Versión clásicaVersión móvil
OpenEdition Books

Carmelo Bene fra teatro e spettacolo

 | 
Salvatore Vendittelli

Breve cronologia della vita e delle opere di Carmelo Bene 1961-1971

Texto completo

11961. Carmelo Bene è a Genova, dove presenta un nuovo Caligola al Politeama (dopo l’edizione del 1959), tre atti unici di Marcello Barlocco al teatro Duse e una prima versione dello Strano caso del Dottor Jekyll e del Signor Hyde, da Stevenson, alla Borsa di Arlecchino. Nell’ottobre Carmelo Bene è a Roma, dove recita al Ridotto del Teatro Eliseo Lo strano caso del Dottor Jekyll e del Signor Hyde e Gregorio. Cabaret 800. Conosce Salvatore Vendittelli.

 

21962. Inaugura con Pinocchio il Teatro Laboratorio (5 giugno). Seguono, sempre al Laboratorio: Spettacolo Majakovskij (giugno-luglio, musiche di Amalia Rosselli), Capricci di Marcello Barlocco (luglio-agosto), Amleto (ottobre-novembre), un nuovo Spettacolo Majakovskij (novembre-dicembre, musiche di Giuseppe Lenti), Addio Porco (dicembre), Federico Garcia Lorca (dicembre), Cristo 63 (gennaio 1963). Dopo il Cristo 63 il Teatro Laboratorio chiude.

 

31963. Carmelo Bene realizza Edoardo II, da Marlowe, al teatro Arlecchino di Roma, quindi I polacchi (Ubu Roi), da Jarry, al teatro dei Satiri sempre di Roma.

 

41964. Presenta la prima Salomè “di e da” Oscar Wilde al teatro delle Muse di Roma. Conosce Lydia Mancinelli. Nel mese di luglio presenta al Festival di Spoleto Pinocchio e Amleto. Ritiratosi in Puglia, a Santa Cesarea, inizia a scrivere il romanzo Nostra Signora dei Turchi. Nell’autunno recita a Roma La storia di Sawney Bean di Roberto Lerici al teatro delle Arti. Dirige Manon, dal romanzo dell’abate Prévost, al teatro Arlecchino. Esce il suo primo libro dall’editore Lerici: Pinocchio Manon e Proposte per il teatro.

 

51965. In aprile recita il suo terzo Amleto: Basta, con un “Vi amo” mi ero quasi promesso. Amleto o le conseguenze della pietà filiale, da e di Shakespeare a Jules Laforgue (Roma, Teatro Arlecchino). A dicembre presenta Faust o Margherita al teatro dei Satiri.

 

61966. Pubblica il suo primo romanzo, Nostra Signora dei Turchi (Sugar). Al Teatro Centrale di Roma presenta una nuova edizione di Pinocchio (che reciterà poi anche a Modena e a Torino). Partecipa al Festival di Sarajevo con Faust o Margherita. Inizia a scrivere il suo secondo romanzo, Credito Italiano V.E.R.D.I. Nell’ottobre recita Il rosa e il nero, invenzione da Il monaco di M.G. Lewis al teatro delle Muse di Roma. Il I dicembre debutta Nostra Signora dei Turchi al Beat 72.

 

71967. A marzo recita Amleto o le conseguenze della pietà filiale da Laforgue secondo Carmelo Bene al Beat 72. Dirige Salvatore Giuliano, vita di una rosa rossa di Nicola Massari. Partecipa alle riprese dell’Edipo re di Pasolini, recitando la parte di Creonte. Pubblica Credito italiano V.E.R.D.I. (Sugar). Dal romanzo trae il suo primo cortometraggio, Hermitage, che esce nel 1968. Partecipa al “Convegno per un nuovo teatro” che si svolge nel giugno a Ivrea firmando insieme ad altri lo scritto preparatorio Per un convegno sul nuovo teatro.

 

81968. A gennaio inaugura il teatro “Carmelo Bene” con Arden of Feversham di anonimo elisabettiano. Nel febbraio, ancora al Teatro Carmelo Bene, recita uno Spettacolo Majakovskij con musiche eseguite in scena da Vittorio Gelmetti. Realizza il suo primo lungometraggio, Nostra Signora dei Turchi, che presenta a settembre alla Biennale di Venezia. Recita insieme a Leo de Berardinis e Perla Peragallo Don Chisciotte al Teatro delle Arti di Roma.

91969. A marzo inizia le riprese del suo secondo lungometraggio, Capricci, tratto da Manon e Arden of Feversham. Presenta il film al Festival di Cannes nel mese di maggio.

 

101970. Gira Don Giovanni, che presenterà poi sia al Festival di Cannes che al Festival di Venezia. Pubblica il libro L’orecchio mancante per i tipi di Feltrinelli.

 

111971. Nel settembre inizia le riprese del suo quarto film, Salomè. Si interrompe il lungo sodalizio con Salvatore Vendittelli.