ora una biblioteca, ora un bordello, ora una casa, ora uno studio. Sulla sinistra la porta del gabinetto servirà per un taglio di luce per illuminare Faust quando nelle sue escursioni notturne farà l’amore con il manichino. Margherita vende abiti da sposa, Faust vende letteratura. La boutique dell’una vale quanto la libreria dell’altro. I clienti della sua libreria si ubriacano di letteratura e cadono sotto il tavolo. Molti di loro avanzano proposte oscene a donne incinte che si difendono mostrando il loro stato. Una fanciulla ancora non incinta sta per essere violentata, Wagner la vuole difendere ma viene abbattuto con un librone in testa. Una donna, forse una femminista, più ubriaca delle altre, sale su un tavolo, ormai seminuda, arringa le altre ma viene malmenata e cacciata da Faust-Bene. Wagner si risveglia e trascina via i corpi inanimati.

9È notte. Wagner attraversa il palcoscenico a piccoli passi rapidi, va al bagno, rumore di scarico; tornando lascia la porta aperta. Faust si mette il cappotto ed entra furtivamente nella boutique, si guarda intorno sospettoso, chiama sottovoce: «Ghitaa», si avvicina al manichino con apprensione. Nessuno l’ha visto, ma Margherita è invisibile in un angolo. Tra Faust e il manichino c’è qualcosa. Faust: «Ciao…».

10Margherita l’osserva. Faust ama il manichino di plastica. Si avvicina e sprofonda languido il capo nei veli nuziali che lo coprono: «Bella, bella, je t’aime». L’ama al punto da singhiozzare. Durante questa dichiarazione d’amore, nella penombra, c’è Margherita che è cerulea. Faust stringe il manichino di plastica. Si sentono rumori sinistri di celluloide che accompagnano il suo orgasmo. L’ansimare di Faust fa respirare forte Margherita e insieme finiscono inconsapevoli per amarsi attraverso un manichino.

11A questo punto c’è un lungo monologo di Faust davanti al manichino: «Bella, bella… questa volta sì!». Si inginocchia, si aggrappa alla veste nuziale, scuotendola, chiamandola: «Io farnetico e vedo sempre te…».

12Margherita, impigliata tra i veli: «Faust! Demonio! Drogato, porco! Mostro, mostro, mostro». Si rivela, gli si avvicina e nonostante tutto lo perdona. Faust dichiara di non amarla, ma lei non gli crede. Lui le rivela di non essere laureato: «Non sono dottore, non sono dottore». Inorridita, dice che quella è solo una scusa: «Sono trecento anni che aspetto, non ti pare abbastanza?». Faust insiste, sostiene che gli mancano cento esami. Margherita urla: «Nooo! Questo è troppo» e fugge.

Fig. 22. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

Fig. 22. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

13Faust vuole tornare a essere homo sapiens e ordina a Wagner di ricatalogare tutti i libri e i manoscritti. Faust si muove frenetico fra i professori universitari intenti a scrutare dentro enormi libroni che al suo semplice passaggio si smontano e cadono a pezzi. Continua a girare per il palcoscenico sempre con la bottiglia di whisky in mano e, quando appare Wagner con una pila di libroni in mano, versa il contenuto della bottiglia sui libri che si sciolgono a vista (la bottiglia di whisky era piena di acetone che scioglie il polistirolo, materiale di cui erano fatti i libri).

14È notte. L’Uomo Mascherato esce dal bagno, chiude la porta e con una torcia elettrica accesa attraversa il palcoscenico. Sentendo rumore di porte che sbattono, spegne la torcia e nel buio una mano si posa sulla sua spalla. È Faust che dice: «Pensaci bene, non mi vorresti mettere una firma?». Dissolvenza.

15Il Sabba: ai piedi della ribalta le sartine si trasformano in streghe, tutte e cinque in tutù inglese che si illumina sotto l’effetto della luce nera di wood, in un bianco irreale da favola. Si riuniscono per un esorcismo, una fattura a Faust per indurlo a sposare Margherita. Sono chine su un pentolone, lo stesso della sartoria. Sotto una lugubre luce surreale (luce nera) le streghe preparano la fattura: «Prendi una rana… e mezzo rospo… lega il tutto con un pelo di coglione… urina di pipistrello… un dente cariato di gatto nero e metti tutto nel pentolone… la bava lumacheum… cicuta rossa e fiore di malva…». Sul Sabba finisce il primo atto. Firmerà il novello Mefistofole-Uomo Mascherato per comprare Margherita?

16Dopo una lunga discussione avevamo deciso di fare del secondo atto la risposta alla domanda che il titolo dell’opera premetteva: Faust o Margherita? A Cinecittà affittai la Nole Richardson, una macchina dei fumi usata nelle battaglie tra carri armati, che in pochi minuti oscura tutto. L’intero secondo atto era sostenuto da una colonna sonora formidabile che da sola bastava a riempire un radiodramma di alto livello senza l’appoggio della parte visiva. C’era di tutto: Topolino, Carosio che commentava quasi piangendo il gol britannico fatto all’ultimo minuto all’Italia nel 1961, frammenti di discorsi politici misti a battute di Totò, suoni di navi che partono, aerei, moto, gorgheggi di soprano, pianti di neonato, scarichi di water e pezzi di lirica. La colonna sonora terminava con lo speaker radiofonico che in singhiozzi declamava: «Lazio batte Milan uno a zero». Il sipario, che all’entrata del pubblico in teatro era aperto, alla fine del primo atto si chiudeva per mettere in funzione la macchina dei fumi. Il fumo, denso e scivoloso, saliva a vista d’occhio senza che ne uscisse un filo dal sipario. Quando arrivava al soffitto suonavamo l’inizio del secondo atto. Quindi il sipario si apriva e un muro di fumo denso si rovesciava in platea. Avvolti dalla formidabile colonna sonora e dal denso fumo, un’intera sala di spettatori per trenta minuti d’orologio tossiva, lacrimava, soffocava, ma nessuno usciva. Rimanevano lì, in attesa di sapere se Faust riusciva a riciclare Margherita al novello Mefistofele.

Fig. 23. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

Fig. 23. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)

17Il lavoro rimase in piedi più di venti giorni, un successo. Qualcuno poi mi disse che, la sera della prima, Carmelo all’inizio dello spettacolo uscì fuori per trattare da ignoranti i critici teatrali che avevano scambiato Wagner servo di Faust per il grande musicista tedesco.

  • 1 G.D.R., Fumo in platea e palcoscenico, «Il Messaggero», 5 gennaio 1966.

18Sorprendentemente, dal fondo della platea si alzò una voce che disse: «Lei faccia il suo mestiere, io faccio il mio». Era il critico somaro, che poi scrisse: «Ciò che avviene sul palcoscenico del teatro dei Satiri è abbastanza ermetico per confondere le idee della maggior parte del pubblico e impappinare le chiacchiere più solenni dell’intervallo, nel gelido foyer dove punge l’odore di gatto […]. La ragione della confusione delle idee non è imputabile tanto a Carmelo Bene, quanto al generale pregiudizio di essere approdati alla riva della ribellione e della rivincita e non di essere andati semplicemente a teatro, che è cosa sempre lodevole e vantaggiosa […]. C. Bene non è uomo che possa risentirsi di rampogne; ciò rende assai più facile il compito di chi dovrà dirgli che tutto sarebbe andato meglio, se, forse a causa del whisky, non gli fosse saltata in testa quella balorda idea di uscire come prologo per dire “mamma, m’hanno fatto tottò!”»1.

19È ovvio che ognuno legge quello che vuole in uno spettacolo, ma è evidente che questo critico non aveva capito nulla del nostro Faust.

  • 2 C. Bene e G. Dotto, Vita di Carmelo Bene cit., p. 199.

20Quel doppio personaggio del testo di Grabbe qui si riproponeva, in termini di scelta da fare, una scelta impossibile. Si trattava infatti dell’uomo, intero e diviso. Carmelo scriverà a proposito di questo lavoro poche battute: «Il mio Faust è uno che invece di vendersi l’anima, vende Margherita per procacciarsi un’anima. La svende a questo povero diavolo mascherato, che nella fondina ha il libretto Enpals al posto del revolver»2. Tutto qui. Carmelo ha dimenticato che passammo una notte intera a cercare tra le varie professioni quale fosse la più integrata col sistema e arrivammo alla conclusione che il Ragioniere di banca era il più adatto a rappresentarlo. Non a caso, tutte le volte che si trovava in pericolo, il personaggio tirava fuori dalla fondina il suo diploma dicendo: «Ma io sono ragioniere di banca».

21Del copione e del risultato teatrale che ne è venuto fuori non dice nulla. Rimozione.

Notes

1 G.D.R., Fumo in platea e palcoscenico, «Il Messaggero», 5 gennaio 1966.

2 C. Bene e G. Dotto, Vita di Carmelo Bene cit., p. 199.

Table des illustrations

Titre Foto 19. Annuncio di Faust o Margherita (1966)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/869/img-1.jpg
Fichier image/, 88k
Titre Fig. 20. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/869/img-2.jpg
Fichier image/, 112k
Titre Fig. 21. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/869/img-3.jpg
Fichier image/, 172k
Titre Fig. 22. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/869/img-4.jpg
Fichier image/, 148k
Titre Fig. 23. Fotografia di scena di Faust o Margherita (1966)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/869/img-5.jpg
Fichier image/, 172k