Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lugné-Poe e l’Œuvre simbolista

 | 
Giuliana Altamura

1. Infanzia

Sorry! Internal error. Please contact the webmaster and try reloading the page. 

Texte intégral

  • 1 Scriveva Richard Dupierreux intorno al 1950: «Demandons à un paysan s’il existe encore des Lugné da (...)

1Georges Henry Lugné – padre di Lugné-Poe – nacque a Carouge, nei pressi di Ginevra, il 13 giugno 1839, da Jean Lugné e Magdeleine, Gladys Philippon, cognome quest’ultimo che Aurélien avrebbe utilizzato spesso come pseudonimo. La famiglia di Georges era tuttavia originaria di Champoly, nella Loira (arrondissement di Roanne), dove il cognome Lugné risulta tuttora abbastanza diffuso1.

2Georges emigrò a New York, dove ebbe inizio la sua carriera come impiegato in banca. Qui conobbe Claudine, Céline, Marie Kussner, anche lei francese, nata ad Havre nel 1841, e la sposò.

  • 2 Aurélien avrebbe aggiunto Poe al suo cognome nel periodo del Conservatorio per sfoggiare una presun (...)
  • 3 L’informazione è stata fornita a Robichez direttamente da Suzanne Desprès e riportata in Le Symboli (...)
  • 4 Ne Le Sot du Tremplin – primo dei quattro volumi che costituiscono l’autobiografia di Lugné, La Par (...)

3Nel ’69 si trasferirono a Parigi e il 27 dicembre dello stesso anno nacque Aurélien, Marie, seguito poi dalla sorella Eva, futura moglie del letterato Henry Didelot2. Georges continuò la professione bancaria anche in Francia, divenendo in seguito – durante i primi anni dell’Œuvre – vicedirettore dell’Agence de la Société Générale a Londra3. Nell’appartamento di rue de Paradis n. 8 – dove crebbe il piccolo Aurélien – dava inoltre lezioni private d’inglese4.

  • 5 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 27.
  • 6 Ibid. Jules Claretie (1840-1913), romanziere e drammaturgo, sarebbe stato direttore della Comédie d (...)

4Lugné-Poe ne avrebbe parlato con tono nostalgico nelle sue memorie: «Cette maison […] est restée dans mon esprit comme une de ces maisons dépeintes par Paul de Kock. Il y avait de tout dans cette maison, y compris, sous la porte cochère, une laitière qui fut assassinée par Barré et Lebiez. Nous habitions au troisième étage»5. Ricorda inoltre le visite dai contorni romanticamente leggendari – il suo presunto allontanarsi a cavallo lungo la strada – dell’allora giovane giornalista interessato di teatro Jules Claretie, i cui genitori abitavano al secondo piano dello stesso palazzo, e che avrebbe poi rincontrato anni dopo nel ruolo di direttore della Comédie Française6.

5La prima scuola che Lugné-Poe frequentò fu la pension Bordier, in rue Notre-Dame de Recouvrance, seguita da un istituto religioso a Meaux e da un altro a Soissons.

  • 7 Ivi, p. 25. «Gnafron e Guignol me poursuivaient dans mes rêves».

6È proprio alla Bordier che Lugné riconduce le sue prime «joies de théâtre»: in occasione della festa di Saint-Pierre, onomastico del direttore della scuola, quest’ultimo offriva agli allievi uno spettacolo di Guignol, cui i bambini assistevano rapiti con un cesto di ciliegie in mano7.

  • 8 Ibid.
  • 9 Ivi., p. 26.
  • 10 Ibid. Avremo modo di sottolineare a sufficienza quanto la cerimoniosità religiosa avrebbe influito (...)

7I genitori, ferventi cattolici, tenevano a che il figlio ricevesse un’educazione religiosa. Lugné afferma significativamente che, nonostante il padre «cultivait un peu trop l’éducation par les prêtres», è forse proprio grazie a tanta familiarità acquisita con le cerimonie religiose, delle quali intuitivamente coglieva il lato spettacolare lasciandosene affascinare, che deve la sua «révélation théâtrale»8. Cacciato dal coro della Cattedrale di Meaux – racconta – venne messo a servire non soltanto nelle messe o ai vespri, ma anche nelle cerimonie di ordinazione, molto più «mystérieuses et émouvantes»9. Ricorda in particolare l’abate Vivier, futuro direttore del Collège St-Aspect di Melun, che celebrava i culti con «toutes les forces» e una grande teatralità che non tardò a soggiogarlo10.

8Lugné, d’altra parte, si descrive come tutt’altro che un bravo chierichetto: beveva il vino dal calice di nascosto, abbelliva con troppi inchini le celebrazioni – non mancava insomma di dimostrare una certa vivacità.

  • 11 Lugné-Poe non deve tuttavia averlo frequentato particolarmente: l’unico tangenziale riferimento a P (...)

9Nell’autunno 1881, rientrato a Parigi, s’iscrive al Lycée Fontanes, che nel 1883 diventerà il Lycée Condorcet, ambiente quanto mai stimolante che vide fra i suoi alunni alcuni fra gli artisti e intellettuali più importanti di quella generazione e non solo, a partire da Marcel Proust che fu suo compagno di classe in 3a nell’anno scolastico 1884-8511.

  • 12 Robichez, consultando gli archivi del Condorcet, ha ritrovato le qualificazioni ottenute da Lugné-P (...)

10Lugné non spiccò particolarmente al liceo: stando ai palmari del Condorcet, in 6a ottenne un terzo premio accessit in storia e geografia; in 5a e in 3a il primo, sempre nelle stesse materie. Per il resto il suo nome non figura nei palmari e, anzi, le sue votazioni risultano essere piuttosto nella media, se non mediocri12.

  • 13 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 28.

11Lugné seguiva inoltre per volontà paterna dei corsi serali di arte decorativa all’École Germain Pilon (storia dell’arte, modeling, prospettiva e disegno): nonostante all’epoca potesse sembrargli una perdita di tempo, sarebbe stato poi costretto ad ammettere che questi studi «me furent très utiles plus tard devant maintes difficultés techniques de la scène»13.

  • 14 Ivi, pp. 27-28.

12Il passaggio al Condorcet dagli istituti religiosi aveva certo provocato un cambio di prospettiva nel piccolo Aurélien, aprendo i suoi orizzonti e gettando un po’ di «désordre» nelle sue «notions de pensées»: «les professeurs assez voltairiens détruisaient dans mon esprit ce que le brave prêtre avait voulu y glisser»14. Non perse tuttavia la sua fascinazione per la spettacolarità delle cerimonie religiose: i genitori lo iscrissero a catechismo, la domenica dopo la messa, nella chiesa di St. Laurent, sotto la guida dell’abate Schlosser che lo incoraggiò moltissimo nella sua nascente passione per il teatro.

  • 15 Ivi, p. 28.
  • 16 Ivi, p. 30.

13Lugné racconta di come, oltre a mettere a disposizione dei ragazzi un’intera biblioteca, permettesse loro di organizzare degli spettacoli che venivano dati in seguito nella sala degli Elèves de St. Joseph15. Egli traccia insomma affettuosamente il ritratto dell’abate che, nonostante tutti i suoi limiti e quelli delle operette patriottiche che faceva loro rappresentare, sollecitava lo spirito artistico degli allievi. Risalirebbe a quei ludici tentativi teatrali il suo primo «gros effet raté»: recitando il ruolo di Caino ne La Conscience di Hugo che gli era stata assegnata, cominciò a declamare sopra le righe, per poi al culmine gettarsi a terra svenuto16.

  • 17 Ivi, pp. 31 e 33. Émile Faguet è nato a La Roche-sur-Yon il 17 dicembre 1947.
  • 18 Ivi, p. 31.
  • 19 Le prime cronache teatrali di Faguet appaiono ne «La France» dell’ottobre 1886. Faguet passerà poi (...)
  • 20 Articolo apparso su «Le Soleil» del 27 agosto 1888 (Cronique théâtrale, pp. 1-2). Si rimanda a Robi (...)
  • 21 La citazione è estratta da un articolo apparso su «Le Soleil» del 3 giugno 1890 (Cronique Théâtrale(...)
  • 22 J. Robichez, Le Symbolisme au théâtre cit., p. 73.
  • 23 Come esamineremo nel dettaglio, Faguet consigliò in un lungo articolo sul teatro indiano – nato com (...)

14In seconda liceo, Aurélien ebbe come professore di lettere Émile Faguet, destinato ad avere grande importanza per la sua formazione culturale. «Nous le trouvions le meilleur des professeurs», scrive Lugné, e ancora: «Faguet a tenu une très grande place dans nos destinées»17. I suoi alunni, Lugné-Poe compreso, non perdevano un numero de «La France» per leggere e rileggere le critiche teatrali del professore («le vieux quotidien tira plus pur le Lycée que pour tout Paris»), vedere gli spettacoli di cui scriveva18. In realtà però Faguet non cominciò a collaborare con «La France» che dall’autunno 1886, quando Lugné frequentava ormai la prima19. Fu comunque per lui il primo vero e proprio maestro, colui che smosse la sua curiosità teatrale nei confronti del nuovo, nonostante abbia sempre mantenuto una posizione fondamentalmente conservatrice. Amico di Sarcey, si conformava al gusto classico esaltando Augier e Dumas fils come maestri del teatro moderno e definendo le pretese di originalità dei giovani molte volte «ridicules»20. Nei confronti del Théâtre Libre di Antoine si mostrava più aperto, apprezzandone la varietà e novità dei programmi, oltre alla capacità di cogliere il reale. Lamentava tuttavia la mancanza d’introspezione psicologica, di dialoghi e di un intreccio capaci di compiacere il pubblico. Riguardo al teatro straniero, ammirava Ibsen e il suo «souci curieux de la réalité», ma rimproverava ai Revenants di non dare una chiara evoluzione alla psicologia dei personaggi21. In generale, finiva col mostrare la tipica convinzione degli intellettuali conservatori francesi per cui «l’étranger ne fait que nous rendre ce qu’il nous a pris»22. Ma di certo l’intellettuale che tanto significò per la crescita artistica di Lugné-Poe non era semplicemente una copia di Sarcey: apprezzava Becque, scriveva articoli sul teatro indiano, proponeva adattamenti e autori come Collé. Tutti suggerimenti che, come vedremo, non sfuggiranno affatto al Lugné direttore dell’Œuvre, per il quale rappresentò sicura fonte d’ispirazione23.

Notes

1 Scriveva Richard Dupierreux intorno al 1950: «Demandons à un paysan s’il existe encore des Lugné dans le pays. Il nous indiquera du doigt un hameau et nous répondra: “Des Lugné? S’ils sont nombreux ici? C’est comme des rats!» (Lugné-Poe, homme de théâtre, Editions Odette Lieurier, Paris [1949?], p. 5). Dupierreux aggiunge inoltre che il cognome Lugné appare negli archivi locali sin dal 1550.

2 Aurélien avrebbe aggiunto Poe al suo cognome nel periodo del Conservatorio per sfoggiare una presunta discendenza dall’illustre poeta Edgar Allan Poe, giustificata da un comune antenato di Forez emigrato in America con La Fayette durante la guerra d’Indipendenza, leggenda priva di un effettivo riscontro (ivi, pp. 6-7).

3 L’informazione è stata fornita a Robichez direttamente da Suzanne Desprès e riportata in Le Symbolisme au théâtre. Lugné-Poe et les débuts de l’Œuvre, L’Arche, Paris 1957, p. 52 nota 4.

4 Ne Le Sot du Tremplin – primo dei quattro volumi che costituiscono l’autobiografia di Lugné, La Parade – l’autore parla in realtà di «leçons de français», ma possiamo considerarla senz’ombra di dubbio una svista, in quanto è lo stesso autore a specificare subito dopo che fra i suoi allievi sarebbe figurato anche il pittore Pissarro, che di certo non aveva bisogno di ripetizioni (Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin, Gallimard, Paris 1930, p. 27). La Jasper inoltre – che ebbe modo di raccogliere notizie intervistando Lugné e Suzanne in prima persona – parla senza colpo ferire di «English lessons» nel suo Adventure in the theatre. Lugné-Poe and the Théâtre de l’Œuvre to 1899 (Rutgers University Press, New Brunswick (New Jersey), 1947, p. 1).

5 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 27.

6 Ibid. Jules Claretie (1840-1913), romanziere e drammaturgo, sarebbe stato direttore della Comédie dal 1885 al 1913, privilegiando un repertorio decisamente moderno di giovani scrittori, come ad esempio Octave Mirbeau.

7 Ivi, p. 25. «Gnafron e Guignol me poursuivaient dans mes rêves».

8 Ibid.

9 Ivi., p. 26.

10 Ibid. Avremo modo di sottolineare a sufficienza quanto la cerimoniosità religiosa avrebbe influito sulla futura recitazione di Lugné e sulle sue scelte stilistiche.

11 Lugné-Poe non deve tuttavia averlo frequentato particolarmente: l’unico tangenziale riferimento a Proust nelle sue memorie si trova ne Le Sot du Tremplin (p. 194), dove viene citato come amico del liceo, ma a proposito di Maurice Denis.

12 Robichez, consultando gli archivi del Condorcet, ha ritrovato le qualificazioni ottenute da Lugné-Poe nelle diverse classi. Nell’anno scolastico 1884-85, in una classe di trentuno alunni, ottenne: 21° e 12° posto in versione di latino; 23° e 22° in versione di greco; 18°, 19° e 18° in tedesco; 25° e 16° in matematica; 26°, 10° e 16° in francese; 28° e 25° in composizione latina; 9° in storia; 2° e 3° in geografia (Le Symbolisme au théâtre cit., p. 54, nota 11).

13 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 28.

14 Ivi, pp. 27-28.

15 Ivi, p. 28.

16 Ivi, p. 30.

17 Ivi, pp. 31 e 33. Émile Faguet è nato a La Roche-sur-Yon il 17 dicembre 1947.

18 Ivi, p. 31.

19 Le prime cronache teatrali di Faguet appaiono ne «La France» dell’ottobre 1886. Faguet passerà poi nell’88 a «Le Soleil». Oltre a scrivere sulle principali riviste dell’epoca (ricordiamo che dal ’96 prenderà il posto di critico sul «Journal des débats politiques et littéraires», succedendo a Jules Lamaître), pubblicherà opere politiche, pedagogiche, di critica letteraria. Nel 1897 sarà titolare della cattedra di poesia francese alla Sorbonne e nel 1900 diventerà membro dell’Académie Française.

20 Articolo apparso su «Le Soleil» del 27 agosto 1888 (Cronique théâtrale, pp. 1-2). Si rimanda a Robichez per l’analisi delle critiche teatrali di Faguet apparse fra il 1886 e il 1890 su «La France» e «Le Soleil», da cui emerge la sua visione teatrale che potremmo definire moderatamente conservatrice.

21 La citazione è estratta da un articolo apparso su «Le Soleil» del 3 giugno 1890 (Cronique Théâtrale, pp. 1-2). Faguet non smetterà di accusare Ibsen di una certa oscurità, probabilmente anche di conseguenza alle messinscene dell’Œuvre concentrate a far emergere – lo vedremo – ombre e ambiguità dai drammi ibseniani. Significativo, per comprendere la sua posizione nel merito, un articolo apparso negli «Annales» (n. 1197) il 3 giugno 1906, dal titolo Ibsen et les Français (pp. 346-347), in cui sembra sostenere la tesi di chi afferma che lo scrittore sia difficile da capire al di fuori dei confini norvegesi: «J’aime […] qu’une littérature soit nationale; c’est ce qui lui donne son individualité […]. Je ne reproche pas à Ibsen d’être de son pays, je lui reproche de ne pas savoir me faire entrer dans son pays […]. Je lui reproche, me présentant des Norvégiens, de ne pas savoir me faire Norvégien moi-même, dans la mesure qu’il faut pour que j’y voie clair».

22 J. Robichez, Le Symbolisme au théâtre cit., p. 73.

23 Come esamineremo nel dettaglio, Faguet consigliò in un lungo articolo sul teatro indiano – nato come recensione a due nuovi volumi della collana La Bibliothèque orientale elzévirienne – di mettere in scena Le Chariot de terre cuite e L’Anneau de Sakountala, che effettivamente Lugné-Poe porterà sul palco dell’Œuvre rispettivamente il 22 gennaio e il 10 dicembre 1895 (E. Faguet, Cronique Théâtrale, in «Le Soleil», 6 agosto 1888, pp. 1-2). Lugné rappresenterà inoltre La Vérité dans le Vin di Collé il 15 marzo 1895.